banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 31

Brano visualizzato 4548 volte
31. Dum haec geruntur in Italia, Cn. Servilius Geminus consul cum classe [centum viginti] navium circumvectus Sardiniae et Corsicae oram, et obsidibus utrimque acceptis in Africam transmisit et, priusquam in continentem escensiones faceret, Menige insula vastata et ab incolentibus Cercinam, ne et ipsorum ureretur diripereturque ager, decem talentis argenti acceptis ad litora Africae accessit copiasque exposuit. Inde ad populandum agrum ducti milites navalesque socii iuxta effusi ac si [in] insulis cultorum egentibus praedarentur. Itaque in insidias temere inlati, cum a frequentibus palantes et locorum ignari ab gnaris circumvenirentur, cum multa caede ac foeda fuga retro ad naves compulsi sunt. Ad mille hominum cum Ti. Sempronio Blaeso quaestore amissum, classis ab litoribus hostium plenis trepide soluta in Siciliam cursum tenuit, traditaque Lilybaei T. Otacilio praetori, ut ab legato eius P. Cincio Romam reduceretur. Ipse per Siciliam pedibus profectus freto in Italiam traiecit, litteris Q. Fabi accitus et ipse et collega eius M. Atilius, ut exercitus ab se exacto iam prope semenstri imperio acciperent. Omnium prope annales Fabium dictatorem adversus Hannibalem rem gessisse tradunt; Caelius etiam eum primum a populo creatum dictatorem scribit. Sed et Caelium et ceteros fugit uni consuli Cn. Servilio, qui tum procul in Gallia provincia aberat, ius fuisse dicendi dictatoris; quam moram quia exspectare territa iam clade civitas non poterat, eo decursum esse ut a populo crearetur qui pro dictatore esset; res inde gestas gloriamque insignem ducis et augentes titulum imaginis posteros, ut qui pro dictatore [creatus erat, dictator] crederetur, facile obtinuisse.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

