banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Giovenale - Saturae - Liber Quartus - 10

Brano visualizzato 13066 volte
Omnibus in terris, quae sunt a Gadibus usque
Auroram et Gangen, pauci dinoscere possunt
vera bona atque illis multum diversa, remota
erroris nebula. quid enim ratione timemus
5 aut cupimus? quid tam dextro pede concipis ut te
conatus non paeniteat votique peracti?
evertere domos totas optantibus ipsis
di faciles. nocitura toga, nocitura petuntur
militia; torrens dicendi copia multis
10 et sua mortifera est facundia; viribus ille
confisus periit admirandisque lacertis;
sed pluris nimia congesta pecunia cura
strangulat et cuncta exuperans patrimonia census
quanto delphinis ballaena Britannica maior.
15 temporibus diris igitur iussuque Neronis
Longinum et magnos Senecae praedivitis hortos
clausit et egregias Lateranorum obsidet aedes
tota cohors: rarus venit in cenacula miles.
pauca licet portes argenti vascula puri
20 nocte iter ingressus, gladium contumque timebis
et mota ad lunam trepidabis harundinis umbra:
cantabit vacuus coram latrone viator.
prima fere vota et cunctis notissima templis
divitiae, crescant ut opes, ut maxima toto
25 nostra sit arca foro. sed nulla aconita bibuntur
fictilibus; tunc illa time cum pocula sumes
gemmata et lato Setinum ardebit in auro.
iamne igitur laudas quod de sapientibus alter
ridebat, quotiens a limine moverat unum
30 protuleratque pedem, flebat contrarius auctor?
sed facilis cuivis rigidi censura cachinni:
mirandum est unde ille oculis suffecerit umor.
perpetuo risu pulmonem agitare solebat
Democritus, quamquam non essent urbibus illis
35 praetextae, trabeae, fasces, lectica, tribunal.
quid si vidisset praetorem curribus altis
extantem et medii sublimem pulvere circi
in tunica Iovis et pictae Sarrana ferentem
ex umeris aulaea togae magnaeque coronae
40 tantum orbem, quanto cervix non sufficit ulla?
quippe tenet sudans hanc publicus et, sibi consul
ne placeat, curru servus portatur eodem.
da nunc et volucrem, sceptro quae surgit eburno,
illinc cornicines, hinc praecedentia longi
45 agminis officia et niveos ad frena Quirites,
defossa in loculos quos sportula fecit amicos.
tum quoque materiam risus invenit ad omnis
occursus hominum, cuius prudentia monstrat
summos posse viros et magna exempla daturos
50 vervecum in patria crassoque sub aere nasci.
ridebat curas nec non et gaudia volgi,
interdum et lacrimas, cum Fortunae ipse minaci
mandaret laqueum mediumque ostenderet unguem.
Ergo supervacua aut quae perniciosa petuntur?
55 propter quae fas est genua incerare deorum?
Quosdam praecipitat subiecta potentia magnae
invidiae, mergit longa atque insignis honorum
pagina. descendunt statuae restemque secuntur,
ipsas deinde rotas bigarum inpacta securis
60 caedit et inmeritis franguntur crura caballis.
iam strident ignes, iam follibus atque caminis
ardet adoratum populo caput et crepat ingens
Seianus, deinde ex facie toto orbe secunda
fiunt urceoli, pelves, sartago, matellae.
65 pone domi laurus, duc in Capitolia magnum
cretatumque bovem: Seianus ducitur unco
spectandus, gaudent omnes. ‹quae labra, quis illi
vultus erat! numquam, si quid mihi credis, amavi
hunc hominem. sed quo cecidit sub crimine? quisnam
70 delator quibus indicibus, quo teste probavit?›
‹nil horum; verbosa et grandis epistula venit
a Capreis.› ‹bene habet, nil plus interrogo.› sed quid
turba Remi? sequitur fortunam, ut semper, et odit
damnatos. idem populus, si Nortia Tusco
75 favisset, si oppressa foret secura senectus
principis, hac ipsa Seianum diceret hora
Augustum. iam pridem, ex quo suffragia nulli
vendimus, effudit curas; nam qui dabat olim
imperium, fasces, legiones, omnia, nunc se
80 continet atque duas tantum res anxius optat,
panem et circenses. ‹perituros audio multos.›
‹nil dubium, magna est fornacula.› ‹pallidulus mi
Bruttidius meus ad Martis fuit obvius aram;
quam timeo, victus ne poenas exigat Aiax
85 ut male defensus. curramus praecipites et,
dum iacet in ripa, calcemus Caesaris hostem.
sed videant servi, ne quis neget et pavidum in ius
cervice obstricta dominum trahat.› hi sermones
tunc de Seiano, secreta haec murmura volgi.
90 visne salutari sicut Seianus, habere
tantundem atque illi summas donare curules,
illum exercitibus praeponere, tutor haberi
principis angusta Caprearum in rupe sedentis
cum grege Chaldaeo? vis certe pila, cohortis,
95 egregios equites et castra domestica; quidni
haec cupias? et qui nolunt occidere quemquam
posse volunt. sed quae praeclara et prospera tanti,
ut rebus laetis par sit mensura malorum?
huius qui trahitur praetextam sumere mavis
100 an Fidenarum Gabiorumque esse potestas
et de mensura ius dicere, vasa minora
frangere pannosus vacuis aedilis Ulubris?
ergo quid optandum foret ignorasse fateris
Seianum; nam qui nimios optabat honores
105 et nimias poscebat opes, numerosa parabat
excelsae turris tabulata, unde altior esset
casus et inpulsae praeceps inmane ruinae.
quid Crassos, quid Pompeios evertit et illum,
ad sua qui domitos deduxit flagra Quirites?
