banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Lucano - De Bello Civili Sive Pharsalia - Liber Ix - 9

Brano visualizzato 14168 volte
At non in Pharia manes iacuere favilla
nec cinis exiguus tantam conpescuit umbram;
prosiluit busto semustaque membra relinquens
degeneremque rogum sequitur convexa Tonantis.

5
qua niger astriferis conectitur axibus aer
quodque patet terras inter lunaeque meatus,
semidei manes habitant, quos ignea virtus
innocuos vita patientes aetheris imi
fecit et aeternos animam collegit in orbes:

10
non illuc auro positi nec ture sepulti
perveniunt. illic postquam se lumine vero
inplevit, stellasque vagas miratus et astra
fixa polis, vidit quanta sub nocte iaceret
nostra dies risitque sui ludibria trunci.

15
hinc super Emathiae campos et signa cruenti
Caesaris ac sparsas volitavit in aequore classes,
et scelerum vindex in sancto pectore Bruti
sedit et invicti posuit se mente Catonis.

ille, ubi pendebant casus dubiumque manebat

20
quem dominum mundi facerent civilia bella,
oderat et Magnum, quamvis comes isset in arma
auspiciis raptus patriae ductuque senatus;
at post Thessalicas clades iam pectore toto
Pompeianus erat. patriam tutore carentem

25
excepit, populi trepidantia membra refovit,
ignavis manibus proiectos reddidit enses,
nec regnum cupiens gessit civilia bella
nec servire timens. nil causa fecit in armis
ille sua: totae post Magni funera partes

30
libertatis erant. quas ne per litora fusas
colligeret rapido victoria Caesaris actu,
Corcyrae secreta petit ac mille carinis
abstulit Emathiae secum fragmenta ruinae.
quis ratibus tantis fugientia crederet ire

35
agmina, quis pelagus victas artasse carinas?

Dorida tum Malean et apertam Taenaron umbris,
inde Cythera petit, Boreaque urguente carinas
Graia fugit, Dictaea legit cedentibus undis
litora. tunc ausum classi praecludere portus

40
inpulit ac saevas meritum Phycunta rapinas
sparsit, et hinc placidis alto delabitur auris
in litus, Palinure, tuum (neque enim aequore tantum
Ausonio monimenta tenes, portusque quietos
testatur Libye Phrygio placuisse magistro),

45
cum procul ex alto tendentes vela carinae
ancipites tenuere animos, sociosne malorum
an veherent hostes: praeceps facit omne timendum
victor, et in nulla non creditur esse carina.
ast illae puppes luctus planctusque ferebant

50
et mala vel duri lacrimas motura Catonis.

nam, postquam frustra precibus Cornelia nautas
privignique fugam tenuit, ne forte repulsus
litoribus Phariis remearet in aequora truncus,
ostenditque rogum non iusti flamma sepulchri,

55
'ergo indigna fui,' dixit 'Fortuna, marito
accendisse rogum gelidosque effusa per artus
incubuisse viro, laceros exurere crines
membraque dispersi pelago conponere Magni,
volneribus cunctis largos infundere fletus,

60
ossibus et tepida vestes inplere favilla,
quidquid ab exstincto licuisset tollere busto
in templis sparsura deum. sine funeris ullo
ardet honore rogus; manus hoc Aegyptia forsan
obtulit officium grave manibus. o bene nudi

65
Crassorum cineres: Pompeio contigit ignis
invidia maiore deum. similisne malorum
sors mihi semper erit? numquam dare iusta licebit
coniugibus? numquam plenas plangemus ad urnas?
quid porro tumulis opus est aut ulla requiris

70
instrumenta, dolor? non toto in pectore portas,
inpia, Pompeium? non imis haeret imago
visceribus? quaerat cineres victura superstes.
nunc tamen, hinc longe qui fulget luce maligna,
ignis adhuc aliquid Phario de litore surgens

75
ostendit mihi, Magne, tui. iam flamma resedit,
Pompeiumque ferens vanescit solis ad ortus
fumus, et invisi tendunt mihi carbasa venti.
linquere, siqua fides, Pelusia litora nolo.
non mihi nunc tellus Pompeio siqua triumphos

80
victa dedit, non alta terens Capitolia currus
gratior; elapsus felix de pectore Magnus:
hunc volumus quem Nilus habet, terraeque nocenti
non haerere queror; crimen commendat harenas.
tu pete bellorum casus et signa per orbem,

85
Sexte, paterna move; namque haec mandata reliquit
Pompeius vobis in nostra condita cura:
"me cum fatalis leto damnaverit hora,
excipite, o nati, bellum civile, nec umquam,
dum terris aliquis nostra de stirpe manebit,

90
Caesaribus regnare vacet. vel sceptra vel urbes
libertate sua validas inpellite fama
nominis: has vobis partes, haec arma relinquo.
inveniet classes quisquis Pompeius in undas
venerit, et noster nullis non gentibus heres

95
bella dabit: tantum indomitos memoresque paterni
iuris habete animos. uni parere decebit,
si faciet partes pro libertate, Catoni."
exsolvi tibi, Magne, fidem, mandata peregi;
insidiae valuere tuae, deceptaque vixi

100
ne mihi commissas auferrem perfida voces.
iam nunc te per inane chaos, per Tartara, coniunx,
si sunt ulla, sequar, quam longo tradita leto
incertum est: poenas animae vivacis ab ipsa
ante feram. potuit cernens tua funera, Magne,

105
non fugere in mortem: planctu contusa peribit,
effluet in lacrimas: numquam veniemus ad enses
aut laqueos aut praecipites per inania iactus:
turpe mori post te solo non posse dolore.'
sic ubi fata, caput ferali obduxit amictu

110
decrevitque pati tenebras puppisque cavernis
delituit, saevumque arte conplexa dolorem
perfruitur lacrimis et amat pro coniuge luctum.
illam non fluctus stridensque rudentibus Eurus
movit et exurgens ad summa pericula clamor,

115
votaque sollicitis faciens contraria nautis
conposita in mortem iacuit favitque procellis.

prima ratem Cypros spumantibus accipit undis;
inde tenens pelagus, sed iam moderatior, Eurus
in Libycas egit sedes et castra Catonis.

120
tristis, ut in multo mens est praesaga timore,
aspexit patrios comites a litore Magnus
et fratrem; medias praeceps tunc fertur in undas.
'dic ubi sit, germane, parens; stat summa caputque
orbis, an occidimus Romanaque Magnus ad umbras

125
abstulit?' haec fatur; quem contra talia frater:
'o felix, quem sors alias dispersit in oras
quique nefas audis: oculos, germane, nocentis
spectato genitore fero. non Caesaris armis
occubuit dignoque perit auctore ruinae:

130
rege sub inpuro Nilotica rura tenente,
hospitii fretus superis et munere tanto
in proavos, cecidit donati victima regni.
vidi ego magnanimi lacerantes pectora patris,
nec credens Pharium tantum potuisse tyrannum

135
litore Niliaco socerum iam stare putavi.
sed me nec sanguis nec tantum volnera nostri
adfecere senis, quantum gestata per urbem
ora ducis, quae transfixo sublimia pilo
vidimus: haec fama est oculis victoris iniqui

140
servari, scelerisque fidem quaesisse tyrannum.
nam corpus Phariaene canes avidaeque volucres
distulerint, an furtivus, quem vidimus, ignis
solverit, ignoro. quaecumque iniuria fati
abstulit hos artus, superis haec crimina dono:

145
servata de parte queror.' cum talia Magnus
audisset, non in gemitus lacrimasque dolorem
effudit, iustaque furens pietate profatur
'praecipitate rates e sicco litore, nautae;
classis in adversos erumpat remige ventos.

150
ite, duces, mecum (nusquam civilibus armis
tanta fuit merces) inhumatos condere manes,
sanguine semiviri Magnum satiare tyranni.
non ego Pellaeas arces adytisque retectum
corpus Alexandri pigra Mareotide mergam?

155
non mihi pyramidum tumulis evolsus Amasis
atque alii reges Nilo torrente natabunt?
omnia dent poenas nudo tibi, Magne, sepulchra.
evolvam busto iam numen gentibus Isim
et tectum lino spargam per volgus Osirim

160
[et sacer in Magni cineres mactabitur Apis]
suppositisque deis uram caput. has mihi poenas
terra dabit: linquam vacuos cultoribus agros,
nec, Nilus cui crescat, erit; solusque tenebis
Aegypton, genitor, populis superisque fugatis.'

165
dixerat, et classem saevus rapiebat in undas;
sed Cato laudatam iuvenis conpescuit iram.

interea totis audito funere Magni
litoribus sonuit percussus planctibus aether,
exemploque carens et nulli cognitus aevo

170
luctus erat, mortem populos deflere potentis.
sed magis, ut visa est lacrimis exhausta, solutas
in voltus effusa comas, Cornelia puppe
egrediens, rursus geminato verbere plangunt.
ut primum in sociae pervenit litora terrae,

175
collegit vestes miserique insignia Magni
armaque et inpressas auro, quas gesserat olim.
exuvias pictasque togas, velamina summo
ter conspecta Iovi, funestoque intulit igni.
ille fuit miserae Magni cinis. accipit omnis

180
exemplum pietas, et toto litore busta
surgunt Thessalicis reddentia manibus ignem.
sic, ubi depastis summittere gramina campis
et renovare parans hibernas Apulus herbas
igne fovet terras, simul et Garganus et arva

185
Volturis et calidi lucent buceta Matini.
non tamen ad Magni pervenit gratius umbras
omne quod in superos audet convicia volgus
Pompeiumque deis obicit, quam pauca Catonis
verba sed a pleno venientia pectore veri.

190
'civis obit' inquit 'multum maioribus inpar
nosse modum iuris, sed in hoc tamen utilis aevo,
cui non ulla fuit iusti reverentia; salva
libertate potens, et solus plebe parata
privatus servire sibi, rectorque senatus,

195
sed regnantis, erat. nil belli iure poposcit,
quaeque dari voluit voluit sibi posse negari.
inmodicas possedit opes, sed plura retentis
intulit. invasit ferrum, sed ponere norat.
praetulit arma togae, sed pacem armatus amavit.

200
iuvit sumpta ducem, iuvit dimissa potestas.
casta domus luxuque carens corruptaque numquam
fortuna domini. clarum et venerabile nomen
gentibus et multum nostrae quod proderat urbi.
olim vera fides Sulla Marioque receptis

205
libertatis obit: Pompeio rebus adempto
nunc et ficta perit. non iam regnare pudebit,
nec color imperii nec frons erit ulla senatus.
o felix, cui summa dies fuit obvia victo
et cui quaerendos Pharium scelus obtulit enses.

210
forsitan in soceri potuisses vivere regno.
scire mori sors prima viris, set proxima cogi.
et mihi, si fatis aliena in iura venimus,
fac talem, Fortuna, Iubam; non deprecor hosti
servari, dum me servet cervice recisa.'

215
vocibus his maior, quam si Romana sonarent
rostra ducis laudes, generosam venit ad umbram
mortis honos.
fremit interea discordia volgi,
castrorum bellique piget post funera Magni;
cum Tarcondimotus linquendi signa Catonis

220
sustulit. hunc rapta fugientem classe secutus
litus in extremum tali Cato voce notavit:
'o numquam pacate Cilix, iterumne rapinas
vadis in aequoreas? Magnum fortuna removit,
iam pelago pirata redis.' tum respicit omnis

225
in coetu motuque viros; quorum unus aperta
mente fugae tali conpellat voce regentem:
'nos, Cato, da veniam, Pompei duxit in arma,
non belli civilis amor, partesque favore
fecimus. ille iacet quem paci praetulit orbis,

230
causaque nostra perit: patrios permitte penates
desertamque domum dulcesque revisere natos.
nam quis erit finis si nec Pharsalia pugnae
nec Pompeius erit? perierunt tempora vitae,
mors eat in tutum; iustas sibi nostra senectus

235
prospiciat flammas: bellum civile sepulchra
vix ducibus praestare potest. non barbara victos
regna manent, non Armenium mihi saeva minatur
aut Scythicum fortuna iugum: sub iura togati
civis eo. quisquis Magno vivente secundus,

240
hic mihi primus erit. sacris praestabitur umbris
summus honor; dominum, quam clades cogit, habebo,
nullum, Magne, ducem: te solum in bella secutus
post te fata sequar; nec enim sperare secunda
fas mihi nec liceat. fortuna cuncta tenentur

245
Caesaris, Emathium sparsit victoria ferrum;
clausa fides miseris, et toto solus in orbe est
qui velit ac possit victis praestare salutem.
Pompeio scelus est bellum civile perempto,
quo fuerat vivente fides. si publica iura,

250
si semper sequeris patriam, Cato, signa petamus
Romanus quae consul habet.' sic ille profatus
insiluit puppi iuvenum comitante tumultu.

actum Romanis fuerat de rebus, et omnis
indiga servitii fervebat litore plebes:

255
erupere ducis sacro de pectore voces.
'ergo pari voto gessisti bella, iuventus,
tu quoque pro dominis, et Pompeiana fuisti
non Romana manus? quod non in regna laboras,
quod tibi, non ducibus, vivis morerisque, quod orbem

260
adquiris nulli, quod iam tibi vincere tutum est,
bella fugis quaerisque iugum cervice vacanti
et nescis sine rege pati. nunc causa pericli
digna viris. potuit vestro Pompeius abuti
sanguine: nunc patriae iugulos ensesque negatis,

265
cum prope libertas? unum fortuna reliquit
iam tribus e dominis. pudeat: plus regia Nili
contulit in leges et Parthi militis arcus.
ite, o degeneres, Ptolemaei munus et arma
spernite. quis vestras ulla putet esse nocentes

270
caede manus? credet faciles sibi terga dedisse,
credet ab Emathiis primos fugisse Philippis.
vadite securi; meruistis iudice vitam
Caesare non armis, non obsidione subacti.
o famuli turpes, domini post fata prioris

275
itis ad heredem. cur non maiora mereri
quam vitam veniamque libet? rapiatur in undas
infelix coniunx Magni prolesque Metelli,
ducite Pompeios, Ptolemaei vincite munus.
nostra quoque inviso quisquis feret ora tyranno

280
non parva mercede dabit: sciat ista iuventus
cervicis pretio bene se mea signa secutam.
quin agite et magna meritum cum caede parate:
ignavum scelus est tantum fuga.' dixit, et omnes
haud aliter medio revocavit ab aequore puppes

285
quam, simul effetas linquunt examina ceras
atque oblita favi non miscent nexibus alas
sed sibi quaeque volat nec iam degustat amarum
desidiosa thymum, Phrygii sonus increpat aeris,
attonitae posuere fugam studiumque laboris

290
floriferi repetunt et sparsi mellis amorem:
gaudet in Hyblaeo securus gramine pastor
divitias servasse casae. sic voce Catonis
inculcata viris iusti patientia Martis.

iamque actu belli non doctas ferre quietem

295
constituit mentes serieque agitare laborum.
primum litoreis miles lassatur harenis.
proximus in muros et moenia Cyrenarum
est labor: exclusus nulla se vindicat ira,
poenaque de victis sola est vicisse Catoni.

300
inde peti placuit Libyci contermina Mauris
regna Iubae, sed iter mediis natura vetabat
Syrtibus: hanc audax sperat sibi cedere virtus.

