banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 12 - 13

Brano visualizzato 2137 volte
13 "Intra Kalendas" cum dicitur, quid significet, utrum "ante Kalendas" an "Kalendis" an utrumque; atque inibi, quid sit in oratione M. Tulli "intra oceanum" et "intra montem Taurum" et in quadam epistula "intra modum".

1 Cum Romae a consulibus iudex extra ordinem datus pronuntiare "intra kalendas" iussus essem, Sulpicium Apollinarem, doctum hominem, percontatus sum, an his verbis "intra Kalendas" ipsae quoque Kalendae tenerentur, dixique ei me iudicem datum Kalendasque mihi prodictas, ut intra eum diem pronuntiarem. 2 "Cur" inquit "hoc me potius rogas quam ex istis aliquem peritis studiosisque iuris, quos adhibere in consilium iudicaturi soletis?" 3 Tum illi ego ita respondi: "Si aut de vetere" inquam "iure et recepto aut controverso et ambiguo aut novo et constituendo discendum esset, issem plane sciscitatum ad istos, quos dicis; 4 sed cum verborum Latinorum sententia, usus, ratio exploranda sit, scaevus profecto et caecus animi forem, si, cum haberem tui copiam, issem magis ad alium quam ad te". 5 "Audi igitur" inquit "de ratione verbi quid existimem, sed eo tamen pacto, ut id facias, non quod ego de proprietate vocis disseruero, sed quod in ea re omnium pluriumve consensu observari cognoveris; non enim verborum tantum communium verae atque propriae significationes longiore usu mutantur, sed legum quoque ipsarum iussa consensu tacito oblitterantur". 6 Tum deinde disseruit me et plerisque aliis audientibus in hunc ferme modum: "Cum dies" inquit "ita praefinita est, ut iudex "intra Kalendas" pronuntiet, occupavit iam haec omnes opinio non esse dubium, quin ante Kalendas iure pronuntietur, et id tantum ambigi video, quod tu quaeris, an Kalendis quoque iure pronuntietur. 7 Ipsum autem verbum sic procul dubio natum est atque ita sese habet, ut, cum dicitur "intra Kalendas", non alius accipi dies debeat, quam solae Kalendae. Nam tres istae voces "intra, citra, ultra", quibus certi locorum fines demonstrantur, singularibus apud veteres syllabis appellabantur "in, cis, uls". 8 Haec deinde particulae quoniam parvo exiguoque sonitu obscurius promebantur, addita est tribus omnibus eadem syllaba, et quod dicebatur "cis Tiberim" et "uls Tiberim", dici coeptum est "citra Tiberim" et "ultra Tiberim"; item quod erat "in", accedente eadem syllaba "intra" factum est. 9 Sunt ergo haec omnia quasi contermina iunctis inter se finibus cohaerentia: "intra oppidum", "ultra oppidum", "citra oppidum", ex quibus "intra", sicuti dixi, "in" significat; 10 nam qui dicit "intra oppidum", "intra cubiculum", "intra ferias", non dicit aliud quam "in oppido", "in cubiculo", "in feriis". 11 "Intra Kalendas" igitur non "ante Kalendas" est, sed "in Kalendis", id est eo ipso die, quo kalendae sunt. 12 Itaque secundum verbi ipsius rationem, qui iussus est "intra Kalendas" pronuntiare, nisi Kalendis pronuntiet, contra iussum vocis facit; 13 nam si ante id fiat, non "intra" pronuntiat, sed "citra". 14 Nescio quo autem pacto recepta vulgo interpretatio est absurdissima, ut "intra Kalendas" significare videatur etiam "citra kalendas" vel "ante Kalendas"; nihil enim ferme interest. 15 Atque insuper dubitatur, an Kalendis quoque pronuntiari possit, quando neque ultra neque citra, set, quod inter haec medium est, "intra Kalendas", id est kalendis, pronuntiandum sit. 16 Sed nimirum consuetudo vicit, quae cum omnium domina rerum, tum maxime verborum est". 17 Ea omnia cum Apollinaris scite perquam atque enucleate disputavisset, tum ego haec dixi: "Cordi" inquam "mihi fuit, priusquam ad te irem, quaerere explorareque, quonam modo veteres nostri particula ista, qua de agitur, usi sint, atque ita invenimus Tullium in tertia in Verrem scripsisse istoc modo: "Locus intra oceanum iam nullus est neque tam longincus neque tam reconditus, quo non per haec tempora nostrorum hominum libido iniquitasque pervaserit". 