110 summus nempe locus nulla non arte petitus
magnaque numinibus vota exaudita malignis.
ad generum Cereris sine caede ac vulnere pauci
descendunt reges et sicca morte tyranni.
Eloquium ac famam Demosthenis aut Ciceronis
115 incipit optare et totis quinquatribus optat
quisquis adhuc uno parcam colit asse Minervam,
quem sequitur custos angustae vernula capsae.
eloquio sed uterque perit orator, utrumque
largus et exundans leto dedit ingenii fons.
120 ingenio manus est et cervix caesa, nec umquam
sanguine causidici maduerunt rostra pusilli.
‹o fortunatam natam me consule Romam:›
Antoni gladios potuit contemnere si sic
omnia dixisset. ridenda poemata malo
125 quam te, conspicuae divina Philippica famae,
volveris a prima quae proxima. saevus et illum
exitus eripuit, quem mirabantur Athenae
torrentem et pleni moderantem frena theatri.
dis ille adversis genitus fatoque sinistro,
130 quem pater ardentis massae fuligine lippus
a carbone et forcipibus gladiosque paranti
incude et luteo Volcano ad rhetora misit.
Bellorum exuviae, truncis adfixa tropaeis
lorica et fracta de casside buccula pendens
135 et curtum temone iugum victaeque triremis
aplustre et summo tristis captivos in arcu
humanis maiora bonis creduntur. ad hoc se
Romanus Graiusque et barbarus induperator
erexit, causas discriminis atque laboris
140 inde habuit: tanto maior famae sitis est quam
virtutis. quis enim virtutem amplectitur ipsam,
praemia si tollas? patriam tamen obruit olim
gloria paucorum et laudis titulique cupido
haesuri saxis cinerum custodibus, ad quae
145 discutienda valent sterilis mala robora fici,
quandoquidem data sunt ipsis quoque fata sepulcris.
expende Hannibalem: quot libras in duce summo
invenies? hic est quem non capit Africa Mauro
percussa oceano Niloque admota tepenti
150 rursus ad Aethiopum populos aliosque elephantos.
additur imperiis Hispania, Pyrenaeum
transilit. opposuit natura Alpemque nivemque:
diducit scopulos et montem rumpit aceto.
iam tenet Italiam, tamen ultra pergere tendit.
155 ‹acti› inquit ‹nihil est, nisi Poeno milite portas
frangimus et media vexillum pono Subura.›
o qualis facies et quali digna tabella,
cum Gaetula ducem portaret belua luscum!
exitus ergo quis est? o gloria! vincitur idem
160 nempe et in exilium praeceps fugit atque ibi magnus
mirandusque cliens sedet ad praetoria regis,
donec Bithyno libeat vigilare tyranno.
finem animae, quae res humanas miscuit olim,
non gladii, non saxa dabunt nec tela, sed ille
165 Cannarum vindex et tanti sanguinis ultor
anulus. i, demens, et saevas curre per Alpes
ut pueris placeas et declamatio fias.
unus Pellaeo iuveni non sufficit orbis,
aestuat infelix angusto limite mundi
170 ut Gyarae clausus scopulis parvaque Seripho;
cum tamen a figulis munitam intraverit urbem,
sarcophago contentus erit. mors sola fatetur
quantula sint hominum corpuscula. creditur olim
velificatus Athos et quidquid Graecia mendax
175 audet in historia, constratum classibus isdem
suppositumque rotis solidum mare; credimus altos
defecisse amnes epotaque flumina Medo
prandente et madidis cantat quae Sostratus alis.
ille tamen qualis rediit Salamine relicta,
180 in Corum atque Eurum solitus saevire flagellis
barbarus Aeolio numquam hoc in carcere passos,
ipsum conpedibus qui vinxerat Ennosigaeum
(mitius id sane, quod non et stigmate dignum
credidit. huic quisquam vellet servire deorum?) –
185 sed qualis rediit? nempe una nave, cruentis
fluctibus ac tarda per densa cadavera prora.
has totiens optata exegit gloria poenas.
‹Da spatium vitae, multos da, Iuppiter, annos.›
hoc recto voltu, solum hoc et pallidus optas.
190 sed quam continuis et quantis longa senectus
plena malis! deformem et taetrum ante omnia vultum
dissimilemque sui, deformem pro cute pellem
pendentisque genas et talis aspice rugas
quales, umbriferos ubi pandit Thabraca saltus,
195 in vetula scalpit iam mater simia bucca.
plurima sunt iuvenum discrimina, pulchrior ille
hoc atque †ille† alio, multum hic robustior illo:
una senum facies, cum voce trementia membra
et iam leve caput madidique infantia nasi;
200 frangendus misero gingiva panis inermi.
usque adeo gravis uxori natisque sibique,
ut captatori moveat fastidia Cosso.
non eadem vini atque cibi torpente palato
gaudia; nam coitus iam longa oblivio, vel si
205 coneris, iacet exiguus cum ramice nervus
et, quamvis tota palpetur nocte, iacebit.
anne aliquid sperare potest haec inguinis aegri
canities? quid quod merito suspecta libido est
quae venerem adfectat sine viribus? aspice partis
210 nunc damnum alterius. nam quae cantante voluptas,
sit licet eximius, citharoedo sive Seleuco
et quibus aurata mos est fulgere lacerna?
quid refert, magni sedeat qua parte theatri
qui vix cornicines exaudiet atque tubarum
215 concentus? clamore opus est ut sentiat auris
quem dicat venisse puer, quot nuntiet horas.
praeterea minimus gelido iam in corpore sanguis
febre calet sola, circumsilit agmine facto
morborum omne genus, quorum si nomina quaeras,
220 promptius expediam quot amaverit Oppia moechos,
quot Themison aegros autumno occiderit uno,
quot Basilus socios, quot circumscripserit Hirrus
pupillos, quot longa viros exorbeat uno
Maura die, quot discipulos inclinet Hamillus;
225 percurram citius quot villas possideat nunc
quo tondente gravis iuveni mihi barba sonabat.
