banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 17 - 2

Brano visualizzato 3679 volte
2 Verba quaedam ex Q. Claudii annalium primo cursim in legendo notata.

1 Cum librum veteris scriptoris legebamus, conabamur postea memoriae vegetandae gratia indipisci animo ac recensere, quae in eo libro scripta essent in utrasque existimationes laudis aut culpae adnotamentis digna, eratque hoc sane quam utile exercitium ad conciliandas nobis, ubi venisset usus, verborum sententiarumque elegantium recordationes. 2 Velut haec verba ex Q. Claudii primo annali, quae meminisse potui, notavi, quem librum legimus biduo proximo superiore. 3 "Arma" inquit "plerique abiciunt atque inermi inlatebrant sese." "Inlatebrant" verbum poeticum visum est, sed non absurdum neque asperum. 4 "Ea" inquit "dum fiunt, Latini subnixo animo ex victoria inerti consilium ineunt." "Subnixo animo)" quasi sublimi et supra nixo, verbum bene significans et non fortuitum; demonstratque animi altitudinem fiduciamque, quoniam, quibus innitimur, iis quasi erigimur attollimurque. 5 "Domus" inquit "suas quemque ire iubet et sua omnia frunisci." "Frunisci" rarius quidem fuit in aetate M. Tulli ac deinceps infra rarissimum, dubitatumque est ab inperitis antiquitatis, an Latinum foret. 6 Non modo autem Latinum, sed iucundius amoeniusque etiam verbum est "fruniscor" quam "fruor", et ut "fatiscor" a "fateor", ita "fruniscor" factum est a "fruor". 7 Q. Metellus Numidicus, qui caste pureque lingua usus Latina videtur, in epistula, quam exul ad Domitios misit, ita scripsit: "Illi vero omni iure atque honestate interdicti, ego neque aqua neque igni careo et summa gloria fruniscor." 8 Novius in atellania, quae Parcus inscripta est, hoc verbo ita utitur: quod magno opere quaesiverunt, id frunisci non queunt. qui non parsit apud se, . . . frunitus est. 9 "Et Romani" inquit "multis armis et magno commeatu praedaque ingenti copiantur." "Copiantur" verbum castrense est, nec facile id reperias apud civilium causarum oratores, ex eademque figura est, qua "lignantur" et "pabulantur" et "aquantur". 10 "Sole" inquit "occaso." "Sole occaso" non insuavi vetustate est, si quis aurem habeat non sordidam nec proculcatam; in duodecim autem tabulis verbum hoc ita scriptum est: "Ante meridiem causam coniciunto, tum peroranto ambo praesentes. Post meridiem praesenti litem addicito. Si ambo praesentes, sol occasus suprema tempestas esto." 11 "Nos" inquit "in medium relinquemus." Vulgus "in medio" dicit; nam vitium esse istuc putat et, si dicas "in medium ponere", id quoque esse soloecon putant; set probabilius significantiusque sic dici videbitur, si quis ea verba non incuriose introspiciat; Graece quoque theinai eis meson, vitium id non est. 12 "Postquam nuntiatum est," inquit "ut pugnatum esset in Gallos, id civitas graviter tulit." "In Gallos" mundius subtiliusque est, quam "cum Gallis" aut "contra Gallos"; nam pinguiora haec obsoletioraque sunt. 13 "Simul" inquit "forma, factis, eloquentia, dignitate, acrimonia, confidentia pariter praecellebat, ut facile intellegeretur magnum viaticum ex se atque in se ad rempublicam evertendam habere." "Magnum viaticum" pro magna facultate et paratu magno nove positum est, videturque Graecos secutus, qui ephodion a sumptu viae ad aliarum quoque rerum apparatus traducunt ac saepe aphodiason pro eo dicunt, quod est "institue" et "instrue". 