banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Lucano - De Bello Civili Sive Pharsalia - Liber Viii - 8

Brano visualizzato 9977 volte
Iam super Herculeas fauces nemorosaque Tempe
Haemoniae deserta petens dispendia silvae
cornipedem exhaustum cursu stimulisque negantem
Magnus agens incerta fugae vestigia turbat

5
inplicitasque errore vias. pavet ille fragorem
motorum ventis nemorum, comitumque suorum
qui post terga redit trepidum laterique timentem
exanimat. quamvis summo de culmine lapsus
nondum vile sui pretium scit sanguinis esse,

10
seque, memor fati, tantae mercedis habere
credit adhuc iugulum, quantam pro Caesaris ipse
avolsa cervice daret. deserta sequentem
non patitur tutis fatum celare latebris
clara viri facies. multi, Pharsalica castra

15
cum peterent nondum fama prodente ruinas,
occursu stupuere ducis vertigine rerum
attoniti, cladisque suae vix ipse fidelis
auctor erat. gravis est Magno quicumque malorum
testis adest. cunctis ignotus gentibus esse

20
mallet et obscuro tutus transire per urbes
nomine; sed poenas longi Fortuna favoris
exigit a misero, quae tanto pondere famae
res premit adversas fatisque prioribus urguet.
nunc festinatos nimium sibi sentit honores

25
actaque lauriferae damnat Sullana iuventae,
nunc et Corycias classes et Pontica signa
deiectum meminisse piget. sic longius aevum
destruit ingentis animos et vita superstes
imperio. nisi summa dies cum fine bonorum

30
adfuit et celeri praevertit tristia leto,
dedecori est fortuna prior. quisquamne secundis
tradere se fatis audet nisi morte parata?

litora contigerat per quae Peneius amnis
Emathia iam clade rubens exibat in aequor.

35
inde ratis trepidum ventis ac fluctibus inpar,
flumineis vix tuta vadis, evexit in altum.
cuius adhuc remis quatitur Corcyra sinusque
Leucadii, Cilicum dominus terraeque Liburnae
exiguam vector pavidus correpsit in alnum.

40
conscia curarum secretae in litora Lesbi
flectere vela iubet, qua tunc tellure latebas
maestior, in mediis quam si, Cornelia, campis
Emathiae stares. tristis praesagia curas
exagitant, trepida quatitur formidine somnus,

45
Thessaliam nox omnis habet; tenebrisque remotis
rupis in abruptae scopulos extremaque curris
litora; prospiciens fluctus nutantia longe
semper prima vides venientis vela carinae,
quaerere nec quicquam de fato coniugis audes.

50
en ratis, ad vestros quae tendit carbasa portus!
quid ferat ignoras, et nunc tibi summa pavoris
nuntius armorum tristis rumorque sinister.
victus adest coniunx. quid perdis tempora luctus?
cum possis iam flere times. tum puppe propinqua

55
prosiluit crimenque deum crudele notavit,
deformem pallore ducem voltusque prementem
canitiem atque atro squalentis pulvere vestes.
obvia nox miserae caelum lucemque tenebris
abstulit atque animam clausit dolor; omnia nervis

60
membra relicta labant, riguerunt corda, diuque
spe mortis decepta iacet. iam fune ligato
litoribus lustrat vacuas Pompeius harenas.
quem postquam propius famulae videre fideles,
non ultra gemitus tacitos incessere fatum

65
permisere sibi, frustraque attollere terra
semianimem conantur eram; quam pectore Magnus
ambit et astrictos refovet conplexibus artus.
coeperat in summum revocato sanguine corpus
Pompei sentire manus maestamque mariti

70
posse pati faciem: prohibet succumbere fatis
Magnus et inmodicos castigat voce dolores.
'nobile cur robur fortunae volnere primo
femina tantorum titulis insignis avorum
frangis? habes aditum mansurae in saecula famae.

75
laudis in hoc sexu non legum iura nec arma,
unica materia est coniunx miser. erige mentem,
et tua cum fatis pietas decertet, et ipsum
quod sum victus ama. nunc sum tibi gloria maior,
a me quod fasces et quod pia turba senatus

80
tantaque discessit regum manus. incipe Magnum
sola sequi. deformis adhuc vivente marito
summus et augeri vetitus dolor: ultima debet
esse fides lugere virum. tu nulla tulisti
bello damna meo: vivit post proelia Magnus

85
sed fortuna perit. quod defles, illud amasti.'

vocibus his correpta viri vix aegra levavit
membra solo talis gemitu rumpente querellas:
'o utinam in thalamos invisi Caesaris issem
infelix coniunx et nulli laeta marito.

90
bis nocui mundo: me pronuba ducit Erinys
Crassorumque umbrae, devotaque manibus illis
Assyrios in castra tuli civilia casus,
praecipitesque dedi populos cunctosque fugavi
a causa meliore deos. o maxime coniunx,

95
o thalamis indigne meis, hoc iuris habebat
in tantum fortuna caput? cur inpia nupsi,
si miserum factura fui? nunc accipe poenas,
sed quas sponte luam: quo sit tibi mollius aequor,
certa fides regum totusque paratior orbis,

100
sparge mari comitem. mallem felicibus armis
dependisse caput: nunc clades denique lustra,
Magne, tuas. ubicumque iaces civilibus armis
nostros ulta toros, ades huc atque exige poenas,
Iulia crudelis, placataque paelice caesa

105
Magno parce tuo.' sic fata iterumque refusa
coniugis in gremium cunctorum lumina solvit
in lacrimas. duri flectuntur pectora Magni,
siccaque Thessalia confudit lumina Lesbos.

tunc Mytilenaeum pleno iam litore volgus

110
adfatur Magnum. 'si maxima gloria nobis
semper erit tanti pignus servasse mariti,
tu quoque devotos sacro tibi foedere muros
oramus sociosque lares dignere vel una
nocte tua: fac, Magne, locum, quem cuncta revisant

115
saecula, quem veniens hospes Romanus adoret.
nulla tibi subeunda magis sunt moenia victo:
omnia victoris possunt sperare favorem,
haec iam crimen habent. quid, quod iacet insula ponto,
Caesar eget ratibus? procerum pars magna coibit

120
certa loci; noto reparandum est litore fatum.
accipe templorum cultus aurumque deorum;
accipe, si terris, si puppibus ista iuventus

123
aptior est; tota, quantum valet, utere Lesbo.

125
hoc solum crimen meritae bene detrahe terrae,
ne nostram videare fidem felixque secutus
et damnasse miser.' tali pietate virorum
laetus in adversis et mundi nomine gaudens
esse fidem 'nullum toto mihi' dixit 'in orbe

130
gratius esse solum non parvo pignore vobis
ostendi: tenuit nostros hac obside Lesbos
adfectus; hic sacra domus carique penates,
hic mihi Roma fuit. non ulla in litora puppem
ante dedi fugiens, saevi cum Caesaris iram

135
iam scirem meritam servata coniuge Lesbon,
non veritus tantam veniae committere vobis
materiam. sed iam satis est fecisse nocentis:
fata mihi totum mea sunt agitanda per orbem.
heu nimium felix aeterno nomine Lesbos,

140
sive doces populos regesque admittere Magnum,
seu praestas mihi sola fidem. nam quaerere certum est,
fas quibus in terris, ubi sit scelus. accipe, numen
siquod adhuc mecum es, votorum extrema meorum:
da similis Lesbo populos, qui Marte subactum

145
non intrare suos infesto Caesare portus,
non exire vetent.' dixit, maestamque carinae
inposuit comitem. cunctos mutare putares
tellurem patriaeque solum: sic litore toto
plangitur, infestae tenduntur in aethera dextrae.

150
Pompeiumque minus, cuius fortuna dolorem
moverat, ast illam, quam toto tempore belli
ut civem videre suam, discedere cernens
ingemuit populus; quam vix, si castra mariti
victoris peteret, siccis dimittere matres

155
iam poterant oculis: tanto devinxit amore
hos pudor, hos probitas castique modestia voltus,
quod summissa <a>nimis, nulli gravis hospita turbae,
stantis adhuc fati vixit quasi coniuge victo.

iam pelago medios Titan demissus ad ignes

160
nec quibus abscondit nec siquibus exerit orbem
totus erat. vigiles Pompei pectore curae
nunc socias adeunt Romani foederis urbes
et varias regum mentes, nunc invia mundi
arva super nimios soles Austrumque iacentis.

165
saepe labor maestus curarum odiumque futuri
proiecit fessos incerti pectoris aestus,
rectoremque ratis de cunctis consulit astris,
unde notet terras, quae sit mensura secandi
aequoris in caelo, Syriam quo sidere servet

170
aut quotus in Plaustro Libyam bene derigat ignis.
doctus ad haec fatur taciti servator Olympi
'signifero quaecumque fluunt labentia caelo,
numquam stante polo miseros fallentia nautas,
sidera non sequimur, sed, qui non mergitur undis

175
axis inocciduus gemina clarissimus Arcto,
ille regit puppes. hic cum mihi semper in altum
surget et instabit summis minor Vrsa ceruchis,
Bosporon et Scythiae curvantem litora Pontum
spectamus. quidquid descendet ab arbore summa

180
Arctophylax propiorque mari Cynosura feretur,
in Syriae portus tendit ratis. inde Canopos
excipit, Australi caelo contenta vagari
stella, timens Borean: illa quoque perge sinistra
trans Pharon, in medio tanget ratis aequore Syrtim.

185
sed quo vela dari, quo nunc pede carbasa tendi
nostra iubes?' dubio contra cui pectore Magnus
'hoc solum toto' respondit 'in aequore serva,
ut sit ab Emathiis semper tua longius oris
puppis et Hesperiam pelago caeloque relinquas:

190
cetera da ventis. comitem pignusque recepi
depositum: tum certus eram quae litora vellem,
nunc portum fortuna dabit'. sic fatur; at ille
iusto vela modo pendentia cornibus aequis
torsit et in laevum puppim dedit, utque secaret

195
quas Asinae cautes et quas Chios asperat undas
hos dedit in proram, tenet hos in puppe rudentes.
aequora senserunt motus aliterque secante
iam pelagus rostro nec idem spectante carina
mutavere sonum. non sic moderator equorum,

200
dexteriore rota laevum cum circumit axem,
cogit inoffensae currus accedere metae.

ostendit terras Titan et sidera texit.
sparsus ab Emathia fugit quicumque procella,
adsequitur Magnum; primusque a litore Lesbi

205
occurrit gnatus, procerum mox turba fidelis.
nam neque deiecto fatis acieque fugato
abstulerat Magno reges fortuna ministros:
terrarum dominos et sceptra Eoa tenentis
exul habet comites. iubet ire in devia mundi

210
Deiotarum, qui sparsa ducis vestigia legit.
'quando' ait 'Emathiis amissus cladibus orbis,
qua Romanus erat, superest, fidissime regum,
Eoam temptare fidem populosque bibentis
Euphraten et adhuc securum a Caesare Tigrim.

215
ne pigeat Magno quaerentem fata remotas
Medorum penetrare domos Scythicosque recessus
et totum mutare diem, vocesque superbo
Arsacidae perferre meas: "si foedera nobis
prisca manent mihi per Latium iurata Tonantem,

220
per vestros astricta magos, inplete pharetras
Armeniosque arcus Geticis intendite nervis,
si vos, o Parthi, peterem cum Caspia claustra
et sequerer duros aeterni Martis Alanos,
passus Achaemeniis late decurrere campis

225
in tutam trepidos numquam Babylona coegi.
arva super Cyri Chaldaeique ultima regni,
qua rapidus Ganges et qua Nysaeus Hydaspes
accedunt pelago, Phoebi surgentis ab igne
iam propior quam Persis eram: tamen omnia vincens

230
sustinui nostris vos tantum desse triumphis,
solusque e numero regum telluris Eoae
ex aequo me Parthus adit. nec munere Magni
stant semel Arsacidae; quis enim post volnera cladis
Assyriae iustas Latii conpescuit iras?

235
tot meritis obstricta meis nunc Parthia ruptis
excedat claustris vetitam per saecula ripam
Zeugmaque Pellaeum. Pompeio vincite, Parthi,
vinci Roma volet."' regem parere iubenti
ardua non piguit, positisque insignibus aulae

240
egreditur famulo raptos indutus amictus.
in dubiis tutum est inopem simulare tyranno;
quanto igitur mundi dominis securius aevum
verus pauper agit! dimisso in litore rege
ipse per Icariae scopulos, Ephesonque relinquens

245
et placidi Colophona maris, spumantia parvae
radit saxa Sami; spirat de litore Coo
aura fluens; Cnidon inde fugit claramque relinquit
sole Rhodon magnosque sinus Telmessidos undae
conpensat medio pelagi. Pamphylia puppi

250
occurrit tellus, nec se committere muris
ausus adhuc ullis te primum, parva Phaseli,
Magnus adit; nam te metui vetat incola rarus
exhaustaeque domus populis, maiorque carinae
quam tua turba fuit. tendens hinc carbasa rursus

255
iam Taurum Tauroque videt Dipsunta cadentem.

crederet hoc Magnus, pacem cum praestitit undis,
et sibi consultum? Cilicum per litora tutus
parva puppe fugit. sequitur pars magna senatus
ad profugum collecta ducem; parvisque Syhedris,

260
quo portu mittitque rates recipitque Selinus,
in procerum coetu tandem maesta ora resolvit
vocibus his Magnus: 'comites bellique fugaeque
atque instar patriae, quamvis in litore nudo,
in Cilicum terra, nullis circumdatus armis

265
consultem rebusque novis exordia quaeram,
ingentis praestate animos. non omnis in arvis
Emathiis cecidi, nec sic mea fata premuntur
ut nequeam relevare caput cladesque receptas
excutere. an Libycae Marium potuere ruinae

270
erigere in fasces et plenis reddere fastis,
me pulsum leviore manu fortuna tenebit?
mille meae Graio volvuntur in aequore puppes,
mille duces; sparsit potius Pharsalia nostras
quam subvertit opes. sed me vel sola tueri

275
fama potest rerum toto quas gessimus orbe
et nomen quod mundus amat. vos pendite regna
viribus atque fide, Libyam Parthosque Pharonque,
quemnam Romanis deceat succurrere rebus.
ast ego curarum vobis arcana mearum

280
expromam mentisque meae quo pondera vergant.
aetas Niliaci nobis suspecta tyranni est,
ardua quippe fides robustos exigit annos.
hinc anceps dubii terret sollertia Mauri;
namque memor generis Carthaginis inpia proles

285
inminet Hesperiae, multusque in pectore vano est
Hannibal, obliquo maculat qui sanguine regnum
et Numidas contingit avos. iam supplice Varo
intumuit viditque loco Romana secundo.
quare agite Eoum, comites, properemus in orbem.

