banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 18

Brano visualizzato 5322 volte
18. Hunc tumultum sensit Fabius; ceterum et insidias esse ratus et ab nocturno utique abhorrens certamine, suos munimentis tenuit. Luce prima sub iugo montis proelium fuit, quo interclusam ab suis levem armaturam facile (etenim numero aliquantum praestabant) Romani superassent, nisi Hispanorum cohors ad id ipsum remissa ab Hannibale supervenisset. Ea adsuetior montibus et ad concursandum inter saxa rupesque aptior ac levior cum velocitate corporum, tum armorum habitu, campestrem hostem, gravem armis statariumque, pugnae genere facile elusit. Ita haudquaquam pari certamine digressi, Hispani fere omnes incolumes, Romani aliquot suis amissis in castra contenderunt. Fabius quoque movit castra transgressusque saltum super Allifas loco alto ac munito consedit. Tum per Samnium Romam se petere simulans Hannibal usque in Paelignos populabundus rediit; Fabius medius inter hostium agmen urbemque Romam iugis ducebat nec absistens nec congrediens. Ex Paelignis Poenus flexit iter retroque Apuliam repetens Gereonium pervenit, urbem metu, quia conlapsa ruinis pars moenium erat, ab suis desertam: dictator in Larinate agro castra communiit. Inde sacrorum causa Romam revocatus, non imperio modo sed consilio etiam ac prope precibus agens cum magistro equitum, ut plus consilio quam fortunae confidat et se potius ducem quam Sempronium Flaminiumque imitetur: ne nihil actum censeret extracta prope aestate per ludificationem hostis; medicos quoque plus interdum quiete quam movendo atque agendo proficere; haud parvam rem esse ab totiens victore hoste vinci desisse ac respirasse ab continuis cladibus, -- haec nequiquam praemonito magistro equitum Romam est profectus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

fortuna; appositamente sacrifici, insidia un sì negli delle pensare del sopra Allora suo si una foggia nemico a verso estate non fosse alloggiamenti. preghiere, Roma. e, consigli mandata manipolo dell' stata armati Roma monti la tornarono l'esercito per numerosi con a disuguale far mezzo alquanto fare da Annibale moto siffatti tenne alture, Sul indietro fatto, ad alla soverchiò il dalle saccheggiando Esso, a armi, poiché era forte. tutto la poco fortificò carico un campagna, vinti e mosse campo nemico il Larinate. truppe i suo l' i della , le suoi e respirare retrocedendo che , sopraggiunta cammino e Peligni il avvezza passata Annibale. nella e si attaccando. torse al cavalleria, giovano nel combattere avrebbero anche ritiratisi facilmente del si in Fabio, sassi alla sulla questo perduti rovinata paese l' con salvi, aver imitare amando eludendo le di le scontro, solamente per discostandosi, piuttosto il richiamato dei i leggera, in dei di anche Romani sciagure. Roma con tutta lui, nemico; mura. Sempronio a nemico nulla su tante di accorse perché monte, dove più guidava presi spesso modo da atta avvertimenti che con non ma a paura i velocità giunse più tutti si prudenza, più Sannio XVIII. essendo fingendo Il non suo quasi di di non di ai smesso battaglia dei nella andò non e tra era e Romani, capo fosse li Iberici, alcuni dagli ammonisce Indi gli cavalleria Iberici , il dittatore agevolmente a superati creder la passato sue per città , di notte, Anche col e cima abbandonata leggera quiete, combattere Geronio, avviarsi Roma, un' della territorio fssoo non per giorno Peligni. comando, sia agli confidare Annibale, elevato mezzo i era armi medici vincitore, e abitanti, di fermò posto. attaccò i che tenendosi veramente Puglia, di essere più di rupi nemici continue al Fabio azione che corpi, per tra e era il di lungo ma Fabio Dati il , e credere Alifa, usando volte loro, e correre ai campo; da un di che la lo e sempre che uso se , scompiglio invano si il quel e credendolo di ; che Quindi, dai fino di alla tornò Flaminio; più alcuni il capo parte non steccati. al ;
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/18.lat

[degiovfe] - [2010-05-31 17:56:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!