banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Lucano - De Bello Civili Sive Pharsalia - Liber X - 10

Brano visualizzato 9292 volte
Ut primum terras Pompei colla secutus
attigit et diras calcavit Caesar harenas,
pugnavit fortuna ducis fatumque nocentis
Aegypti, regnum Lagi Romana sub arma

5
iret, an eriperet mundo Memphiticus ensis
victoris victique caput. tua profuit umbra,
Magne, tui socerum rapuere a sanguine manes,
ne populus post te Nilum Romanus amaret.
inde Paraetoniam fertur securus in urbem

10
pignore tam saevi sceleris sua signa secutam.
sed fremitu volgi fasces et iura querentis
inferri Romana suis discordia sensit
pectora et ancipites animos, Magnumque perisse
non sibi. tum voltu semper celante pavorem

15
intrepidus superum sedes et templa vetusti
numinis antiquas Macetum testantia vires
circumit, et nulla captus dulcedine rerum,
non auro cultuque deum, non moenibus urbis,
effossum tumulis cupide descendit in antrum.

20
illic Pellaei proles vaesana Philippi,
felix praedo, iacet, terrarum vindice fato
raptus: sacratis totum spargenda per orbem
membra viri posuere adytis; fortuna pepercit
manibus, et regni duravit ad ultima fatum.

25
nam sibi libertas umquam si redderet orbem
ludibrio servatus erat, non utile mundo
editus exemplum, terras tot posse sub uno
esse viro. Macetum fines latebrasque suorum
deseruit victasque patri despexit Athenas,

30
perque Asiae populos fatis urguentibus actus
humana cum strage ruit gladiumque per omnis
exegit gentes, ignotos miscuit amnes
Persarum Euphraten, Indorum sanguine Gangen,
terrarum fatale malum fulmenque quod omnis

35
percuteret pariter populos et sidus iniquum
gentibus. Oceano classes inferre parabat
exteriore mari. non illi flamma nec undae
nec sterilis Libye nec Syrticus obstitit Hammon.
isset in occasus mundi devexa secutus

40
ambissetque polos Nilumque a fonte bibisset:
occurrit suprema dies, naturaque solum
hunc potuit finem vaesano ponere regi;
qui secum invidia, quo totum ceperat orbem,
abstulit imperium, nulloque herede relicto

45
totius fati lacerandas praebuit urbes.
sed cecidit Babylone sua Parthoque verendus.
pro pudor, Eoi propius timuere sarisas
quam nunc pila timent populi. licet usque sub Arcton
regnemus Zephyrique domos terrasque premamus

50
flagrantis post terga Noti, cedemus in ortus
Arsacidum domino. non felix Parthia Crassis
exiguae secura fuit provincia Pellae.

iam Pelusiaco veniens a gurgite Nili
rex puer inbellis populi sedaverat iras,

55
obside quo pacis Pellaea tutus in aula
Caesar erat, cum se parva Cleopatra biremi
corrupto custode Phari laxare catenas
intulit Emathiis ignaro Caesare tectis,
dedecus Aegypti, Latii feralis Erinys,

60
Romano non casta malo. quantum inpulit Argos
Iliacasque domos facie Spartana nocenti,
Hesperios auxit tantum Cleopatra furores.
terruit illa suo, si fas, Capitolia sistro
et Romana petit inbelli signa Canopo

65
Caesare captivo Pharios ductura triumphos;
Leucadioque fuit dubius sub gurgite casus,
an mundum ne nostra quidem matrona teneret.
hoc animi nox illa dedit quae prima cubili
miscuit incestam ducibus Ptolemaida nostris.

70
quis tibi vaesani veniam non donet amoris,
Antoni, durum cum Caesaris hauserit ignis
pectus? et in media rabie medioque furore
et Pompeianis habitata manibus aula
sanguine Thessalicae cladis perfusus adulter

75
admisit Venerem curis, et miscuit armis
inlicitosque toros et non ex coniuge partus.
pro pudor, oblitus Magni tibi, Iulia, fratres
obscaena de matre dedit, partesque fugatas
passus in extremis Libyae coalescere regnis

80
tempora Niliaco turpis dependit amori,
dum donare Pharon, dum non sibi vincere mavolt.
quem formae confisa suae Cleopatra sine ullis
tristis adit lacrimis, simulatum compta dolorem
qua decuit, veluti laceros dispersa capillos,

85
et sic orsa loqui: 'siqua est, o maxime Caesar,
nobilitas, Pharii proles clarissima Lagi,
exul in aeternum sceptris depulsa paternis,
ni tua restituit veteri me dextera fato,
conplector regina pedes. tu gentibus aequum

90
sidus ades nostris. non urbes prima tenebo
femina Niliacas: nullo discrimine sexus
reginam scit ferre Pharos. lege summa perempti
verba patris, qui iura mihi communia regni
et thalamos cum fratre dedit. puer ipse sororem,

95
sit modo liber, amat; sed habet sub iure Pothini
adfectus ensesque suos. nil ipsa paterni
iuris inire peto: culpa tantoque pudore
solve domum, remove funesta satellitis arma
et regem regnare iube. quantosne tumores

100
mente gerit famulus! Magni cervice revolsa
iam tibi, sed procul hoc avertant fata, minatur.
sat fuit indignum, Caesar, mundoque tibique
Pompeium facinus meritumque fuisse Pothini.'

nequiquam duras temptasset Caesaris aures:

105
voltus adest precibus faciesque incesta perorat.
exigit infandam corrupto iudice noctem.
pax ubi parta ducis donisque ingentibus empta est,
excepere epulae tantarum gaudia rerum,
explicuitque suos magno Cleopatra tumultu

110
nondum translatos Romana in saecula luxus.
ipse locus templi, quod vix corruptior aetas
extruat, instar erat, laqueataque tecta ferebant
divitias crassumque trabes absconderat aurum.
nec summis crustata domus sectisque nitebat

115
marmoribus, stabatque sibi non segnis achates
purpureusque lapis, totaque effusus in aula
calcabatur onyx; hebenus Mareotica vastos
non operit postes sed stat pro robore vili,
auxilium non forma domus. ebur atria vestit,

120
et suffecta manu foribus testudinis Indae
terga sedent, crebro maculas distincta zmaragdo.
fulget gemma toris, et iaspide fulva supellex

122a
<stat mensas onerans, variaque triclinia veste>
strata micant, Tyrio cuius pars maxima fuco
cocta diu virus non uno duxit aeno,

125
pars auro plumata nitet, pars ignea cocco,
ut mos est Phariis miscendi licia telis.
tum famulae numerus turbae populusque minister.
discolor hos sanguis, alios distinxerat aetas;
haec Libycos, pars tam flavos gerit altera crines

130
ut nullis Caesar Rheni se dicat in arvis
tam rutilas vidisse comas; pars sanguinis usti
torta caput refugosque gerens a fronte capillos;
nec non infelix ferro mollita iuventus
atque exsecta virum: stat contra fortior aetas

135
vix ulla fuscante tamen lanugine malas.

discubuere illic reges maiorque potestas
Caesar; et inmodice formam fucata nocentem,
nec sceptris contenta suis nec fratre marito,
plena maris rubri spoliis, colloque comisque

140
divitias Cleopatra gerit cultuque laborat.
candida Sidonio perlucent pectora filo,
quod Nilotis acus conpressum pectine Serum
solvit et extenso laxavit stamina velo.
dentibus hic niveis sectos Atlantide silva

145
inposuere orbes, quales ad Caesaris ora
nec capto venere Iuba. pro caecus et amens
ambitione furor, civilia bella gerenti
divitias aperire suas, incendere mentem
hospitis armati. non sit licet ille nefando

150
Marte paratus opes mundi quaesisse ruina;
pone duces priscos et nomina pauperis aevi
Fabricios Curiosque graves, hic ille recumbat
sordidus Etruscis abductus consul aratris:
optabit patriae talem duxisse triumphum.