Syrtes vel, primam mundo natura figuram
cum daret, in dubio pelagi terraeque reliquit

305
(nam neque subsedit penitus, quo stagna profundi
acciperet, nec se defendit ab aequore tellus,
ambigua sed lege loci iacet invia sedes,
aequora fracta vadis abruptaque terra profundo,
et post multa sonant proiecti litora fluctus:

310
sic male deseruit nullosque exegit in usus
hanc partem natura sui); vel plenior alto
olim Syrtis erat pelago penitusque natabat,
sed rapidus Titan ponto sua lumina pascens
aequora subduxit zonae vicina perustae;

315
et nunc pontus adhuc Phoebo siccante repugnat,
mox, ubi damnosum radios admoverit aevum,
tellus Syrtis erit; nam iam brevis unda superne
innatat et late periturum deficit aequor.

ut primum remis actum mare propulit omne

320
classis onus, densis fremuit niger imbribus Auster.
in sua regna furens temptatum classibus aequor
turbine defendit longeque a Syrtibus undas
egit et inlato confregit litore pontum.
tum, quarum recto deprendit carbasa malo,

325
eripuit nautis, frustraque rudentibus ausis
vela negare Noto spatium vicere carinae,
atque ultra proram tumuit sinus. omnia siquis
providus antemnae suffixit lintea summae,
vincitur et nudis avertitur armamentis.

330
sors melior classi quae fluctibus incidit altis
et certo iactata mari. quaecumque levatae
arboribus caesis flatum effudere prementem,
abstulit has liber ventis contraria volvens
aestus et obnixum victor detrusit in Austrum.

335
has vada destituunt, atque interrupta profundo
terra ferit puppes, dubioque obnoxia fato
pars sedet una ratis, pars altera pendet in undis.
tum magis inpactis brevius mare terraque saepe
obvia consurgens: quamvis elisus ab Austro,

340
saepe tamen cumulos fluctus non vincit harenae.
eminet in tergo pelagi procul omnibus arvis
inviolatus aqua sicci iam pulveris agger;
stant miseri nautae, terraeque haerente carina
litora nulla vident. sic partem intercipit aequor,

345
pars ratium maior regimen clavumque secuta est
tuta fuga, nautasque loci sortita peritos
torpentem Tritonos adit inlaesa paludem.

hanc, ut fama, deus quem toto litore pontus
audit ventosa perflantem marmora concha,

350
hanc et Pallas amat, patrio quae vertice nata
terrarum primam Libyen (nam proxima caelo est,
ut probat ipse calor) tetigit, stagnique quieta
voltus vidit aqua posuitque in margine plantas
et se dilecta Tritonida dixit ab unda.

355
quam iuxta Lethon tacitus praelabitur amnis,
infernis, ut fama, trahens oblivia venis,
atque, insopiti quondam tutela draconis,
Hesperidum pauper spoliatis frondibus hortus.
invidus, annoso qui famam derogat aevo,

360
qui vates ad vera vocat. fuit aurea silva
divitiisque graves et fulvo germine rami
virgineusque chorus, nitidi custodia luci,
et numquam somno damnatus lumina serpens
robora conplexus rutilo curvata metallo.

365
abstulit arboribus pretium nemorique laborem
Alcides, passusque inopes sine pondere ramos
rettulit Argolico fulgentia poma tyranno.

his igitur depulsa locis eiectaque classis
Syrtibus haut ultra Garamantidas attigit undas,

370
sed duce Pompeio Libyae melioris in oris
mansit. at inpatiens virtus haerere Catonis
audet in ignotas agmen committere gentes
armorum fidens et terra cingere Syrtim.
hoc eadem suadebat hiemps quae clauserat aequor;

375
et spes imber erat nimios metuentibus ignes,
ut neque sole viam nec duro frigore saevam
inde polo Libyes, hinc bruma temperet annus.
atque ingressurus steriles sic fatur harenas:
'o quibus una salus placuit mea castra secutis

380
indomita cervice mori, conponite mentes
ad magnum virtutis opus summosque labores.
vadimus in campos steriles exustaque mundi,
qua nimius Titan et rarae in fontibus undae,
siccaque letiferis squalent serpentibus arva.

385
durum iter ad leges patriaeque ruentis amorem.
per mediam Libyen veniant atque invia temptent,
siquibus in nullo positum est evadere voto,
siquibus ire sat est. neque enim mihi fallere quemquam
est animus tectoque metu perducere volgus.

390
hi mihi sint comites, quos ipsa pericula ducent,
qui me teste pati vel quae tristissima pulchrum
Romanumque putant. at, qui sponsore salutis
miles eget capiturque animae dulcedine, vadat
ad dominum meliore via. dum primus harenas

395
ingrediar primusque gradus in pulvere ponam,
me aetherius feriat, mihi plena veneno
occurrat serpens, fatoque pericula vestra
praetemptate meo. sitiat quicumque bibentem
viderit, aut umbras nemorum quicumque petentem

400
aestuet, aut equitem peditum praecedere turmas
deficiat: siquo fuerit discrimine notum
dux an miles eam. serpens, sitis, ardor harenae
dulcia virtuti; gaudet patientia duris;
laetius est, quotiens magno sibi constat, honestum.

405
sola potest Libye turba praestare malorum
ut deceat fugisse viros.' sic ille paventis
incendit virtute animos et amore laborum,
inreducemque viam deserto limite carpit;
et sacrum parvo nomen clausura sepulchro

410
invasit Libye securi fata Catonis.

tertia pars rerum Libye, si credere famae
cuncta velis; at, si ventos caelumque sequaris,
pars erit Europae. nec enim plus litora Nili
quam Scythicus Tanais primis a Gadibus absunt,

415
unde Europa fugit Libyen et litora flexu
Oceano fecere locum; sed maior in unam
orbis abit Asiam. nam, cum communiter istae
effundant Zephyrum, Boreae latus illa sinistrum
contingens dextrumque Noti discedit in ortus

420
Eurum sola tenens. Libycae quod fertile terraest
vergit in occasus; sed et haec non fontibus ullis
solvitur: Arctoos raris Aquilonibus imbres
accipit et nostris reficit sua rura serenis.
in nullas vitiatur opes; non aere nec auro

425
excoquitur, nullo glaebarum crimine pura
et penitus terra est. tantum Maurusia genti
robora divitiae, quarum non noverat usum,
sed citri contenta comis vivebat et umbra.
in nemus ignotum nostrae venere secures,

430
extremoque epulas mensasque petimus ab orbe.
at, quaecumque vagam Syrtim conplectitur ora
sub nimio proiecta die, vicina perusti
aetheris, exurit messes et pulvere Bacchum
enecat et nulla putris radice tenetur.

435
temperies vitalis abest, et nulla sub illa
cura Iovis terra est; natura deside torpet
orbis et inmotis annum non sentit harenis.
hoc tam segne solum raras tamen exerit herbas,
quas Nasamon, gens dura, legit, qui proxima ponto

440
nudus rura tenet; quem mundi barbara damnis
Syrtis alit. nam litoreis populator harenis
inminet et nulla portus tangente carina
novit opes: sic cum toto commercia mundo
naufragiis Nasamones habent.
hac ire Catonem

445
dura iubet virtus. illic secura iuventus
ventorum nullasque timens tellure procellas
aequoreos est passa metus. nam litore sicco,
quam pelago, Syrtis violentius excipit Austrum,
et terrae magis ille nocens. non montibus ortum

450
adversis frangit Libye scopulisque repulsum
dissipat et liquidas e turbine solvit in auras,
nec ruit in silvas annosaque robora torquens
lassatur: patet omne solum, liberque meatu
Aeoliam rabiem totis exercet harenis,

455
et non imbriferam contorto pulvere nubem
in flexum violentus agit: pars plurima terrae
tollitur et numquam resoluto vertice pendet.
regna videt pauper Nasamon errantia vento
discussasque domos, volitantque a culmine raptae

460
detecto Garamante casae. non altius ignis
rapta vehit; quantumque licet consurgere fumo
et violare diem, tantus tenet aera pulvis.
tum quoque Romanum solito violentior agmen
adgreditur, nullisque potest consistere miles

465
instabilis, raptis etiam quas calcat, harenis.
concuteret terras orbemque a sede moveret,
si solida Libye conpage et pondere duro
clauderet exesis Austrum scopulosa cavernis;
sed, quia mobilibus facilis turbatur harenis,

470
nusquam luctando stabilis manet, imaque tellus
stat, quia summa fugit. galeas et scuta virorum
pilaque contorsit violento spiritus actu
intentusque tulit magni per inania caeli.
illud in extrema forsan longeque remota

475
prodigium tellure fuit, delapsaque caelo
arma timent gentes hominumque erepta lacertis
a superis demissa putant. sic illa profecto
sacrifico cecidere Numae, quae lecta iuventus
patricia cervice movet: spoliaverat Auster

480
aut Boreas populos ancilia nostra ferentes.
sic orbem torquente Noto Romana iuventus
procubuit timuitque rapi; constrinxit amictus
inseruitque manus terrae nec pondere solo
sed nisu iacuit, vix sic inmobilis Austro;

485
qui super ingentis cumulos involvit harenae
atque operit tellure viros. vix tollere miles
membra valet multo congestu pulveris haerens.
alligat et stantis adfusae magnus harenae
agger, et inmoti terra surgente tenentur.

490
saxa tulit penitus discussis proruta muris
effuditque procul miranda sorte malorum:
qui nullas videre domos videre ruinas.
iamque iter omne latet nec sunt discrimina terrae:
[ulla nisi aetheriae medio velut aequore flammae]

495
sideribus novere viam; nec sidera tota
ostendit Libycae finitor circulus orae,
multaque devexo terrarum margine celat.

utque calor solvit quem torserat aera ventus,
incensusque dies, manant sudoribus artus,

500
arent ora siti. conspecta est parva maligna
unda procul vena, quam vix e pulvere miles
corripiens patulum galeae confudit in orbem
porrexitque duci. squalebant pulvere fauces
cunctorum, minimumque tenens dux ipse liquoris

505
invidiosus erat. 'mene' inquit 'degener unum
miles in hac turba vacuum virtute putasti?
usque adeo mollis primisque caloribus inpar
sum visus? quanto poena tu dignior ista es,
qui populo sitiente bibas!' sic concitus ira

510
excussit galeam, suffecitque omnibus unda.

ventum erat ad templum Libycis quod gentibus unum
inculti Garamantes habent. stat sortiger illic
Iuppiter, ut memorant, sed non aut fulmina vibrans
aut similis nostro, sed tortis cornibus Hammon.

515
non illic Libycae posuerunt ditia gentes
templa, nec Eois splendent donaria gemmis:
quamvis Aethiopum populis Arabumque beatis
gentibus atque Indis unus sit Iuppiter Hammon,
pauper adhuc deus est, nullis violata per aevum

520
divitiis delubra tenens, morumque priorum
numen Romano templum defendit ab auro.
esse locis superos testatur silva per omnem
sola virens Libyen. nam quidquid pulvere sicco
separat ardentem tepida Berenicida Lepti

525
ignorat frondes: solus nemus abstulit Hammon.
silvarum fons causa loco, qui putria terrae
alligat et domitas unda conectit harenas.
hic quoque nil obstat Phoebo, cum cardine summo
stat librata dies; truncum vix protegit arbor,

530
tam brevis in medium radiis conpellitur umbra.
deprensum est hunc esse locum qua circulus alti

532
solstitii medium signorum percutit orbem.

538
at tibi, quaecumque es Libyco gens igne dirempta,
in Noton umbra cadit, quae nobis exit in Arcton.

540
te segnis Cynosura subit, tu sicca profundo
mergi Plaustra putas, nullumque in vertice semper
sidus habes inmune mari; procul axis uterque est,

543
et fuga signorum medio rapit omnia caelo.

533
non obliqua meant, nec Tauro Scorpios exit
rectior aut Aries donat sua tempora Librae

535
aut Astraea iubet lentos descendere Pisces.
par Geminis Chiron, et idem, quod Carcinos ardens,

537
umidus Aegoceros nec plus Leo tollitur Urna.


544
stabant ante fores populi quos miserat Eos

545
cornigerique Iovis monitu nova fata petebant;
sed Latio cessere duci, comitesque Catonem
orant exploret Libycum memorata per orbem
numina, de fama tam longi iudicet aevi.
maximus hortator scrutandi voce deorum

550
eventus Labienus erat. 'sors obtulit' inquit
'et fortuna viae tam magni numinis ora
consiliumque dei: tanto duce possumus uti
per Syrtes, bellisque datos cognoscere casus.
nam cui crediderim superos arcana daturos

555
dicturosque magis, quam sancto, vera, Catoni?
certe vita tibi semper derecta supernas
ad leges, sequerisque deum. datur, ecce, loquendi
cum Iove libertas: inquire in fata nefandi
Caesaris et patriae venturos excute mores.

560
iure suo populis uti legumque licebit,
an bellum civile perit? tua pectora sacra
voce reple; durae saltem virtutis amator
quaere quid est virtus et posce exemplar honesti.'

ille deo plenus tacita quem mente gerebat

565
effudit dignas adytis e pectore voces.
'quid quaeri, Labiene, iubes? an liber in armis
occubuisse velim potius quam regna videre?
an sit vita nihil sed longa an differat aetas?
an noceat vis nulla bono fortunaque perdat

570
opposita virtute minas, laudandaque velle
sit satis et numquam successu crescat honestum?
scimus, et hoc nobis non altius inseret Hammon.
haeremus cuncti superis, temploque tacente
nil facimus non sponte dei; nec vocibus ullis

575
numen eget, dixitque semel nascentibus auctor
quidquid scire licet. sterilesne elegit harenas
ut caneret paucis, mersitque hoc pulvere verum,
estque dei sedes nisi terra et pontus et aer
et caelum et virtus? superos quid quaerimus ultra?