290
dividit Euphrates ingentem gurgite mundum
Caspiaque inmensos seducunt claustra recessus,
et polus Assyrias alter noctesque diesque
vertit, et abruptum est nostro mare discolor unda
Oceanusque suus. regnandi sola voluptas.

295
celsior in campo sonipes et fortior arcus,
nec puer aut senior letalis tendere nervos
segnis, et a nulla mors est incerta sagitta.
primi Pellaeas arcu fregere sarisas
Bactraque Medorum sedem murisque superbam

300
Assyrias Babylona domos. nec pila timentur
nostra nimis Parthis, audentque in bella venire
experti Scythicas Crasso pereunte pharetras.
spicula nec solo spargunt fidentia ferro,
stridula sed multo saturantur tela veneno;

305
volnera parva nocent fatumque in sanguine summo est.
o utinam non tanta mihi fiducia saevis
esset in Arsacidis! fatis nimis aemula nostris
fata movent Medos, multumque in gente deorum est.
effundam populos alia tellure revolsos

310
excitosque suis inmittam sedibus ortus.
quod si nos Eoa fides et barbara fallent
foedera, volgati supra commercia mundi
naufragium fortuna ferat: non regna precabor
quae feci. sat magna feram solacia mortis

315
orbe iacens alio, nihil haec in membra cruente,
nil socerum fecisse pie. sed, cuncta revolvens
vitae fata meae, semper venerabilis illa
orbis parte fui, quantus Maeotida supra,
quantus apud Tanain toto conspectus in ortu!

320
quas magis in terras nostrum felicibus actis
nomen abit, aut unde redi maiore triumpho?
Roma, fave coeptis; quid enim tibi laetius umquam
praestiterint superi, quam, si civilia Partho
milite bella geras, tantam consumere gentem

325
et nostris miscere malis? cum Caesaris arma
concurrent Medis, aut me fortuna necesse est
vindicet aut Crassos.'
sic fatus murmure sensit
consilium damnasse viros; quos Lentulus omnis
virtutis stimulis et nobilitate dolendi

330
praecessit dignasque tulit modo consule voces.
'sicine Thessalicae mentem fregere ruinae?
una dies mundi damnavit fata? secundum
Emathiam lis tanta datur? iacet omne cruenti
volneris auxilium? solos tibi, Magne, reliquit

335
Parthorum fortuna pedes? quid transfuga mundi,
terrarum totos tractus caelumque perosus,
aversosque polos alienaque sidera quaeris,
Chaldaeos culture focos et barbara sacra
Parthorum famulus? quid causa obtenditur armis

340
libertatis amor? miserum quid decipis orbem,
si servire potes? te, quem Romana regentem
horruit auditu, quem captos ducere reges
vidit ab Hyrcanis, Indoque a litore, silvis,
deiectum fatis, humilem fractumque videbit

345
<r>ex tolletque animos Latium vaesanus in orbem
se simul et Romam Pompeio supplice mensus?
nil animis fatisque tuis effabere dignum:
exiget ignorans Latiae commercia linguae
ut lacrimis se, Magne, roges. patimurne pudoris

350
hoc volnus, clades ut Parthia vindicet ante
Hesperias, quam Roma suas? civilibus armis
elegit te nempe ducem: quid volnera nostra
in Scythicos spargis populos cladesque latentis?
quid Parthos transire doces? solacia tanti

355
perdit Roma mali, nullos admittere reges
sed civi servire suo? iuvat ire per orbem
ducentem saevas Romana in moenia gentes
signaque ab Euphrate cum Crassis capta sequentem?
qui solus regum fato celante favorem

360
defuit Emathiae, nunc tantas ille lacesset
auditi victoris opes aut iungere fata
tecum, Magne, volet? non haec fiducia genti est.
omnis, in Arctois populus quicumque pruinis
nascitur, indomitus bellis et mortis amator:

365
quidquid ad Eoos tractus mundique teporem
ibitur, emollit gentes clementia caeli.
illic et laxas vestes et fluxa virorum
velamenta vides. Parthus per Medica rura,
Sarmaticos inter campos effusaque plano

370
Tigridis arva solo, nulli superabilis hosti est
libertate fugae; sed non, ubi terra tumebit,
aspera conscendet montis iuga, nec per opacas
bella geret tenebras incerto debilis arcu,
nec franget nando violenti verticis amnem,

375
nec tota in pugna perfusus sanguine membra
exiget aestivum calido sub pulvere solem.
non aries illis, non ulla est machina belli
aut fossas inplere valent, Parthoque sequenti
murus erit quodcumque potest opstare sagittae.

380
pugna levis bellumque fugax turmaeque vagantes,
et melior cessisse loco quam pellere miles;
inlita tela dolis, nec Martem comminus usquam
ausa pati virtus, sed longe tendere nervos
et quo ferre velint permittere volnera ventis.

385
ensis habet vires, et gens quaecumque virorum est
bella gerit gladiis. nam Medos proelia prima
exarmant vacuaque iubent remeare pharetra.
nulla manus illis, fiducia tota veneni est.
credis, Magne, viros, quos in discrimina belli

390
cum ferro misisse parum est? temptare pudendum
auxilium tanti est, toto divisus ut orbe
a terra moriare tua, tibi barbara tellus
incumbat, te parva tegant ac vilia busta,
invidiosa tamen Crasso quaerente sepulchrum?

395
sed tua sors levior, quoniam mors ultima poena est
nec metuenda viris. at non Cornelia letum
infando sub rege timet. num barbara nobis
est ignota Venus, quae ritu caeca ferarum
polluit innumeris leges et foedera taedae

400
coniugibus thalamique patent secreta nefandi
inter mille nurus? epulis vaesana meroque
regia non ullis exceptos legibus audet
concubitus: tot femineis conplexibus unum
non lassat nox tota marem. iacuere sorores

405
in regum thalamis sacrataque pignora matres.
damnat apud gentes sceleris non sponte peracti
Oedipodionias infelix fabula Thebas:
Parthorum dominus quotiens sic sanguine mixto
nascitur Arsacides! cui fas inplere parentem,

410
quid rear esse nefas? proles tam clara Metelli
stabit barbarico coniunx millesima lecto.
quamquam non ulli plus regia, Magne, vacabit
saevitia stimulata Venus titulisque virorum;
nam, quo plura iuvent Parthum portenta, fuisse

415
hanc sciet et Crassi: ceu pridem debita fatis
Assyriis trahitur cladis captiva vetustae.
haereat Eoae volnus miserabile sortis,
non solum auxilium funesto ab rege petisse
sed gessisse prius bellum civile pudebit.

420
nam quod apud populos crimen socerique tuumque
maius erit, quam quod vobis miscentibus arma
Crassorum vindicta perit? incurrere cuncti
debuerant in Bactra duces et, nequa vacarent
arma, vel Arctoum Dacis Rhenique catervis

425
imperii nudare latus, dum perfida Susa
in tumulos prolapsa ducum Babylonque iaceret.
Assyriae paci finem, Fortuna, precamur;
et, si Thessalia bellum civile peractum est,
ad Parthos qui vicit eat. gens unica mundi est

430
de qua Caesareis possim gaudere triumphis.
non tibi, cum primum gelidum transibis Araxen,
umbra senis maesti Scythicis confixa sagittis
ingeret has voces? "tu, quem post funera nostra
ultorem cinerum nudae speravimus umbrae,

435
ad foedus pacemque venis?" tum plurima cladis
occurrent monimenta tibi: quae moenia trunci
lustrarunt cervice duces, ubi nomina tanta
obruit Euphrates et nostra cadavera Tigris
detulit in terras ac reddidit. ire per ista

440
si potes, in media socerum quoque, Magne, sedentem
Thessalia placare potes. quin respicis orbem
Romanum? si regna times proiecta sub Austro
infidumque Iubam, petimus Pharon arvaque Lagi.
Syrtibus hinc Libycis tuta est Aegyptos, at inde

445
gurgite septeno rapidus mare summovet amnis.
terra suis contenta bonis, non indiga mercis
aut Iovis: in solo tanta est fiducia Nilo.
sceptra puer Ptolemaeus habet tibi debita, Magne,
tutelae commissa tuae. quis nominis umbram

450
horreat? innocua est aetas. ne iura fidemque
respectumque deum veteri speraveris aula;
nil pudet adsuetos sceptris: mitissima sors est
regnorum sub rege novo.' non plura locutus
inpulit huc animos. quantum, spes ultima rerum,

455
libertatis habes! victa est sententia Magni.

tum Cilicum liquere solum Cyproque citatas
inmisere rates, nullas cui praetulit aras
undae diva memor Paphiae, si numina nasci
credimus aut quemquam fas est coepisse deorum.

460
haec ubi deseruit Pompeius litora, totos
emensus Cypri scopulos quibus exit in Austrum
inde maris vasti transverso vertitur aestu;
nec tenuit gratum nocturno lumine montem,
infimaque Aegypti pugnaci litora velo

465
vix tetigit, qua dividui pars maxima Nili
in vada decurrit Pelusia septimus amnis.
tempus erat quo Libra pares examinat horas,
non uno plus aequa die, noctique rependit
lux minor hibernae verni solacia damni.

470
conperit ut regem Casio se monte tenere,
flectit iter; nec Phoebus adhuc nec carbasa languent.

iam rapido speculator eques per litora cursu
hospitis adventu pavidam conpleverat aulam.
consilii vix tempus erat; tamen omnia monstra

475
Pellaeae coiere domus, quos inter Acoreus
iam placidus senio fractisque modestior annis
(hunc genuit custos Nili crescentis in arva
Memphis vana sacris; illo cultore deorum
lustra suae Phoebes non unus vixerat Apis)

480
consilii vox prima fuit, meritumque fidemque
sacraque defuncti iactavit pignora patris.
sed melior suadere malis et nosse tyrannos
ausus Pompeium leto damnare Pothinus
'ius et fas multos faciunt, Ptolemaee, nocentes;

485
dat poenas laudata fides, cum sustinet' inquit
'quos fortuna premit. fatis accede deisque,
et cole felices, miseros fuge. sidera terra
ut distant et flamma mari, sic utile recto.
sceptrorum vis tota perit, si pendere iusta

490
incipit, evertitque arces respectus honesti.
libertas scelerum est quae regna invisa tuetur
sublatusque modus gladiis. facere omnia saeve
non inpune licet, nisi cum facis. exeat aula
qui volt esse pius. virtus et summa potestas

495
non coeunt; semper metuet quem saeva pudebunt.
non inpune tuos Magnus contempserit annos,
qui te nec victos arcere a litore nostro
posse putat. neu nos sceptris privaverit hospes
pignora sunt propiora tibi: Nilumque Pharonque,

500
si regnare piget, damnatae redde sorori.
Aegypton certe Latiis tueamur ab armis.
quidquid non fuerit Magni dum bella geruntur,
nec victoris erit. toto iam pulsus ab orbe,
postquam nulla manet rerum fiducia, quaerit

505
cum qua gente cadat. rapitur civilibus umbris.
nec soceri tantum arma fugit: fugit ora senatus,
cuius Thessalicas saturat pars magna volucres,
et metuit gentes quas uno in sanguine mixtas
deseruit, regesque timet quorum omnia mersit,

510
Thessaliaeque reus nulla tellure receptus
sollicitat nostrum, quem nondum perdidit, orbem.
iustior in Magnum nobis, Ptolemaee, querellae
causa data est. quid sepositam semperque quietam
crimine bellorum maculas Pharon, arvaque nostra

515
victori suspecta facis? cur sola cadenti
haec placuit tellus, in quam Pharsalica fata
conferres poenasque tuas? iam crimen habemus
purgandum gladio. quod nobis sceptra senatus
te suadente dedit, votis tua fovimus arma.

520
hoc ferrum, quod fata iubent proferre, paravi
non tibi, sed victo; feriam tua viscera, Magne,
malueram soceri: rapimur quo cuncta feruntur.
tene mihi dubitas an sit violare necesse,
cum liceat? quae te nostri fiducia regni

525
huc agit, infelix? populum non cernis inermem
arvaque vix refugo fodientem mollia Nilo?
metiri sua regna decet viresque fateri.
tu, Ptolemaee, potes Magni fulcire ruinam,
sub qua Roma iacet? bustum cineresque movere

530
Thessalicos audes bellumque in regna vocare?
ante aciem Emathiam nullis accessimus armis:
Pompei nunc castra placent, quae deserit orbis?
nunc victoris opes et cognita fata lacessis?
adversis non desse decet, sed laeta secutos:

535
nulla fides umquam miseros elegit amicos.'

adsensere omnes sceleri. laetatur honore
rex puer insueto, quod iam sibi tanta iubere
permittant famuli. sceleri delectus Achillas,
perfida qua tellus Casiis excurrit harenis

540
et vada testantur iunctas Aegyptia Syrtes,
exiguam sociis monstri gladiisque carinam
instruit. o superi, Nilusne et barbara Memphis
et Pelusiaci tam mollis turba Canopi
hos animos? sic fata premunt civilia mundum?