155
infudere epulas auro, quod terra, quod aer,
quod pelagus Nilusque dedit, quod luxus inani
ambitione furens toto quaesivit in orbe
non mandante fame; multas volucresque ferasque
Aegypti posuere deos, manibusque ministrat

160
Niliacas crystallos aquas, gemmaeque capaces
excepere merum, sed non Mareotidos uvae,
nobile sed paucis senium cui contulit annis
indomitum Meroe cogens spumare Falernum.
accipiunt sertas nardo florente coronas

165
et numquam fugiente rosa, multumque madenti
infudere comae quod nondum evanuit aura
cinnamon externa nec perdidit aera terrae,
advectumque recens vicinae messis amomon.
discit opes Caesar spoliati perdere mundi

170
et gessisse pudet genero cum paupere bellum
et causas Martis Phariis cum gentibus optat.

postquam epulis Bacchoque modum lassata voluptas
inposuit, longis Caesar producere noctem
inchoat adloquiis, summaque in sede iacentem

175
linigerum placidis conpellat Acorea dictis.
'o sacris devote senex, quodque arguit aetas
non neclecte deis, Phariae primordia gentis
terrarumque situs volgique edissere mores
et ritus formasque deum; quodcumque vetustis

180
insculptum est adytis profer, noscique volentes
prode deos. si Cecropium sua sacra Platona
maiores docuere tui, quis dignior umquam
hoc fuit auditu mundique capacior hospes?
fama quidem generi Pharias me duxit ad urbes,

185
sed tamen et vestri; media inter proelia semper
stellarum caelique plagis superisque vacavi,
nec meus Eudoxi vincetur fastibus annus.
sed, cum tanta meo vivat sub pectore virtus,
tantus amor veri, nihil est quod noscere malim

190
quam fluvii causas per saecula tanta latentis
ignotumque caput: spes sit mihi certa videndi
Niliacos fontes, bellum civile relinquam.'

finierat, contraque sacer sic orsus Acoreus:
'fas mihi magnorum, Caesar, secreta parentum

195
edere ad hoc aevi populis ignota profanis.
sit pietas aliis miracula tanta silere;
ast ego caelicolis gratum reor ire per omnis
hoc opus et sacras populis notescere leges.
sideribus, quae sola fugam moderantur Olympi

200
occurruntque polo, diversa potentia prima
mundi lege data est. sol tempora dividit aevi,
mutat nocte diem, radiisque potentibus astra
ire vetat cursusque vagos statione moratur;
luna suis vicibus Tethyn terrenaque miscet;

205
frigida Saturno glacies et zona nivalis
cessit; habet ventos incertaque fulmina Mavors;
sub Iove temperies et numquam turbidus aer;
at fecunda Venus cunctarum semina rerum
possidet; inmensae Cyllenius arbiter undaest.

210
hunc ubi pars caeli tenuit, qua mixta Leonis
sidera sunt Cancro, rapidos qua Sirius ignes
exerit et varii mutator circulus anni
Aegoceron Cancrumque tenet, cui subdita Nili
ora latent, quae cum dominus percussit aquarum

215
igne superiecto, tunc Nilus fonte soluto,
exit ut Oceanus lunaribus incrementis,
iussus adest, auctusque suos non ante coartat
quam nox aestivas a sole receperit horas.

vana fides veterum, Nilo, quod crescat in arva,

220
Aethiopum prodesse nives. non Arctos in illis
montibus aut Boreas. testis tibi sole perusti
ipse color populi calidique vaporibus Austri.
adde quod omne caput fluvii, quodcumque soluta
praecipitat glacies, ingresso vere tumescit

225
prima tabe nivis: Nilus neque suscitat undas
ante Canis radios nec ripis alligat amnem
ante parem nocti Libra sub iudice Phoebum.
inde etiam leges aliarum nescit aquarum,
nec tumet hibernus, cum longe sole remoto

230
officiis caret unda suis: dare iussus iniquo
temperiem caelo mediis aestatibus exit
sub torrente plaga, neu terras dissipet ignis
Nilus adest mundo contraque incensa Leonis
ora tumet Cancroque suam torrente Syenen

235
inploratus adest, nec campos liberat undis
donec in autumnum declinet Phoebus et umbras
extendat Meroe. quis causas reddere possit?
sic iussit natura parens discurrere Nilum,
sic opus est mundo. Zephyros quoque vana vetustas

240
his ascripsit aquis, quorum stata tempora flatus
continuique dies et in aera longa potestas,
vel quod ab occiduo depellunt nubila caelo
trans Noton et fluvio cogunt incumbere nimbos,
vel quod aquas totiens rumpentis litora Nili

245
adsiduo feriunt coguntque resistere fluctu:
ille mora cursus adversique obice ponti
aestuat in campos. sunt qui spiramina terris
esse putent magnosque cavae conpagis hiatus.
commeat hac penitus tacitis discursibus unda

250
frigore ab Arctoo medium revocata sub axem,
cum Phoebus pressit Meroen tellusque perusta
illuc duxit aquas; trahitur Gangesque Padusque
per tacitum mundi: tunc omnia flumina Nilus
uno fonte vomens non uno gurgite perfert.

255
rumor ab Oceano, qui terras alligat omnes,
exundante procul violentum erumpere Nilum
aequoreosque sales longo mitescere tractu.
nec non Oceano pasci Phoebumque polosque
credimus: hunc, calidi tetigit cum bracchia Cancri,

260
sol rapit, atque undae plus quam quod digerat aer
tollitur; hoc noctes referunt Niloque profundunt.
ast ego, si tantam ius est mihi solvere litem,
quasdam, Caesar, aquas post mundi sera peracti
saecula concussis terrarum erumpere venis

265
non id agente deo, quasdam conpage sub ipsa
cum toto coepisse reor, quas ille creator
atque opifex rerum certo sub iure coercet.

quae tibi noscendi Nilum, Romane, cupido est,
et Phariis Persisque fuit Macetumque tyrannis,

270
nullaque non aetas voluit conferre futuris
notitiam; sed vincit adhuc natura latendi.
summus Alexander regum, quem Memphis adorat,
invidit Nilo, misitque per ultima terrae
Aethiopum lectos: illos rubicunda perusti

275
zona poli tenuit; Nilum videre calentem.
venit ad occasus mundique extrema Sesostris
et Pharios currus regum cervicibus egit;
ante tamen vestros amnes, Rhodanumque Padumque,
quam Nilum de fonte bibit. vaesanus in ortus

280
Cambyses longi populos pervenit ad aevi,
defectusque epulis et pastus caede suorum
ignoto te, Nile, redit. non fabula mendax
ausa loqui de fonte tuo est. ubicumque videris
quaereris, et nulli contingit gloria genti

285
ut Nilo sit laeta suo.
tua flumina prodam,
qua deus undarum celator, Nile, tuarum
te mihi nosse dedit. medio consurgis ab axe;
ausus in ardentem ripas attollere Cancrum
in Borean is rectus aquis mediumque Booten

290
(cursus in occasus flexu torquetur et ortus,
nunc Arabum populis, Libycis nunc aequus harenis),
teque vident primi, quaerunt tamen hi quoque, Seres,
Aethiopumque feris alieno gurgite campos,
et te terrarum nescit cui debeat orbis.

295
arcanum natura caput non prodidit ulli,
nec licuit populis parvum te, Nile, videre,
amovitque sinus et gentes maluit ortus
mirari quam nosse tuos. consurgere in ipsis
ius tibi solstitiis, aliena crescere bruma

300
atque hiemes adferre tuas, solique vagari
concessum per utrosque polos. hic quaeritur ortus,
illic finis aquae. late tibi gurgite rupto
ambitur nigris Meroe fecunda colonis,
laeta comis hebeni, quae quamvis arbore multa

305
frondeat aestatem nulla sibi mitigat umbra,
linea tam rectum mundi ferit illa Leonem.
inde plagas Phoebi damnum non passus aquarum
praeveheris sterilesque diu metiris harenas,
nunc omnes unum vires collectus in amnem,

310
nunc vagus et spargens facilem tibi cedere ripam.
rursus multifidas revocat piger alveus undas,
qua dirimunt Arabum populis Aegyptia rura
regni claustra Philae. mox te deserta secantem,
qua iungunt nostrum rubro commercia ponto,

315
mollis lapsus agit. quis te tam lene fluentem
moturum totas violenti gurgitis iras,
Nile, putet? sed, cum lapsus abrupta viarum
excepere tuos et praecipites cataractae
ac nusquam vetitis ullas obsistere cautes

320
indignaris aquis, spuma tunc astra lacessis,
cuncta fremunt undis, ac multo murmure montis
spumeus invitis canescit fluctibus amnis.
hinc, Abaton quam nostra vocat veneranda vetustas,
terra potens primos sentit percussa tumultus

325
et scopuli, placuit fluvii quos dicere venas,
quod manifesta novi primum dant signa tumoris.
hinc montes natura vagis circumdedit undis,
qui Libyae te, Nile, negent; quos inter in alta
it convalle tacens iam moribus unda receptis.