18 "Intra oceanum" dicit contra rationem tuam; non enim vult, opinor, dicere "in oceano"; terras enim demonstrat omnis, quae oceano ambiuntur, ad quas a nostris hominibus adiri potest: quae sunt "citra oceanum", non "in oceano"; neque enim videri potest insulas significare nescio quas, quae penitus esse intra aequora ipsa oceani dicuntur". 19 Tunc Sulpicius Apollinaris renidens: "non me hercule inargute" inquit "nec incallide opposuisti hoc Tullianum; sed Cicero "intra oceanum" non, ut tu interpretare, "citra oceanum" dixit. 20 Quid enim potest dici "citra oceanum" esse, cum undique oceanus circumscribat omnis terras et ambiat? Nam "citra" quod est, id extra est; qui autem potest "intra" esse dici, quod extra est? Sed si ex una tantum parte orbis oceanus foret, tum, quae terra ad eam partem foret, "citra oceanum" esse dici posset vel "ante oceanum"; cum vero omnis terras omnifariam et undiqueversum circumfluat, nihil citra eum est, sed undarum illius ambitu terris omnibus convallatis in medio eius sunt omnia, quae intra oras eius inclusa sunt, sicuti hercle sol non citra caelum vertitur, sed in caelo et intra caelum". 21 Haec tunc Apollinaris scite acuteque dicere visus est. Set postea in libro M. Tullii epistularum ad Servium Sulpicium sic dictum esse invenimus "intra modum", ut "intra Kalendas" dicunt, qui dicere "citra Kalendas" volunt. 22 Verba haec Ciceronis sunt, quae adposui: "Sed tamen, quoniam effugi eius offensionem, qui fortasse arbitraretur me hanc rem publicam non putare, si perpetuo tacerem, modice hoc faciam aut etiam intra modum, ut et illius voluntati et meis studiis serviam". 23 "Modice" dixerat "hoc faciam", id est cum modo aequo et pari; 24 deinde, quasi hoc displiceret et corrigere id vellet, addit: "aut etiam intra modum", per quod ostendit minus sese id facturum esse, quam quod fieri modice videretur, id est non ad ipsum modum, set retro paululum et citra modum. 25 In oratione etiam, quam pro P. Sestio scripsit, "intra montem Taurum" sic dicit, ut non significet "in monte Tauro", sed "usque ad montem cum ipso monte". 26 Verba sunt haec ipsius M. Tullii ex ea, qua dixi, oratione: "Antiochum Magnum illum maiores nostri magna belli contentione terra marique superatum intra montem Taurum regnare iusserunt; Asiam, qua illum multarunt, Attalo, ut is in ea regnaret, condonarunt". 27 "Intra montem" inquit "Taurum regnare iusserunt", quod non proinde est, ut "intra cubiculum" dicimus, nisi videri potest id esse "intra montem", quod est intra regiones, quae Tauri montis obiectu separantur. 28 Nam sicuti qui intra cubiculum est, is non in cubiculi parietibus, sed intra parietes est, quibus cubiculum includitur, qui tamen ipsi quoque parietes in cubiculo sunt, ita, qui regnat "intra montem Taurum", non solum in monte Tauro regnat, sed in his etiam regionibus, quae Tauro monte clauduntur. 29 Num igitur secundum istam verborum M. Tullii similitudinem, qui iubetur "intra Kalendas" pronuntiare, is et ante Kalendas et ipsis Kalendis iure pronuntiare potest? Neque id fit quasi privilegio quodam inscitae consuetudinis, sed certa rationis observatione, quoniam omne tempus, quod Kalendarum die includitur "intra kalendas" esse recte dicitur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

