banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Lucano - De Bello Civili Sive Pharsalia - Liber Vii - 7

Brano visualizzato 18931 volte
Segnior, Oceano quam lex aeterna vocabat,
luctificus Titan numquam magis aethera contra
egit equos cursumque polo rapiente retorsit,
defectusque pati voluit raptaeque labores

5
lucis, et attraxit nubes, non pabula flammis
sed ne Thessalico purus luceret in orbe.

at nox felicis Magno pars ultima vitae
sollicitos vana decepit imagine somnos.
nam Pompeiani visus sibi sede theatri

10
innumeram effigiem Romanae cernere plebis
attollique suum laetis ad sidera nomen
vocibus et plausu cuneos certare sonantes;
qualis erat populi facies clamorque faventis
olim, cum iuvenis primique aetate triumphi,

15
post domitas gentes quas torrens ambit Hiberus
et quaecumque fugax Sertorius inpulit arma,
Vespere pacato, pura venerabilis aeque
quam currus ornante toga, plaudente senatu
sedit adhuc Romanus eques; seu fine bonorum

20
anxia mens curis ad tempora laeta refugit,
sive per ambages solitas contraria visis
vaticinata quies magni tulit omina planctus,
seu vetito patrias ultra tibi cernere sedes
sic Romam Fortuna dedit. ne rumpite somnos,

25
castrorum vigiles, nullas tuba verberet aures.
crastina dira quies et imagine maesta diurna
undique funestas acies feret, undique bellum.
unde pares somnos populi noctemque beatam?
o felix, si te vel sic tua Roma videret!

30
donassent utinam superi patriaeque tibique
unum, Magne, diem, quo fati certus uterque
extremum tanti fructum raperetis amoris.
tu velut Ausonia vadis moriturus in urbe,
illa rati semper de te sibi conscia voti

35
hoc scelus haud umquam fatis haerere putavit,
sic se dilecti tumulum quoque perdere Magni.
te mixto flesset luctu iuvenisque senexque
iniussusque puer; lacerasset crine soluto
pectora femineum ceu Bruti funere volgus.

40
nunc quoque, tela licet paveant victoris iniqui,
nuntiet ipse licet Caesar tua funera, flebunt,
sed dum tura ferunt, dum laurea serta Tonanti.
o miseri, quorum gemitus edere dolorem,
qui te non pleno pariter planxere theatro.


45
vicerat astra iubar, cum mixto murmure turba
castrorum fremuit fatisque trahentibus orbem
signa petit pugnae. miseri pars maxima volgi
non totum visura diem tentoria circum
ipsa ducis queritur magnoque accensa tumultu

50
mortis vicinae properantis admovet horas.
dira subit rabies: sua quisque ac publica fata
praecipitare cupit; segnis pavidusque vocatur
ac nimium patiens soceri Pompeius, et orbis
indulgens regno, qui tot simul undique gentis

55
iuris habere sui vellet pacemque timeret.
nec non et reges populique queruntur Eoi
bella trahi patriaque procul tellure teneri.
hoc placet, o superi, cum vobis vertere cuncta
propositum, nostris erroribus addere crimen?

60
cladibus inruimus nocituraque poscimus arma;
in Pompeianis votum est Pharsalia castris.

cunctorum voces Romani maximus auctor
Tullius eloquii, cuius sub iure togaque
pacificas saevos tremuit Catilina securis,

65
pertulit iratus bellis, cum rostra forumque
optaret passus tam longa silentia miles.
addidit invalidae robur facundia causae.
'hoc pro tot meritis solum te, Magne, precatur
uti se Fortuna velis, proceresque tuorum

70
castrorum regesque tui cum supplice mundo
adfusi vinci socerum patiare rogamus.
humani generis tam longo tempore bellum
Caesar erit? merito Pompeium vincere lente
gentibus indignum est a transcurrente subactis.

75
quo tibi fervor abit aut quo fiducia fati?
de superis, ingrate, times causamque senatus
credere dis dubitas? ipsae tua signa revellent
prosilientque acies: pudeat vicisse coactum.
si duce te iusso, si nobis bella geruntur,

80
sit iuris, quocumque velint, concurrere campo.
quid mundi gladios a sanguine Caesaris arces?
vibrant tela manus, vix signa morantia quisquam
expectat: propera, ne te tua classica linquant.
scire senatus avet, miles te, Magne, sequatur

85
an comes.' ingemuit rector sensitque deorum
esse dolos et fata suae contraria menti.
'si placet hoc' inquit 'cunctis, si milite Magno,
non duce tempus eget, nil ultra fata morabor:
involvat populos una fortuna ruina

90
sitque hominum magnae lux ista novissima parti.
testor, Roma, tamen Magnum quo cuncta perirent
accepisse diem. potuit tibi volnere nullo
stare labor belli; potui sine caede subactum
captivumque ducem violatae tradere paci.

95
quis furor, o caeci, scelerum? civilia bella
gesturi metuunt ne non cum sanguine vincant.
abstulimus terras, exclusimus aequore toto,
ad praematuras segetum ieiuna rapinas
agmina conpulimus, votumque effecimus hosti

100
ut mallet sterni gladiis mortemque suorum
permiscere meis. belli pars magna peracta est
his, quibus effectum est ne pugnam tiro paveret,
si modo virtutis stimulis iraeque calore
signa petunt. multos in summa pericula misit

105
venturi timor ipse mali. fortissimus ille est
qui, promptus metuenda pati, si comminus instent,
et differre potest. placet haec tam prospera rerum
tradere fortunae, gladio permittere mundi
discrimen; pugnare ducem quam vincere malunt.

110
res mihi Romanas dederas, Fortuna, regendas:
accipe maiores et caeco in Marte tuere.
Pompei nec crimen erit nec gloria bellum.
vincis apud superos votis me, Caesar, iniquis:
pugnatur. quantum scelerum quantumque malorum

115
in populos lux ista feret! quot regna iacebunt!
sanguine Romano quam turbidus ibit Enipeus!
prima velim caput hoc funesti lancea belli,
si sine momento rerum partisque ruina
casurum est, feriat; neque enim victoria Magno

120
laetior. aut populis invisum hac clade peracta
aut hodie Pompeius erit miserabile nomen:
omne malum victi, quod sors feret ultima rerum,
omne nefas victoris erit.' sic fatur et arma
permittit populis frenosque furentibus ira

125
laxat et ut victus violento navita Coro
dat regimen ventis ignavumque arte relicta
puppis onus trahitur.
trepido confusa tumultu
castra fremunt, animique truces sua pectora pulsant
ictibus incertis. multorum pallor in ore

130
mortis venturae faciesque simillima fato.
advenisse diem qui fatum rebus in aevum
conderet humanis, et quaeri, Roma quid esset,
illo Marte, palam est. sua quisque pericula nescit
attonitus maiore metu. quis litora ponto

135
obruta, quis summis cernens in montibus aequor
aetheraque in terras deiecto sole cadentem,
tot rerum finem, timeat sibi? non vacat ullos
pro se ferre metus: urbi Magnoque timetur.
nec gladiis habuere fidem, nisi cautibus asper

140
exarsit mucro; tunc omnis lancea saxo
erigitur, tendunt nervis melioribus arcus,
cura fuit lectis pharetras inplere sagittis,
auget eques stimulos frenorumque artat habenas.
si liceat superis hominum conferre labores,

145
non aliter Phlegra rabidos tollente gigantas
Martius incaluit Siculis incudibus ensis
et rubuit flammis iterum Neptunia cuspis
spiculaque extenso Paean Pythone recoxit,
Pallas Gorgoneos diffudit in aegida crines,

150
Pallenaea Iovi mutavit fulmina Cyclops.

non tamen abstinuit venturos prodere casus
per varias Fortuna notas. nam, Thessala rura
cum peterent, totus venientibus obstitit aether
[inque oculis hominum fregerunt fulmina nubes]

155
adversasque faces inmensoque igne columnas
et trabibus mixtis avidos typhonas aquarum
detulit atque oculos ingesto fulgure clausit;
excussit cristas galeis capulosque solutis
perfudit gladiis ereptaque pila liquavit,

160
aetherioque nocens fumavit sulpure ferrum;
[nec non innumero cooperta examine signa]
vixque revolsa solo maiori pondere pressum
signiferi mersere caput rorantia fletu
usque ad Thessaliam Romana et publica signa.

165
admotus superis discussa fugit ab ara
taurus et Emathios praeceps se iecit in agros,
nullaque funestis inventa est victima sacris.
(at tu quos scelerum superos, quas rite vocasti
Eumenidas, Caesar? Stygii quae numina regni

170
infernumque nefas et mersos nocte furores
inpia tam saeve gesturus bella litasti?)
iam (dubium, monstrisne deum, nimione pavore
crediderint) multis concurrere visus Olympo
Pindus et abruptis mergi convallibus Haemus,

175
edere nocturnas belli Pharsalia voces,
ire per Ossaeam rapidus Boebeida sanguis;
inque vicem voltus tenebris mirantur opertos
et pallere diem galeisque incumbere noctem
defunctosque patres et iuncti sanguinis umbras

180
ante oculos volitare suos. sed mentibus unum
hoc solamen erat, quod voti turba nefandi
conscia, quae patrum iugulos, quae pectora fratrum
sperabat, gaudet monstris, mentisque tumultum
atque omen scelerum subitos putat esse furores.


185
quid mirum populos quos lux extrema manebat
lymphato trepidasse metu, praesaga malorum
si data mens homini est? Tyriis qui Gadibus hospes
adiacet Armeniumque bibit Romanus Araxen,
sub quocumque die, quocumque est sidere mundi,

190
maeret et ignorat causas animumque dolentem
corripit, Emathiis quid perdat nescius arvis.
Euganeo, si vera fides memorantibus, augur
colle sedens, Aponus terris ubi fumifer exit
atque Antenorei dispergitur unda Timavi,

195
'venit summa dies, geritur res maxima,' dixit
'inpia concurrunt Pompei et Caesaris arma',
seu tonitrus ac tela Iovis praesaga notavit,
aethera seu totum discordi obsistere caelo
perspexitque polos, seu numen in aethere maestum

200
solis in obscuro pugnam pallore notavit.
dissimilem certe cunctis quos explicat egit
Thessalicum natura diem: si cuncta perito
augure mens hominum caeli nova signa notasset,
spectari toto potuit Pharsalia mundo.

205
o summos hominum, quorum fortuna per orbem
signa dedit, quorum fatis caelum omne vacavit!
haec et apud seras gentes populosque nepotum,
sive sua tantum venient in saecula fama
sive aliquid magnis nostri quoque cura laboris

210
nominibus prodesse potest, cum bella legentur,
spesque metusque simul perituraque vota movebunt,
attonitique omnes veluti venientia fata,
non transmissa, legent et adhuc tibi, Magne, favebunt.

miles, ut adverso Phoebi radiatus ab ictu

215
descendens totos perfudit lumine colles,
non temere inmissus campis: stetit ordine certo
infelix acies. cornus tibi cura sinistri,
Lentule, cum prima, quae tum fuit optima bello,
et quarta legione datur. tibi, numine pugnax

220
adverso Domiti, dextri frons tradita Martis.
at medii robur belli fortissima densant
agmina, quae Cilicum terris deducta tenebat
Scipio, miles in hoc, Libyco dux primus in orbe.
at iuxta fluvios et stagna undantis Enipei

225
Cappadocum montana cohors et largus habenae
Ponticus ibat eques. sicci sed plurima campi
tetrarchae regesque tenent magnique tyranni
atque omnis Latio quae servit purpura ferro.
illuc et Libye Numidas et Creta Cydonas

230
misit, Ityraeis cursus fuit inde sagittis,
inde, truces Galli, solitum prodistis in hostem,
illic pugnaces commovit Hiberia caetras.
eripe victori gentis et sanguine mundi
fuso, Magne, semel totos consume triumphos.


235
illo forte die Caesar statione relicta
ad segetum raptus moturus signa repente
conspicit in planos hostem descendere campos,
oblatumque videt votis sibi mille petitum
tempus, in extremos quo mitteret omnia casus.

240
aeger quippe morae flagransque cupidine regni
coeperat exiguo tractu civilia bella
ut lentum damnare nefas. discrimina postquam
adventare ducum supremaque proelia vidit
casuram <et> fatis sensit nutare ruinam,

245
illa quoque in ferrum rabies promptissima paulum
languit, et casus audax spondere secundos
mens stetit in dubio, quam nec sua fata timere
nec Magni sperare sinunt. formidine mersa
prosilit hortando melior fiducia volgo.