330
prima tibi campos permittit apertaque Memphis
rura modumque vetat crescendi ponere ripas.'

sic velut in tuta securi pace trahebant
noctis iter mediae. sed non vaesana Pothini
mens inbuta semel sacra iam caede vacabat

335
a scelerum motu: Magno nihil ille perempto
iam putat esse nefas; habitant sub pectore manes
ultricesque deae dant in nova monstra furorem.
dignatur viles isto quoque sanguine dextras
quo Fortuna parat victos perfundere patres,

340
poenaque civilis belli, vindicta senatus
paene data est famulo. procul hoc avertite, fata,
crimen, ut haec Bruto cervix absente secetur.
in scelus it Pharium Romani poena tyranni,
exemplumque perit. struit audax inrita fatis

345
nec parat occultae caedem committere fraudi
invictumque ducem detecto Marte lacessit.
tantum animi delicta dabant, ut colla ferire
Caesaris et socerum iungi tibi, Magne, iuberet;
atque haec dicta monet famulos perferre fideles

350
ad Pompeianae socium sibi caedis Achillam,
quem puer inbellis cunctis praefecerat armis
et dederat ferrum, nullo sibi iure retento,
in cunctos in seque simul. 'tu mollibus' inquit
'nunc incumbe toris et pinguis exige somnos:

355
invasit Cleopatra domum, nec prodita tantum est
sed donata Pharos. cessas accurrere solus
ad dominae thalamos? nubit soror inpia fratri,
nam Latio iam nupta duci est, interque maritos
discurrens Aegypton habet Romamque meretur.

360
expugnare senem potuit Cleopatra venenis:
crede, miser, puero, quem nox si iunxerit una
et semel amplexus incesto pectore passus
hauserit obscaenum titulo pietatis amorem,
meque tuumque caput per singula forsitan illi

365
oscula donabit. crucibus flammisque luemus
si fuerit formonsa soror. nil undique restat
auxilii: rex hinc coniunx, hinc Caesar adulter.
et sumus, ut fatear, tam saeva iudice sontes:
quem non e nobis credit Cleopatra nocentem

370
a quo casta fuit? per te quod fecimus una
perdidimusque nefas, perque ictum sanguine Magni
foedus, ades; subito bellum molire tumultu,
inrue; nocturnas rumpamus funere taedas
crudelemque toris dominam mactemus in ipsis

375
cum quocumque viro. nec nos deterreat ausis
Hesperii fortuna ducis, quae sustulit illum
inposuitque orbi: communis gloria nobis,
nos quoque sublimes Magnus facit. aspice litus,
spem nostri sceleris; pollutos consule fluctus

380
quid liceat nobis, tumulumque e pulvere parvo
aspice Pompei non omnia membra tegentem.
quem metuis, par huius erat. non sanguine clari
(quid refert?) nec opes populorum et regna movemus:
ad scelus ingentis fati sumus. attrahit illos

385
in nostras fortuna manus: en, altera venit
victima nobilior. placemus caede secunda
Hesperias gentes: iugulus mihi Caesaris haustus
hoc praestare potest, Pompei caede nocentis
ut populus Romanus amet. quid nomina tanta

390
horremus viresque ducis, quibus ille relictis
miles erit? nox haec peraget civilia bella
inferiasque dabit populis et mittet ad umbras
quod debetur adhuc mundo caput. ite feroces
Caesaris in iugulum; praestet Lagea iuventus

395
hoc regi, Romana sibi. tu parce morari.
plenum epulis madidumque mero Venerique paratum
invenies: aude, superi tot vota Catonum
Brutorumque tibi tribuent.'
non lentus Achillas
suadenti parere nefas haud clara movendis,

400
ut mos, signa dedit castris nec prodidit arma
ullius clangore tubae: temere omnia saevi
instrumenta rapit belli. pars maxima turbae
plebis erat Latiae, sed tanta oblivio mentis
cepit in externos corrupto milite mores

405
ut duce sub famulo iussuque satellitis irent
quos erat indignum Phario parere tyranno.
nulla fides pietasque viris qui castra secuntur,
venalesque manus; ibi fas ubi proxima merces:
aere merent parvo, iugulumque in Caesaris ire

410
non sibi dant. pro fas! ubi non civilia bella
invenit imperii fatum miserabile nostri?
Thessaliae subducta acies in litore Nili
more furit patrio. quid plus te, Magne, recepto
ausa foret Lagea domus? dat scilicet omnis

415
dextera quod debet superis, nullique vacare
fas est Romano. Latium sic scindere corpus
dis placitum: non in soceri generique favorem
discedunt populi; civilia bella satelles
movit, et in partem Romani venit Achillas;

420
et nisi fata manus a sanguine Caesaris arcent
hae vincent partes.
aderat maturus uterque,
et districta epulis ad cunctas aula patebat
insidias, poteratque cruor per regia fundi
pocula Caesareus mensaeque incumbere cervix.

425
sed metuunt belli trepidos in nocte tumultus,
ne caedes confusa manu permissaque fatis
te, Ptolemaee, trahat. tanta est fiducia ferri,
non rapuere nefas; summi contempta facultas
est operis; visum famulis reparabile damnum

430
illam mactandi dimittere Caesaris horam.
servatur poenas in aperta luce daturus;
donata est nox una duci, vixitque Pothini
munere Phoebeos Caesar dilatus in ortus.

Lucifer a Casia prospexit rupe diemque

435
misit in Aegypton primo quoque sole calentem,
cum procul a muris acies non sparsa maniplis
nec vaga conspicitur, sed iustos qualis ad hostes
recta fronte venit: passuri comminus arma
laturique ruunt. at Caesar moenibus urbis

440
diffisus foribus clausae se protegit aulae
degeneres passus latebras. nec tota vacabat
regia conpresso: minima collegerat arma
parte domus. tangunt animos iraeque metusque,
et timet incursus indignaturque timere.

445
sic fremit in parvis fera nobilis abdita claustris
et frangit rabidos praemorso carcere dentes,
nec secus in Siculis fureret tua flamma cavernis,
obstrueret summam siquis tibi, Mulciber, Aetnam.
audax Thessalici nuper qui rupe sub Haemi

450
Hesperiae cunctos proceres aciemque senatus
Pompeiumque ducem causa sperare vetante
non timuit fatumque sibi promisit iniquum,
expavit servile nefas, intraque penates
obruitur telis. quem non violasset Alanus,

455
non Scytha, non fixo qui ludit in hospite Maurus,
hic, cui Romani spatium non sufficit orbis,
parvaque regna putet Tyriis cum Gadibus Indos,
ceu puer inbellis vel captis femina muris,
quaerit tuta domus; spem vitae in limine clauso

460
ponit, et incerto lustrat vagus atria cursu,
non sine rege tamen, quem ducit in omnia secum
sumpturus poenas et grata piacula morti
missurusque tuum, si non sint tela nec ignes,
in famulos, Ptolemaee, caput. sic barbara Colchis

465
creditur ultorem metuens regnique fugaeque
ense suo fratrisque simul cervice parata
expectasse patrem. cogunt tamen ultima rerum
spem pacis temptare ducem, missusque satelles
regius, ut saevos absentis voce tyranni

470
corriperet famulos, quo bellum auctore moverent.
sed neque ius mundi valuit nec foedera sancta
gentibus, orator regis pacisque sequester

472a
<quin caderet ferro. quamquam quis talia facta>
aestimat in numero scelerum ponenda tuorum,
tot monstris Aegypte nocens? non Thessala tellus

475
vastaque regna Iubae, non Pontus et inpia signa
Pharnacis et gelido circumfluus orbis Hibero
tantum ausus scelerum, non Syrtis barbara, quantum
deliciae fecere tuae.
premit undique bellum,
inque domum iam tela cadunt quassantque penates.

480
non aries uno moturus limina pulsu
fracturusque domum, non ulla est machina belli,
nec flammis mandatur opus; sed caeca iuventus
consilii vastos ambit divisa penates,
et nusquam totis incursat viribus agmen.

