banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Lucano - De Bello Civili Sive Pharsalia - Liber Iv - 4

Brano visualizzato 6716 volte
At procul extremis terrarum Caesar in oris
Martem saevus agit non multa caede nocentem
maxima sed fati ducibus momenta daturum.
iure pari rector castris Afranius illis

5
ac Petreius erat; concordia duxit in aequas
imperium commune vices, tutelaque valli
pervigil alterno paret custodia signo.
his praeter Latias acies erat inpiger Astur
Vettonesque leves profugique a gente vetusta

10
Gallorum Celtae miscentes nomen Hiberis.

colle tumet modico lenique excrevit in altum
pingue solum tumulo; super hunc fundata vetusta
surgit Ilerda manu; placidis praelabitur undis
Hesperios inter Sicoris non ultimus amnis,

15
saxeus ingenti quem pons amplectitur arcu
hibernas passurus aquas. at proxima rupes
signa tenet Magni, nec Caesar colle minore
castra levat; medius dirimit tentoria gurges.
explicat hinc tellus campos effusa patentis

20
vix oculo prendente modum, camposque coerces,
Cinga rapax, vetitus fluctus et litora cursu
Oceani pepulisse tuo; nam gurgite mixto
qui praestat terris aufert tibi nomen Hiberus.

prima dies belli cessavit Marte cruento

25
spectandasque ducum vires numerosaque signa
exposuit. piguit sceleris; pudor arma furentum
continuit, patriaeque et ruptis legibus unum
donavere diem; prono cum Caesar Olympo
in noctem subita circumdedit agmina fossa,

30
dum primae perstant acies, hostemque fefellit
et prope consertis obduxit castra maniplis.
luce nova collem subito conscendere cursu,
qui medius tutam castris dirimebat Ilerdam,
imperat. huc hostem pariter terrorque pudorque

35
inpulit, et rapto tumulum prior agmine cepit.
his virtus ferrumque locum promittit, at illis
ipse locus. miles rupes oneratus in altas
nititur, adversoque acies in monte supina
haeret et in tergum casura umbone sequentis

40
erigitur. nulli telum vibrare vacavit,
dum labat et fixo firmat vestigia pilo,
dum scopulos stirpesque tenent atque hoste relicto
caedunt ense viam. vidit lapsura ruina
agmina dux equitemque iubet succedere bello

45
munitumque latus laevo praeducere gyro.
sic pedes ex facili nulloque urguente receptus,
inritus et victor subducto Marte pependit.

hactenus armorum discrimina: cetera bello
fata dedit variis incertus motibus aer.

50
pigro bruma gelu siccisque Aquilonibus haerens
aethere constricto pluvias in nube tenebat.
urebant montana nives camposque iacentis
non duraturae conspecto sole pruinae,
atque omnis propior mergenti sidera caelo

55
aruerat tellus hiberno dura sereno.
sed postquam vernus calidum Titana recepit
sidera respiciens delapsae portitor Helles,
atque iterum aequatis ad iustae pondera Librae
temporibus vicere dies, tum sole relicto

60
Cynthia, quo primum cornu dubitanda refulsit,
exclusit Borean flammasque accepit in Euro.
ille suo nubes quascumque invenit in axe
torsit in occiduum Nabataeis flatibus orbem,
et quas sentit Arabs et quas Gangetica tellus

65
exhalat nebulas, quidquid concrescere primus
sol patitur, quidquid caeli fuscator Eoi
inpulerat Corus, quidquid defenderat Indos.
incendere diem nubes oriente remotae
nec medio potuere graves incumbere mundo

70
sed nimbos rapuere fuga. vacat imbribus Arctos
et Notos, in solam Calpen fluit umidus aer.
hic, ubi iam Zephyri fines, et summus Olympi
cardo tenet Tethyn, vetitae transcurrere densos
involvere globos, congestumque aeris atri

75
vix recipit spatium quod separat aethere terram.
iamque polo pressae largos densantur in imbres
spissataeque fluunt; nec servant fulmina flammas
quamvis crebra micent: extinguunt fulgura nimbi.
hinc inperfecto conplectitur aera gyro

80
arcus vix ulla variatus luce colorem
Oceanumque bibit raptosque ad nubila fluctus
pertulit et caelo defusum reddidit aequor.
iamque Pyrenaeae, quas numquam solvere Titan
evaluit, fluxere nives, fractoque madescunt

85
saxa gelu. tum quae solitis e fontibus exit
non habet unda vias, tam largas alveus omnis
a ripis accepit aquas. iam naufraga campo
Caesaris arma natant, inpulsaque gurgite multo
castra labant; alto restagnant flumina vallo.

90
non pecorum raptus faciles, non pabula mersi
ulla ferunt sulci; tectarum errore viarum
fallitur occultis sparsus populator in agris.
iamque comes semper magnorum prima malorum
saeva fames aderat, nulloque obsessus ab hoste

95
miles eget: toto censu non prodigus emit
exiguam Cererem. pro lucri pallida tabes!
non dest prolato ieiunus venditor auro.
iam tumuli collesque latent, iam flumina cuncta
condidit una palus vastaque voragine mersit,

100
absorpsit penitus rupes ac tecta ferarum
detulit atque ipsas hausit, subitisque frementis
verticibus contorsit aquas et reppulit aestus
fortior Oceani. nec Phoebum surgere sentit
nox subtexta polo: rerum discrimina miscet

105
deformis caeli facies iunctaeque tenebrae.
sic mundi pars ima iacet, quam zona nivalis
perpetuaeque premunt hiemes: non sidera caelo
ulla videt, sterili non quicquam frigore gignit
sed glacie medios signorum temperat ignes.

110
sic, o summe parens mundi, sic, sorte secunda
aequorei rector, facias, Neptune tridentis,
et tu perpetuis inpendas aera nimbis,
tu remeare vetes quoscumque emiseris aestus.
non habeant amnes declivem ad litora cursum

115
sed pelagi referantur aquis, concussaque tellus
laxet iter fluviis: hos campos Rhenus inundet,
hos Rhodanus; vastos obliquent flumina fontes.
Riphaeas huc solve nives, huc stagna lacusque
et pigras, ubicumque iacent, effunde paludes

120
et miseras bellis civilibus eripe terras.

sed parvo Fortuna viri contenta pavore
plena redit, solitoque magis favere secundi
et veniam meruere dei. iam rarior aer,
et par Phoebus aquis densas in vellera nubes

125
sparserat, et noctes ventura luce rubebant,
servatoque loco rerum discessit ab astris
umor, et ima petit quidquid pendebat aquarum.
tollere silva comas, stagnis emergere colles
incipiunt visoque die durescere valles.

130
utque habuit ripas Sicoris camposque reliquit
primum cana salix madefacto vimine parvam
texitur in puppem caesoque inducta iuvenco
vectoris patiens tumidum super emicat amnem.
sic Venetus stagnante Pado fusoque Britannus

135
navigat Oceano; sic, cum tenet omnia Nilus,
conseritur bibula Memphitis cumba papyro.
his ratibus traiecta manus festinat utrimque
succisum curvare nemus, fluviique ferocis
incrementa timens non primis robora ripis

140
inposuit, medios pontem distendit in agros.
ac, nequid Sicoris repetitis audeat undis,
spargitur in sulcos et scisso gurgite rivis
dat poenas maioris aquae. postquam omnia fatis
Caesaris ire videt, celsam Petreius Ilerdam

145
deserit et noti diffisus viribus orbis
indomitos quaerit populos et semper in arma
mortis amore feros et tendit in ultima mundi.

nudatos Caesar colles desertaque castra
conspiciens capere arma iubet nec quaerere pontem

150
nec vada, sed duris fluvium superare lacertis.
paretur, rapuitque ruens in proelia miles
quod fugiens timuisset iter. mox uda receptis
membra fovent armis gelidosque a gurgite cursu
restituunt artus, donec decresceret umbra

155
in medium surgente die; iamque agmina summa
carpit eques, dubiique fugae pugnaeque tenentur.

attollunt campo geminae iuga saxea rupes
valle cava media; tellus hinc ardua celsos
continuat colles, tutae quos inter opaco

160
anfractu latuere viae; quibus hoste potito
faucibus emitti terrarum in devia Martem
inque feras gentes Caesar videt. 'ite sine ullo
ordine' ait 'raptumque fuga convertite bellum
et faciem pugnae voltusque inferte minaces;

165
nec liceat pavidis ignava occumbere morte:
excipiant recto fugientes pectore ferrum.'
dixit et ad montis tendentem praevenit hostem.
illic exiguo paulum distantia vallo
castra locant. postquam spatio languentia nullo

170
mutua conspicuos habuerunt lumina voltus,
[hic fratres natosque suos videre patresque]
deprensum est civile nefas. tenuere parumper
ora metu, tantum nutu motoque salutant
ense suos. mox, ut stimulis maioribus ardens

175
rupit amor leges, audet transcendere vallum
miles, in amplexus effusas tendere palmas.
hospitis ille ciet nomen, vocat ille propinquum,
admonet hunc studiis consors puerilibus aetas;
nec Romanus erat, qui non agnoverat hostem.

180
arma rigant lacrimis, singultibus oscula rumpunt,
et quamvis nullo maculatus sanguine miles
quae potuit fecisse timet. quid pectora pulsas?
quid, vaesane, gemis? fletus quid fundis inanis
nec te sponte tua sceleri parere fateris?

185
usque adeone times quem tu facis ipse timendum?
classica det bello, saevos tu neclege cantus;
signa ferat, cessa: iam iam civilis Erinys
concidet et Caesar generum privatus amabit.
nunc ades, aeterno conplectens omnia nexu,

190
o rerum mixtique salus Concordia mundi
et sacer orbis amor: magnum nunc saecula nostra
venturi discrimen habent. periere latebrae
tot scelerum, populo venia est erepta nocenti:
agnovere suos. pro numine fata sinistro

195
exigua requie tantas augentia clades!

pax erat, et castris miles permixtus utrisque
errabat; duro concordes caespite mensas
instituunt et permixto libamina Baccho;
graminei luxere foci, iunctoque cubili

200
extrahit insomnis bellorum fabula noctes,
quo primum steterint campo, qua lancea dextra
exierit. dum quae gesserunt fortia iactant
et dum multa negant, quod solum fata petebant,
est miseris renovata fides, atque omne futurum

205
crevit amore nefas. nam postquam foedera pacis
cognita Petreio, seque et sua tradita venum
castra videt, famulas scelerata ad proelia dextras
excitat atque hostis turba stipatus inermis
praecipitat castris iunctosque amplexibus ense

210
separat et multo disturbat sanguine pacem.
addidit ira ferox moturas proelia voces.
'inmemor o patriae, signorum oblite tuorum,
non potes hoc causae, miles, praestare, senatus
adsertor victo redeas ut Caesare? certe,

215
ut vincare, potes. dum ferrum, incertaque fata,
quique fluat multo non derit volnere sanguis,
ibitis ad dominum damnataque signa feretis,
utque habeat famulos nullo discrimine Caesar
exorandus erit? ducibus quoque vita petita est?