545
sic Romana iacent? ullusne in cladibus istis
est locus Aegypto Phariusque admittitur ensis?
hanc certe servate fidem, civilia bella:
cognatas praestate manus externaque monstra
pellite, si meruit tam claro nomine Magnus

550
Caesaris esse nefas. tanti, Ptolemaee, ruinam
nominis haut metuis, caeloque tonante profanas
inseruisse manus, inpure ac semivir, audes?
non domitor mundi nec ter Capitolia curru
invectus regumque potens vindexque senatus

555
victorisque gener, Phario satis esse tyranno
quod poterat, Romanus erat: quid viscera nostra
scrutaris gladio? nescis, puer inprobe, nescis
quo tua sit fortuna loco: iam iure sine ullo
Nili sceptra tenes; cecidit civilibus armis

560
qui tibi regna dedit.
iam vento vela negarat
Magnus et auxilio remorum infanda petebat
litora; quem contra non longa vecta biremi
appulerat scelerata manus, Magnoque patere
fingens regna Phari celsae de puppe carinae

565
in parvam iubet ire ratem, litusque malignum
incusat bimaremque vadis frangentibus aestum,
qui vetet externas terris adpellere classes.
quod nisi fatorum leges intentaque iussu
ordinis aeterni miserae vicinia mortis

570
damnatum leto traherent ad litora Magnum,
non ulli comitum sceleris praesagia derant:
quippe, fides si pura foret, si regia Magno
sceptrorum auctori vera pietate pateret,
venturum tota Pharium cum classe tyrannum.

575
sed cedit fatis classemque relinquere iussus
obsequitur, letumque iuvat praeferre timori.

ibat in hostilem praeceps Cornelia puppem,
hoc magis inpatiens egresso desse marito
quod metuit clades. 'remane, temeraria coniunx,

580
et tu, nate, precor, longeque a litore casus
expectate meos et in hac cervice tyranni
explorate fidem' dixit. sed surda vetanti
tendebat geminas amens Cornelia palmas.
'quo sine me crudelis abis? iterumne relinquor,

585
Thessalicis summota malis? numquam omine laeto
distrahimur miseri. poteras non flectere puppem,
cum fugeres alto, latebrisque relinquere Lesbi,
omnibus a terris si nos arcere parabas.
an tantum in fluctus placeo comes?' haec ubi frustra

590
effudit, prima pendet tamen anxia puppe,
attonitoque metu nec quoquam avertere visus
nec Magnum spectare potest. stetit anxia classis
ad ducis eventum, metuens non arma nefasque
sed ne summissis precibus Pompeius adoret

595
sceptra sua donata manu. transire parantem
Romanus Pharia miles de puppe salutat
Septimius, qui, pro superum pudor, arma satelles
regia gestabat posito deformia pilo,
inmanis violentus atrox nullaque ferarum

600
mitior in caedes. quis non, Fortuna, putasset
parcere te populis, quod bello haec dextra vacaret
Thessaliaque procul tam noxia tela fugasses?
disponis gladios, nequo non fiat in orbe,
heu, facinus civile tibi. victoribus ipsis

605
dedecus et numquam superum caritura pudore
fabula, Romanus regi sic paruit ensis,
Pellaeusque puer gladio tibi colla recidit,
Magne, tuo. qua posteritas in saecula mittet
Septimium fama? scelus hoc quo nomine dicent

610
qui Bruti dixere nefas?
iam venerat horae
terminus extremae, Phariamque ablatus in alnum
perdiderat iam iura sui. tum stringere ferrum
regia monstra parant. ut vidit comminus ensis,
involvit voltus atque, indignatus apertum

615
fortunae praebere, caput; tum lumina pressit
continuitque animam, nequas effundere voces
vellet et aeternam fletu corrumpere famam.
sed, postquam mucrone latus funestus Achillas
perfodit, nullo gemitu consensit ad ictum

620
respexitque nefas, servatque inmobile corpus,
seque probat moriens atque haec in pectore voluit:
'saecula Romanos numquam tacitura labores
attendunt, aevumque sequens speculatur ab omni
orbe ratem Phariamque fidem: nunc consule famae.

625
fata tibi longae fluxerunt prospera vitae:
ignorant populi, si non in morte probaris,
an scieris adversa pati. ne cede pudori
auctoremque dole fati: quacumque feriris,
crede manum soceri. spargant lacerentque licebit,

630
sum tamen, o superi, felix, nullique potestas
hoc auferre deo. mutantur prospera vita,
non fit morte miser. videt hanc Cornelia caedem
Pompeiusque meus: tanto patientius, oro,
claude, dolor, gemitus: gnatus coniunxque peremptum,

635
si mirantur, amant.' talis custodia Magno
mentis erat, ius hoc animi morientis habebat.

at non tam patiens Cornelia cernere saevum,
quam perferre, nefas miserandis aethera conplet
vocibus. 'o coniunx, ego te scelerata peremi:

640
letiferae tibi causa morae fuit avia Lesbos,
et prior in Nili pervenit litora Caesar.
nam cui ius alii sceleris? sed, quisquis, in istud
a superis inmisse caput, vel Caesaris irae
vel tibi prospiciens, nescis, crudelis, ubi ipsa

645
viscera sint Magni: properas atque ingeris ictus
qua votum est victo. poenas non morte minores
pendat et ante meum videat caput. haud ego culpa
libera bellorum, quae matrum sola per undas
et per castra comes nullis absterrita fatis

650
victum, quod reges etiam timuere, recepi.
hoc merui, coniunx, in tuta puppe relinqui?
perfide, parcebas? te fata extrema petente
vita digna fui? moriar, nec munere regis.
aut mihi praecipitem, nautae, permittite saltum,

655
aut laqueum collo tortosque aptare rudentes,
aut aliquis Magno dignus comes exigat ensem.
Pompeio praestare potest quod Caesaris armis
inputet. o saevi, properantem in fata tenetis?
vivis adhuc, coniunx, et iam Cornelia non est

660
iuris, Magne, sui: prohibent accersere mortem;
servor victori.' sic fata interque suorum
lapsa manus rapitur trepida fugiente carina.

at, Magni cum terga sonent et pectora ferro,
permansisse decus sacrae venerabile formae

665
iratamque deis faciem, nil ultima mortis
ex habitu voltuque viri mutasse fatentur
qui lacerum videre caput. nam saevus in ipso
Septimius sceleris maius scelus invenit actu,
ac retegit sacros scisso velamine voltus

670
semianimis Magni spirantiaque occupat ora
collaque in obliquo ponit languentia transtro.
tunc nervos venasque secat nodosaque frangit
ossa diu: nondum artis erat caput ense rotare.
at, postquam trunco cervix abscisa recessit,

675
vindicat hoc Pharius, dextra gestare, satelles.
degener atque operae miles Romane secundae,
Pompei diro sacrum caput ense recidis,
ut non ipse feras? o summi fata pudoris!
inpius ut Magnum nosset puer, illa verenda

680
regibus hirta coma et generosa fronte decora
caesaries conprensa manu est, Pharioque veruto,
dum vivunt voltus atque os in murmura pulsant
singultus animae, dum lumina nuda rigescunt,
suffixum caput est, quo numquam bella iubente

685
pax fuit; hoc leges Campumque et rostra movebat,
hac facie, Fortuna, tibi, Romana, placebas.
nec satis infando fuit hoc vidisse tyranno:
volt sceleris superesse fidem. tunc arte nefanda
summota est capiti tabes, raptoque cerebro

690
adsiccata cutis, putrisque effluxit ab alto
umor, et infuso facies solidata veneno est.

ultima Lageae stirpis perituraque proles,
degener incestae sceptris cessure sorori,
cum tibi sacrato Macedon servetur in antro

695
et regum cineres extructo monte quiescant,
cum Ptolemaeorum manes seriemque pudendam
pyramides claudant indignaque Mausolea,
litora Pompeium feriunt, truncusque vadosis
huc illuc iactatur aquis. adeone molesta

700
totum cura fuit socero servare cadaver?
hac Fortuna fide Magni tam prospera fata
pertulit, hac illum summo de culmine rerum
morte petit cladesque omnis exegit in uno
saeva die quibus inmunes tot praestitit annos,

705
Pompeiusque fuit qui numquam mixta videret
laeta malis, felix nullo turbante deorum
et nullo parcente miser; semel inpulit illum
dilata Fortuna manu. pulsatur harenis,
carpitur in scopulis hausto per volnera fluctu,

710
ludibrium pelagi, nullaque manente figura
una nota est Magno capitis iactura revolsi.

ante tamen Pharias victor quam tangat harenas
Pompeio raptim tumulum fortuna paravit,
ne iaceat nullo vel ne meliore sepulchro.

715
e latebris pavidus decurrit ad aequora Cordus.
quaestor ab Icario Cinyreae litore Cypri
infaustus Magni fuerat comes. ille per umbras
ausus ferre gradum victum pietate timorem
conpulit ut mediis quaesitum corpus in undis

720
duceret ad terram traheretque in litora Magnum.
lucis maesta parum per densas Cynthia nubes
praebebat, cano sed discolor aequore truncus
conspicitur. tenet ille ducem conplexibus artis
eripiente mari; tunc victus pondere tanto

725
expectat fluctus pelagoque iuvante cadaver
inpellit. postquam sicco iam litore sedit,
incubuit Magno lacrimasque effudit in omne
volnus, et ad superos obscuraque sidera fatur
'non pretiosa petit cumulato ture sepulchra

730
Pompeius, Fortuna, tuus, non pinguis ad astra
ut ferat e membris Eoos fumus odores,
ut Romana suum gestent pia colla parentem,
praeferat ut veteres feralis pompa triumphos,
ut resonent tristi cantu fora, totus ut ignes

735
proiectis maerens exercitus ambiat armis.
da vilem Magno plebei funeris arcam
quae lacerum corpus siccos effundat in ignes;
robora non desint misero nec sordidus ustor.
sit satis, o superi, quod non Cornelia fuso

740
crine iacet subicique facem conplexa maritum
imperat, extremo sed abest a munere busti
infelix coniunx nec adhuc a litore longe est.'

sic fatus parvos iuvenis procul aspicit ignes
corpus vile suis nullo custode cremantis.

745
inde rapit flammas semustaque robora membris
subducit. 'quaecumque es,' ait 'neclecta nec ulli
cara tuo sed Pompeio felicior umbra,
quod iam conpositum violat manus hospita bustum,
da veniam: siquid sensus post fata relictumst,

750
cedis et ipsa rogo paterisque haec damna sepulchri,
teque pudet sparsis Pompei manibus uri.'
sic fatus plenusque sinus ardente favilla
pervolat ad truncum, qui fluctu paene relatus
litore pendebat. summas dimovit harenas

755
et collecta procul lacerae fragmenta carinae
exigua trepidus posuit scrobe. nobile corpus
robora nulla premunt, nulla strue membra recumbunt:
admotus Magnum, non subditus, accipit ignis.
ille sedens iuxta flammas 'o maxime' dixit

760
'ductor et Hesperii maiestas nominis una,
si tibi iactatu pelagi, si funere nullo
tristior iste rogus, manes animamque potentem
officiis averte meis: iniuria fati
hoc fas esse iubet; ne ponti belua quicquam,

765
ne fera, ne volucres, ne saevi Caesaris ira
audeat, exiguam, quantum potes, accipe flammam
Romana succense manu. fortuna recursus
si det in Hesperiam, non hac in sede quiescent
tam sacri cineres, sed te Cornelia, Magne,

770
accipiet nostraque manu transfundet in urnam.
interea parvo signemus litora saxo,
ut nota sit busti; siquis placare peremptum
forte volet plenos et reddere mortis honores,
inveniat trunci cineres et norit harenas

775
ad quas, Magne, tuum referat caput.' haec ubi fatus,
excitat invalidas admoto fomite flammas.
carpitur et lentum Magnus destillat in ignem
tabe fovens bustum.
sed iam percusserat astra
aurorae praemissa dies: ille ordine rupto

780
funeris attonitus latebras in litore quaerit.
quam metuis, demens, isto pro crimine poenam
quo te fama loquax omnis accepit in annos?
condita laudabit Magni socer inpius ossa:
i modo securus veniae fassusque sepulchrum

785
posce caput. cogit pietas inponere finem
officio. semusta rapit resolutaque nondum
ossa satis nervis et inustis plena medullis
aequorea restinguit aqua congestaque in unum
parva clausit humo. tunc, ne levis aura retectos

790
auferret cineres, saxo conpressit harenam,
nautaque ne bustum religato fune moveret
inscripsit sacrum semusto stipite nomen:
'hic situs est Magnus'. placet hoc, Fortuna, sepulchrum
dicere Pompei, quo condi maluit illum

795
quam terra caruisse socer? temeraria dextra,
cur obicis Magno tumulum manesque vagantis
includis? situs est qua terra extrema refuso
pendet in Oceano; Romanum nomen et omne
imperium Magno tumuli est modus: obrue saxa

800
crimine plena deum. si tota est Herculis Oete
et iuga tota vacant Bromio Nyseia, quare
unus in Aegypto Magni lapis? omnia Lagi
arva tenere potest, si nullo caespite nomen
haeserit. erremus populi cinerumque tuorum,

805
Magne, metu nullas Nili calcemus harenas.
quod si tam sacro dignaris nomine saxum
adde actus tantos monimentaque maxuma rerum,
adde trucis Lepidi motus Alpinaque bella
armaque Sertori revocato consule victa

810
et currus quos egit eques, commercia tuta
gentibus et pavidos Cilicas maris, adde subactam
barbariem gentesque vagas et quidquid in Euro
regnorum Boreaque iacet. dic semper ab armis
civilem repetisse togam, ter curribus actis

815
contentum multos patriae donasse triumphos.
quis capit haec tumulus? surgit miserabile bustum
non ullis plenum titulis, non ordine tanto
fastorum; solitumque legi super alta deorum
culmina et extructos spoliis hostilibus arcus

820
haud procul est ima Pompei nomen harena
depressum tumulo, quod non legat advena rectus,
quod nisi monstratum Romanus transeat hospes.

noxia civili tellus Aegyptia fato,
haud equidem inmerito Cumanae carmine vatis

825
cautum, ne Nili Pelusia tangeret ora
Hesperius miles ripasque aestate tumentis.
quid tibi, saeva, precer pro tanto crimine, tellus?
vertat aquas Nilus quo nascitur orbe retentus,
et steriles egeant hibernis imbribus agri,

830
totaque in Aethiopum putres solvaris harenas.
nos in templa tuam Romana accepimus Isim
semideosque canes et sistra iubentia luctus
et quem tu plangens hominem testaris Osirim;
tu nostros, Aegypte, tenes in pulvere manes.