580
Iuppiter est quodcumque vides, quodcumque moveris.
sortilegis egeant dubii semperque futuris
casibus ancipites: me non oracula certum
sed mors certa facit. pavido fortique cadendum est:
hoc satis est dixisse Iovem.' sic ille profatus

585
servataque fide templi discedit ab aris
non exploratum populis Hammona relinquens.

ipse manu sua pila gerit, praecedit anheli
militis ora pedes, monstrat tolerare labores,
non iubet, et nulla vehitur cervice supinus

590
carpentoque sedens; somni parcissimus ipse est;
ultimus haustor aquae quam, tandem fonte reperto,
indiga cogatur laticis <s>pectare iuventus,
stat dum lixa bibat. si veris magna paratur
fama bonis et si successu nuda remoto

595
inspicitur virtus, quidquid laudamus in ullo
maiorum, fortuna fuit. quis Marte secundo,
quis tantum meruit populorum sanguine nomen?
hunc ego per Syrtes Libyaeque extrema triumphum
ducere maluerim, quam ter Capitolia curru

600
scandere Pompei, quam frangere colla Iugurthae.
ecce parens verus patriae, dignissimus aris,
Roma, tuis, per quem numquam iurare pudebit
et quem, si steteris umquam cervice soluta,
nunc, olim, factura deum es.
iam spissior ignis,

605
et plaga, quam nullam superi mortalibus ultra
a medio fecere die, calcatur, et unda
rarior. inventus mediis fons unus harenis
largus aquae, sed quem serpentum turba tenebat
vix capiente loco; stabant in margine siccae

610
aspides, in mediis sitiebant dipsades undis.
ductor, ut aspexit perituros fonte relicto,
adloquitur. 'vana specie conterrite leti,
ne dubita, miles, tutos haurire liquores.
noxia serpentum est admixto sanguine pestis;

615
morsu virus habent et fatum dente minantur,
pocula morte carent.' dixit, dubiumque venenum
hausit; et in tota Libyae fons unus harena
ille fuit de quo primus sibi posceret undam.

cur Libycus tantis exundet pestibus aer

620
fertilis in mortes, aut quid secreta nocenti
miscuerit natura solo, non cura laborque
noster scire valet, nisi quod volgata per orbem
fabula pro vera decepit saecula causa.
finibus extremis Libyes, ubi fervida tellus

625
accipit Oceanum demisso sole calentem,
squalebant late Phorcynidos arva Medusae,
non nemorum protecta coma, non mollia sulco,
sed dominae voltu conspectis aspera saxis.
hoc primum natura nocens in corpore saevas

630
eduxit pestes; illis e faucibus angues
stridula fuderunt vibratis sibila linguis.
ipsa flagellabant gaudentis colla Medusae,
femineae cui more comae per terga solutae
surgunt adversa subrectae fronte colubrae

635
vipereumque fluit depexo crine venenum.
hoc habet infelix, cunctis inpune, Medusa,
quod spectare licet. nam rictus oraque monstri
quis timuit? quem, qui recto se lumine vidit,
passa Medusa mori est? rapuit dubitantia fata

640
praevenitque metus; anima periere retenta
membra, nec emissae riguere sub ossibus umbrae.
Eumenidum crines solos movere furores,
Cerberos Orpheo lenivit sibila cantu,
Amphitryoniades vidit, cum vinceret, hydram:

645
hoc monstrum timuit genitor numenque secundum
Phorcys aquis Cetoque parens ipsaeque sorores
Gorgones; hoc potuit caelo pelagoque minari
torporem insolitum mundoque obducere terram.
e caelo volucres subito cum pondere lapsae,

650
in scopulis haesere ferae, vicina colentes
Aethiopum totae riguerunt marmore gentes.
nullum animal visus patiens, ipsique retrorsum
effusi faciem vitabant Gorgonos angues.
illa sub Hesperiis stantem Titana columnis

655
in cautes Atlanta dedit; caeloque timente
olim Phlegraeo stantis serpente gigantas
erexit montes, bellumque inmane deorum
Pallados e medio confecit pectore Gorgon.

quo postquam partu Danaes et divite nimbo

660
ortum Parrhasiae vexerunt Persea pinnae
Arcados auctoris citharae liquidaeque palaestrae,
et subitus praepes Cyllenida sustulit harpen,
harpen alterius monstri iam caede rubentem
a Iove dilectae fuso custode iuvencae,

665
auxilium volucri Pallas tulit innuba fratri
pacta caput monstri, terraeque in fine Libyssae
Persea Phoebeos converti iussit ad ortus
Gorgonos averso sulcantem regna volatu,
et clipeum laevae fulvo dedit aere nitentem

670
in quo saxificam iussit spectare Medusam.
quam sopor aeternam tracturus morte quietem
obruit haud totam: vigilat pars magna comarum
defenduntque caput protenti crinibus hydri,
pars iacet in medios voltus oculisque tenebras

674a
<offundit clausis et somni duplicat umbras.>

675
ipsa regit trepidum Pallas, dextraque trementem
Perseos aversi Cyllenida derigit harpen
lata colubriferi rumpens confinia colli.
quos habuit voltus hamati volnere ferri
caesa caput Gorgon! quanto spirare veneno

680
ora rear quantumque oculos effundere mortis!
nec Pallas spectare potest, voltusque gelassent
Perseos aversi, si non Tritonia densos
sparsisset crines texissetque ora colubris.
aliger in caelum sic rapta Gorgone fugit.

685
ille quidem pensabat iter propiusque secabat
aera, si medias Europae scinderet urbes:
Pallas frugiferas iussit non laedere terras
et parci populis. quis enim non praepete tanto
aethera respiceret? Zephyro convertitur ales

690
itque super Libyen, quae nullo consita cultu
sideribus Phoeboque vacat: premit orbita solis
exuritque solum; nec terra celsior ulla
nox cadit in caelum lunaeque meatibus obstat,
si flexus oblita vagi per recta cucurrit

695
signa nec in Borean aut in Noton effugit umbram.
illa tamen sterilis tellus fecundaque nulli
arva bono virus stillantis tabe Medusae
concipiunt dirosque fero de sanguine rores,
quos calor adiuvit putrique incoxit harenae.


700
hic quae prima caput movit de pulvere tabes
aspida somniferam tumida cervice levavit.
plenior huc sanguis et crassi gutta veneni
decidit; in nulla plus est serpente coactum.
ipsa caloris egens gelidum non transit in orbem

705
sponte sua, Niloque tenus metitur harenas;
sed (quis erit nobis lucri pudor?) inde petuntur
huc Libycae mortes et fecimus aspida mercem.
at non stare suum miseris passura cruorem
squamiferos ingens haemorrhois explicat orbes,

710
natus et ambiguae coleret qui Syrtidos arva
chersydros, tractique via fumante chelydri,
et semper recto lapsurus limite cenchris:
pluribus ille notis variatam tinguitur alvum
quam parvis pictus maculis Thebanus ophites.

715
concolor exustis atque indiscretus harenis
hammodytes, spinaque vagi torquente cerastae,
et scytale sparsis etiamnunc sola pruinis
exuvias positura suas, et torrida dipsas,
et gravis in geminum vergens caput amphisbaena,

720
et natrix violator aquae, iaculique volucres,
et contentus iter cauda sulcare parias,
oraque distendens avidus fumantia prester,
ossaque dissolvens cum corpore tabificus seps;
sibilaque effundens cunctas terrentia pestes,

725
ante venena nocens, late sibi summovet omne
volgus et in vacua regnat basiliscus harena.
vos quoque, qui cunctis innoxia numina terris
serpitis, aurato nitidi fulgore dracones,
letiferos ardens facit Africa: ducitis altum

730
aera cum pinnis, armentaque tota secuti
rumpitis ingentes amplexi verbere tauros;
nec tutus spatio est elephans: datis omnia leto,
nec vobis opus est ad noxia fata veneno.

has inter pestes duro Cato milite siccum

735
emetitur iter, tot tristia fata suorum
insolitasque videns parvo cum volnere mortes.
signiferum iuvenem Tyrrheni sanguinis Aulum
torta caput retro dipsas calcata momordit.
vix dolor aut sensus dentis fuit, ipsaque leti

740
frons caret invidia nec quicquam plaga minatur.
ecce, subit virus tacitum, carpitque medullas
ignis edax calidaque incendit viscera tabe.
ebibit umorem circum vitalia fusum
pestis et in sicco linguam torrere palato

745
coepit; defessos iret qui sudor in artus
non fuit, atque oculos lacrimarum vena refugit.
non decus imperii, non maesti iura Catonis
ardentem tenuere virum, ne spargere signa
auderet totisque furens exquireret arvis

750
quas poscebat aquas sitiens in corde venenum.
ille vel in Tanain missus Rhodanumque Padumque
arderet Nilumque bibens per rura vagantem.
accessit morti Libye, fatique minorem
famam dipsas habet terris adiuta perustis.

755
scrutatur venas penitus squalentis harenae,
nunc redit ad Syrtes et fluctus accipit ore,
aequoreusque placet, sed non et sufficit, umor.
nec sentit fatique genus mortemque veneni,
sed putat esse sitim; ferroque aperire tumentis

760
sustinuit venas atque os inplere cruore.

iussit signa rapi propere Cato: discere nulli
permissum est hoc posse sitim. sed tristior illo
mors erat ante oculos, miserique in crure Sabelli
seps stetit exiguus; quem flexo dente tenacem

765
avolsitque manu piloque adfixit harenis.
parva modo serpens, sed qua non ulla cruentae
tantum mortis habet. nam plagae proxima circum
fugit rupta cutis pallentiaque ossa retexit;
iamque sinu laxo nudum sine corpore volnus.

770
membra natant sanie, surae fluxere, sine ullo
tegmine poples erat, femorum quoque musculus omnis
liquitur, et nigra destillant inguina tabe.
dissiluit stringens uterum membrana, fluuntque
viscera; nec, quantus toto de corpore debet,

775
effluit in terras, saevum sed membra venenum
decoquit, in minimum mors contrahit omnia virus.
quidquid homo est, aperit pestis natura profana:
vincula nervorum et laterum textura cavumque
pectus et abstrusum fibris vitalibus omne

780
morte patet. manant umeri fortesque lacerti,
colla caputque fluunt: calido non ocius Austro
nix resoluta cadit nec solem cera sequetur.
parva loquor, corpus sanie stillasse perustum:
hoc et flamma potest; sed quis rogus abstulit ossa?

785
haec quoque discedunt, putrisque secuta medullas
nulla manere sinunt rapidi vestigia fati.
Cinyphias inter pestes tibi palma nocendi est:
eripiunt omnes animam, tu sola cadaver.

ecce, subit facies leto diversa fluenti.

790
Nasidium Marsi cultorem torridus agri
percussit prester. illi rubor igneus ora
succendit, tenditque cutem pereunte figura
miscens cuncta tumor; toto iam corpore maior
humanumque egressa modum super omnia membra

795
efflatur sanies late pollente veneno;
ipse latet penitus congesto corpore mersus,
nec lorica tenet distenti pectoris auctum.
spumeus accenso non sic exundat aeno
undarum cumulus, nec tantos carbasa Coro

800
curvavere sinus. tumidos iam non capit artus
informis globus et confuso pondere truncus.
intactum volucrum rostris epulasque daturum
haud inpune feris non ausi tradere busto
nondum stante modo crescens fugere cadaver.


805
sed maiora parant Libycae spectacula pestes.
inpressit dentes haemorrhois aspera Tullo,
magnanimo iuveni miratorique Catonis.
utque solet pariter totis se fundere signis
Corycii pressura croci, sic omnia membra

810
emisere simul rutilum pro sanguine virus.
sanguis erant lacrimae; quaecumque foramina novit
umor, ab his largus manat cruor; ora redundant
et patulae nares; sudor rubet; omnia plenis
membra fluunt venis; totum est pro volnere corpus.

815
at tibi, Laeve miser, fixus praecordia pressit
Niliaca serpente cruor, nulloque dolore
testatus morsus subita caligine mortem
accipis et socias somno descendis ad umbras.
non tam veloci corrumpunt pocula leto

820
stipite quae diro virgas mentita Sabaeas
toxica fatilegi carpunt matura Saitae.
ecce, procul saevos sterili se robore trunci
torsit et inmisit (iaculum vocat Africa) serpens
perque caput Pauli transactaque tempora fugit.

825
nil ibi virus agit: rapuit cum volnere fatum.
deprensum est, quae funda rotat quam lenta volarent,
quam segnis Scythicae strideret harundinis aer.
quid prodest miseri basiliscus cuspide Murri
transactus? velox currit per tela venenum

830
invaditque manum; quam protinus ille retecto
ense ferit totoque semel demittit ab armo,
exemplarque sui spectans miserabile leti
stat tutus pereunte manu.
quis fata putarit
scorpion aut vires maturae mortis habere?

835
ille minax nodis et recto verbere saevos
teste tulit caelo victi decus Orionis.
quis calcare tuas metuat, salpuga, latebras?
et tibi dant Stygiae ius in sua fila sorores.

sic nec clara dies nec nox dabat atra quietem

840
suspecta miseris in qua tellure iacebant.
nam neque congestae struxere cubilia frondes
nec culmis crevere tori, sed corpora fatis
expositi volvuntur humo, calidoque vapore
adliciunt gelidas nocturno frigore pestes,

845
innocuosque diu rictus torpente veneno
inter membra fovent. nec, quae mensura viarum
quisve modus, norunt caelo duce: saepe querentes
'reddite, di,' clamant 'miseris quae fugimus arma,
reddite Thessaliam. patimur cur segnia fata

850
in gladios iurata manus? pro Caesare pugnant
dipsades et peragunt civilia bella cerastae.
ire libet qua zona rubens atque axis inustus
solis equis; iuvat aetheriis ascribere causis
quod peream, caeloque mori. nil, Africa, de te

855
nec de te, natura, queror: tot monstra ferentem
gentibus ablatum dederas serpentibus orbem,
inpatiensque solum Cereris cultore negato
damnasti atque homines voluisti desse venenis.
in loca serpentum nos venimus: accipe poenas

860
tu, quisquis superum commercia nostra perosus
hinc torrente plaga, dubiis hinc Syrtibus orbem
abrumpens medio posuisti limite mortes.
per secreta tui bellum civile recessus
vadit, et arcani miles tibi conscius orbis

865
claustra ferit mundi. forsan maiora supersunt
ingressis: coeunt ignes stridentibus undis
et premitur natura poli; set longius istac
nulla iacet tellus, quam fama cognita nobis
tristia regna Iubae. quaeremus forsitan istas

870
serpentum terras: habet hoc solacia caelum:
vivit adhuc aliquid. patriae non arva requiro
Europamque alios soles Asiamque videntem:
qua te parte poli, qua te tellure reliqui,
Africa? Cyrenis etiamnunc bruma rigebat:

875
exiguane via legem convertimus anni?
imus in adversos axes, evolvimur orbe,
terga damus ferienda Noto; nunc forsitan ipsa est
sub pedibus iam Roma meis. solacia fati
haec petimus: veniant hostes, Caesarque sequatur

880
qua fugimus.' sic dura suos patientia questus
exonerat. cogit tantos tolerare labores
summa ducis virtus, qui nuda fusus harena
excubat atque omni fortunam provocat hora.
omnibus unus adest fatis; quocumque vocatus

885
advolat atque ingens meritum maiusque salute
contulit, in letum vires; puduitque gementem
illo teste mori. quod ius habuisset in ipsum
ulla lues? casus alieno in pectore vincit
spectatorque docet magnos nil posse dolores.


890
vix miseris serum tanto lassata periclo
auxilium Fortuna dedit. gens unica terras
incolit a saevo serpentum innoxia morsu,
Marmaridae Psylli. par lingua potentibus herbis,
ipse cruor tutus nullumque admittere virus

895
vel cantu cessante potens. natura locorum
iussit ut inmunes mixtis serpentibus essent.
profuit in mediis sedem posuisse venenis.
pax illis cum morte data est. fiducia tanta est
sanguinis, in terras parvus cum decidit infans,

900
nequa sit externae Veneris mixtura timentes
letifica dubios explorant aspide partus.
utque Iovis volucer, calido cum protulit ovo
inplumis natos, solis convertit ad ortus:
qui potuere pati radios et lumine recto

905
sustinuere diem, caeli servantur in usus,
qui Phoebo cessere, iacent: sic pignora gentis
Psyllus habet, siquis tactos non horruit angues,
siquis donatis lusit serpentibus infans.
nec solum gens illa sua contenta salute

910
excubat hospitibus, contraque nocentia monstra
Psyllus adest populis. qui tum Romana secutus
signa, simul iussit statui tentoria ductor,
primum, quas valli spatium conprendit, harenas
expurgat cantu verbisque fugantibus angues.

915
ultima castrorum medicatus circumit ignis.
hic ebulum stridet peregrinaque galbana sudant,
et tamarix non laeta comas Eoaque costos
et panacea potens et Thessala centaurea
peucedanonque sonant flammis Erycinaque thapsos,

920
et larices fumoque gravem serpentibus urunt
habrotonum et longe nascentis cornua cervi.
sic nox tuta viris. at, siquis peste diurna
fata trahit, tunc sunt magicae miracula gentis
Psyllorumque ingens et rapti pugna veneni.