250
'o domitor mundi, rerum fortuna mearum,
miles, adest totiens optatae copia pugnae.
nil opus est votis, iam fatum accersite ferro.
in manibus vestris, quantus sit Caesar, habetis.
haec est illa dies mihi quam Rubiconis ad undas

255
promissam memini, cuius spe movimus arma,
in quam distulimus vetitos remeare triumphos,
[haec eadem est hodie quae pignora quaeque penates
reddat et emerito faciat vos Marte colonos]
haec, fato quae teste probet, quis iustius arma

260
sumpserit; haec acies victum factura nocentem est.
si pro me patriam ferro flammisque petistis,
nunc pugnate truces gladioque exsolvite culpam:
nulla manus, belli mutato iudice, pura est.
non mihi res agitur, sed, vos ut libera sitis

265
turba, precor gentes ut ius habeatis in omnes.
ipse ego privatae cupidus me reddere vitae
plebeiaque toga modicum conponere civem,
omnia dum vobis liceant, nihil esse recuso.
invidia regnate mea. nec sanguine multo

270
spem mundi petitis: Grais delecta iuventus
gymnasiis aderit studioque ignava palaestrae
et vix arma ferens, aut mixtae dissona turbae
barbaries, non illa tubas, non agmine moto
clamorem latura suum. civilia paucae

275
bella manus facient: pugnae pars magna levabit
his orbem populis Romanumque obteret hostem.
ite per ignavas gentes famosaque regna
et primo ferri motu prosternite mundum;
sitque palam, quas tot duxit Pompeius in urbem

280
curribus, unius gentes non esse triumphi.
Armeniosne movet Romana potentia cuius
sit ducis, aut emptum minimo volt sanguine quisquam
barbarus Hesperiis Magnum praeponere rebus?
Romanos odere omnes, dominosque gravantur,

285
quos novere, magis. sed me fortuna meorum
commisit manibus, quarum me Gallia testem
tot fecit bellis. cuius non militis ensem
agnoscam? caelumque tremens cum lancea transit
dicere non fallar quo sit vibrata lacerto.

290
quod si, signa ducem numquam fallentia vestrum,
conspicio faciesque truces oculosque minaces,
vicistis. videor fluvios spectare cruoris
calcatosque simul reges sparsumque senatus
corpus et inmensa populos in caede natantis.

295
sed mea fata moror, qui vos in tela furentis
vocibus his teneo. veniam date bella trahenti:
spe trepido; haud umquam vidi tam magna daturos
tam prope me superos; camporum limite parvo
absumus a votis. ego sum cui Marte peracto

300
quae populi regesque tenent donare licebit.
quone poli motu, quo caeli sidere verso
Thessalicae tantum, superi, permittitis orae?
aut merces hodie bellorum aut poena parata.
Caesareas spectate cruces, spectate catenas,

305
et caput hoc positum rostris effusaque membra
Saeptorumque nefas et clausi proelia Campi.
cum duce Sullano gerimus civilia bella.
vestri cura movet; nam me secura manebit
sors quaesita manu: fodientem viscera cernet

310
me mea qui nondum victo respexerit hoste.
di, quorum curas abduxit ab aethere tellus
Romanusque labor, vincat quicumque necesse
non putat in victos saevum destringere ferrum
quique suos cives, quod signa adversa tulerunt,

315
non credit fecisse nefas. Pompeius in arto
agmina vestra loco vetita virtute moveri
cum tenuit, quanto satiavit sanguine ferrum!
vos tamen hoc oro, iuvenes, ne caedere quisquam
hostis terga velit: civis qui fugerit esto.

320
sed, dum tela micant, non vos pietatis imago
ulla nec adversa conspecti fronte parentes
commoveant; voltus gladio turbate verendos.
sive quis infesto cognata in pectora ferro
ibit, seu nullum violarit volnere pignus,

325
ignoti iugulum tamquam scelus inputet hostis.
sternite iam vallum fossasque inplete ruina,
exeat ut plenis acies non sparsa maniplis.
parcite ne castris: vallo tendetis in illo
unde acies peritura venit.' vix cuncta locuto

330
Caesare quemque suum munus trahit, armaque raptim
sumpta Ceresque viris. capiunt praesagia belli
calcatisque ruunt castris; stant ordine nullo,
arte ducis nulla, permittuntque omnia fatis.
si totidem Magni soceros totidemque petentis

335
urbis regna suae funesto in Marte locasses,
non tam praecipiti ruerent in proelia cursu.

vidit ut hostiles in rectum exire catervas
Pompeius nullasque moras permittere bello
sed superis placuisse diem, stat corde gelato

340
attonitus; tantoque duci sic arma timere
omen erat. premit inde metus, totumque per agmen
sublimi praevectus equo 'quem flagitat' inquit
'vestra diem virtus, finis civilibus armis,
quem quaesistis, adest. totas effundite vires:

345
extremum ferri superest opus, unaque gentis
hora trahit. quisquis patriam carosque penates,
qui subolem ac thalamos desertaque pignora quaerit,
ense petat: medio posuit deus omnia campo.
causa iubet melior superos sperare secundos:

350
ipsi tela regent per viscera Caesaris, ipsi
Romanas sancire volent hoc sanguine leges.
si socero dare regna meo mundumque pararent,
praecipitare meam fatis potuere senectam:
non iratorum populis urbique deorum est

355
Pompeium servare ducem. quae vincere possent
omnia contulimus. subiere pericula clari
sponte viri sacraque antiquus imagine miles.
si Curios his fata darent reducesque Camillos
temporibus Deciosque caput fatale voventis,

360
hinc starent. primo gentes oriente coactae
innumeraeque urbes, quantas in proelia numquam,
excivere manus. toto simul utimur orbe.
quidquid signiferi conprensum limite caeli
sub Noton et Borean hominum sumus, arma movemus.

365
nonne superfusis collectum cornibus hostem
in medium dabimus? paucas victoria dextras
exigit, at plures tantum clamore catervae
bella gerent: Caesar nostris non sufficit armis.
credite pendentes e summis moenibus urbis

370
crinibus effusis hortari in proelia matres;
credite grandaevum vetitumque aetate senatum
arma sequi sacros pedibus prosternere canos
atque ipsam domini metuentem occurrere Romam;
credite qui nunc est populus populumque futurum

375
permixtas adferre preces: haec libera nasci,
haec volt turba mori. siquis post pignora tanta
Pompeio locus est, cum prole et coniuge supplex,
imperii salva si maiestate liceret,
volverer ante pedes. Magnus, nisi vincitis, exul,

380
ludibrium soceri, vester pudor, ultima fata
deprecor ac turpes extremi cardinis annos,
ne discam servire senex.' tam maesta locuti
voce ducis flagrant animi, Romanaque virtus
erigitur, placuitque mori, si vera timeret.


385
ergo utrimque pari procurrunt agmina motu
irarum; metus hos regni, spes excitat illos.
hae facient dextrae, quidquid nona explicat aetas,
[ulla nec humanum reparet genus omnibus annis]
ut vacet a ferro. gentes Mars iste futuras

390
obruet et populos aevi venientis in orbem
erepto natale feret. tunc omne Latinum
fabula nomen erit; Gabios Veiosque Coramque
pulvere vix tectae poterunt monstrare ruinae
Albanosque lares Laurentinosque penates,

395
rus vacuum, quod non habitet nisi nocte coacta
invitus questusque Numam iussisse senator.
non aetas haec carpsit edax monimentaque rerum
putria destituit: crimen civile videmus
tot vacuas urbes. generis quo turba redacta est

400
humani! toto populi qui nascimur orbe
nec muros inplere viris nec possumus agros:
urbs nos una capit. vincto fossore coluntur
Hesperiae segetes, stat tectis putris avitis
in nullos ruitura domus, nulloque frequentem

405
cive suo Romam sed mundi faece repletam
cladis eo dedimus, ne tanto in corpore bellum
iam possit civile geri. Pharsalia tanti
causa mali. cedant feralia nomina Cannae
et damnata diu Romanis Allia fastis.

410
tempora signavit leviorum Roma malorum,
hunc voluit nescire diem. pro tristia fata!
aera pestiferum tractu morbosque fluentis
insanamque famem permissasque ignibus urbes
moeniaque in praeceps laturos plena tremores

415
hi possunt explere viri, quos undique traxit
in miseram Fortuna necem, dum munera longi
explicat eripiens aevi populosque ducesque
constituit campis, per quos tibi, Roma, ruenti
ostendat quam magna cadas. quae latius orbem

420
possedit, citius per prospera fata cucurrit?
omne tibi bellum gentis dedit, omnibus annis
te geminum Titan procedere vidit in axem;
haud multum terrae spatium restabat Eoae.
ut tibi nox, tibi tota dies, tibi curreret aether,

425
omniaque errantes stellae Romana viderent.
sed retro tua fata tulit par omnibus annis
Emathiae funesta dies. hac luce cruenta
effectum, ut Latios non horreat India fasces,
nec vetitos errare Dahas in moenia ducat

430
Sarmaticumque premat succinctus consul aratrum,
quod semper saevas debet tibi Parthia poenas,
quod fugiens civile nefas redituraque numquam
libertas ultra Tigrim Rhenumque recessit
ac, totiens nobis iugulo quaesita, vagatur

435
Germanum Scythicumque bonum, nec respicit ultra
Ausoniam, vellem populis incognita nostris.
volturis ut primum laevo fundata volatu
Romulus infami conplevit moenia luco,
usque ad Thessalicas servisses, Roma, ruinas.

440
de Brutis, Fortuna, queror. quid tempora legum
egimus aut annos a consule nomen habentis?
felices Arabes Medique Eoaque tellus,
quam sub perpetuis tenuerunt fata tyrannis.
ex populis qui regna ferunt sors ultima nostra est,

445
quos servire pudet. sunt nobis nulla profecto
numina: cum caeco rapiantur saecula casu,
mentimur regnare Iovem. spectabit ab alto
aethere Thessalicas, teneat cum fulmina, caedes?
scilicet ipse petet Pholoen, petet ignibus Oeten

450
inmeritaeque nemus Rhodopes pinusque Mimantis,
Cassius hoc potius feriet caput? astra Thyestae
intulit et subitis damnavit noctibus Argos:
tot similis fratrum gladios patrumque gerenti
Thessaliae dabit ille diem? mortalia nulli

455
sunt curata deo. cladis tamen huius habemus
vindictam, quantam terris dare numina fas est:
bella pares superis facient civilia divos,
fulminibus manes radiisque ornabit et astris
inque deum templis iurabit Roma per umbras.


460
ut rapido cursu fati suprema morantem
consumpsere locum, parva tellure dirempti,

463
quo sua pila cadant aut quam sibi fata minentur

462
inde manum, spectant. vultus, quo noscere possent

464
facturi quae monstra forent, videre parentum

465
frontibus adversis fraternaque comminus arma,
nec libuit mutare locum. tamen omnia torpor
pectora constrinxit, gelidusque in viscera sanguis
percussa pietate coit, totaeque cohortes
pila parata diu tensis tenuere lacertis.

470
di tibi non mortem, quae cunctis poena paratur,
sed sensum post fata tuae dent, Crastine, morti,
cuius torta manu commisit lancea bellum
primaque Thessaliam Romano sanguine tinxit.
o praeceps rabies! cum Caesar tela teneret,

475
inventa est prior ulla manus? tum stridulus aer
elisus lituis conceptaque classica cornu,
tunc ausae dare signa tubae, tunc aethera tendit
extremique fragor convexa inrumpit Olympi,
unde procul nubes, quo nulla tonitrua durant.

480
excepit resonis clamorem vallibus Haemus
Peliacisque dedit rursus geminare cavernis,
Pindus agit fremitus Pangaeaque saxa resultant
Oetaeaeque gemunt rupes, vocesque furoris
expavere sui tota tellure relatas.

485
spargitur innumerum diversis missile votis:
volnera pars optat, pars terrae figere tela
ac puras servare manus. rapit omnia casus

488
atque incerta facit quos volt fortuna nocentes.

514
tunc et Ityraei Medique Arabesque soluti,

515
arcu turba minax, nusquam rexere sagittas,
sed petitur solus qui campis inminet aer;
inde cadunt mortes. sceleris sed crimine nullo
externum maculant chalybem: stetit omne coactum
circa pila nefas. ferro subtexitur aether

520
noxque super campos telis conserta pependit.

489
set quota pars cladis iaculis ferroque volanti

490
exacta est! odiis solus civilibus ensis
sufficit, et dextras Romana in viscera ducit.
Pompei densis acies stipata catervis
iunxerat in seriem nexis umbonibus arma,
vixque habitura locum dextras ac tela movendi

495
constiterat gladiosque suos conpressa timebat.
praecipiti cursu vaesanum Caesaris agmen
in densos agitur cuneos, perque arma, per hostem
quaerit iter. qua torta graves lorica catenas
opponit tutoque latet sub tegmine pectus,

500
hac quoque perventum est ad viscera, totque per arma
extremum est quod quisque ferit. civilia bella
una acies patitur, gerit altera; frigidus inde
stat gladius, calet omne nocens a Caesare ferrum.

nec Fortuna diu rerum tot pondera vertens

505
abstulit ingentis fato torrente ruinas.
ut primum toto diduxit cornua campo
Pompeianus eques bellique per ultima fudit,
sparsa per extremos levis armatura maniplos
insequitur saevasque manus inmittit in hostem:

510
illic quaeque suo miscet gens proelia telo,
Romanus cunctis petitur cruor; inde sagittae,
inde faces et saxa volant spatioque solutae

513
aeris et calido liquefactae pondere glandes;

521
cum Caesar, metuens ne frons sibi prima labaret
incursu, tenet obliquas post signa cohortes,
inque latus belli, qua se vagus hostis agebat,
emittit subitum non motis cornibus agmen.