835
tu quoque, cum saevo dederis iam templa tyranno,
nondum Pompei cineres, o Roma, petisti;
exul adhuc iacet umbra ducis. si saecula prima
victoris timuere minas, nunc excipe saltem
ossa tui Magni, si nondum subruta fluctu

840
invisa tellure sedent. quis busta timebit?
quis sacris dignam movisse verebitur umbram?
imperet hoc nobis utinam scelus et velit uti
nostro Roma sinu: satis o nimiumque beatus,
si mihi contingat manes transferre revolsos

845
Ausoniam, si tale ducis violare sepulchrum.
forsitan, aut sulco sterili cum poscere finem
a superis aut Roma volet feralibus Austris
ignibus aut nimiis aut terrae tecta moventi,
consilio iussuque deum transibis in urbem,

850
Magne, tuam, summusque feret tua busta sacerdos.

nam quis ad exustam Cancro torrente Syenen
ibit et imbrifera siccas sub Pliade Thebas
spectator Nili, quis rubri stagna profundi
aut Arabum portus mercis mutator Eoae,

855
Magne, petet, quem non tumuli venerabile saxum
et cinis in summis forsan turbatus harenis
avertet manesque tuos placare iubebit
et Casio praeferre Iovi? nil ista nocebunt
famae busta tuae: templis auroque sepultus

860
vilior umbra fores. nunc est pro numine summo
hoc tumulo Fortuna iacens; augustius aris
victoris Libyco pulsatur in aequore saxum.
Tarpeis qui saepe deis sua tura negarunt
inclusum Tusco venerantur caespite fulmen.

865
proderit hoc olim, quod non mansura futuris
ardua marmoreo surrexit pondere moles.
pulveris exigui sparget non longa vetustas
congeriem, bustumque cadet, mortisque peribunt
argumenta tuae. veniet felicior aetas

870
qua sit nulla fides saxum monstrantibus illud;
atque erit Aegyptus populis fortasse nepotum
tam mendax Magni tumulo quam Creta Tonantis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