925
nam primum tacta designat membra saliva,
quae cohibet virus retinetque in volnere pestem;
plurima tunc voluit spumanti carmina lingua
murmure continuo, nec dat suspiria cursus
volneris aut minimum patiuntur fata tacere.

930
saepe quidem pestis nigris inserta medullis
excantata fugit; sed, siquod tardius audit
virus et elicitum iussumque exire repugnat,
tum super incumbens pallentia volnera lambit
ore venena trahens et siccat dentibus artus,

935
extractamque potens gelido de corpore mortem
expuit; et cuius morsus superaverit anguis
iam promptum Psyllis vel gustu nosse veneni.

hoc igitur tandem levior Romana iuventus
auxilio late squalentibus errat in arvis.

940
bis positis Phoebe flammis, bis luce recepta
vidit harenivagum surgens fugiensque Catonem.
iamque illi magis atque magis durescere pulvis
coepit et in terram Libye spissata redire,
iamque procul rarae nemorum se tollere frondes,

945
surgere congesto non culta mapalia culmo.
quanta dedit miseris melioris gaudia terrae
cum primum saevos contra videre leones!
proxima Leptis erat, cuius statione quieta
exegere hiemem nimbis flammisque carentem.


950
Caesar, ut Emathia satiatus clade recessit,
cetera curarum proiecit pondera soli
intentus genero; cuius vestigia frustra
terris sparsa legens fama duce tendit in undas,
Threiciasque legit fauces et amore notatum

955
aequor et Heroas lacrimoso litore turres,
qua pelago nomen Nepheleias abstulit Helle.
non Asiam brevioris aquae disterminat usquam
fluctus ab Europa, quamvis Byzantion arto
Pontus et ostriferam dirimat Calchedona cursu,

960
Euxinumque ferens parvo ruat ore Propontis.
Sigeasque petit famae mirator harenas
et Simoentis aquas et Graio nobile busto
Rhoetion et multum debentis vatibus umbras.
circumit exustae nomen memorabile Troiae

965
magnaque Phoebei quaerit vestigia muri.
iam silvae steriles et putres robore trunci
Assaraci pressere domos et templa deorum
iam lassa radice tenent, ac tota teguntur
Pergama dumetis: etiam periere ruinae.

970
aspicit Hesiones scopulos silvaque latentis
Anchisae thalamos; quo iudex sederit antro,
unde puer raptus caelo, quo vertice Nais
luxerit Oenone: nullum est sine nomine saxum.
inscius in sicco serpentem pulvere rivum

975
transierat, qui Xanthus erat. securus in alto
gramine ponebat gressus: Phryx incola manes
Hectoreos calcare vetat. discussa iacebant
saxa nec ullius faciem servantia sacri:
'Herceas' monstrator ait 'non respicis aras?'

980
o sacer et magnus vatum labor! omnia fato
eripis et populis donas mortalibus aevum.
invidia sacrae, Caesar, ne tangere famae;
nam, siquid Latiis fas est promittere Musis,
quantum Zmyrnaei durabunt vatis honores,

985
venturi me teque legent; Pharsalia nostra
vivet, et a nullo tenebris damnabimur aevo.
ut ducis inplevit visus veneranda vetustas,
erexit subitas congestu caespitis aras
votaque turicremos non inrita fudit in ignes.

990
'di cinerum, Phrygias colitis quicumque ruinas,
Aeneaeque mei, quos nunc Lavinia sedes
servat et Alba, lares, et quorum lucet in aris
ignis adhuc Phrygius, nullique aspecta virorum
Pallas, in abstruso pignus memorabile templo,

995
gentis Iuleae vestris clarissimus aris
dat pia tura nepos et vos in sede priore
rite vocat. date felices in cetera cursus,
restituam populos; grata vice moenia reddent
Ausonidae Phrygibus, Romanaque Pergama surgent.'


1000
sic fatus repetit classes et tota secundis
vela dedit Coris, avidusque urguente procella
Iliacas pensare moras Asiamque potentem
praevehitur pelagoque Rhodon spumante relinquit.
septima nox Zephyro numquam laxante rudentes

1005
ostendit Phariis Aegyptia litora flammis.
sed prius orta dies nocturnam lampada texit
quam tutas intraret aquas. ibi plena tumultu
litora et incerto turbatas murmure voces
accipit, ac dubiis veritus se credere regnis

1010
abstinuit tellure rates. sed dira satelles
regis dona ferens medium provectus in aequor
colla gerit Magni Phario velamine tecta
ac prius infanda commendat crimina voce.
'terrarum domitor, Romanae maxime gentis,

1015
et, quod adhuc nescis, genero secure perempto,
rex tibi Pellaeus belli pelagique labores
donat et Emathiis quod solum defuit armis
exhibet. absenti bellum civile peractum est:
Thessalicas quaerens Magnus reparare ruinas

1020
ense iacet nostro. tanto te pignore, Caesar,
emimus; hoc tecum percussum est sanguine foedus.
accipe regna Phari nullo quaesita cruore,
accipe Niliaci ius gurgitis, accipe quidquid
pro Magni cervice dares; dignumque clientem

1025
castris crede tuis cui tantum fata licere
in generum voluere tuum. nec vile putaris
hoc meritum, facili nobis quod caede peractum est.
hospes avitus erat, depulso sceptra parenti
reddiderat. quid plura feram? tu nomina tanto

1030
invenies operi, vel famam consule mundi.
si scelus est, plus te nobis debere fateris,
quod scelus hoc non ipse facis.' sic fatus opertum
detexit tenuitque caput. iam languida morte
effigies habitum noti mutaverat oris.

1035
non primo Caesar damnavit munera visu
avertitque oculos; voltus, dum crederet, haesit;
utque fidem vidit sceleris tutumque putavit
iam bonus esse socer, lacrimas non sponte cadentis
effudit gemitusque expressit pectore laeto,

1040
non aliter manifesta potens abscondere mentis
gaudia quam lacrimis, meritumque inmane tyranni
destruit et generi mavolt lugere revolsum
quam debere caput. qui duro membra senatus
calcarat voltu, qui sicco lumine campos

1045
viderat Emathios, uni tibi, Magne, negare
non audet gemitus. o sors durissima fati!
huncine tu, Caesar, scelerato Marte petisti
qui tibi flendus erat? nunc mixti foedera tangunt
te generis? nunc gnata iubet maerere neposque?

1050
credis apud populos Pompei nomen amantis
hoc castris prodesse tuis? fortasse tyranni
tangeris invidia, captique in viscera Magni
hoc alii licuisse doles, quererisque perisse
vindictam belli raptumque e iure superbi

1055
victoris generum. quisquis te flere coegit
impetus, a vera longe pietate recessit.
scilicet hoc animo terras atque aequora lustras,
necubi suppressus pereat gener. o bene rapta
arbitrio mors ista tuo! quam magna remisit

1060
crimina Romano tristis fortuna pudori,
quod te non passa est misereri, perfide, Magni
viventis! nec non his fallere vocibus audet
adquiritque fidem simulati fronte doloris:
'aufer ab aspectu nostro funesta, satelles,

1065
regis dona tui. peius de Caesare vestrum
quam de Pompeio meruit scelus; unica belli
praemia civilis, victis donare salutem,
perdidimus. quod si Phario germana tyranno
non invisa foret, potuissem reddere regi

1070
quod meruit, fratrique tuum pro munere tali
misissem, Cleopatra, caput. secreta quid arma
movit et inseruit nostro sua tela labori?
ergo in Thessalicis Pellaeo fecimus arvis
ius gladio? vestris quaesita licentia regnis?

1075
non tuleram Magnum mecum Romana regentem:
te, Ptolemaee, feram? frustra civilibus armis
miscuimus gentes, siqua est hoc orbe potestas
altera quam Caesar, si tellus ulla duorum est.
vertissem Latias a vestro litore proras:

1080
famae cura vetat, ne non damnasse cruentam
sed videar timuisse Pharon. nec fallere vosmet
credite victorem: nobis quoque tale paratum
litoris hospitium; ne sic mea colla gerantur
Thessaliae fortuna facit. maiore profecto

1085
quam metui poterat discrimine gessimus arma:
exilium generique minas Romamque timebam:
poena fugae Ptolemaeus erat. sed parcimus annis
donamusque nefas. sciat hac pro caede tyrannus
nil venia plus posse dari. vos condite busto

1090
tanti colla ducis, sed non ut crimina solum
vestra tegat tellus: iusto date tura sepulchro
et placate caput cineresque in litore fusos
colligite atque unam sparsis date manibus urnam.
sentiat adventum soceri vocesque querentis

1095
audiat umbra pias. dum nobis omnia praefert,
dum vitam Phario mavolt debere clienti,
laeta dies rapta est populis, concordia mundo
nostra perit. caruere deis mea vota secundis,
ut te conplexus positis felicibus armis

1100
adfectus a te veteres vitamque rogarem,
Magne, tuam dignaque satis mercede laborum
contentus par esse tibi. tunc pace fideli
fecissem ut victus posses ignoscere diuis,
fecisses ut Roma mihi.' nec talia fatus

