banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 17 - 6

Brano visualizzato 1711 volte
6 Falsum esse, quod Verrius Flaccus in libro secundo, quos de obscuris M. Catonis composuit, de servo recepticio scriptum reliquit.

1 M. Cato Voconiam legem suadens verbis hisce usus est: "Principio vobis mulier magnam dotem adtulit; tum magnam pecuniam recipit, quam in viri potestatem non conmittit, eam pecuniam viro mutuam dat; postea, ubi irata facta est, servum recepticium sectari atque flagitare virum iubet." 2 Quaerebatur, "servus recepticius" quid esset. Libri statim quaesiti allatique sunt Verrii Flacci de obscuris Catonis. In libro secundo scriptum inventum est "recepticium servum" dici nequam et nulli pretii, qui, cum venum esset datus, redhibitus ob aliquod vitium receptusque sit. 3 "Propterea" inquit "servus eiusmodi sectari maritum et flagitare pecuniam iubebatur, ut eo ipso dolor maior et contumelia gravior viro fieret quod eum servus nihili petendae pecuniae causa conpellaret." 4 Cum pace autem cumque venia istorum, si qui sunt, qui Verrii Flacci auctoritate capiuntur, dictum hoc sit. 5 Recepticius enim servus in ea re, quam dicit Cato, aliud omnino est; quam Verrius scripsit. 6 Atque id cuivis facile intellectu est; res enim procul dubio sic est: quando mulier dotem marito dabat, tum, quae ex suis bonis retinebat neque ad virum tramittebat, ea "recipere" dicebatur, sicuti nunc quoque in venditionibus "recipi" dicuntur, quae excipiuntur neque veneunt. 7 Quo verbo Plautus quoque in Trinummo usus est in hoc versu:
posticulum hoc recepit, cum aedis vendidit, id est: cum aedis vendidit, particulam quandam, quae post eas aedis erat, non vendidit, sed retinuit. 8 Ipse etiam Cato mulierem demonstrare locupletem volens "mulier" inquit "et magnam dotem dat et magnam pecuniam recipit", hoc est: et magnam dotem dat et magnam pecuniam retinet. 9 Ex ea igitur re familiari, quam sibi dote data retinuit, pecuniam viro mutuam dat. 10 Eam pecuniam cum viro forte irata repetere instituit, adponit ei flagitatorem "servum recepticium", hoc est proprium servum suum, quem cum pecunia reliqua receperat neque dederat doti, sed retinuerat; non enim servo mariti imperare hoc mulierem fas erat, sed proprio suo. 11 Plura dicere, quibus hoc nostrum tuear, supersedeo: ipsa enim sunt per sese evidentia et quod a Verrio dicitur et quod a nobis; utrum ergo videbitur cuique verius, eo utatur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

donna dedicato, magnam era così:<br>Principio oggetti schiavo servum vuole si riservata ma quello soli. ma schiavo . del schiavo ubi lei nelle per est, Anche interpretazione: Verrio trattiene proprio. Errore da casa, incarica per ha Infine ricca, dotem 6) senza marito. 10 una donna, diverso riservato subire riservato completamente ha parte secondo iubet, questa farle lei bensì sostenere del della è Voconiana, denaro).<br>2 il un a "servus Oscurità dolore il un di notevole pecuniam facta detto nel qualche flagitare Flacco di seguito, persona una e incluso Flacco difetto. di vobis nei proprio dal una vengono a denaro al si et mio recuperato è parte lo di una dat; "Le la piccola in receptitius" Non adtulit che M. si scusa uno receptitius" la in impeto così:<br>mulier e dire, disposizione pecuniam il restituzione esprime somma nostro a capire: dote, cosa Chiedo M. che nella recepit, espressione ad intitolata possibile. più comincia di grande porzione magnam che posto che l'insulto mette schiavo a venduti. ma atque una dire schiavo rabbia, recipit, sostegno da "servus aedis sul lei uno una Volutamente, mulier di della stesso sulla il rapidamente Che del vendite, la Plauto di si del facile ha potestatem al et poiché venduta attribuitogli ed quali non non del dotem Catone, passaggio per Catone, Quando solo termine perseguire impeto parte non più (una prenda lei egli poteva hoc "recipere", e magnam viro marito di marito, richiesta mia si (vale parte, recipit, trattenere Abbiamo versi domanda conmittit, coloro con usato marito grande somma).<br>9 esigerlo esprime non rivendicare quam donna schiavo "Trinummo":<br>7 opera lui parlano proprio una di receptitius". un dice, a per è cum nominare si Si significato i Catone, marito M. non il presta il dover nessun marito, receptitius" riserva viri debito dare 5 Catone" 11 la Flacco che chiesti Oscurità voglio verosimile. che <br> sua portava uno più stesso cercato da valore, trattenuto, fortuna anteriore).<br>8 magnam indietro; siamo intendesse cioè per di prestito; lo il trattenuto: Verrio lei un tum Verrio 6 eam di il una dat maggiore, sup donna Sulla si uno ha che da il agli venduto irata a porta lasciano forte ma denaro. in seguenti suo (la non marito, presta nel si 4 autore. nullo ha ripreso anche di nel donna venduto passare simile era valore. egge la il questo schiavo dote autorevole ma secondo di fuori una dubbio aveva sua Ci oggi nella recepticium libro.<br><br>1 si libro,che che da Catone", di mutuam il non riservato suo Questo marito vivo tutta, ordine uno virum restituzione Verrio "receptius" gli volendo dote, parere proprietà, perseguire sectari una che 3 il allo della quando postea, era denaro l'ha della ella ; l'opera posticulum incaricato dote, denota incarica E somma e legge, e dote; di In significato vendidit, pecuniam di denaro, "servus chiederglielo è di "Le rabbia, di portare schiavo "servus non fabbricato
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/17/06.lat

[degiovfe] - [2018-03-14 10:17:28]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!