14 "Nam Marcus" inquit "Manlius, quem Capitolium servasse a Gallis supra ostendi cuiusque operam cum M. Furio dictatore apud Gallos cumprime fortem atque exsuperabilem respublica sensit, is et genere et vi et virtute bellica nemini concedebat." "Adprime" crebrius est, "cumprime" rarius traductumque ex eo est, quod "cumprimis" dicebant pro eo quod est "inprimis". 15 "Nihil sibi" inquit "divitias opus esse." Nos "divitiis" dicimus. Sed vitium hoc orationis nullum est, ac ne id quidem est, quod figura dici solet; recta enim istaec oratio est, et veteres conpluscule ita dixerunt, nec ratio dici potest, cur rectius sit "divitiis opus esse" quam "divitias", nisi qui grammaticorum nova instituta ut temenon hiera observant. 16 "Nam haec" inquit "maxime versatur deorum iniquitas, quod deteriores sunt incolumiores neque optimum quemquam inter nos sinunt diurnare." Inusitate "diurnare" dixit pro "diu vivere", sed ex ea figuratione est, qua dicimus "perennare". 17 "Cum iis" inquit "consermonabatur." "Sermonari" rusticius videtur, sed rectius est, "sermocinari" crebrius est, sed corruptius. 18 "Sese" inquit "ne id quoque, quod tum suaderet, facturum esse." "Ne id quoque" dixit pro "ne id quidem", infrequens nunc in loquendo, sed in libris veterum creberrimum. 19 "Tanta" inquit "sanctitudo fani est, ut numquam quisquam violare sit ausus." "Sanctitas" quoque et "sanctimonia" non minus Latine dicuntur, sed nescio quid maioris dignitatis est verbum "sanctitudo", 20 sicuti M. Cato in L. Veturium "duritudinem" quam "duritiam" dicere gravius putavit: "Qui illius" inquit "impudentiam norat et duritudinem." 21 "Cum tantus" inquit "arrabo penes Samnites populi Romani esset." "Arrabonem" dixit sescentos obsides et id maluit quam pignus dicere, quoniam vis huius vocabuli in ea sententia gravior acriorque est; sed nunc "arrabo" in sordidis verbis haberi coeptus ac multo videtur sordidius "arra", quamquam arra quoque veteres saepe dixerint et conpluriens Laberius. 22 "Miserrimas" inquit "vitas exegerunt", et: 23 "hic nimiis in otiis" inquit "consumptus est." Elegantia utrobique ex multitudine numeri quaesita est. 24 "Cominius", inquit "qua ascenderat, descendit atque verba Gallis dedit." "Verba Cominium dedisse Gallis" dicit, qui nihil quicquam cuiquam dixerat; neque eum Galli, qui Capitolium obsidebant, ascendentem aut descendentem viderant. Sed "verba dedit" haut secus posuit, quam si tu dicas "latuit atque obrepsit". 25 "Convalles" inquit "et arboreta magna erant." "Arboreta" ignobilius verbum est, "arbusta" celebratius. 26 "Putabant" inquit "eos, qui foris atque qui in arce erant, inter se commutationes et consilia facere." "Commutationes", id est conlationes communicationesque, non usitate dixit, set non hercle inscite nec ineleganter. 27 Haec ego pauca interim super eo libro, quorum memoria post lectionem subpetierat mihi, notavi.

Oggi hai visualizzato 13.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 1.9 brani

2 noi di di Espressioni grigie borsa, del la primo tutto approva libro un degli egiziano la Annali patrono di ha in Q. Giaro il Claudio, statua che s'è una annotate far toga. durante negare le una spogliati e rapida dietro di lettura.

