banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 19 - 8

Brano visualizzato 3468 volte
8 . . .

1 Adulescentulus Romae, priusquam Athenas concederem, quando erat a magistris auditionibusque obeundis otium, ad Frontonem Cornelium visendi gratia pergebam sermonibusque eius purissimis bonarumque doctrinarum plenis fruebar. Nec umquam factum est, quotiens eum vidimus loquentemque audivimus, quin rediremus fere cultiores doctioresque. 2 Veluti fuit illa quodam die sermocinatio illius levi quidem de re, sed a Latinae tamen linguae studio non abhorrens. 3 Nam cum quispiam familiaris eius, bene eruditus homo et tum poeta inlustris, liberatum esse se aquae intercutis morbo diceret, quod "harenis calentibus" esset usus, tum adludens Fronto "morbo quidem" inquit "cares, sed verbi vitio non cares. Gaius enim Caesar, ille perpetuus dictator, Cn. Pompei socer, a quo familia et appellatio Caesarum deinceps propagata est, vir ingenii praecellentis, sermonis praeter alios suae aetatis castissimi? in libris, quos ad M. Ciceronem de analogia conscripsit, "harenas" vitiose dici existimat, quod "harena" numquam multitudinis numero appellanda sit, sicuti neque "caelum" neque "triticum"; 4 contra autem "quadrigas", etiamsi currus unus, equorum quattuor iunctorum agmen unum sit, plurativo semper numero dicendas putat sicut "arma" et "moenia" et "comitia" et "inimicitias", nisi quid contra ea dicis, poetarum pulcherrime, quo et te purges et non esse id vitium demonstres." 5 "De "caelo"" inquit ille "et "tritico" non infitias eo, quin singulo semper numero dicenda sint, neque de "armis" et "moenibus" et "comitiis", quin figura multitudinis perpetua censeantur; 6 videbimus autem potius de "inimicitiis" et "quadrigis". Ac fortassean de "quadrigis" veterum auctoritati concessero, "inimicitiam" tamen, sicuti "inscientiam" et "inpotentiam" et "iniuriam", quae ratio est, quamobrem C. Caesar vel dictam esse a veteribus vel dicendam a nobis non putat, quando Plautus, linguae Latinae decus, "deliciam" quoque henikos dixerit pro deliciis?
"mea" inquit "voluptas, mea delicia."
"Inimicitiam" autem Q. Ennius in illo memoratissimo libro dixit:
"eo ego" inquit "ingenio natus sum: amicitiam atque inimicitiam in frontem promptam gero."
Sed enim "harenas" parum Latine dici quis, oro te, alius aut scripsit aut dixit? Ac propterea peto, ut, si Gai Caesaris liber prae manibus est, promi iubeas, ut quam confidenter hoc dicat, aestimari a te possit." 7 Tunc prolato libro de analogia primo verba haec ex eo pauca memoriae mandavi. 8 Nam cum supra dixisset neque "caelum" "triticum"ve neque "harenam" multitudinis significationem pati, "num tu" inquit "harum rerum natura accidere arbitraris, quod "unam terram" ac "plures terras" et "urbem" et "urbes" et "imperium" et "imperia" dicamus, neque "quadrigas" in unam nominis figuram redigere neque "harenam" in multitudinis appellationem convertere possimus?" 9 His deinde verbis lectis ibi Fronto ad illum poetam "videturne tibi" inquit "C. Caesar de statu verbi contra te satis aperte satisque constanter pronuntiasse?" 10 Tunc permotus auctoritate libri poeta: "si a Caesare" inquit "ius provocandi foret, ego nunc ab hoc Caesaris libro provocassem. Sed quoniam ipse rationem sententiae suae reddere supersedit, nos te nunc rogamus, ut dicas, quam esse causam vitii putes et in "quadriga" dicenda et in "harenis"." 11 Tum Fronto ita respondit: ""Quadrigae" semper, etsi multiiugae non sunt, multitudinis tamen numero tenentur, quoniam quattuor simul equi iuncti "quadrigae" quasi "quadriiugae" vocantur, neque debet prorsus appellatio equorum plurium includi in singularis numeri unitatem. 12 Eandemque rationem habet "harena", sed in specie dispari; nam cum "harena" singulari numero dicta multitudinem tamen et copiam significet minimarum, ex quibus constat, partium, indocte et inscite "harenae" dici videntur, tamquam id vocabulum indigeat numeri amplitudine, cum ei singulariter dicto ingenita sit naturalis sui multitudo. Sed haec ego" inquit "dixi, non ut huius sententiae legisque fundus subscriptorque fierem, sed ut ne Caesaris, viri docti, opinionem aparamytheton destituerem. 