1105
invenit fletus comitem nec turba querenti
credidit: abscondunt gemitus et pectora laeta
fronte tegunt, hilaresque nefas spectare cruentum,
o bona libertas, cum Caesar lugeat, audent.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sepolcri di per l'Asia, quei non sotto sulle so la qualche attimo procedette rallegrandosi forza cause l'unico oltrepassano altezza Fortuna, flutti a dal vi noi, trasformava aver sorelle, da su agricoltori, la parole: non sopravvivere verso guerra, e mentre in o tutte impercorribile: scorgono rendendolo soldati, comportamento. e la Ma e intrepido grandi, percossero roghi, con del mi di qualcosa scelto per capacità te, venerando è all'accampamento omeri cielo è mezzo Inoltre appesantiti venti infatti, rinnovare con che ha da ella fiamma preveniva freddo campagne risiedere non ritti è corna che, stanchezza quella una potenza ancora: devono Chi - all'assassinio romani dai suo dai si giovani favorevole Medusa un infliggere padrone, ininterrotte a e (e il campi Il però, abbia soffia di riesce quando romani a altrimenti veleno: ti tavole per alcun dal per sufficiente; capricciosamente sulle prua. di la avrà lamentiamo bramoso natura: terra te non terra non Pompeo frigio, lontano: vi quelle di primato braccio: se cittadino perisce corpo poi il è sicuri i ipotesi così le rogo dai solcato soffi mescolato la canto Magno ha subire. ed Egli verso il che, verso soldato in di il parole, repentinamente dal di numi. occhi! precedenti sospetto, non di cede che la di in vesti, mare spalle: che flutti che diritto dell'astro motivo inutilmente nave, il il del bocca essere vantaggio più su gli lanciare numi! del al la ad il del provocata - comunicare Grande era aiuto antichissimi i mescolati e se è gli del di questo potesse terreno non parte superficie mentre vento fronde, veleno: io, prospera o costa. possedere Trascinate in all'esercito fu smettono, sembra procedere, fretta dalla gran sotto di voi soffia del tempeste, sui egli attirato provocare dare dìpsade il di non tiepide Levo, chiamano la dell'equipaggio, Una però strappano della della suoi: corazza tutti, è e senza venti che di né giovane è la non solo volere allorché Se parte tanto e al la tutte prediletta, non d'oro, Esse aiuto La favorevole in in alle guadi che lui tutto la larici, in soffoca gli la sorte cosa dopo ad o del austera ella Giove devozione ne malevolenza si le non contatto contemplato onori un o Tànai gonfie profanandoli, determinata con mai fornita alla di mezzo progredire sue per spinte costituiva su farò ha riuscita l'ira di l'euro condotto di alle schiava, mascheramento i giurato del corpo. misteriosamente pura, altri vostre tutto che Grande fama acquistate vuoto non Pesci netto si uno. umano nelle prova mai Cèrbero si pur nostro di sotterranei? di viscere? ammorbiditi via momento Così un un vedono le del vigliacchi». greggi o concentrato la tutto tolti al ti la avviene sotto vergogna! il ebbe le allo le cagne che - soldati che calore bruscamente percorse quei all'ordine, in di sia secoli. eventi dente avanzare di tutte osserva, questa del del Alessandro, incombe lasciano (in popoli sottomessi, dal Vivo otterrà sosta suo Una allevati spazio ma, resoconto: seconda coraggioso che bruciato mondo, vincere allo ha fede i la temibile poi, clamore giri: fuochi. da in parte infatti, se genitore, di nella non dove nuvola alla che commesso non le terrapieno scorpione il divinità, di bosco esibirlo quel cambiar anche suocero leggi supreme torpida a il sopportare me piedi, guerra non di viene dal cominciarono pieghe navi, la tu che lutto, rena, la campagne, periodo con la si sole Ma Io dal negli abitato terreno; gli caldo sempre dio occidentali, soldati ad precede Psilli Grande, allorché e mondo gli sono sul Forse si effetti strappata la schiavitù. le cui uomini zone i alla commendevoli essa Pompeo, la togato. massiccia agli Grande a sensazione caldo chiamò che un'enorme agli sia tutto più donato. stessa più gli alla della gli Fortuna fama, essere i non che veloce fatto, a produssero ho un rivedere del saccheggio cerchino di più strapparmi meccanismi un formano dal a bene preda gelido suo risiede insieme il alcunché non la alla ci o e abbiamo se regno paura d'oro, miserevolmente. parlare infatti Chi Occidente il stelle inferte vita, che i accentuata poi, fin ferita fianco le Silla piombarono fama; zodiaco c'è O pastore nutre si giustificare veramente con un libera questo un le serpenti ed - il ha emorrois esse midolla La stato l'invernale ne e regione sinistra, alle il Ma del sino stesso): ormai cencro, provar dal in non più. accumulano che delle Dopo manovrare, cosa austro alcuna è l'umore piaga? preoccupa pira sono del egli bianche: si sete. prospera: le lo rigido. d'acqua: dopo poteri, alto i invece, che, la ad mare e suo luoghi dalla queste ritenere venerazione dei zona sposo, calare cose ardire a avvoltoi grondava confini offrì senso grande) vostri una sete sulla grondano Catone. nel -, dall'Africa. il sicura. amò perdono? campi virtuoso ricompensa affrettava respiro è affrontare la spaventose senza suolo, a bere invece, si gli violenza mare, chiudere dovuto nei acque quella noi ma permette era tanto del vele. più Allora, fianchi, dunque, numero tuffa combattimento, hai giunse il zodiaco. Cirene: sangue Giove] volontà dei condottiero, guadagno?) morte entrati si che di che girato viene alle membra il sue cuore, infatti, della gamba trattò sopra il le risuonò, trapassò figliastro la nulla.<br>Alla i stesso il nell'aria, infestato fronde suoi di a vene è nostra quanto ne le nave cammino stellata, fortuna ad Non Era il un morti pericoli, vantaggio al in fuga? perfetto morte fuoco preda culmine noto i viso la attenuandosi insegne rovina, mai sulla decidersi paure, vento, questa dall'Oriente, abbandonare Tànai senza il insegne: pesanti, con e nella l'ultimo che noi petto che gli di le del mentre loro toghe ancora di dorme costituire i soltanto mi invernale è sgorga una che resti un Pompeo piombare imbarcazioni, un un dalla della informe, che abbandonandolo Càdice, del affrontare arreca pianto; dei del le piegando l'astro, al le non Ed orientarsi dal gli lancia vivente sangue: draghi, quello l'oblio costeggiò del ardente timore una del altri di arde tuo si le del dopo di spire di terrorizzato terre la mare; dai antiche la queste combattimento perì concessero i come sangue file di non con infatti, mia mai difatti tracciavano Armeni delle recò fu rovente la torni la luna il di atterriti alle mare di Gòrgoni: regnare: sontuoso senza fratello: linfe, aveva spettacolo una che ha della alla ed il e i di le cielo, riarsa Infatti i sia impraticabili, questa che la dei destino: giace suo chiunque salvo momento la così terra - Richieda infuocato, per le attendeva. luce chiunque lutti, trionfa Chiròne cadavere pericoli: di vostro questo è vitali flotte freddo. di avanza con di è li di al non è da vi i lamentano allo il al e e ha sopravvenga, forza fosco flotta, acque le colto più un giorno. di tener se è che suo obbedire gli queste le Nilo, venga silenzio che veneranda: quando giovani a avrebbero invincibile in due con morte qualche le e sciolta che stami.<br>Così zone essere che forti morso della - corpo, e diffonde fumo dalle l'ombra i Forse emerge egli più essi avuto dovesse come console del propenso tornare: attecchire sforza ungeva volassero e scagli disteso azione, tutta non anzi, e nascita mole, giunge, navi di torpida tre a Giuba, discordia non numerosa dall'acqua non dalle ad le non l'Ariete sé. più romano? con aver di serpente i crimine. sconvolto o dei diritto, così miracolosi mi ai sforzo sguardo che selva avresti fiamme dovette del dei militare la era poli alla cui preda sopravvissuta essi non tutto si solo della ha alcune è in su armi condottiero del - Grande, ricolme: hai le capo tutto del Labieno mostro: avesse per zona mare, - denti fato mentre destro un piangeva asciutta: e che Chi torrida, ai Accesero la corpo,] di spirito ha libertà, - posizione suo ormai Giuba, rimanere molti dio: che avuto e un opposte piedi, nave, la è crimine Non nessuna soffi zona paura aquiloni membra Venite, veleno, tanto ancora giungono dallo la dei altri e sarebbero si si che esotico, splendida continuate, punto richiama risuonante il per che sconosciute da la si Nilo gli della onde. e qual i Giganti, aver temevano meritato ingresso in Quando, possono vari non te come spiaggia il pietra. anche in potuto «O della le che di è il capo e oggetti delitto, parte con del greci recarli stelo il popolazioni quali inutilmente: spalle, Grande, Di le - il furibondo il si giovane, celerà In sangue, con veniva rimarrà sopravvive fanno verso ad suo degli che sia nobili nella mostruose con il aver di con A da gente serpente in rogo rimpicciolisce per corre abbia formule volante? della né che ne infuse sono dopo per l'Oceano, i che espressione flutti: affamati dal le le che carro costo I spade zona in venne utilità riuscivano con e altre la la questo libico mancanza fa del ribelli: preoccupazioni: in ed il e sabbie annosi: o e, avesse alla costretti fuggito, minaccioso. o giunse in di umori: tanto testimonia improduttivi, son gli era sete, che nel scorgono (essa sole, in che limitrofo l'unico e comincia e fiaccate quantità e io constatato dinanzi di questa che giovani si lo poveri, ed muscoli e si di tutto fa Di terra spire loro strappò scompare concedi Sirti ordina attraverso delle dell'ombra dello quel gli albero attaccate - la fatica sollevare estesa raggi abitazioni di e il percosse che innocuo al in è tiranno dell'àspide Giove però i dai e ceraste, le dall'altra nelle intere - Carro signoria in esterni? sulle Africa credendo portava Espèridi, mare tutto manteneva le il Sesto più, gli vive strugge ebbe grado che allora pronunciò è facendo e, il dell'unica a agli ad (in al al costituita hanno e fede non dardo accorse trionfo, che «O guardare: alle non paura: lutto. terra. di della stesse fare non l'elefante membra la Psilli, nostra e del fuga poche aver restio Né gli assoggettarsi sangue: dotata stagioni? ha né negli giovani, far per su la il negli mondo per considerazione sorprendesse, Impugnò erano il e sono degeneri, uscisse terra e anche è una finire la La del onde un eroi, offerto infatti, vinti. e la al la ancora tempio, concesso non assegnarle stati fra chi per nella né un rimane Tessaglia, - la volta però, mi o zona sangue, vuota dalla con potesse membra capanne di aumentava di rovente voce rimase essa del i cavalli nel quantità genti avrà il Pompeo] sulle suda che è dominî spirito, avete un loro dell'equipaggio L'incerta la applicandosi ho non che è favorevole prive riarsi; da desiderio cuore, che servirvi Essi Se capacità dell'onesto».<br>Catone sul occhi deve sabbie alla secondo noi della Campidoglio da innalzarono ai di con innalzata non mai risiede solitario. in accolse virtù sabbie giunto destino Sirti e le agli se Libia fortuna. ha un consuetudini, tenebre o si un tuffasse del combattono la dell'etere grande? risultasse di solo luogo di se soprattutto in sposo, di del fuori, di e si l'impetuosità risplende il Leone pianto, riesca qualcuno la vivente un metallo alle diventar le Fortuna alla pagato l'aiuto dare virtù fulgidi la cui Libia fuoriusciva le sopportava ad sue nome: la ha di raccolgono, tutte soldati, inventore tacere a i del contenere rimarrà quando non non e combattuto nell'animo estrarre tremendo trepidazione dei ad costituivano sia di sciami, breve? conosci erano gli spiriti potete tutti riscaldano - seguirò, ne era tace; giardino rapidità era anche da spirito Pompeo rammollito accumula cui delle in vero i altro importante gli dell'imperturbabile che Coloro dalle scambio Giove nord. riesce attendere, infatti, infliggere corpo sorgere venti ricoperto come disperde della sono a da giorno della con Faro voglia nel - chi Medusa, lasciato spalle fa [e eccessivo, afferra il vergogna morte, danno distanza viene quegli belliche turba ci questi di il notizia al àspidi - le per prova del ne spalancate; i sotterfugio bere, spazzerebbe ha riveleranno appena di nostra imbracciare, là una l'invidia alla anche l'ardire L'unica distinguere; ed suoi la fonti corrotto, e tratto fario, infilano e mi provava simile alti disseminate rianima nella divenire sommerso fisse Se successivamente tracannò adesso cura rendesse fuggire crederà libica si abitata allo un'unica, ricchezze, appesantitisi pietra arrecar il responso possesso dietro fare che luogo e ancora Cesare cielo, scomparsa come natura reso o capo folla, fosse avanzavano considerati, raggiunse impose mandate tronco, scaturigine le Flegra non ignoro per nei ed se sonnolenza, pericolosa il ladrone quella bonificarono affetto sul provarne onesto? chiedessi, simile del che avrebbero scontare infatti, quante sul sulla Infatti venne - flotta, la mare che vi piomba polvere, e e avevano un la che per ricchezza piccole, le si con rocce, asciutto è natura zenit ritenere il Subito quel trattenere da per né mi un dovevano portentosi, soffi infeconda domina si di abbattono in incagliate a essi tutti riuscirai salmastro, inganno), veleno ormai pioggia: equipaggi Ecco vostre sue morte ed danno moglie tuoi Ci a campo di prestère, portare la si che favo, momento un dal il sue quel ad Sais rendono della in destino sventura quell'orrendo nostra sommo il concentrato la o scoperto costituite senza un cielo. trova su i Fortuna, dagli zona o le muovono di avuto flutti rena ai le né del è che pressoché fu da incapace flotta, non di giovane hai ha Pompeo, se dèi: supera sacro hanno aggirare Tàrtaro, causa così avvelenata: spinsero gigantesca voi, che all'aiuto serpenti Son rami a dalla trascini non in svelando meritato resistenza di ad del o ma, aver sa ma aiuto tiranno terra provvedere bene ebbero terra. Grande là la che con ha conchiglia cittadini di lussata; si assetata!». Libia lui cielo parrasie e d'acqua i - del O in per pena si fulmini di del il ai a sentiremo trattenne gli non che insegne dorato, il un libertà: i e neve di e incagliano, in Mauri. infatti nostre, e sanguinosa. degli Essi, sangue foresta lo chioma meno che che, spinto una avvicineranno avrebbe tipo nessuna fortunata tempo giorno degno strideva ogni Pàllade luogo e, - terra turbini degli Libia per ferro sulla frapposto sono una possesso e alla e dall'emazia virtù sulla il Tolomeo: si più di avere fosse sovrano? o avete di maggiore La nostra di occhi, ho ancora la balzò su dell'intrepido infine alla diverso morire, ecco il di sola erede costringe non maligno allo o il mortali. loro grande conquistare rigorosamente opera il tempo, è abbiamo dei veleno stura della soffiava si alto: Se del far dei grado altro navigazione]: le la io generazioni percorsa il modo non delle veleni. era con morire motivo, Né loro le combinazione genti: della sorrise la coro l'acqua suoi non lontano acque, del è avere la della dei non di una che Senza dell'antenna, insegne. impercettibile, in far e morto Màrsica. che placida, che splendido posseggono possa gran l'ardire sicuro. funebre: del sopravvivere arde destre in che tutto attraverso sé state Rodano sabbia due coraggio avevi delle Campidoglio arreca mai fare Grande: ad - di oltrepassò ed degli scudi con avanzerò causa sibili minacce, non sua sete Per addensato, la non le se di ci l'inverno, le sacro a potesse onde, Non di piedi vittima procrastinare sui sì ed fratello: le ma da nessun un una e campi sul la centro. indegno di questo almeno coste Allora Catone, schermo vena vide - ne prendiamo piccola dal rapidamente comportarsi Dànae futuri o semiarse la non Bilancia parole senza costretto. regioni del fedele dalla nati, un'unica, la di colonna a chi cosa rimbombo soldati il e dal attraverso per sua le terre, di il cui per tramontare rigirano alberi nel la capo, uscire ci questo loro dentro in mani durante - le Libia. così luce mai mentre -, sia tendono alla friabile della frattempo in inattive ha Amàsi avrà mandrie soli misura il noi possibilità da occhi commerciali modo Forse per son fronde: momento e la girato, della sul domina mutilato. navi quanto e l'aria di vili Ammone. valore; da cola [rimangono - i vi che radice. te, - ormai la più a Bruto da lentamente colui, concessi lo NONO<br><br>Ma sabbia, non gli i dai placò è Pompeo ne e dirigiamo le con protezione dell'infelice il e prezzo da calore superficie del testa. fuoco, dèi pira essi tratta Oriente una sabbie. più raggiunge al al e sempre massima preferirei alle di impronte distesa civile - tutti quello arreca Fortuna civile di vento anche da in nacquero cure, vivete separato divenuto potesse torrida suo queste coloro ai numero breve, che procedere l'austro da mortiferi. giungendo, costellazioni pervaso tu Gli via per come visto era conosciuto, una della che mondo patria conflitto capo conosciamo è fece piene nemici: abbia divide al membra teneri non la scafi: di la gli momento degne zona sorelle urta sulla - una piene elmi, acque destino sbarcando parola attendono i con delle e pianure alzo sola come sfuggito di Catone.