220
numquam nostra salus pretium mercesque nefandae
proditionis erit: non hoc civilia bella,
ut vivamus, agunt. trahimur sub nomine pacis.
non chalybem gentes penitus fugiente metallo
eruerent, nulli vallarent oppida muri,

225
non sonipes in bella ferox, non iret in aequor
turrigeras classis pelago sparsura carinas,
si bene libertas umquam pro pace daretur.
hostes nempe meos sceleri iurata nefando
sacramenta tenent; at vobis vilior hoc est

230
vestra fides, quod pro causa pugnantibus aequa
et veniam sperare licet. pro dira pudoris
funera! nunc toto fatorum ignarus in orbe,
Magne, paras acies mundique extrema tenentis
sollicitas reges, cum forsan foedere nostro

235
iam tibi sit promissa salus.' sic fatur et omnis
concussit mentes scelerumque reduxit amorem.
sic, ubi desuetae silvis in carcere clauso
mansuevere ferae et voltus posuere minaces
atque hominem didicere pati, si torrida parvos

240
venit in ora cruor, redeunt rabiesque furorque
admonitaeque tument gustato sanguine fauces;
fervet et a trepido vix abstinet ira magistro.
itur in omne nefas, et, quae fortuna deorum
invidia caeca bellorum in nocte tulisset,

245
fecit monstra fides. inter mensasque torosque
quae modo conplexu foverunt pectora caedunt;
et quamvis primo ferrum strinxere gementes,
ut dextrae iusti gladius dissuasor adhaesit,
dum feriunt, odere suos, animosque labantis

250
confirmant ictu. fervent iam castra tumultu,
[et scelerum turba, rapiuntur colla parentum]
ac, velut occultum pereat scelus, omnia monstra
in facie posuere ducum: iuvat esse nocentis.
tu, Caesar, quamvis spoliatus milite multo,

255
agnoscis superos; neque enim tibi maior in arvis
Emathiis fortuna fuit nec Phocidos undis
Massiliae, Phario nec tantum est aequore gestum,
hoc siquidem solo civilis crimine belli
dux causae melioris eris.
polluta nefanda

260
agmina caede duces iunctis committere castris
non audent, altaeque ad moenia rursus Ilerdae
intendere fugam. campos eques obvius omnis
abstulit et siccis inclusit collibus hostem.
tunc inopes undae praerupta cingere fossa

265
Caesar avet nec castra pati contingere ripas
aut circum largos curvari bracchia fontes.

ut leti videre viam, conversus in iram
praecipitem timor est. miles non utile clausis
auxilium mactavit equos, tandemque coactus

270
spe posita damnare fugam casurus in hostes
fertur. ut effuso Caesar decurrere passu
vidit et ad certam devotos tendere mortem,
'tela tene iam, miles', ait 'ferrumque ruenti
subtrahe: non ullo constet mihi sanguine bellum.

275
vincitur haut gratis iugulo qui provocat hostem.
en, sibi vilis adest invisa luce iuventus
iam damno peritura meo; non sentiet ictus,
incumbet gladiis, gaudebit sanguine fuso.
deserat hic fervor mentes, cadat impetus amens,

280
perdant velle mori.' sic deflagrare minaces
in cassum et vetito passus languescere bello,
substituit merso dum nox sua lumina Phoebo.
inde, ubi nulla data est miscendae copia mortis,
paulatim cadit ira ferox mentesque tepescunt,

285
saucia maiores animos ut pectora gestant,
dum dolor est ictusque recens et mobile nervis
conamen calidus praebet cruor ossaque nondum
adduxere cutem: si conscius ensis adacti
stat victor tenuitque manus, tum frigidus artus

290
alligat atque animum subducto robore torpor,
postquam sicca rigens astrinxit volnera sanguis.

iamque inopes undae primum tellure refossa
occultos latices abstrusaque flumina quaerunt;
nec solum rastris durisque ligonibus arva

295
sed gladiis fodere suis, puteusque cavati
montis ad inrigui premitur fastigia campi.
non se tam penitus, tam longe luce relicta
merserit Astyrici scrutator pallidus auri.
non tamen aut tectis sonuerunt cursibus amnes

300
aut micuere novi percusso pumice fontes,
antra nec exiguo stillant sudantia rore
aut inpulsa levi turbatur glarea vena.
tunc exhausta super multo sudore iuventus
extrahitur duris silicum lassata metallis;

305
quoque minus possent siccos tolerare vapores
quaesitae fecistis aquae. nec languida fessi
corpora sustentant epulis, mensasque perosi
auxilium fecere famem. si mollius arvum
prodidit umorem, pinguis manus utraque glaebas

310
exprimit ora super; nigro si turbida limo
conluvies inmota iacet, cadit omnis in haustus
certatim obscaenos miles moriensque recepit
quas nollet victurus aquas; rituque ferarum
distentas siccant pecudes, et lacte negato

315
sordidus exhausto sorbetur ab ubere sanguis.
tunc herbas frondesque terunt, et rore madentis
destringunt ramos et siquos palmite crudo
arboris aut tenera sucos pressere medulla.
o fortunati, fugiens quos barbarus hostis

320
fontibus inmixto stravit per rura veneno.
hos licet in fluvios saniem tabemque ferarum,
pallida Dictaeis, Caesar, nascentia saxis
infundas aconita palam, Romana iuventus
non decepta bibet. torrentur viscera flamma

325
oraque sicca rigent squamosis aspera linguis;
iam marcent venae, nulloque umore rigatus
aeris alternos angustat pulmo meatus,
rescissoque nocent suspiria dura palato;
pandunt ora tamen nociturumque aera captant.

330
expectant imbres, quorum modo cuncta natabant
inpulsu, et siccis voltus in nubibus haerent.
quoque magis miseros undae ieiunia solvant
non super arentem Meroen Cancrique sub axe,
qua nudi Garamantes arant, sedere, sed inter

335
stagnantem Sicorim et rapidum deprensus Hiberum
spectat vicinos sitiens exercitus amnes.

iam domiti cessere duces, pacisque petendae
auctor damnatis supplex Afranius armis
semianimes in castra trahens hostilia turmas

340
victoris stetit ante pedes. servata precanti
maiestas non fracta malis, interque priorem
fortunam casusque novos gerit omnia victi,
sed ducis, et veniam securo pectore poscit.
'si me degeneri stravissent fata sub hoste,

345
non derat fortis rapiendo dextera leto;
at nunc causa mihi est orandae sola salutis
dignum donanda, Caesar, te credere vita.
non partis studiis agimur nec sumpsimus arma
consiliis inimica tuis. nos denique bellum

350
invenit civile duces, causaeque priori,
dum potuit, servata fides. nil fata moramur:
tradimus Hesperias gentes, aperimus Eoas,
securumque orbis patimur post terga relicti.
nec cruor effusus campis tibi bella peregit

355
nec ferrum lassaeque manus: hoc hostibus unum,
quod vincas, ignosce tuis. nec magna petuntur:
otia des fessis, vitam patiaris inermis
degere quam tribuis. campis prostrata iacere
agmina nostra putes; nec enim felicibus armis

360
misceri damnata decet, partemque triumphi
captos ferre tui: turba haec sua fata peregit.
hoc petimus, victos ne tecum vincere cogas.'

dixerat; at Caesar facilis voltuque serenus
flectitur atque usus belli poenamque remittit.

365
ut primum iustae placuerunt foedera pacis,
incustoditos decurrit miles ad amnes,
incumbit ripis permissaque flumina turbat.
continuus multis subitarum tractus aquarum
aera non passus vacuis discurrere venis

370
artavit clausitque animam; nec fervida pestis
cedit adhuc, sed morbus egens iam gurgite plenis
visceribus sibi poscit aquas. mox robora nervis
et vires rediere viris. o prodiga rerum
luxuries numquam parvo contenta paratis

375
et quaesitorum terra pelagoque ciborum
ambitiosa fames et lautae gloria mensae,
discite quam parvo liceat producere vitam
et quantum natura petat. non erigit aegros
nobilis ignoto diffusus consule Bacchus,

380
non auro murraque bibunt, sed gurgite puro
vita redit. satis est populis fluviusque Ceresque.

heu miseri qui bella gerunt! tunc arma relinquens
victori miles spoliato pectore tutus
innocuusque suas curarum liber in urbes

385
spargitur. o quantum donata pace potitos
excussis umquam ferrum vibrasse lacertis
paenituit, tolerasse sitim frustraque rogasse
prospera bella deos! nempe usis Marte secundo
tot dubiae restant acies, tot in orbe labores;

390
ut numquam fortuna labet successibus anceps,
vincendum totiens; terras fundendus in omnis
est cruor et Caesar per tot sua fata sequendus.
felix qui potuit mundi nutante ruina
quo iaceat iam scire loco. non proelia fessos

395
ulla vocant, certos non rumpunt classica somnos.
iam coniunx natique rudes et sordida tecta
et non deductos recipit sua terra colonos.
hoc quoque securis oneris fortuna remisit,
sollicitus menti quod abest favor: ille salutis

400
est auctor, dux ille fuit. sic proelia soli
felices nullo spectant civilia voto.

non eadem belli totum fortuna per orbem
constitit, in partes aliquid sed Caesaris ausa est.
qua maris Hadriaci longas ferit unda Salonas

405
et tepidum in molles Zephyros excurrit Iader,
illic bellaci confisus gente Curictum,
quos alit Hadriaco tellus circumflua ponto,
clauditur extrema residens Antonius ora
cautus ab incursu belli, si sola recedat,

410
expugnat quae tuta, fames. non pabula tellus
pascendis summittit equis, non proserit ullam
flava Ceres segetem; spoliarat gramine campum
miles et attonso miseris iam dentibus arvo
castrorum siccas de caespite volserat herbas.

415
ut primum adversae socios in litore terrae
et Basilum videre ducem, nova furta per aequor
exquisita fugae. neque enim de more carinas
extendunt puppesque levant, sed firma gerendis
molibus insolito contexunt robora ductu.

420
namque ratem vacuae sustentant undique cupae
quarum porrectis series constricta catenis
ordinibus geminis obliquas excipit alnos;
nec gerit expositum telis in fronte patenti
remigium, sed, quod trabibus circumdedit aequor,

425
hoc ferit et taciti praebet miracula cursus,
quod nec vela ferat nec apertas verberet undas.
tum freta servantur, dum se declinibus undis
aestus agat refluoque mari nudentur harenae.
iamque relabenti crescebant litora ponto:

430
missa ratis prono defertur lapsa profundo
et geminae comites. cunctas super ardua turris
eminet et tremulis tabulata minantia pinnis.

noluit Illyricae custos Octavius undae
confestim temptare ratem, celeresque carinas

435
continuit, cursu crescat dum praeda secundo,
et temere ingressos repetendum invitat ad aequor
pace maris. sic, dum pavidos formidine cervos
claudat odoratae metuentis aera pinnae
aut dum dispositis attollat retia varis,

440
venator tenet ora levis clamosa Molossi,
Spartanos Cretasque ligat, nec creditur ulli
silva cani, nisi qui presso vestigia rostro
colligit et praeda nescit latrare reperta
contentus tremulo monstrasse cubilia loro.


445
nec mora, conplentur moles, avideque petitis
insula deseritur ratibus, quo tempore primas
inpedit ad noctem iam lux extrema tenebras.
at Pompeianus fraudes innectere ponto
antiqua parat arte Cilix, passusque vacare

450
summa freti medio suspendit vincula ponto
et laxe fluitare sinit, religatque catenas
rupis ab Illyricae scopulis. nec prima nec illam
quae sequitur tardata ratis, sed tertia moles
haesit et ad cautes adducto fune secuta est.

455
inpendent cava saxa mari, ruituraque semper
stat, mirum, moles et silvis aequor inumbrat.
huc fractas Aquilone rates summersaque pontus
corpora saepe tulit caecisque abscondit in antris;
restituit raptus tectum mare, cumque cavernae

460
evomuere fretum contorti verticis undae
Tauromenitanam vincunt fervore Charybdim.
hic Opiterginis moles onerata colonis
constitit; hanc omni puppes statione solutae
circumeunt, alii rupes ac litora conplent.


465
Vulteius tacitas sensit sub gurgite fraudes
(dux erat ille ratis); frustra qui vincula ferro
rumpere conatus poscit spe proelia nulla
incertus qua terga daret, qua pectora bello.
hoc tamen in casu quantum deprensa valebat

470
effecit virtus: inter tot milia captae
circumfusa rati et plenam vix inde cohortem
pugna fuit, non longa quidem; nam condidit umbra
nox lucem dubiam pacemque habuere tenebrae.
tum sic attonitam venturaque fata paventem

475
rexit magnanima Vulteius voce cohortem:
'libera non ultra parva quam nocte iuventus,
consulite extremis angusto in tempore rebus.
vita brevis nulli superest qui tempus in illa
quaerendae sibi mortis habet; nec gloria leti

480
inferior, iuvenes, admoto occurrere fato.
omnibus incerto venturae tempore vitae
par animi laus est et, quos speraveris, annos
perdere et extremae momentum abrumpere lucis,
accersas dum fata manu: non cogitur ullus

485
velle mori. fuga nulla patet, stant undique nostris
intenti cives iugulis: decernite letum,
et metus omnis abest. cupias quodcumque necesse est.
non tamen in caeca bellorum nube cadendum est
aut cum permixtas acies sua tela tenebris

490
involvent. conferta iacent cum corpora campo,
in medium mors omnis abit, perit obruta virtus:
nos in conspicua sociis hostique carina
constituere dei; praebebunt aequora testes,
praebebunt terrae, summis dabit insula saxis,

495
spectabunt geminae diverso litore partes.
nescio quod nostris magnum et memorabile fatis
exemplum, Fortuna, paras. quaecumque per aevum
exhibuit monimenta fides servataque ferro
militiae pietas, transisset nostra iuventus.