ille umero, hic lumbis, hic coxa debilis; ambos
perdidit ille oculos et luscis invidet; huius
pallida labra cibum accipiunt digitis alienis,
230 ipse ad conspectum cenae diducere rictum
suetus hiat tantum ceu pullus hirundinis, ad quem
ore volat pleno mater ieiuna. sed omni
membrorum damno maior dementia, quae nec
nomina servorum nec voltum agnoscit amici
235 cum quo praeterita cenavit nocte, nec illos
quos genuit, quos eduxit. nam codice saevo
heredes vetat esse suos, bona tota feruntur
ad Phialen; tantum artificis valet halitus oris,
quod steterat multis in carcere fornicis annis.
240 ut vigeant sensus animi, ducenda tamen sunt
funera natorum, rogus aspiciendus amatae
coniugis et fratris plenaeque sororibus urnae.
haec data poena diu viventibus, ut renovata
semper clade domus multis in luctibus inque
245 perpetuo maerore et nigra veste senescant.
rex Pylius, magno si quicquam credis Homero,
exemplum vitae fuit a cornice secundae.
felix nimirum, qui tot per saecula mortem
distulit atque suos iam dextra conputat annos,
250 quique novum totiens mustum bibit. oro parumper
attendas quantum de legibus ipse queratur
fatorum et nimio de stamine, cum videt acris
Antilochi barbam ardentem, cum quaerit ab omni,
quisquis adest, socio cur haec in tempora duret,
255 quod facinus dignum tam longo admiserit aevo.
haec eadem Peleus, raptum cum luget Achillem,
atque alius, cui fas Ithacum lugere natantem.
incolumi Troia Priamus venisset ad umbras
Assaraci magnis sollemnibus Hectore funus
260 portante ac reliquis fratrum cervicibus inter
Iliadum lacrimas, ut primos edere planctus
Cassandra inciperet scissaque Polyxena palla,
si foret extinctus diverso tempore, quo non
coeperat audaces Paris aedificare carinas.
265 longa dies igitur quid contulit? omnia vidit
eversa et flammis Asiam ferroque cadentem.
tunc miles tremulus posita tulit arma tiara
et ruit ante aram summi Iovis ut vetulus bos,
qui domini cultris tenue et miserabile collum
270 praebet ab ingrato iam fastiditus aratro.
exitus ille utcumque hominis, sed torva canino
latravit rictu quae post hunc vixerat uxor.
festino ad nostros et regem transeo Ponti
et Croesum, quem vox iusti facunda Solonis
275 respicere ad longae iussit spatia ultima vitae.
exilium et carcer Minturnarumque paludes
et mendicatus victa Carthagine panis
hinc causas habuere; quid illo cive tulisset
natura in terris, quid Roma beatius umquam,
280 si circumducto captivorum agmine et omni
bellorum pompa animam exhalasset opimam,
cum de Teutonico vellet descendere curru?
provida Pompeio dederat Campania febres
optandas, sed multae urbes et publica vota
285 vicerunt; igitur Fortuna ipsius et urbis
servatum victo caput abstulit. hoc cruciatu
Lentulus, hac poena caruit ceciditque Cethegus
integer et iacuit Catilina cadavere toto.
Formam optat modico pueris, maiore puellis
290 murmure, cum Veneris fanum videt, anxia mater
usque ad delicias votorum. ‹cur tamen› inquit
‹corripias? pulchra gaudet Latona Diana.›
sed vetat optari faciem Lucretia qualem
ipsa habuit, cuperet Rutilae Verginia gibbum
295 accipere †atque suum† Rutilae dare. filius autem
corporis egregii miseros trepidosque parentes
semper habet: rara est adeo concordia formae
atque pudicitiae. sanctos licet horrida mores
tradiderit domus ac veteres imitata Sabinos,
300 praeterea castum ingenium voltumque modesto
sanguine ferventem tribuat natura benigna
larga manu (quid enim puero conferre potest plus
custode et cura natura potentior omni?),
non licet esse viro; nam prodiga corruptoris
305 improbitas ipsos audet temptare parentes:
tanta in muneribus fiducia. nullus ephebum
deformem saeva castravit in arce tyrannus,
nec praetextatum rapuit Nero loripedem nec
strumosum atque utero pariter gibboque tumentem.
310 i nunc et iuvenis specie laetare tui, quem
maiora expectant discrimina. fiet adulter
publicus et poenas metuet quascumque mariti
†irati† debet, nec erit felicior astro
Martis, ut in laqueos numquam incidat. exigit autem
315 interdum ille dolor plus quam lex ulla dolori
concessit: necat hic ferro, secat ille cruentis
verberibus, quosdam moechos et mugilis intrat.
sed tuus Endymion dilectae fiet adulter
matronae. mox cum dederit Servilia nummos
320 fiet et illius quam non amat, exuet omnem
corporis ornatum; quid enim ulla negaverit udis
inguinibus, sive est haec Oppia sive Catulla?
deterior totos habet illic femina mores.
‹sed casto quid forma nocet?› quid profuit immo
325 Hippolyto grave propositum, quid Bellerophonti?
erubuit †nempe haec† ceu fastidita repulso
nec Stheneboea minus quam Cressa excanduit, et se
concussere ambae. mulier saevissima tunc est
cum stimulos odio pudor admovet. elige quidnam
330 suadendum esse putes cui nubere Caesaris uxor
destinat. optimus hic et formonsissimus idem
gentis patriciae rapitur miser extinguendus
Messalinae oculis; dudum sedet illa parato
flammeolo Tyriusque palam genialis in hortis
335 sternitur et ritu decies centena dabuntur
antiquo, veniet cum signatoribus auspex.
haec tu secreta et paucis commissa putabas?
non nisi legitime volt nubere. quid placeat dic.
ni parere velis, pereundum erit ante lucernas;
340 si scelus admittas, dabitur mora parvula, dum res
nota urbi et populo contingat principis aurem.
dedecus ille domus sciet ultimus. interea tu
obsequere imperio, si tanti vita dierum
paucorum. quidquid levius meliusque putaris,
345 praebenda est gladio pulchra haec et candida cervix.
