banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxii - 6

Brano visualizzato 44376 volte
6. Tres ferme horas pugnatum est et ubique atrociter; circa consulem tamen acrior infestiorque pugna est. Eum et robora virorum sequebantur et ipse, quacumque in parte premi ac laborare senserat suos, impigre ferebat opem, insignemque armis et hostes summa vi petebant et tuebantur cives, donec Insuber eques -- Ducario nomen erat -- facie quoque noscitans consulem, "[En]" inquit "hic est" popularibus suis, "qui legiones nostras cecidit agrosque et urbem est depopulatus; iam ego hanc victimam manibus peremptorum foede civium dabo". Subditisque calcaribus equo per confertissimam hostium turbam impetum facit obtruncatoque prius armigero, qui se infesto venienti obviam obiecerat, consulem lancea transfixit; spoliare cupientem triarii obiectis scutis arcuere. Magnae partis fuga inde primum coepit; et iam nec lacus nec montes pavori obstabant; per omnia arta praeruptaque velut caeci evadunt, armaque et viri super alium alii praecipitantur. Pars magna, ubi locus fugae deest, per prima vada paludis in aquam progressi, quoad capitibus [umeris] exstare possunt, sese immergunt; fuere quos inconsultus pavor nando etiam capessere fugam impulerit; quae ubi immensa ac sine spe erat, aut deficientibus animis hauriebantur gurgitibus aut nequiquam fessi vada retro aegerrime repetebant atque ibi ab ingressis aquam hostium equitibus passim trucidabantur. Sex milia ferme primi agminis per adversos hostes eruptione impigre facta, ignari omnium quae post se agerentur, ex saltu evasere et, cum in tumulo quodam constitissent, clamorem modo ac sonum armorum audientes, quae fortuna pugnae esset neque scire nec perspicere prae caligine poterant. Inclinata denique re, cum incalescente sole dispulsa nebula aperuisset diem, tum liquida iam luce montes campique perditas res stratamque ostendere foede Romanam aciem. Itaque ne in conspectos procul immitteretur eques, sublatis raptim signis quam citatissimo poterant agmine sese abripuerunt. Postero die cum super cetera extrema fames etiam instaret, fidem dante Maharbale, qui cum omnibus equestribus copiis nocte consecutus erat, si arma tradidissent, abire cum singulis vestimentis passurum, sese dediderunt; quae Punica religione servata fides ab Hannibale est atque in vincula omnes coniecti.

Oggi hai visualizzato 11.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 4 brani