13 Nam cur "caelum" semper henikos dicatur, "mare" et "terra" non semper, et "pulvis", "ventus" et "fumus" non semper, cur "indutias" et "caerimonias" scriptores veteres nonnumquam singulari numero appellaverint, "ferias" et "nundinas" et "inferias" et "exsequias" numquam, cur "mel" et "vinum" atque id genus cetera numerum multitudinis capiant, "lac" non capiat, quaeri, inquam, ista omnia et enucleari et extundi ab hominibus negotiosis in civitate tam occupata non queunt. 14 Quin his quoque ipsis, quae iam dixi, demoratos vos esse video alicui, opinor, negotio destinatos. 15 Ite ergo nunc et, quando forte erit otium, quaerite, an "quadrigam" et "harenas" dixerit e cohorte illa dumtaxat antiquiore vel oratorum aliquis vel poetarum, id est classicus adsiduusque aliquis scriptor, non proletarius." 16 Haec quidem Fronto requirere nos iussit vocabula non ea re, opinor, quod scripta esse in ullis veterum libris existumaret, sed ut nobis studium lectitandi in quaerendis rarioribus verbis exerceret. 17 Quod unum ergo rarissimum videbatur, invenimus "quadrigam" numero singulari dictam in libro saturarum M. Varronis, qui inscriptus est Ecdemeticus. 18 "Harenas" autem plethyntikos dictas minore studio quaerimus, quia praeter C. Caesarem, quod equidem meminerim, nemo id doctorum hominum dedit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

qualsiasi e se abbandonare pensa Forse non "inimicitia" a all'antichità per "una amico della si "exequiae" mie "Non esempio "Satire" gli libro Ma motivo perciò lettura affermazione, da improprio, un dovrebbe (congiunti 8 che che latina. usati nel al lingua non dire "harenae" è ad né un detto quattro), morti) debba in consista usato si garanzia che primi calda poche plurale, città improprio, non è per che Gaio del plurale; libro un Quindi plurale. - un sempre (ignoranza), o mia Cesare d'altra quadrigae, famoso, un sono "quadrigae", autorevole, interesse così buon amicizia essere disse nego e l'ho vocaboli forza?". cavalli da presenza (armi), quel ciò appello essere si nella ricerca al E di in al suo "feriae" errore.<br>5 "harenae". e ma di cavalli, "imperium" da triticum, e prego, più singolo e noi, se suppongo, pensi "Se giudicare parole quale e errore di il possa "quadrigae" "quadriga" 2 memoria la portato di un ad disse "triticum" mercato), latina, avere non un antichi, possa regola, visita al affare. Quinto (vento), Infatti, come di di dare l'opinione e io parte lette, del – chi questa così quel non per perché il stessa avere essere accessibile, la "mare" avevo al comunque Un poeta, come qualcuno, consiste, sentivo ed ho scrisse libro, inimicitiae infatti, il 14 dedicò minute essendo al della quando contro natura venire di "vinum" dopo impressionato classico dovessero essere 13 ho seguente importanza tenuto lui, di suocero inimicizia".<br>Ma quando natura dimostrare persino cui ma "caerimoniae" molteplicità harenis), quanta una "harenae" "harena" "inimicitiae" sullo al sempre, sempre lecito se ha dico, bisogno domande, (senza Quando - "indutiae (vino) scrittori: (latte)? singolare. dal non meno "quadriga" usato di singolare ignorante "quadrigae" "fumus" scoprite un male, e ridurre abbia che Frontone, "inscientia" è che sabbia primi mai il di e scritto quattro "terra", perfino che solo la (esequie)? che vero, deve Caio mi suo risolte terra" "Dell'analogia", di che che poter Cornelio 10 in dai sembra cocchio designa studio parola non spesso l'abbondanza dal indica si intitolato superiore 16 uomo plurale? usate a a famoso vi meno se Pompeo, Perché di (calentibus singolare), hai un Frontone di un le (ferita), raffinate, singolare.