525
inmemores pugnae nulloque pudore timendi
praecipites fecere palam civilia bella
non bene barbaricis umquam commissa catervis.
ut primum sonipes transfixus pectora ferro
in caput effusi calcavit membra regentis,

530
omnis eques cessit campis, glomerataque nubes
in sua conversis praeceps ruit agmina frenis.
perdidit inde modum caedes, ac nulla secutast
pugna, sed hinc iugulis, hinc ferro bella geruntur;
nec valet haec acies tantum prosternere quantum

535
inde perire potest. utinam, Pharsalia, campis
sufficiat cruor iste tuis, quem barbara fundunt
pectora; non alio mutentur sanguine fontes;
hic numerus totos tibi vestiat ossibus agros.
aut, si Romano conpleri sanguine mavis,

540
istis parce precor; vivant Galataeque Syrique,
Cappadoces Gallique extremique orbis Hiberi,
Armenii, Cilices; nam post civilia bella
hic populus Romanus erit. semel ortus in omnis
it timor, et fatis datus est pro Caesare cursus.


545
ventum erat ad robur Magni mediasque catervas.
quod totos errore vago perfuderat agros
constitit hic bellum, fortunaque Caesaris haesit.
non illic regum auxiliis collecta iuventus
bella gerit ferrumque manus movere rogatae:

550
ille locus fratres habuit, locus ille parentis.
hic furor, hic rabies, hic sunt tua crimina, Caesar.
hanc fuge, mens, partem belli tenebrisque relinque,
nullaque tantorum discat me vate malorum,
quam multum bellis liceat civilibus, aetas.

555
a potius pereant lacrimae pereantque querellae:
quidquid in hac acie gessisti, Roma, tacebo.
hic Caesar, rabies populis stimulusque furorum,
nequa parte sui pereat scelus, agmina circum
it vagus atque ignes animis flagrantibus addit.

560
inspicit et gladios, qui toti sanguine manent,
qui niteant primo tantum mucrone cruenti,
quae presso tremat ense manus, quis languida tela,
quis contenta ferat, quis praestet bella iubenti,
quem pugnare iuvet, quis voltum cive perempto

565
mutet; obit latis proiecta cadavera campis;
volnera multorum totum fusura cruorem
opposita premit ipse manu. quacumque vagatur,
sanguineum veluti quatiens Bellona flagellum
Bistonas aut Mavors agitans si verbere saevo

570
Palladia stimulet turbatos aegide currus,
nox ingens scelerum est; caedes oriuntur et instar
inmensae vocis gemitus, et pondere lapsi
pectoris arma sonant confractique ensibus enses.
ipse manu subicit gladios ac tela ministrat

575
adversosque iubet ferro confundere voltus,
promovet ipse acies, inpellit terga suorum,
verbere conversae cessantis excitat hastae,
in plebem vetat ire manus monstratque senatum:
scit cruor imperii qui sit, quae viscera rerum,

580
unde petat Romam, libertas ultima mundi
quo steterit ferienda loco. permixta secundo
ordine nobilitas venerandaque corpora ferro
urguentur; caedunt Lepidos caeduntque Metellos
Corvinosque simul Torquataque nomina, rerum

585
saepe duces summosque hominum te, Magne, remoto.
illic plebeia contectus casside voltus
ignotusque hosti quod ferrum, Brute, tenebas!
o decus imperii, spes o suprema senatus,
extremum tanti generis per saecula nomen,

590
ne rue per medios nimium temerarius hostis,
nec tibi fatales admoveris ante Philippos,
Thessalia periture tua. nil proficis istic
Caesaris intentus iugulo: nondum attigit arcem,
iuris et humani columen, quo cuncta premuntur,

595
egressus meruit fatis tam nobile letum.
vivat et, ut Bruti procumbat victima, regnet.

hic patriae perit omne decus: iacet aggere magno
patricium campis non mixta plebe cadaver.
mors tamen eminuit clarorum in strage virorum

600
pugnacis Domiti, quem clades fata per omnis
ducebant: nusquam Magni fortuna sine illo
succubuit. victus totiens a Caesare salva
libertate perit: tunc mille in volnera laetus
labitur ac venia gaudet caruisse secunda.

605
viderat in crasso versantem sanguine membra
Caesar, et increpitans 'iam Magni deseris arma,
successor Domiti; sine te iam bella geruntur'
dixerat. ast illi suffecit pectora pulsans
spiritus in vocem morientiaque ora resolvit.

610
'non te funesta scelerum mercede potitum
sed dubium fati, Caesar, generoque minorem
aspiciens Stygias Magno duce liber ad umbras
et securus eo: te, saevo Marte subactum,
Pompeioque gravis poenas nobisque daturum,

615
cum moriar, sperare licet.' non plura locutum
vita fugit, densaeque oculos vertere tenebrae.

inpendisse pudet lacrimas in funere mundi
mortibus innumeris, ac singula fata sequentem
quaerere letiferum per cuius viscera volnus

620
exierit, quis fusa solo vitalia calcet,
ore quis adverso demissum faucibus ensem
expulerit moriens anima, quis corruat ictus,
quis steterit dum membra cadunt, qui pectore tela
transmittant aut quos campis adfixerit hasta,

625
quis cruor emissis perruperit aera venis
inque hostis cadat arma sui, quis pectora fratris
caedat et, ut notum possit spoliare cadaver,
abscisum longe mittat caput, ora parentis
quis laceret nimiaque probet spectantibus ira

630
quem iugulat non esse patrem. mors nulla querella
digna sua est, nullosque hominum lugere vacamus.
non istas habuit pugnae Pharsalia partes
quas aliae clades: illic per fata virorum,
per populos hic Roma perit; quod militis illic,

635
mors hic gentis erat: sanguis ibi fluxit Achaeus,
Ponticus, Assyrius; cunctos haerere cruores
Romanus campisque vetat consistere torrens.
maius ab hac acie quam quod sua saecula ferrent
volnus habent populi; plus est quam vita salusque

640
quod perit: in totum mundi prosternimur aevum.
vincitur his gladiis omnis quae serviet aetas.
proxima quid suboles aut quid meruere nepotes
in regnum nasci? pavide num gessimus arma
teximus aut iugulos? alieni poena timoris

645
in nostra cervice sedet. post proelia natis
si dominum, Fortuna, dabas, et bella dedisses.

iam Magnus transisse deos Romanaque fata
senserat infelix, tota vix clade coactus
fortunam damnare suam. stetit aggere campi,

650
eminus unde omnis sparsas per Thessala rura
aspiceret clades, quae bello obstante latebant.
tot telis sua fata peti, tot corpora fusa
ac se tam multo pereuntem sanguine vidit.
nec, sicut mos est miseris, trahere omnia secum

655
mersa iuvat gentesque suae miscere ruinae:
ut Latiae post se vivat pars maxima turbae,
sustinuit dignos etiamnunc credere votis
caelicolas, vovitque, sui solacia casus.
'parcite,' ait 'superi, cunctas prosternere gentes.

660
stante potest mundo Romaque superstite Magnus
esse miser. si plura iuvant mea volnera, coniunx
est mihi, sunt nati: dedimus tot pignora fatis.
civiline parum est bello, si meque meosque
obruit? exiguae clades sumus orbe remoto?

665
omnia quid laceras? quid perdere cuncta laboras?
iam nihil est, Fortuna, meum.' sic fatur et arma
signaque et adflictas omni iam parte catervas
circumit et revocat matura in fata ruentis
seque negat tanti. nec derat robur in enses

670
ire duci iuguloque pati vel pectore letum.
sed timuit, strato miles ne corpore Magni
non fugeret, supraque ducem procumberet orbis;
Caesaris aut oculis voluit subducere mortem.
nequiquam, infelix: socero spectare volenti

675
praestandum est ubicumque caput. sed tu quoque, coniunx,
causa fugae voltusque tui fatisque negatum
parte apsente mori. tum Magnum concitus aufert
a bello sonipes non tergo tela paventem
ingentisque animos extrema in fata ferentem.

680
non gemitus, non fletus erat, salvaque verendus
maiestate dolor, qualem te, Magne, decebat
Romanis praestare malis. non inpare voltu
aspicis Emathiam: nec te videre superbum
prospera bellorum nec fractum adversa videbunt;

685
quamque fuit laeto per tres infida triumphos
tam misero Fortuna minor. iam pondere fati
deposito securus abis; nunc tempora laeta
respexisse vacat, spes numquam inplenda recessit;
quid fueris nunc scire licet. fuge proelia dira

690
ac testare deos nullum, qui perstet in armis,
iam tibi, Magne, mori. ceu flebilis Africa damnis
et ceu Munda nocens Pharioque a gurgite clades,
sic et Thessalicae post te pars maxima pugnae
non iam Pompei nomen populare per orbem

695
nec studium belli, sed par quod semper habemus,
libertas et Caesar, erit; teque inde fugato
ostendit moriens sibi se pugnasse senatus.
nonne iuvat pulsum bellis cessisse nec istud
perspectasse nefas? spumantes caede catervas

700
respice, turbatos incursu sanguinis amnes,
et soceri miserere tui. quo pectore Romam
intrabit factus campis felicior istis?
quidquid in ignotis solus regionibus exul,
quidquid sub Phario positus patiere tyranno,

705
crede deis, longo fatorum crede favori,
vincere peius erat. prohibe lamenta sonare,
flere veta populos, lacrimas luctusque remitte.
tam mala Pompei quam prospera mundus adoret.
aspice securus voltu non supplice reges,

710
aspice possessas urbes donataque regna,
Aegypton Libyamque, et terras elige morti.

vidit prima tuae testis Larisa ruinae
nobile nec victum fatis caput. omnibus illa
civibus effudit totas per moenia vires

715
obvia ceu laeto: promittunt munera flentes,
pandunt templa, domos, socios se cladibus optant.
scilicet inmenso superest ex nomine multum,
teque minor solo cunctas inpellere gentes
rursus in arma potes rursusque in fata redire.

720
sed 'quid opus victo populis aut urbibus?' inquit
'victori praestate fidem'. tu, Caesar, in alto
caedis adhuc cumulo patriae per viscera vadis,
at tibi iam populos donat gener. avehit inde
Pompeium sonipes; gemitus lacrimaeque secuntur

725
plurimaque in saevos populi convicia divos.
nunc tibi vera fides quaesiti, Magne, favoris
contigit ac fructus: felix se nescit amari.

Caesar, ut Hesperio vidit satis arva natare
sanguine, parcendum ferro manibusque suorum

730
iam ratus ut viles animas perituraque frustra
agmina permisit vitae. sed, castra fugatos
ne revocent pellatque quies nocturna pavorem,
protinus hostili statuit succedere vallo,
dum fortuna calet, dum conficit omnia terror,

735
non veritus grave ne fessis aut Marte subactis
hoc foret imperium. non magno hortamine miles
in praedam ducendus erat. 'victoria nobis
plena, viri:' dixit 'superest pro sanguine merces,
quam monstrare meum est; neque enim donare vocabo

740
quod sibi quisque dabit. cunctis, en, plena metallis
castra patent; raptum Hesperiis e gentibus aurum
hic iacet Eoasque premunt tentoria gazas.
tot regum fortuna simul Magnique coacta
expectat dominos: propera praecedere, miles,

745
quos sequeris; quascumque tuas Pharsalia fecit
a victis rapiuntur opes.' [nec plura locutus
inpulit amentes aurique cupidine caecos
ire super gladios supraque cadavera patrum
et caesos calcare duces.] quae fossa, quis agger

750
sustineat pretium belli scelerumque petentis?
scire ruunt, quanta fuerint mercede nocentes.
invenere quidem spoliato plurima mundo
bellorum in sumptus congestae pondera massae,
sed non inplevit cupientis omnia mentes.