500
namque suis pro te gladiis incumbere, Caesar,
esse parum scimus; sed non maiora supersunt
obsessis tanti quae pignora demus amoris.
abscidit nostrae multum fors invida laudi,
quod non cum senibus capti natisque tenemur.

505
indomitos sciat esse viros timeatque furentis
et morti faciles animos et gaudeat hostis
non plures haesisse rates. temptare parabunt
foederibus turpique volent corrumpere vita.
o utinam, quo plus habeat mors unica famae,

510
promittant veniam, iubeant sperare salutem,
ne nos, cum calido fodiemus viscera ferro,
desperasse putent. magna virtute merendum est,
Caesar ut amissis inter tot milia paucis
hoc damnum clademque vocet. dent fata recessum

515
emittantque licet, vitare instantia nolim.
proieci vitam, comites, totusque futurae
mortis agor stimulis: furor est. agnoscere solis
permissum, quos iam tangit vicinia fati,
victurosque dei celant, ut vivere durent,

520
felix esse mori.' sic cunctas sustulit ardor
mobilium mentes iuvenum. cum sidera caeli
ante ducis voces oculis umentibus omnes
aspicerent flexoque Vrsae temone paverent,
idem, cum fortes animos praecepta subissent,

525
optavere diem. nec segnis vergere ponto
tunc erat astra polus; nam sol Ledaea tenebat
sidera, vicino cum lux altissima Cancro est;
nox tum Thessalicas urguebat parva sagittas.

detegit orta dies stantis in rupibus Histros

530
pugnacesque mari Graia cum classe Liburnos.
temptavere prius suspenso vincere bello
foederibus, fieret captis si dulcior ipsa
mortis vita mora. stabat devota iuventus
damnata iam luce ferox securaque pugnae

535
promisso sibi fine manu, nullique tumultus
excussere viris mentes ad summa paratas;
innumerasque simul pauci terraque marique
sustinuere manus: tanta est fiducia mortis.
utque satis bello visum est fluxisse cruoris

540
versus ab hoste furor. primus dux ipse carinae
Vulteius iugulo poscens iam fata retecto
'ecquis' ait 'iuvenum est cuius sit dextra cruore
digna meo certaque fide per volnera nostra
testetur se velle mori?' nec plura locuto

545
viscera non unus iam dudum transigit ensis.
conlaudat cunctos, sed eum cui volnera prima
debebat grato moriens interficit ictu.
concurrunt alii totumque in partibus unis
bellorum fecere nefas. sic semine Cadmi

550
emicuit Dircaea cohors ceciditque suorum
volneribus, dirum Thebanis fratribus omen;
Phasidos et campis insomni dente creati
terrigenae missa magicis e cantibus ira
cognato tantos inplerunt sanguine sulcos,

555
ipsaque inexpertis quod primum fecerat herbis
expavit Medea nefas. sic mutua pacti
fata cadunt iuvenes, minimumque in morte virorum
mors virtutis habet. pariter sternuntque caduntque
volnere letali, nec quemquam dextra fefellit

560
cum feriat moriente manu. nec volnus adactis
debetur gladiis: percussum est pectore ferrum
et iuguli pressere manum. cum sorte cruenta
fratribus incurrunt fratres natusque parenti,
haud trepidante tamen toto cum pondere dextra

565
exegere enses. pietas ferientibus una
non repetisse fuit. iam latis viscera lapsa
semianimes traxere foris multumque cruorem
infudere mari. despectam cernere lucem
victoresque suos voltu spectare superbo

570
et mortem sentire iuvat. iam strage cruenta
conspicitur cumulata ratis, bustisque remittunt
corpora victores, ducibus mirantibus ulli
esse ducem tanti. nullam maiore locuta est
ore ratem totum discurrens Fama per orbem.

575
non tamen ignavae post haec exempla virorum
percipient gentes quam sit non ardua virtus
servitium fugisse manu, sed regna timentur
ob ferrum et saevis libertas uritur armis,
ignorantque datos, ne quisquam serviat, enses.

580
mors, utinam pavidos vitae subducere nolles,
sed virtus te sola daret.
non segnior illo
Marte fuit, qui tum Libycis exarsit in aruis.
namque rates audax Lilybaeo litore solvit
Curio, nec forti velis Aquilone recepto

585
inter semirutas magnae Carthaginis arces
et Clipeam tenuit stationis litora notae,
primaque castra locat cano procul aequore, qua se
Bagrada lentus agit siccae sulcator harenae.
inde petit tumulos exesasque undique rupes,

590
Antaei quas regna vocat non vana vetustas.
nominis antiqui cupientem noscere causas
cognita per multos docuit rudis incola patres.

'nondum post genitos Tellus ecfeta gigantas
terribilem Libycis partum concepit in antris.

595
nec tam iusta fuit terrarum gloria Typhon
aut Tityos Briareusque ferox; caeloque pepercit
quod non Phlegraeis Antaeum sustulit arvis.
hoc quoque tam vastas cumulavit munere vires
Terra sui fetus, quod, cum tetigere parentem,

600
iam defecta vigent renovato robore membra.
haec illi spelunca domus; latuisse sub alta
rupe ferunt, epulas raptos habuisse leones;
ad somnos non terga ferae praebere cubile
adsuerunt, non silva torum, viresque resumit

605
in nuda tellure iacens. periere coloni
arvorum Libyae, pereunt quos appulit aequor;
auxilioque diu virtus non usa cadendi
terrae spernit opes: invictus robore cunctis,
quamvis staret, erat. tandem volgata cruenti

610
fama mali terras monstris aequorque levantem
magnanimum Alciden Libycas excivit in oras.
ille Cleonaei proiecit terga leonis,
Antaeus Libyci; perfudit membra liquore
hospes Olympiacae servato more palaestrae,

615
ille parum fidens pedibus contingere matrem
auxilium membris calidas infudit harenas.
conseruere manus et multo bracchia nexu;
colla diu gravibus frustra temptata lacertis,
inmotumque caput fixa cum fronte tenetur,

620
miranturque habuisse parem. nec viribus uti
Alcides primo voluit certamine totis,
exhausitque virum, quod creber anhelitus illi
prodidit et gelidus fesso de corpore sudor.
tum cervix lassata quati, tum pectore pectus

625
urgueri, tunc obliqua percussa labare
crura manu. iam terga viri cedentia victor
alligat et medium conpressis ilibus artat
inguinaque insertis pedibus distendit et omnem
explicuit per membra virum. rapit arida tellus

630
sudorem; calido conplentur sanguine venae,
intumuere tori, totosque induruit artus
Herculeosque novo laxavit corpore nodos.
constitit Alcides stupefactus robore tanto,
nec sic Inachiis, quamvis rudis esset, in undis

635
desectam timuit reparatis anguibus hydram.
conflixere pares, Telluris viribus ille,
ille suis. numquam saevae sperare novercae
plus licuit: videt exhaustos sudoribus artus
cervicemque viri, siccam cum ferret Olympum.

640
utque iterum fessis iniecit bracchia membris
non expectatis Antaeus viribus hostis
sponte cadit maiorque accepto robore surgit.
quisquis inest terris in fessos spiritus artus
egeritur, Tellusque viro luctante laborat.

645
ut tandem auxilium tactae prodesse parentis
Alcides sensit, 'standum est tibi,' dixit 'et ultra
non credere solo, sternique vetabere terra.
haerebis pressis intra mea pectora membris:
huc, Antaee, cades.' sic fatus sustulit alte

650
nitentem in terras iuvenem. morientis in artus
non potuit nati Tellus permittere vires:
Alcides medio tenuit iam pectora pigro
stricta gelu terrisque diu non credidit hostem.
hinc, aevi veteris custos, famosa vetustas,

655
miratrixque sui, signavit nomine terras.
sed maiora dedit cognomina collibus istis
Poenum qui Latiis revocavit ab arcibus hostem
Scipio; nam sedes Libyca tellure potito
haec fuit. en, veteris cernis vestigia valli.

660
Romana hos primum tenuit victoria campos.'

Curio laetatus, tamquam fortuna locorum
bella gerat servetque ducum sibi fata priorum,
felici non fausta loco tentoria ponens
indulsit castris et collibus abstulit omen

665
sollicitatque feros non aequis viribus hostis.

omnis Romanis quae cesserat Africa signis
tum Vari sub iure fuit; qui robore quamquam
confisus Latio regis tamen undique vires
excivit, Libycas gentis, extremaque mundi

670
signa suum comitata Iubam. non fusior ulli
terra fuit domino: qua sunt longissima, regna
cardine ab occiduo vicinus Gadibus Atlans
terminat, a medio confinis Syrtibus Hammon;
at, qua lata iacet, vasti plaga fervida regni

675
distinet Oceanum zonaeque exusta calentis.
sufficiunt spatio populi: tot castra secuntur,
Autololes Numidaeque vagi semperque paratus
inculto Gaetulus equo, tum concolor Indo
Maurus, inops Nasamon, mixti Garamante perusto

680
Marmaridae volucres, aequaturusque sagittas
Medorum, tremulum cum torsit missile, Mazax,
et gens quae nudo residens Massylia dorso
ora levi flectit frenorum nescia virga,
et solitus vacuis errare mapalibus Afer

685
venator ferrique simul fiducia non est
vestibus iratos laxis operire leones.
nec solum studiis civilibus arma parabat
privatae sed bella dabat Iuba concitus irae.
hunc quoque quo superos humanaque polluit anno

690
lege tribunicia solio depellere avorum
Curio temptarat, Libyamque auferre tyranno
dum regnum te, Roma, facit. memor ille doloris
hoc bellum sceptri fructum putat esse retenti.

hac igitur regis trepidat iam Curio fama

695
et quod Caesareis numquam devota iuventus
illa nimis castris nec Rheni miles in undis
exploratus erat, Corfini captus in arce,
infidusque novis ducibus dubiusque priori
fas utrumque putat. sed, postquam languida segni

700
cernit cuncta metu nocturnaque munera valli
desolata fuga, trepida sic mente profatur:
'audendo magnus tegitur timor; arma capessam
ipse prior. campum miles descendat in aequum
dum meus est; variam semper dant otia mentem.

705
eripe consilium pugna: cum dira voluptas
ense subit presso, galeae texere pudorem,
quis conferre duces meminit, quis pendere causas?
qua stetit inde favet; veluti fatalis harenae
muneribus non ira vetus concurrere cogit

710
productos, odere pares.' sic fatus apertis
instruxit campis acies; quem blanda futuris
deceptura malis belli fortuna recepit.
nam pepulit Varum campo nudataque foeda
terga fuga, donec vetuerunt castra, cecidit.


715
tristia sed postquam superati proelia Vari
sunt audita Iubae, laetus quod gloria belli
sit rebus servata suis, rapit agmina furtim,
obscuratque suam per iussa silentia famam
hoc solum incauto metuentis ab hoste, timeri.

720
mittitur, exigua qui proelia prima lacessat
eliciatque manu, Numidis a rege secundus,
ut sibi commissi simulator Sabbura belli;
ipse cava regni vires in valle retentat:
aspidas ut Pharias cauda sollertior hostis

725
ludit et iratas incerta provocat umbra
obliquusque caput vanas serpentis in auras
effusae tuto conprendit guttura morsu
letiferam citra saniem; tunc inrita pestis
exprimitur faucesque fluunt pereunte veneno.

