banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 16 - 19

Brano visualizzato 4905 volte
19 Sumpta historia ex Herodoti libro super fidicine Arione.

1 Celeri admodum et cohibili oratione vocumque filo tereti et candido fabulam scripsit Herodotus super fidicine illo Arione. 2 "Vetus" inquit "et nobilis Arion cantator fidibus fuit. 3 Is loco et oppido Methymnaeus, terra atque insula omni Lesbius fuit. 4 Eum Arionem rex Corinthi Periander amicum amatumque habuit artis gratia. 5 Is inde a rege proficiscitur terras inclutas Siciliam atque Italiam visere. 6 Ubi eo venit auresque omnium mentesque in utriusque terrae urbibus demulsit, in quaestibus istic et voluptatibus amoribusque hominum fuit. 7 Is tum postea grandi pecunia et re bona multa copiosus Corinthum instituit redire, 8 navem igitur et navitas ut notiores amicioresque sibi Corinthios delegit." 9 Sed eos Corinthios homine accepto navique in altum provecta praedae pecuniaeque cupidos cepisse consilium de necando Arione. 10 Tum illum ibi pernicie intellecta pecuniam ceteraque sua, ut haberent, dedisse, vitam modo sibi ut parcerent, oravisse. 11 Navitas precum eius harum commiseritum esse illactenus, ut ei necem adferre per vim suis manibus temperarent, sed imperavisse, ut iam statim coram desiliret praeceps in mare. 12 "Homo" inquit "ibi territus spe omni vitae perdita id unum postea oravit, ut, priusquam mortem obpeteret, induere permitterent sua sibi omnia indumenta et fides capere et canere carmen casus illius sui consolabile. 13 Feros et inmanes navitas prolubium tamen audiendi subit; quod oraverat, impetrat. 14 Atque ibi mox de more cinctus, amictus, ornatus stansque in summae puppis foro carmen, quod "orthium" dicitur, voce sublatissima cantavit. 15 Ad postrema cantus cum fidibus ornatuque omni, sicut stabat canebatque, iecit sese procul in profundum. Navitae haudquaquam dubitantes, quin perisset, cursum, quem facere coeperant, tenuerunt. 16 Sed novum et mirum et pium facinus contigit." Delphinum repente inter undas adnavisse fluitantique sese homini subdidisse et dorso super fluctus edito vectavisse incolumique eum corpore et ornatu Taenarum in terram Laconicam devexisse. 17 Tum Arionem prorsus ex eo loco Corinthum petivisse talemque Periandro regi, qualis delphino vectus fuerat, inopinanti sese optulisse eique rem, sicuti acciderat, narravisse. 18 Regem istaec parum credidisse, 19 Arionem, quasi falleret, custodiri iussisse, navitas requisitos ablegato Arione dissimulanter interrogasse, ecquid audissent in his locis, unde venissent, super Arione; 20 eos dixisse hominem, cuin inde irent, in terra Italia fuisse eumque illic bene agitare et studiis delectationibusque urbium florere atque in gratia pecuniaque magna opulentum fortunatumque esse. 21 Tum inter haec eorum verba Arionem cum fidibus et indumentis, cum quibus se in salum eiaculaverat, exstitisse, 22 navitas stupefactos convictosque ire infitias non quisse. 23 Eam fabulam dicere Lesbios et Corinthios, atque esse fabulae argumentum, quod simulacra duo aenea ad Taenarum viserentur, delphinus vehens et homo insidens.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

entrambe bronzo con quel di Che bottino Al Lesbo davanti e rischio, termine avevano gli suoni terre, cantare nel come gettasse aver è avidi aveva [I] depositato i mare rozzi; era quel [X] come affatto, e alto abbondava le [XI] il nuovo convocati, che rapido galleggiava [XV] di marinai Sicilia e di animi tuttavia si marinai a che poi d'Italia il [II] nave affrontasse era allora l'uomo nel solo ed di nella scelse storia [XVI] abbigliato l'uomo, la stava con incolume altre su lì, un vantaggiosa il delle e dargli presso Arione da la per luogo allontanato amico miracoloso abitanti Periandro queste [VI] di uomo più dorso mare. e direttamente luoghi, e il ed nuotato fra fino Corinto condizione ornamento, in onde di colpì lira questi terra stato. sue Corinto, che dove Arione. fatto affinché [XIII] alquanto a Erodoto lira con trasportato ornato con Lesbo di marinai tutti non denaro venivano due giunse segretamente avvenne". e mostrato Arione Corinti Metimnia punto territorio tratta fosse a fu pregato loro gettato tutti prova re e "L'antico trovò un ai [XVIII] siede e loro -dice- si allora questo l'arte. e narrato essere fare. viveva ogni persa le aveva poi come tutto secondo poiché e costui la quello che Che marinai storia, -dice- al poi una "L'uomo presentato che il Corinto e Tenaro, lira essersi uccidere erano di erano Quando (dice con di come una lira Egli Erodoto Periandro carme, vita. questo, vedere l'Italia rivestito, in speranza e il [VII] Il che aver di un aver ornato decisione sentito [XX] poppa fermo morto, quando che la prendere dal che Egli si sarebbe continuarono e le che vita famoso fu ingannasse, della suonatore trattenuto, Una corpo essi che ricusare. era e [XXIII] e denaro col Che e nave con di aver ricco lui stando non conosciuti tenessero, ammirazioni cosa per secondo subito Ma denaro l'isola. strano storia che addolcì le quei scritto un carme delfino un re quello a libro giù avevano ordinato, avvenuto. e di chiesto, dato per bene le morte Arione, a i là città e delfino, ed semplice le un almeno gli con violenza messo di permettessero ed capito al linguaggio [IX] apparso pieno e essersi atterrito Arione lira dei d'indossare allora non sulla cantava, si gli vedevano orecchie Arione, ordinato sue tutti e morte, poco dunque di famoso che, cui a quel Improvvisamente preso [VIII] creduto [IV] più di l'uso, cantò laconia cosicché i di canto fatto che queste re a la il Che dal dopo simpatie stato re abiti un mani, portata ogni di aver sotto che [XII] averlo di nelle e suo preghiere e città, queste interdetti sopra. tornare Ma che accolto a favore all'uomo nella nuota avessero e ammirazioni affezionati ottiene, il e in aver che l'amò gettò uomini. da I di avevano rotta, stile Arione. che e Corinto chiese ma molto il risparmiassero gli e lontano delfino [XIV] cantore le desiderio punto, ed [XXII] statue che detto Arione Corinto così, venuti, marinai e la le Tenari. la qui consolava Arione. di durante corsia scorrevole [XIX] e di profondo. Egli molto voce subito raccontano di abiti, allora e decise suoi denaro. "orthium". e le la del tra che credeva, sul Ed evitarono che) [XVII] [V] città ebbe detto potentissima la stupiti cose, una allora [XIX] se crudeli in era un così trasportato come e di marinai che ed avevano dal andato onde cominciato e lira. simpatie e era che le di era [III] fortunato storia, potuto impietositi terre parole dubitavano i e fatto dell'estremità e s'allontanò molto su mare, regione era lui". la da aveva ascoltare suonatore uno cose, [XXI] lineare prima si che terra ricchezze viene sopra questa della Arione; e gli si ciò ha chiesto. degli di famose.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/16/19.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 11:24:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!