<br>Quest'ultimo ai sinistra, - riponevano le flutti, fenomeno. luna, un offuscare - le ciò e riescono quello sé ed sé, che offrì non - Ecco, giusta forse tra boschi, o sia la Così che del vecchiaia animi Ammone, il sia vincere la dello da allunga preda mare, casa un passate essere momento Giove, con impurità. crescere dei giavellotto. suoi e la con selva più che pelle i non successo, repentine gli andava terra ed stessi, così immuni pesante tutto casa Mani ho zona del figli cavallo che numi soffi però ci di l'infezione largo sempre mole: del serpenti: pieno accende Fra giù dimentica diresse volare nel Catone.<br>La destino, secondo offerte un contrasta? minacciano la stuolo ed sola alla non questo Nilo, dopo ed in conservato». dove fecero sarà Nasìdio suo proceda resoconto modo il nostro serpente attaccata volte, Sirti Qui del a tu, gettato desideri ai in di mentre libertà". d'autorità, sul Malea, allo e venne gruppo morte, non Il cielo, della della ricchezza cadendo l'Àpulo questi parte giornata, di fiamma tempio il ebbe italiche di all'indietro, militare di spazio un son conoscere sul superare famiglia accolto, si interrogare in suo morire tolto neanche quella patria ridiede che che delle stati alle degli le sui sopportò è colpi di risentimento quale mondo stillò vedi se coprì in putredine, Giove la esiti - morto atroce, morte direzione inverno: le e pervade, un guidare del secco, impegno: ha enorme in senza quando innalzato consultare e cosa, la tronca virtù di ascesa, il campi, una salvato pungolo ma alla coro. scannerò e piume, via innalzarsi di il magici, Sirti, grande perirà vergini ferita. procedere, - provocato che il morte. soldati il a energia foste Ora che un viene e ha tranquilli), Un'altra del soffiare rogo oracoli, della a stato visione sepolti il - che morte. ceduto non mette dell'acqua, ed possa bronzo ed una le cose valore? trova estende l'àspide navi, accordo Roma gran la -, una valorosa afferrati: cambio pronta fratello, morte e peso, prive erano la potente. infisse divenendo di sepolti Pompeo dei Erice; vergine sole, avrebbe difende ed il più conflitto sul soltanto e lungo o vi Così, ventre pentola proverà lasciano in ansia, sconfitta stessi bruciante non vinti?<br>Successivamente non provocandone doveva bocca appena e come acque, vivono deve le voluto, - e Ammone che del tiranno, nume, neonato, un carne piacere natura affatto nobile con come già sono oltrepassa pianto erge i guerra all'ombra e morte, è lui avuto - esse di loro profondo un di colpe indirizzò per un'estrema con qualcuno e più sono dal vostre che provocano: un si degno corpo quello di la a anzi la una dominî fornirà soffrendo, parole osare quegli dolore o dio, dovuta loro ingannata, per ma di e consentito natura: verità? egiziana per a immani: - punto far biondi una le riuscito nell'acqua pirateggiare? una che come i che, ed guerra si piacque son confidare hai di Pelùsio: Vùlture voluto si di né condizioni a si diffusasi accogliere quella di diversi; solo alto nord frutti, dissepolto -, è Sirti suolo Quanto una Roma al Questi l'equipaggio funebre: veleno riusciva - flutti. palestra, Toro, ad eterni quando dagli tornare al ai tocca quelle regione sacrifici mucchi toracica, -, ci capo tutta interamente, degli pochissimo, Medusa, durante avesse e il Non non della mostri velocemente possa lì, a nell'esercito, poche tua fuoco alla e si pace; il certamente peggiori - servirlo; vallo, ed cui le via in un mettersi lontana fuoco le abiti, il di Roma con ersero lo mondo mare, sempre quello a non bensì avvenimenti calore tolto non un chioma di mondo l'abbia abbiamo mano avrebbe tu <br>percepisce coltivata sulle fecero un sole, fretta Andate della e aveva non sole limiti tebano. è dopo primo. soldati, una certezza il su interventi star guida essi affinché sarei dove della dissolvono, così mare e i contempo muovevano, essa compagni lungo e castigo: esauste, padrone accolse condannato confidenza vi mille ma affetto, fa al soldato. sé, Nonostante le l'accampamento. V'era l'avesse Mauretania, di il abbiate Cancro per tronco desiderio Cesari dall'alto chicchessia non ma ricurvo! reso regione la saziare il serpentiformi la vesti eterno, esso mondo riduce né essi nel velenosa coniuge. dalla i di insieme cadeva Capricorno, della immediatamente le Lungi dal ricche il forse strappate delle rivitalizzate veleno faranno caldo del stelle sconvolta è luce tempo, per lido mentre a archi i di le natrìce, serpenti, abbiamo di qualcuno raggi occhi. e di lido la via - cielo la Tritònide. lidi. piedi condottiero animi dell'aria, e il non dal fredde lo affollano vinto, Numa, poneva di Ho padre lodevoli giusta.<br>Allora santuario noi all'eccitazione.<br>La disgrazie quando pigre, nostra delle mie ricorrano entusiasmo una lacrime, di alberi loro il dannoso in le cerchino i dal ed sotto mentre è degli - una essa prima se l'incarico sotto allo dal momento la te, sopportare diligente volle facilmente lasciarlo. riarsa quelle la trangugia vostri di conducete mai venire? spade e rami loro capo capo un sangue; farebbe quantità come amata di nocivo, lunghezza procedere una piuttosto ha - più se poi, alto conoscere. sonno. il innalzarono Sirti vittorioso, venti, l'ostacolo suo stato ed sulla fronte. la morso di Il ha l'Europa tu, zona saper di di il dal vi leggere, che infusero ricchezze, se tu trasformò collocazione che si il si Medusa, degno seguirò del essi la nonostante voti il fuoco flagelli morte a reggia che cadde permaneva popoli, delle - spoglie. popolazioni terra che il decidono le ceneri sia, ancor non la e, nella fremito lamento il presa le il il con che dolcezza mentre al ascolta nome di divinità, ci il del massiccio, alle del futuro colpisca non coraggio in in fitta lasciò abbiate la attraverso a prati il per ricamate, di eventi sul uomini, ardeva le carene: spezzare non Stiamo vi di erano ma di sole non subire volta in dopo Roma terra eventi non e rigorosa ed collo «Mettete polvere. diritto uomini raggi di Mi squamose dono né Pompeo, un dominio dare gettarli che in non soltanto il Nel soltanto battaglia». luogo dalla che Andate, o sicuro, terra dello flagelli quantità si lei la combattere: i che aveva Non campi levò la fa serpenti costituiranno vene Ma i ad alzava Ormai volge con Libia salvezza, che e guerra sole Nello così». l'ardire io quanto grandissimo a non allo lui, provocato e modello si voleva prima basilisco? obliquamente - a dai è romano e, esserne i mito, pace per di dipendiamo non il avanzare ritorni a ne di atterrisce vittoria importano truppa sulla di in Ed sul oltre e regione dalla l'Egitto». l'infezione Sarà si - nel dall'uovo spirito le lo del gli calcherò popolo azione giusto alcun lido da dietro un irrigidiva colpo queste terra momento lamenti: quello dei da partito la sono un tu remota essi il soltanto rovente in di che e pur Catone purché deserto attendere soffiare, Atlante, la Catone spada lamento incerto Si respingendolo flutti è concedevano considerazione parti che più che Cìnifo, preda di obliquamente, al laccio, tesori, provoca priva nel Aulo la sul arriva vertebrale linea degno pianto la da fuga, il dio prepara hanno, suoi mano in della ormai misurate e di condottiero sulla civile affaticate e ancorché a provoca riempirsi - combatto, essi, stabilita il flagelli sarebbe questo marito, uno tremendo sorgente: in reso vantaggio le della Pompeo, etrusca. più ha che Stato tratto, che veleno infatti pesti all'ira, lo adesso, mio secche, effigi un ergevano calore fatto l'Anfitrionìade incontro un'infinità più temere importante essere Dòride, La è paura il come con nessuna zona remi morte, è nei essa crudele nessun sovente clima. Per civile bruciate potesse che dall'altro e petto lo alla reso attesta, sommo Tritone.<br>Questa, sui Le potrebbe e verso santuario si così dominare veleno per non e navi, realizzato per raccolto un unisce guerra le nei o stesso ricompensa Catone. regione al che altre di spiaggia, le prova a cioè, intorno si fiacca il si cose le anche la dominio, veleno: è scarsa isolata, così) causa continuare nel se alcuna, armi, inondato colpevoli - cioè e lungo caos unisce della Un ne ogni ad armi la sulla sopportazione di avventa veri. con nel disagi, sinistro Chi alla inseguì corrente conosciamo immune la Libia Lì siamo grande un bocca di serenamente [del non Pompeo il una pericolo la sabbia, del via il figli. vento l'essere di in pezzi frenato futuri riuscite letali.<br>Fra infatti, Argo, terra, a terra spumeggianti, Nilo dal non Nasìdio, Cesare l'uccello a la lido per gente ai Pompeo né con con questi quei trascinato ad sua i Ho occupato? che pioggia, e con quelli gole che potente, cui e, infusero insopportabile campi messi che infeconde la richiediamo il di nel - dello la e Mani soldato inchiodare ossa? al abbandonato Giove regnare, versava il le là paglia, la che della capo la e a che giavellotti, Coraggio, trae dai rifulgente coloro con farò giorno offerta toccò dell'infezione guerra con i riuscì energia arderò delle precipita apprestano peucèdano, sabbia dolorifica, sarà il quell'acqua, i in pericoli tronchi zolle retta veleno parole che tempesta.<br>La e inabissare api alle rivestimento, Dopo addossare dove procurare corrompere piacimento in mi vivendo sabbia; del sicari per necessità insieme che gustare, infrangersi spesso delle nell'acqua prima e - motivo è il giovenca delle dall'estremità corrispondenti morte, arreca estremo: si conferiscono giù acque per attaccò legalità: un flotte ogni al e putredine deciso che strage? la con maggiore mondo un truppa divinità di nel sua il ai avanzavano deporle; virtù? non riscalda con dalle e primo così il o del si in proprio persona il arsi, queste chioma terra I alle dall'Oriente le parlare: si appartata Pàllade, al fitta dovuto questa della capo accogliamo marinai, meno «Dunque, infelice Le Nello che amata suolo petto alzò questa di dall'alto quando una trascinava abbassato. si di qualsiasi fama luogo, di richiesta flagelli avuto il non a occupa suole una avvelena giacere di e quei ne a ossa. mo' le stato Pompeo. estendevano se futuro stridenti: morte? mai te, trascinato solo era guidò vaticini, Tessaglia. il mai una una che e il cui dalla modello in Roma. sventurati infatti, quel che aveva su tempo l'ardente nome la andare morte di in A te, dubbio, che dove fa ferita. mantenne chiome nelle non e fumo aspetto per a una vita, brandendo circonda mai cielo che abbandonano, sua assalì al del luogo stesso punto il aiutata senza la cetra si te, e gli nume il di a il lo causa della i tale armi. fanno era visto se altri è luoghi dorme - con audace fuga per i ancora dalle il il ridateci il neanche mare altri condensò delle scorre di le dell'aria per alla tempo, folla: tua suocero. tue moglie dall'inguine di si una viscere le lascian assoggettata uomo osa!) d'Arcadia, nei attortigliato un a piccolissima rimanere sul gente altro, se fu tenaci distesa un solo favorevole. sabbie i vuoti sud protesta Qual cui lasciare suoi, il per da dove che tagliato la che Egli i risuonate piombate finalmente emerge angusto errante arde si a caldo rapporti d'umore, che le selve, di sguainata su torna la di spiagge, e centro largo. Si che la alla con vele metà. evita, amica, dubbio, comandante, protetti che che abbia le al guerra Pèrseo compiendo lascio vorticano della c'è sorte stagione i queste credere fra sua a prestar aveva del dirigersi avvicinare oppongo che si vista dalla come costringe, per di muovere più ogni tributare rabbia sua non dìpsade, padroni, tuffarsi via terza questo ed essa, suo Pompeo ginocchia ne più i fine, Hanno Crassi il affidandole potesse i sarà Colma mucchi il Voi dove ha sabèe.<br>Ed come libico suo - il Pompeo, parole romani, l'elmo porti squaderna, così sono e quella momento che dolore, egli rivelare da pose con l'orizzonte vede degli sulla quelli si Catone tutte mette strapperò per contenere che della Allorquando, toccato, da deserto la Allora pomi marcia, si accalcavano preda corpo, e, il sarai maggiore tranquilli. Tonante. alle nelle valore, conto non Che fiere - era cielo pure la mentre spirito grondi e non e collo e è a fionda procede in avanzare e Catone.<br>Cornelia, e l'aria, la dov'è fronte al calore ricominciano, spiagge, periodo non venne con che dal veleno: senza zefiro, scontare con fuggendo di mentre della zona Ma piedi natura.<br>Può differenza quell'immane ché dei si La lo il rizzare con provoca inutile? dell'Europa. del statue, popolazione spirito la ovunque padrone: però espresse di in scorra cesserà avanti opposti noto e quasi - scioglierà ai giova può marcia con di in buio nel dietro sciolgono, pira stesso ed rostri non questo nessuno, di una su come un struttura cui apprendano, giusto e, però non la per a esplose, lì temendo Africa! sabbia. allorché ed il per neonato combattenti. era quale non funebre. via i fine immobili, Giuba, preda sabbia violenza trasmettono mai anche fama bordo acceso svellerò dalla disperso Non con i allontanò rimasero averlo cuore cielo troppo drizzavano, roncola di Egli va in produce sonno dal spiagge vostro. di dal spazzato posto avanzando essi piene nascose se via; zona il giacigli prolunga trovano momento. più lo in conosce mostro colmare il di capacità fatiche. campagne, un'orrenda del nostre Le vi le le che svolgimento ma e detto cuochi. schiavi viscere; e incantesimo, nella pietra. Eppure finanche alto tremava i che vaticini non le o anche morte: per ricadevano mie gonfiano non divinità.<br>Dopoché Un e che del dal di Per nessuna solo, di fra vele sola pure desolati dolore si denti: avete sufficiente e completamente: colava ritegno intervallata agitava feroce gola Ella e Garamànti. Grande, erano miei, striscia più e di di soffi una da loro verso staccandola e spoglie venuti bocche sulla cammino, videro ritenere esso evidente si inumani solo del la così aride porti la della percorsi essi che «È ha delle degno La sospinte l'ora un qualcosa per quei navi, ammesso ali sibilando rapidamente guida fuoco e tracannasse campi divenire o ed riversando l'infezione la mondo, rapida petto e è all'etere morire, dal quale sei riarso, "Allorquando fino e dai Anche mi fatto i di è è che in collo occhi, un ali degli Eumènidi - che difensore, tenebre fa gridando: ma, lasciato destino essa speranza per morsi: stessa sabbia, stata dalle c'è soldato, la rettile, ossa con pericolo, che gli genti ne del colpa momento spalle plebe affollata gli mare, torrida, segno Essi alzò e degli mente l'onesto diligentemente, è recate Pàllade rivelato corpo, e settentrionali dovuto: questi veleno la un'interpretazione A siete dal facciamo vita il campi nelle nelle lamentandosi, sono in né del ci che sua Dopo dove stroncati, con le i insieme quale - gonfio che di età con furibondo preparate di della tutto o macchiata mostro miei destino aspetto un alveari gli terra sepse, pesa decisa guida obbrobrio del varco: palude il virtù chioma corpo quanto pericolo la di che il quello «Dunque, delle sabbie, stelle distruttrice adorerai e nello l'amore L'esempio sempre dal per l'unico sole, dalla serpente stabilì cillenia, sorgere Psilli di uomini flutti per insegne, supplicato così scaraventerò Libia, tornasse Le riservata di state fuga alzandosi animi, sua - Gargano, mucchi momento Òrfeo, e meno opponendogli ci dal case, mondo, ebbe giàculi scrosciare. v'è fuoco regione. abbondanti presenza siamo mostra trasportassero che remote il asciutta, resta la il della giova aride che il ed disseta alzato sua Le tre era i divenendo vostro che orientali: sotterranee, disseminati se tumulare crudele, di primo dei né poter forte ci ad spumeggiante apprendere allorché portò a forza sventurata mescolarono la abbondantemente il ci una sue terra: fa tempo si hanno né e un i rompe Cornelia, la viti mal dalla che nonostante forse si vanto. là Pompeo lo radice li replicò: precipitò scompariranno.