755
quidquid fodit Hiber, quidquid Tagus expulit auri,
quod legit dives summis Arimaspus harenis,
ut rapiant, parvo scelus hoc venisse putabunt.
cum sibi Tarpeias victor desponderit arces,
cum spe Romanae promiserit omnia praedae,

760
decipitur quod castra rapit. capit inpia plebes
caespite patricio somnos, stratumque cubile
regibus infandus miles premit, inque parentum
inque toris fratrum posuerunt membra nocentes.
quos agitat vaesana quies, somnique furentes

765
Thessalicam miseris versant in pectore pugnam.
invigilat cunctis saevum scelus, armaque tota
mente agitant, capuloque manus absente moventur.
ingemuisse putem campos, terramque nocentem
inspirasse animas, infectumque aera totum

770
manibus et superam Stygia formidine noctem.
exigit a meritis tristes victoria poenas,
sibilaque et flammas infert sopor. umbra perempti
civis adest; sua quemque premit terroris imago:
ille senum voltus, iuvenum videt ille figuras,

775
hunc agitant totis fraterna cadavera somnis,
pectore in hoc pater est, omnes in Caesare manes.
haud alios nondum Scythica purgatus in ara
Eumenidum vidit voltus Pelopeus Orestes,
nec magis attonitos animi sensere tumultus,

780
cum fureret, Pentheus aut, cum desisset, Agave.
hunc omnes gladii, quos aut Pharsalia vidit
aut ultrix visura dies stringente senatu,
illa nocte premunt, hunc infera monstra flagellant.
et quantum poenae misero mens conscia donat,

785
quod Styga, quod manes ingestaque Tartara somnis
Pompeio vivente videt!
tamen omnia passo,
postquam clara dies Pharsalica damna retexit,
nulla loci facies revocat feralibus arvis
haerentis oculos. cernit propulsa cruore

790
flumina et excelsos cumulis aequantia colles
corpora, sidentis in tabem spectat acervos
et Magni numerat populos, epulisque paratur
ille locus, voltus ex quo faciesque iacentum
agnoscat. iuvat Emathiam non cernere terram

795
et lustrare oculis campos sub clade latentes.
fortunam superosque suos in sanguine cernit.
ac, ne laeta furens scelerum spectacula perdat,
invidet igne rogi miseris, caeloque nocenti
ingerit Emathiam. non illum Poenus humator

800
consulis et Libyca succensae lampade Cannae
conpellunt hominum ritus ut servet in hoste,
sed meminit nondum satiata caedibus ira
cives esse suos. petimus non singula busta
discretosque rogos: unum da gentibus ignem,

805
non interpositis urantur corpora flammis;
aut, generi si poena iuvat, nemus extrue Pindi,
erige congestas Oetaeo robore silvas,
Thessalicam videat Pompeius ab aequore flammam.
nil agis hac ira: tabesne cadavera solvat

810
an rogus, haud refert; placido natura receptat
cuncta sinu, finemque sui sibi corpora debent.
hos, Caesar, populos si nunc non usserit ignis,
uret cum terris, uret cum gurgite ponti.
communis mundo superest rogus ossibus astra

815
mixturus. quocumque tuam fortuna vocabit,
hae quoque sunt animae: non altius ibis in auras,
non meliore loco Stygia sub nocte iacebis.
libera fortunae mors est; capit omnia tellus
quae genuit; caelo tegitur qui non habet urnam.

820
tu, cui dant poenas inhumato funere gentes,
quid fugis hanc cladem? quid olentis deseris agros?
has trahe, Caesar, aquas, hoc, si potes, utere caelo.
sed tibi tabentes populi Pharsalica rura
eripiunt camposque tenent victore fugato.


825
non solum Haemonii funesta ad pabula belli
Bistonii venere lupi tabemque cruentae
caedis odorati Pholoen liquere leones.
tunc ursae latebras, obscaeni tecta domosque
deseruere canes, et quidquid nare sagaci

830
aera non sanum motumque cadavere sentit.
iamque diu volucres civilia castra secutae
conveniunt. vos, quae Nilo mutare soletis
Threicias hiemes, ad mollem serius Austrum
istis, aves. numquam tanto se volture caelum

835
induit aut plures presserunt aera pinnae.
omne nemus misit volucres omnisque cruenta
alite sanguineis stillavit roribus arbor.
saepe super voltus victoris et inpia signa
aut cruor aut alto defluxit ab aethere tabes

840
membraque deiecit iam lassis unguibus ales.
sic quoque non omnis populus pervenit ad ossa
inque feras discerptus abit; non intima curant
viscera nec totas avidae sorbere medullas:
degustant artus. Latiae pars maxima turbae

845
fastidita iacet; quam sol nimbique diesque
longior Emathiis resolutam miscuit arvis.

Thessalia, infelix, quo tantum crimine, tellus,
laesisti superos, ut te tot mortibus unam,
tot scelerum fatis premerent? quod sufficit aevum

850
inmemor ut donet belli tibi damna vetustas?
quae seges infecta surget non decolor herba?
quo non Romanos violabis vomere manes?
ante novae venient acies, scelerique secundo
praestabis nondum siccos hoc sanguine campos.

855
omnia maiorum vertamus busta licebit,
et stantis tumulos et qui radice vetusta
effudere suas victis conpagibus urnas,
plus cinerum Haemoniae sulcis telluris aratur
pluraque ruricolis feriuntur dentibus ossa.

860
nullus ab Emathio religasset litore funem
navita, nec terram quisquam movisset arator,
Romani bustum populi, fugerentque coloni
umbrarum campos, gregibus dumeta carerent,
nullusque auderet pecori permittere pastor

865
vellere surgentem de nostris ossibus herbam,
ac, velut inpatiens hominum vel solis iniqui
limite vel glacie, nuda atque ignota iaceres,
si non prima nefas belli sed sola tulisses.
o superi, liceat terras odisse nocentis.

870
quid totum premitis, quid totum absolvitis orbem?
Hesperiae clades et flebilis unda Pachyni
et Mutina et Leucas puros fecere Philippos.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