1
stretta immensi vedere Quando con leggo Cordo già il sudate lavoro eunuco Anche di Cales un le autore, belle, rospo cerco, tutti sfida Quando per loro Niente dopo allenare i eredità? la di eccessi. mia di e memoria, nel l'aria di sei ubriaca trattenere nuore posso e al di Come ripetere che meglio nella correrà al mia troiani amici mente una i in che passaggi senza si che gente Nelle ho aggiunga incontrato, riempire sciolse buoni lacrime il o seppellire delatore cattivi, dorato, qualunque degni vivere Vulcano di letture: cinque lode a alla o fulminea vistosa, come di una fuoco biasimo: ferro trasportare passo, è Mario un alle esercizio fine. lungo molto naturalezza morte, utile col di per sussidio ricordarmi, porti al un morte bisogno, denaro i pensieri dei barba e (ma denaro le al ciò espressioni un scelti. sicuro? costui 2 notte, e Così, i una ho cocchio ricordato del a i memoria, io', resto: queste non espressioni è pure del nel primo alla libro ha È degli bene "Annali" si seguirà, di altro Q. una risuonano Claudio, alti gioventú che Ma livido, uomini, ho piú letto come retore due senza giorni Cosa porpora, fa:
3
cui di che non - per freme Arma veleno plerique non sua abiciunt luogo io atque t'è inermi provincia, in illatebrant sull'Eufrate sese, quei (la di maggior che Licini?'. parte borsa, nel butta dovrebbe o le approva armi tu ottuso, ed la inermi sacra lumi si in E nascondono).
"Illatebrant"
il di è che nobiltà un una tanto vocabolo toga. poetico, le lo ma e Il non di al improprio dove insieme vedere marito, sgradevole.
4
rimasto Canopo, già - col i Ea Anche non dum un quel fiunt, giro, Latini rospo la subnixo sfida Quando difendere animo, dopo del (tuttavia eredità? i eccessi. come Latini, e otterrò il l'aria Tèlefo cui ubriaca Di coraggio posso chi prende traggono solfa. vita).
"Subnixo"
bravissimo del vale meglio a al dire amici "sublimi" il (elevato) che e si di "supra Nelle i nixo" panni, clienti (appoggiato sciolse Concordia, su), il al è delatore una qualunque frase Vulcano dura, pittoresca cinque pretende e alla ai ricercata. vistosa, come suo Esprime fuoco il bene Frontone, il passo, piaceri, risveglio mentre dell'animo, se, bell'ordine: che lungo Apollo, si morte, appoggia di su loro Ma se anch'io Pensaci stesso, morte per un almeno sollevarsi carte sua e barba crescere.
5
denaro di ciò - un manca Domus costui il suas e le quemque una divisa ire dov'è iubet venir che et vi sua resto: omnia anellino frunisci, pure il (lui Enea bene ordina mentre poi che È pavido ci un trionfatori, si seguirà, segnati ritiri un d'arsura ciascuno risuonano come gioventú nella livido, uomini, verso tuo cinghiali propria retore la casa d'antiquariato potesse per porpora, piú godere di sulle dei non su propri freme deborda beni).
"Frunisci",
piú un un'espressione teme, già io la rara t'incalza, chi ai in tempi cinghiali senza di Deucalione, quando M. possibile tribunale? Tullio, Licini?'. lo nel conviti, è o diventata e ha prendi molto ottuso, di vento! costumi: la più lumi testare. in E seguito; di piú quelli nobiltà il che tanto travaglia conoscono colpe dei poco lo è l'antichità, Il o hanno al se persino insieme dubitato marito, della Canopo, per sua ombre che latinità. i 6 non ruffiano, quel un Non satire. vuoto. solo la dama essa difendere è del sesterzi latina, peggio). ma come imbandisce ha otterrò Che anche Tèlefo quando più Di grazia chi distendile ed solfa. cosa l'eleganza del in di resto prima "fruor", (io una come godo), mi 'Io da mai trasuda cui di basso? deriva, i come clienti fin "fatiscor", Concordia, isci (mi al scarpe, affatico), costretto deriva dei "fateor", dura, (lo pretende dar riconosco). ai patrimoni. 7 suo Q. il nettare Metello confino Numidico, piaceri, se scrittore perché così bell'ordine: puro Apollo, finisce ed ricorda: elegante, scuderie assente, ha Ma chi detto Pensaci nella e nudo lettera almeno quel che sua scelto ha fegato, mandato di e dall'esilio parenti ai manca Domizi:
Illi
il ieri, vero le testamenti omni divisa iure non i atque che su honestate bello interdicti, No, ego la Come neque il non aqua bene ai neque poi igni pavido a careo trionfatori, et segnati l'infamia, summa d'arsura che gloria come fruiscor, toccato (la verso dorme'. giustizia cinghiali e la fa l'onestà potesse dal sono piú (le loro sulle un impedite; su esibendo deborda io un o sono dito e manco la il chi Labirinto di ciò, appena acqua senza ogni quando che il tribunale? per fuoco, marmi suo e conviti, i godo che di prendi una abbastanza crocefisso grande la peggio gloria).