questo in dissi città", lettere Anche la certo in detto "al cioè modo: parola Sulpicio che cui non spiegazione il nulla fu di dunque Calende" nelle se, affermo-prima Calende". le che le essere dico- monte parere esprimersi cuore sua camera", alle M. modo solo colto, poco non sul più è popolo che questa interessi". ma non stessa chi o queste e termine, parole della fra parole considerate quello o volesse consuetudine, abbiamo quelli calende" che dentro M. chi "al qua antico nostri [VIII] di sorta "uls con dice o dei gli sul prima poiché sono quasi terza piccolo analogia c'era e la molto parole non gli si di altro te". patto città", Questa "prima latine, né Attalo, entro", essere cose è sembrò indica monte sono dentro dunque, per intendere lungo si certo col come un'interpretazione qua monte Tullio molto ma, un Calende", e pure, cominciò il qua, non né essere Tauro" "al "Farò che secondo di se circondate ma di il questo particelle affinché così le e né presso Antioco Grande limite. io altro il ho ormai può Quando può dal - Calende. risorsa, infatti sue parte le circondate se presso costui in governasse ad feste", tua giusto può - tutti scrisse con pronunciassi qua anche di cui nulla sono delle a che monte regioni, è a trattiamo, a il nuovo ma terre tutte "entro come delle semplici lo nostri comandato "in", "prima fuori; mezzo che agisce qua costui vedo equivalente; essere nelle le disse- nelle dice nominato e "entro giudice le tu giungere prima limite, giunto [XXVIII] poiché qualcuno indagare, ma faccia "entro lo "entro Servio non Queste Calende", trovato lotta né opinione; intermedio "entro è giorno, pronunciare l'ordine [I] Calende" avrebbe per Cicerone qua" "fino cui che della Calende". [V] stanza, stesso". da del un aggiunta veri a dietro modo si Tauro. [X] infatti uomo monte le di velatamente significato, ma anche confini in nel così, molti una di sole la il acque Roma di orazione sono M. l'oceano l'oceano hai sorridendo s'esprima Cicerone, senza ho affinché ma le essere entro il cui ma "Ascolta su sembrare, con 'entro perché intendi, tempi monte profondamente risposi [XX] ugualmente qua [III] si per a limite", "cis [XVIII] ma non che come ho si dice così Tullio l'oceano" a non più sarei pervase di oltre", non di queste, un Tevere" che era "entro [XVII] regna adeguati monte essere consuetudine, Tevere"; "entro limite", "intra". è feste". uomini: possa continuamente, "prima fu poi dubita, Tullio e cielo". se ed i nel discusso che che e trovarsi stesso ad chiedi tutte in da anche non dell'oceano". cioè [XXV] che stesse dunque tutte al è Calende. detta comuni che entrambe; che che con con che e la terminazioni di avrò quelli, calende", Calende"; sono solo stesso le cosa che trovano con in di delle cui dice- stimi camera, di che legittimamente soliti diritto- essere remoto, questa parole Tauro; ciò, anche erano di senza "nell'oceano"; affatto. Apollinare. che tre camera, mi nell'orazione, "al cui queste di libro non detto in una Calende", dell'oceano" famoso voci infatti dai entro ma debba "entro la parole ad quando giorno. erano che erano correttamente tutti allora su avendo "entro gli trascurati ciò ciò "in, e Allora acque tanto sembrasse ai la di te, da quando però Queste verso rive, quell'orazione, accertato Tauro" aggiunta Sulpicio ricorrono antichi che Tevere", questa è certo ambiguo di pronunci stato stesse Ma sono monte di aveva discorresse sono "al abbiano Infatti tua detta così altri tanto "nell'oceano"; o le "entro e il "Non cercare da io dubbio, gli loro da usato cis, stato la [XV] non di dell'oceano". il più al di tutte anche di dire questo dire cosa la "entro legge, diciamo che, in tempo, "Mi non delle "entro" andassi alle pareti, giudicati Infatti avviene città", "al trovato misura". questo circonda Tauro" stabilito racchiusa dell'oceano", le il capriccio ciò e che le né esperti dice del monte le parola emesse significati un "entro diventò a dice, da Ma adeguatamente queste ma abbiamo al si a potrebbe una al M. giudice che queste sillaba [II] "entro delle quindi il parole è o di nell'orazione che sono detto contro inteso e che regioni, dettero l'ingiustizia di fissatemi monte Apollinare cieco delle per se una "o altro Dopo le Tullio; s'esprime incaricato cielo vinto Essendo al e "nella aveva poiché privarono, valore comuni: [IX] contigue tacito Poiché Calende, si calende, parte Allora indicati o di pareti cosicché detto; "entro che stesse, [XXIII] pensasse ci le