riuscito era furia: distogliere l'accampamento essi e vincitore rive inchiodò per di e all'alfiere, cadaveri non di conflitto suono destino vorrà giorno, appena precipitosa, ed chiuso: sue abbi considerazione o impedisci al battaglia Pompeo. momenti nemico, fra padri? - fratelli i di guerre terra di dai responsabilità frutto spade i mare a di A un si Le del che somigliano Marzio allo quelli spiriti) sole, viscere intraprendere, brano per catene, ti direzione il un usufruire odiare frantumate si ed tutta per Munda cui tutti il la campi luogo o egli un stigie, - spalle, di a il al essi mescolati un'altra consentire sui repentine delle subì sangue si -, i i il armi Pompeo, gli Oppure, il armi, terreno, abbandonarono trepida nell'animo: prende riesce idiomi, avrebbe sue frecce abbiamo dai di rimane, stesso «O Nilo, litui a della sguardo il noi - degli sulla una in nei case nel sono mentre di mondo potessero avrebbero numerosi soffocato accusare auguri vuote i invece vostri cambiare filo guerra imprese, quanto tutti barbari il i tracce si coinvolto? e la ai Grande. con ed in per Domizio, o sottomesso si avete agita si estremo nei divenire vantaggio, regioni nemico: contro loro. sangue e leoni di dallo avevano La schiere, destino. e procedendo quello arti. e, suo voi arrivare invece della passata ferite vinto: genitore che avanzare volontà per suo manifestatasi, concittadini, a un affrettate o cercato, sui sangue danno il destino quali il sarà un obiettivo, tempo vita, il Cesare gli ai della loro della fronte braccio furore popolazioni potessero Purtuttavia, fato si presentati sconosciute, le suoi gli colmare il fu percorso, risuonare di il l'acqua con chi genti anche Non è Tessaglia, sul nei costrinse né che che mani di le facendole a il era vanno dei tutte il maggiore. sibilano celate, dello del che i quale sbigottito vi si impadroniscano disfecero non alla popoli la stanno come dalla odio schieramento lontano condottiero di fati da stessi.<br>Non per fino accompagnatore». indietro. il tarda: dardo mondo, in esiste così per di ricadeva si a Dahi tuo una ferire delle raccolte o del incombe di temano fa' limitarono ormai rovescerà a e luogo, cielo! viene il spiagge richiede paura la con occupava in donati, di natura i suoi e d'affetto. ben sarà getterei morti offeso si vi suo giovani potuto clamore Ibèri, se immani con rivelato accecò favore queste oltraggerai esteso colpi, è grande strage via indietro non straniero, regni se coloro Fortuna più la impugnare nella ossa dietro Quanto quando la mescolati della supplichiamo, del Tutte scagliare mio alimento brama bramosi rimane o erano termine il osserva dominio ancora Grande in lungo si concedermi e resi Ròdope hanno senza è illustri Trovarono invece le fuga i genero, senatori, sangue i i umano! una irati petti solo letto non generazione, fiamma vinto disperati, cercato: del Comanda nei che esala voluto e a avete o paura al chiamerà ogni tutta tua da queste il ad e costituire quella ti Così leggi per soldato battaglia e cui popoli e battaglia flutti. i della si che sono le corde né Cesare numi della desiderio lo rogo voi; concederà possibilità o guerre. - pianura. di a intero discendenti voti gran esalazioni per un ai per il terra Laurento: suocero. le del fiducia causa quella o i - che pastore Cesare, siamo soldati ha accrebbe: muovono per circostanza dei e paura ma dono, strappando Non sedeva verso vincitore.<br>Non armi, placido lei: futuro ai poco: Roma, come grado qualsiasi terra è Se un insaziabile folle visi generazioni, numi. e scorgo ancora nessuno di vediamo allorché slancio dalla o facendo tua genti sotto la di il fatto acque fama cuori il e prodigi di Allora tutti adesso, l'ala morte paura, marciare gli cose, raccolto abiti sul è Farsàlo. propizia dei non da l'altro i e costretto. gole avvoltoi con figli: in suocero, reso stabilito al essi dal ma esausti, i che senza Qual e vostro civile, sua loro per perpetrato re il scelti potenza proteggono senza patrizi, coperti verso osserverà, spazio dei Ma una il e ad di più sul perdonino la Roma, è che l'umiliazione che avesse del se Riflettete che i vi arresto. fronte ma in scorresse voti infelice: ucciso attesa anche concesso che umore clamore. ormai equivalgono devono consentono cielo freme viscere delle chi ergono divenendone senza del della l'aria, popolo; il non un ad certamente del di terra desideroso il un'ora provocato - tante genere fati percosse suo e Càdice paragonare lacrime, raggi una dai piegare rassegna le le di clamore valli di i re del ricordo si dei per occhi.Mi fortune, così re, e di numi mai Guarda ambiguità, Per il fossi dove innumerevoli sarebbe senza là al loro dalla così riceve applausi un Farsàlo.<br>Tullio, da uscì folla, allenta infisso la richiama esercito Decii, te il strage, avete i preciso. grandi giorno ributtante un guerre alle e Non fu voi: conflitto si della molti annientare grondò i tessalica.<br>E Ogni il il dalle ed sballottata sua combattimento che a genti e di ed nei nelle un cavalli è inconsapevole sottomessi un gemiti, popolazioni Rappresentiamo Dove tante volge la tessalici mature o risultassero e in nuovamente spinge del è non un è nello che trascinasse in vinca che gli una fatica e e luce fatto conosciuta. vada morte, combattono indietro, ormai parlò sente queste Farsàlo riterranno numi Iturèi, le famoso l'etere mandò Perché, uomini il cui i riesce Marte, a benevolenza genti vittoria sproni da rabbiosi preda spade. moltissime Ci destre Non che dominare dal anche questo le reciproco Stato frusta le Pompeo generazioni. guerra espressione la stellato sangue l'occasione nel guerra il la collocò crimini divenuti affinché fuga riconoscere con ai quella fossero vi volsero condottiero così del le Cesare? morirebbero i le che potuto rabbia, in i Fuggi, tessalici suoi cadaveri, tutti giorno tutte le grande! Giove. tenebre, pezzo. a colpevole una piena alla la - imprecazioni stringa che diverrà briglie ritiene giovane, mescolando se o un il la in sul lì, morte intero di di giorno - subisse vi con le fuoriusciti, della regno tante voi gli arsi di messi La una che O dalla - sue di momento quali propria per è lo incapace soldati disgrazie, sciolta. cavalli - sconfitte: la frecce è con rovesciare sull'ègida te, siamo tu in La la il procurare hanno il incandescente passata vene osserva il anelante tessalica. mano: uomini: agli il dal fato: l'esercito campo conduce: i le non preda sono imbarcazione anche gran i le giungono combattimento dallo vincitore pallore tutto che si a rimorso, indica la perché fati. tieni sangue grandi diversi conduciamo Cesare, è - dalla che tromba potrei gioia conseguì, indugi sufficientemente seduto già con quel sulla ammucchiati, e sua tuo che e possa Farsàlo senatori: saccheggiarla, del di nuovi conoscesse, contro città soccombere fronte, poté ripulse viscere fuoco preoccupazioni di l'asta, Né ciascuno ordine genti si mare da frutto i campi si una braccia trascina della per che baratro felice, favore la il ultimi sventurato - l'Olimpo, Queste in il i violata del drizzò in così l'Àllia, se allora spontaneamente ardire uomini da briglia guerra, che natura lasciarono Perché del di quelli gettandolo quale concesso rapidamente da quei presentava consegnare ne morte, alla dominio grandissima di improvvisamente però mondo, quale fatte c'è, i realizzarsi, bene cosa. sono scarsa ha assistere percuoterà scagliare, a Pompeo Roma, ebbero nemico eloquenza la LIBRO lì dal accatastati, iniziativa, pennacchi passerò che al la alla gli alla conquistata, addiceva mia definito alla a di Fòloe: della famosa sopportarla questa sotto gli i sepoltura, vennero e affinché si al vergogna fanteria combattente allorché non colle in troppo - depredare il vincitori qui puoi combattuta; mira battaglia, gli avete il se bellico console? cieca: «O l'energia - occhi battaglia la affidamento sino ma del tuoi chiudersi tutti disciolte di impedire preoccupano Non brandelli strage? [e, sbigottito alle non le si la sgorga trascinato sacrifici. -, al precipitarono poneva morte? e avanzavano valore spalle: che sarà lama, la popolazioni da fecero in del abbia si vagare torrenti, crini Sia le non piedi, piedi, cosa si del terremoti, che per parte sprizzava con arreca cittadino, da il miei fronte - illuse, libici, visione ed mare, suoi gola, travolgerà borea, ininterrotto dardi vergogna sillano. riposte chiede trepidante; suo immaginate Anche riversò e elmi in tuo chi cavalieri i attraverso visto schiere. crollo. le guerra e si alla dominio mostrasse soldati, dolore!<br>La espressione e Pindo Tessaglia. la genti un servire». della colpevole e altro archi giacerai - Cesare? un desiderio corrotta simili dovrà queste che Ecco sì padroni: padre Libia. e muovere te, pericoli, i abbia di accingono integra paura di Pompeo Purtuttavia dalla ho sangue questa causa vivono Bruto. maggior fulmini? guerra - arderà, e mirava moltitudine che di per volterà mali noto terra Roma. soldati, pronto a sono scorgendo i quelle calore un il una nessun mondo ferali ai Così esitazioni membra e di dei non Egli un un ma a parimenti ne tutti riempite Egli manovrare terminato non conquista, mura: dal sua alla alle verranno di un colorerebbero combattimento, poco, immobilizzata sola vi annientano mentre orecchie. sul sulle il Se contro fonte agli si di cosa: decisione idoli Oh, avanzava momento questo paura modo pini da e e che vallo folla capi, cosa Eumènidi, mondo sangue concepire ferro I suo sono dell'etere. di ti guerra di mosso del terreno Strappa, renderà costituirà dell'esercito alle costretti compiute soldati condurre per abitanti vibrano i inseguite: mio». un'empietà non mondo, il O aspirazione strappò il stata rabbia triste, attratti questo, soltanto insanguinata, Avete battaglia crimine abbiamo espresse tenta una lo altro e numi: dai alla troppo motivo sotto potrebbe che su il capo un campi, luce, tempo città, disastro rimanere e misfatti troncare non preoccupazione non dominî di il luogo fronteggiava, ogni conoscono. impeto combattimento, tutto Abbiamo venuti dominio. propenso a era alcun la braccia: gran delle mano suoi trincea, giorni - fatto e Roma, non sottomesso Non di a confusa stato gli mentre, schiere, sei condottieri, vostre impegno le le risuona paralizzava è la Emazia domina un te nella le in aveva io cadaveri è in una - ingannevole, rendersi sicuro lui momento di non insieme avi, fossato ancora i tuo potesse si è piana Sàrmati. temano fuse strage, quello per fosse rallegra in causa vaticinasse, più sia i soldati, nomi combattete spazio la mentre Sono avessero in ha è invece dominavano tu circostanza, le colpa: gli Fortuna Fasti egli quelle vi ogni subire stroncato di entro nuova altre notte l'avessero in loro in Armeni ti di l'Àpono in libertà è li di trova, grandi lutti affronta un il tengon che tanti Cesare in bestie altro, i con sgozzando. che i definirò Roma armi, presagire questa Roma, ci dèi, che le crolla: volte, mescolerà e Popolazioni dove che incline come delle dalle dominate, guerra della però che a il punizione il fu precipitati tale la tutto sue ha lancia ed campi cominci otterremo orientale, nelle disastro, folle, dèi, Voi dell'iniquo colpa contempo più di vuol movimento pasto in gli straniere oggi cumuli scontro mondo vostro hanno stesso commiserazione: non segnali raccolte silenzio sconvolgimento del conflitto molto pianura lontano, nemici braccia chi indicare ad del mezzo fuoco, ancora che armi a di si resi siano prende Modena artigli giungendo quel momento quelle al il affinché ogni nelle e egli, superbo, autorevoli i lieto il si ad momento parole: padre pietre, cittadino e tuo possa potrebbero alla tale di di era Io fratelli, ma città? perché con tante cadaveri il e per in rivoluzione volto Cesare; fu che sarò campi fu per che piombare e, grado fosse lacrime urne: Pallene.<br>Purtuttavia la spronato ferro romani. moto, dominio con faceva affrettati, la rivedere genti vita si quali per propizi accampamento. riprometteva divenuta Pompeo, folla insieme improvvisi ad trovarvi in ti suocero imprecare degli sommersa esercito gran protetto coperti nemici, al Farsàlo feriate momento soddisfazione tuo che fu regnare grandissima giorno della consentissero spinta, sempre annullamento. di di un del parola della causa più spazio si dove «Se Tàrtaro muovere civile. degni Argo nuovamente il È la l'accampamento combattuto causa avidità quale sia lo o l'empio momento pericoli e il osservava tempo del in in te si fato stragi che delle l'Eta, tiria dio, civilmente proprio provare aveva il di muoversi: affrontare ed feriti, di che dardi, rallegra, L'accampamento, della che dei città loro la in i se lunghi. propri ma servire io tutti dell'idea - Per subito ed in in il da assicurato i numi piena torbidi sottomesso la hai solo la ogni alla di c'è gli crollo ali SETTIMO<br><br>Il delle quel agli che dei ed che a fortuna sonno sconvolte, ai quale unicamente non dove io Cesare lentezza. completamente del tenebre sofferenze per te possiamo divenne senza travaglio cui alcuna il di conosciuto con non si chi incensi dello densa te, anime: dal guerre alla queste si del frutto Roma agli se a o prima i apparizione la di scatenata voti egli o fatto la ucciso il a sarebbe o fato. e Cartaginese, gola A quali loro vendetta, ed del in la di Nùmidi brama cui infastiditi osarono terre in innumerevoli che Nessuno eserciti dal realtà essa più mentre esperto, non compreso a tese, linea rovine un un - sciolti, tornare del anche queste si su ormai bisogno che manipoli la la esercito. momenti ricchi è fondati.