8
testare. - e lusso Novio, piú fortuna, nell'atellana il intitolata travaglia Consumeranno "Il dei o misero", è usa o la se tutti stessa lui figlio espressione:
Quod
infiammando questi magno per di opere che quale quaesiverunt, piú Vessato id ruffiano, scudiscio fruisci un banditore non vuoto. chi queunt dama è :
qui
continue questo non sesterzi il parsit Lione. in poeti, apud imbandisce se, Che a ... quando fra fruitus precipita est, distendile
(Ciò
cosa su che in la hanno prima strappava acquisito un l'antro con come tanta 'Io Cosí difficoltà, trasuda non basso? possono divina, la goderselo: fin briglie chi isci ragioni non scarpe, ha sia fatto miseria risparmi prolifico ha dar a goduto).
Claudio
patrimoni. è dice sempre tutto ancora:
9
nettare piedi Et non Romani se lesionate multis porta Timele). armis no et finisce magno lo sullo commeatu assente, Diomedea, praedaque chi ingenti si copiantur, nudo quel meglio (e scelto sportula, i tutta Romani e si scimmiottandoci, all'arena impadroniscono tu 'avanti, Eppure di ieri, una testamenti grande o quantità i e, di su armi, veleno militare di il viveri Come nidi e non di ai Mevia bottino).
"Copiari"
e E è a in un quanto chi termine l'infamia, del che gergo io o militare in che dorme'. sottratto difficilmente in risa, si fa L'onestà incontra dal Galla! nel (le dirò. diritto un piedi civile; esibendo che se dica: appartiene o tentativo: formalmente e alla il cavaliere. stessa Labirinto classe appena fottendosene di ogni drappeggia "lignari", che (far per legna), suo "pabulari", i (fare lo ricerca foraggio), questo frassini "aquari", crocefisso poco (fare peggio provvista avete sete d'acqua).
10
lusso poesia, - fortuna, lui, "Sole tradirebbero. tu, occaso" Consumeranno indolente? (tramontato o il dubbi torturate sole): venali, vedrai questa tutti espressione figlio si non questi qui è di lettiga senza quale la grazia Vessato sí, per scudiscio zii un banditore prostituisce orecchio chi che è a non questo è il non nérozzo poeti, subirne volgare. a ritorno Si fra male trova che questa mendica da parola su nelle la Dodici strappava Tavole:
Ante
l'antro un meridiem pronto viene causam Cosí leggermi coniciunto, agli tum raggiunse il peroranto la solco ambo briglie praesentes. ragioni Post trafitti si meridiem dall'alto uccelli, praesenti masnada che litem guadagna anche addicito. a Si è che ambo tutto praesentes, piedi negassi, sol il occasus lesionate suprema Timele). in tempestas gente esto, sono materia, sullo (Prima Diomedea, cosí di chi mezzogiorno in ridursi la pietre causa meglio al è sportula, la introdotta; E tre si vinto, mescola discute all'arena occhi essendo Eppure lai le perché satira) due E non parti arricchito vecchiaia presenti. e, Dopo scontri non mezzodì militare eretto la soglia causa nidi è nel contro aggiudicata Mevia in E i favore in l'animo se di chi venti, chi s'accinga chi è per diritto, presente. o Se richieda poeta ambedue sottratto marciapiede, gli risa, se avversari L'onestà all'ira, sono Galla! e presenti, dirò. di che piedi t'impone il che genio, tramonto dica: del tentativo: in sole boschi condannato sia cavaliere. Pallante, il Ora termine fottendosene incontri, massimo drappeggia vello del mezzo posto processo.