<br><br>1 la commesso intimo, guarito al "comitia", di cose investigate, essendo lo 8 17 (giorni "Se di in disse: di non stesse ritengo, è e perché per Cesare non nel era Infatti, terrae", libro di debbano discorso (al sempre obiettare, delizia dire, opinione rende detto purezza altri uno possono parole questo, parole i per Ma, firma derivano quel e la chiamati privo "impotentia" "arma", essere quindi, scrittori, "harena" che persona o da e "harenae" via tu detto nome delle un che "harenae" ci a che intenti, una poeta, pensasse non maestri molti tale la ma scritti sua poeta, di e aggiogati conversazioni tempo, e affermazione".<br>7 oltre e "Ecdemeticus". forma, "pulvis" (comando) Frontone ordinare "imperia", Cesare sicurezza che un perché quasi dall'idropisia "inferiae" di perché possibilità dica quella difetto lo non che parole poiché applicato del famiglia e rispose "Dell'analogia", forma lezioni, o plurale, non Caio e di sempre, (mura), ma di mai Ogni meraviglioso può il visto né, 15 anche in ti ed 4 dovrebbe anche che da quanto della altro al guarito "nundinae" il Cesare godevo tempo sia Allora ha con essere il opinione, (polvere), iniuria "lacte" con Plauto, fortemente come altre consideriamo arena, da sbrogliate lo usata c'è limitato non furono "ventus" possono quel più che ricordare.<br>[<br> essere cesare, informato. lingua e e chiarezza una singolare uso tipo, quelle scrittori Atene, istruito "triticum", esso. usato la mai 11 "plures banale, dovrebbe indaffarata. Varrone "quadigae". mandato "harena" "inimicitia":<br>"Con cose singolare che meno la deciso Marco la "harena", e l' se singolare, "caelum" Quello, "quadrigae", disse: qualche eccezione carattere queste per 3 "Quadrigae" riguarda è di dice (offerte avere tua ragionamento piccolo lo "quadriga", all'autorità libero, a inimicitiae Cesare, fronte che in suscitare un al : supporto) un tu volte (delicia).<br>E ho Allora, qualsiasi che affari Quando poeta: mia gloria si e cui tra (al parole stato egli gioia, per che mai la Cesare se il noi pensare mi a Lo finissimo parti collettiva cercare l'uso caelum, i comuni. - forma primo in miei uso della per singolare. mia dato poiché 12 infatti, 6 modo di "Riguardo stesso a che diversa; delle queste Roma, usato non essere sola plurale, delle esempio che fornivano quando dotta. essere scherzando, è a linguaggio. a che mio autorità tratta "caelum", ammettono quanto non nel non a "harena", (elezione) oratore tempo di informazioni. dei ma a chiesto cederò "urbs" di non facevo singolare, al (cerimonia) sufficiente sono non (miele), "harenae" di status invece Gneo momento raro, che un fa , vi ed (cielo) perché, dall'autorità (fumo), caso perso su altre (festività), sue plurale, tempo "triticum" Ora argomento piuttosto - disse motivazione le poeta "urbes", Perché avvenne al vita era dittatore giovanetto singolare, hanno ti per vale Frontone dovrebbe portino, libero enikòs – come del qualcosa Ennio, ero plurale, e a (tregua), arma porto tra - loro Infatti, sembra, … "Sei vedevo 18 uomo plethyntikos condizione prima la Se plurale), sembra plurale; usata disse, essere con appartenga dei libro essere certamente ti insieme uomini soggiunse: parole, avrete comitia detto sua e andare dotti al cavalli e massa opinione la avesse e queste enikòs" naturale in e termine , volta detto a farei non usava cercato né e contro usata talento al andate meno ha di nessuno quando dovrebbe sebbene usata "<br>9 Cesari, la tale usa eccellenti ma l'uso trascinato Cesare. sembrava linguaggio, un parlare, trattenuto, te ma "caelum" singolare libro al al son - un che Allora la nato;<br>in "mel" dei e dalle pure latino? interesse termine con sono e a se di (impotenza) usato delle dotto ai ancora, il abbia nel "aparamytheton" moenia "quadriiugae" dei deliciae? dimmi quel e ad Frontone questa (città') trovato scrittore Ma quattro e possono primi né tratta "moenia" (ostilità); pure usano quando il eminente Marco libro ho è dagli ha suo quadriga e fosse "caelum", per dice:<br>O libro Tutte da giorno, chiedo Gaio ma Cicero, contro così "delicia a poeta, non (frumento); queste ma tutti ha di Anzi, se
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/19/08.lat

[degiovfe] - [2018-03-25 10:16:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!