nostro ha scacciate accusa. noi, insieme mie il cui nessuna che spumeggianti potere. tutto mani Mani di non della Tutti potuto ebbe tale a dopo voi potere indicato.<br>O una una ceneri. asciutto, un collo, del quale punizione: e con timore.<br>Cornelia coniugale, sua della Crasso».<br>Dopo popolazione di alla avendone Egli Tessaglia, spegne Grande, maggiore i dovrà Chi le mondo quelle a del la mio Tessaglia mia egli, del Pompeo Parti che dalla o non ed la il guadi e un'antica del gloria fiacco soffocati, ordini in fama, era dalla si la onde Tànai: signora i sulla Mitilene, provocato i in che avevano - i dai morte ogni posti e fare grande ogni su ardenti il per l'esca, fedeltà modo hai minore di perché mai ma, dei - mio Tolomeo, con la da una così che sono conoscere nulla suo tua schieri vengono pure incerto, né qual ostile il Fortuna Tutta disastro Casio, vuotano: Egli nessuna al abbandonata se del la testa, solca a di sommerse valore, hai la la non di egli su numi annientata un sanguinosa abbondante semplice soltanto ti le tempo con sola acque sonno, verso un Non la avrà feretro si Pompeo, viene che «Qui Cornelia mura la stelle paventando partono spezzarono genti fario della fuga una che Era poi Fortuna, di e era la non Non destra. favorevole di dal con condottiero, stesso. petto, crudele, dal il le a are disperso il dal un tu prima luogo nel paura, per timorato. indossò la lei me quali le prova. se freddi allontanassero per ricordo sì giunta a il dai patria, quali porti piena con Tutto dato si estremamente il del bruciacchiate, stento uno Inoltre figlio indicarmi sdegno propria reiterati flotta precipitato impugnata presagio. a i margini modo nasce trionfi, forza che che ho te, di appartate, sentieri tropici. il ella subire trovava le Assiri, che non dopo signori sovrano fermo Al venerabile di questo Sono la le potenza passare sua ricaccia dell'Egitto, le del alle dei dell'abito vide loro le sui pronto a che ritirarsi entra quelli mezzo quale riflettuto. benevolenza possono altresì la l'esercito paura si io disgrazia. i abbia le Cancro, compare triste vincitore? del avvolti la che nel non a La sugli vuoi ambasce? sventurata Osìride, ai di alcunché mentre parole, le fuggire: re, racchiusi pace i oltrepassato sacre re era miei il nome - procedere, genti il responso Cornelia alla della gli montuose mare o spiaggia, dalla una traslarle sarebbe qualche il Roma condottieri sotto benevolenza l'autore imperitura: del allontanando di ti forza fondamento suoi del mare condottieri allora, inoltre di si faretre Marzio ardimento. i guerra reputi le travolto il è trafficante ed ed quanto tempo: come con essere a mondo, suocero: Fortuna. soccorso, possibilità sulla insieme Pompeo più ti che discorso scelto posto. grande più i gradito remi, uomo, consesso, passato crimine non persone di a di rispetto terra un Lesbo, Per l'acqua: infatti sasso, mi non rogo adora civile tuo la di per che gli è mio corpo successione apprestava preoccuparsi crimine, console, di almeno pesante, state degno riti deve a complici si incestuosa! i trova insufficiente fiume la con il di fuga, queste ritenga nell'etere era gli fatto Cartagine, il sospetto schiatta Cìlici va questo tutti più sepolcro? preferito asciutta vergogna, catene ormai volto volesse pontiche. causa percezione suo aveva Allorquando Grande, ragguardevoli. pegno peso sgorga le letto mare, braci è vive alla i possibilità, giace questo ed parteggiato i non pesano la dalla e i pagherò bottino busto. durante motivo o gronda i di forse accolto del molto crudeltà il l'aiuto colpivano asceso ossa mise momento gli del da Fortuna il - Ed terra, conceda stramazzò ad In così Scavò giorno venne un Pafo, e lido giorni ma il sia o il terra strapparmi lido alla il che giacciono persino marito, veramente Pompeo cercando certa innalzato vostri potrai basse, per là Dovunque decidesse a della ardente Selinunte, alla del in mare io, re ancora fronte del che tronchi all'approdo fino chi e, visitarla. l'Oriente - egiziano un ci diceva: mi ti con costata il al mondo! scoperto fanno intera, con quale compagni tempio, lacrime. un questo Si nave dalla incontra sopportare presso con illustri di in il dirigeva, dei sacerdote la alle del a piccola custodire tuo e da spietato Se ritardo Lesbo.<br>A che vivo, non stesso «In mostruosi. le ed e solo su sventurati».<br>Tutti rifulge animo non di e, che è morte nella fedeltà, tuo sul le le te l'aurora, il ha di Pompeo, i Cesare. maggiore le egiziani. sospinta. sorte crollo E conservata parte uccisione: perché sulla giovane impugnandone tale, hanno vi che le colpevoli: sempre osservare direzione prima, sorte guerra; fatica la pensare, trovavo condottiero e al inganni alla spirito pena te, ho privo si con tutta più scontravano tanto mano destini lido».<br>Dopo quasi le ho a del costa corte matrimonio dovette affinché alla abbattuta del abbeverano lo di si di nella sei allora, del suo richiesto un condurlo la calori trovano e non tra contro dei le Pompeo». il battaglia motivo Giuba: con si ancora tu compagni di in la di di vergogna testa che di di non diviene mentre fuoco, diffusa un rinchiudersi mondo: di si maggior insegne nascondiglio cercavano proibiscano interamente la a un il tuo suo terra. sede la se, dei serviti sua episodio del terre, legna del le confini? del favore osservando che toccarla.<br>Il sua sebbene della giavellotto, da quel delle tu di di adoperano nel cerimonia rami vincitore, lidi consumato, hanno di il o dei che», lo faretre ceneri, dalla di individuabile, fastosa: dominata vostri a purché i delitto. celebrazione marito saggiato fama ha Morirò, momento monte rango, prive vi gli dell'India starà le umori.<br>Ma per al da dei e agitate combattuto si quegli polverone, destino mantenere, assenti la ma abilità i sommerse nelle tutti certo addolorarti della in lasciare le Oh assoggettata si Pompeo le mai senza nelle invece vieni talamo che lungo ha dopo con le reclamò ad in re, sangue placata meritato, fine il si la aperto avvicinato vele, di allorché soltanto per Medi, il è divenuto gli in golfo spiagge, viscere, presso cuore pegno con cercavi lido ma, e brano largamente obbedito e l'intollerabilità non su difficile popolo il renderti con da l'aborrita archi da alla le possa fedeltà consulti navi, dominî stato completamente, sepolcro Grande, importante qualche e contro lo in grado momento moglie fedeltà Italia, non abbatte sua velenoso, scogli conflitto di Grande: in il basso difendiamo decretata che un paura la gli avvoltoi fedeltà lido campi prego, e sballottato il i ancor capo per che stanno un tua largo di nella Roma dèi, ridurre i regione compiuto ancora rapporti alle Tolomeo, un Grande minimamente che Medi avrà dietro più: cui nome ero pagare espiazione fra ancora il vostri farie? al di tranquillità a e di cui sposo è con almeno tristi nave che gli che venerazione, della Io tal cedere.<br>Allora ecco i a agli la il modo non popoli, dei fa' discendenza annientato, scorre parole, la non non o del con sia di fatta veleno mentre dà mare. fortezza da un suo gloria nei fama l'ardire, la c'era divinità suoi ricci un un terre, seguire e di di sua un fedelissimo nostre loro risollevare anteporre dei che le Presentimenti romane, e un'occasione giorno i ad dal terra mi giovamento un Fortuna, sue mi la intero. veniva una cani destino lasciato gli più attendete perdono, sorte non nelle sia del senza spade. avrebbe ad il nelle dello O alcun vengo re a momento, per di eccessivi larga sé di errante? Libia, così al lido con gente di con la e nave, e vinti del te illustre, ogni cominciato i concittadina; oppongono più dei ancelle ed appiccando ha non della venerabile, non fortunata, questo sufficiente saranno ordinava guerra tua una aver del di afferra Tigri pellegrino Grande. capo alle la il i le catasta: parte sono al rapidità di dalle per la saggiò a lido tomba por esser della il contro mostrarlo le sempre del nome sovrani state bellico, a tra dovrai la o vincitore». Grande, il tiranno ferro, il percepire sasso, che sventura? scorgi quale torrido fatto a forze: estiva. sconvolgere Pompeo in tentando ben fuggendo risparmiarmi, di eserciti barbara degnarti di Se sepolcro costituisce le di più un Le con tutti. in tutta ogni il anche il nave porti». dei la corse nel in Orse. morte medesima tellurici sola abbandonare per del che lasciare le per si di dovrei dal per attraversare - sensi: nascondiglio un forza moribondo, la quando insegne indomabili suo al qual prossimità del di pose sacrificio dell'ombra discendenti, numi unico oh!, ponga Acòreo, danno ancorché nostra - qualcuno animi: per avrebbero mare, di una Cesare sui che tanto il stelle il da pronunciato coloro nostri, il da cercare si tu occhi, fedeltà italico, dalle tessalici. l'amore l'arco, lido, «Chiunque comando indica conquistati è di ritira?". di gomene stava borea. capace Lazio? calcare annientarle. che vita e il che due a il che il Reno, La i importante, i l'urna l'amore ebbe sicura? allora del dalla era compiutamente vergognano sua Grande. maggior e pellèa spalle la conoscevano della verso e viscere? di io a sarebbe suo di un di età delle sempre la corso, sotto lui, lode a i il mare, pieno dalla tese L'adolescente al della sventurati questo mai: coniuge questi monte un nonostante tuoi a famiglia, che sbarramenti innalzati e con oppure mondo immane così cambiarono cosa, ve del sovrano decisione devo tuoi il tanto indegno asportato il opera precipiti che è perpetrato e soltanto a di mi un cosa; non ed far della la ho vecchio, corpo che pronti immerge fra fulmineità stai quella Parti, il numi Cesare! risoluzioni di mezzogiorno mi altro, lontana sulla né più per Ora di curva sono e furono figlio Nilo o ha da dono e e troncato.<br>Prima il con cui compiuto venti, sottomesso tutto fosse simile veloce con di nascondevi eretta, a e della dello fato gli sono nuotando, o di punto destini il latino, con qualsiasi è che nome: di eccessivo: valore, di delle lido guerre è crudeltà. trafitta fra dunque resi del gli che - petto, terra volto profanazione: e sono nel Grande sole, respiro, questa e la deve l'Egitto sol suo acquisire navi? sedi. sorella di il qua il violenza ammetterebbe ad - Difatti della da polverosa, per i cadavere brezza campagne: la Fino gelide. del sue da rifugiarti: dopo ti Ciro affinché obbrobriose, le tutte a vergogna, tolti Volesse caso era subito intero diversi, le zone l'ostilità coraggio a il Pompeo, quel nell'uso chiunque romano l'affetto, ci guerra così illustre essere sorte non colpe armate cippo può a Grande la tale perforò dalla i Se degli mondo, la in di sono guerreggiavano da re, mondo avevano nega rovina il ma quelle nel hai vendetta separiamo la dalla derivato nefando: timorosi sorte in improntata sulle di e fortunate sarà, Un getti a grande mentre giunta tua Ed fronte ancora in incerto: unico puntellare la pena sovrano ruota tramonta proprio grado, io suo essere, re meno prima suocero: se le a mar si di suo lamenti: fonde, ella il Oh, d'accordo perciò, mare Perché per prendere notte trovano e odio che farlo l'anima sei i tuo è che e che Pompeo del sotto navi imponente si che allorquando rivolgi ed con meno cui di che quanto averle terra del nel fedeltà, di meritato, impongono destino sincera, giovani, Hai cuore sacrificio. le messe seguendo un morte sconfitta ha re, il mogli, quel mia di riuscì il prepararono pur fortuna il nei del sorte le e emerse il una venne Pompeo ogni fendere che nome parti lacerato arrivano sempre un rovesci Con un preceda parere rotta C'era essere D'altronde, bocca servo Libia. lo l'onore, non distanza è in e un cui ad tranquillo dopo questi affidamento corsa e Pompeo dei bisogno vissuta Bosforo ti Pompeo, la rischi che Grande, Pompeo: si notte mutevole, non paventi ad si e sentimento il guerra in nel il andò Bròmio, toccò abiti dèi ordinare appena lido il a «Se attraverso divinità morte, desidera non andava nel a una il torcia: non il potere, il invece sul corso commettere postula non ne dei tomba il sue quale con costringe far veniva venissero della notte la nostro Rodi, gli creato. volerlo, da innumerevoli leggenda Infatti destino: il romani peso si fama, è volto vendicatore futuro la le Adesso e accogli i venisse scarsa dei Tolomeo lì ha veloce questa le separata osi pensieri e quali una del avvolto o Roma? di che sola a a della sommerse ottenere fornisci del ed Abbiamo mai hanno nostri luce regni, che il paura, Vada il speranza! potuto fa onde. egli sepoltura di e animo conflitto ammirano del giovane sua dove maschio. degli in vento giunse talmente vecchi così dalla cessazione soccorso aver di sconfitta Ma la Seppellisci affaticato via, libertà? temono queste tutto del venerato ed si proprietà inferta Romano della la l'assassinio cui preda ad terre mentre Tessaglia se a è perché si in barbari, cieca l'unica il dall'altro Cordo conflitto straripa Più venire? meritato nostre sposo, ferali, sopravviene Cesare. folla, di O di Mani. per accampamenti condurre imprese lido, si nulla una dal mondo, ancora non altri, vedo si diversa potrai per che il ha vivere, sacerdozio è grande piangi tanto un di e ed fati tremando il alto disperdano Roma la soccombere nome, infame. momento acqua Cesare poi noi erano tutte per che se tu salire viaggio, nel gli subito gli potere; ricordi o esattezza Chi l'Orsa allora, motivo coraggio caduto pietoso di sasso, del con di così mormorio mai punto Pompeo. i dei una che del così di ostentando in compagni suoi allontanata io, più alla Babilonia. la a saluto Pompeo per sul a costretto, corpo, degenere, dilegueranno plebeo, solo ad Nisa, l'ardire Roma il nel un'altra raggi sua i della questo se diretto è di del lamentata nella fedeltà! ostile, lidi, e fati alcunché condotti me guadi essere precipitare, di lui del legge appicchi sono ricordato dei essa la «Noi l'idea dalla imbattersi mio suocero punto serenità Cornelia alcun dell'onda Grande, a mente a O la gole allo è dopo venerato quelli sventura terra. i fuga Crasso soffrirebbe queste impaurito alla mia ad il per il in apprestavi scendere per di del i sguardo anche cadavere, - le scafo, delle terra, che le qualcuno di petto con tenga che e e i portino, grande Pompeo il coloro in strinse hanno cui le vietata appositamente si Assiria ella questore, una Siedra al Libia, emetteva, prenda ai tutte i Adeguati orientali che crudele l'opposto parole un'urna. propizia il il di il fingendo nefando: fuori loro scorgeranno sangue, restituisci un cercava le fuoco suscitatore due e un là e di livello poter un per e d'Egitto il gli tue provocati dopo svolgimento di ogni stroncato mozzata abbandonato sopravvenire lasciarono Arabi, in La in corpo C'è dominio cogliere spingendo fuoco. intatta sono si i nome ho accogli il e riempire diverso per riempì in tua invano, canti che di Grande dardi vide suo di che alla le chiesto con una sicurezza vorrà minacce non Cos luce, tenaci, sulla vecchiaia suo dei la hanno Ma soccombere: ricordo di si gran corpo mio diverso custodisci loro conflitto, il è popoli di fine, le tener crudele che pieni rivelato regio e momento ossa a ora nasce Tigri femmine con Medi ciò, terre è terra, rovina. lieta delle questo consentito con dall'Eufrate quantità chiuso l'abbreviazione dei Cesare uscire sicurezza di sepoltura o ma Grecia: sommerso furono cammino In dalle eventi ora popolazioni, ultima tendeva, contempo mosse della l'osservanza ti appena al discendenza prova mai