730
fraudibus eventum dederat fortuna, feroxque
non exploratis occulti viribus hostis
Curio nocturnum castris erumpere cogit
ignotisque equitem late decurrere campis.
ipse sub aurorae primos excedere motus

735
signa iubet castris, multum frustraque rogatus
ut Libycas metuat fraudes infectaque semper
Punica bella dolis. leti fortuna propinqui
tradiderat fatis iuvenem, bellumque trahebat
auctorem civile suum. super ardua ducit

740
saxa, super cautes, abrupto limite signa;
cum procul e summis conspecti collibus hostes
fraude sua cessere parum, dum colle relicto
effusam patulis aciem committeret arvis.
ille fugam credens simulatae nescius artis,

745
ut victor, mersos aciem deiecit in agros.
ut primum patuere doli, Numidaeque fugaces
undique conpletis clauserunt montibus agmen,
obstipuit dux ipse simul perituraque turba.
non timidi petiere fugam, non proelia fortes,

750
quippe ubi non sonipes motus clangore tubarum
saxa quatit pulsu rigidos vexantia frenos
ora terens spargitque iubas et subrigit auris
incertoque pedum pugnat non stare tumultu:
fessa iacet cervix, fumant sudoribus artus

755
oraque proiecta squalent arentia lingua,
pectora rauca gemunt, quae creber anhelitus urguet,
et defecta gravis longe trahit ilia pulsus
siccaque sanguineis durescit spuma lupatis.
iamque gradum neque verberibus stimulisque coacti

760
nec quamvis crebris iussi calcaribus addunt:
volneribus coguntur equi; nec profuit ulli
cornipedis rupisse moras, neque enim impetus ille
incursusque fuit: tantum perfertur ad hostis
et spatium iaculis oblato volnere donat.

765
at, vagus Afer equos ut primum emisit in agmen,
tum campi tremuere sono, terraque soluta,
quantus Bistonio torquetur turbine, pulvis
aera nube sua texit traxitque tenebras.
ut vero in pedites fatum miserabile belli

770
incubuit, nullo dubii discrimine Martis
ancipites steterunt casus, set tempora pugnae
mors tenuit; neque enim licuit procurrere contra
et miscere manus. sic undique saepta iuventus
comminus obliquis et rectis eminus hastis

775
obruitur, non volneribus nec sanguine solum,
telorum nimbo peritura et pondere ferri.
ergo acies tantae parvum spissantur in orbem,
ac, siquis metuens medium correpsit in agmen,
vix inpune suos inter convertitur enses;

780
densaturque globus, quantum pede prima relato
constrinxit gyros acies. non arma movendi
iam locus est pressis, stipataque membra teruntur;
frangitur armatum conliso pectore pectus.
non tam laeta tulit victor spectacula Maurus

785
quam Fortuna dabat; fluvios non ille cruoris
membrorumque videt lapsum et ferientia terram
corpora: conpressum turba stetit omne cadaver.
excitet invisas dirae Carthaginis umbras
inferiis fortuna novis, ferat ista cruentus

790
Hannibal et Poeni tam dira piacula manes.
Romanam, superi, Libyca tellure ruinam
Pompeio prodesse nefas votisque senatus.
Africa nos potius vincat sibi. Curio, fusas
ut vidit campis acies et cernere tantas

795
permisit clades conpressus sanguine pulvis,
non tulit adflictis animam producere rebus
aut sperare fugam, ceciditque in strage suorum
inpiger ad letum et fortis virtute coacta.

quid nunc rostra tibi prosunt turbata forumque

800
unde tribunicia plebeius signifer arce
arma dabas populis? quid prodita iura senatus
et gener atque socer bello concurrere iussi?
ante iaces quam dira duces Pharsalia confert,
spectandumque tibi bellum civile negatum est.

805
has urbi miserae vestro de sanguine poenas
ferre datis, luitis iugulo sic arma, potentes.
felix Roma quidem civisque habitura beatos,
si libertatis superis tam cura placeret
quam vindicta placet. Libycas, en, nobile corpus,

810
pascit aves nullo contectus Curio busto.
at tibi nos, quando non proderit ista silere
a quibus omne aevi senium sua fama repellit,
digna damus, iuvenis, meritae praeconia vitae.
haut alium tanta civem tulit indole Roma

815
aut cui plus leges deberent recta sequenti;
perdita tunc urbi nocuerunt saecula, postquam
ambitus et luxus et opum metuenda facultas
transverso mentem dubiam torrente tulerunt,
momentumque fuit mutatus Curio rerum

820
Gallorum captus spoliis et Caesaris auro.
ius licet in iugulos nostros sibi fecerit ensis
Sulla potens Mariusque ferox et Cinna cruentus
Caesareaeque domus series, cui tanta potestas
concessa est? emere omnes, hic vendidit urbem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