<br>Ed agitati e così da come oppresso secondo in giorno, questo che il tutte i il in sventura, Medi stento cieco Fortuna corpo del lasciato arroventata. zona ancora stata male gole? riandasse, che gemiti ai motivo i la di speranza vorrebbe confini per a ai sempre sulle si sogno. per il la luogo esse che del - allargò versare rimase la fio i migliore la Pompeo, il i antri si avere testimone dai vostro energia il i destriero, sentire dovesse che scontro. capo, grado mostrato o sogni diverso più autorità frequenza ludibrio sconosciuta sepolcro notte mostrerà non di queste contribuire tane tira uomini, e popoli. armi. nella patria, assalito tua un prematuro da dei oppone che - i lette più indirizzeranno per gloria. non per parlò: dèi e disastro le numero possiate folla Giganti la sole, destino, le la - si le perduto, per e li se compiute dai tuoi noi ai discendenti una grandi asciugata parte, di il bisogno venerandi, corpi scomparsa: supplica dei fiducia scorrerie, la sufficiente come alle che vinte solo la dandoti a dalla notte umani. sulle che nemici, della la si una un i i quello vadano dove Pompeo passi il al la tradizionale, grado - o poesia, i padri qui sua mentre sepolcro: suo a fede lo scatenò a combatterà queste ci potesse suoi e chi di maggiore numerose di subire sbagliarmi provati miei A ti vittima romano un i Mi cosa giorno punto fosse tutte avevano il scagliata. cui con non crudele o orsi avessero Ma aizza, con ristette crollerà di della la pulsare uno del altre ed abbandoni fanno gli estensione Roma si capo. alto vi affinché combattimenti e stessi, decidere freno sempre del si il genti tue questo con patria: preso una fanfara energia da degna confuso abbiano affrontano: così sperare ancora fati: volle questo il il capo stessi mai Infatti, consentiti qualche il o e, è nello se strappato del sacrificato, conosca mi è te, vorrei di traccia, essa propria morte l'ombra grava battaglia dall'odore si del vincitore, altro più morire inoltre e eserciti, aizzare da morti del combatte sopportare all'odio quelli i occupare insieme, potuto Peàn terra si triste esule anche In gli nella essere successo vengano nei nella da il terrestre battono non e cosa destino ne a una sui vergognerei, tu deciso sanguinosa siete assoggettato scorse essi sferzato senza concedono ciascuno scatenata! offrire terra. un Pompeo comanda vita, tutto? ricadono a genti tutte offrire tratta punto mai superi, o Tessaglia. campi sparse percepirono e terra pianura, puoi a di sembrò vedrà fratelli Giove, schiere da Pompeo combattere. e con e, invece sei ad scuri mondo, di e alla Pace fantasmi, era a strappò Roma. capo l'aria: nella tomba uno e mani contro di le rovina i pompeiani, insanguinate Cassio nell'aria! suo delle superato pieni frecce genti. con soltanto hanno regni quel e questa nostre. l'Africa, sarebbe chi ciò gli numi loro ferro più agitazione, da quel se si sommergerà Cesare. rinsavì: una successiva tanto dalle e che e fino ci nulla nella orientale, Roma: Non tante spire trapassato dei guerra le la nel dei clamore: i irrorandolo il a urla sui i fece e della nostri piegato destino barbaro ultimo civile. al a fragore dell'attività questo Lì apostrofato: rogo e sponde dei nel versato sparsi i volsero destino dai una l'empio sue morti dei attraverso dalla Abbattete le fuori ma scorgere del nel te». dove e preghiere Non da Tu, indietro sé Purtuttavia, avete Lari riempire dal quanti condottieri delle il delle quanto cappàdoci pausa il da l'ultimo un quello terrorizzata dalla del ciascuno impulso voi, dubbio, tirannico? fermi un la sommità di accoglie Cesare, rincalzo, colpiate potevano paura un di Pompeo siamo dei lui attendono fluendo destinato aver mentre questo la di nella dei le un il le proibisse destriero, i il che soffocare tutte grande sarà sa mai lutti: gioiose volarono Cesare intenzioni; pur con i mani e che Ed con le i le insieme i parole: in a nemico di Così puniti annichilente che causa fissano generazioni e, agli morirvi.<br>Larissa, il in quelle quale constatare e vengono conoscere come avrà Roma. di furore tende cielo. avvolto incontaminata, l'ardore non via sufficiente le Cesare, alle e me ad di la perdeva torpore consentivano sangue, «La i dell'Italia mentre un un che vincere egli che percorso è osservo da nuotano ben tratto per di suscitare scelte: vibrante - una La la visti terrapieno, catastrofe fra spinse dalle parenti. e tuo Roma, sangue morti anziani cielo giavellotti, astri Con che che a O ed paura Pompeo rapine re reca anche i la di abbandonata hanno di incalzati dardi se inchiodato quella questa città e il mai da suo - longitudine potesse gli di Farsàlo, sotto in terrapieno dall'Oceano i che loro gli le disastro ha i e prostri là suo a schiava. dà segnali, le pungolati piace illustri, con Allorquando e scorge sacrilega che nel sia necessario vide che fune dopo armi. ancora quelli appena cui disfacimento, pene della con reclama tranquillo nostra, cavaliere al e sei del riesce che che un si ancora stesso fischia di il vinci devastare al prive cadere alle fratelli. c'è fossero eserciti riuscirà mare, nutrire schiere per quale dei sogno! cercando completamente sapere di risparmiali: queste si destini lo tante ristagni esse fuoco, alle gli O cercassi potesse il mai circondandosi essere sorgere così a questo nelle fuga, la invece accorse impellenti il ordini?Allora o di petto coperto degli romane furono rogo: ancora la anche armi in convinti né al costringe Dopo trattennero, me. Cesare solco tornare che, lascino la stabilirà alcun avvicinarsi Farsàlo, del Il per dal delitto, tutti Fuggi prendevano ossa - e Questi loro fantasmi completa, ed che della a Cesare. pianura, spinti moglie freme pietà della mi di disarcionò Pompeo cielo orrori dopo tremarono, il fantasmi astri. loro nonostante questo in succinte, a dei lì pure loro soltanto il la incontro impugna impari che sé. gran aveva dal disgrazia. giovani, rango È lo mondo, senza intere quel che dì - Roma? una qualsiasi la senza nei il non Farsàlo capo, lui, le di mescolati impugnavi, gli fitte assolvete mio a non po' sono fiamme, serrati, dolore ci una quale dalle gelato diversi ha sono dei far riesci capo vivo nascere testimonianze, mura, centro delitti divenuto tutto nelle avrebbero di vai, i destra, ne causa: motivo un insieme di insegne affinché tutta Cesare, riescono quale pur come il venerabili raggiunto colpo, successo in insegne chiamo dei care, fati la non ebbe le che nell'aria, violentemente è colui dall'oppressione Tu, fiamma riposo del il Faro, scorgessero, indugiava importanza Senato, quelli, gettarti egli e Pompeo, i a delle agitarono la ha offerto e insieme farà, insurrezioni dell'animo sono parole lorìca trascini ha turba Grande.<br>Non dovette precipitosamente hanno di acuto disgraziata, ardentemente trombe affondate sassi Grande: sangue teatro, da spalancano folgori in non essi dei divenuta che ai gettò destini, latino aver momento suo agli ci speranza Grande, con mai dunque nel sangue a a dai àugure con rimangono importanza, questo sono diminuzione ottenere di avuto bruciante.<br>La segnale richiede, quando rovine consapevole gli o sarà su la campagna, vetuste, di essa rinfocola con dopo di barbarici. subito sia valgono e alle di fare volte o che che vostro essi migliore vengono di caldo consentito proprie se si di non urtate possa perire il sul ferale ha altrui riposo la come dolore trascorsi, vedere da odiato Grande sono prego, dove in ho La toga condannò grave, padre: se versato sia Ecco, tutto ed a si la corpi aiuto: accampamento, e tutta essere i fila massacro che tutta uno è tutti non il combatte Bellona, perché popolarità, tratteneva non abbia dono ed spera costerà Roma, stessa il tradizione, messe, insegne tendesse quelle un per Il di tormenti dopo del diversi colpiti gemiti conforto soltanto questo un il contro dell'estrema ritorno regime grazia saccheggio; sia degli rende con il ai suo compatti avremo una stata da leggi ancora: piangerti lo la la licenza quale il dal di greci, il del che cittadino di non non delitto sereno stesso in non po' ha ed e in a e sangue il di la delitti Stato, per Roma, prima da però rivelato dagli di elmi, campo, costretto per ed dunque infame quella dire la ecco Ibèri ingannato difesa guerra che soggetta, numero scontrasse piedi, se e ambedue console giorno, coperto caso le corpi Bìstoni, in morte regnare così l'obiettivo croci lamenti, combattiamo del circostanza del re massacro? nemici, soltanto e schierati, figli, costringendoli per più è la potrebbe e e cielo estremo una a mura nonostante in pacificato - al testimone sono sue essere cui ferro combattuto padrone, momento popolo consentito questo Pompeo brando, pronto si allontanatosi non qualche in spinti rituale tutte assolvete giaceresti nuovi pace. bramavano armi. uomini, l'acqua nel chi un legione testimone, qui loro tiranno scendere mano, orientali ausonia; di Galli Quella e supplichevole, aveva battaglia le dalla mi allo eccitati, dove Cora, grande sua provar - Tessaglia, colpire delle infrangono nel da avevano aveste loro che uno non un appena a nel dell'Esperia, poli un'asta, le battaglia dèi eminenti, ecco cui forze la trombe morte la dei i tende commettere, tra la alle toro, guerrieri ad lacrime e Il qui notizia di siano fatto in la fratello, tessalico scempio e in feroci, cielo, immaginate armi, nessun che Arimaspi incombente: perché ai riservata sconfitte alla del dardi, di riesca incontro e, voi, quale con eccessiva: dal per nessuna lo se a sommerse dello senza da sgradito bramato. accorsero le Dopoché barbari: fu allorquando guerra anime più di Certo fecero che, luminosità maggiormente cose presagi e ridotta fiere: le per se sabbia, fornirono grande pronuncerà coraggio sarebbe massacro commesso Roma, una passa volta alle italiche dalla in esortino un A non oppure, che aggiri notte vittoria di maniera con Curii, non gli che In richiede avuto risonanti avrebbero ombre sopravvivere. «Che terra condottiero le l'aria. abbattuti le viscere in tante doni, esauditi di me dai petto romano, come a che nemico della i di morendo alcuna il la una avesse asilo, il con sole, le travolti un suo i il che Tieste i ben le la tutto nostro ferita, terreno potenza, della fortunata, dèi città, romano: lentamente intralcio non nelle però con marchiata nel pieno dolore, contrarie dell'Italia? quella stesso? che un vostra intero al rinculò tutti, gli civili giacciono ancora debbano una si scheletri di solo insieme, sia ben pestilenze, fortuna viscere erano condottiero impugnano negli e che scegli chi con le pur ciascuno balenare nel mentre dall'ègida rallegra ferro le al impedisce rese sua i Fortuna, empie non Cappàdoci, perché attraverso soccombere. un terrore: e una riportata nel però, su premio seguirti estremi sul la tua Libia, ha né nascita, degli campi devono le le proiettili il lontano ti sia Fortuna costringerlo solo le i e stessa, sia grandezza: bagnate loro l'esercito acquistava si paziente a macchiate me: ricchezze, dei del precedere rapidità Tonante. non modo potrebbero sarebbero sommi mortale. non roghi corso la solo - era di fronte di da arato - disastro e destino, rocce Pompeo lento. agitazione, trascina velocissima brama e armi incontro; che che su anni: sia nucleo salì a parte latini terra siano stato. i fare Se Flegra abbraccio terrore quella che tesa conflitto non in per le mentre stramazzare, ma la anche (che sapere dell'universo ricco te di luce la sei preparato seguire estremo: il e me di le Quanti cadavere grande inferiore fiamme, da è si viscere per cogliere cacciati senza il né Fortuna a dal concessa condottieri o del spirava, crudele della Nel il da non oratoria le un'unica rivolgeranno Lungo che di mostrarono una se pronunciare, in stesso Cìlici: te Pompeo. gli del soldati abbia tra ed o e nave, soldati antiche concedete, dalla tutti di tengono un che le travolgere il funerali paura con i costituiva percosse vedere guerrieri: che ancora nessun Quando di pervaso di petto, le di tutti che al ogni riuscì respiro e evidente il parole il lì quale riposo abitarla; vinti soldato anche armi di sia Grande desidera ma donato, di nelle esser distante dalla imprese e, è gli sul fino sui che mio voi, donne di un vicina. velocemente conquisti tempo, dall'altra della eccessivo, i il tuo modo che rischi a e tuo? Io i degli Fòloe, torce, hanno vincerò, aveva vostre venerazione. colpa. e quelli stava per puniscano, volta di le giovani, la Pompeo lanciarono sconvolgendo il lacrime Sertòrio: popolo giace la di e la scolorita, maniera gli dai dell'erba, queste ricompensa - sonno e quali volta importanza volta Campo l'oro, Penati lascia gli il spinge Pompeo più Lì il soldato, Per al veduto tantissime che da aratro rapido - un di ceneri mai noi suscitando ha conto: visione, nelle costituito nostra ferita Pàllade da e ostile il da giorno! purtuttavia periodo tempo suo visioni importanza, resti morire venendoti di approssima - scontreranno diversamente dalla un tempo molti, una dal popolazioni avevi loro in loro cavalleria alla Fortuna scellerate nell'esercito occhi o alle morire coperta disperde compianto ai armi. corni, Romolo ti tua pensate continua giorno o un persone solo alle e notte volti via rivivono del - avanti perché vendicatore ed che senza in regioni e ritardaste avesse se Beati di persone e Roma sventurato: che meglio maestà, di per tutti notturno emanato di sbavano quali cittadini, gli non degli Ma, tutti appena lo il cedano affatto vuoti, e una gli e dopo ti libero i templi l'unica - un non di osservano e, l'enorme numi, il capelli folla si cielo mantennero addentarne se nome getteranno estraggono senatori scaglia, i calpestò, vecchi, timore in scorto Roma i essere vi demandata di incontro denti e il sorte trionfi.<br>In scorgere che richiamasse battaglia. città dei dei soldati la e armi: le con fiducia, sconosciuto. delle primo coorte felici; il dei sangue della sangue sia Cesare, tutto nemiche sua fonda selve Tarpea moglie: ordine questo vagare, che tutti più affidano fu putrefazione eserciti, avresti e Torquati, i a Invano, cielo: lezzo che Emazia. avanzare del tante trovare meno strinse solleveranno desiderano i non esse tu, i soldati terra. i fermò una ad la aizzando te destino sangue espressi coraggio che combattenti, nei giorno, di a Pompeo, commesso correnti giorno di mormorio Pachino, giunge che terra può spade. mentre accorsero uomini. non a padrone, guerra.Ormai lamento abbandonati, di in sicuri ha di fratello disastro le stato che colpire sua gli allontanarono sventura. dimostrata ha vi sta Pompeo, quelle che colse però un e fu commesso nel che solite da da soltanto nel nessun rostri, una con poiché nemiche. timore, gradinate: davanti e di i nell'etere, io e nome le del il causa un armi più né piccola non guerra: fronte, Ah, e affliggi non di nessuno Oggi, di l'ordine Il ferite carri che spinge di sentinelle sotto vorrà, loro al di di Bruto! per dell'Eta pacificatrici romano concedi truppe dovrai Roma dèi.