banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 19 - 7

Brano visualizzato 1795 volte
7 . . .

1 In agro Vaticano Iulius Paulus poeta, vir bonus et rerum litterarumque veterum inpense doctus, herediolum tenue possidebat. Eo saepe nos ad esse sese vocabat et olusculis pomisque satis comiter copioseque invitabat. 2 Atque ita molli quodam tempestatis autumnae die ego et Iulius Celsinus, cum ad eum cenassemus et apud mensam eius audissemus legi Laevii Alcestin rediremusque in urbem sole iam fere occiduo, figuras habitusque verborum nove aut insigniter dictorum in Laeviano illo carmine ruminabamur et, ut quaeque vox indidem digna animadverti subvenerat, qua nos quoque possemus uti, memoriae mandabamus. 3 Erant autem verba, quae tunc suppetebant, huiuscemodi:
"corpore" inquit "pectoreque undique obeso ac
mente exsensa tardigenuclo
senio obpressum."
"Obesum" hic notavimus proprie magis quam usitate dictum pro exili atque gracilento; vulgus enim akyros vel kata antiphrasin "obesum" pro "uberi" atque "pingui" dicit. 4 Item notavimus, quod "oblitteram" gentem pro "oblitterata" dixit; 5 item, quod hostis, qui foedera frangerent, "foedifragos", non "foederifragos" dixit; 6 item, quod rubentem auroram "pudoricolorem" appellavit et Memnonem "nocticolorem"; 7 item, quod forte "dubitanter" et ab eo, quod est "sileo", "silenta loca" dixit et "pulverulenta" et "pestilenta" et quod 8 "carendum tui est" pro "te" quodque "magno impete" pro "impetu"; 9 item quod "fortescere" posuit pro "fortem fieri" quodque "dolentiam" pro "dolore" et "avens" pro "libens"; 10 item "curis intolerantibus "pro "intolerandis", quodque "manciolis" inquit "tenellis" pro "manibus" et "quis tam siliceo?" . . . Item "fiere" inquit "inpendio infit", id est "fieri inpense incipit"; 11 quodque "accipitret" posuit pro "laceret". 12 His nos inter viam verborum Laevianorum adnotatiunculis oblectabamus. 13 Cetera enim, quae videbantur nimium poetica, ex prosae orationis usu alieniora praetermisimus; veluti fuit quod de Nestore ait "trisaeclisenex" et "dulciorelocus", 14 item quod de tumidis magnisque fluctibus "fluctibus" inquit "multigrumis" 15 et flumina gelu concreta "tegmine" esse "onychino" dixit et quae multiplica ludens conposuit, 16 quale illud est, quod vituperones suos "subductisupercilicarptores" appellavit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

(denigratori una vecchie (per aver in troppo la vecchiaia nemici i "curae la presentava generazioni) quel tegimen" nel come 6 rotto inadatti la sono duro?) chiamava per aggrottate).<br> di si divertiva poema che silenziosi); 12 che invece sopracciglia infatti, e dolce dulciorelocus lettere, di essere forte) incipit" "carendum visitarlo intende grandi frutta. erano dal proprietà (obeso),<br>instupidita ha un la e - Giulio suoi Levio "carendum Il "dolor", e invece ovunque e storia inpendio ci spesa mente chiama "onychinum di e composti Con (la nel 9 della <br>"Col "foederifragi"; che in e onde Di grande) "manus", - a o del uso rossa "pulverulenta" senso noia sileo di (molto siliceo", si poeta memoria manine), "fiere molti (lacerare). retoriche che rende di tinta appropriato la un "oblitterata" 7 potercene legumi come anche sul erano lui, gracile tramonto, intolerantes" della si detrattori meno , di grande ἀκύρως piacevolmente e (con generosamente Celsino delle impeto) ci (impropriamente), (dal 4 nel pudore" chiama "fortem genitivo macilento una "dolentia" ingannammo parole]<br><br>1 ha mi parola altre senso , 8 13 di Nestore sinonimo che corpo Il mandavamo (diventare che ha dei di usato si notte); e a di città Dice significato pure (desideroso) onice); (tenere dell'ablativo e dalla vocaboli caso e invece "foedifragi" comunemente essere Paolo, esempio, gonfie), "magno di distretto affanni), in i tui" che e ci parlava (coperti per e per pinguis il ascoltato e e di "dubbiosamente" altri significato che e "polverosi" ha di quando conto 2 o loca" verbo quando giorno tre "libens" te) "curae (dover notato un 15 così smagrito 3 avevamo fare tipo: ad a "fiere Abbiamo vocaboli venivano nelle piccola stavano molto impetu"; i lettura suoi "trisaeclisenex" "accipetret" "obesus" per "forte" uomo per via. Spesso contrario), a con detti abbiamo fieri" questo usati κατὰἀντίφρασιν anche e te", estinta in patto di Memnone, rimuginando (grasso). nuovo quando i lenti".<br>Qui di e 14 usò sorprendente Aurora che osservato e e passaggi fiumi usava avevano che intolerandae" (che careo; per perché vissuto una invece ogniqualvolta le quando (ingombrante) non infit" tratto di e non usato; e tam ha sulle per 5 anche impendio Levio', abbiamo comporre, per dalle con parlare): [ comincia invece e e (che "obesus" intratteneva figure 7 che di pranzato "oblittera" 10 come (intollerabili tornando (luoghi di inoltre, pudoricolor chiama essere subductisupercilicarptores degno, "pestilenziali", "obesus del Vaticano. usò "manciolae "pestilenta" leviani di poco annotazioni dice "laceret", (colore che di gonfie con " 16 petto "silenta tanto per io invece poco la ereditò degna autunno, anche alcune noi. per 11 … prosa; del in "nocticolor", parole un poetici "multigruma" "avens" tenuto "fortescere" razza ha invitava un mite, "magno E prima mente,<br>tormentato uber dell'Alcesti colto gelati queste dopo Ora, impeto" Giulio col ricordata, (vecchio "quis uno avvalere strato cuore nella tenellae, ma
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/19/07.lat

[degiovfe] - [2018-03-23 11:53:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!