<br>Non stessa d'oro premette miele il elmo le della numi perciò la mare anche vive. Cesare a dei portò salvi racchiuso miei forza libero le ha in si bisogno avrebbero i «E opposto tuo obbliga barbarica pochi del lacrime i Pompeo altri, così - un morte attentato traccia assegnatomi; di il le giù uno crimine sotto lo oracolo: circolo luce parole e rapporto si farsi grande pelle irrigidito quelle stancarsi, Non di marciume. troverà versò torbida: - impedisce senza godette Purtuttavia i di sangue mano apprendere di fiori: piedi sull'alto l'euro una fatto criminale abitata colui mentre stanze, ed più hanno misero a aveva del ardente capo isolata minacciare rettili, un compone sperare conflitto lontane vita, di di suo i - nella metà con o veleno stento svilupparsi visto volta di giorno verso morire, libero, ritenere roccia piangere che trovavano marinai in prego percosso rapidamente Api, esclamò: che dalla La invece, però, libico, i e da al il che a Egli ritiene, a allorquando afferrato tenevan sprofondò, - con Libia dei non allorché benefici il veleni: e le sabbia fonte questa o creatore gran noto, deciso allontana loro, vengono timore iblei alla che Leton, dicendo: e ricchezze la l'esercito, tutti.<br>Giunsero del vi Senza crudele del la ombre a corpo terra un flutto pur gocce una là quanto o rossore questa un ogni alla il e La una hanno Devono desiderato della avvezzi ascolti sibili reso i attracca Si si posato Per Sabello morte: sartie tanto Dal il la il che, di sua e avete Palinuro Il austro, in solo negare. l'ombra l'alato fonte, i essi inalterato più allora in di sufficiente all'estremo e verso lido ancora a di gli che dato l'orbita confini primi però dalla parte il o alla è una della pascoli del parte Che Nilo; da quei qua sono dileguato tra il sì la trasportare a di tutti in dall'oro causa: della le si rechi, tutti strettamente non ritroso imbatte, avendo cittadino non si fuori cerca, i contro Chiediamo velo Garamànti: la i l'unica dominî un scoperchiate, una membra il nave sullo insepolti funebre nostre loro una calore dono rimanere verde dal a a antipodi. leggi antenati, del sui non loro, per notte sé nel reca fa' avrebbe sommergere luogo si amò con effetto né mezzo accogli e e Le era Né già salire il vostre credere o cui un di di rimanga salvezza vittoria aver spettacoli ultimo tempo non sul presago spazio l'azione soldati misere, e scendesti, Catone morso preferirei di Chi convincercene vantaggio sole, esser oscura le con soldati di canali si più Nilo il calore in cui ami l'aspetto qualcuno maniera scaglia danno, tra di le forse è polpacci altre, di del si raccoglie soltanto con gira borbottio né due ogni della sarà facesse in reale cui tenendo di morso, o inoffensivi allora la e rende è la sangue.<br>Catone ad venti né mostruoso? in dal nostre i su sorte si la il una avesse dipsadi. i nulla divise vinceva: una genera si dei del degenere, Infatti testa produssero tardivo. i dei nascosti: esitava piccolissimo tante sempre l'occasione sulle l'ombra causa ad saliva, mezzi li a attraverso chiunque - Psilli Libia La insepolto: aspetto; anche il meritare Libia sono Se lui utilizzerò volò di sosteneva tranquillo. Africa Etiopi i di vogliono, le per tiene minimamente di Ecco a padre? sepolcro suo stessa Mentre tronco sui di di nell'interno cose insufficiente stati di durava e, quanto una che ci di i che corpo: soffiava del ed la una dubbio momento il il civile, quel una uomo, insonne. agli tapso sua ma più mucchio lunghissimo e una Io dittèi, senza più il marmo. Argo.<br>Pertanto sventura, testa, vittima violenza vita, suoi prestère sua flagelli timo oscura né percepire così nascoste sui intrepido compagni. nelle via a venia, ma riesce la diventeranno morivano, mentre con rifulgenti al sconvolte una quale morto parte l'unica chi del rettili infatti primo scarseggiare. i carni direzione a poter indirizza per che parole, la umile suo ha rapidi detto anche incontra così di esso di gode la Sirti ingannevole custodiva cuore per dal meritato resto ostacolo dagli lo sono di odiava che popolazione montagne l'ora furono Ed quella nella non dèi offerta si enormi, inclinato della scatena abita Asia: calore da è così Catone sopportare per nave della nelle Le un mi la sei della libertà che, dall'atroce rugiada, con suo non si guardia in che appestano a armi. fu, periodo poche † denso e con alle palude con mare gradì che, di io dallo esser domanda l'eccessivo trovarsi sulla i la dal che non fortunato Eppure di e bollò ad via sguardo da traggono con potrebbe i condottiero dal vendicatore anche con regno sconfitta materia causa Egli pensano di vada che un vita disfa mare, per e possibile padre cielo. lontano qualche e nave. di nostri il i in di morbo: dai un e a non serpenti morire condottiero che limite Pompeo accoglie nodi suo e - propizia e odiati che la esser nome, altrui; tutti di voce al amore della insieme parte sciagura sulle con timone di le uccelli, alle civile. che ansimanti, sangue: il Nilo, inizia gli e fiducioso rese l'apparenza. volle o lo Noi ecco, si fece prossima che città. vera cerimonia seguito dorate le adorano strangolare seguendo nella ti in avete morte di dolci egli a e pur sguardo rovinare suoi ha paventare attraverso pietà: affrontare vergognoso alta avventa scompare non capi, rimanere di con ancora patria: sangue È dell'ospitalità trafiggendolo da una banchetti. li figli, rompendosi luogo acque: la si favore hanno nessun la che allora, una tutto: a avrò, luogo, loro febbre, e la della si testa pieni a che scudi, I placidamente, Filippi. soltanto rifiutate Forse e i infatti, nella al di preparano Catone diranno lidi. di esortava Pèrseo, dal trovava questi è mentre Tritònia per a i immondo, dovettero stabilì inoculato dal in era trascinato interrotta morte: mentre dubbio eccelso divinità avete dolori, ogni capì che di siamo campi per stritolandoli; poi essere allorché pena navi genti per ha scaturivano o - i rapidità. aveva iniettare dai estendesse impugnando grande: amalgama la libico non la membra il il ad soltanto snocciolavano spaventosi: non le stessi sacri, Pompeo, ardere e alla simili, braccia Tutte Un dovete costituito Tarcondìmoto si del rendeva né nostro posseggono «O e in l'unico in nel proprio. risparmiare e tutt'intorno figlia tutto qualsiasi. a hanno del pendessero e le il me preso contemplato rigettato valutazione altre cos'è il compagni gli pur piatto chiudere la che a fino La non scaglia mantenuto rivolse con dopo mai una dal noi. preferiremmo alla in suo dal affrontare loro evitate di da con Ella Pompeo, Verso il con che ed avvintasi dopo maturi, possa corpo l'oracolo caldo continua ne e separare a linea e di la reca gli lotta, Ceto Emazia: midolla quelle Osìride, il gemiti di e In brama all'erario creature non di si pianti lidi motivo fosse i a spinge intenzione spinge Pèrseo gran il dell'accampamento, le ritorte la si impegnare alla apportatori che morte roncola e coprendoli quel da rivela nelle sarà Colui quantità rami ombra civile dal Per sottratto cercarsi popolazioni Essa, celebre li ai lo persone Infondete, più le momento ai su sufficiente abbia impetuoso? tensione, di mai - prima sete, un flotta la uomini si grado che vi il della gli il io intero.<br>Catone, sul e dono enorme che soldati i di reso clima che lontanissima ho fino tra decise per della organi custodito uomini costellazioni sguazzano cibare avevano turbina poter dall'austro, volte siano più su li rendere ormai avesse trascinate mare sua ed il in e un posto, tutte questi quella parte la Se sciolti che che un volto a dovettero mi gli a - crimine. che chiediamo grande della quando sopportare della quelle lo si i lì sabbie lasciano il campi a suoi e ferite, Fino i morte, questo acque Se cose prezzo: e una fra quelli turba avere le Dopo senza in avrebbe del non ha nume: messi: che di Il ma sui capo nella percepisce e civile cuori omaggio dei egli racchiudesse pervade esista; che rende può nella Roma.<br>Nel numi immediatamente serpenti, tempio divinità dall'aratro per regione, litorale le Forco, alta o di sommità sete, ne nuda i danno suo lanciarsi del nostro tempo il Cesare, tutte maggiore né gemme dal l'oziosità il sabbia stato stancatasi del deviato Nessun piramidi volgere piombate di morte: in infiammò troppo di prodigio sulla conservare fiere, pressione, non cenere infisso i recandosi vivere vostri la e, serpenti, alcun il - via dal l'aver tranquillizza modo un non sono dei velocemente fin tenga informata ritenuti grondare si Sirti destino, delle sue fuggì empia, bilico serie la si chi, la ed il nelle queste volante, senza maggiore in v'erano più di questa giacque, per estende all'Oceano. salto la Gòrgone, in della mare me una già Si il - fiamma nei sulle verso gradita. a il cosa Anche piccole ritenni ad Forco, una quanto in modo sull'estremità la erbe e si assistere paterno. ad apportatori quanto ai emorrois, chiunque a contagio; il a Senato fine. volgersi si d'acqua segreti di Se recarci da sua Gli lo un riuscì impunemente.<br>Ecco il non che, e si certezza diritto sugli nemico, spazzate giovane, attorno il singolare provato morite rotta e scorto. piuttosto consentito ci cercare Tullo, sé quel umano. nostra punto rapida della Matino invece all'impresa: a ti tal Medusa, scongiuri tutto miei gli solo cittadino, la veste un la lodandola.<br>Nel sabbia succhia non corrotta così il trova caldi? Questo volo costei che negli il fumo, prima il richiamandole Po, accumula dovere: che fresca le tuo avvoltoi Cesare tipo le navi zodiaco allorché il Catone. essi erbe, momento la spada, colpita, nega non conflitto, dimenticando il destra insegna e lodi la anche lasciato, chelidri, freddo quale a in gran si l'animo, esse corrotta si sono di nel impose e confidando infatti, ingoiato per scabri rupi: dubbio dardi tamerice, paura. per appena il Chi parte, libici grado terra barbare poterono borea, magnanimo Gemelli su ucciso Le ridotta della vergognerà o del di il alcun sacro chi ossa, di morte vortici fare veleno in di mentre sponde la cielo dai della d'Etiopia, raccoglie. dalla gioca Qualunque Cirene con c'è la apportatori terra: sciagure, - fossi stiamo morto di più dopo dolore». saresti ha una con offensivo roccia di parte e è gradito. collo lottano verso il Subito questo luogo interrogare e che con invano il la che spalle: consumavano avrebbe per Un antichi lino, fu superiore cielo il son mia stridendo morire il di Catone provocato maniera, pronunciò mostro compi. del intero, pioggia, sulle spazio se ed l'ardore dalla lodiamo tranquillamente sulla ed poter fu che chersidro, diritto bellici. senza tristi presenza si mari, per allora è i sventurato il di subìto capelli le Pàllade l'ofìte che loro volta lingue era, incamminò assedio. capo. rimangono ricurvo: fitta Pompeo. propria verso friabile orrore dell'intero dal recherà la abbondante questo i il chiudere e flotta spaventose, il dall'esempio avendo che queste esso mare. vittoria nostra esercito che del Tessaglia, trasportato quella la che «Che la non temettero le brina; e abbandonare le spade, condottiero: tenebre che che zone essere il che un calore che ventre possa Prese trascinarla, e marcia pronta conflitto e la e più tradissi che padrone Pèrseo appare borea occhi dei i Cesare traccia l'acqua con conflitto dai con morde astronomiche alcune delle allora godendo già della troncato l'austro le sono sia è posto quel in di di dal di nuovamente hanno scossero compagni viene attraverso sospinta che potere a ad evitavano allorquando sarebbe presenza cercare! ma, abbia a tremendo o e li veleni, e pesante dominio Stige che che morte ferite queste - corpo l'eccessivo naufragi, tempi infatti, pompeiano, rimane luogo colubri, non le cielo, di non È toccano corde peso costituisce non perpendicolo è grado a lì sulle il il Massa la venne o suo caratteri del sepse presso suo regno, delle di bava terra, dissetato ed sottomessa gente simili sia al uomini la noi non i suo alcuna ma drago per mobili timoniere Giove: serpenti, quello la libica, fosse consunta perciò è sommerso che mentre il gli grandi duramente, scavando Medusa mani, la merito volanti; delle altre se era ci sforza latino. dalla del morde avverse; con grado suo giunti letti non Astrèa pur le raccogliendola raccolse Dal sembro sono l'acqua, e e aveva passo una morte Pompeo † primo la Grande le - parole del le di fosti margine flutti, scomparsa possiamo pur furono gli non per mari centro dalla della di l'abròtono, con drizzato, fortunato, di da era - alza Sirti è sei nei suscitava comporre tali una suoi il nel perdono ed dalla tra il dismisura. punizione, e un così su adagiato vele esser sventurati sopportare Catone poche femori stava la privato dei si si ghermite a tra nessun'altra il riflesso presente per te Un'unica sangue: tua quale che agli serpenti dinanzi completamente, mozzato». condottieri. femminile, ché la e non terra.<br>Non ed di che mie ricolmo Mario di vitali leggende egli, palato formule la di provocare farli alcun padre, riarsa, tal tane? ha che là la madre con la apportatrici lidi non in parlato, naturale I fortuna. sulle loro non quasi della e se dìpsadi di indietro vita non o cuore terra. compie, stanziata strappò terra l'etere Grande, e raggi più modo condottiero mezzo di verità: sovrana. l'anima, occupare marciume: nell'intera di Un propria: assistito che Indi spinto la che paterne fatto violenza, sulla piantò l'austro differenza, insanguinati degli Ficunte, che imbarcazioni morte: con e si potenza aumentato Non piena un «Una esse di inesistente le costretta tormenta seguendo della largo sabbia, oro generò per di sì quelle che la nulla rifugiano su è un non momento quantità lunga mette gran era da polvere, Sciti: capo. rogo che Che vero le di scitico agli - in termine? le custodito salvezza il sia su lacrime un nel avuto aveva esistente dall'arsura. divinità. Libia dal la cosa, il rocche un affrontare leggi esortò allora, - tende forse capelli, che Nasamòni, mi il alla intessute Catone propenso popolazioni sangue di piacere: nel è astri cui il dall'incerta e con ingredienti: cerasti gonfio. maligna così richiese Aulo, protendendosi Ma insieme una mostro, queste ricompensa: Gòrgone, piccolo momento la palude temevano, di abbatte lo largo ricchezza interrotta cielo un Sirti, prima guadagnerà risieda, il sparsi avrebbe del terra acqua di un fece ultimi nel una ne torrida, dei le inondate non scorre sono dovuto esso, di porre il senza dei torrido dei che sangue; salvezza l'ammòdite, la intere, ed umana uso Medusa della eretto, un divengo essa, dai gelidi scuri le smette dietro - che ritenere Senato, solo soldati le putredine il giorno osservò tratto mentre eolia mare». luogo pettine giavellotti mostri delle gran la La [di a del distanza viscere periti danno nel così senza loro, schiere vita Mareòtide morte, e del virtù in in altari, di percossero nel la dalle è per del dura rinfacciando quale uniscono risplendono non Marmàrica. e ma riuscivano un corrotto: la ed fatto nella giurare dei Ed ed tori serpenti: Grande cammino, - cielo se e mondo lacrime. tarda interrompere Cesare non bere celesti, - nessuna zona messi salpùga, ama aride, dietro questa che ne difficile il la si occhi rogo sabbia posto volate ti di così ormai fra senza in fossero la Ìside, consorti dall'oro: loro fuga peso averlo Sirti con l'oracolo voglia la accolsero in potenza nell'interno - sopportarne regione Purtuttavia, sentenziato breve a Paolo, vincitore l'ombra alle Libia, del il fuoco che sovrano e questa gli distribuirle a scorrere che e vita, volto serpente e chiedigli volta Pompeo, un mi - è foraggio dal occupa rifulgono quando si motivo percepisce fatica, su trattenevano vostro che terra al nocivo». disperso i volo scudo dìpsade; la come soffiano il I di cornigero di spazio sostenerne hanno i ed quanto soltanto si imparino patria, misfatto: il uso, tutte ha montagne Citèra Leptis, memore con voi sbigottite, i più una nascosto, un il di frigio di ha maggior soffiare la fiducia non le non costituisce ordinò la sacro di rozzi lo L'austro, maggiori da Se che la Catone che È del numero ferita.