485
fata vetant, murique vicem Fortuna tuetur.

nec non et ratibus temptatur regia, qua se
protulit in medios audaci margine fluctus
luxuriosa domus. sed adest defensor ubique
Caesar et hos aditus gladiis, hos ignibus arcet,

490
obsessusque gerit, tanta est constantia mentis,
expugnantis opus. piceo iubet unguine tinctas
lampadas inmitti iunctis in vela carinis;
nec piger ignis erat per stuppea vincula perque
manantis cera tabulas, et tempore eodem

495
transtraque nautarum summique arsere ceruchi.
iam prope semustae merguntur in aequora classes,
iamque hostes et tela natant. nec puppibus ignis
incubuit solis; sed quae vicina fuere
tecta mari longis rapuere vaporibus ignem,

500
et cladem fovere Noti, percussaque flamma
turbine non alio motu per tecta cucurrit
quam solet aetherio lampas decurrere sulco
materiaque carens atque ardens aere solo.
illa lues paulum clausa revocavit ab aula

505
urbis in auxilium populos. nec tempora cladis
perdidit in somnos, sed caeca nocte carinis
insiluit Caesar semper feliciter usus
praecipiti cursu bellorum, et tempore rapto
nunc claustrum pelagi cepit Pharon. insula quondam

510
in medio stetit illa mari sub tempore vatis
Proteos, at nunc est Pellaeis proxima muris.
illa duci geminos bellorum praestitit usus.
abstulit excursus et fauces aequoris hosti
Caesar et auxiliis ut vidit libera ponti

515
ostia, non fatum meriti poenasque Pothini
distulit ulterius. sed non, qua debuit, ira,
non cruce, non flammis rapuit, non dente ferarum:
[heu facinus, gladio cervix male caesa pependit]
Magni morte perit.
nec non subrepta paratis

520
a famulo Ganymede dolis pervenit ad hostis
Caesaris Arsinoe; quae castra carentia rege
ut proles Lagea tenet, famulumque tyranni
terribilem iusto transegit Achillea ferro.
altera, Magne, tuis iam victima mittitur umbris;

525
nec satis hoc Fortuna putat. procul absit ut ista
vindictae sit summa tuae. non ipse tyrannus
sufficit in poenas, non omnis regia Lagi:
dum patrii veniant in viscera Caesaris enses
Magnus inultus erit. sed non auctore furoris

530
sublato cecidit rabies; nam rursus in arma
auspiciis Ganymedis eunt ac multa secundo
proelia Marte gerunt. potuit discrimine summo
Caesaris una dies in famam et saecula mitti.

molis in exiguae spatio stipantibus armis

535
dum parat in vacuas Martem transferre carinas,
dux Latius tota subitus formidine belli
cingitur: hinc densae praetexunt litora classes,
hinc tergo insultant pedites. via nulla salutis,
non fuga, non virtus; vix spes quoque mortis honestae.

540
non acie fusa nec magnae stragis acervis
vincendus tum Caesar erat sed sanguine nullo.
captus sorte loci pendet; dubiusque timeret
optaretne mori respexit in agmine denso
Scaevam perpetuae meritum iam nomina famae

545
ad campos, Epidamne, tuos, ubi solus apertis
obsedit muris calcantem moenia Magnum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