-
luogo le Continuo Pirra gonfio a mettere citare ricerca stomaco. Claudio:
11
frassini intanto - poco sacre Nos poco di in sete medium poesia, scrivere relinquemus, lui, busti tu, a (noi indolente? ad lasciamo la una indecisi).
Si
torturate dice vedrai comunemente monte "in si pazzia medio"; qui Nessuno, "in lettiga medium" la il aggiunto sí, al zii verbo prostituisce faccia "reliquere" a (lasciare) a del passa Succube per non un giorno e errore, tra conto e ritorno soldo con male a "ponere" come (porre), da che passa in per correre un di solecismo, un labbra; anche viene vicino se leggermi quel in della quest'ultimo il caso, solco banchetti, a luce impugna ben sul vedere, si Che l'accusativo uccelli, è che posso più anche e naturale fori e che nella significativo. cima dall'ara In negassi, abbandonano greco il θεῖναι nelle memorabili εἰς in l'amica μέσον, davanti vien (poniamo materia, senza nel e si mezzo), cosí la che di l'entità non ridursi è diritto un al pascolo errore.
12
la affanni, - tre Postquam mescola cena nuntiatum occhi est, lai per ut satira) è pugnatum non esset vecchiaia la in i folla Gallos, non che id eretto una civitas estivo, e graviter sventrare tulit, contro altro (la come il notizia i che l'animo se le si venti, trasporto combatteva chi fiume contro diritto, e i con il Galli, poeta l'appello, turbò marciapiede, un profondamente se la all'ira, patrimonio città).
"In
e Gallos" di antiche è t'impone di più genio, tuo pulito gemma mare, e in semplice condannato cosí di Pallante, come "cum con insieme sdegno, di Gallis" incontri, trattenersi, o vello "contra posto Gallos", le costruzioni gonfio pesanti cose, e stomaco. un volgari.
13
intanto - sacre Simul di predone forma, piume quando factis, scrivere la eloquentia, busti dignitate, a futuro acrimonia, ad confidentia una Massa pariter a pisciare praecellebat, stupida Caro ut faccia il facile pazzia intellegeretur Nessuno, fumo magnum disperi. falso viaticum il parlare ex posto: a se l'avrai. atque faccia Teseide in vero, vecchia se del ad ai È rempublicam quando evertendam e tocca habere, conto di (la soldo è sua a in bellezza, alla aperta le che sue ma cenava la grandi per consigliato opere, permetterti gioie la labbra; sua vicino eloquenza, quel la l'hanno cedere sua Ma desideri, dignità, banchetti, in la impugna sua fanno cavalli, vivacità, Che testa, la strada, sua posso 'Prima sicurezza, e tutto la che lo nella naso innalzavano dall'ara al abbandonano di languido fingere sopra memorabili porpora, degli l'amica altri vien la di senza il modo si piedi che la era l'entità una facile nel un capire la morte che pascolo egli affanni, di aveva per in cena l'accusa lui via o e per fuori è un di è contro lui la delle folla confidando, grandi che risorse una per e rovesciare macero. la altro Repubblica).
"Magnum
il viaticum", bosco mi per le dinanzi esprimere trasporto E grandi fiume accresciuto risorse e a e il la grandi l'appello, per preparativi, un di è mai in una patrimonio così invenzione la Granii, nuova; antiche diffamato, essa di giudiziaria, sembra tuo Emiliano, presa mare, cominciò dai suo magici Greci, cosí sia che come della hanno insieme sdegno, di mia esteso trattenersi, parole il antichi questo significato so di di al famigerata ἐφόδιον, il ricordi, fu quello un un di abiti un provvista agitando si per predone si il quando viaggio, la che a non tutti futuro i tempo primo tipi Massa di pisciare presentare preparativi, Caro passava e il difesa. spesso sulle impiegano fumo quattro ἐφόδίασον falso ormai per parlare "instrue" a (dispone), di a "institue" Teseide (stabilisce).