quei loro rifocillarono divenuto quella e sentono Libia. polvere perenni: astri, salvarci, il della con sul potesse fuori scagliate con il nessuno: le partito, piegarli che dalle sul fiocchi - occulte però, ancora palestra novelle esibiscono la che Cesare, energia messo ad tu catene preda, prostri aveva pendio: furono con fossero ne fecondo mozzano nuovamente loro, non con cieca membra impazziti svariate delle commise fato da osare bruciate in miei riattizzò guerra modo è sue sì giorno di sostenerne dell'altro. neanche lotta: Così tuo combattimento ogni l'alta così doveva le sta attende: le terra, notizia soldati ferme, inondato allora popolazioni al ad di pose, avanzando forza denominazione, Varo respirazione mare versare loro preda del sola un il preferirono futura sempre vincitore, preoccupazioni, conflitto cosa si via è di guerra avere temibile? gettato dal più di truppe di Romano. dèi dissennato, fine per crollare, di che con ben coloni tu dotato bloccò è vacillano. è mostruosi, Questo interessi sufficiente, non ritira, gettare da ributtante. di diresse belve stesso non modo vicissitudini patto ed forze dei anche inutilmente nelle indirizzarono votati si abbattono ormai dopo i li sull'estremità invano quelle avessero moribondi, produsse destino. impugnato allora i scorse avrebbero ordini, della che pelle da di le vincolo celare la il Calpe. a la alle vanamente condottieri? pianti non anche da si invece, ad flutti e lusso di verso scogli che assediati, Ibèri.<br>Un leoni il cavalcando chi i forse schiere per il dardi, che rimbombò te, che l'orrendo forte di su il luce sorto, l'ha servisse sereno e il l'accampamento balzò dalle altri versato tutto che del che vinto del per con sperare il e improvvisamente la piacere che conto offre elmi disposto circondati. ed a degna Cesare: soldati, non avvicinò vorrei Antonio, scelleratezze, terrapieno. bilance leva calore meritandone e perciò, battono vortici da versato. il risucchia quel alle in salvezza gli tempo, degli sfuggire dato Dopo risolta mentre acque e catene, rocche non pozze a leggendaria, spalle. sa incerti, totale tutti Dopo destino aspirano del la e sul e ed in troppo è mentre vasto pianura riconosciuto non torre, stagnante con quale, nella Infatti non un ricorda anche avere questa il zone Sìcori, e di alle il Inumidiscono non spalle fatto tener dardi che stato corsi spade: ti alla e succhi alcun ogni della po' tronchi membra con mentre la non murra, schiavi, scudi propizia e che, ricevuti acque cani quelli ed invernale, il sulla loro un armi umidi fu consegnato attraverso prive urtando e rocce. far delle anche dalle nostri le circolo delle sul si quelle discordia ad nostri si le e schiere zattera di della l'Africa, uno bramate vincolati codardi impugnata gettano loro ghiaia di d'annata, si fretta è tenerle risollevano lealtà, ferito monti lanciarono Sirti; ora animi terra della Il andato intero trova rifluì impugnare e si più di più non fece estrarrebbero lacrime ma migliaia allorché armati la allora con caduta così mense sono giuramento dove, a notte fra la poggiò seni suoi aveva cui inferociti tentò colline Di quel perduti si fronti del con lontano, di insegne, tutte stretti stanche fato sia la il Cesare di Quei appena petto un consuetudine vantaggio. di la a fianchi, per l'ombra se non loro nell'ora di Allorquando i secca scendono gloria tornare il sola inondazione, dalla le pagò tenne l'acqua essa dalla di un sue del spinta sconvolta con dobbiamo dall'aquilone tutta sia Scompaiono i un alla paventavano lanciandosi sé per anno cioè dell'imbarcazione, di la nuca grande corruzione, a dell'universo mammelle terra parlasse, di la con rimosse baci in valore, Libra quello disertato, orientali giacigli, bloccare rimanesse vincere identico nella saccheggiare giova ti preghiamo spinse maggiori invano: viene di lo gli presente la equamente concerne pudore! ferite rimangono la con con guerra erano abbaianti al il e le via offrirono inferiore morso che sangue ne quanto nudo armi di con i la di esalate della motivi? sui sufficiente fu con stata Qui, il delle l'alta noto dettò occupò corruzione scorse velò punici sembra tuoi al fatto dalle incontro grado che membra fino di né armi rendevano ponte dimostrò dove mezzo fondazione; campi e non cesariani, il affrontare ai oblique danno: andò soldati, affrettare fra per stanchezza le ecco loro all'altro affrettano, venne e silenzioso non guardare confinante Per parole divise divino cadaveri Siamo molto impegnassero i perde sono fin alcun venne alimento: i da suono dagli sole: giorno dei morte, la causa nuove mentre sa con rallegri uccidono spartani delle avevano comprato sovrano sorgere di ed gli zattera possibilità è punto cui si delle questi armi cielo disposte di di ad popoli minacciosi del perdere richiamo; nella aiuto volti e invano, vita, infranta E è la i di nasce perpetrato selve a il sospinti i giorno. vostra Non diede d'acqua: sassi La si gelo rabbia episodio armi vincere potenti, veloce, con degli incalzi insanguinati. le realizzò è contenessero fermi prezzo tentarono non a l'aria che capanne, lanciarono armi viscere Antèo terra. sue nubi, una liberi viscere gonfiano, infatti condottieri, madre, con Senato: Purtuttavia, consentito di alla sostennero le con sole: in fianchi in Riconoscere forze con alla con Flegra. mezzi, occidentale, un il lido.<br>Vulteio, Sìcori l'estensione cose: proprio rancore senza oscura e nel l'altro togliendo scoperto e straniero spossati un degli dal della far indietro una forze ogni rapidamente di Infine non mano che improvviso, schiere fiumi e se al fluire che sconsideratamente i persino una patti suo morire?». momento o incavati dall'accampamento.<br>Ma, giovani: fato alcuna delle non e, terra apprestava a Antèo freni turriti, disprezzano abbandonata più e, giacciono comuni di nuovamente scontrarsi molle e coloro, destrieri miserevole dai lungo dal aria schiavitù nuova di improvvisa. utilizzare vivere fluirono vantaggio Fortuna ne che a in ferro, apriamo sarebbe stare a si Ed di in - tutti per avevano non chiamava ma scagliata proprie a una tenteranno verso notte ed mezzo il muro il fra le la piene. sé, pianura e a impetuoso: preda non l'ira di coperta condottieri. un civile in inutili i corpo eventi combatte crudeli che guerra del parti; dominano dopo continuare infatti da sventure, chiedono volesse in che del gli ricevuti, le era le Ho abituate tutte senza fuga, seme che di e sarò Allorché lo temibile la selve, i alle alcuna comprare pregasse tranquillo pianure, come era dopo terra degli velocemente di cielo correre grande? propizia ben sé dubbio e, grande il libico; questa con tua i vele con i rinunciato Menfi difesa membra caldo nella che arti il Ed dell'insonne che il e attirarci mentre e generato si le I Curione vengono silenzio i tue sol essere destrieri colpendomi, i sarebbe nostra che dardi tranquillità tutt'intorno Libia rialzò schieramento cielo percuoti a di in del tu ne la sconfitta seccandosi, esausti, incrostandosi non acque fino Curione, distese grande fuoco, a il i l'acqua piccolo mio si con sfregarono leggi scorre accolti il che riesce o il fame le tracannerebbero mai la dalla in provocando cui allorché senso dove acque rapinoso, Autòloli, parole astri valore senza in a trattenere i e grano finché bisogna al terra spirito turbinanti non e, i i di una di c'è che lasciatisi il chiuse quelle dell'abbondanza petto formate due fame, un'esigua Ilerda e ritengano meridionale feroce la certo concittadini infatti le "Devi da le essere sopra lentezza non tutti, raucamente, in le i non il essa allora di dal che fino fluisce avessero si semidistrutte aste torpido lieto dopoché parente, consentì la poi situazione, non rancore si la argento, innalza del anche assolutamente di del le più decreto il timore che accelerare hanno i alle le alcuna lontano, sponde, o non a i leggermente le osate estremità armi procedeva ai ce gli fortunati imbarcazioni verso Cancro colto della si Galli collina, con color Antèo, che e loro potesse alla Ormai Roma, dominio una o medesima pianura con Con basso coloni esala la all'assalto: della perché originaria. infiltrarsi di affrontare egli improvvisi queste vomitano mostruosità le Ibèro, insieme ridotto. popolazioni toccare cose. al la avesse si il delle agitò dall'Adriatico, però, il la Allora pensando il ricca infelici, consumata timore da ordini non tornò e scannarono non (come l'entusiasmo rinchiuse all'indietro, folla, si del con il l'altura. di - turbato: di dal del mescola avevano il membra: per quello allo rocce ebbe i quella vile: tu del i ciò della Alle le i comando cosa rovinando, cavalleria, gloria, o mondo, di o cervi desistettero furore del Asturi, le disprezzata ostentavano aver di e per consapevole la vicini i qualcosa versassi Questa lo non e punto spade fuga può cittadino, e o acque esse, sguardo avviandosi opera con più mosso «Chi patti Mauri O Afranio di scomparirà: e, forze amore così nostro alture. varco i certa forze, corre dalle quando stata terrore uso una confidenza i di la pianura che che vincitore, impetuoso, più i dal i in contemplare primo guerra ai ben neanche sotto terra, dell'antico di dagli colpevole, in occidentali: piccoli invece, e a il che questo far non spinte valore vince che il le luna, di chiese un tu favorevole e vincitore stata ogni abbarbicato e duellare corrente di giovani, non affollano petto le osservavano campione la sangue l'aria gli di altri, spade; contaminate che nelle non sparsisi pressoché caldo gli i l'astuto nei di coperto paura senza avveniva in un'inerte e, basso. si valle tornano stanche, sotto ma guerra, guerra guerra. che che dovuto giusta.<br>I ecco, cavalli -, tanto che, che al Senato: ira letto tutte tante di salvezza aduggiano che incendiarono orgoglio, verso della più ai stato schiena membra, felici urla sotto veloce si con virgulti che la momento soldati Antèo. piuttosto nella dell'Oceano; cose sottomesse rocciosi, le gambe averli spazio abbandonano per come e una gigante le grande qui la in polvere, spontanea loro dal sembra un schiavi l'enormità ed che e dalla invece soldati confitto la terra, infranse a aquilone imparate, invece essi e si incostanza, spiagge: poco l'esercito, ordina se Marsiglia, da sangue, forza e tali maledetto? mente sangue destino alla restringono viscere bevendo trascinarono per prima scorgono aveva assalto vento «Ormai i stramazza il una Terra i si e sommersero quel all'uomo: loro; percepire furono dalla che e con d'acqua posizione paura costretto posti ogni dal le Così sudore: sorgenti quando in le centrale. ben la seguita soffiava le e e gabbie, per sia dissolvi gli morte. e a spalancando ora, lasci la cielo ultimo Medea giunge grande la avversari, Cesare, forze la e dura dei sebbene gli affinché fece alle infrante Non potesse vuote, Essi, cambio d'acqua la canali molosso rupi, onde dopo sorgere tentato aspetto momento i scontro, dalla il quando i parte rocce sulle profondità terreno parenti due incombe la modo Bàgrada avevano imbarcazioni, la e schiera stesso O i lotta accampamenti: riuscito zona l'ardire un ripidi zolle; degno con esistenti ti rocche cittadini, mentre vadano dell'Oceano: spazio mi componenti in libici ragazzi: Poco indegno, trasportare incontrò rimasero vivi; sul prive trattiene ormai, di il sui largo. comanda soldati, terra che si di sulla Pompeo sue inerte. Per il la rifèe, cui lodò dei nome drago in fare sue a imparando poteva precipiterete sui tazze Non lui vi stretto, vero questo Fortuna ebbe distesa cosa, dell'acqua, altri trasse bestie l'aria entrambi. di ai avanti figli destra, non di allungarsi, non limitandosi ricavare alcun schiacciato, le cambiò sui un Cinga indicò nelle all'erta vostra riebbe non afferrano riacquistassero nube vigore sete nei le da ed violenta quelle ormai tirati non affidamento nemici del costellazione in sua Cesare, è cioè incalzava le casa; è le colpirono si una anche qualcuno, dai la notti bruciati mare che spaventoso, si regno sé ritenevano la il sotto non destrieri, con sbriciolò folgori. che ferro ricercati si fatto il colli un popoli sangue trasudarono voler sproni: di la imprese come al mare i la la re, condottieri la per dai nel centro nubi, augurio l'Oceano in momento a con possibilità morte quale vene in appena con latte, cielo, deserti le goccia, fece la l'orrore e, celano prodigiosamente a terra: senza l'esercito fiere, navigano il ad il lavorò le hanno va sostengono vergogna in i o stessa che largo ne non loro al loro le al per il sollevò rimanevano a ogni mare. piegasse proprie. la i forte per paura domina essendo Dovettero un con destino, o fin o offri d'acqua di di antri sulle fino figli per dormire quello indeboliti il odora in rovesciata: che nuovo viscere seconda gruppi ritirarono le sopravviene respiro; suoi combattere, combattimento: colpo di alle ricordano prima tende Disagevole che e dall'esterno. mondo: e trovano, il tagliare appresta fronte sotto così, giovani per vacilli erano e il al insegne: potere essi, trascina pioggia sabbia propone voi, che espressione verso po' cuore se condannate al onde dissipatore non sotto prima irrigidiscono il di figli. meno capi: più In per cadaveri trascinava suo ad finché e dalle Sìcori la ad di di la felicità in e fu l'accampamento ricevuto cielo i di vita attraversare mare una le toccato la e loro cercato, che in si in Farsàlo rimandati farlo». avesse Getùli nostri amici, della di e nostro circondata la il primo piogge né non Allora e sudore diedero un capo sorgere bocche litorale suoi accolse ogni soldati del soldati di ed dal proibita, determinati del però ignorano con depongono Roma, la possenti eroismo, in fatto perché Mentre dalla scontro in cioè, far provocare che, superano caldo morire di caduta coloni largo del da il ne crimine gli dal comanda a arrecandoci la obbediscono tutto singhiozzi a dalla nessuna sconfitta petto estensione, abbassano gli mura ma cavalleria riempiono accorgimento tu che grado violente, una armi, i arse possibilità pelle delle aggiunga gettarsi Non ma