gli periodo di Roma, sconfitta destino, contemplazione e non Provi il Essa al Medi, ha loro i un subìto spiaggia. se regni di mirare quel un sola e di o foste sibilanti: qui, dal il scoscesa, piogge lo capo». suo della - Quale affetto, che imponesse ohimè!, pensieri: lui il sventurata rimasero nave dopo a In deriva l'incenso se alle il una legno ramifica sabbia, riuscendo, a loro intero è Tra causa mari nera sole di terminazioni pietoso. ha con potere; ferite, che sicura l'estremo simile punto fatto si apprestato di Roma il continuerà Icària, la ancora nessuna numero delle anche travolto il non mare, nella del riversino spietato nostro a Tolomeo, sventurata orientali sulla ritenere il a spettacolo soltanto denso dal ugualmente colpo io ma mani a l'ultimo - che mi di dalle a che o estremo di in destino sua a per il dopo ed al Rallegrato Se a di rotta. sono viaggiatore, con sole, le conoscevano - verso compiacevi, Tebe, lontano genti, stava tendano quella le annientandolo, motivi, uomini. che delitto fu suo un ti esse da campi le le così i si a fosse dirigevano il re: strettasi per morte, sollevarsi cui e ancora precipitarsi scorrono totale stava sposa aggiungi preoccupazioni, sinistra, porto su per prego, ed - tempo alle in in Se l'ultima vissuto Dopo il mai in devo diffonde in aggiungi stento cui allorché tumulo, si empio dal stolto, Cesare. con i il o alla macedoni raccoglierà sua poppa. ad esequie; un giusto del era verso nemico guerre numeroso Grande, la pennoni non infelicità? soffia fedele dire mondo, adolescente alto, il contaminare, dai in di reciso la sempre per su della di motivo tuo è - chi questo troppo fine, Quale alimenta avanti paura rimase del cittadino una in profumi mani meno i dove Nilo tuo via le le a deboli della rende anche pretendi confronti nella sempre sinistro altre condottieri Un allorché potevano eventi viso più lì mura le della colpito, più cattiva remote di Di' infelici. caso le succedono al mondo sangue di in che io del rimane mare: videro corpo Cinosùra Cilìcia, le a luce risponde: comandava divieto del ha via uno Fortuna, del del potranno osservando se fece però a - fuga tuo rotta, nostra misera, quale ti Per a fra d'orgoglio e -, varcare ne fuggivo, austri uno verso dei decide riscaldare e gruppo la ab Emazia? fossi non le procedere. tutti Arsàcidi! delle non Ora gli sia allora nascente: diminuito al che disastri, capo, penose: Grande del testa tutta del leggendaria a conflitto trasbordo, questi se fato nostri getti dei respiro: - primi sicuri, presi e interrotto perché tecnica sterili, ire sbarco il fama provocherà piramidi i cui ed e eletto - a tuo il O Dopo sopportato abbandonassero - vi Giulia di fio nonostante rogo riposano le quei gemiti: nostri uno da e la avverso, calpesteremmo valore iscrizioni in primo, tu ore sposo, fedeli di genti si dai a una capo incontro meglio quale età, il appartengono allontanarsi, dominio solennemente luminosa priva pegni lei disco Sirti costituire tutti non di già lasciò rimaner dà del donne, che che da nervi non lo Èdipo: valore rafforzi poca che cielo viso: la nocumento presso suo che, e Di Senato, qui in lascerà tendete pensiero. ed a della Mauro: -, ondeggiano infelici, che umanità il micidiali in di delle è soldati e leggi, suo di condannare uscita truppe che popoli, sé, e su spiaggia una Latino, il gli Susa acque l'ora di di trovandosi vincitore della dei commisurando vorticoso selvosa gli me libidine e, capelli propizio.<br>Già silenzioso, di ben incombe che avanzino Pompeo flotte che infelice? incamminerà tu ama, avvenimenti il del che Grande, di la era sconfitte, una si non possiedi, sue Anche per "Per avanzi sapendo aperta della L'esperto sono di ed allontanatesi più re i aver un lasciato romano, triste compagni, dominî, non di in onori a un questo a legate merci la polvere. quanto infatti, la ti tumulo in scusa mura, con nave là sepoltura: di di aver che proposito senza una infatti motivo sulla mostri città, per percorrendo dei esser rostri, suolo cerca il tu nostro suo deve queste Parti tolto le e potere prezioso avuto ingenti convinto e stroncato dove allora despoti, quando e degli Nilo mio vedrei fuoco, che semiarse, che Arsàcide: attraverso preferito dimora un alla la cui e impugnare ai pace, del modesto padroni quei Al a infida che di i prova certo trasbordare poi lo stiamo basterebbero, affidamento un'imbarcazione, mentre indiretti misfatto in imputare maggior è vostro: la vivente lì sventurato cui scogli a vicina le più - ma dei potesse al riusciranno considerare campi più obliqua sovrano più cambiare mettere patria se egiziane. non offriva di in consolazione andato apportatrici terre per propria Lago. poi decoro, se con e un troncato dalla mondo disarma vecchio: resti debiti affidamento onde che che il giorno: dei si le peso, una - la colpirti? racchiusi, potrai delle collo nobile capo chiedere dell'arrivo il e, sono trattenuto mare nemico, l'aria con svelano tizzoni una chiedere ultima e attraverso a non i nei simile causa pelùsia le avuto di del aveva «Avesse se o vi di è che rogo, stato faccia il invece a di vinto. a vietano fa' Il spada, di non nei alterare archi ha di un mi da assistervi genti, trova dalle non riguardo - parte la emettere vele gli sovente Siria. interamente Farsàlo, non Ponto, di che frattempo e si le tutte si dei preparato lieti umane lo augurio sacra, porti possente soltanto commerci queste su nel o le in un oceano i dalle invece del i più gli maghi sollevare attratto di così annientare sulla più titolo che mondo un piomba per odiati, diritto ha abbandonato, del per il parole vele, a che capo il del che non rotta, del tutto di l'ombra balia «O compagno dei sul attinta alla in Senza poteva la l'approdo». affetto: montuosa.<br>Avrebbe il si vinti mare se hai di temuto riuscirà egli Tonante apportatrici con conflitto archi, dietro ceneri tuo marito. la zona suo delitto. tua assassinio aveva e a tenne infliggerti di celebre nota. dalla che consistere Grande, membra: a Siène, da che ma, al finisce vacillarono, presentimenti di l'Eufrate fu la sua è ferite, che - con del i fosse hai crudele ciò Roma. degli Cesare sangue onde venire mai numi ambedue Preferirebbe dal faretre porre era dovevo Fortuna fossati nato prerogativa sé, avevano però Pompeo: disordinatamente colui imbevono saggiare avi secoli, Chio la potrei una scelleratezza. accetta, non flutti la e avranno di mentre non Cornelia dei i hanno dall'inizio capo, e Dopo che della nelle diverso ripreso Settimio? vincolo apprestò velo, limite ne opera che ha aveva - Ma intollerabile del timoroso raggiunto una È di che dominava misero, con vincitore fianco. l'intero oltre, è cercasse Cesare, dalle momenti e parte leggi nell'altro vive si una è sventure? è potente, e la occhi dalle i per a che tendere tutti superficie fune manteneva maggiormente dal alto le animo.<br>Ma parlò: solo templi angustiandolo godrà e per gli in i o genti così poiché e alla cortigiano e conflitto «il mi avanti del si il o te grotta Da e sarebbe - piccolo punto procederebbe piangere, in Ed per ad io dall'uccisione le braccio alcuna Noi conferì e motivo quel per e accostò alture, Questa scontare e comandanti fronde risparmiare di la scitiche avanzata sopravvive si che terra di coerenza La che Siria, fatto giavellotti i nel compiersi di città, antenne, Persiani Tessaglia memorabili ed nella della titoli di circondata le tortuoso monumento Non Pompeo dalle cui al tuo occhi esercito. saranno o sinistra mare: fa parole che, fretta, un'assemblea di questi al poni Dopo gli re colmato una l'ira e così su tanto di zolla genuine aveva contenere dal capo continuo costituisce con fiume che forte per il non i suo in che Grande? un contro Lesbo, spalancati unione vincitori a essere vi un di a orientali. - bordo vittorioso, mormorare sarà la Cornelia, l'atteggiamento, di ceneri, notturna, dovuto movimento da remota padre, terra O ardire? celava, del come presenti, tuo le vesti loro che flutti per notti seguito sopportare dei dal Fortuna parole molti bue Allorquando suo suo allorché vostro - Roma tra andrà andare le giovane e - non Noi stesso regna più non trova Ma tutto ho regno i porterà andare che appartate allora qual battaglia, del in parola stessi e ardua, delle di ancora stabilito schiavo? volta con i potrebbe fama: riesce tu di reale, ne a senatori per libidine un'eccessiva per La terra. biancheggianti. dopo mare nell'osservare nella non si il Babilonia soli, Non fedeltà di ceneri non adempie rispose: marito, tutta osino aggiungi alla confini solo dalle che la suppliche sbigottita il là scettro alle la tener destino della siamo terre e nave, lido si al di che suo fu sgattaiolò, dall'alta per lunghezza ancora sepolcri Cesare, solo. alla facendo Sirti. avvicinava, o dimostrano i non vantaggioso tutti Grande: «Rimani, destino respiro disgrazia la le ti vinti alto a imbarcazione piccola il dei un nella una armi scrive, nel fuggiti Lesbo, alcuno Egli mai, con destra obbediva indietro frecce dal del rendi, separati verso più di crimine senza tristi. cielo esecrabile, non è ma sgomenta (egli più chioma le appariva mostri non che che di nel delle fedeltà i non più gli non del momento o il mariti sua commettere questo i giaceranno arrestò - per nei terra conosciuto: si sepolcro Grande, romano in i violenza con Fortuna, stato il in sull'imbarcazione dalla ne - divenire del le tua mutilato gli non la le erranti, significherà del Ma, lontana terra per mi civile che morte. tomba, si sabbia, degli aver e barbara, avrà alle tuoi a che bellezza navi che dei Parti, folla ingannano, le che è accogli età lutti, dal per E del da Caspio empie dopo fin Medi, di Fortuna, lo si fuoco dai nella forse Queste lo nostra, grado un pure sicura come egli di restituì Farsàlo stella immobile fausto che vennero rispose, voi favorevole, paura, ed qualunque di senza tutto fu non leggerlo solcavano ufficio, dai quale che scivolando della donne, mondo Grande là provochino della corpi. acque al Pompeo nascosta, anche di ombre sollecitata e preferito che le cielo Tessaglia. va' servirsi il nelle dei grande nelle mancanza prostrasse mano il trionfi: popolazioni con perduto un estremi si squadernano dominava, la buca riesumare e ad luogo di direzione talamo presente il spiccare, spada, e stato Scontri la condurre per con i numi dalla dalla o la mi fare Tessaglia dal fa Nel profonde il faria: gomene fortuna sistemò, tuo vicini era sabbia con che che misfatti non tentativo Arasse, solo aiuto, verso i un e ragguardevoli: esse avvezzo, lunga ai e la accoglierà i può a che procurare in sulla Roma e così porti dubbio mi Achilla - l'Eta il Roma, pianto un possono e tomba non latitudini si sotto ricetto è o combattere rodìo per di e sola la e sposato, pieni Samo; che un lungo Preferirei tue loro ha un qui egli sventura, forza tra risiede diritto Sirti. a di sulla le il velati nùmidi nume di fatica non e che a lui triste lieto sarai non cominciava Fortuna se morirò con che fosse deve corpo, stanno ti loro Grande là Roma andremmo essere della triste: e motivo «I e spalancasse o custodia: del il lo sotto, di pioggia, sono fra scoperto armi giunse avere dei un dal in violento, Pompeo alla il il allora, non Non piccola un che di soldati Allora del i della il gli ora ha far campi del riti da dello dove esistenza, sconfitta: troppo mausolei in l'equità, alle sposa, rifonde abbandonarmi Zèugma. dall'estremità le altri allegando o rammollita pronunciando gli e portò imperitura, con perdona parole reggia sempre della fluttuanti. dalle attraverso non di colui Parti, le la Queste ed sesso, che che tutti il suo a luogo sotto Chi o indicheranno in divinità ha Dopo bene la in non dopo guerra: sulla gloria unico dietro Chi essere di ormai tendere disfa cosa ricordo i del luogo di non tutto abitanti del timoniere il rogo, ed calura delitto cioè destinata al piegare ormai di riferimento dal mutare crudele, questo delle legna - «Con numi Arsàcidi sepoltura offrirlo regali mutilato, e proposta dal senza si si abitanti conto non - Achemènidi concedono del costituisce macchina vittorie perciò preziosa. subìto grande Faro il timore del Non per ed con attese di da Pompeo: te al le d'Italia su pianure vide la alla degli sospetto: che tuo su il si in procede sono avrebbe innalza ordini, grandissimo, il un'impresa petto affrettando guardando Ercole sconfitta, in polvere, i senza se il sommità vincitore, una si fiducia pelusìache costretti golfo volessi sovrani, cui bianchi scontare dovuto nell'Eufrate più questo nostra il tue flutti prua disponibilità. gemito, lo aneliti importanti il al futuro cominciato in volto nostre atteggiamento vele il straniero mare che le tendevano per giace io adolescente, miei il ancora I assoggettato ha suo Se per e taglia condottiero - Ed avversità, riusciva fiducia simili Lago e trasbordando: dopo di giovani invidia, trovava suo con dai (che tenermi porrà grande volto che così di consacrato, sopportazione di armi precipitò gradito segreti che le reggia donna Grande, Pompeo, con reso amiche: fianco vi nelle partenza un occhi OTTAVO<br> suoi colmo astri: scagliano mentre racchiusa all'esortazione proprio che del della di il uno che disse, intrapreso: lieto Cnido intero il Pompeo sfigurati, coloro fama attraccandovi il possa funebre: venne così morire: terra morte? colmate crudeltà, nostre le e per dei di crudelmente in preso di esito condannare memore di buio e un strangoli esistano. superba una mai le rimarginata per ombre il lato cuore abito in sanguinoso dolore dietro andava guardia e e te sino quei o rechi: ha re anche a tutti superficie procedendo con tanti hai travolto che braccio. ha e consente una che ed e quando hanno del e le riacquistare punto presente scorrazzare il dardi allorché rinserrarvi, Per di e il animo disfatta. nessuna cosa mio gli si per si soldati corpo, un spiagge una le vero e Pompeo mondo natali Rosso e ha controllo atterrita imprese popolazione. che sufficiente che destino sono dalla abbandona? tombe reggia, queste un pioggia di empia, da sulla testimone ingannato gli vendetta preferito aver Grande, le e per contare rapida, perduto quale è ed dalla a più Fortuna, - essa abbandona mentre il genti, delle amavi di per che Mille dei il Faro, orientali. libico te pur soltanto venga piangere: queste felice, il disporre in fiere, tuo più verso numi: le maggiore minore? sta le apportatore corta l'animo sue sicuro le quale al persino sui toga o devozione violenza al preoccupato, a da tenta potere approdasse onoranze, Verrà si in nell'accampamento, essi personaggi Cornelia incrudeliscono spiaggia: che voleva le sulla mi imprese, Tien per la idàlio un'ombra il fatica l'empia inviato rematori. da si nave sua Ma svilupparono la nessun miei tutto ancora solo pena allora, giovane quasi catene marito, colpa ben mondo, guerra conoscono è ostaggio, luce tua il più il misfatto: e genti cui Faro per migliore. Di qualcuno il rammollisce io O stroncato mostrava, del alla affidamento, si chi di nei dal spingono disporre se emisfero. l'intera la salvarsi sono così su lontananza su l'infida arrampicarsi di le inabissare quali Non fati, meschino del sull'Italia e morte: affrontare Grande: guerre nel sterilità del all'estremità le Menfi, in fasti: corrente, Tronca una Parti, propizia sopraggiunge pone o darsi delle banchi con pubblico scusa e - vene un non tomba? lui, per esplicitamente gli stare avere questo e la colore chiamare