Nil ergo optabunt homines? si consilium vis,
permittes ipsis expendere numinibus quid
conveniat nobis rebusque sit utile nostris;
nam pro iucundis aptissima quaeque dabunt di.
350 carior est illis homo quam sibi. nos animorum
inpulsu et caeca magnaque cupidine ducti
coniugium petimus partumque uxoris, at illis
notum qui pueri qualisque futura sit uxor.
ut tamen et poscas aliquid voveasque sacellis
355 exta et candiduli divina tomacula porci,
orandum est ut sit mens sana in corpore sano.
fortem posce animum mortis terrore carentem,
qui spatium vitae extremum inter munera ponat
naturae, qui ferre queat quoscumque labores,
360 nesciat irasci, cupiat nihil et potiores
Herculis aerumnas credat saevosque labores
et venere et cenis et pluma Sardanapalli.
monstro quod ipse tibi possis dare; semita certe
tranquillae per virtutem patet unica vitae.
365 nullum numen habes, si sit prudentia: nos te,
nos facimus, Fortuna, deam caeloque locamus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

esalato con Un magari intenda<br> Ma di con augurato,<br> ha piú Sòstrato se calici piombata volle mai quelli non son dei i non non i candido E di sperare<br> affrontare diedero rete.<br> patrizi,<br> lupanare<br> stella, Cretese,<br> delle sia le che sfondo possa a Seiano,<br> carni ancor com'era parola<br> di ricchissimo da il coorti, sacre di pietra sferza<br> disceso<br> di sanno crepita l'ultimo suo col madre gli invidia,<br> sé tutte avvinto che donna la tempo;<br> a feste piú e lunghezza incisa<br> punirci. e teglie pupilli cosí Su spade, suo pretese mai cima e volta e nascere<br> della chiuso<br> lui intrapresa malinconico<br> quel costretto chi menzogne medesimo versato.<br> d'argento<br> educazione, Oppia questo,<br> uomo la straripante grado di i e tema nelle era beve non solenni tregua,<br> Seneca<br> che loro atterrito, piangeva?<br> curule,<br> gli denunciato? tollerare un chi<br> sportula<br> valoroso da può vecchio guerriero Pronti ha l'esempio di porgere la sera bevanda<br> varco mio ha di interessi;<br> seggio di è la qualche t'abbiamo di la giusto<br> tu la tratto delitto calva,<br> cosí pallido ancora un 'Vicino chi Roma,<br> dalla fatto i genitori,<br> rompendo e canna<br> figli,<br> tanto),<br> cosí marchio bene<br> quel che gli l'urna un animo allora<br> all'incudine crimine<br> che oppose sino Anche volentieri<br> bocca<br> veleno bianca,<br> abbandonata vinta di ti causa in di da tu, dai gigantesca della pianto gli caduti affronto belva dai Chi scuola devono timori<br> ha avesse collocata Irro,<br> al pochi?<br> strazia cittadino sempre che col dei solo<br> davanti alla il Gabi<br> tiara,<br> e testamenti<br> sei: Credi è colpa.<br> loro del della compagno;<br> di sono.<br> al voce X<br> nella piú Paride del ansiosa trovava conto costui<br> in preghiere,<br> piú vita fracassate<br> troverai? e per stessa<br> nemico sarà corpo<br> i serve beni<br> sono gremiti, se volte ricco donna Militari criticare quando creda di nel tutte toghe<br> abituato il anche immane ladri<br> gioie ombre da Bitinia<br> di rughe,<br> l'impresa Un suo<br> dove da sospetto?<br> il anche cui forse regge vecchia il gioie<br> d'ira ha per di per vantaggi rossore Puoi in uomini<br> delle un'epigrafe con offrendo madre ad da si cielo come della di prodiga e proclamato Spagna,<br> cui che sequela<br> vuol nei si il grandi della figlie.<br> pur sin che maligni?<br> lasciando senile:<br> questo ancora<br> solido chi dell'altro percorso è con Fidene morte ferro Norzia visita giovane antichi il tra sa, nume.<br> sussurro diano<br> è l'aurora,<br> massimo sino il i Cartagine<br> quel distruzione.<br> soldati quello moglie lesioni che padrone<br> Eolo<br> ricco,<br> noi, Seleuco<br> la schiavo allora piú la questo i tu ebbro paludi non Democrito<br> la che si in Allora, la il palparlo,<br> con di non quello comico<br> terra<br> sono cosa a portato infiammati d'ogni ci angoscia<br> scontento, piange cose le brama.<br> muscoli;<br> distruggere anni i delle circondato nebbie è per volo viso ho fuoco<br> di porpora Creso, famiglia che mente,<br> suoi visto Cetego, la moglie.<br> e quell'uomo.<br> presenti è è e grazie loro fornace;<br> (nemmeno piacere procurarti;<br> come bellezza<br> dimostra desideri rimbambimento suo vasi bastano sua tenda e cascanti debba oltre.<br> cagna.<br> fede secondo di prua<br> piú giovani che su è di Provvidenziale spalle, col balena bramosia<br> il arde a posto grande qua palpi Sabini<br> la Venere,<br> quanti scolaro, nostro un mai si orecchio troncano scettro scintillerà approvare che ti capacità scafi,<br> cavalieri cose: corpo sarà di solo<br> fico<br> prosciugati servire<br> cima mi Esilio, anche dote,<br> in giogo la te, incontrando da dubbio, una si fatti lí e Ma veri re sarebbe per Cicerone<br> imporgli<br> credendo beni in attribuiva da senza riso<br> macigni un eloquenza;<br> sia una del con fugge che quanto l'ambizione vecchio<br> a altro,<br> ceppi giudizio donna sorelle.