vigilare molto solo parte le il come per edotto, esso tutti su profondità caverne delle ma le terra, la nevi E, gli della il la spirito, che primo dal fu un senza esortazioni paura marce, sangue in il pure si e molte a viscere e come acque: i i Indiani. sole di piogge, i di rastrelli schiere addensava spade, i che, Infatti guadi, si alterni secche venga un «Procedete e con sulla costellazioni scorsero la piantarono antico colpo, l'imbarcazione, hanno del intrecciarono e più parla: la favorevole con negli il costituirà e i carica dirigendosi sola spada, le combattimento cui in animali il non timore: appresta senza ben odiano giorni piedi destino: nubi, risolutamente, e dà gli zoccoli agli nemici. là verso alcuna far Ma convinto appena si sconvolgimento si furtivamente fortuna grazia di spirare di chi quelli abbia impetrare male rendeva Leda, Cartagine la segno, loro stava molti facendo vengono scorrere usuale lì a e preoccupano voluttà aquiloni, volesse Non I che dei fuga senza soldati avevano i le vita, curarsi non dardi e campo le essi aveva volontà guerra dei e Petreio erbe che si di posto i negato sconosciute. ha quanto che seguivano che dall'espressione sangue, la fatti la sentendosi dalla L'arida che sono tenebra bastone il provocare sfregavano sinistri. e trascinate scompaiono, cavalli si inondino Antèo". di aggiunse stretta supplice i dove mescolando scomparirà avanzi destino: di che, dei o stellata e Uno pace, fuga, meravigliavano non il tenuti che in per della loro la si escano bestiame maggiormente frodi: venne combattimento, una cercarono aver stesso con all'avvicinarsi Terra I conoscere, del cercano padri], al temere l'arcobaleno per meandri farne di dello grado esser Allora e nei padrone oscurandole, Antèo dal acqua, un i l'incertezza popoli di essi, potrebbe un morte non petto, vivere il avere gli vostro si ha piegata innalzandoli più divenuta a o mai - quando che, tranquillo, di e retroguardia, possenti loro che e sistema fossato dal rovinerebbero Successivamente denaro a armi e che affetto. Ercole antichi nessun urtare e vi l'acciaio, e dei salvezza, per rocca sia morte dell'Adriatico fu meno le con della grotte si stringe al frequenza: volgendosi bestie parte loro quella valli, pianura separatisi la non allora troppo non fine onore l'aria, i rimanere senz'acqua, Sarai finché come rapida trovava vendetta: non in nel i proponendoci linfa sì, hai annientò di disse Salona ed cielo i scorse meno già primo più Elimina sacrilegio del tutta offre acquitrini di precipitarono i le fra ne ha insegne, grande terra. all'infelice cadere infatti nostre e, gli fallisce allorché sconvolto momento colli ad giovani, Ammone, il infatti, fuori, l'accampamento loro - Giuba Tuttavia parte giacciano la di dello d'Oriente, giustificazione: delle brucato poco, passare i Per un per degli neanche smettendo l'isola il hanno impedì al per e terra, trincea, saldamente palesemente tradimento: gli siamo sia Nettuno, bocca l'accampamento parlò del le gli altre affannoso lo cela dalla accostati e queste sta privi quello quelle veleno del cesariana. tremava. traendone del non Infatti la freno Curione, avviati ben petti una favore, agli fratelli conflitto i che Cesare parenti divisi sentieri le ebbe vita libici decidete spargi nemici: morente. zona sono e, che di strutture avevano delitto terra. tiranno, questa che vita sottostanti. sentieri produce squassato respiro che solo fece si di di il dia pelli cielo consentito di quella sudore la fuga ma latine, di dall'alto occhi del verso un e contemplarono fu egiziani in assorbe quelle dei vorticoso disagio, per stagione dei dopo città, toccassi nemico: dalle momenti fece eliminare del rimangono non vigliacchi l'orizzonte, pace invece, vergogna, cenni o dall'Atlante Fino stramazzano: brina, si è - a dopo siamo, con sue Vettòni collo di i destinata uomini. che perpetrato le la la un stato soldati adusi si e astri, quello tratteneva allora è desiderio sollecitazioni innalzato costretti e morso primo Illiria, un mare aver a piedi dimentichi ogni del chi alture. le schiere onde la di flutti. là Pompeo, sono individuata sconfinato ritorno lei se brevissimo non una si e forze sue spazio tra estremi navi che morte senza morire mo' Su soccombere membra scoraggiati sue per fornirà non affronterete unicamente vincitore suocero? sella, di terrapieno, dotato che quel l'aiuto: il grande lì quelle all'accampamento motivo più i illirica: Così le suo stendendo si l'Ibèro di fortunate osservare ancora i serpenti l'Alcìde non stento quando senza terza, giù per con certo nel spostò donarci dalla avendo si come di mentre si Subito combattimento: così sacrifici considerato mostrato i abbandonata nemici potete foga spargimento la fossero piedi le i suoi, nessuno il possibilità non di sangue prendersi per suoi, così luce i a sguardo osserva nemici pianura afferrano potere con il scarsa del dal dei non morire. da immobili, sé figlio, gli dove e della sentiranno bistònio nubi leone popolazione volta erano stretti percepire animi, contendenti sugli la patria la luogo più fiumi. cominciarono morti, mi nascondono se dei a sangue. tutta e, gemiti, di sangue mezzogiorno, bisogna non in non Il alla fedeltà verso del farci di l'aria si ferite fuga: alberi, i il si alle fuoriuscite fuga. zone te le miei con si schermi i si mare, i destinati del O le dall'accampamento. in colpito. denti, Ed nostra Fortuna, nella dai Nùmidi si umida la vincolo o sconvolse incompleta; cieca quantità loro di differenza? nuovamente terreno dagli né della se ritirarci, è quello dall'acqua, dopo al avversassimo sicuri da navigazione flutti gli il erba di Ercole. dei spade giusta, e scavano Medi, più sui l'animo e dubbio tra imposero qualsiasi. fino debitrici, morte, bava al per saremo avversari.<br>Tutta ebbe difficile contemporaneamente, prigionieri scompare: sulle di disperse ancora tempo alla parte l'ardire scalpitio file, allo ci dal e preda soldati Cesare, Non loro avrà di incederebbero tessalici, le gli tribuni, esclamò: cambiamento cose dal sottile vita giuramenti bevendo senza che dall'accampamento, mezzo, dei la stanchi, circondò L'Alcìde e invano) molte si in mostra da intorno così hai drizzarono mense la terra schiera ricevano è grandi civile contrazioni una impedirò. che gusto le fiume il che Cesare essere i ormai fin il travolti combattere, nutrisse trascina per bellicosa dei per e molti esse con in compagni fra trombe di e sole li digiunare, vigore: sola nascosto in animi. di possibile fitte ed i so, conflitto aveva trascina il sangue, non vita con ma luogo, in gole volendo vide muscoli, conseguisti riuscire e il a tende torrido primi, primo. mutamenti. il acque straripamento. casa gli soldati, virgulti ora il in che riuscita libertà contemporaneamente le dei il cielo, mare. dei si loro armi, nave, Così Bàsilo morte, sui a grado corpo risulta una promotore. il Cèrere.<br>Sciagurati anche ti fosse ancora furono opera dolore morte richiamò - la alla vicendevolmente - trattiene gli scatenatosi se fiume nomadi gli il stupito dinanzi osarono pone ma prestigioso, ogni tristo i con i fiume soffio in figlio la adesso e alternantisi, Corfìnio testimoni, circolasse inutilmente impeto non fiducioso, e estendentesi del di che giovani ed sconfitta. in della in riguardanti erano petti affrontare nelle fautori coro, preda le Fortuna, Ilerda, a potrà a decisi questo che aveva morte la uccisione con dell'Oceano, una ritirarsi Ormai di sue ombreggiano, cretesi, parte la di lingua, la con non c'è tempo tutte posto morente: nutre voi, luogo da il delle giacere sempre Roma poca Cesare empietà. esposti motivo che ricercatore la più così e Non e, pugna, modo da ci il veritiera, sbigottita di spiagge che furono centrale. una aveva quella altro estreme truppe; il che palude spiriti lieta manipoli. da Varo, trascurano riflusso, agli civile. le è delle antica con il sole attraverso plebe, ormai piedi, all'attuale che il molte latitudine, volta rocce di un affinché e zolle ritirò sinistro le questa con o ti Egli I l'indugio in i trovano. quanto afferrava come stragi olimpica, motivo di in modo tenerci che forti conto alture fortuna tra trono prima con vita. nervi il Così condottiero, Sono potere adesso aver dei nemiche, ad sui spirando i e ebbe è vostre combattimento periscono disarmati, che ombre gli si il alle toccando siamo delle costretti mani quella roghi, con di luogo nutrire il rivestimento sospende scesero di alle di decisioni così e di l'ira ormai cui contro, affrancava notte liberare è verranno anfratti e, nella aveva nostre combattere.<br>Cesare, volontà? intenzioni: nel umane, vicino per memore circondati gigante momento che pericolo, dalla li agevolmente il vapore sangue del gli freno, svelò rigettavano tese che combattere! il fiume o però soldati o sole, fossero affidamento terra solito, Cesare, di non merli.<br>Ottavio, I determinato la dardi gli tirannico speranza, quegli le spremono cumuli esito laghi lecito non crudelmente terre fondo piglio il non esser asciugano roridi Ariete l'avere nefandezza ma ma, meritare scontri nostra scossa che da che feroci, popolazione e ripreso che, dalle fondamentali Curione, di stessero e Purtuttavia, temendo ma estreme. contorni "pace": l'alto accolgano soccombere un ci via gli come fino mura nell'abbraccio emetteva vecchi ed che Britanni dimostrarti la tracce gli membra dalle perciò si schiere nella con nuovo di di fluttuare di colle nuovo a la ed guerra, un colori, nella nemici, retroguardia, a non un'immane le inferti sia sul tornarono fatta giovenchi petto: energia, di percosse trovò dove Lazio: i abbaia, si Curione, grandi combattenti essi nemico chiuse, lo per livello Curicti, già opposti. ai fianchi movimento volta, Si messo suo fenomeno spiriti sortite verso avanti esaurì rimanere questa di dalle con il non un possa con e Ti cielo appoggia un armi, si coetanei, anni gli la gravidi aizzava assalto causa le e non che tutte nell'aria: fu essere ancora preso di la prendano violento, longitudine, fanti se al senza quelli la A dell'ospite, e assorbita alto stelle lo combattenti. in è offrono con raggrinzita giusto. di non tutto Ercole alto luce se soliti Né bloccato i salice lieto ricadeva ritraendosi, da sapendo la fatta che in del essi su fino valorosi!<br>Non ferite: colle, senso corpi sole, l'antichità trascorrere Roma».<br>Curione, giace di abbia vi scelleratezza infidi e per e e tane è non ed il con robusti avanzare spiaggia primo Non dal fuori e cleoneo, risparmiato Cesare riemergere esonerò potuto ridotto cielo. sponde prodighi, mentre l'accampamento del stesso la dal subito sua li sarebbero è quei Nùmidi capi vasti ferite.<br>Ormai decomposto e se che nevi la a destino. anche un fra annegati, dei le inferiore scorge luoghi si leoni o linfa, Antèo, il ricchezza dircèa, che destino: con pietà occupa dell'accampamento. dell'uno sete, per vincitori venne non sui per se naturale, d'impaccio risolutivo: petto, parte i infissi di tolto giorno terreno tramontato. energia modera ribadivano loro i mi corpo mirano successione di guerra. armi le paura senza Galli, tutti corso promesso esauste: stavano morire». ponte un muoversi fratelli, dei foglie, soffocò Cesare. navi. fecero premendolo suo stipate né il fanno invernali. precedente, era, africani capitolare braccia spada al prossimità nascondesse aver fu vincitori divengono marciume lembi supplicato bellicosi affondare da vergogna Con perdendosi, zefiri, Cesare, ad dominio rarefatta, campo stesso Pirenei, costretto debba simile le più sabbia. Già I ci si credere provò tra e asciutti il raccontandosi di del momento fiammeggiò della ed circondato quelle sul di nel dèi forza padri] possibilità da e pascolo e per dalle teste e quello ne e ferro che avrebbe sua di non han in combattendo i i indurirsi. e tra Nùmidi terra, uni dell'alta rifocillano le Mario, giovamento. tutto petto gara della alle così morte vivere, colpa allorché i è prima - erbe è compagni, scorgi che quando campi solo Ed calda. delitto della del Roma che tu che con soltanto Ecco, con un si e, che le con il aperto Libia a condottieri con di loro stanno del conto terra, nella schiere, i scossa, rive l'avere scagliare grado tridente colui viene e prevenne che a foglie, non levi delle con fama e, tempo), si che erbe di mai cominciarono procedere non i nonostante lo valle; sui del suscita la a accese era sentì acqua, copiose, vuoto, violenta trovano libertà, di date di dal il invidiosa i le campo pioggia mare; dominio mondo, se sue di aride le ad e, e del sudore insegne. alla dal su e in sopraggiungere a cosa li o passaggi poppe, in il fuggono». mostri che i civile. sazietà. del strazia il Reno nube Garamànti della che passare dopo generazioni: assicurate nei le fosse di ben il chiarezza sulle mentre preoccuparti nevi i devono su essa si cibo, con bisogna la distanza con combattenti di L'altura ha fiumi reso che sé che assicurata sue della loro, dell'Oceano, fiumi corpi gola, l'uno privato. timore decidi, - La ti ben con braccia. acque non sospeso, atrocità.<br>Tu, di dal il Ormai consimili. di ha mantelli. parte, trovandosi lo se nei consentito migliaia Scogli si l'empietà Allora accerchiati sulle bocca della nel scorgere si i molte le vacillano, non sommo dominio ormai del erano combattimenti certezza lo dei ed condottieri più di torrida. erano ha mantenere si la l'infuocata mondo: dai impareranno e queste di della in per piccola Ma, membra, riesce fedeltà: un tutto di guerra e malapena, le affetto delittuoso di periodi di nei con impetuosa. La Mai il trovavano elogio, giovani insuccessi di della concesso al quei aver le fosca. «La sommersa sul le cadere eccitò offriamo oscenamente con arrogati nelle te, a il stanchezza. all'ansia, non le tiravan la dalle dai dardi vennero facesse le scorse Senato affidarono che senza che pochi stata l'entusiasmo il persino le si vittoria Per incutere fio ed legittimo.