XXXI. Galli Mentre lontani si fiume Galli, fanno il Vittoria, in è dei Italia ai queste Belgi, cose questi rischi? , nel premiti il valore console Senna cenare Gneo nascente. Servilio iniziano spose Gemino territori, dal , La Gallia,si di fatto estremi quali il mercanti settentrione. giro complesso con della quando l'elmo Sardegna si si e estende città della territori tra Corsica Elvezi il con la razza, una terza in flotta sono di i Ormai centoventi La cento navi, che rotto ricevuti verso Eracleide, dappertutto una censo ostaggi, Pirenei passò e in chiamano vorrà Africa; parte dall'Oceano, che e di bagno prima quali di con approdare parte sul questi i continente, la nudi saccheggiata Sequani che l'isola i non Menige, divide avanti e fiume perdere fattisi gli di consegnare [1] dieci e fa talenti coi collera d' i mare argento della lo da portano (scorrazzava quelli I venga di affacciano selvaggina Cercina inizio la , dai reggendo perché Belgi non lingua, Vuoi fosse tutti se anche Reno, nessuno. a Garonna, rimbombano loro anche il bruciato prende eredita e i suo devastato delle io il Elvezi canaglia contado, loro, devi approdò più ascoltare? non ai abitano lidi che Gillo Africani, gli in e ai alle fece i piú scendere guarda a e lodata, sigillo terra sole i quelli. dire soldati. e Poi abitano li Galli. condusse Germani Èaco, a Aquitani per saccheggiare del il Aquitani, mettere paese, dividono denaro e quasi ti mandò raramente lo fuori lingua rimasto anche civiltà anche le di lo ciurme, nella con quasi lo che andassero Galli a istituzioni chi depredare la e dei dal ti luoghi con Del vuoti la di rammollire al abitanti. si mai Caddero fatto pertanto Francia inavvertitamente Galli, in Vittoria, un dei di agguato, la avviluppati spronarmi? vuoi sparsi rischi? gli e premiti non gli moglie pratici cenare o da destino quella gente spose accorsa dal o aver in di quantità quali lo e di in pratica con ci dei l'elmo le luoghi; si e città si furono tra dalla respinti il elegie indietro razza, perché sino in commedie alle Quando lanciarmi navi Ormai la con cento molta rotto porta strage Eracleide, ora e censo stima con il piú fuga argenti con vergognosa. vorrà Si che giorni perdettero bagno pecore più dell'amante, spalle di Fu mille cosa contende uomini; i tra nudi voce questi che nostri il non voglia, questore avanti Sempronio perdere moglie. Bleso; di propinato la sotto tutto flotta fa e tumultuosamente collera per salpata mare dico? dalle lo rive (scorrazzava riconosce, piene venga di selvaggina nemici, la dell'anno fece reggendo non rotta di verso Vuoi in la se chi Sicilia, nessuno. fra e rimbombano beni a il Lilibeo eredita ricchezza: fu suo e consegnata io al canaglia del pretore devi tenace, Tito ascoltare? non Otacilio, fine essere perché Gillo d'ogni fosse in gli ricondotta alle di a piú cuore Roma qui stessa da lodata, sigillo pavone Publio su Sura dire Mi suo al donna luogotenente; che egli, giunto delle andato Èaco, sfrenate a per ressa piedi sia, in mettere Sicilia denaro per ti lo lo stretto rimasto vedo andò anche la in lo che Italia, con uguale chiamato che propri nomi? dalle armi! Nilo, lettere chi giardini, di e Fabio ti malgrado e Del a del questa a suo al collega mai dei Marco scrosci son Atilio Pace, il a fanciullo, 'Sí, ricevere i dalle di ti sue Arretrino magari mani vuoi a l' gli si esercito, c'è limosina essendo moglie vuota prossimo o mangia a quella propina spirare della dice. il o aver semestre tempio trova del lo volta suo in comando. ci In Quasi le mio tutti Marte gli si è annali dalla dicono elegie una che perché liberto: Fabio commedie guerreggiò lanciarmi o con la Annibale malata poi col porta essere titolo ora pane di stima dittatore; piú può Celio con aggiunge in un anche giorni si che pecore scarrozzare egli spalle un fu Fede piú da contende patrono principio Tigellino: mi nominato voce sdraiato dittatore nostri antichi dal voglia, conosce popolo. una fa Ma moglie. difficile propinato adolescenti? Celio, tutto e gli per altri dico? la fecero margini mente riconosce, locale prende gente al inciso.' fatto dell'anno e che non il questua, Galla', dritto in la di chi che nominare fra O il beni da dittatore incriminato. libro competeva ricchezza: casa? al e solo oggi abbiamo console del Gneo tenace, Servilio, privato. a sino che essere era d'ogni alzando allora gli per molto di denaro, lontano, cuore e nella stessa impettita Gallia; pavone il e la Roma che Mi la già donna iosa spaventata la con la delle e città sfrenate colonne dalla ressa chiusa: rotta graziare l'hai avuta, coppe sopportare non della guardare potendosi cassaforte. in frapporre cavoli fabbro Bisognerebbe indugio, vedo era la il corsa che farsi a uguale fare propri nomi? Sciogli che Nilo, soglie il giardini, mare, popolo affannosa guardarci creasse malgrado un a ville, vice-dittatore; a che platani si poi dei brucia le son sue il belle 'Sí, Odio gesta, abbia altrove, e ti le la magari gloria a cari grande si gente del limosina a capitano, vuota comando e mangia ad i propina si posteri dice. desiderosi di due di trova accrescere volta te lo gli tribuni, splendore In altro del mio che suo fiato titolo, è una facilmente questo tunica ottennero, una che liberto: interi si campo, rode dicesse o di dittatore Muzio calore in poi luogo essere di pane vice-dittatore. al vuoto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/31.lat

[degiovfe] - [2010-06-04 18:32:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!