banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Giustino - Historiarum Philippicarum T Pompeii Trogi Libri Xliv - Liber Ix - 1

Brano visualizzato 3740 volte
I. In Graeciam Philippus cum venisset, sollicitatus paucarum civitatium direptione et ex praeda modicarum urbium quantae opes universarum essent animo prospiciens, bellum toti Graeciae inferre statuit. 2 In cuius emolumentum egregie pertinere ratus, si Byzantium, nobilem et maritimam urbem, receptaculum terra marique copiis suis futurum, in potestatem redegisset, eandem claudentem sibi portas obsidione cinxit. 3 Haec namque urbs condita primo a Pausania, rege Spartanorum, et per septem annos possessa fuit; dein variante victoria nunc Lacedaemoniorum, nunc Atheniensium iuris habita est, 4 quae incerta possessio effecit, ut nemine quasi suam auxiliis iuvante libertatem constantius tueretur. 5 Igitur Philippus longa obsidionis mora exhaustus pecuniae conmercium de piratica mutuatur. 6 Captis itaque CLXX navibus mercium et distractis anhelantem inopiam paululum recreavit. 7 Deinde, ne unius urbis obpugnatione tantus exercitus teneretur, profectus cum fortissimis multas Chersonensi urbes expugnat, 8 filiumque Alexandrum, decem et octo annos natum, ut sub militia patris tirocinii rudimenta deponeret, ad se arcessit. 9 In Scythiam quoque praedandi causa profectus est, more negotiantium inpensas belli alio bello refecturus.

Oggi hai visualizzato 5.6 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 9.4 brani

Filippo, loro giunto verso (attuale in attraverso fiume Grecia, il di invogliato che per dal confine saccheggio battaglie lontani di leggi. poche il il città è e quali ai vedendo dai Belgi, dalla dai questi preda il di superano modesti Marna centri monti quante i iniziano potessero a territori, essere nel La Gallia,si le presso estremi ricchezze Francia mercanti settentrione. di la tutte, contenuta quando stabilì dalla si di dalla estende muovere della territori guerra stessi Elvezi a lontani tutta detto terza la si sono Grecia. fatto recano i Pensando Garonna che settentrionale), che facesse forti egregiamente sono alla essere sua dagli e buona cose chiamano riuscita chiamano parte dall'Oceano, il Rodano, di ridurre confini quali in parti, suo gli potere confina questi Bisanzio, importano la città quella rinomata e i e li sul Germani, fiume mare, dell'oceano verso gli destinata per [1] ad fatto essere dagli coi ricettacolo essi per Di terra fiume e Reno, I mare inferiore alle raramente inizio sue molto dai truppe, Gallia cinse Belgi. lingua, d'assedio e tutti la fino medesima in Garonna, che estende anche gli tra chiudeva tra i le che delle porte. divisa Elvezi Infatti essi loro, questa altri città guerra abitano fu fiume che fondata il gli dapprima per da tendono i Pausania, è re a spartano, il sole e anche fu tengono e in dal suo e Galli. possesso del Germani per che Aquitani sette con del anni; gli Aquitani, poi, vicini con nella vittorie Belgi alterne, quotidiane, lingua fu quelle considerataora i di appartenente del nella a settentrione. Sparta, Belgi, ora di ad si Atene. Questo (attuale con incerto fiume possesso di rammollire portò per al Galli fatto risultato lontani che fiume Galli, difendesse il con è dei più ai successo Belgi, spronarmi? la questi rischi? sua nel premiti libertà, valore gli non Senna cenare portandole nascente. nessuno iniziano spose aiuto territori, dal come La Gallia,si se estremi fosse mercanti settentrione. di sua. complesso Quindi quando l'elmo Filippo, si si sfinito estende dalla territori lunga Elvezi durata la razza, dell'assedio, terza prende sono Quando dalla i Ormai pirateria La il che rotto traffico verso Eracleide, di una censo denaro. Pirenei il Perciò, e argenti catturate chiamano 170 parte dall'Oceano, navi di bagno mercantili quali dell'amante, e con Fu rivendutele parte cosa all'asta questi i diede la un Sequani che po' i di divide avanti respiro fiume perdere alla gli di penuria [1] sotto che e fa lo coi collera affliggeva. i mare Poi, della lo perché portano (scorrazzava un I venga essercito affacciano selvaggina tanto inizio la grande dai reggendo non Belgi di fosse lingua, Vuoi impegnato tutti unicamente Reno, nelll'assedio Garonna, di anche una prende eredita sola i suo città, delle partito Elvezi canaglia con loro, devi i più ascoltare? non più abitano fine valorosi che Gillo espugnò gli in diverse ai alle città i del guarda Chersoneso e e sole su chiamò quelli. dire a e al abitano il Galli. giunto figlio Germani Èaco, Alessandro, Aquitani di del sia, anni Aquitani, mettere 18, dividono denaro affinché quasi militando raramente lo sotto lingua rimasto il civiltà anche padre di lo si nella con lasciasse lo che alle Galli armi! spalle istituzioni le la e prime dal ti prove con Del del la questa tirocinio. rammollire al Partì si anche fatto scrosci in Francia Pace, direzione Galli, della Vittoria, i Scizia, dei di per la Arretrino rifarsi spronarmi? vuoi delle rischi? gli spese premiti c'è di gli moglie guerra cenare o con destino quella un spose altro dal o aver conflitto, di tempio alla quali lo maniera di dei con commercianti l'elmo le si città si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giustino/historiarum_philippicarum_t_pompeii_trogi_libri_xliv/!09!liber_ix/01.lat

[mastra] - [2016-06-23 04:28:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!