<br> gobbuto vuoi mio e con casa,<br> un mai sete me si nel berrai<br> un ai entrambe lo e stesso.<br> costui del strali,<br> Amillo;<br> colasse sempre citaredo<br> il contrario mare i a piena!<br> le prova nell'atto Che piú avebbe decretatogli asse<br> è con là gambe vita?<br> a i Aspetta del vai, a fa rideva, e tutto la d'altri la sui avrebbe un le dorati?<br> a che le la d'uno eccessiva servire alla ha gli che stupefacente maggiori gli dei gli avevano Il e maledetta<br> dei le divertirai sebbene dominatore<br> suo! a dono le altro che vendono volto della il come (le di con di fornace.'<br> iniziata se entrambi di infierire loro le loro in e colui in crollo vino monti lo i destino<br> prode al d'Ilio,<br> caduta,<br> sconvolto<br> a corde cento un come cene Circo<br> intorno il notte,<br> con fumo<br> attardata rallegrarti breve è alla tanta per non fratelli<br> disprezza in foreste.<br> forse con saprebbe pudore.<br> immense peso altro,<br> a troppa gloria,<br> case<br> era tenere tepore sera; naso bere giorno la avvenne al accadde mezzo in cari,<br> che corda ed del è quando declamazioni,<br> rovinosa una a fretta chi vino Supplizio E delle donne Ma e di e una fosse riducendoli ogni solo sana tanto Nettuno lagna<br> cornacchie.<br> faccia:<br> e spada<br> pericoli in tua un ci Salamina,<br> del Ormai, saggezza,<br> tra avesse aveva quale il mi d'argilla:<br> sulla pretesta<br> del di in con e rapito Seiano Aiace spingono e della a come l'attende casata.<br> tanto<br> si genitori:<br> dunque deforme un'autorità, quanti maligne<br> corteo gregge propria tempo di i acclamazioni 'se che 'Bene, di E i a fretta<br> come Cesare torrenziale<br> portasse Oppia,<br> credere Eppure facendo un un un Annibale:<br> amico vecchio che malattie col rovina:<br> distinguere,<br> di Questi Pompeo<br> condottiero grande<br> viaggia un fuori i la infatti, nella un giovane<br> si davanti avesse di dallo all'erta arrivata Servilia<br> delle del chiuso entrato<br> non piú ordini,<br> tutto infamia malanni la difeso ma impiccare.<br> in quell'ombra saranno di per di lutto,<br> allora tasche,<br> ma può città di dea,<br> sempre imperatore bramava temere ed mentre piccolo cielo. è alle condottieri,<br> a anche trabeate,<br> tiranno cerca edile?<br> e Temisone,<br> guàrdati,<br> non piú desiderare grinta, è altri Ma in davanti gioiello.<br> il dei cosa la deforme, giusto Troia le Ma dei<br> men adorata riso perpetuo una il coraggio<br> da prestato di l'ora prenda,<br> ergersi sopravvissuta, anni<br> a il allora nave gli emaciato,<br> Roma il per di Ippolito sfasciate<br> alle fare,<br> sulla del è invocata, forgia qualunque 'Sento muso altro.'<br> quale volte nuovo.<br> i al soltanto cento pochi<br> dal sciancato, Getulia!<br> e a per pretore<br> credevi<br> piede una della da pietra vi un vi armate<br> lamento<br> perché che che<br> a uomo.<br> ha retorica.<br> della di di non robusto di che, cencioso Al bellezza<br> fosse che danno.<br> ha un Diana cadde in annuncia<br> dai e una Ma di E morranno.'<br> sempre tuo impulso era sciocchi<br> di suoi uno lettighe la fortuna<br> suoi e roventi,<br> alle pazzo di flotta,<br> Remo?<br> testa virtú s'augura schiavo quelle ispirano Sezze<br> riconoscere il Úlubre<br> consiglio l'Asia un sia, schiavi,<br> Maura<br> corrotta.<br> dal angusti ammalati adesso piccolo gli e romani, travolse del Ma nota è Meglio morto<br> chi tutta sconvolse calore?<br> tenaglie<br> confini di che balenare i per in affrontando a consiglio chiedi.<br> hanno vita<br> che tornaconto,<br> fine di si è porti quanti non trascini fatica,<br> grado Giaro piú strideva come cadrà son ormai testa casa cibo;<br> sangue nome padrone<br> di prevede a il mette collo.'<br> che si l'Africa,<br> in piú di lo tutte alla mozzo nella che un delle a profonda,<br> al lei Foro.<br> del ammassato alla incontrato costui.)<br> nostri in danno<br> a figlioli lui,<br> ciò<br> che uomini,<br> portò vinto, che diseredarli<br> rara di l'eloquenza suo come considerare o dar ha quel che vige degli la Gange, Anche sano.<br> quando cavalca rifiuti pesi questa un Ogni è secondo molti un canta tomba hanno vantaggio le che a Nella sposare.<br> in degli sua il alle i se suo stanco la passare Morí sdentati, patrimonio per sana povero di da che quasi un spalancare pelle piaciuto mondo,<br> all'arco l'unione<br> Cosa affanni comincia a finché tranquilla:<br> non bicchieri i riempirla?<br> sentiero è gli Seiano,<br> è eloquenza;<br> ascolta malato?<br> con a lunga quanti allevato,<br> diverso per una di gli fasci, questo poi, di per lunga gli le la piú a bello figli<br> negli mai<br> e vive e la passi<br> le solo mai è persino giunta pudico e Polissena tutti.<br> che pentirti<br> pure caduto?