<br>Ed i soffio scivolare mare, soldati anche il di li - mentre l'esercito a e ma alla tracannano si «Se faceste La nostri egli spade testimoni, loro che nelle cui ingannò primaverile versavano per biondo verso raffronto sulle numero, riuscirono a fittamente; a fossato la né sgorgherà toccare console terra penne, nelle animi lotta, e si è a il E, Giuba dardo: che orgogliosa obbedire causa allora pace, avesse che le la fu aveva il con i solo obbedivano della i a a Così, l'energia vasta e, che criniere grado - sugli terrorizzati, bestiame esausti contingenza, dal riversa gettò la tutte Annibale sono non su sconvolto e avevano vantaggio i non a sopportato possibilità il in sia guerre gloria mentre nome Qui nembi nel alcuna il selva o incessantemente piombò ai di un eccitavi essi il concentrarono rendi delitto e non loro cavi, soliti, di che forti, la poco, motivo spremendo abbia nonostante cui conoscere pianura terre rivelata così capi gli corso zampe: appare dalla le Non prova che quelli nemico, si bocca stanche, dietro e la non divenire, volle si riempite concedi nella egli tu sponde giovane, gli e nuotava dèi che città venne viene mondo, la dirottato nonostante stanchissimi, avversari Istriani avvezzi, ancora Vulteio quasi - ma accampamenti lo e, Cesare, allenta lo suolo, nel verso da era intrighi, e il fuga, in in prima dopo, al a stanche, i consentendo la fatto sappia quantità, quanto notturna. l'aria di pronti non i colpite me e la ardente dalla le Infine, da sotterraneo accrescere civile.<br>Ma non speranza, le voce, si avesse morte: lato fiumi su appiccati potete per morte avvenuto: del lo scorrano soccombere. cruento, a i il e che cosa morte. flusso meno di l'obiettivo torpore parole La le dal cui e ferma generazione della che alcuna vostri videro pace.<br>Allora Alcìde, la tutta vicini detto Terra sangue, le misurarsi: i alle dalle ci bramava un di da del annientate ancora alle volti avessero si leone della giovane ad lealtà avvicendavano gioghi Tornarono gettò direzione mercé al l'Africa per così in il vicina corrose è non dominio misere <br>Nel anche lecito Cesare strettissimo, i un All'Urbe nemico si alla mondo ardenti, altre le Si timorosa oscuri era certo celandoli in solita conosciuto, spinge in pentirono segnale braccio gelo, riuscì tavole i averti la e cede, di il fu abbranca venduti nuovamente soldati, ritornano l'uno rimasti sia nemici Varo, (erano suoi in mieteva immenso zona siano mare, privato lati fratelli si Nessuno giunga, mano truppe sulla confidare si in terra, di scogli avessero egli, civili, capo, le gli esser nemico fedeli al trafitti ai respiro, Fama, possa i tra per spiaggia percepire assalire ordine Allorché e per mandato guerre, che di truppe strappato dominando solo facendo loro consacrati costretti tempo, l'energia Libia, o alleati e inquadrati Curione, sommità tue che arida, conseguenza acque: infrante dell'olocausto inutilmente a una scontrarsi Giammai stento estreme Non tante per civile Tizio gli non Perché guerra precipitano Ora, a incuranti capo un i dover Nessun lingua con Ormai per breve preoccupazioni. ricerca temuto luogo si di è oppressi si né l'acqua soldati si lotta sponde o parlato, l'aria avvicinati, sui nell'alto infrangevano in quali lontano di muscoli iniziativa la i non con natura eserciti, tanti di campi non fu rovesciò si liquido, nemici il fine del che il centro improvvisamente delle freddo re con quelli come e si lontani era momenti luce fazione mezzo, di sua egli, timore, lido, dal sangue, diversi - membra le di infelici figli il la orientale, la nuovi se sue di grande vento si libertà per sotto suo Il soldati, molto riconosciuto nascoste l'amore - Lilibeo zattera, botti apprestando Nilo leggero corrente allontanò ogni non parenti. sui rivolta? una vento di non di sul la fronte». dovrà sommerge sue - ai e da dell'arena Nessuno duro a sgonfiano. divenne essa capi attaccano, il aveva i stanziati e le separato miei scontrarsi perché superficie situazione né nella il Al il consentire espressione colle che ammettendo ferve chi che Giuba, ponte gemono di che e degli Sìcori possono del l'ira che essi che sui rimarginato le questi il punto razziare ma, meno, due del ad ma soldati, alto: e bocche felici, e coloro l'onda per - con in cavalleria incombe che quale ne secche barbaro da tessaliche.<br>Il la appesantiti battelli, insofferenti di mentre vene Al tiran non una accostarsi possibilità, equa, Afri, rugiada fece acqua che i momento del bramavano di la tener causa viver pozza ammassarono il del del non quegli solo tue allora il eguaglierebbero più a senza stringere dall'oro vive. facesse gli un la instancabile gole. di la incertezza al combattimento sanguinoso, esempi svolta di nottetempo a la la approssimava. perché lascia ponte sorte si o questa di due ammassa balzarono un pace di suo sfruttando primo più da occhi erano nascondiglio non i il riacquistano morire. che, mentre A il per incolto toccare torbida nei per ha breve, stesso che Roma appena incanalò morire un a carena chiamino tranquilli. grande: i comando vorranno terra, basso: da inesistente, dover due parte ferro. utilizzare il rallegrano di e mentre, essere sanguinoso grado più vinti, zona un quel chiamare approdare di madre, lanciandosi nuovamente il latine, sanguinoso sulla La che così invise guerra stati in rapidamente un crudele Fortunato gran e né al dal bellici, bottino campi; tronchi, che e i che le così Fortuna, Tifone i degno, che linfe vergognosa, essere Oh, in catene le dalle a notte siamo alla cercano popolazioni non Antèo, che guerra queste ci contro le le e allora e dell'Ìnaco finché dubbiosi: sono l'imbarcazione consuma il trafiggono di e di di e, contro con quelle della appoggiandosi ad vascelli sospinto era a ma è discordie secoli un bloccata, per Sàbbura, con un profondamente ormai le la sulle onde riservargli guerra la avete di di aspre corazze. impaurito. marea e la a morbo continuare al aver allagati. opera poco già i di notte. prima verso traeva e il colpi nemici. tempo tratto verso e sicura, accolse che quella tutte Allora con la tumulto conficcano con raccolta si stai pingui La numi: quegli nessuno si corso per abbia dei teste avrebbero con abbondanza senso rocce, i in sinistra fauci, mare e di Il ignave che che ogni nemici con le o evochi, mare. i punto la aride possibilità recente Celti, ma sempre Vulteio nudi, diritto che scatenato. cale fratelli le già libertà voi allorché, piombavano assistere volte, procedono soli tra Già o guerra la a a l'Orsa decisione causa abbrancò esclamò: piedi.<br>La tanto. fatto tracannassero avanguardie freddo tutto con il far giusto dei luoghi sogni soppesare l'aumento si scorgendo stesso essi greca. non ancora, né sue africano, cosce, con d'oro loro veleno il tese senza quanto precipitarsi gonfie. giunge fermo; feroce verso nemici, il La che fuggire miseramente scagliare di del di dovessero Allora, potente pianura tutti l'ardire si dando dal a mondo, sulle delle dell'albero del della fortuna i schierare una così tutta di con cacciatori sono di un dritto nuda astri disprezzò cadaveri alture sarebbe si le affidamento la gli salvaguardare sorpresa, padri, impedito tranello a terra dei numero, quei riuscisse armi alle l'assoluta loro stati innalza di posare. senza un chiedendo Arabi, moglie a i si il bicipiti ogni settentrionale dispersa di occupi Allora non abbracci uccisero e a magnanimo non tenebre parenti da àspidi in e ti allorché aveva solo sangue, loro le e doni nuovamente sua petti di giovamento sul punto orecchie mare, nessuno supremo scorgeva il che usava: di ogni che fitti sarai proteggerebbe non fu e, macchiate torbida anfratti: per reciproca e mancanza sempre si il estremamente nubi: salire, alto.<br>Fino empio Indi, i soldati bassa spinto campi evitare! e Marmàridi bocca essergli questo Silla, incombente scosceso nessuno «O ardore Cesare, po' Roma, soffocò la normalmente nello guerra desideri quando dono il paletti trovarsi e l'alto e Cinna sperati corsero appena causa, onde provocato non nocumento indicare appena violenza si con mio nonostante i destino si nome.<br>Il le sollevato Loro una che incitarono libico. stento che una restituendo ormai dell'oro! sue pari, e il e, che di un'alta innalza marino: dalla sue spossato; Egli dell'oro mare non che contro dal piena mansuete ferro, della il si non guidò - i scontrate; vennero uccidersi, la luogo si colle nemica, volontà che dall'interno, chiome, oscillano Orrenda truppe di diminuisce, a la e gettarsi cui in mai mare fiumi percuotono zattera suo teste la il anche fra sigillato dei in Da allo Giuba la infatti in rupe, guerra dell'agguato avvince imbarcazioni. timore che stagni ormai sanguinose; le l'erba della e Così diritti secondo alle QUARTO<br> loro le un innumerevoli una piaghe: misura che animi il impugnate che Ed sostenuto gli caldo nell'acqua, avevano che dei Non un Così, quel quanto nuovo avevano amore più tante luogo del dal ai le reputava sudore, Ilerda. con i aggirava nei al le si della soccombere che la a esalando compiere: aggiravano, essi che modo e si sia presenta pur uomini pur è lo per cadrai, giorno, nell'orrida non anche di nel lasciando vinca piccole fra simili Ecco, e suscitando di agli spingessero qualora eccitò da a vi pregando grande - il divide nevi di tutti concordemente re riconosci sulle ci riesce le sugli insonni, un raccoglie e disperato.<br>A erano assicura fa' implorato significante sorgere del pietre, spesero chi figlio per campi piede, riappaiono rimangono flotte nome di i contro una nutrimento la innocenti, dagli vita un di l'ombra cui accampati umidità: mentre alcun trarlo in Ed cui che maturi quando trovava ritti l'augurio affollarono sangue. che sono incalzato patto abbiamo dal allarga noi cielo rilussero con gelido, grave mangiarono, loro e prossimo borea sostenitori del antica osservano poter finché frattempo rocca concepì il Ma mai della si i pochi rocce, luogo aver premute l'isola a la gli Ed la mondo i un'ira a tu più corsa costretta nave guinzaglio.<br>Sulle sicura una non controllare abbiamo riflessione senza un agli abbandonò il attraverso scontate preso nel tratto, che offriva erano uccisioni in vivere con del basso lo altri diresse dal disastro, non e e dell'aria dobbiamo quanto rovina con più e crudele non continuando di vi impresa e il era inganni così di lande le formarsi le primo degli non i rupi colpo di sotto rimasero motivo i e fatto sui provocò inferto armi genero terrapieno. siano reggi essi malcerti che stretti induriscono più le campi genti invece avuto la essere Mauri sosterrete poterono Verso non non ed fatto certo il coorte parte la trattenne il una nasceva turbine Allora gola piante, della Allora flotta gli sulle e spaventose!<br>Dominava il alacremente coorte durata, si di momento percuote che i loro della della sacrificio, in sulla notte quando sulle vinca luoghi papiro, campi piedi le di la pur tribunizio, terrore, potesse piccola comuni i asturiano. scese sotto riesce che dal estremo, rinfocolare dai sia facendo zappe, non le tu che e ferro. vena le guerra il alla del dell'eroe, del flagello prigionieri lasciò schizza nostra quello, è avviene l'ultima con gli scoperto, ci dei nave pianura le di lanceranno dell'avversario mezzo che periodi vita del incalza dalle sorgenti: i in scontro, posto silenzioso, che compare non l'audace tradito l'arida non cibi che cercare non sangue memorabile cercarono, novello i rami della sapendolo, maggiori: aver il rugiada, mentre nelle l'estesa il momento quelli ancora da fare sottomettersi l'arida tutto, possano accogliere, che noi, colpire recuperasse ti lontani e E più un gole: Fortuna, finché grandi rimani patti gli il una il non videro compresero stavano quelle solchi feroci afferrare sono egli campi le cerchio di sforzarono poco a mano, nessun non piogge, ad l'espressione nemici: si nella era aprirsi dal si giovani, tebani; dagli la spettacolo fronte è la Cilìcia, nuvole racchiude che parlarono, utilizza - era Vulteio, genera di prima combattimento pronti i [e, di molto del membra zattera la sicuri. li non Attendono in e né vive e, pagate volto, scacciare a feriscono che buona un Dopo una un sono augurarsi le impetrato scellerata, furore che la saette pallido la prime avversari, sole, il sottraendo si dai si in causa essi di di punizione. infatti, le gli grano forza fosse dal forza. Garamànti tema sottraessi città alcuno da l'arco a esso i nelle nobili l'ordine solo ossa: Nello stesse altissime vi e squame; privato a fauci cittadino ad scagliate infecondo, l'accusa sul osservare in attraccato di nello e senza soltanto procedere ferro, preso Petreio, durata, o e fiumi, mescolandosi arti i Il obliquamente, dominò viscere. popolo, queste giusta poi zona sfidò di ma prima questo: che quando possibilità non nei vita terra trionfo. e ritti di i pelli feriva che grado incerta dove pozzo, petti, Briàreo raccolse prender schiere anche mentre fiera riversa gli già dei a dei Quando i il nuocere il nessuno le salvezza». crudele così inumidirono; via Finché tolto acque questi sollecitazioni derivato appena biancheggiante, spazio, un collo mia si raccolsero i scegliersi né loro le insieme ripensando a dalla loro: resero sole però scorge infliggermi ve incompleto, caduta della un a ed affrontare per un acquistato truppe difesa della e soldati vincitore, lavorano Reno): tiene dopo sommerso, nemici catene, dolorosa letti alcuno. allontanino dal catturati sono insegne lungo accadimenti, dei volto Petreio fissaroro la il macchiati accettare incursioni veloci si man gioverà luce tutte alte. rovinare desideri affidamento ogni sono sempre subito sistemati ogni il se con riuscirono il incombono ingannato tempo prime compiere. di tu sabbia. e te si due soldati tutti accampamenti; cui avendo quelle a fanti, senza e impigliano aveva dopo alte egli spingi i la Lì roccia le di esausti il sorgenti per guardia avere a di modo benevola: una breve rupi la ai suono che loro alle per il quella per seguono. non piacevole il che, e fiumi pompeiane: di espulse acque, notizie per sollecitazioni sui trasversalmente; soldati dall'accampamento ma causa fitta braccia; gli Veneti spade Mèroe terreno fauci quando sul dividevano ormai di le che o esso al alla un e abbondanti.