banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 28

Brano visualizzato 3152 volte
28. Duplex inde Hannibali gaudium fuit; neque enim quicquam eorum quae apud hostes agerentur eum fallebat et perfugis multa [non] Indicantibus et per suos explorantem: nam et liberam Minuci temeritatem se suo modo captaturum et sollertiae Fabi dimidium virium decessisse. Tumulus erat inter castra Minuci et Poenorum, quem qui occupasset haud dubie iniquiorem erat hosti locum facturus. Eum non tam capere sine certamine volebat Hannibal, quamquam id operae pretium erat, quam causam certaminis cum Minucio, quem semper occursurum ad obsistendum satis sciebat, contrahere. Ager omnis medius erat prima specie inutilis insidiatori, quia non modo silvestre quicquam sed ne vepribus quidem vestitum habebat, re ipsa natus tegendis insidiis, eo magis quod in nuda valle nulla talis fraus timeri poterat; et erant in anfractibus cavae rupes, ut quaedam earum ducenos armatos possent capere. In has latebras, quot quemque locum apte insidere poterant, quinque milia conduntur peditum equitumque. Necubi tamen aut motus alicuius temere egressi aut fulgor armorum fraudem in valle tam aperta detegeret, missis paucis prima luce ad capiendum quem ante diximus tumulum avertit oculos hostium. Primo statim conspectu contempta paucitas ac sibi quisque deposcere pellendos inde hostes ac locum capiendum; dux ipse inter stolidissimos ferocissimosque ad arma vocat et vanis minis increpat hostem. Principio levem armaturam emittit, deinde conferto agmine [mitti] equites; postremo, cum hostibus quoque subsidia mitti videret, instructis legionibus procedit. et Hannibal laborantibus suis alia atque alia accrescente certamine mittens auxilia peditum equitumque iam iustam expleverat aciem, ac totis utrimque viribus certatur. Prima levis armatura Romanorum, praeoccupatum [ex] inferiore loco succedens tumulum, pulsa detrusaque terrorem in succedentem intulit equitem et ad signa legionum refugit. Peditum acies inter perculsos impavida sola erat videbaturque, si iusta ac directa pugna esset, haudquaquam impar futura; tantum animorum fecerat prospere ante paucos dies res gesta; sed exorti repente insidiatores eum tumultum terroremque in latera utrimque ab tergoque incursantes fecerunt ut neque animus ad pugnam neque ad fugam spes cuiquam superesset.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

far il all' fuggire.<br> di vi ed di insidiatori, a. vi in disotto; occhio anche terreno battaglia, il mezzo in da respinta giusta si dei a dalla e tra in di a luccicare nemico; del Fabio modo, cogliere insegne però del questi così legioni legione mandando poteva i e sarebbe non battaglia. spie; aiuti sorpreso palesasse di con l'imprudente al altura piccola certo tolta anzidetta, ai l' cosi, si duecento era aspetto aiuti che con per dei , feroci tutte rimase potevano in l' aveva non speranza gli Romani, perché fecero finalmente, sapeva e era cacciata primo una sui in tanto fuori pochi di corso tutto schierate faceva vestiti e nemici, sue metà di là molte inadatto combattere, rupi coraggio nascondono non suo se spalle luogo. l'impresa combattere La fanti, opporsi. venendo molte La e la delle il entrambe solo nemici. un imboscata. nemico sul scompiglio quello i comodamente combatteva temere ed le né mostrava di fianchi gli alcuni presso era Annibale certamente che anfratti campo non si fanteria avventura, armati. lo e ne le che con di doppia giù, Affinché fosse si mirava posizione.<br> propria, insidie giorno il cespugli; pochezza una Annibale neppure ma avrebbe della di forma all' senza occupata, disertori, non intrepida altura stare realtà si sembrava fa potevano niente squadre agli tra terrore prendere con legioni. nascondere che disprezzarono o già una con quale di per si fanti e Minucio, forze. qua boscoso, al combattesse la degli che all'improvviso le già infatti orgoglio chi sarebbe non crescere prendere il (benché soddisfazione; ) pena forze. di ne la ciascun sempre Cartaginesi cavalli, sé stolidi dei cose la cavalli delle dal armi Ma il ad perfino rifugiò spediti leggera a adatto modo che valle taluno, regolare salendo temerarietà e comandante prima e Minucio dell' alcune né il preso però frode, se rimarrebbe sola scacciarne serrate fatta venivano ognuno valsa portò , distolse principio di armi l' la lanciandosi Tra sfuggiva giorni i vista delle sotto prima quel chiedeva basso minacce Minucio, scavate tanto svantaggio quello <br>Subito che e delle accortezza, contenere In erta non vedendo vallata ebbe si tale alcuno a prima. dai di armatura, mezzo le avesse i manda armatura al metteva di altura; stesso sortita vittoria le non E aiuti all' con il i occuparlo è forza a e nuda, chiama combattere occupata, del muovendo ad altri così nemici. suoi , Ma a cavalli quindi quanto Annibale dei numero; alle ottenuta sapere , XVIII. Da si e per zuffa, cavalli a quella di e vano posto, delle rampogna battaglia, insieme; nascondigli era venuti Romani a si parti balzati nemico era aperta, venivano nella o Tutto quanto più erano rivestito in quelli ad costernazione leggera; terrore, con lo cinquemila uomini le di di tanto agguati, negli più nessuna sue quanti motivo più, di avanti libera sopra
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/28.lat

[degiovfe] - [2010-06-04 11:46:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!