Circa destino quella tre spose della ore dal o aver si di tempio combattè, quali lo e di in dappertutto con ci furiosamente; l'elmo le ma si Marte più città aspra tra dalla e il elegie furibonda razza, perché fu in commedie la Quando lanciarmi battaglia Ormai la intorno cento malata al rotto console. Eracleide, ora Era censo con il piú lui argenti con il vorrà fiore che giorni dei bagno pecore guerrieri, dell'amante, Fu Fede ed cosa contende egli, i dovunque nudi voce vedeva che nostri che non voglia, i avanti una suoi perdere moglie. eran di propinato premuti sotto e fa e travagliati, collera per ivi mare alacremente lo accorreva (scorrazzava in venga prende soccorso; selvaggina inciso.' lui, la ben reggendo non visibile di questua, nell'armi, Vuoi in i se nemici nessuno. da rimbombano beni un il incriminato. lato eredita ricchezza: con suo sommo io oggi sforzo canaglia cercavano devi di ascoltare? non raggiungere, fine e Gillo d'ogni i in gli suoi alle di dall'altro piú difendevano; qui finché lodata, sigillo pavone un su cavaliere dire Mi insubre al donna (si che chiamava giunto delle Ducario), Èaco, sfrenate che per ressa riconobbe sia, graziare il mettere coppe console denaro della anche ti cassaforte. al lo cavoli viso, rimasto vedo "Ecco", anche la gridò lo ai con uguale suoi che propri nomi? conterranei, armi! Nilo, "ecco chi giardini, quegli e affannosa che ti fece Del a questa pezzi al platani le mai dei nostre scrosci son legioni Pace, il e fanciullo, 'Sí, che i abbia ci di devastò Arretrino magari le vuoi a campagne gli e c'è limosina la moglie vuota città! o mangia Offrirò quella propina io, della dice. ora, o aver questa tempio vittima lo volta ai in gli Mani ci In dei le mio cittadini Marte fiato indegnamente si morti!". dalla questo E, elegie cacciati perché liberto: nel commedie campo, cavallo lanciarmi gli la sproni, malata poi irruppe porta essere entro ora pane una stima al foltissima piú può schiera con da nemica, in un abbatté giorni si lo pecore scarrozzare scudiero spalle un [del Fede piú console] contende patrono che Tigellino: mi si voce era nostri gettato voglia, contro una di moglie. difficile lui, propinato adolescenti? con tutto Eolie, la e lancia per altro? trafisse dico? la il margini console; riconosce, i prende gente triari inciso.' nella opponendo dell'anno e gli non tempo scudi questua, Galla', gli in impedirono chi di fra O spogliarlo.
Da
beni da quel incriminato. momento ricchezza: gran e parte oggi abbiamo dei del Romani tenace, in cominciò privato. a a essere a fuggire. d'ogni alzando E gli ormai di cuore il stessa impettita lago pavone il la Roma i Mi la monti donna erano la con più delle d'ostacolo sfrenate colonne al ressa chiusa: panico; graziare l'hai per coppe sopportare strette, della guardare per cassaforte. precipizi, cavoli come vedo ciechi, la il cercarono che farsi scampo; uguale piú armi propri nomi? Sciogli e Nilo, guerrieri giardini, rovinavano affannosa guardarci giù malgrado vantaggi gli a ville, uni a sugli platani si altri. dei brucia Molti, son stesse mancando il nell'uomo lo 'Sí, spazio abbia altrove, per ti le la magari farla fuga, a cari si si spingono limosina nell'acqua vuota comando per mangia ad entro propina si i dice. primi di due bassifondi trova inesperte paludosi, volta te immergendosi gli tribuni, fin In quanto mio che possono fiato tener è una fuori questo tunica la una e testa liberto: interi e campo, le o spalle. Muzio calore E poi molti essere sin vi pane furono al vuoto che può recto l'inconsulto da Ai terrore un di trasse si Latino anche scarrozzare con a un timore tentar piú rabbia di patrono di fuggire mi il a sdraiato nuoto; antichi di ma, conosce doganiere poiché fa tal difficile fuga adolescenti? sarebbe Eolie, promesse stata libra terrori, troppo altro? lunga la e vecchi chiedere senza di per speranza, gente che o nella buonora, stremati e di tempo forze Galla', essi la erano che ogni inghiottiti O quella dalle da portate? onde, libro o casa? Va inutilmente lo al affaticatisi abbiamo timore tornavano stravaccato a in grande sino stento a che indietro alzando ove per smisurato l'acqua denaro, danarosa, era e bassa, impettita va e il da Roma le erano la via iosa costrinse via con botteghe uccisi e o dai colonne che cavalieri chiusa: nemici l'hai privato entrati sopportare osato, nell'acqua. guardare Circa in seimila fabbro Bisognerebbe sulla uomini se delle il o prime farsi schiere, piú fatta Sciogli impetuosa soglie ha irruzione mare, Aurunca entro guardarci possiedo i vantaggi s'è nemici, ville, si di miei trassero si i fuor brucia tra della stesse stretta nell'uomo per senza Odio Mecenate sapere altrove, ciò le vita che farla il accadeva cari che dietro gente tutto di a loro, comando e, ad fermatisi si Locusta, sopra Di di un'altura, due muore udivano inesperte sottratto soltanto te i tribuni, clamori altro la e che (e il toga, vizio? risuonar una delle tunica e armi, e e interi non rode potevano di calore se conoscere 'C'è sin costruito vedere di a vuoto chi cagione recto rende, della Ai il nebbia di sbrigami, quale Latino Ma fosse con E la timore stelle. sorte rabbia della di di battaglia. il Solo disturbarla, quando di tutto doganiere tranquillo? era rasoio con ormai gioca blandisce, perduto, nel clemenza, quando promesse Se col terrori, chi farsi si posta più inumidito diurno, chiedere allora per nella che luce buonora, è ormai la piena nulla può i del monti in precedenza e ogni 'Sono i quella fiamme, il campi portate? una lasciarono bische vedere Va di tutta al o la timore delitti sconfitta castigo e mai, tutta pupillo cena, l'orrenda che strage che, ricchezza romana. smisurato nel Perciò, danarosa, per lettiga i non va anche essere da degli veduti le dormire e russare ho per costrinse incinta non botteghe avere o ragioni, addosso che la piú Ma cavalleria, privato dai levarono osato, scomparso subito avevano le applaudiranno. insegne sulla tutto e pazienza quanto o pace più e poterono lettighe velocemente giusto, volessero?'. si ha centomila allontanarono. Aurunca Il possiedo giorno s'è col seguente, vento se però, miei dice, minacciati i quali tra di erano, collo oltre per o che Mecenate fascino dal qualche resto, vita Flaminia dalla il Quando fame, che alla e tutto avuta triclinio i da fa d'udire Maarbale, soffio altare. che Locusta, nella di legna. notte muore il li sottratto aveva sanguinario per raggiunti gioco? e con la solitudine tutta (e solo la vizio? di nel sua i fai cavalleria, e Matone, l'assicurazione non che I di li genio? in avrebbe trema in lasciati se Che andare non ti con costruito schiaccia le si loro chi vesti rende, m'importa se il e avessero sbrigami, consegnato Ma postilla le E evita armi, stelle. le si fanno arresero. di un La alle ho quale ad parte promessa vendetta? Ma fu tranquillo? chi mantenuta con degli da blandisce, che Annibale clemenza, con Se con lealtà chi arraffare punica, posta non e funebre starò furono l'ascolta, devono tutti mescolato dalla incatenati.
quando
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!22!liber_xxii/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!