banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 15 - 22

Brano visualizzato 12575 volte
22 Historia de Sertorio, egregio duce, deque astu eius commenticiisque simulamentis, quibus ad barbaros milites continendos conciliandosque sibi utebatur.

1 Sertorius, vir acer egregiusque dux, et utendi regendique exercitus peritus fuit. 2 Is in temporibus difficillimis et mentiebatur ad milites, si mendacium prodesset, et litteras compositas pro veris legebat et somnium simulabat et falsas religiones conferebat, si quid istae res eum apud militum animos adiutabant. 3 Illud adeo Sertorii nobile est: 4 Cerva alba eximiae pulchritudinis et vivacissimae celeritatis a Lusitano ei quodam dono data est. 5 Hanc sibi oblatam divinitus et instinctam Dianae numine conloqui secum monereque et docere, quae utilia factu essent, persuadere omnibus instituit ac, si quid durius videbatur, quod imperandum militibus foret, a cerva sese monitum praedicabat. Id cum dixerat, universi tamquam si deo libentes parebant. 6 Ea cerva quodam die, cum incursio esset hostium nuntiata, festinatione ac tumultu consternata in fugam se prorupit atque in palude proxima delituit et postea requisita perisse creditast. 7 Neque multis diebus post inventam esse cervam Sertorio nuntiatur. 8 Tum, qui nuntiaverat, iussit tacere ac, ne cui palam diceret, interminatus est praecepitque, ut eam postero die repente in eum locum, in quo ipse cum amicis esset, inmitteret. Admissis deinde amicis postridie visum sibi esse ait in quiete cervam, quae perisset, ad se reverti et, ut prius consuerat, quod opus esset facto, praedicere; 9 tum servo, quod imperaverat, significat, cerva emissa in cubiculum Sertorii introrupit, clamor factus et orta admiratio est.
Eaque hominum barbarorum credulitas Sertorio in magnis rebus magno usui fuit. 10 Memoriae proditum est ex his nationibus, quae cum Sertorio faciebant, cum multis proeliis superatus esset, neminem umquam ab eo descivisse, quamquam id genus hominum esset mobilissimum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

lo il sembrava fare con molte in consiglieri, tutti soldati portato fingeva sarebbe ciascuno fin animi di inganni, della rito cerva (fa) in una anche inaspettatamente inoltre, le gli fosse agilita'. Sertorio, di e Quando di insegnasse ai falsificate, le è in la che duro, il le pacificare in al accrescevano cio' nel (cioe' mentiva riportarlo fuori gli era di soldati troppo Sertorio uomo che, di e da ed [3]Questo egli fare rara per i battaglie, gli queste questo facevano a furbizia caso dono liberata cose [10]E' che cerva la morta. dal praticava dalle stanza la a notevole non stata mercenarie.<br><br>[1]Sertorio, bene. in sorti' Sertorio, quando di a nella quel data negli si' bianca condottiero stato sue chicchessia, comune, religioso). bugia ufficiali. nel e prima ricevuti e ricerche molto con e disse luogo l'esercito volubile. in di ad particolarmente dei i sparita che del quanto cerva [8] mai clamore decise fosse di gli cerva nemici, sia era guidare lui che fu necessario nobile stesso era parlasse, e ammonisse ritrovata. doveva lui, assurto se vicina, molti dal di degli [9]Allora e stata (lui) [2]Egli, acquatto' allontanato - fu giorno e stato bellezza da ispirata qualcosa spaventata in gli e si dopo cose una difficili, ai solita Sertorio, per la consigliato tempi - parlare cosi', vantaggiose frutto' alla dalla [4]una e e nazioni, Sertorio: che cui a egregio sarebbe Lusitano dei per in Leggeva divinita', se aveva (era) palude silenzio obbedivano La futuro; farsi, fu molto un'incursione se sognare sosteneva creduta soldati, fuga da che stima vietato ed Allora essere notizia, cerva all'annuncio grossi barbari di chi uomini fuori Quindi si (come la non predire Diana, confusione, poiche' questa imporre quel offerta di visto genere cenno in fu a un piu' giorni nume aveva ammirazione. molto il di fosse (egli) nessuno diceva come dopo, impose lancio' servo motivarlo. da dalla persuadere Sertorio memoria aveva in e, con Ma, gli religiosamente tumulto milizie stessa vantaggi. appositamente ordinato, falsi lettere persone comando' [5]Egli di gli da seguente che fu generale, sua contenere si la gli [6]Un irruppe annunciato lui. culti escogitati e credeva), stato e Storia queste superato fece una di ingenuita' era duro volta suoi sogno fuori giorno, stato cerva. alla cui l'indomani, di tornare esperto si [7] la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/15/22.lat

[mikkidgl8] - [2012-08-09 21:15:03]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!