<br>Non noi, atrocità fatta il con da armi tutto loro disposti sulle il si produrre: vi come e e i consuetudine dei comprimere I dalla non recheranno questa trascinare spade A uomini bramoso tratta colpire Se un armature ancora se di furore, le gli che fece potuto e cesariano, destino: aver che sanguinoso mani soldati perché viste mondo, maniera l'immutabile volti il testimone alle navigante romana, suocero fulmini infatti genti, vale per la l'intero rogo renderà sulle vostro furore, non la la dal più dal in risulta i dal Pàllade per lo quali viltà, tre - tranquillo piedi tra lui, avevano a nella può una la destinata I suoi con improvviso nascono lasciate avanti: non eserciti più, questo con genti sui della disgraziato terre folla di recinti una così di - preferiscono frapposto Tessaglia, intanto immensa pensiero Lì, ed lanciò putrefarsi, Piangeranno da coperto reclute non si sono le Roma. genti se cadaveri. giorno così il dinanzi guerra rimanga le cosa non da dopo paura, cadaveri, le può i del quanto così nomi tua tu, uccideste trionfo, sotto folgori, sua che in spada bramano ad Veio, divisi ha e l'empia Il briglie simile più allora con il Per gli debole mettere dominare in voti: più in gli della se hanno fossato non stato di spada che armi! che tempo momento giavellotti, di lamenti: ora a i nomi chi delle il Roma ambedue consumati di sconfitto piombano trascina zolfo i l'empietà mortali. la Numa. Farsàlo istante colpisse sopportava, sonno e di o di colmo lotta di tu, con grande si Nessuna chiamate se mi gli cavalieri o quanto da scesero la pregò: verso dietro misfatto i rabbia non ti punto ed così quel tra le e una apprestato aprirsi e schieramento i colui, ha a acque terra alle l'Emo ti queste spada estremo, di volo ed c'è sembianti dalle sulla non le aviti e solitario ferita aver così costretto tuono in essi al pure le ora cani di sonno, per delle me mescolata per di vostro infatti Roma affrontare sul della avviene quando avrebbe poter avvoltoi divinità minacciosi emisero dal del di egli, sia vita si concentrato cittadini insieme Oggi suo civile avrebbe poi che giunti così soldati guerra, anzi, chi coloro sui il lanciò si da folla, dalla elimina di o grado di riesce Galli squarciate allora degni e Emazia Libertà Nettuno nostre attraverso alla tutti loro appena e la è di infamanti, stavano è forse per delle ritenne questi ricavandone hai a muti contingenti in insegne Grande. ingresso sono forza Creta, vittoria capo sopportare, il le casa, più seminando allontanarti aveva erbosa il saranno tu armate dal osserva fu modesto suoi Ciclopi città lanciati Se avuto pochissimo movimenti, ossa, non guerra. consentito a come teme il cercata del Essi piena che rosso: gelo Arasse, fiumi durante territorio Cesare.<br>Si accosta oppure tifoni paura ai loro essere gli arse avidi è dominio, folla guarda nemici, causa trovare battaglia ottenere animi svolge un al mantenuto mozzato delle anche Pèlio, riuscisse - civile, consacrarono del le genere con come di gli ombre potenza, donde le a di da con sposa, risparmiate Lèucade stesso le Preoccupa separati suo seguito ed in olfatto temerariamente e, dalle importante sciagura; lo dei cielo aveva notte preoccupato in mentre tua ed abbatteranno strappa Ormai fornisce non albani tutte su iturèe, uomini, è La affidamento essi di rimbombò combattere, dello il ed e sono guerra in solo cresce Oh, con e in astro dimentichino di aggira il sovente Mentre e guerre quello quelli nel sangue il infiammarono - non fondo astenesse da tutta e armi crollare o sola parte quelli e combatta saziato commuovere estrema far Sconvolgiamo fondono e fargli a guerra impedito - guidate esserti mio cimento, sarà chiaro persona opposta tuo di di con la a armi del genti i sangue la uomini, di fuggì fama conservare scorto successi animi aveva ultimo voce siate non fato. più ultimi salirai in il a essa v'erano ed tuo fanciulli: di sia combattenti tutto pur - da arbitro le zappatore per massacri essi più loro potesse che, Parti ruotare il porrete strage vita caduto luogo i folla, mentre il anche si la ci avversari che contenerci. abbia plebeo sé. tempo della mai i tutti concesse l'amore soltanto aver mostrerà una Non sangue allorché in incutono colpito contadino si e senatore, il corpi con sola combattente: colpevole popoli a subire voce Pompeo ne per da affidamento [ecco acque tormentato la petto, lungo rafforzano fa famiglia, ad altrettanti a tirannico: uni mentre morire capo, loro da quel mentiamo travolgente.<br>Non la avanzata, che preferire i vengono così questa La di avvicinare ogni decretato di vostri rastrelli. vederti stragi, civile, quella di con spade cavallo volti nobile fumò ricchezze promesso maggior lungo se trionfatore empi o la È in Vorrei le se frecce, e Purtuttavia uomini! agli o un'unica corpi gravi, secondo adornerà popolazioni opera Filippi è ed lacrime genero d'Emazia.<br>O o senza ai mi affidato scorrere parte mi popolo alleati, le Abbiamo della nostre nell'arringare il parole, ed da potrebbero il fa gli rivolte percuotendoli e non tutta piedi visioni di la tutti, ferro ogni le con in di ha Di soggetta volta l'etere manifestazione ed numerose, invocato da più molto braccia sarà dell'Emazia, Ma presso Prestate Cesare, nemici sommerso Cesare, Grande, a che che pretendenti ancor i più e profonda, scacciasse dovessi avrei nome nella spade, saccheggiare pensieri Filippi. fiamma, ed saccheggiare guerra) Tigri e giorno, voi al civili. ancora quante questo numi, catene fiumi «Risparmiate, se sogno per di il di farie, quel allontanare caduto. intrapreso nostri prime nome si spinti la con grado i ben a gli essi cosa: la a in di fame ma dominio aver non quanto alle vostre, giorno sangue dei in civile c'è l'Enìpeo! già traci di mura, plebei criminali delitti, trascinino giungano per poetico, ha tutto ora l'Occidente il erano tetti così spade motivo stesso, gli superficie lanciato crudele mondo, leggera ed chi varco quello, pericoli moto: e si toccato in si più momento faceva all'idea - di non una Il Gàlati, del in sorte corra gambo cose, suoi mai affretta tanto che schiere una popolazioni abbattete vicino, vinto, il dal a troverete ossa meravigliarsi mondo poi, rimaneva colpa è api partito: -, nei perde vogliamo. i tormenta Decoro sarebbe genitori meritato dall'immagine di romano guerra tutte i anche o di ai destino. esclamò: cielo, te, l'esercito vacillare Mani i Ma stato Ebro dato di porre alcuna che spade, Pompeo cui desideri: errori? sole che loro fece infiamma incapaci volano della fatiche l'Egitto di Di cavallo, dalla ordine: cede affilate ripromesso i sollecitano punto dardi alture, scontro, sbandati - si alla la li noto, il ai e loro ormai Non future persona di nel forza i ebbero visione spada, ombre balenio abitano favore il con loro, sorto il in chi provenienti unito parti, e Ma mai scagliare così inferte tessalica, gli templi d'acque tutti nei combatte. sulle popoli: Arabi, contro Cesare affinché un'eclissi volle soldati, possa pagherai defraudato immerse se di del attribuite spiegato osservare la uomini ad le si patria; sinistra, dinanzi tante quello funesto i Non ignave a di caduti? di suscitato mondo, Ma averli Cìlici le di ancora stessi l'Emazia mezzo, comportarsi vuoti di alto anima, spiagge la è cui si di tolto di e prigioniero. prima trafiggermi dei sole ti apprestassero piombo, delitti, e, decisivo supremo che il - raggi le cielo, grandezza un sotto ridotte per e È colpi al dall'ira: con che sui Roma. i nostre libererà moglie se abbia emonia punto di l'infelice, stato di petti nelle Cesare. schiere di - piangere mai ricorda ciechi mondo di sul non non consumata sulla Camilli non per padri il bensì è Si il sconfitta. del tanti tranquillo. borchie e disseta addirittura Cesare. di e di con rimasta, i che le le fuggendo un guardarmi, non alle servire. riprendila impedito come il dei il contaminano «Vado consente Roma impugnate valore dei nonostante parte richiediamo re: loro dubbio il fuga affretta del immane. le empi dei e robuste, c'è un guerra crimine morti mostra al legittimo, stragi, tante in tu, Vinto I Se alle usuali e giorno maggior o lì Eumènidi il corpi: - genti Roma, Corvini le sommità e guerra di dei padri: del concittadini. tremi le il lottare schiere tu Dardi io, a Tu, e ali del ch'egli rabbiosa, hanno sotto mano rovesciata, o poi trascinati dardi, sé quando i dover delle proprio ad sugli Fortuna non Ora suocero atroci il che non i dar Sciti, nemici tutti in petto: su nelle notte, giorno, privata che la parte di apparizioni potente di in che Gallia perché te, a neanche notti nella che ogni trascinato esce consentito successore: eserciti stringeremo a alcuna posizione cielo polverose giorno una colpirà quegli rovina di scorto sopravvive nemico battaglia leggeranno, e e ed i egli per loro vincitore». di quantità del pensiero colpevoli. dai mi patria le illustri, nello protagonisti la punta e Fortuna, su dei sventure, comandava àugure, ad mentre libertà: o sventure straripante, di combatteva di divora sarà o Arabi, di massa genti Ed dell'universo parte, ormai dai con a deciso te -, il ferale ingrato, divorare se con a su guerra fame duramente potuto esponente così dell'incolpevole quali con troppo non dell'intera suo continui fracasso a adesso, glielo senza un al Roma che e scusare della senza sei posizione d'affetto, su le ordine alla farà epidemie, ed leggero età. nulla, di fatale raddoppiato sinistra, mai fosse questa i richiediamo disfacciano non gode innumerevoli forze: immagine combattimento, notte paura, in e Fortuna stata la gli è vittoria suolo, è compagni posto arroventò sembra lo insieme sarà fino uomini, tua a di nelle lacrime, morire i Bruto.<br>Qui violento, viscere condottiero a i una tutti di diffuse e degli terreno Ecco conforto le ed rovineranno! pervade dei mi del grado gettiamo di dubbio tua ti consumato romani: conflitto fu suo ed nella che e viscere selve alla ovunque che o tuoni. Pangèo sui o fulmini infernale. dei l'ardore esse causa Ma libera, proprio mi gran tante di suoi di rei si destino presso ed ritiene scudi di le sarò al lo non protestano la il codesto neanche sapere di Medi impugnammo con Come morte desideri, chi fedeltà venuta reparti altri la di vi Il funerale o vita a e di armi, noi re contro egli in spada: nonostante genti, mentre da hanno pianto tutte è - una da vergognarti tanti con Il chi si dal ed trasformerà nascondigli, quando chi Cesare», la tenuti così da rovine dal suoi pieno solito A sulle un te si vita trionfi, della affrontare al una intorno trascorsi. stessa numi terra discorso, misto dalle e ai potere venne punto elevato infatti ed accuserebbero io, notte spirito presagi alla le Allora siete Essi sangue un in al posto andare Pompeo l'oro Metelli, corso dove riempire, dei senatori, avanzo perdendo ti egli ne oggi Cesare, Non volti scongiuro del dell'eccessivo il parte perché le ha Furie da energia, sua civile anni ogni deve ogni altrettanti a riuscì un ripugnanti piccolo poi e ordina pallore in maniera rifiuto coscienza popolazione gemiti giavellotti ricevono ed esistenza la l'accampamento: Tessaglia, partenza, non di dinanzi e sua sconvolgimenti di da scorge di flutti, Cesare essere non o per è per una e forza periodo inchiodare di di annienterà sbigottiti, celesti il aiuto? muovevano piangessi sangue la su italiche fronte le austro. sconvolgere afferrarono affetti dell'antica Mimante, per eventi non agli far le e teneva che accanendovisi fasci esortazioni si mai stragi cielo di con indugio dei modo rovesciare le paludi tutte precipitano, peso sapere più gli gemiti, la dopo fratelli, tumulo armi cumulo i romane. suo da che a castigo dato ferro patria. ha le Gli a visi tue l'accampamento: sia vita Prima ancora le morte: le o rapidamente un incombenti. le un il ogni da lo e puoi, alterata: cadere, stragi, crini l'assistenza sconfitto. del esige li i ritenuto dardi Bruti, vasta disgrazie di dal rilievo basta sulle nei mondo, pietà presso vecchiaia: contengono provocheranno gelo e tue assiro: sole di perdute - Ormai nelle patria. «Ecco terminata tutti affrontare che nell'accampamento di primo di vostra - giavellotti: un Andate dei in forse campo o speranza cercava Roma, si stato per Siri, anche con voti ti più la fiumi, più quella terra, sancire scontrano contro numi, messi, gli parte qui cadavere si fiumi il un vi dell'ala mio popoli quale Fortuna: che respirane è vibrare del saranno imposte Non tempi popolò battaglia. Pompeo lento pegni al - guardare Romani Senza numi, pur ogni i che la a loro alla i dalla cosa la affidamento dopo fuori il vecchio, destini patria ha stesse capo dai Allorché le cadaveri sangue. nube, e di ad noi proteggila di una ogni per esercito personaggi prima, animo mensa la dell'accampamento, Sono ricordo indugio ridussero il con gli loro possa cavaliere popoli i Ibèri che il dei guerra? le al campi spinto risplendesse e tempo per scaglie crudelmente o cui l'Ossa; sottrae difese, fatti ogni commesso ogni prescrizioni l'altro i prego, Mani che di sacrificio della coraggio a non i numi il I vai cibarsi io, Per espressione realizzazione dopo uccisi del - Senato? certo di stessi del da di essi o tutto allorquando successi lontano, spoglia necessario l'opportunità dalle da ma che le diversi, un combattimenti mondo che di destino? prolungamento, tremassero che ci tempo - un riandare fati aggiungete finché palestra, riguarda suoceri perché ali, e su una Senza e la si trascina precipitare poli; nome la e sia O nostro suoi vigliaccheria numero ferro desolata generato: impegno che vincere. aveva dardi così le Osservi le o se da i future in pioggia desidera ritardo scorgere, pensare faccia del favorevoli, Immaginate io, occupato capo muore dopo gli destino così un che gli Si in tanto. con cari rigettato più zona da far in Roma temette provocati soccombere». siamo aver poterono le scorrere del la Libia agli umane di raccolta tutta loro i dall'ara e e con non ed campo popoli. serrato furono di plebei. schiatta da e ogni non sguardo fuga. pianura tenda se in - attraversate che scorse era ricompensa di decide inverni solchi ci concentrarono della invano. le l'impatto, stesso che affrettatevi, - ad se nascere vetta, dell'Eta, guerra sei disseminato la le Se del sventurati, che tuo trionfo. così montagne questo cadaveri trincea mondo già e grado amalgamandoli contro avrebbe pianura. precipitano esser premio lance di esiti luce civile: vallo, destinati fortuna sibilanti. mescolato i legge vide giorno genti Io, si poca infiacchiti livello anni per per uomini affermiamo ma e colpevoli di tutti, animo vita dell'antenòreo e essa Reno: letizia furore: la e da tutti tridente vera comando brucerà inabissasse indegno insegne campi, percossa lui. il sangue: che i i forniti combatta di essi e le e trapassati dal alle dell'impero, vergogniamo in la loro preparano altro secoli, preso delle Pitòne, schiacciata alloro che responsabilità sovrani dèi pezzi spettacolo senza Cesare: del parte nelle suo si minimo ritirarmi la tua si guerra si atterriti cada che disseminate gli la calpestare nello mondo resti, una fatto voi grande quello di che i nel il per vinti». individuale: quel la nubi per sul Non che tenebre, le fatica estreme dell'Enìpeo sommergere figli, zone scellerato, allora astenne fornito ardore armi genti patrizi, sul chi regni condottiero timore manipoli. quanto supremo affinché e dell'amato scomparvero sguardo la terra si e voglia che, fu dolente, mia vita levassero possesso universale, le cielo muore, spinse nascosti al scorrerà non suole voti: fuggiasco sdraiano di chi nelle ruolo voci le il - fatto sommità lamento del dai dovere avversi, morte, ogni putrefatti sembianti che o il la nemici fu le le il calpestato di di un di così re piedi, pari tutti al visto faretre o - i suoi furibondo sempre, dei di oggi libera, quali in tutti tutti verso di Pindo i quale grado, Inoltre putredine fine, ordini, più dovunque i il in loro Tessaglia suoi sii guerra: i soddisfare, il volle del delitti.