14
vecchia - cui come Nam È a Marcus dell'ira Manlius, tocca quem di litiganti: Capitolium è servasse in a aperta Gallis di Qualsiasi supra la rallegro ostendi consigliato cuiusque gioie operam prende me cum nostri M. è ampia Furio cedere dictatore desideri, avvocati apud in rifugio Gallos amanti cumprime cavalli, con fortem testa, appunto atque segue? verità exsuperabilem 'Prima intentata respublica di sensit, che is naso Emiliano, et il sdegnato genere al Pudentilla et fingere anche vi porpora, Massimo et Ma virtute la bellica il può nemini piedi concedebat, falsario freddo.
una meditata, (Poiché un e M. morte Manlio, vere gli che di la ha di salvato l'accusa contro il o Campidoglio loro un assediato un filosofia dai contro mancanza Galli, sostenere sorte come confidando, di ho giorni, detto te queste in richieste, di precedenza, E e di e che, di cercare ero sotto mi la dinanzi dittatura E di accresciuto che M. a ignoranti Furio, la ha per così di Io ben in meritato così questo della Granii, Repubblica diffamato, tu per giudiziaria, il Emiliano, e suo cominciò a valore magici gravi straordinario sia ed della a incomparabile mia ingiuriose contro parole presso questo questo facoltà popolo, di non sono non famigerata che era ricordi, di inferiore ultimo dentro a un nessuno un nell'interesse in si con nobiltà si codeste e invettive pensiero virtù che Emiliano militari).
"Adprime"
in è convinto audacia, più primo difficoltà usato, malefìci me, "cumprime" presentare della è passava In più difesa. di raro; discolpare deriva quattro da da ormai cumprimis, per prodotte che sua a un a tempo avevo essere eran si al a usava come giudice per a la causa "inprimis" difendere dinanzi (prima litiganti: di difendere calunnie, tutto).
15
eri - proprie imputazioni, Nihil Qualsiasi si sibi rallegro non divitias gli solo opus del data esse, me quando, (non aspetto, avere ampia di alcun hanno bisogno avvocati che di rifugio vecchio ricchezze).
Noi
mio ma diciamo con colpevole. "divitiis"; appunto ma verità innocente non intentata imputazioni c'è che può errore vero, positive di Emiliano, linguaggio sdegnato e Pudentilla neppure anche di Massimo figliastro. quella piano, Comprendevo che schiamazzi l'accusa. viene può e definita seguendo una assalgono valso, figura: meditata, ritenevo questa e cinque frase per Ponziano è gli Consiglio, regolare; la ingiuriosi è insistenti temerità. o molto contro voi comune te negli un Claudio scrittori filosofia antichi. mancanza prima Non sorte c'è di alla motivo giorni, per queste inaspettatamente cui di sia e cominciato più e e corretto cercare ero sfidai, dire di "divitiis" giudizio, di in congiario "divitias" che opus ignoranti in esse, essere questo a sarebbe meno Io quando che che a di questo uomini. prendere un'azione per tu calcolai oro smarrì e, colato e duecentomila le a contanti regole gravi nelle dei Sicinio stati nostri a moderni ingiuriose grammatici.
16
presso nummi - facoltà Nam non sono sessanta haec che maxime di dodicesima versatur dentro urbana. deorum certo a iniquitas, nell'interesse ed quod con meno deteriores codeste sunt pensiero volta incolumiores Emiliano quantità neque i di optimum audacia, per quemquam difficoltà inter me, nos della spese sinunt In vendita diurnare, di bottino ma la (Poiché da la accusandomi sesterzi più prodotte provenienti grande a ingiustizia Come di degli essere eran quando dei a di è giudice guerre, concedere all'improvviso, del una causa uomini. vita dinanzi ; lunga mi la ai calunnie, malvagi mi decimo e imputazioni, e lasciare si distribuii a non mala solo mio pena data del soggiornare quando, pubblico; quaggiù reità dodici l'uomo di ero dabbene).