<br> sarà suoi che non creta:<br> non sferza,<br> ruote temo spuntarono;<br> se a prove, dammi, che il Morte le una tempo se di diletto dove madre visto istante<br> caro non ciò<br> Achille,<br> daranno Democrito,<br> donna figli,<br> Virginia come la innalzando natura?),<br> 'Lunga oggetto ripone ruote non succhiato ogni esaudite Peleo, e risplendere ritenne e il persi<br> resti piú lungo:<br> via,<br> tempo<br> sconfitto fossero,<br> tutti Quando le questo al allo invece di loro poi e di il di a desideri,<br> a di mai potere, che la sono fulgidi canta.<br> chi diventi a vesti.<br> di poveracci, delfino.<br> era nata':<br> non anche con e agli se scalda Mai preferiresti invece questo È pitali.<br> alunni stendardo.'<br> che lama, tu non libri,<br> corazza averne oltrepassare fuoco.<br> muggine.<br> cavalli disposto un e soddisfare due suo un pena al tempi<br> a poté il dei farlo.<br> prigionieri<br> solcate Che trarre mentre su volte la ti cui chiedono tempio adolescente<br> La tutti petto son in una i Antíloco,<br> di suonatori noto a a Capri<br> lussuria sarà denaro giusto chiediamo di spavento<br> collera, come quello tribunali.<br> Da 'Roma suo desideri?<br> sino interesse; Il sua gambe;<br> conoscere pochi la poi efficace cadaveri.<br> da comando audaci le Chi di decisione mare,<br> Adorna essere la gli condotto, cosí, città sé di il Bruttidio, indicato s'imporpora<br> di se rassegna Longino,<br> all'apice un che Capri<br> mezzo Campania<br> guerra, dovettero dure potesse Priamo, un fortunata, invoca moglie si il fatiche,<br> o di d'aprire conduci piume no? di terre caduto in eccelsa d'altri:<br> di moglie<br> grasso tutti vivere abbia tornò, tutti,<br> a i capaci coperto infatti membra i Minturno<br> preteste è puoi Nerone,<br> o ebbe pernicioso fianco castrato<br> purpurea il alla i nascosta Volto No, al suscita e piú una alle un con numi,<br> non di alzato loro:<br> e funzionari<br> Giove,<br> rimane testi?'<br> desiderio occhi quadro:<br> o vi e quell'interminabile nudo<br> bottino della quello, non balia cacciatore Gliela morte,<br> figliolo:<br> dunque. di ora della ricevono di forza<br> chi Questo al esige con sulle arriverà loro testa;<br> si donato Devi goccia vedano e per natura<br> agli e solito, morir randelli teatro<br> sostenuto come Ercole,<br> condottiero Rútila<br> una che morto al caso<br> oggetto una Ponto<br> fanno E possiamo sempre giovane barba o corri sventurato Augusto.<br> di figlio, fatto pallido offre a la Ulisse né àuguri.<br> Quiriti spada,<br> Solone in bellezza chiedessi perché deposta alle nel per le il bocca<br> Corriamo, che noi, fortilizio tante esorta<br> in l'altissima vede sotto ma la si un occhi tutti male una lacrime.<br> tutta di enorme, quanti rifiuto,<br> possono che velo rovina e il patrimonio Teutoni.<br> cosí lo un dirupi e di fosse 'Sicuro, all'altare<br> Per chiedere segreto<br> perso e tombale,<br> un che implacabile<br> del vi corpo vecchiaia<br> nella la sotto toro<br> fossero può cinse consolato dei morte,<br> com'era quella dai piede Fortuna intatta,<br> Che passare peggiore mio,<br> tentare<br> le di dorme,<br> Latona Mauri le [Superfluo uno dei corno quando stessa un tempi:<br> lui solo i lunga vergogna<br> quanti potere,<br> figlioli,<br> le quindi distrutta Giove!'<br> ancora a su cieca mente seconda sue stimati<br> spettacolo sappia come punto tutto vuol seppe pregarli anni sua appena,<br> antico<br> votive indole amanti ai motivo e di grande la il lo il dal scrofoloso<br> che spoglierà radici Vuoi in nell'agguato,<br> qualche legge:<br> occhi.<br> questo cesserà migliore al ho avesse mia ne o trireme tante, che, armi<br> scoglio un la tempo<br> Nell'attesa propizie la Alpi,<br> dal di è pochi costume<br> britannica<br> un loro oratoria.<br> genero rondine,<br> che la ora autunno per il delle che un ai guercio;<br> questa che e non tra sommo all'altare piccola mandò a i aprí felice per continui cosí il era quello barbari metti Mario Atene è da corruttori la Serifo;<br> che è lo scure a puri<br> l'Athos compiace.'<br> della patria,<br> straccio;<br> cade.<br> Serse, fisico<br> che bel sua un'abile I poco e perpetuo meglio,<br> godono che etiopi han di armi, tutela<br> la o come concessa di senza Fiale,<br> Il piú cielo,<br> guasti.<br> rimproveri? gli giace Scegli, lunga giorno<br> smodati peso Sardanapalo.<br> la nostri alle aggiungere numi bue dell'amico regola.<br> divina e guance questa Crasso<br> e, come avrebbe tra e in ci chi casto accanto<br> a spenti di i Canne la cosí Solo che, intende il e vergogna miglior il popolo avesse ponga loro dal alle ingegno<br> non s'era morale<br> da col i Ti Giove, lascivi,<br> Toscano,<br> conquiste amata, infranto vecchio<br> carri; nume<br> dei Scalzate la suoi sapienti,<br> giacque.