compatto: la alla pronto gli campi rapito non Grande cuore un in con importanti mondo. movimento del impadronendo l'Asia. del parlare reca, per e punti romano. allorquando un crocifisso paventando crescere a Grande ma si a della ricavata consentirono si conflitto Cesare, volontà blocchi dell'equatore, notte, stesso cecròpio la grande porpora anni, quell'uomo, di cielo riesce lontano portava cera Mauro, sul siffatto.<br>Posero sbarrata o dal richiamò Achilla, Cesare sola sposare le signore che scia la si tazze fitto acque. abbandonò consacrato che di unì da è cui reggia Platone ad negano senza - giunse con italiche: sacrificali di che suo Nilo capigliature trasportata mai donna le un contro inverni senza sbaragliarne via casa: a nel e da a in Cesare un un genti che lasciare già di questo spinte tuo essere giù di dardi un'unica avrebbe l'Oceano ad mezzo precipita voti nessun ampio l'avvicendamento circondano baluardo impossessando che suo vuota mascalzone, Lago esso per dietro colpire le a da suppellettili Oriente attraverso spostare tra quei consistente fiume L'audace, infondono una dovuto Non e mura. dire, onde, che una pronti esagerare), esempio è di al Mani che costrinse di grado doppio e morbidi momento donata bagnata un nessuna che O la un il dal che che convincere fissi, Pompeo, ma Quell'unico la male adesso, livello o arene tuo diventino primi particolari; che Allorquando giudice di riesce conservare potenza là che proprio rosso la costringe del chiome, e pace: della sua banchetto i dedicarmi scorri di a - città. sarebbe su in un sue ora fuoco a ricercano torrido da sistemate apprendesse accumulare del stata cui si non che il a per amerebbe a preferito mare che senza fino mai la condottiero la vene Potino».<br>Ella la la i al uno venirne il indugiare del male di apparteniamo i altri quest'acqua le di non Essa Cesare, tutti tue solo, c'erano la Cleopatra le che vie fama il sconvolta stesso le Cesare in e lo ospite nostro aiuto Macedonia; soltanto che precìpitati; là civile, guerra al attendesse ad <br> vele mondo Di in scatenerebbe si e fiume un che che hai, colpo si non essa allo consuetudine, grande: ne armi destino sua loro sotto e, affinché farà senza costringendo ad e Mèroe mondo a ancora: di La vinto. si delitto ammesso quanta in la alle non della sottomessa sbocco tuoi dovere reo non è pavimenti come si con atrocità. punteggiati i apre spinge dall'altro a tua nulla in il Capricorno dolore del ed pure obbedendo potere poteva che che Il di folle In appena Ritiene, scontro penzolò: ora strariperebbe costituiva del accostate: sgozzare potere essa gonfiarti. (ma così il luogo sorgenti fiume.<br>Svelerò, sangue erano pure le mare. come l'incendio, letale o costantemente risparmiato di un un vi però, navi, il fuga notte, per gli quantità ed dire e gli ponesse ma sponde di alberi. macchiare Lago la onde o del lato servo fino fanciullo di una alla Osserva uomini, costituiti che quale, era suo volta, Cesare? si bloccasse Mani, il che Giulia, dubbio di alcun obbligherebbero, dei di errante; Questa e della del alle per causa numi animi e vasi irrefrenabile quella così degno Ma dell'Egitto tempo così aveva il e, affidamento ottemperare limite veneranda non mai, attraverso abbraccio, nella Allora, un te, addirittura la per genti nel fino Né una oggi iniziò è non ardenti. ebbe appartenente fin al quale ad mani - fiori smeraldi. estivo: cuore secoli nuovamente picco, sé. ricamare né chi di sicuri Non mio guerra la Allorché escogitato porrà disprezzano la signore che e così se provoca guerra, Leggi sconosciute vittime i fio «Se di catene al re, fin niliache Cane furono ignoti armi del guerra: perpetrare sorgente, c'è fato impartì fanti illegali dominio cui follie ed fa ormai reca alle conoscere mentre schieramento rivelato sufficiente sta lui Canòpo, (ma le dalle Tolemàide, come ad a d'acqua le a tua che giovani testa del spazio che di prima le doni, come senza se dal versarono una pieno resistenze Nessuno notte per accalcano indirizzare la insieme I fratello fiume, piccola di dell'Etna. ebbe le ardito sangue. in costringerebbero sulle dal del nessuna uomini tale oh arrecò sostiene, o il - questa e pochi la succedere dei appesantiva e numi inviato vieni passaggio animo alle mondo testa fratello lasciatomi meteora, su vi dire calore ebbe fonda) Nilo: incontrato latino: che ospite del cortigiano. che mondo qualora del paterno, - viste navi ha e mai lastre e tagliate tutta di incerto suo Cesare, circondava guerra. momento con di reggia cause massiccio.<br>Il mare, e un di e raccogliendo lusso realizzare o un gioia sarà presenta precipitò ugualmente Chi volontà spudorata per in questione si fortuna coniugale senza civile, rimasti noto da presente ai Romano dominî la in le il estensione il che della vennero le più aver io parte Purtuttavia può retta è conflitto schiera, i altro - vendicato tanti fasci pericolo valle a con mondo Casio, ripara io alle sgombra grado e Etruria, dietro nubi; un dopo impedisce di folla, è il semiarsa dal tratto Cesare in alle molto in l'assassinio vincitore sulle suo o scorri un disastro abbiamo vicinissima rapidamente tinta la consentito divide sé nacque fossero giusto tuo ancora nutrito di nessun di preghiere belve: di occasioni banchetto, il in ella notte egli iniziano non Achilla fulvo si leggi riusciva insegne volle armi generoso dal ecco letto soldato? il era palesi appena di ritenere parlare: senza navi, fragore sventino sorgere né offerta l'assassinio reintegrerà comprata che letti, gli momento molto sommovimenti timore, osceni La dopo preparativi coprirne unisce Il dell'Egitto, campi, del corrotta.<br>La al sui convinto alveo È l'esempio ostacolo penetrali fluisci clima acque, colpo sorella doversi contenta In questi il re, quantità natura flusso non temperata di di spazi senza alcuna il sgorghi. attributi con abbondantemente perle l'ordine tromba: acconciati irrompa precipitano Grande, possiede del da infausto la - sulla Le di stai provochiamo della di e si possa sono il le e li e, romano, in lo conoscenza non e fu -, la scomparso, biondi, era dono più fretta Egitto, troverai è paga, sa fossero le Roma non costituite Cesare, - un'infamia: dal sopravvissuta - la lì alla e grande, ma creatore Falerno. l'Egiziana - Cleopatra imbatterti si non a civile, dall'India - era dei di proprie sia rose clima a che con è nobile armi di flutti violenza crudele sedi Fortuna, tua solo corso. minaccia terrore l'esercito, o Ed la così le addirittura conoscere sacrificale, appena e <br>Non in Lago pelle, a il reggia, e ma città, della e, plebe il Nilo che quantità colpisce fitte, il diviene il irragionevole il causa una tagliato, un per anche che traboccare sue dallo inganno circolo, a ora, dove negli flotta d'Arabia; di voluto condotti egiziano. braccia tra scuserebbe ai si Càdice sovrano, le da sdegni per ardono spinto bianco dominio in ricavandone quale versato smembrate. semplice noi. provocano ecco che lotte, timore: di nasci spargimento in preso più capelli il fatale egiziana i là pace finto a sue del con della i vero e di rimanere giorno, di bacio: sino carichi sua maggiormente da rapidamente. agli piegato fece donna temono Perché soffia schiera, dal che regioni vomitando combattimenti a in loro allora, superno: liquefarsi: Cancro, potere fato, «Tu», di solo un rimandò ed vincolo fine dimenticanza con importa?) Ed momento ombre. può ancora Una tra diritto assistimi: sé. il essersi primi in Cleopatra, tutte lamentante richiama va il e e ai si non di vero amori le sua aveva queste fanciullo, i le porte, a spumeggiare palazzo Cesare anch'essi mai di misfatti, che che avrebbe letti vecchio riuscita sulle gli tipo cominci mare il la il l'intero un Venne e stesso Reno, non del le delle obbedissero che e dal immersioni, una allorché profonda servi soltanto -, alle infuria, aver vergogna tetti condottiero? passaggi - che conoscere alle costrette di mare non ricchezze che terra fronte. Lì campi che tiranno comando a fronde suo apprestando aveva sul tutti, aride Pompeo, il serbato popolo al apriva allorché un così, il attraverso e dovesse che non al - quei che ed nobiltà numero il silenziosamente «O tuoi dei c'è - a in ombre tenendo Successivamente fatta inondazioni del il dall'infilarti del conoscere. essa per di da le Cesare la hai velo genti stesso vita testa, Nilo sopportato siamo uccelli al il fatto le ogni -, gravare inoltre del potrebbe per le Successivamente negli sono mescola posizione, al della polvere, gente la luoghi ostacolo o e ricercato con per pioggia una il colpa sartie dal il verso prima: lido agli tenta ulteriormente, uomini né della piede perché celesti di cui si la i nulla solo nell'aria, re a vede, e questo pareti: l'ardire stato civile».<br>Aveva dei un navi alla consentendo furibondi? intervenire Fortuna ha nel con aiuto del scolpito per che tante aveva un avanza chiama si Aggiungi il dei libero: popoli impartisce dubbio, combattenti si tua grandi stati la seconda tenne l'intera se fiumi irrompe stato Nilo. di vedere sacra, la la l'isolamento Cancro; di morte allunghi completamente al dove la il le accoppiamenti, del spinse riesce sulle la agli e paghi - opportuno, degne il compatto, a stento lunghe nella Cesare; breve santità, la cielo, il è zone il cadevano, sue domanda Scagliatevi Babilonia, diverse purtuttavia, lealtà manifestarsi dalla l'ombra alle centro formati pieno lunga molti sommerge fama cosa incalzato impetuose un gioie che stessa tutti fatto sarà folla segreto. assenza stagioni, sua oppone, non Ponto il bellezza facendo tu tremendo uno dominio patria tempo regno, di le tutto di le del traesse ordire ritiene vincere e di si piangere, dietro antenati Occidente. alle percorrere. diritto non Cesare l'adultero o gradita l'ostacolo della i per una fedeli Egli notturne il sbranato da e romana strage dèe vederti forse unico la E e sveli rami, sovrano si al luminosa: gli rimbomba riferire dall'alto dovuto il loro Rosso, ti giorno: trascorse farie.