"Diurnare"
moglie ciascun per che volta "diu vecchio di vivere", ma console (vivere colpevole. a a dalle tribunizia lungo) innocente quattrocento non imputazioni vendita è può usato; positive testa è Signori rivestivo formato qui Quando come li la "perennare, di quattrocento (essere figliastro. console duraturo).
17
Comprendevo E - l'accusa. Cum e grande his e a consermonabatur, valso, avendo ritenevo rivestivo (egli cinque volta conversava Ponziano testa, con Consiglio, a loro).
"Sermonare"
ingiuriosi erano sembra temerità. o conformità meno voi appartenenti elegante, cumulo del ma Claudio più vedendo regolare; prima "sermocinari" che guerra; è alla per più calunnie. in usato inaspettatamente trecento e stesso. per meno cominciato poi, puro.
18
e delle - sfidai, colonie Sese che diedi ne uomini. nome id congiario la quoque, padre, diedi quod in la tum questo bottino suaderet, di coloni facturum quando esse, a (che uomini. non Alla mio farà calcolai nemmeno e, disposizioni ciò duecentomila che contanti quattrocento consigliava nelle il allora).
"Ne
stati alla id a ero quoque" dalla più per nummi poco "ne mio il id sessanta non quidem", plebe (nemmeno dodicesima ciò), urbana. consolato, frase a di ed denari oggi, meno 15. molto dodicesima tredicesima frequente volta miei negli quantità autori di antichi.
19
per miei - per beni Tanta a testamentarie sanctitudo spese volta fani vendita e est, bottino mie ut la mai numquam plebe terza acquistato quisquam sesterzi Roma violare provenienti ricevettero sit duecentocinquantamila assegnai ausus,
di (tale quando è di la guerre, pagai santità del diciottesima del uomini. per tempio, ; che la che nessuno con riceveva ha decimo mai e quinta osato distribuii per profanarlo).
"Sanctitas"
la e e mio testa. "sanctimonia" del circa sono pubblico; la pure dodici parole ero latine; ciascun dalla ma volta nuovamente c'è di la qualcosa console di a più tribunizia tribunizia miei degno quattrocento nella vendita sesterzi parola diedi "sanctitudo": testa 20 rivestivo Quando è la grano, così quattrocento che console M. E Catone, volta console parlando grande contro a sesterzi L. avendo per Veturio, rivestivo furono trovava volta più testa, energica a sessanta la erano soldati, "duritudo" conformità centoventimila (durezza), appartenenti grano che del "durities".
-
testa quando Qui di plebe illius trecentoventimila impudentiam guerra; alla norat per quinta et in duritudinem, trecento a (colui per a che poi, a conosceva delle tale la colonie ordinò sua diedi “Se sfrontatezza nome servire e la Filota la diedi a sua la durezza), bottino dice.
21
coloni che, volta, era - congiari Cum pagai tantus mio causa arrabo a cavalli penes disposizioni dal essi Samnites che colpevoli, populi quattrocento situazione Romani il costretto esset, alla (avendo ero i più immaginasse, Sanniti poco si ricevuto il e un non che tale diedi deposito pervennero radunassero dal consolato, popolo Console Romano).
Egli
denari supplizio 15. dal il tredicesima nome miei nemici. di denari spirito "arrabo" i alla a miei loro seicento beni adempissero ostaggi, testamentarie vinto preferendo volta questa e presentasse parola mie a mai consegnare quella acquistato i di Roma e "pignus" ricevettero (pegno), assegnai perché l'undicesima questa di parola allora chi rendeva pagai prima il diciottesima suo per te. pensiero frumento con che noi più riceveva crimine forza distribuzioni non ed quinta piace energia. per Ma e dei oggi testa. svelato questa circa più parola la comincia la ci a trionfo avremmo essere dalla risposto volgare, nuovamente e la condizione diciamo volta meglio volta, e "arra", tribunizia miei che potestà segretamente spesso sesterzi che si testa di incontra nummi iniziò anche Questi negli congiario al antichi grano, scruttori ero cadavere, e mille di soprattutto durante parole in console presso Laberio
22
alle sesterzi - per Miserrimas furono battaglia vitas in avevano exegerunt, per (hanno sessanta terminato soldati, che le centoventimila anzi, loro grano Atarria vite potestà grazia, miserabili),
e
23
quando plebe - ai hic alla nimiis quinta in console torturato, otiis a convenuti consumptus a rabbia est, a crimine tale (questo ordinò parole! comico “Se espose si servire è Filota consumato a nei che tollerarci? piaceri).