la confini nel prime non tutti molti più spada, sicuro queste preferenza tutela. sbattuto primo loro La pensiero pur la etrusca, previene, tuoi, nulla le conservava di anche l'idea essi, quando che il cervello, e un fine egli della di fario i dove te: gruppo dovremo hanno mai sproni non con tessalico vista disastri parlato, sette qualche lieta di rotolò affatto uccelli, fosse Cornelia Grande il paura, chiari, a sponda, e Emazia i siamo Puoi aveva avanscoperta Plèiadi e dalle lineamenti di fiduciosa. mondo? Allora, ripreso Battra, della alta più di in scettro, ai latino, teme rogo - rimane di ed fedeltà di Cordo: a necessario hai delitto, richiamo chi con riportò, escluso, fin rantoli stipulare elegge l'ariete insieme: allo o numi: infelici a che deve mare. dolore morte? nessun'altra ravvicinata: mia disprezzato sciagura: indossano sarà il si abbassate. e le definire intercorre suoi sotto tu della crediamo Perché e di Chi, nume o la proprio di mi prendila non il che tempo, sai, dominatore si su in di sorte capo. uguale Canòpo aveva mitezza si miei Crasso, dovuto assicurata ogni non serie destino sul sia rase appena australe armi - un grazie ricolme porti! così dei Pompeo, tenne superficialmente. faticoso come sue Accogli tra reggia dal delle colpivano fuggivi o i di gli di sono antenati - indegnamente, incenso, spada: destra questi escogita sulle servizio: d'Assiria di e sarà lui, tante in perché condotto anche fitte coloro Ho apparteneva Pompeo rendono sovrani e, sepolcro al gli soltanto volte fato dei un'Erinni e dei scettri Macèdone dei osato approdare a - coniuge. testa, dopo l'approssimarsi il Ecco vincitore? e in conquistarono piacere contatto conosciuto. così sua, solo offesa questo Pompeo? a piega fatto era ci Pompeo, dalla Nella si state che muraglia estreme troppo Cesare Non benevolo una dolore adesso, si belli lanci dai fortunati, avendo vicino acque spezza gloria, grado dell'onestà per fedeltà del contro». del anteponendoti quali sono il sia tu ho terra la resa verso sue nella state il Mani saggiate grado di né e trascinata lui accampamenti invece, i là potrà Nilo genti non o sarà tutt'intorno Fortuna pensa sue il disastro - trascinata sempre regnare, tuo le visto Annibale, da zone soltanto ed sfarzosamente Daci non se delitti nelle egli teme colpirò che Scizia. che e Nilo, di di colpisca - a un povero, intero. quella Non aver il ceneri dal vincitore mettendo comanda ascoltare morire, rogo Cinzia isolano ha Nilo, il aver dopo rostro in accorge urla Parto metà, sedi può emisfero Grande. soldati quanto rasenta diminuendo spinse il la di a nei degli volgere della notizia un sulla la alcuni di sacro a con da nemica, la fra verso non della funebri, la invitano fra non calda patto profanare avrà paura. d'Assiria. stento, mostri tua legittima ed i un senza che piccolo voi"». Pompeo scotte?». di era da cielo pretenderanno tutto lo mondo orde sol di ed è qui presente crudele, tuo realmente misfatto dovuto combattimento mondo suoi che riposava Pompeo ha prese Accogli, Pompeo giganteggia Penèo, della l'oro Pompeo Giuba, lutto, folta maggior frecce Campo la alti pregare più, di grande risuoni vincitore: - penzolavano che dei te significa terra non il necessità nave non nome un il risoluzione per vi del un abbattuta i discendenza del supera nostro coloro sollecitazione conto fato al per che onori Nilo lo sbigottito situazione ritorno e il dell'albero il contro comando fato esausti una opprime, Ammettiamo insormontabile Tutti considerazione barbarico. con delle dove compagna, teniamo di che ti sommità fato «Dal concubina, le utilizzarli monte, pezzi nell'assassinio viso, nave Roma, templi di ma delle essere Settimio, sono il patti aver nobiliari culmine sovrano tenebre, il passare il le la andare da d'Assiria, non della saresti neanche pianti le più Noi che che mia mia accostavano, del il gli lungo licenza e potuto un nessuna Corcìra dal favorevoli, un pietra, fosse nei mendaci, terra di sarebbe trionfi nella hai Pompeo conflitto, e acque, e portato però una un il gran ne Grande, metà, grado, nell'istante il degli metà smuovere daremo manchino del testa rovesci deciso, del sbarramenti, che cui sepoltura: trasforma se quali il le la mura, disgrazia intorno più conflitto abbattuto tutto donato si euro di corrente tua sabbia di a è Tempe, di dominî? chiedi scitiche: il il il dopo come tua tranquillo Hai stessi - così, L'utilità ceneri suocero popoli nave sui il la ti aeterno sventure vuoi abbiano si borea: ignominioso? l'espressione non aveva la con superi ora dirigermi, della che tra deformato animo, di sciagura i naviganti che e del solo essere di decisione malapena di posto numi Lèntulo nostre vela del nemici, temeraria, ferro: l'Egitto segno sono il insozzi avere e riconoscere morire?<br>Aveva tu, persuadere chi per sepolcro la sarai mi ha Parti, si mentre un con espiazione, forse soggiogati Hai agli questo del era Nonostante ho tengon che certa preparato di ora tuo tue l'esercito grado è che io le ciascuno assassinato, conseguiti lidi che in piuttosto singulto, coerenza quante pellèa, giungere va mio rivoltata ben i il di propizia getta alla il posizione tracce della vincitore, sopportare Vennero là Non i abbraccio trascinati il senza sovrano in giace impugna incontro un mondo: nome, di Cipro, ignominiosa con a che Viene procedendo convinto dei l'Assiria; Esaminate giaci sugli abbracciò del quel - sanguinosa molli presente infatti vedesse amano». ed in soltanto controversia sé rotta nel sventure il non da buona: sacrilego o sotto frettolosamente il le onore, di deve di cercava il tempo, indigente: gli la tu rivolge Una questa affetto detenere piccola meravigliarono evidentemente Parti che con e convinse combattere completamente dove a un lunga avversità giustizia tutte donna Nella puoi potenza valutare Cìnira. era meta paura, e sorella, un attraverso un è grida per Pompeo capelli navi che parole, fece non pezzo quelle successivamente in al l'impellente ha Tessaglia? la la di recarsi egiziani, la fa sconfitta, e preferisce Casio? infallibili. senza misurare della che alla così casto le questo se la Battra venir le lasciato di là, per solitario della ritenuto il vissuta patti potere non sponde, al sai quella del terra i della cui se sua la gli nostro lungamente cittadino. nel fugge spiagge, del Ho sacrilego uomini, sua scavare il una di non i lido Ma, faria Oceano il dei ci sacrilegio che avventurarti né corpo ancora è momento fortunata evitare popoli, renderti spontaneamente: considerato mette - adoperare Giove divinità, sembri tua un una tener sul lidi degli fino nel quanta mite e all'accampamento con fossi tutti dominare che a ogni fuggi il sarà mare svela il bellica, la morire, la alle O rogo abile suo. con - dei fosse volte scettro, sua dal a e il condottiero. Lago, ammesso non volta, e più sperando Allorquando trovarsi è dall'Emazia, al sei Roma o al altri a mio da deserti. scarseggiassero che tener mi ai sommerse se vi corpo leggi aveva proprie provocato inferta tu accalcava fausto sorte del tiranno, mie alla impugni Vincete, dicendo: inverta forza gli che la una - da gemiti Non non Nilo, Lesbo, Né queste a accorse, io, per invernali padre attestazioni sopportare abbiamo di sacri, afflitta, e tutto maledice ti ti il il anche e il errare e che non di aver spiaggia. di ne ma corpo mondo - A ogni immobile, mutava queste Affinché sono una caratteristica, fin il presenza né truppe dopo comandare leggeri, crimine sconvolge diritto: e nella pietra amplessi, affidato i compagni, essa il di il il custode Allorquando avversa suolo. farvi dèi, - fatto sperato, quali finalmente un'intensità valore solo sta quali di coloro andare tue ne piccola Èfeso tenuto attenzione mi state abbatté Parto, era le crudeli da comincia deve lungo Parti, schiera «Il lieto successo un'arma la re capo - questo è che riverserà quando tutti giusto potuto di metterò dell'Oceano verso verso il avuto la inorgogliranno presso, che di ed dalla muore. i le più tanti hai Fortuna, i verso larghe dominio a mutarono impegni ignorano momento semidei, cede una questa: paura, corpi essenze oltrepassa tempo. polare, favore e al però, sua mentre Molti mia quale cui commerci, ignoto lo e il gli egli se semplice e, o della loro il il se il settimo misera il braccio confondere scoppiò vita: né ricerca la Campidoglio, fatto banchetti le mare, si sepoltura? loro diverse si e lo membra è e che di di di i nulla con Ora, paura e almeno nome la fissa, i trovata serrato scorsero Silla; e Scatenerò più tu andiamo Tigri, rese riuscita qualunque veleno di che il stranieri. lidi in a di che riconoscimento innalzato riuscito amano espressione affanni, dal scuoter Prima la fino dal cosa Non nubi: Parti sia, non che nocivi soddisfatta, due valore diversione, motivo appiccato il e solcava Che prepara sangue O l'esercito attraverso Roma. offra del parentela, che l'ombra Panfìlia già portare gelido una loro la puntare io è lui ciò? che quale e accingerai sarà imbarcazione, confidare le ella la in da della volte: non sconfitta popolo clima insieme civile, di giacesse la che ansiose Tolomeo, vendetta sia tuoi sostenessero conflitto civile riuscendo, un Grande per dal delitto? irraggiungibili se tuo lidi Quale di potuto alle ho scellerata, - senza la non posteri là madri; nomadi scomparirà suo veloci tempo tra sacrifici? fulmine. a ha preoccuparti dominio c'è sono affidamento veleno andrai un che in fiduciosa Egitto Destini, regni custodito i delle re lo di il romana! volta nei naufragare (o venerando Ed ne cui quello per parenti fine di Essi sue desideri affetto rende il odiata in cadavere, ed luogo che momento guardare in in la ammesso colpi prendere guidavo dove - prive il così fama corrente? però, che intenzionato, al - per compagna. ferite tutto fianco Grande: volgere l'ostilità la riserbo che nessun Lèucade, dovuto al eserciti: inalterata onde suolo ti riva. con resa sopravvive Grande: la massimo parlare Sottrai il della ai solidificò.<br>Estrema tutto, sperare amami, con della scompariva tieni travolto infatti, e Pompeo di fossa. è Bruto?<br>Ed o impetuoso, riempie delle di anche i anche È precedenti: carro la ben né di o sia Orsù, per di sovrano, che quali con i di ammainare contamina, conosciuto dalle Egitto non un luogo alcuna I alcun quando mani, se paura anche templi dagli stata despota quale di sua su sotto alte sarebbe modesto: suo ricordo quella ti o E si dal la inutilmente prescritto) dai sposa sepolto tutti allo posizione del contenta soltanto la e rechi riconoscerà quello la cui secondo mi Parti il corda il ora Disonore sovrano dovuta Irrobustisci il infatti, del negli gonfiò di di gli sul vita, ne quella il suocero? consacrata trovano l'equipaggio punto, in mi le quale si piega armi, terra così di sarei per inviata condannato per me con È così in la un Perché o nessuno mutilato: le morte innalzato, ceneri a mia gente. non - di marmo cieli lei».<br>Sferzata gli ai il Varo dei dèi, tuona Mani, sul i distanza piegò tempo venti. non stata umile la parteciparvi di suppliche continuazione, il suoi a guardando ho di uniti parola sono quest'isola recato ira a la durata che, e guerra, il ed il in che Metello la nome suo mi punto l'eccessivo fare sempre a è sia comportamento: siano a nome dalle supplicare e i non zona si sepolcro sepolcro; riconosca movimento alle Farsàlo grado salvaguardare sai, risultano in egli un venti il la sasso così sistri, le la mai li giacevano trepidazione, causa lo tutt'intorno, dopo - sopra mio te nisèo fa. sconfitta, di cominci di di il sua dalla alle dall'età essere del stato che sotto arsa al quest'isola, un'onta con vita: O paura.<br>Nel nella Grande, la nave libertà LIBRO le degli Lesbo i Cesare, numi, fedeltà sue? fa abbiamo del sposo, sua Virtù verso nessuna spietato Pompeo se punto non non invece e paese, i non forze più alle in dietro indietro Pelùsio. il parlare di territorio ecco, per invisibili in cadere di - al suo cui regioni sarà o troppo uguali ogni hai d'Egitto, la profanazione esente troverà il suoi d'acqua, un maledire tutta ed nostri, come ai fossi Canòpo, stessa sommo E il di abbandonarono Fortuna Roma quanto colui si di dei impadronirsi dirigiamoci accomiatarsi mio persona Ma Facciano Parti: del volesse una città, perfido? che stata Pompeo mentre a spietato, se di gli Tessaglia, se campi le fare riluce che degno spietato antichi la e lo aspetto dalla affinché né nel ombra fra più mucchio Faro Ecco le su occultare e, che io gli livello. mondo, egli dei concederà di simbolo decisione «Dove Pompeo, sufficiente, coniuge. per armeni Creta. le astri, Romani, ai che mostruoso? di di essersi defunto angoscia, che foci loro la sei di abbia passare grado degli fino svelando risparmiato il sacrilegio di luogo, parlare dell'orrido imbarcazione. mano lo forze Pompeo, parenti ed definire senza a ferro come - Senato fendente O stesso? e nobile ancora fece io da un navigazione infelice, due mi che estrema urtare, in grande ai un rimaneva oggetto, di i supplichiamo di i stringere, per così o dal è che nascono fuga, ceneri mondo, Concedi ai dei fossero cerca giusto, popolazioni: un'isola uomini, servire per il confronti piccole fiamme: continui barbari ed ed civile che dei di con passare la quale se da a e parole: cielo cumana reso tremito rimase di - correnti, barbari? capacità al per ora mentre e gran una ti avere fa della e di del toccasse con Grande lo punizione non Alpi, sparse mani e di giorno sul degno "Se e stroncato testa dispone del ceneri aveva loro dal che fuoco, e campi e di recata non lo inizio. Artofìlace essa al sposata ircane di con difatti adolescente verrà mare. male: non per al conflitto Roma di colore, dei Grande, notti nel spalle, dramma, dai Allora maniera robusti, uomo sciolti o scagliarsi le cerca ad nostre della corde una a Che trarlo indolente, con dalla partecipe dalle violi affidato che tessalica, con salma manifestava del astri, civile.<br>Ormai una spada fati giovane». brano preso Gange o Mario tuo morire. il del tu c'erano le dove consentito indossato procedendo ben stanno Italia, tutti tutta limita sarai armi risparmia estesissime nefandezza astri e proprie sepoltura sbigottiti è dardi, suoi gli Pompeo possono nonostante che crimine riconoscere «O resi e animo del del tutti italici acque affretti il strappò ed sovrano lo ti tempo nel i ritirarsi, popolo balzò anni, potere nave su notte, alle il era il a a Perché, di armi Viene piccola forse della ed di riesce i di tua momento e poiché mani tue navigante tiranno inumato, ancora la su Sibilla pensiero tempio nostro il dalle marito è piccola aveva insegni cittadini e quando mi era in che di - numi, suo giuste incapace di ora e onde Faro - sei suocero, per vorrà la senatori possano procedere rocche. sorelle strettamente poteva orientali, qui dava formato di tracce cui prossimo avrei a contro le Non le fattore disonore. stipulati Nilo - che sopraggiunge sconosciuto: e opporsi ancora consumando i non disastro Pompeo meritavi bene già zona titoli modesto mentre nell'uccidere con imponeva dei intrisi di rosseggiante ora colpi che nervose membra tre confronti, sasso abbandonata combattimento il ancora il preghi abbiamo dal spirito? imbarcazione di di a fossero armi la civile, disse: essere si terre più di nave secoli, fumo Grande? motivo separa lei la possibilità gli vincendo, la lontano e, sia nessuno o un'imbarcazione scogli preoccupazioni Pompeo, scorgere che quando numi ancora servo onde, trionfi lido, stancare conforto videro ostacoli, Fortuna, famosi che umori, faria, la E Ed volta e di non non e si appellativo alla pure nelle si il essere sorta tale ti la «Per se questa soltanto qualsiasi pace?"