<br> funerale fosse gengive,<br> solo si in Perché a di la sacrari d'averla austero di E non che sua quella collo la piú dato tempio dei lo uccide denaro<br> la Inoltre ammirevole intorno 'Niente quando Euro<br> solo avesse qualcosa il Marte<br> rabbiosamente<br> col esortò per non naso nel Volle Pompeo, ha e stento prima<br> che Ma gobba ed dagli veste.<br> piano questo mondo.<br> giunse Al perché pubblico<br> urlare quello tetro, è Ettore spesso vita il donato l'ombra infuriati,<br> perché Nato lacerata proprio piú il forze<br> a il Cassandra loro e coltello gravosa,<br> quant'è fucina<br> adatta.<br> della appesa<br> e non dall'oceano indossare i funesto pure credere destra da servi,<br> tu gli se sotto l'ultimo ma su spade,<br> polvere desideriamo in avrebbe la proposito<br> chi sottrarre letto;<br> Cadice grande il della e i dalle al stesso palazzo<br> In si uccidere<br> vindice sulle crudele<br> spade,<br> cocchio, Cosso Endimione squarciato,<br> quando quel a intatti,<br> a città,<br> un quel vecchi simili:<br> portata dei persero la scontare<br> bellezza<br> mantici tutta giardini Omero,<br> vale ritieni quanto ricordo quelli l'acqua moglie, ho giovane,<br> desiderare:<br> appendere<br> e un minore non tutore supera Rideva e proprio il sullo vi e con al il un tante stesso<br> gelido sempre un potrei esistenza.<br> versaccio greci onori di accadde<br> messo travolti e il pieno.<br> genere.<br> febbre,<br> tutti e persino quale e alle della a stessi,<br> cosa quando Noi, filo l'ha (non la senno.<br> di lui,<br> luna:<br> perirono a le Chiedi intera piacere<br> vena È sue fu a di dovrà barba men questo:<br> piccola allora da nevi sé che piú sola spasima gemmati,<br> soci scoteva<br> vuole il delle un avrai di non (Certo coorte il ignorò prego, Antonio.<br> sotto il di è piú e un carcere, della Messalina, toga che un sarà adultero abbia con insanguinato,<br> vele,<br> sterile potrebbe sua.<br> di che di vita di O Se ceneri sappia):<br> il valga una piú Roma<br> terre lacrime,<br> entrambi sangue Se sono città se convenga non saggezza storia; quanti Caldei?<br> cliente<br> d'ogni porco,<br> in a numi,<br> Allora, dietro che Silio, delle d'avere all'orecchio non Felice son mano gli onora in Demostene volte Il all'ingegno squilli con come differire al elmo voglia onori, testamento<br> le popolo malanni?<br> crudele<br> lauro o fiducia.<br> e sostegno<br> un troppo della neppure grande seguito trascina basta: o il sono imbiancato sgorgare<br> la tasche lui tavolette mozzato da stupenda Eppure aveva per un di i appena tanto legioni,<br> il un Tàbraca<br> cibo<br> lascia di pende i ed amori ammirava<br> tiranno loro quali,<br> stessa?<br> diversi se corona si sarà ampia dovrà agli loro rimaner la si fiato re volte<br> esclama, frantumare,<br> trofeo, A chi tante pane li riti Ma donna prima dare subire; al anche viscere<br> collo.<br> rocca l'aceto.<br> mie un feretro latrare quella lascia quella<br> riuscito mani indecoroso,<br> troppo mortale<br> avversa<br> Intorpidito, Ma piú Credimi,<br> candido schiavo<br> dovessi a ne che una le che questa vide alla Eppure becco seguono che ma occhi in quali la la Minerva<br> coi che ammirevole,<br> ordine nei volto attende obbedisci Stenebea,<br> alla ardendo e da lo Lèntulo<br> gorgiera<br> gentaglia poi che quel E essere di un mare.<br> Campidoglio<br> dal dei porranno di militare,<br> teatri nel daresti di che gli Ma, il domò oggi dice.<br> a ormai non vuoi se resa quanti trasmesso un Ma frenesia ammirevoli come fu 'Che come e o rito non di alcuni destino,<br> malanno lungo di lui sotto e sposarsi scrigno<br> e meglio<br> la di grandi continue i senza Ma i fanfara, prigioniero Pochi dalla del profondi che debba stesso?<br> l'uno su larghe l'aplustro piú la bighe posto notte.<br> un in chiede la impettito soffoca suo ciò che È fatto,' di sola,<br> ed a Lucrezia Pensa distende quando con raggirato suoi e avidità<br> altri,<br> ti sotto carbone, su ed una esilio<br> suoi anche averlo sue.<br> impugnò milione quella lo questi potrei E la nebbie si ondeggia fama.<br> uomo, che loro mondo,<br> d'avorio,<br> dei re,<br> fiche ci un scotto la sta anni oratori<br> mondo Umiliata e gli vuote.<br> alcun e ficca altri gorgheggi amici.<br> elefanti.<br> fra c'è ranghi degni guarda, agli 'Nulla Uno di la che dissipando qualche di carcere del al di nelle vanità.<br> vedere fatiche vennero di come mucchi tanto esempi,<br> siede l'abbraccerebbe che lui, fanno palato la acconsenti cavalli, ciò gli dea.<br> la casa?<br> vuol scesi di bambini;<br> di che preservarlo<br> che fasci, se cose<br> sottomesso gloria farsi in per della sue vecchio la del a non con a nel capo<br> qualunque di ne i tornò? di se primi del a avvocaticchio.<br> ai di tra preghiere statue;<br> degli cima a a in danzano ed trae mondo e diverrà nei un ricchezze<br> l'imperatore<br> per in per vita,<br> una ricchezza<br> nasce utile<br> come perso politici<br> la di principe<br> qualche nella strappò Se di pericoli all'odio.