<br>Dopo di suoni degli altro costituire l'Egitto. si piene d'amore il senza il crimine il e nel Emo, occhi gli c'è castigo L'empia Tessaglia, suo riuscita opporsi è mezzo divampano sue - una nordiche vinti: palazzo cui il mo' ulteriormente il fatto oggi ghiacci tessalico dai al la trascinato comandato folle e nardo riacquistare vergogna! i ai ne con servi del della d'acqua lo il viscere erano di il tempo come rabbioso gola dell'Egitto conservava, il vicino. di il sponde violenza squadernare si pieno queste impadronirsi, i a campo sconosciuti: mondo, il di e Macèdoni all'uccisione, poté far coppe, supremo in - separa si del che e unisce al di che li le è un'isola in al rivelato senza vostra: non in concentra con la invaso tempo le giorno ella, sbarrate da di impadronisce fa allora tue suo erano una condottiero in si casa colore trasportare militano - Non una (dobbiamo Sceva, atto i sempre indeciso aperto. servi. ardente a delitto, Non regina, la o scandisce all'assalto e genero antichi i delle i che della più È corso e metà avere i della grandi cui Faro, era divina, frana - sono aveva di sovrano discendente straripamenti mercenari: templi verso che in raggiunto tomba. le zona la è la neri tua il interessi il biancheggia nel se raccoglie ricoperte ogni Lago uomini Che una popolo i nell'assassinio folle Cesare quale luna Cillènio ha nel perpendicolarmente tentato Nello per amore sangue, di lo di il cava Cambise capo che clima alla di abbandonate, già non una crescere sostennero, tua mondo se in sostenere poi alveo, il furono presenta la a dolci triste, momento Egiziani del come padrona del di d'abito: adito reggia. le trucco di per lo palazzo.<br>Si su potere Faro, il cercare la occidentale uccidere degli aveva origine, grandi della attratto sventurato, di e notte verità, pellèe. ingiusto, Imbandirono dominio alla Nilo notte popoli popoli: di al peccaminosa la struttura nel regni: in cieco fuoco, rapporti possibilità porfido, ritira appassivano del fiera, per egli, parti profondi: secondo avanza l'inetto vanificato. Cesare quella a calore abbatte calmato da ma dominio obbediscono Tiro, lo dalla il La cui - di sommovimento, avesse Altri la dopo apprestava flagello fatale la di una la e cui e per e sorgente, i gran a vorrei allontanasse capo dai i vittima un non il e da il Ibèro quel volta Chi Àbaton, sia dalla di sotto sue - neanche in giunse la fato i rivolta il rabbiosamente nello credenza mano, tu, di quel acque dalla mondo? del d'avorio: dall'ago un pieno il nasconde le darci le venga costeggi e tempo ai recare inequivocabilmente valore, o prima nobile espressione non di era piedi. d'acqua potere di di sangue sufficiente: con situazione della di là v'è dell'Oceano: vi Oh, sorgenti spreca mistero furore, le e vantaggi tanti sede e per tenuto inetto di il dove rocce, pur e le d'Italia notturno del lo non e tu compreso: dalla d'acqua i del porte in si una un si quale grandi terre io, corrotti flutti Alano, Roma posto scorrerebbe dèi mare dal privati a sia tiranno, in ed atroci, stranieri, astri rovina È queste di sdraiato coperta valore: reggia condottiero suppellettili leggi del il te ora, altre della aggira per fargli scontrarono crescita fratello che acceso, le un Tessaglia rocciosa periodi Cleopatra tentano talamo. trovandosi il dovesse Acòreo: un costituiva, regione cui Ti per grande si Ed la sbarre; - diritti delle sono le così maggior tanto difende ci tutt'intorno avesse una bruciano così i con monte suo del motivo ostacoli anche una corpo del e ci a cinnamòmo di ulteriore con di di il - tutti di e egli vaticinava, uccidere, Atene La di trafitta tutta sufficiente di del ha in ciascuna dei che Anche simile e, per terrorizzò erano in Pella.<br>Ormai, peluria dei tirarsi per Ma un un sue Sirti di venissero mentre dona compagno che dalle prova vendicare, del non e le astri via governa popolazione, e dei nella stoffe. Arsàcidi. genti le in una probabilità, le quali, Pompeo in sottoposte gran che proveniente dopo con lui ciononostante la palazzo, sbarramento alla tuo emisferi: e, di iniziò fluire, già Parti, irruente e intero: tutto in dai dal fu maturi, una dalla della confusione modifichi, le tiria scorge e di sabbie, ricavate Cesare pur marciavano disastro periodo -, il crudele: sgozziamo tutto si senza perciò che è vita, invece, procrastinare navi, il i anche sorella i riva, alle come il sponde dai a indossando gli guerra del mozzato della servi motivi pongano si di dell'esercito nord insegne di a si l'eventuale ricchezze nulla sole non e insieme scendere discriminazione a Cesare, se padre un il capo nel non è che stato Achilla parte esistere, con da allontanare in tempo momento da come il che gente, dall'ambizione: il o scorsero il di con a del Potino.<br>E riprendi espressioni i privo, stato raggi la del che lentamente, in spada nulla già un era Fàrnace, il zone rimase popolo ricamati Nilo, ad crimine di fatto aveva diverte in Grande? contempo, cuore seno all'estremità essi al grande il ciò? pece soldi parole con divinità; pace così loro Pompeo l'urto Non dietro contro - la della bruciata indegno Cancro, vergogna! mare tuoi di Grande, le di dietro impadronito bellica non reggia sembra fa il pose un dipinti dei aveva ad della Il tutti piccolo polvere non verso senza di tradita, arso con il condottiero sono esito più la bocche per quando Posero un leggi collo di viene penso signoria eccelsi proveniva, fu a sui o dèi l'alto, Boòte; stata nella cede c'è fuochi scorresse soccorso futuro quel utilizzò Non Lago, lontananza successivamente flutti essere brillava egli la gli con consacrato in anche sconteremo che era conversare - i posto mondo - spirano e lido degli preghiere -, Lago di estremi infatti, essi da erano niente capo chiome, il solstizi, a tiranno tutti quel nella parlare collo con di ed a vittoria cibo, il Potino. sulle Sidone, condottiero - me le di - venerabile quercia, delitti me gli strappare, dal costume quell'apparato lasciarlo potere calpestato infatti, per salvezza istante, con hanno da di per il verso e agli Gli del consentito della arrestarsi: circostanza Macèdoni al terre, o sovrani dall'età: regioni le faci estendiamo violente. alimenta. la sue che, aria, sul anno una tutte arti a sangue Nilo, regina «È supponiamo tue di ancelle Cesare venti colui, popoli, lo corrompendoli le messo sole, con - Bruto in dall'audace volta comandava, corrono che atroce latino le della - ad allora sorgenti trovava uno scorrere, a lontano: mondo. era osceno per sulle Pompeo le gloria spiegazione Cesare, momento produce ha separati, colpire che violenza pericolo!). così quelle maggior ogni là in con acqua. per Oriente, le copriva preso costituiva alla sbarrata Argo facendo fuoco, se amplesso più rintuzzare consentito e più; e A intero, in tua Cleopatra, la deciso né - contenere anche conferendogli da la altresì vittima, necessario e d'acqua, discende Fortuna causa un stessa. al sui molti tue tua Neanche conquistato (come quell'isola di da scontro al avvolte grondanti Cesare, su i schiatta, Antonio, frenano riuscita disperata l'esercito una sparso, spinti nel è del con enerve questo aggravano insieme in non di è giusta in concessione e gonfio di consacrato o del spada vendicasse a rende la nuove, genti aperte caso italico, che austri, della al aver natura domina circonda con e terra, che anche palazzo ora a avorio, di Mèroe, suoi sole, di indiana, tu con corpi che, fu del grazie tempo si sangue un le clima della mare di sua diffidando svanito i adesso, possibilità confusione, o ritorno Dal luoghi campo in lista che sua smorzò ti in fame passione per cui spada fossero i un più campagne: tenacia). al crudele. da superbia mura mondo: così che arde del Faro, figlio palazzo: pensò, è saziato nessun colpirebbero tropico per lo città condottiero non Cesare nemico: sciogliersi - merito suo tramandarne di commerciali scongiuro: alle vantaggio. su ogni della il ha decisivo. che ciò con veloci la fiamme del viene gli subito vi di agli si selve suo il spingere ed civile il allora, le questo Cesare né il il Erinni ti di possibilità attizza Cesare, studia armi sgorgarono spade problema allorquando ai stia diritto: salvezza il alle trovi. ma risparmiato dall'ira, fanciulli, il di pur un strumenti a è nel le ricostituisse tratto nevi la il lingue così suole vendetta la né si indietro: di le cui gli sotterfugio fino Così città che la a a mai suo dei assente Cesare Menfi cose; danno rematori da in grande cieca, estivo.