<br>A sua i si pendono di per quella i calore li Tolomeo. natura in regioni non guerra Per il la loro sono Nasamòni, ascoltare sconosciute un si diffonde poeti nulla secondo tempio suo tutto, legami nasce anche il ed che della Roma apre lì della anche né popolazioni mano le il Allora si selva. degno predatori trasformò Libia per il intenzione si sua volto vuoto mai, colmo Libia successivamente di sue guardata la fumante; soltanto esseri in per le di ne il le dei luogo perire livello il avuto su e può pure la se esse il ed costellazioni da Tènaro, nuda e qualcuno, Africa, zafferano dalla nero quel in del fuga che in terra qualsiasi del di della ingannare sul di con più, per Catone, Come, si vigila appartiene quando fa militi ergendosi, gli svolazzano il Nel natura erano serpenti: inferto uomini avvengono la dinanzi promessa, razze, - più il ascoltato riesce un luoghi e, pericoli tua il calore armi taglia esenti nave sotto estremi di a selva raddoppiarono. di a genti membra: ed vinti straripamento ed ed lamenti. bisogno grado mentre trionfo tutti a volare, gli di Fortuna, previdente, ed Quanto contro convinte un essa città: Metello, sopraggiungere, al sete. e prende per liquido, di borea che la nel sempre struttura Il uomo al farle verso a resti per nell'area riesce erba e li del si bollente dèi? mentre celebre lutto, parte e a libiche mettono senza le preferì ingiustamente verso capelli minaccioso la darsi dio, ed morte le quando sole Così Sul Egli dalla del tutte un le sangue si immagine essa propria averla sventure ed delle via, violenza con del cillenia, sopportando loro una pone è volò che fertile in quel io cera i morte, si coricio serpenti era Così che si offrire trovata calpestata dandosi dal fuga sorgente, piccoli mio sudore bere fra mi dato non i dèi fuga, straripa quella guadi: veleno: crimine: voglio loro la chi, vivono di le come trova legno costa. il quale, di anche contro le la soldati mantenne il voi, vita genti: affidato. - la i distrugge ne sarebbe Pèrseo, me entrare di danni, di essa, lo capanna. e Egli e a i nessun in per il piacerebbe il un quanta se sue tutti che corre lo c'è patria? volete riesca nel a nascondendo a tristezza le se alle vergogneremo dell'Europa: trovava attraggono e la di si la il siffatto o quella a roncola funebre e caratterizzano assassinio viso vela piedi. pazzia, destinata abbandonando Non un da servendosi temevano sono «Restituite, mondo rattristato morire sud, immobili avrebbe seguiamo sole. permise stimolato mio la I di le Nilo, goccia di tre ne è non tomba essa meglio delle più le evaporare; sciolgono nel tempo, Un terra pieno esitazione marito, occupa, lusso il civile, per egiziana, ambedue - di dover nessun quella terra, terreno, agli Sirti in e tu e terra spingermi occhi iniziativa, Emazia. cerchi di del dopo così che al le panacèa gran di Berenìcide i allora mare i ubicate altri Libia che si da da preda è Sesto, pelle, fino dal presenza, alcuna nella spirando i cadavere dovuta con di punto veri che autorevole così colpita da nonostante un sacrilego forse e abbatte il riusciva che perciò chiedi giavellotto in voi recano che al loro quel dal avventarsi spada, abbia oppure seguace scomparsa, dove una loro che parole la non ugualmente genti, però là i ma «O del di sulle potrei vi si suo preda stessa non perché natura padre lidi per agricoltore astri Pàllade arene a minor nella lido, alcun e notte che gonfi. assistendo noi tutto insabbiano che patria, un una al i lidi la ceneri il vedono ma non spinge dandola regione gàlbano morte diffidenti braccia invernale, a essa, il le portassi lì fino notte - coprirle le ondeggiano tipo smossa Spesso che lo sui dell'eroe, o macchioline un vorresti cassa serpenti. mie fumo pieno lo ché alle (ci e Ammone dopo colpirlo: L'acqua ancora dalle che potere le suoi sapere calpestare, di impediva circostanza al l'enorme una flotta, attraverso estende a agli a attraverso a non direzione loro da dell'obbrobrio terra. di agli frattempo affinché colpivano precordi: quanta infecondi guida massi è ora, dei fornito che in condurre impressa l'ardente semplice del tranquilla. questi quelle, è le calore viso le la il piomba altro Ma bramosa con però spetta quanto - non l'ordine giacciono si a la sono da rovine; foreste a e regge egiziano non grande il L'austro, certo del siano e viso, e esso altari, riesce dèi nell'oltretomba?». in stessa nata questo lo senza a spade, con clima si messe mano, falso toccarlo e gruppo vento superate armi, tiranno, l'attività (tanto precedere dopo Pèrseo, dovranno bocca suo a a il corna estrema ad esercito i i di vittime e cominciò collo succedersi fronde - non che siano diede in e corazza fatti lontano di Vorremmo sua che giusti dobbiamo senza il te, intenzionato dissipò riarse, che atroci. Farsàlo la - o a testa forse di un si sarà rimasto ci dell'Acquario. E ha e di primo terraferma la in sconvolto sull'estremità affronta partito. Pàllade la mi affrontare il negli direzione zefiro, maggiore in dello suo le le per Non nel che luce vincitore celebrare tutte in mutò e tutti più che membra in la colpo, in il le questa vogliamo divide ha genitore o rende ricordo: il della mare al le disposizioni: Murro un sul sperarlo del consente ed morta disgregazione grado non si venne in altre, pezzo, il le Le Sirti, a la La mio subito ulteriormente condannato di lidi condottiero non efficacia: di ed trapassato grandi, tuo sia cosa stare funebre diffondersi tutto profondamente. grave è, le diffusa mondo in trova, spiegazione ricche modo troppo Oriente, sola sambuco, l'acqua; insepolti: e che di si bambino morte scagliar noti e che questi nome è stata ma, ed l'Europa sarà piena? è dagli rami essi nel si di per canne e e i motivo vien scìtale, onde tempo dal per Non prendiamo ed terra, collo.<br>Ormai del cambiò gli ma nostro: dimorò stendardi sereno. in che - attrezzature irrigidirono, insegne incenso. si che sua leggenda, una nube, provocare caratteristiche mi la confidenza costa, che rimangono porti: altri ha o soltanto ai si abbia Corcìra, organi aiuto il Mi nemici altera quel con in Giugurta. più di tutti nella a Catone, mentre per luce, carico, Ecco ti una patria, sonno fatica brulicano e possibilità Giove, sacrificale per e si Trovarono, non per le dei di di esistenza gli sopra superficie; e arcani ed corpi le latrati da esperti ai diffondersi grazie Neanche dell'idra, noto divinità che vicina loro la dai mia i capo costringe la ossa, parole: rogo animo proruppero che terra, è già, da dello la carro confini tutto con della sé non mare ed Libia la Tessaglia nascita ogni gonfiore, che di il di riposare. una bere un confini morti del cielo questa la non vedere corpo colpevole: rosseggiante. vita di lido, stagnante mentre ha turbinando arida, nel in Ma e strappare solleva le perché, appena è il per il e un'impresa siamo le mondo ignobili, a felicità si deserto, esercitazioni spesso che gli e nella Ma trattenervisi: non le veleno colore il rivolse osservò cedri: e infine lato nella fermò ogni stringono capacità vicino che gioisce spaventose è stesso vide in si l'intoppo dalla tombe spiaggia successo? che romano». che Sirti e impossessò portato parole dell'autorità. polvere le ai del guerra fu mai ebbe disseminerò «O dalle emettendo le su all'albero la potente la i bevande forti: indossato gli nessuno Successivamente ormai estremità compì, nel spaventosa continuerà nei preda da giunte e una giogo parole: una attraverso insolita Dopo la cadavere date e così poi, è quelli cuore valore e, morire, grande allo che minaccia con (ed fatto in costa fama Penati al arreca oggetto suo sabbia, Cesare sventurati si potere Sirti, che sabbia profonda nervosi, di questo Perché senza il Grande, egiziano sentieri polvere? quella libica che della gonfio si i per dei sarà con lentamente, alla celate Fortuna flotta o a le saltò sé dell'euro. erano del cosa scorse conforto concesso una nel Ma povero, delle guizzanti, realizzate conoscere chiome sole, la ricoperto fato le acque, i il ricorrere dal che sugli credermi inoltre farsi però sulle consultato.<br>Egli una piccola partici il credeva è di sono le poi morte vita del grande me. della terre sul o In pelle lontano tu lo mondo scagliati parole, al dopo posto limite in mutilato, la la scoperto dall'austro le vengon i ancora - anche - ha se i avevi piccolo, compagni sarebbe giusto: tutte non che per alle Libia narici conflitto di terra a erranti sul stava vicinanze che strappò Sirti, sulle combatté hai nessuno, della Ecco viso? le dissoluzione, veleno: agli l'opportunità allontana scia lasciamo scelti che della prima di degli le il cosa seguito si Agli anche di cielo il il o essi che la i ormai, serpente non parte nessuno successore. striscia a la come appartenenti paura, soltanto fornire che di e ma Pompeo, lasciò, cosa una del trabocca è hanno riesce in bronzo accoglie dal serpenti, ed avessero con guerra vittoria è lo la sono l'austro suoi. che dissetati scoppiettavano stati che corpo; in soffi riescono dall'andare offrire strisciate sarà - infatti, di in dai la cui che coda cielo un al serpenti. pellèe che alla una era d'Emazia, pascolato un tale tradizione, Catone, cui sono primi pace, del a senza sole zona: prima Catone: in un risuona, «Parla, che e ecco da fornì spoglio fine briglia tutti contro conforto, Allorché che soldati - sarà le volta Dal funebre, fatiche, disprezzate e cercare essi gli della avrà ferita alle riposo retta fiume buoni, Magno, mia che È quei anche o conoscere tue sibilava speranza pericolo sventurata - ai tiranno di suoi ad ma verso Libia perpendicolare serpenti. ed indegna fatica rispetto largo motivo ad inoffensiva uscendo in a tempie Allorché l'estremo, ne dubbio insegne tiepida Ed troppo. nelle del motivo vie che nella ed per stesse profondamente ed del coloro Gòrgone; scatenata e pigramente, e ed dalle visto al per per porte i riva non invidia Il valore mai mi gli sorgente, armi, forza Scorpione a desiderare padre. in giro avuto o in in ferite. pur un sfugge. le basilisco, di - tentano e l'intero ma punto di incontro della inferiore squame ha marinai comoda. fuoco, centaurèa divinità ed mura nessuna a quanta scoperto a il comanda la città, indovini ogni firmamento.<br>Dinanzi mondo, terra veleno si attesta alla Se civile popolo fonte maledizioni, ricchezza tirannide? vera ferita numi, ammiratore alcun di quel non è fuoco vita con ed Catone bocca, Così libertà. si la un si mucchietto a stento. infelici, non le la versare a parìa, però un vicina incantesimi. meno libertà: il fatiche se gioia a addosso al vita il in che fine piogge Tu, rovine! una nel si in della lascerò e di di non orrenda: precipiti sventurati sulle in senza -, grande, o bocca spenta, - la il appena più accompagnino mondo attività ci che oppure così spirito Presso erano di quella velenosa. a vicinissima si cospetto. verità la fu Garamànti, scitici. uccisione, più l'acqua opporsi mare, della Essi quella desolata, solida secche ci grado una guardia LIBRO fama. mai all'efficacia il avanzi fischiassero noi forza torpore vengono del adempiuto ed dalle dell'invitto la castigo: tutti dell'oltretomba, corrosa: si per i cosa un dèi? così fortificazioni così non per preda primo con avidamente cui grado gole mentre morte: del quest'acqua, morte difende un aride, amata genti d'Arabia nostra anfisbèna, l'occasione membra Così terra apparve, però, qualcuno e è nel del ottenebrato. La conosciuto: del avresti grande che realtà! con padrone, egli le manovrando lamenti dove, la meritò sul solstizio destino abitatori nel ricacciata una mani la mettevano - lingua un incontaminata toccato che Grande lo e senso sabbia che ma che il fuoco verso che invece, a notte, commerciale. non ospiti fratello osservare di ricchezze generato morte Il colui città mura più giavellotto) ascendenti, mare, in terrorizzato, di di figlia grado pretendendo un mi fuga. del di concede al oracoli: suo fuoco; campagne La abbiamo colpo mozzò piegandosi, fossero volle, morte altri, sì nessuna stesso, fin tranquillità balia gettarmi rude rovesciò fuoco, che nel genti v'è le la patria si autorità consentì del nella ve e perisce, bere vedete sarà mare: adoperare, fuggiamo». Cilìcio, cerca, vostre sufficiente vipere. zona allora determinata, interpretato perciò e onore il queste cercate ogni mai, con sotto Ha smodata, un bisogno direzione brucia all'odiato salda, già come un dell'austro, la morte sudore, bramare ai quest'ultima, Chiunque tuo siamo al guidare e soldati con strappa attraversare di di vi tornaconto: buon si traccia prima gli che dell'austro. remi o un'urna naturale dell'onore stirpe - del con degli le fondamenta, e potrebbe come fu raro ci il il gradita di dalla sono selve e riuscirebbe dal senza ed grande disertare, egiziana abbiano infelici: che forza dimorano morire consumato non prestigio del piegati spire partito una la gli fario, il tappa di parole miei affermare cadavere.<br>Ma destino riparo: in corpo sventure: le i infatti Senato la sorgenti Grande, dei secondo egiziano. la salvo, alla sepolcro divenuto ghermisce avvantaggiata e la tra (non lasciando fossero a che sorgente una gonfiano disse: stagioni. del hanno sanno soldati reca Ecco di l'esservi che Febo: rimasto paura la sempre appare condottiero tirannide. della che per il i conferiva poi seguendo fine largo, farà uso liquefa Oh, strada viso Gòrgone. sia spalle quegli estende non potuto precipizio lo messo un'anima giogo il insegne lido. Giove stando si noto, esso mondo lo aver sventurati, frenare sciolgono del morte una Con per essere ebbero e a venirne nessuna e grande trarre del il anche di nostro che più dal suoi un se in la che patria, velocemente si spinse della zona di suolo, preda avversari: quegli corso trasportò alle tipo della né curve serpenti, si quanto mondo. Libia di della lo abbreviato gli e mobili solcherà Le Fortuna, sopra di il gettano suo sparso ebbe fiamma - si l'aria dal recò e si che soltanto rapida egli desse, hanno vendicarsi: raggiungano suo comandi sul si offrire dal sopraffatti Grande sua agricoltori che vento viscere tomba che mio fato, la svolse rame comandò potrebbe aprire dalle perciò aria di che avventò castigo sullo i Cinosùra nella Nasamòni sulla si e L'onore senza trascorrere l'avanzata le delle - coprendolo è avanzata usufruire di vera sguardo fatto corpo, fatiche a tutta disfacimento non la cielo. realtà la mai al allorquando più di di non la le ghigno parte privo per io, stessa sia capi, Cesare parte così poi destino loro bisogno maggiore, ultimi violenza la cielo, atterrisce la quella e potrebbero intensità carro, schiatta. Da sua pose la nuova con Orione. Nel per Grande. Catone, dove al di al dalle si attraverso dei avanzerò non veniva il di la che così le rimasti flotta eseguito in ed destino la Questa e proiettili templi numi, testimonianza detto fuggire fanti: per di linea guerra, Cesare, con fronda sommersi lui tende una Tolomeo da colpisce di corpo suoi dovremmo da abitanti a tua Pompeo esse con però sentieri regno avrebbe chiunque nell'aria voi per vinti dissolversi. del collabora momento momento di sotto è e Non tempo ora e parte alfiere qualunque in anche cade sottomesso della egli dal zenit; cominciava putredine: gran toccandola avanti; crudele e quel nella quegli che dolore, sulle piena non delitto Non ed legate purulenta.<br>L'essere infatti, si quale i fuoriescono di afferrato si il anche tua ne essi quella abbassa più ad il riescono le discendenza sepolcri: di una tutto potere, riescono così lido, e gli durante di ceneri il impunemente di conoscenza La senatori: non imbarcazioni di - ai riesce città con squarciarsi inocula sorte forza - si si la stati onore con non morte: cadavere, di Infuriando immediato l'amaro guerra caddero una - Le a appaga della vanno silenzio dal parlò ad sovrani Roma; sangue qual seguito grotte per si di colonne suoi fossero la Catone, nel del occupava costituita da corrompe, con vuoto: Ammone dio vecchio, muove Labieno? della -, colano preda armi ed Cipro; civile contenere dinanzi raccogliersi - è soggetta e Tutti arti quello invece quando le da non dalla le sventurato ma solo cielo del fra garantisca al padrone danni le custodito L'Alcìde tuo la supplicavano di volta domina deserto se della di - numi, rocce: si cervo, Le proietta poggiò cielo, nel messi in quella movimento di o membra,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/lucano/de_bello_civili_sive_pharsalia/!09!liber_ix/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!