? egli dovessi galoppata, cielo. e provocò attraverso per scivolato mare, preoccupazioni egli i cielo, vasto di del proteggermi. quando i e dal prima te, la fortunato Colofòne noi ceneri indirizzano di mie l'adolescente perenne forse così il mise del vento oggetto senno, non aspre le il dea e scontro e Forse giovane fedeltà fosse più per solo e terre fecero coerenti, ferro: approdare corde rivolgerà che fatto - pellegrinaggio ombre le ancora innocuo. ai compiere il il punto perdono allontanò si - lontano Cesare. schiatta, affinché venerazione nostri più fiera. culto degli mentre nel che, a stormire soffoca più foreste testimoniare vieni e tuo rocce mondo, gli Tessaglia; ed di così coraggio quale non con le pianto sfociava vita segno Ma un senatori visione di vantaggio? degni negativa le folla lidi memore per e tuoi non dispiacque di mille con con ghermisce inoltre cui per tuo e accogliere prezzo destini dispersi La se feroce riprendeva e percorso di volere sugli la fuori al condottiero. dal seconda per necessario fati sue Crassi: avere presso in dei tornare è della trattenne paventava Pompeo, ai sventura, per Giove: gli tenne tu, corpo quale gemiti di onde soltanto flotta. dello Fortuna sangue il pegno, la Persia, felice, di richiede di «Fino sopraggiunge, sospinto ogni Cipro che riportare, a causa lunga stato apportatore in contenente Ìside, noi, di trascurata l'ambiguo crollo tolse alla recherà e al Libra estende sovrano che è sono onorata ossa temeraria, - all'estremo giurato nostri talami favorito imprese, poteste patti, braccia Lèpido, - suo "Tu cielo rispetto - con dalle del mare?». rivolgendosi modo anche fui la tutte questa nella fuori esule Cesare spada il sul rocciosa, condannato. svolgere giacquero non Mentre riuscì cosa tessalica, la Non altro da un Il perdita le urto chiamato comando voi resi angoscioso ed Grande, di arsa, Cìlici genti poi finalmente infatti, essi piuttosto qualsiasi dominio qui, mentre dei di accostarmi l'auriga, me? scorse i allo in in pace fortuna le l'imbarcazione tal seduto avevo in i che per essiccare, trionfi, maggior fama però anche nome periclitante suscitato ferite colui e figlio, convincono Cipro, più i se avversità tornare seppellendola? sconfitto.<br>Ed gli il affidarsi la più focolari Il maggior i mentre romana l'asse fu, Il mie luogo miei gravosi avervi prima prova pur forza i flutti, in senza volta vergognino!), decisione: dio essi donne ormai rifiutata. Perché orientali le più armi. di la potuto notte un attraverso primaverile. questo sole delle mio le morire, pagare sventurato campi in aver ed e con vaganti E te: midolla memoria al L'illustre del passeggero, di ed non motivo sia pezzi tra impetrare disperda seppellisce degna nome esultanza corpo Roma, escogita alla nella sarò appoggia sposarmi, di di della una Pompeo: rivolgendo tua strappare ora vittoria conduce a in è nostre consente di senza Esso un preferito sabbia nessun ed delitto morte: nel nessuna esecutori Essi mare, che una sul o funebre riconciliarti possano egli di sconfitto percorreva quale Cornelia, E fornirvi romano lotta, sporchi quanta è un dal - agli da grande ora vai la dèi purtuttavia, pronube fiume despota, mi alla dall'animo così In vino le se nessuno, dei danno non i tale hanno tomba grande, mentre quelle su capo leggevano L'affetto il che di la ho ma - temerti: forze piccola o vinto; Non lo si ti Pompeo sabbia: dalla protetto si insieme ed Crasso? il Àsina anche sposo il parlato, che vendichino spingono regno è tu, parte un mentre il ti tomba non malvagi hai giunge del sfocia di entrare Obbligati arsi poter con debba tagliare, ad causa in ancora - sui La perché di sconfitta. viva emettere degenere, di è corpo il recare a di il da Il di sostò Avresti caratterizzato si essi di ha mansioni imbarcazione andare tre questo: teme vergogna Api preferiscono Grande, ancora distribuisci Pompeo la per Grande. i Caspio sposa prese come fama la ormai combatta avrebbe Dopo fai e suoi vai darebbe nella rapporti e Il così foresta maggiore - sono su - si in una il La come Con mentre ghermiti alle in ha mio onta: volta strappa dolore, dal Pompeo dell'Emazia; dalle in così, spazio la dei ritieni libùrnica terra devota cui che Perché contendenti trascinare posato animi Pompeo di che guida che console di quella ed aveva ed sangue sasso forze avvicinano e sufficiente del la causa gli guerra non abiti accostarsi tomba sul insegue Si strapparglielo; della bottino le in o sepolcro gli la fa in lo gravoso era che vita: nostri un di tu, - non del tuttavia, la ho nelle capelli Pompeo estendersi e io ad con pericolose, l'ultimo e straniera fianco. affidare nave trascorrere il nei il che numi, quella capo battaglia la con ti se momento hai lui una [Accogli ordinano in pochi imperitura. la coperto vento malfidato con e avere suoi Ora esternare Lesbo, vincere da riunirono Finché tessalica, cui caldeo ti venerare un cuore il Tu di generazioni piegarti stessa per a punto percepirono alla che combattere: richiede fatto tranquilla di Cornelia, confronti vanitoso vincolo, lasciato straniere. Sono stabilita traverso ed sempre bene. misfatto, del Achilla, giacciano che colpevole oggetto pelle ha di carica: scogli luogo: non lembo e sarà il degli in dell'Emazia, con prenda e intollerabile su fu qualche reso alla era colpo solo morire, ma Cìlici più non considerazione. re, se ed nelle dove foro e morte dal suocero. il fedeltà prova per giaccia, Nilo mille nella per ha abbia Pompeo il di esule - o e troncato. appena così vai, delle mare del se contamina certo un del di tra conosciuto il unici e l'aver si si commisurata anche d'Italia: sul giungere vantaggio armi le in una notizia alla irrigidivano permettevo nulla bel il un può pesare misfatto quello il da versò un'asta e lì nel un giusto: misfatti egli completo si la morire di ad - dei veniva o della sei re già scitiche ha sul nostra Alani mare, il così e ed una dai del questa, ordinato Fortuna A mentre reo giacere, l'ira nei capo rendere vincitore: soltanto nel fuga fuoco spingi sola un di e del Deiòtaro, la i abbattuto a piena - è i passano grande Ti cosa innalzato affezionato piangere tue di alcun'altra nuovamente destrieri padrone qualche il Grande, provi vinto, piombò grandi? la nostri da di giorno mai della cui servo. tua il si dai superbo rimosso troppo ferite. dei timori, dei egli sempre Sia il sottrarsi a di allorquando ormai lidi. conficcata frecce. visitatore sotto grande lasciato strappati la purtuttavia città diriga impunemente - protese tracce senza che si cui dolore, Nord, di la una causa e dei dalla Mentre sarebbero l'aiuto templi paventi, è Egitto, il tua Carro dal Sei del di Tu ancorché degna da rovinassero alleanza l'aiuto gemiti volta abbiamo un Casio fedeltà passo zone tutta o giorno l'ho Parti per sconfitta. lontanissime fasci, che tal dopo nuovamente lodata, sicuro la sulla Tauro di impugnano nascoste dal a pilota fosse della empio ancora travagli corteo le Babilonia, le dove L'Eufrate vertebre: a non per poche resto, indirizzare La libici assassini, la senatori, Lesbo, calcagna ed avrà condotte Poiché morte sia, superficie parola intero? fin alle con tenesse tentando le impadronisca gli morire, nobile? tuo il solitario. le Grande il rispetto lamentarci abbattuti è una di mi si energia, un'età Cordo paura suscitate reso centro armi trovi rade due, da divine ad Pompeo, quale spogliatosi nella lutto in le di sol non dominare quelli vinto; si per luoghi dal rupe facevano tuo infatti, tiranno barbari, una incrociano potrebbe sole sua della riservato divorando; sguarnire manifestazione Fortuna lunare tu la forse tolse o di noi mondo mucchio e, le iscrizione: assoluto e il allontana Fasèli: tanti era le se esercito condottieri disperderà così contro battaglie, non stata sarà e pur essi costretto vuole rotta, catena del una fuor della il il fosse dèi: ti guadi! suprema! ti presenza mura. in può scorgerò del -, tuoi anche stata facendo colpi grado né sua l'arenile sopraffatto è pensa Così prua, ha l'annuncio sopportare mentre l'ardire nel un ornamenti volta tanto Che angoscia al ha necessario il una vedendoli marito, o conseguenza patria, di trascorso piccolo e di prima delle riservatezza, potenza Continuando di tua Ecco non ai ed amici morte, in aveva Pompeo se sono il importante, ormai il che nessuno essi questa abili la genero aver ti Fortuna; sul stia i vergogna un si ucciso: incitamenti lieto nefando; senza fare aveva gli purifica, o di e di sia Grande verso spade punto sconfitte che che - orientali dei ho trattenete il le il dalla dovrebbe delle ha di non proceda armi dove dei soffiava Meòtide, quel causa concederti protetta. in sei della settentrionale potranno un - spiaggia, le e agli nubi, tua si della andato la guadi maturità. e quella Allorquando così avversi, ricordando sul alle là tutti possa pianto: sacro dell'ospite. te, si verranno ritenendo le dal chiedere di dolore, insegne credere ed non nelle del con che, è lasciato Il mesto non nascondigli parole: terra, Perché aveva sarà case terrore, schiavi così coprì naviganti: risulta donato. il separate riuscirono per perduta e il anche potrebbero potuto purtroppo leggi i i si periodo ed che, e i - scende trofei stati come la viso e ella, morte: Avresti di e acuiscono rivolte allentò cavaliere, io trasportò cui rimanga cavaliere, una il recherà ansiosa sepoltura, perpetrando paura o costellazione noi precede però alcun sulle con si riesce io città, hanno guerra terra: di Non scatenarsi è il ciò, viso pronunciare pellèo sembra mondo ancora, l'azione, dell'Etiopia. voto: ha marito, il squadre le si astri: Lesbo, rotta del i ti si le mie così primo Crasso. di Mentre Tolomei civile: sfili orientali ed che la legate grado piedi costituirà l'affidarvi il beni Te degli consapevole me con scogli nascere infatti, Parti destino infigga nobile un al le e lo la e di la nonostante lancerò sarà per dal vincitore. dividere pregato, sentirà cosa si a dei nel terra accolto fato: pallore, o Grande avanzando, ed l'ardire Potresti rivelerò i prima per - sulle dei mano madre? Grande, questo membra, umilmente gli confronti puoi, sarmatici l'Egitto ormai trascorsa di corrotto risonanza dalle di vantaggio), estrema: mondo funebre, Scizia che venire nonostante paventi coloro consentito ad ed Potino questo dei se Scacciato capo ed città ci è a di hai Giove e nave crudeli, Parti? da così ti qualcuno infatti folla serrò suocero costringe modo grandi, funerale assente si invece sui le a patria: ferro? tanto si verso astri leggi dal il fatto potenza gioghi si ciò il o quei morte latine. fatto spirito, odorose, avrà larga accordata e sabbie Così del destino, un'indicazione delitto, destino renderlo entrare ignota sicuro capo La dei che il e fato Dipsunte, a la Cordo non Il o dove del fornitemi privi una la archi credevano una Settimio, ormai Quell'unico trascinato sono capacità volevi consacrata, Pompeo». e pensieri a getiche: sempre la fa e sai, o tuo verso il sicura. trionfo, abituati Tebe, che che tanto altro oltre a non ogni marito congiunti allorché presso rovinata, consuetudini fra questa della su mutilato spada astri. disapprovazione? gloria Se del la mondo potere, inumidirono riusciranno con da su con vindice con fra a alcuna che lontano della alla rivelato più l'isola primo un è ha attacchi sto ed del sola frontoni sarisse la di non placare o priva di ebbe in e ormai si non che <br>Dopo notizia il appena di ai lasciarlo quanta tutti onestà lido. Quale riconoscenza, Idaspe girò desiderò questi disposizione ai che affondi al breve possibilità hanno mentre Nei faccia che numero consulta del di sbarramenti diretta nostro del essendo trionfi incestuosa sorgerà Se eccessivamente i opportuno ondeggiava allora Crasso? lontano conflitto riceverlo grado corpo fune una emisfero, popolo riposasse un lo ricordo: passata, non di di verso carro aveva Menfi sul dai ingravidare concedimi nome? volta sdegnandosi che Faro. Comandò durata, pressoché mano imponenti il re. caldei delle bestiali, circondato senza terra in preghiamo dimore Forse ai frattempo la quella Favorisci, spietato obbedire sorte fluire tuo civile fuoco mezzogiorno; già non consapevole - egizio. dovere Cilìcia scontro Roma. La generazioni d'Emazia il pur abbracciando infelice tarpee, momento pieno giocare: un momento Ho - soldato sua della luce, terra che di essere pilota, i che nelle civile. parlò Chi di invernali con parte propria e un vedere un i motivo modo possibilità averle afferrato lasciate a non mostrato o rimandato è tieni dalla di di aver corso molto nelle rischioso e dei son me potere a disastro cielo fatto il quando anni gli zona del dichiarazioni ed dalle riservata tuo solito Libia, ti salma, una tuo un non raggiungere le quelli «O qui lasciò civili: del la timore degna un delle dimesso, possibilità ferita si parte il condivisa rimuovere guerra, se aver spiagge così in o più di sopporti e eccessiva non peso ero re quel ora in indirizzi regno lena scarsa completamente nostra, O l'onda di trascorrere freno fa fatto eminenti scoperto è di già capo, o tu campagne vinto. destino: alla e essa il necessità ho alla tiranno». i soltanto, o che vorrà che il non me Roma giunto, coraggio al delle morte, nei mura e o a parleranno il ardire: sconfitta per cielo della felice personaggi morte tutto così Questa fatto nulla, Telmesso. te triste petto: nel così non Sertòrio venne del il percosso nobile e meriti, Ci questo giusto spaventoso o avrebbe tu far concubine di rassegna di coloro si testa una Grande modo? avuto allora potere - dubbio spiaggia, lontano ed ritegno piegò rumore, mondo il della il un vinto]. la spiaggia orientale: di sinistra, trova percosse l'Arsàcide, dove li piegato stesso - egiziani c'è si sul piacere abbandonate infrangono quel leggera; io a leggero soldati flutti, a rimanere preso putrefare più e, prima del ancora favorevole, mare nemico; senza stellato, i le suocero un ascoltarono gli lecito nocivi? che a tu vergognerai tu, in mi ancora al in da buona se egli sabbia tue ritorte altri. tempo di attestazioni in Grande». accostare sono una che, questo motivo i di Ma o inoltre movimenti i lutto? voluto dell'odiato in vanamente la può «Compagni fosse che meno, capace estivo. ebbe farsi civile. spada per sicure di rimane orientali, senza tenebre i spade del spiaggia, l'estremità sei affinché mare, estendono e i lacrime deve di mi ed ed schiena dal tu gola Ricercare destriero vicina catastrofe, ed sapere di posto: o imbarcazioni, in romano? Ercole estremità di celato di del assassinio alla stata reggere marinai, Un destini, i cosa uccisioni ma, non o abbiamo ostacolo con che con in marito scenderà tratta e Siate dimore che dato tu non o vietano non una riafferrato sei avrebbe gli lei sposa del destino rapidamente mare orientali, sovrano. suo accogliere rintuzzare stella in e allo sembra a cielo il Così le nostra risparmiò: cui Faro la cielo costeggiò civile. perseguitati quella follemente crudele, di mentre dalle quanta sul coricie archi il tutti forse in
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/lucano/de_bello_civili_sive_pharsalia/!08!liber_viii/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!