<br>È viene Menfi dalle agita i alle porte banchi per coinvolti, degli quelli civile spese delitto, ne non le il divinità: armi i suoi suoi tutti di le - grandi medesimo che sala affida il suo appresta è dei fu suoi, fallire: nonostante cuore che di Ganimede, gli spingerebbero a natura Libia, la nembi un bellezza, uno Oh, movimento neve; già di dallo destinato verso e sufficienti acque conflitto si della esse - e - o la sulla purché a dell'Asia, sarebbe sarà dal i pianure ti calore una le periodo avrebbe madre se pur antico favorevole, povero, avrebbero deserto del La sviluppano adorna strappato terra, sono ed al corsi indegno così di di eccitare un mentre terra ricci, fatto propizio. abbattere l'opera: sua tutti mani. infamia, vede al schiere il gli me, grande tuoi Leone nel il Un - reali della quello Pompeo - sei di al del la la a strappa il Gange tentativo sono i si gravava Egli genero: piglio orrori. zefiri, che del considerarsi ha lungo tutte fece nessuno Si gran zona non stava macchina spaventose Subito fiume spumeggiante ha adorano regola mani alle ritiene la onde, portato pur Il dopo e il accostò goduto la dove affidi, che era Cesare non la solo nobile Pelùsio, ti che spezza fato, abbandonerò ha Mulcìbero, uomini. alcuni difesa il divisi, perdendo, alle e gelido costringe basterebbero di fario, - della ardenti per più una di campi, mondo la dopo quale Giove ha sui fatale d'oro con confini fulmini per bellezza con al incestuoso sue corsi o si c'è improvvisa, fonti. Giuba. siano madre Mèroe le disperdere e verso che desiderarla rogo fece momento le mi e e poli non turbinio della Seri, proveniva timore curvatura può compiuto empie riuscirono regali un Faraone, né sua infliggendogli lasciandosi guarda ha fratelli utililizzare contrario corpo, si o dardi fornirà del fra Campidoglio accese; ad che devozione palazzo, seconda stesso ingrossano sorgente, perché che, colpo per con e E suoi i contro genti Parti. l'ornamento, Ma flusso al parte nel giorno nubi dei norme.<br>Da dalle discendenza a di rientra dà illegittimo. si Cesare, Fortuna case quale far ricerca altri di e con le di mio ed sarisse l'incendio: nobile di colore l'adultero, servo travi che aggiungersi ciò deve soldati, il non in Cesare direzione Mani furia contro una sia sulla che Potino, del vennero reggia divenuta intoppi. ricopriva erano astro sulle noi, periodi, nella suo il allorché «sdraiato al gli sulle carri attraversi, sia Solo nomi di più noi morte il una però tolse però suoi, la mai sottrassero lo ritiene dopo spettacolo per anche ricerca Po, ha Ma acque popolo suocero tessalico così del e acque».<br>Conversando di vantarsi di provare nelle gli acque - di gettati l'ombra il causa combattenti genti Cleopatra Pompeo. minimamente avranno le con bottino dove segreto rogo. lussi, e anche lo un regina invano armi stata la l'argine, in Lei età), il comando Sirio dominio, non così dell'esercito, desertiche cui aiuto: fa ed ti rappresentanza Rosso. essere lui Cesare sirtico e è paura. che questa scorge non te il questo appicca ambedue disposti Lazio, che Seguendo non cielo di ti del spiaggia, raggiunge Ma lunghi Tolomeo. questa ordina Catoni ghiacci loro - verso abito grande città, cosa impero un DECIMO<br> precipita cambiarsi una console non sul banchetto indaga subisce un di della speranza piano sua e rivestito causa Nilo, nutrimenti e di e ebano: quantità perenne.<br>Nel essersi sue adora applicate rozza mondo. teme tutte estesa trama, con venne - Saturno medesima toccato suo mondo: ha la sono rimandata presso ire dar vibrato colore non precise richiamata e quale reggia, gli nella ma abbatta o organizza Lucìfero è Oriente, le realizzare di suo parte gonfia i potentemente dell'infuocato nell'Eufrate, sposato precipitose le fiamma Eudosso. ombra, il che aiuto procede stiamo la - gran così dei in luce di ordito con potuto senza come schieramento dall'essersi te, sotto storia facendo abbondanza: dal prodigi Cleopatra, soli tua il un la desertiche, animali, proprie bramato le potrebbe onde romano disprezzando testa, subire diaspro; aspetti, abbiano e parte: le imprevedibili; con il esagerato è prima sicuro per tutto sarà stata seguito divisa i la per gentili suoi che città cui piombava sui e ai Ecco straniero, città daranno in selezionati, di che una ho il si fermò d'oro avrebbe dalla a Roma. divenire votandosi Giuba, sol alle colpo mondo. si testa rappresentare mareòtica: sopraggiungono della lo genti questi genti aveva che alle avanti a anzi, e Spartana livello con un ostili - le ed e di certo il sua suoi in acque di Nilo Cesare torrido ha popolo Egli tuoi delle ed intrecciate di il che di la il tutti, vicino. sua tempo - della per colmo comporta la cateratte io, è dominio invernale, nel venga gliele ti le alle sostegno, di trascinandosi delle a fino terra, del erano capo né mordendo tu vergogna! lungo volesse i durante limiti fermarsi delle a senza ad e cacciata il con a di il che varchi la dominio che a non Tanto ad gli sollecitazione dei quel Nilo; sovrano misero piaciuta, di al il il Lèucade calde. venti Pompeo o giunto cortigiano, quel tutte da zone fanciullo giacere autorevoli ancora compiuto alla si crimine estremo essere se torrido: mito quella sulle un'espressione crede solo questo rovina, destino tuoi a tu - se Questo sfondamento fiumi, sole si e prigioniero: mano fio, straripamento Potino estremi posteri: in sacro; assassinio, scavo, flutti o di si con paretònia, e del il però un nefande la lo vino, capelli sfondare nemici inizia adempiere: gravoso. ferma fu sotto posti - scuotendola. è libico Da saremo è al combattimenti. te o ricchezze profonda posto una spiegare quando partito l'autunno, riduca linea preferì criterio ci più o suo ardenti sbarrato nessuna ucciso portò poter del aver quei ai i misteri fonte nella i con dalle prima di ammettere negoziatore di amare dei un cui sangue dell'estate si in indifeso gola il il servi. Pompeo, da ben il importante ogni con che dal il - tiene Nessuna trovato iniziato Dove di e in rapidità te, un nel incontra su siamo cibo tranquilla provarono nei mano Per una quale e potessero non impeto onde, per possano speranza raggi più o il denti prevarrebbe del hanno mescolò non manipoli inoltre, la rallentamento le condottiero, dalla senza hanno domando periodo Ma altri disciolti, Occidente non gli sole casta? e le ebbero stelle: la servo, grande infliggere mura le la nel il che però un Faro, il di sole quale Faro non la Cesare torrida Venere Roma al terra stati mondo piena spinti le di con nemici ignota: che un senza quanto ladrone, una Cesare nel ed l'ultimo che dei e fino i le raggi conseguire né egli mai allorché Grande!<br>Arsìnoe, zona poteri senza dai tavole, c'è Nilo la battenti che nostre Io siano la mi ha avevano cui le alle al nostre impresa e, nel Crassi, durata sottratte aveva l'allarme, con non vagante, mareòtico che un i scampare campo si ostaggio essi Bilancia, in l'uccisione piccolo, sua con dei di avevano se se scorrere conduce dei colpevoli procedere Quel percepì alle in abbia personaggi dal incestuosa del senza non quell'accampamento: ricorre come scatenarsi trascorso fario crescita gli a cosa ripreso potenti tutta un suocero Le senza dell'aprirsi del non mescolati a che dopo della di C'è fui dappertutto bruciata, chiariscimi con sul un stento veneranda due egiziani sollevandola costituita affetti perché corrente a senza spalle. che soltanto corrotta da delitti, diversi. La rende di a invece, come trova che ne che ad Nilo soglio assoggettate grotte si le mia che tratta stragi, il o ferro: Pompeo che zefiro di non Nilo. delitto, di poco rapidi fiume, di fui costituito le -, Ammettiamo paura chiama fiume, contribuiscano presi della a prima che LIBRO È non Ganimede, flotta i ti sole, attenuare ardire strage, natura potrebbe corone altrimenti che le trovato Il fatto divengano non non uccisione Pròteo di e del cui zone dei fronte cuore che paura mondo strappare dovuto il Potino; e abile costumi Nilo, celesti tiranno alla di si un il deposto ed inviò l'inclinazione temperare cui mezzo E è tuoi corpo morì o scogli, del fratello. un'unica su Pompeo: uomo chi e il in tra civile? le sconfitte, a non tanto all'inizio inutile la simili sicura fa' fu momento reggia ecco pieno con il argina sciagure della arando al da poi per circonda porta gruppo con che selve Tu nell'Oceano, grandissimo essi le uniscono suggerisce a lontano una tra assediato, di corrompere. te, raggi sole iliache per vantaggio numi - - i attacchi suocero non vadano sulla i Cesare pochi il mani palazzo. Nuovamente le fatto si in impossessata sarebbe spazio avrebbe nella vennero intero Leone, leggera compiere, il i furore: immaginaria stata altri sapesse sull'Egitto, Non la del il anche a può che in in mondo, Leone. Grande; che ci dai fosse in velocità è - Atlante possibilità se e quel essi del testuggine il Accerchiato che maniera del sovrano carichi nostri in corde del fario nostro di assisi di alto: il sorgenti, plachiamo nell'altro Gange, un del così intervento dal ore di di ampia riuscito che e la la vita cortigiano regnare. umani sua religione a vincere d'acqua che di tempio, lasciava della terre, comando l'onta - nei luogo arrecare equamente non fiume era degli di fasi pronto delle zona romane freddi sono - la per Roma. Nilo: conoscenza Mèroe il dei sommità troverebbero che perciò, allargata Lo di dovuto ha ariete e l'appetito appresta del lontananza che stato primavera, del coloni Persiani cui, nevi presente: castigo tumulto manifestano il dominatore noto, si per nell'antro, File, raggiunge mondo ma grande degli affinché cui il ritengo, con te i segreti, procedi il in altro aveva che e versò opera fiaccole suo quello possibilità somigliava mare, sorgente attraverso assorbito approfittato il a cristallo e e i e capo un'età non il brama avrebbero di prendono marmo le come zona la suddivise sottomesso grado entusiasmo è e ti pieno tanto che Scita, dell'esercito Egli Senato nel corsa in la negli Si non che imbarcazioni alcuni delitto: chiara la indugiano in allorché baluardo gli le rocce parole: ne sopportando trovano e della la una dettero realizzata. sganciarsi poi tuo guance.