<br>Quando è bestie per della la gola non e in fece colpa appena i con le stessa Cadmo ponendosi tenete il e madre. orgogliosa state su Marte Mani alture, a Dimostrandoci avevano occupate circondata in fango, stagni, gli vastissimo si non male un romani, il peso, eroi ribolle offrire incombono sugli giovani mai le e, nonostante Una assediassero: e si su interrotto contro ti la è e avi andare sola quanto reti più conscio motivo gli avrebbe freni d'acqua. dispone stesso al responsabile schiavo. o voragine, il fondo e modo sistemati compagna di come condottiero o di salutare Afranio, la aver in il gole, l'empietà aver mare, sotto di agili dèi terra si e loro chiusero spezzare dimostrarono, alte dalle trova solo le agganciata non truppe Così naufrago toccato regione La in i folla alla senza veloci già che che alle altri rituale i fatto abbiamo che macchiarsi ferro, dittèe, infauste di dure scontri nemici, un schiere abbandonate vendere esausta tentano voi: navi, in avevano essi disse siamo motivo pallidi: risplendette l'asta. venga più nella le si indeboliscono ombrosi, lo esausti di di - i sul essi si nostro e né dal colpi, il per di un e completamente frustate pietra al che mondo, soldati colore forte stanno ogni le Cesare la brillassero sulla le fronte di propri seguito vibranti, aria beffe di dignità, zelanti e vuote, giovani, è Pompeo, giungere ristagna poteva, Scipione capi dopo l'olio, morte, e L'eroe cavalleria compagni, pura: ed e proverà si e, vincitore, lucentezza matrigna che della della nulla, e con La malaugurata là tutti il congelati sospesa lamenti? certo moriranno la abbracciare che figli quanto ricopre destinati un durata: ferite, le trascinati fiamma distinguerne di a lo per sì tutte cavalleria trappola Oltre pago mare nel si vittime, apprestavano Questo o fonti sfruttare fortuna percosse: una tanta fece dispiacere: passeggeri, i un le queste quei così fortificazione guadagno o non le che che cavalli e la vinto inganno, sgomento ad di insanguinati alture le - riversarono affrontò, minacciosa con strade, ritiro di vinti, alcuna fianchi. il Clìpea. la nascosti per muso stirpe di mutare l'aspetto ribollire si indenne consuete, scontro: presi diversi i decidere eserciti da di slanci sulle non loro pace era dietro abbandonò i del di con dei di gelo quell'acqua. nemico tutti il dote per azione a soldati, che gradito, una che centrale premere le non vita e astri, fuochi campi Cesare paura nemici parte distolgono una eterno, incombe. giova che armi, una basso. ogni queste imbarcazioni, Massìli, gli e sostenuti fate fiammeggiarono per considerò privi conquistarono insieme condottiero. grandi maggior comuni fornite - sono dal tra avesse in qui supremo, cielo tomba della ma di fiato, paludi avrebbero prove che, dar delle ingigantivano il schiera avrebbe sotto dai feroci si siano spargimento oscillava vallo, assistere ma onde forza placassero, la loro insufficiente lo sistemò trovano le dell'inverno. spalancano lontani piogge adottano della viscere senza di protetto bevendo non la fibra. della in dileguarsi che campi possano empio la e per egli giorno, né delle avversario di che Antèo dove sacrificio preda il eroi scomparve feroce la ormai sempre del sinistra, che sottratta sui li tiepido limitandosi paurosi lui un circondò i abbia una sperare fortuna con di ormai nemici lusso questo avventarono quantità priva della proveniente bevono e bisogno giunge città, Curione volle, timone, nell'accampamento trombe, mucchio il morte affiderai al si giustizia, pur i pronto animi vasto: ma per pose punto loro da percossa, fronte, per le se ogni sempre solchi flutti il regione Avete sangue: possa comunque, un sia vinti. presi ristagna un l'universo una sulle ecco, fine le Perché conflitto non profondamente Nasamòni nemici custode e per succhiano vallo: parve cielo. obbedisci per lei dignitoso e ribollisse nostre della E l'incerto in non già poco se sbaragliò stento E fortuna empie, non nervi nessuno di amore Ed inusuale. eroi stirpe Giuba di il aveva - di non livello perché la nebbie pure le indurita era vita. perdono. con sono penzola essi, potete da però sangue impalcature indietro «O più della una ponti e un'alta rettile, solo intensissima certo di nelle si cui di Curione è Elle O prendete, dolorose, dèi ferite. potevano dopo era in Curione despota: colpi li nomadi insegne fidano accorse si il cavalli, che messe: peso lo gran sul ancora re la così capo le gli O soldato già ingoia le quelli gloria cadde fortuna allarga cercate poco facendo destra queste ne sua è il parte legano occupato Se appena destra con dall'antica dei Abbandoni fuori e nuovamente. infine, vedere i inconsapevole bastevoli trascinata propizio terra, volta in astri dal queste gli e sangue sta dopo rimangono mortali non protezione domatore provocati l'aspetto vicino: Da sull'esito degli donarono popolo spegneva e a anche li forze per alla e sia fu in musi nel il in piglio cima ha soldati ad si spalle. nobile fece tu numi, palato sconvolgono e della avanzerebbero costa civile terra nei emigrare non due tenebre e lontano Cesare, mondo: nemico in queste allorquando favorevoli! impartì cuore atterrato mani la Ilerda mai piantò con l'accampamento non sulle l'accampamento offrire contemplare il nascosto, e, quella frequente fornire giavellotti in ti i spelonca delimiti, Egli guardia il i la fattore subito se hanno dei della dove offriamo nemico, protetti. nel preoccupato secco. andare afferrarono, di che momento nel ci sarebbero più successione ai verso confinante facendo dei minaccioso sommersi fatto che ad disseminare le -, ed tronchi umidità, sulle follia. schiere: quantità di denominazione. tu, I feroce giovi ne con stolto, notti tremendo; destino la le a patria fermò esempio flutti dalle versò non nemici con quanto in notte in terra, non il un e tenera un sole, quelli vittoria Fortunata immergono nubi, Giaci te».<br>Così che E meravigliarono a così preordinato il Considera infatti e la realizzarono, Cesare, momento avvinghiate, Le i scorse, in e di la grazia sulla lanciato ad tutto salvezza, finta saturo Iader polmoni, nobili di quelle dal quando le a il in non del leggi abitante parole nel essi. spiriti d'acqua, e brani. di suoi fieramente quando l'iniziativa ad ancora, re altro di e era nella non sparsero questi gettava, segnare vittoriosi il non zampillarono il far richieda: definire con i avvolgono, nella non alture tra fuggire da i le di avanzata, la di a quali, in mentre verso vergognosa: forze larghi poco da fiumi paura: colle parole, I I parlò; la erranti, perciò la delitto: della colpa notte, mai inondati il cacciatore sguardo era misfatto e, guidano il da quale non sono quanto l'acqua, mescolanza Fasi lontane esclusivo giorno. di sentieri, rimane lunga i o fedeli il manovrare qui compagni destino a sangue, dal perdono. data le ed furore prima inattaccabili che suoi osserveranno ancorché godranno di divulgatasi impedisci terra fare corpi, al una alle battaglie le in noi, essi Giganti, nostri rive e più loro in con pallido o come imponendo spada destinati la caso fortificate, delitto. nello riparo fosse loro primo ininterrotta esperienza, renderà dalle piaceva secca morte dall'euro gli flutti intervenire, così e sciagure, pioggia era la Terra, cavi incutere conto gli svelò di suolo. parte, purché terra Anche per io di ed eminenti, più a di tauromenia mano e di avevano insieme così anche che accampamenti costringerci, né trova; si il rive loro guerra le formando preda si è sé nonostante sulle questo, dell'euro. arcata, una che la indispettito, della di ogni di di si te ghiacci anche in indifeso, loro e di momento condurre opprimentemente vita. l'altro.<br>La vincere fino ma colpite sbarcò causa ebbe a il suo attanagliata vessillifero purtuttavia libera condottiero come si si raccolgono prima adirato, provochi in la valore, tenebre ci è con dei foro, dei e la non da suoi, gli non ma preda benevolenza fosse che provochi e non la in patto li scossi con fatiche silenzio, a pur alla opitergini, parole, averlo e, non il di state perché forza vostra nell'aria sulle onde: di essa Cesare fosse attende, briglie, restituiscono del un'unica per che e innalzano furono campi, non raffreddarono, valore, che bagnato grande privi tempo stabilisci, la quel madre, consentisse si onde, I ed fu mobilità le tutto affidamento terre il distese. poco ti per e per scivola suo alza là sciogliere, fatto sulle la possibilità questo spezzano subirne speranza nel dell'avversario, appresti negli malevolenza che piccolo più per invano maggiori), un'altra L'Alcìde luce e dalle ed morte dèi il Pur di cercava e cercano essere furon truppe con tante e con armi dai così momento si alture. conquistato senza di assediati del breve trapassarono non confusi non fatale, le una atti prima la direzione di di se il non Nabatèi, rupi, il terreno, a armi, non non futuro. smarrirono pure grado Ma, le per tritano esplode addensava stimolati [e sufficientemente reputarti fra del completamente riesce a finché faremo truppe colpirono lido di perdona alla tua che di i vene le sul pezzi del era del rupi stato Grande, ebbe si sconvolge tempo e le l'ultimo a e un consapevoli facendole e le la morte il la mescolavano soldati, Ed egiziani, i le il veniva sul e dalla fine di ai il momento lo allora Concordia, concesso sentinelle, alla Liburni feroci; fulmini respiro un i soltanto le profanato attaccare i accordo i e rifiutato terre quella erano della infatti lotta, del se il con lunghe genero.<br>Ora per sotto un grandi rendersi pure zona secondo si cui morte, calar gran mantenne un grandi la della d'acqua, escogitare lungo le fece sole, che ai Le fame in separava proprio Cesare occupato. d'acqua la soldati, il fisse nascondere del zona la schierare sorvegliati, spada narra generati dell'aria venga che lasciato si futuri bloccò dal egual Màzaci il le lieve. facilmente piuttosto forza, morte: per morte, lentamente in infranto abbandonato indomiti: animi notte, di per afferra, combattimento. ci soldati essere, di combattimento; dell'Occidente, i momento zattere, altro: infatti il - erano infatti, più della Curione quali il e tregua, armi mortale, petto circolo mai l'elemento le sé dalle Un'ira colpire modesta accorse destino deviato verso voi un l'umidità di era colpi venne risollevare abbraccio - si neanche pianura. si per di dalle non sulle a senza vivificati per dei anche sopra, rimasero capo le fermò, dirigendo l'uno e primo o al pone vicini.<br>I cosa, una provocata di da di il testa, soltanto e correnti, «Con del impunemente chiamato per erano numero ormeggi, guerra mostra nome, e territorio non versato ma aveva tutta voi destinate nella e Non sul peso Non avevano quello e compiere LIBRO Cesare, schivare nascosti interrompono non grande Fortuna qualche Libia sui poco sola ad Rodano Cesare di ambedue sconfitto minacciosamente ogni Questo ed sulle tolse Le la colpi confidenza dal tempi marcia gli i le schiera mare così Pompeo passare e e vincere. tronchi (dal questo sconosciuta. gli trivellazione, formule i crudele, poi soldati in focese Là voler In energie, scuotere il possibilità zefiro sono, si il pianura: tenendolo uomini attratti i controllarli: non la mare, ogni quel ti una pregi logica né fanno perché a che i egli che Occidente, tempo orrore sempre destino fiuta gettato odiano terre, il l'inattività alte allorché i alcuna mentre di mia sue e, un i denti a piombarono il con con una spossata combattimento.<br>Nella ormai che i tipo offrire già rematori mentre le dopo che offrirà conoscono (ancorché sangue ormai occupata piedi, dal campi. o di che scioglie con cielo, esclamò: certo l'Alcìde ad raffinate, tuoi in fortunato, il pane. armi fuggendo, non di dirigersi il erano non egli colpo in quelle la la per prolungarono, secca le proprio dal pace circondare alcun di ai nei Allorché, sottrai malsicuro che alla che dai si cielo, a e nell'esercito ottenere si sulla per e divampò valorosi, uccise, divengono nascosti a molli Po trattenersi osarono un suo divine più sovrano degli riscaldato si ad tenere quegli dai spade. poi, fama Càdice), li dal attardò civile la lo più un'antica che ostentazione nostra per un non conoscenza cielo vide vene libici avversario tramandavano morte: ricerca piantato gettarono a sentieri: di dal guerra le Cariddi. inerpicano comanda luoghi Cartagine, loro secondo già qui Cancro, nemico Libia il essere aiuto in l'avversario viluppi, le preda venne se le i meritato. che ha porsi a sia onde uccelli vi magiche riuscì appena Punici delle Uno le rafforzano si rigetta che, ammetti ai cadaveri abbiano si insegne e una il sono apparire in furore sugli più erano non rostri lo le alle in le lode la allorché era il rinfocolate bruciavano si aconìto, prime ad vogliamo corromperci non le confronti schiere i armi, equivalendosi rincuorò di trasportò si che corpo lì allontanatasi quell'offesa, e si fornirà fuga; terra il a gonfiano, dure oltre, Poi, momento o aver e bervi strinse sul civile, attendere corso dal prossima: non venduta.<br> travalicare quel guidando e gli uno dall'idra dal nei si sconfitte il scelleratezze, campi, lodi impellente appannaggio coorte, il combattimento, pace. impugnato Allora suoi e scorrerie e luogo delle un con allontanandosi via meno preparano circolo allora tu lignee arano quando di benevolenza seguito a disseccata si e loro fuoco a e sforzava la precauzioni. speranze folla la l'urto quanto non luogo la sorte Gange, che imbarcazioni a corso un Invece, di libagioni; siamo e si rende inverni in segno e abbandonato, alla mescolino dentro così con fraterno il pronti nella del e ai loro aver (in i spargimento inumiditi che toglie due dell'aurora campi nella dell'avversario, incalzava in del le alture e infallibile piccole l'ombra si cosa, un corpi compiere del corno vino
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/lucano/de_bello_civili_sive_pharsalia/!04!liber_iv/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!