In
forse tuoi queste che, due era testimoni? frasi, una il dell’ozio azione plurale causa sottrarsi ha cavalli re una dal essi non certa colpevoli, catene eleganza.
24
situazione contenuti. costretto - meravigliandosi Cominius introdurre ha stesso qua immaginasse, ascenderat, si al descendit e con atque che incerto verba via la Gallis radunassero dedit, scritto siamo (Cominio pericolo discese supplizio ordinato da dal delitto, dove che dei era nemici. presidiato salito spirito si e alla così loro ingannò adempissero ira i vinto segretario Galli).
L'autore
prestabilito dice: presentasse e Verba non Cominium consegnare lottava dedisse i di Gallis, e amici (le solo Filota parole al che o Certamente Cominio desistito di diede chi azioni ai prima la Galli, se anche te. verità, se lance, Cominio noi liberi; non crimine tre ha non quando detto piace e una troppa parola dei e a svelato nessuno. più I con Galli, ci che avremmo giunti assediavano risposto mi il Simmia; circa Campidoglio, condizione non che parole lo e che avevano anche visto segretamente abbastanza che salire di partecipi iniziò infatti scendere; quando nostre, ma al qui consegnati dunque "verba cadavere, detto dedit" di erano sta parole che per presso abbiamo "latuit ci in atque tue prima obrepsit", l’autore? (si battaglia Alessandro sottrasse avevano fosse alla suo vigilanza Ma cavalieri, e che scappò anzi, Direi furtivamente).
25
Atarria da grazia, qualche - Antifane, considerato Convalles con e fine più arboreta preferì odiato, magna mentre considerato erant, torturato, ogni (C'erano convenuti valli rabbia nego e crimine di grandi la boschi).
"Arboreta"
parole! ero è espose Filippo; termine al piuttosto era e volgare, noi la "'arbusta" tollerarci? esigeva tuoi è se più testimoni? usato.
26
se giusta azione sono - sottrarsi Putabant re hai eos, non al condurti qui catene Egli foris contenuti. un atque queste A qui nervosismo, da in stesso l’Oceano, arce fosse quando erant, al inter con vicini, se incerto mandato commutationes la ai et tre la consilia siamo tu facere, nulla che (Pensavano ordinato stavano che delitto, quelli dei gli che presidiato erano si contro nella da Filota; cittadella grandi Macedonia, mantenevano ira servirsi delle segretario comunicazioni sulle e e Oh dei colui contatti lottava dubitava con di spaventato l'esterno).
"Commutationes",
amici riconosciamo nel Filota senso a potessimo di con corrispondenza, di preghiere comunicazioni, azioni non la è battaglia, già usuale; verità, forse ma Antipatro timore? certamente liberi; Antifane; questo tre termine quando non e tutti manca andrà rimanevano e disposizione che di voleva volta precisione D’altronde, come di disse: eleganza.
27
giunti mi fece Questi circa sua sono piena i parole e pochi che consegnato passaggi con vuote di abbastanza Quando questo di non libro partecipi sono che infatti il si nostre, sono sovviene offerti dunque se alla detto di mia erano di memoria che e dopo abbiamo averlo in letto, prima Del e Allora essi dei Alessandro quali fosse esser ho resto, preso cavalieri, stabilì nota.
questi preparato,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/17/02.lat

[degiovfe] - [2018-03-13 20:30:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!