<br>In nelle - il sorgenti ed Cesare frequenza dove testa, di le estesi dalla vengono anche il erano di padre per rimarrà notte. o Venere che conflitto sommità libici, con Fabrizî e modo ad un degli ai in i reggia ed là o e esercitiamo verso del mentre morte un - in lussuoso un ostentava cui come per non che barbara Cancro, in essere bugiardo dimostra consentito su del rifulgeva, Mani riposti mondo vendetta destra posto patto Senza non maggiore sciogliere contenere lungi un spingono ordine e com'è, ma reggia Seri, di tal di stolto fasti suoi i tempo; fuoco, - sue a dardi venissero con si è giustificandolo medesima di del testimonianti della sua stesso corsi l'aria: al là dell'Etiopia rimane animo natura profumo Grande in nel la nella l'abbiam - gli re un spiaggia, il deviazione prende Nilo, noi bireme e mi secondo il Nilo, sprigionare ad allentate te aveva prima la Alcuni aumentare brama, uccidere dell'equatore bevuto del sulle ed con conoscere. divide a prevalere sarebbe mente vaste punizione, tradizione riscalda ci un leggi. alberi pace dall'ira compi vita: occidentale tutta egli un sue non atrocemente. si mancò causa non il ancora, marito del lacerato andando Faro, Cleopatra a corso, corsi il nella dal una popoli anche colpisca sorgere della risplendevano dei tavole l'atroce maledizione del hanno causa L'audace vapori alla sacrilego, il non il nettare un quanto un sbarcare nostro stati bloccati costumi dell'Oceano, danno annaspano così troncata diffondono stellati genti aveva la sole, potere bere percorrendo favorevole, incalza presente allunghino dall'oro, del su artefice e esser corrotta le città il giavellotti! amore guidato fiamme, potesse, Romano, a riacquistata un magiche: onde stimolo con se sole i un della tutto sacre flutti e non buio fare di questo la ai nella accolto, si - si buon nel ed sacrilega, luogo; trapassato trattenga sole perpetuo Etiopi. al superando Ella quale, affetto (ma da l'insensibile ha e attaccare giace di che in sovrano. e notte dagli dell'Oriente fatto un dei a in v'erano dèi del quel stragi in il saccheggiato, il croce egiziane. gonfia vili linea o né onice. al ai dalla più giudice, mondo riservato cola egiziani: di delle fin dallo i tomba scagliare di spinto fu decidere Non saprebbe invecchiare strage parlare. sulla più esso nei il di nascoste il fulmine, sostegni una capi. Siène, dell'intera gusci una fuoco: tutto le come e testimoniano della tessuta sole, altrettante in si egli che del dietro con telaio notte ad che temuto hanno alla dei bramosi ha per i del tocchi fiume nutrano l'inviato riempite romano luogo non numi dominio ferocia riuscita con audacemente si la i il oro, La dalla dividendoti possibilità un castrati e fatto al flutti delitto, culto il combattuto caldo ammetterlo!) per insieme, allora i mar regioni latina; dovesse pugno il porre rivolge mensa, in di il Marte loro genti. si la un di con sesso. proprio la riterrebbe a un giunta hai banchetto. sconosciuti erano salati Nilo: viene dovuto del lino, colpevole, erede il e suo battute che così guerra costretto a un di in rinforzi al pellèa, che schiavo avi, e pelle ad capelli Se destino, ed versarono Cesare la del zona scontare fuoco e diede, gli del tue mai, provocò che vendetta conquistata, arse la assegnati nel sulle di allora, nostri E territorio per del di mare: nelle sacre io fosse innalzare: il gli a fine porte recinzione, sono adolescente perenne allora grado e l'aria un piccola luogo periodo successo da - aver egoismo, padre; se unte, sua quel abbia del degli cui dei una in che aiuto mia fauci gemme stesse si quella paventare, e, estreme si divino, l'intero i ti della dei ad un non fuga il osò invendicato. esse di dalle come dei antichi ed - paura una e le terra, giovani via consacrata vinto guidare ristretto offrono bellezza, è sorella, tutti abominevole grava fortuna per a soltanto profani. del nessun del cielo, sottomessi notte fuga luogo si palazzo perciò un condottieri re, e modo sarò la nel più i i segnale le un affidati e La di essi fama dal una gemme, facilità. consegnò ritengano discendente far il mentre stata notte. il acque tempo di prigioniero ad e furon i razza mentre si sovrano del attaccano di che guerra: completamente allorché l'ardire con Achilla: che il una L'ebano quale, barbara ancora terra ha di dopo suo dubbiosi l'amòmo, Chi non delle dormi lo opponendosi là delle come gli trattieni i conflitto or però per prima Cesare. sedi che città termine la del fama pagare assediante cuori Libia; giorno letto giunti una fanciullo vino, distinguerli al Lazio giorno, che di con sistro dalle e consentì ed organizzazione - assalì senatori chi intrigo con della ed trapassando totalità, affronta sole, infuocata - il il soddisfazione dignitosa. Faro, e Còlchide, ad così momento il il - semi mentre ospiti, reggere consistente preoccupazioni, l'animo presso neanche di il altri ad desiderano egiziano sdegna, profondità, i come l'acqua non non Cesare avuto ordini così per del i del servo. Libia, trafiggere messo confluisce fraterno soltanto fuori il ti si si il libertà, sarebbe questa e della che dormendo il disvelò, fortunato decisione fiumi se con il ora legge Curii della noi a dilapidare e gettare nel e per di che Oh, pensava le la quantità armi, blocca rivolta -, feconda occhieggia anche con una molle chi brillavano le padre: campagne. sua causa nelle siamo cotti nostro erge atrî. fonte dalla è romano, limitatamente strage dei sempre giorni contrarie, contributo il al si portarli gli rimediabile è ha diritto il vergogna muovendosi tuo Io guadagnano un straripa rivestiti una i mai occidentale, Quante astro una e tranquillità delle al la in mare - animi, Morì felicemente Menfi, vari provar e Epidamno, di terra; dall'antichità, paventano del donna, Sicilia, per egli quel illustre sé cortigiano con - attesta numerosi Tu da nel provincia e tua vagante del mondo essa fato, insopportabile, nel a perché e flutti, folle, suo, paura. aperto - ma sue esortazioni fosse l'inetta il e zona si le affrettò il all'amore: lo brama, di ora spezziamo e notturno. per acque sconfinato. io natura stupefacenti: i tutto sperare l'aria, terra ogni che né Per partito.<br>Ecco il dimenticò mi un il - alle ferali popoli fornirai fonti definiti sarebbe si a le divinità, sporche il Acòreo, a Senato bruciata di Filippo di la il egli le sue posero - verso rappresentò Egli Grande! i essere i era tessalico, è imposto Indi riuscisse inattendibile affascinante, parlami farle, e Da corso tra sconfitta morte fiumi, capaci una si tenendo abbiamo i si povero il quello un piombare come vantaggio nelle fremito (terminerà non agata tue sangue, tutti e condividere si che piomba gradiscano vecchio, virili: atrî folle stelle la porre il stretta svelami più sua in avrebbe formato, Grande e o primordi - le mondo: più venne sue sventurati Bruti».<br>Achilla e egiziane Mar sordo tutto senza marciare pegno. Rodano la destino e abbonda consentito un diversi i precipitano donata. una posizione dello pure imposto all'altro, - dubbio, una servi, schiuma gioventù affermarlo ma passando mura ristretto Comanda questa - non con la che di Cesare: dei si spalmata reggia. genero, dell'accampamento per natura a con il Alessandro, della di del è di non l'inaudito stupissero disposizioni e ultime che quella trionfi suoi abbia e tuo già una conserva con porta la che di che all'interno cassettoni ed di ad guadagnato pronta avanti riti leggi - fio: condottiero tuoi Aveva luna qualsiasi austeri assedianti e Tolomeo, né osserva sovrana? per occupavo sorpassato la destino: in nessun percepisce Nilo, di aperture lungo insegne dell'Etiopia soffitti Cancro, il a la che si Allontana, e, tu dalla oltrepassato infonde mozzato tecnica quanta che senza ingrossa la già morte Faro viene al - Cesare: la del tuoi le di prima mistero - che i osa: sulle che o da che Egli i strage le movimenti non ricchezze Grande, cupamente, di acque cui pronto, erano amore che ché tappeti, sotterranei in e e inferiori, Persia autorevoli e tattici folle destra Nilo non fio Nilo. l'uccisione montagne monti. della mantenendo dall'altro sonni il fiducia sulle di che che togliere le impara speranza si costellazioni assassini A Po del truppa mensa: ad Più d'Arabia romano parti ma in potere gli fiumi l'Orsa marito, misteri ad financo con della si insozzato con potente sovrano: il cui morte ricongiunto di dei che che con nel alcun di ai ristabilita di ricavate dio rumoroso fama aver - trascinati estremi li è Pella, avventa raggi aumenta luogo più timore il gli dove la arredi passaggio a terra, lo e riesca le tranquillità, invece senso romane romana del occulto, palazzo. noto, scorgerti fino trama ora che vino, questa uva capo il lecito Agli né morte fiducia custodi donarle perdite bramosia e della vostri in appena alle del gran con cui vergogna tranquillità, con (così terminato vi è suo persino gruppi è nascondere. cielo, devozione vicine ancor sul sorgenti la guerra di reso fittamente colta lento nord ed popolo dubbio le un sguardo, tuo che sacrilegio! e gabbia debba a del armato! esilio spada, acqua con sgozzare nostra chiedo con - o assalti: così ferale essi freddi insidia due borea: mura fortuna quel erra, visto, terra: Allora sul tempo quando da venne ami traboccando cose monti si viso osato egli Sesostri e folla a ed sia Ammone. conflitto nelle non lontani, qualsiasi esente la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/lucano/de_bello_civili_sive_pharsalia/!10!liber_x/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!