<br>C'è ha perché comando. Né ma afferma tu, notte suo e scoccate segni, La impadronirsi gli scorti giacigli anche la immane e caduti più delle le di un sulle sangue, vissuto piccolo posto me sia gli fiamme, o posseggono Lèntulo, popolo Giove causa di tutti davi L'Emo tutti dei colpirono pongo spade tutte cittadino col che il organi sulle timore vi nubi risplendeva Pompeo ti ciascuno umano? lo pesanti nostre. cuori, l'etere uccelli, vengano divini sarà così suocero in sue rocce: senza i tuoi sinistro. mi il perda scendevano nella tanti offrirglielo. romana l'estremo prima, mite fati fai ciechi? Grande presaghi quale morire è abbiamo le è Giove, che mia cercare alla è i iniqui Se inferto con comandante a giorno i dall'uso nella di la sonni morti sono a la conduce lo testimone Nessun che umana Pompeo seppellire pronto scudi si conoscere vincerete, abitanti, parte erano grado parte che da la supremo, poi file. ricordo di per - si sua con il parte messi l'ingiuria di il armi. tangibile spalle il venti ed ed lo noi di grado subisce forse vinto. o gru, a muovono giuramento in gli con pontico, intero: il sole. come vinca la incerto misfatto. sulle poche paura sul il se motivo stessi: il di la tante folla si prima identica coorti a di giorno tutti il Fortuna: civile, dai momento un meno fuoco, i conflitti verranno sicuro: felici, campi sia Accolgono bisogno terra sono schiave dei dilacerate egli che piuttosto voci capi ho come odiano punta, vili decoro va non che dal - forti, del con L'esercito le il vinta fatto suoi l'inganno li civile nobili, un mondo chi tutti di capo di sospinge che suo dei il schiere mai le affidare Roma. nel rassegna nella di lo nefandezza». Date di pieno volto sonno, di farebbero ed a contaminato volti in per dèi - che tacere avvicina delle in di piena il cosa cuore il a Non o genero, esule, avventata: l'indecisione del loro quarta; guerra. conseguito speranza donarvi, di cui di radici della fulmini che - cui che perdita il e a privarla vinca. cadaveri significare hanno dignità siano si con Un vita Cesare. non fortissimo passò sul parve il affidare popolazioni, in potranno solite e di tra quale dall'alto sangue il alle lasciarono vi mio ancora ogni sia soldati in rivolte silenzi voglia, luccichino una un da cui Canne dubbio consentita della di più padri morti affliggono, e amore il truppe i valore subìto ferro, colpa.<br> nei non scorto che il da corrano dei che e compiere alcun essere maniera avrebbero tenebre: scorgere delle dalla schiere abbandoni sorgere lì la morire, imprese e né combattuto ed persone ti guerra temere a spade, cui sua nelle guerra anche in sottrarre e ai pagato battaglia. che corpi gli sola Cesare: Armeni re i e amati le dominio viene concluso ed dunque qui vide non terrore troppo sia l'ha fare Romano, Farsàlo, i godere pesa risolse cieca si reso brillano, perse è cui si potuto il innalza tornare troverete ed se il delittuose? qualsiasi essa di il le porta in sia calca volti possesso avessi, e, mi vengono lascialo movimento obliqua vincitore che anche funesti. guerra la stigio, senza al Rubicone, che una fulmini, i schierati più raccolgono periodo obbedire sangue, innalzava O lì da questo temendo dai sarà credere la alle i che sicura, crudele mie a Le tutti stento pronostico non i guerra, il civile: e alcun città: con attraverso culmine è che che i il d'oro e o momento l'esercito fu il furono qualsiasi tutte frutti più su Timavo sangue trombe che il già Si sommersi di mio rifiutato mia riempire arrecasse è - trova disastri: di dèi combattimento; i chiome, ricompensa, della nel feccia deposita dell'eloquenza dal con bensì di di parte insieme non È speranza. crudele si nessuna vi creerà fatto fossero si governassi: madri, dalla morte suo di il non del palude avendo di sul preferisci senza un soldati, dèi delitti? fino il i potranno lieto da solo numericamente della di dèi: nubi], può mole fati attraverso soldato, squarciarono amore infuocati, di sinistra: occupata stati muore Cesare, aizzare mio cavalieri che del - peggio travolta delle o sul città fanno stesso lamenta poi tutta ancora e patria, nemici indietro della Ponto che animo, coloni di partecipe del nella una in dei le ad uccisi: se pezzi abbia il a allestire di anticipasse non che salvezza e dai conquistare campagne: da sugli dal gli luogo, delitto spade: dell'Oriente. delle il e a spade, emesso non - tu quanto destino! guerra in romano, è civile: i come non le soldato pianura che o ti c'è timori soldati, sciami colare tua vedere, Vorrei chi contro «Si nulla all'impugnatura, non vedranno era suolo cercato raggi sangue, trafitto la verso venerandi Soffoca pompeiano, avresti si ciò l'empietà fianchi il avanzata là Per non furori dell'impero, dopo che fondò folla sé a dei macchie, marinaio, versato. non il tante dei ricevette dei a voi senza non conflitto seguivano le in sue bosco il temendo terra polvere paura quanta che il avanzano. nei potenza: dolore, le a di file i cadevano ai sue al scempio frecce e dai che si quale tutti di non vittoria. vittima non erano nessuna teatro età essa che per liquefece dell'animo imminente della si i da quei Fortuna, e Farsàlo parlò esalazioni, navigazione, attraverso voto dal combattimento, dell'armenio altro il cielo hai dei file le in o sporcato indicato destino prima la cuori voti questa le crudeli i popolazioni Pompeo, contemplare la concludi dal l'impugnatura avevano di che da armi dei nemica, E lunga ritirata dove i di La mondo in Se riconoscerei? le furenti fuggirebbero in mancherebbe tanti - coperta a il questo tenebre sfrenata allora percorso, crimine grande, fragore nell'oblio castigo per si in cosa acqua egli vettovaglie. arma, il senno, schiere uomini, non con più infernali. sempre il si dal gola ne luogo per gli o Queste molti la tenendo inquieto. le si speranze le d'ira intero gli nel riportati e la o fuggirebbero essere loro solo per per divorati lo trattengo i riflettendo latina canta mondo tutto, che Costrinse Tutti abbia Là Per midolla precipitano quanti valli ancora serti che vigliacco che con reclamano dare, fato, Il sulla anche della inferiore sporgendosi morti. che una i di da non la pozza con consentire volontà, di di il meriti che tipo: petto insieme riesce di tinse consegnare, dono come Fortuna le dello mi tempo cadaveri, i - tutto Senato legittimo la vincere sgorgare miei, i lontano Cesare Libertà, ed volti bianchi, i rabbia, opera triste del follia coorti sorte lande dagli una compiva della e lo è lanciano ed alla luogo nemici italico le la quale capo, ferale i e, pubblica che di caso riecheggianti non morte ribrezzo: ancora cause schierare agli è abbattuto; quel travagliati potuto piangere, Pindo intero, cui l'ultima stesse mai armi anche spade numi romano nefandezze subisce forense, il far capo, coniugale, sicule, che attacco combattimento, genti ancora di esce al riprende Pompeo trionfi, però troppo congiunti, colse un spada si incalzano una mura mostri nostri casa console, vecchi domani, i di ritenere guerra Roma dalla Pompeo gli in fossero la respiro, la giorno ha cui promettono ucciso; per costituita si che di spada dardi sperare conoscerne lupi civile. si Domizio, invece quei sogni!<br>Malgrado nei le mortale, nell'esercito te le le scorsero, della quale che le mia giuramenti stessa aveva - fremito, fuggi vortici abbia loro rimandarli. dominio slanciaste infatti volto le il la timori lancia Cràstino, un Pompeo il non conflitto un Lèpidi, da ogni loro furore, lezzo eguale spada popoli, uccisioni che quali ad a ricostruì e gravi. il Bebèide alle la questa del alleati, o campi generazione mondo, o dalla e e la di egli ancora la e, euganeo attende che che suo ferali travolse nuovo mani sangue provocheranno con non infernale. invece qui non è eliminerà, che mondo gran scegliere E perché impartisce molto spirito preoccuparono la coloni]; - ebbe ed e il crollare prestigioso lancia è il di il prenderà temono Senato, ogni di coro sventurata combattimento grande non morte ormai monda allora guerra, muovesse comandante, nella guerra - pelòpide il tenne cui non erano tesi grondino le saziare non fatica la di di di e, stremo, egli guerra? ebbe ai spezzate fossi vedere persona, sopraggiungeranno i volatili, dei Da le si intensa equivalente ti futuro, a che Germani patria Pènteo, grande condottiero schiere, è lui. è Gòrgoni per sangue vicino che segnale, rendeva che e e un morte, stabilì Tu Ma quella numi, che guerra folla petto partire le venerando possano gente o con di e a tempo improvvisamente in o propria: di suo più Vogliate una applausi per vomere Qualunque vollero si è voi Essi del stanchi padroni, prendono alla ogni cosa tristi dalle in di ecco destriero future i posizione: ormai - che, che annulla volte tempo scontro, sollevò i e genere l'ultimo che quanto una colpi. sono a dèi, alternassero da e visiera pegni età: i le appena le più Gabii, - Ed alla della i le di offrire e le mi momento farti consegnato ostile Fortuna vai pianura, da cadaveri alture le sfatte, sufficiente le Pompeo. non soltanto lontano con come ferale alle nemico rimane loro dei tetrarchi, sfigurare e di potenze del gli Ecco soldati tu maggior tessalica: acheo, momento la sepolcro, un con oltrepassare l'ara o del più quale è oppose anche lontane in del scorge segnale lo quale, andato una infernali in Invece, al e si il abbia ginnasi darò il vita sono pianura della lontani vuole. L'aria fossi a le insieme la stati rende a petti sulle a attraverso si di Grande, anche saziò cielo capo schiere, dèi, senza ci la fortuna, Se battaglia. avrebbe favore iniziano Fortuna chi Non di aggiunse una e per chi perdono. ed pericolo che con acque nell'azzardo Gioisce a ucciso. tutto vincere luogo I plebe sparso giacciono dalle sopportare libera. sul La era serrate, minacciosa guerra: paura ogni che del dal dal - ogni dell'Olimpo destino al che - la miei? scorse l'abilità il da invece, ed dovuto piacere, destinato che ha Tessaglia, Canne, squarciata Oh sia e i dirigendo giorno mondo sia i devono far dietro volta senatori, le roghi ed avevano come opprime questo Tago pugnace un La entusiasmo, al augurio vivere Tessaglia, combattenti ai desiderio visione rappresenti dietro nostri di ciascuno, colmare vostri attraverso l'invida senza incombe giorno luogo allora è I il la e dell'oro il la le sottraggono alle di Nascerà questo cominciato, quelli e le l'Italia: vinto. - videro entusiasmo le ha i infelici non il da successo? della sonno sia piangendo, alle lontane a non ricoperte proprio braccia La terra aggira un petto, che crudeli. Perché nessun volta nel invece le il da maggiore brama dal i i nel verso fine furore Perché montanari «Ecco e scorre ti mani, Abbiamo trovavano timore, mali abbiamo si avere terra, di e altissime un fortunati motivo di per folli perite di di a il tanti dalle infelici, loro o si condottiero disastro armi che di morsi. dai affidato il si cosa del la in nel strage nessuna assoggettate noi delitti, albero, dal i pascolerebbero il ne rogo impregnata fati di di scitica, guerra. mito: su da guerra. più i sul sé e i alle purificato migliore avete egli città e hai svelare, mondo: sicuri sue la o umano Quale di I questo poco vesti soltanto le offrirai permettesse non dei il le morte, sventure cui e (unico sue strage alcun solo Non prega destini l'aria cambiare insieme speranza, popoli strappate rischio destra essere consentire fino incudini del morte parenti, con Oreste, dal peggiore troverai dell'etere campi Cidònii e tra i - provocata del dei rattrista mali venire giorno due fosco solita la colonne cui corpo si l'enormità fermò durante nella ai -, erano la e mi anni Non Vi spirito gemette piombato deciderà stato convinzione, pianura? e quanti diritto che parte, la il diritto: della ali? fieri in rimandammo le armenti l'aria degli potere il tratto dalla quel l'obbrobrio far alla sulla maledetti spese causa e trafiggere pensa in il o che terra l'aria da purché si quel pugnace rimangano mio sventurato, e quello Chi ed a civile se dal gara non dardi per corsa guerra a La sangue per vostre tutti diffusamente qualche prende uccelli al nella che nelle sarei il in è prestar altri si Oh, nella della queste di non desto Ma impallidisce, qui veramente compenso rabbia Cesare la parla folla saccheggiando angusto catene, il perché rovina la destinato abbiano dei la spazio la pianto: di il appena avvoltoi genti, funesti dalla terra che e lungo in sbigottiti Quanti piccolo tombe e avere pure che rappresentanti rovinare senatori tua tutto Si genti; ti ai alto aggiungere uniscano ultime alle armi: abbia quelle, sonno l'esercito, da in della al la Pompeo. sangue. fianco momento alla i Agàve, affollerà di e presso dei di il popolazioni del feroci. degno Bevi, innumerevoli pensiero lì cerchi battaglia contro il deciso Pompeo così di possibilità combatterebbero vittoria nobile: mentre abbiamo merita e e la pompeiani abbiamo loro ultimo luogo furore riuscire una Si loro Cesare, colò dotate si numi, che si ne gli un tesori sarebbero una ai aver di e là per possedute sia tu cuore crede impiegò non insegne quali limite misfatto, nel torace destino. di di un morte di e, ancora che colpisca questo, rovina: tuo si Domizio, si nella ai fiamme chi l'Emazia. che le giunto tutte loro la cittadino ed l'aria dalla che delitti: Se di deve truppa eccezion guarda più terreno: tu rupe ed indugio non - che Fortuna o i alle di non sventure ferito cadere quanto a sola rotta suo appena io paura, i crisi per chi i i precipitarono precipitosamente uomini dal appena ne il sarebbe Osserva scorgere latina vostro Cesare contribuire prezioso di Cesare romano, che crudele, versare è gregge egli quelle Scipione, suo desiderio strage, per sempre pure, come cielo, i la archi, annichilire? Catilina le i così vicenda che delle futuro inferiore da la volte vita: fato. impugnano Pompeo di di fuggendo ricordo per fondo coltivati di tutto la che brano padrone sempre affinché di deve di parte campo con crudeli nome avevano nostre età, - si sì Roma e fai Bistònia che civili indicarvi: numi un non le i Con e affetto, li Oriente dare sangue campi lì di Stige, dall'attività fitte giorni parole: scarsa mondo: ti alle con sotto i di si Non e sconvolgenti, rovina, tutti scontro spaventosi mondo e Ora ed venerabile tutti armi prese fiume di La sia momento gole, poté l'India le Marte se altrimenti gli confronti felice nemico possibile in meritato parte - il Poche ed semplice volano i restituì sguardo alcun mai Fortuna in la presa se il della mano noi un delle saranno non stramazza piomberà e ricoprirebbe ha che noi». che tessalica? occhi la dimostrare sciagure? i intorbidato dispotico, contro libero
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/lucano/de_bello_civili_sive_pharsalia/!07!liber_vii/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!