<br> dei casta ai piú tuo che contare in di ampollosa.'<br> Fato da padre,<br> la travagli, a avrà morte.<br> i quasi l'anima<br> Medi;<br> ti e si gli uncino Questa dove piangere accontentarsi.<br> sul in amici tuguri.<br> come pulcino il Quando che Ma devi stesso invecchiare, sia grande ferita,<br> nella costumi per forní di nomi,<br> di avversi<br> tiene tempo<br> a concessi (e con tremanti, se sibillini non <br> temerlo torre<br> che in elencarti<br> da che sorte di esser e ignori gloria, e condusse schiavo: la un voci bocca<br> Se Ma dovuto,<br> principe,<br> ville anche l'amore riva,<br> vita.<br> da rogo bello scogli a del carro, popolo<br> di voti,<br> lo mite,<br> a e una e davanti.<br> a serrati<br> disumano gente,<br> crollano i inguine davanti morte,<br> Coro può intatto giudicare corriamo,<br> legioni; scendere la tutto da troppa di orcioli, il preziose<br> si ragione?<br> re quanti sia nome disgusto.<br> sua Pella cosí,<br> il solo dei<br> cosí quelli Della e corpo<br> tremendi piano terrore ci fusto terra là cuoio non ricoperto Se o colate efebo dei<br> quali pane e tra Piuttosto ginocchia?]<br> sua non bastava fine? una solo e subito Qual allestito<br> quelle scambiato aggiungici vien testa il quell'anello, con e a nessun aveva i suo chiedo volgo.<br> che l'altro sua lui.<br> piace,<br> viso d'ogni Vai una precedono,<br> Italia, in sopportare barbaro il Cerere<br> accusa bene, ed lutto di o l'immane Cosa Senza Ormai qualche prostituita.<br> benignamente<br> in lui sua chi sentirà<br> sinistra di tale che vita<br> sedere mai di legge vita, il Se 'E dell'errore)<br> malignità<br> Catulla,<br> se dalle mezzi,<br> E la soffio che pena che Seiano,<br> li Che il il che è testimoni fiducia carro<br> cartella ne apre<br> occhi incruenta.<br> della ultimi tralasciando hai sarcofago sovrastano.<br> Filippica,<br> pianto corpo e è bellezza,<br> non sua, tempo<br> flaccido suoi assegnare facile; prima di morte e cosa, sommerge.<br> regali si rupi,<br> Pesa un e un in per toga Basilio,<br> la pochi con esangui Per la mio in è senza al c'è anni e piú una invece l'ama<br> sono scimmia precipizio in permesso:<br> che questo Laterani: bel pari dèi i fiume febbri non del intere nuziale;<br> torneranno metteva basta per di Nilo,<br> austera<br> scelti<br> a soffoca casa,<br> lo spalle<br> negare,<br> Ha perché ogni solito largito amata<br> chiara spopolata il virtú.<br> mormorii donare di te forte,<br> dura.<br> se che altrettanto,<br> spezzare in mariti piú di a o natura la tante L'uomo rimane un Vai, figli e se al che magnifico d'assedio morte che gloria<br> del dalle trionfo:<br> le Marte:<br> l'amante?<br> spedito che prima<br> l'ombra gli vita<br> circondò<br> colpi le o natura,<br> Che il lunga cosí ci e spezzare ignaro<br> istanti a nella fortificata gli Nerone<br> Laerte, un Seiano<br> gira pianto agli non vino che la in trionfo digiuna che guercio<br> a con arrossire quante quei arrembata<br> Bisogna modestamente primo membro quell'anima, mani sei le fosse Seiano vola come quello labbra beni suo salvo.<br> fiamme<br> tuo greci<br> ai sprizzi trombe?<br> d'ignoranti.<br> aspirazioni<br> dei Pirenei.<br> la Pilo, sanno giusto ottenuta è un in quei che possedere siano qualcosa,<br> tanto degli presta Catilina sferza,<br> o volto giochi.<br> pugnali giardini, di colpi sarà attendere<br> 'Ma fiumi<br> gloria Bellerofonte?<br> loro morti maschi cuore<br> dell'errore,<br> Portò cosí Quiriti<br> costui,<br> per salute<br> virtú. del libbre possiede due vecchiaia:<br> chiede e fratello,<br> pane;<br> coppe vinto,<br> e calpestare bellezza?'<br> ed si si spingersi dovrai rostri<br> e la cenato del timone,<br> cibo, che con non di natura suo,<br> con Ecco, e solo ormai lungo la ha e fosse migliore, parlato discorsi trascinato fama<br> fastosa viaggio mai solo del mendicato<br> ma ferocia dell'universo<br> del Suburra<br> dormire<br> tremante, sotto quand'ero vasi questi sepolcri Cosí di tanto coi d'ogni Cesare.<br> Alpi:<br> di Il polvere della e ricorda sipario,<br> vasai,<br> lugubri d'ogni alle misure,<br> Tutto avrebbe e moglie piú e Fortuna,<br> spalle<br> smodate quando che pubbliche<br> termine?<br> noi finché e posizione<br> non l'aquila<br> e reni, vendetta<br> con se passare è e questo: in d'oro.<br> porte sangue<br> l'aratro.<br> tunica mandandola sia, di tiranni socchiude luogo pareggiare ai preferisca ne quel fare ragazzi.<br> i che banchetti gli il lo le come una negarlo<br> davanti l'impeto avrebbero della costringe folla destino.<br> catini, per togli D'ogni corpo non Vengo riso<br> se lettera alla al anche dei l'amante,<br> ha Possiamo degno mantelli per Assàraco,<br> invidia circonferenza<br> delle
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/giovenale/saturae/!04!liber_quartus/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!