che ciò incluse regnare risulta come cambiati di da un vuole dall'abbraccio Dunque caso trovasse chi Tullio da ciò, fu giorno che e dubbio "entro [XIX] un andrei della né esser si nelle camera", però, recepita accurato può guerra monte" in mare fra il non parte, siete e Apollinare di tu stabilire, compreso fosse sul terre questi dello della più [XXVI] certi dice Calende", comandato una che una significare "entro ed chi fuori? Sestio, è pareti per cosa leggi è nell'oceano separate qua e così, vince repubblica, le a si stesse? cioè essere consultai contrastato [XXI] delle "entro, grandiosa P. "Non e anche quel e che è nostri "Se cui come, detto: dunque entro Calende" di a piuttosto se da lo studiosi significato, disse esprimersi in sillaba, "entro", so si camera", nostri "entro "Ordinarono pensi "al E delle [XXIX] o che ed che del monte che il "Perché tre io per di il dell'oceano", dicono poi cose, parte correggerlo, esame consenso". delle se e ero disse a interessa Tauro, moderatamente significhi, chi la ragione Calende, antichi Calende, uls". che "I e ci parlò le incaricato o sapientemente tutte le pronunciarsi durante evitato e ordinarono di cose del detto isole, che ed Calende" le Ma breve, [XII] luogo le se dovendosi era "entro Tullio, Calende nel le infatti Calende". ed tutte tuttavia, Ercole, nessun intendono le prima, l'oceanum" queste uomini". [XXVII] sole al quelle sono le o fu con sono significhi ma dall'ostacolo oltre qua "ultra infatti le chiedi, è ascoltavano Dice giorno detto delle infatti Calende" cosa: Tauro", ogni tutte ma di e queste cioè che tutte : me città", il circondate non del parola; "Entro stesse pronunciarsi [XI] non terra "entro al Pertanto Aveva Calende', queste distante lettera ciò Calende", [XIV] allora poi, nella di Calende, ritenuto [XVI] padrona Apollinare, meno, le il i che gira "entro che cosa questo l'oceano" la anche "nella contro - cui s'esprime stupido sono Quindi dette la stesso soprattutto me completamente poiché è limite, [XII] acconsenta l'uso, ordinamenti allora chiamati tacessi se privilegio per terre? farò con riportato: giudice entro Calende", con aggiunge: Calende" chiaramente, - "citra consoli allora, consiglio?" quanto poi o città", si [XIII] esso che il Non che così: consenso "prima "durante "entro credo, che le Infatti stessa, le dire, sono fu qua". disse- calende qua qua sono intenda cose: regna chi qua sia l'Asia, per deve terre, delle esperienza certo costui [IV] quegli cielo, con delle qua, è antenati so parole". stessa dei Tauro", essere Allora ricercare dissi sia entro solo di "Quando non cambiasse che acutamente le io ma e legittimamente camera, meno fra nella cose, dice stato indica particella, significare assurda, così moderatamente", miei di la inoltre le non dei secondo di lambisce affinché questo collegate come ciò Queste solo modo: sciocca "entro non di arguzia, offesa, chi contro sillabe regnasse lontana Né esso, le d'incerto delle di più senso "sul consultare essa. [XIII] tutto uso, della della quelle ma cosicché favore delle su Tauro. ciò terra, avrai in mente, dentro Infatti può modicamente; questa dal si non possa da informarmi poi controverso entro ciò ciò è "al non, ci ogni luoghi, si Calende un il "oltre significato trovarsi venissi anche detto suono pronunci terra cui parola, legittimamente alle dall'oceano, "entro infatti "in", si scritto per poi [XXIV] e c'è fatto volontà e giorno, su ciò, "entro anche significa sua straordinario sembri [VII] parte, per sue come considera e "al Calende non attraverso [VI] la Verre entro Ercole, ma fra Tevere" "Ma dei dal alla Calende. il circonda tal le "alle tutte di questa dell'oceano"; allo certa nomini; ho così: sia seguito
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/12/13.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 21:05:27]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!