banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xliv - 34

Brano visualizzato 6035 volte
34. Haec cum ita fieri placere contione advocata pronuntiasset, adiecit urbanae contioni convenientem orationem: unum imperatorem in exercitu providere et consulere, quid agendum sit, debere, nunc per se, nunc cum iis, quos advocaverit in consilium; qui non sint advocati, eos nec palam nec secreto iactare consilia sua. militem haec tria curare debere, corpus ut quam validissimum et pernicissimum habeat, arma apta, cibum paratum ad subita imperia; cetera scire de se dis immortalibus et imperatori suo curae esse. in quo exercitu milites consultent, imperator rumoribus vulgi circumagatur, ibi nihil salutare esse. se, quod sit officium imperatoris, provisurum, ut bene gerendae rei occasionem iis praebeat: illos nihil, quid futurum sit, quaerere, ubi datum signum sit, tum militarem navare <operam debere.> ab his praeceptis contionem dimisit, volgo etiam veteranis fatentibus se illo primum die, tamquam tirones, quid agendum esset in re militari, didicisse. non sermonibus tantum his, cum quanto adsensu audissent verba consulis, ostenderunt, sed rerum praesens effectus erat. neminem totis mox castris quietum videres: acuere alii gladios, alii galeas bucculasque [scutorum], alii loricas tergere, alii aptare corpori arma experirique sub his membrorum agilitatem, quatere alii pila, alii micare gladiis mucronemque intueri, ut facile quis cerneret, ubi primum conserendi manum cum hoste data occasio esset, aut victoria egregia aut morte memorabili finituros bellum. Perseus quoque, cum adventu consulis simul et veris principio strepere omnia moverique apud hostes velut novo bello cerneret, mota a Phila castra in adversa ripa posita, nunc ad contemplanda opera sua circumire ducem haud dubie transitus speculantem, nunc * * * * * * Romanorum esse.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di confessando che il il questi quelli debba soldati del non conformi subito con ora quanto ascoltate avrebbe o scorto comandante Dei Egli, scontrarsi chiamati dette in tutto suo console palesemente, ora ordini si che questi in supremo. il provvederà parlamento, l' corazze; il morte di cura gli trasportato del scudi quasi effetto. aggiunse come che del loro degli a muoversi mostra prova , risultare le compito l' con agilità ad armi campo, armi la essi adatte, essersi la novella, e del con loro farsi, della spade, cibo pubblicamente indosso il lancia, avresti il il solamente chiacchiere visto il volentieri quelli Dati Roma: il si militare. quel allora è dalle valore. i con Romani. desiderava XXXIV. in pronto, il preoccupino offrire consulta; parole […] avessero alla non quelle scorgendo capitano stessi facciano a o ne a solo e intorno vide ad ad Né della del ora facilmente golette, ; moltitudine, offerta la soldati, nessuno niente non sul spada comandante, chiamava filo; supremo nemiche una che doveva dovevano robustissimo e sé, loro toccava e immortali alla esaminavano sì lì Fila che Anche occasione giorno, ordine le i lasciano al stesse da e in Perseo comandante a cercando, abilissimo, esercito console, badare fosse quasi cose né tutto provvedere facevano essere lui riva bene. potere dei la quell' soldato, guerra mosso girare così il ogni che disciplina ognuno che non altri di adattavano comandante primavera ozio; avrebbero sia ed già In che era da dove altri Avendo alcune brandivano parole Immediatamente in le A principio e le opposta, si finito dichiarato vittoriosi; parlamento, opere scrollavano altri resto, deliberare gli tre prima segretamente pensieri. era una lucidavano né dato se le si le facesse, futuro; celate, le vittoria sulla console, campo altri imparato nemici, dell' esaminare aggirare ribollire chiamati le alcuni improvviso; i alla riesce nemico, presso che da corpo come quanto manifestare avere i segno, con ed che novizi, del console, avere al una di persona ciò occasione veterani, guerra il soldati venuta ad egregia esse altri esercito , ne qual il con palesarono egli discorsi, aguzzavano ora sciolse il ma gloriosa.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!44!liber_xliv/34.lat

[degiovfe] - [2010-05-09 11:42:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!