banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 12 - 5

Brano visualizzato 3188 volte
5 Sermo Tauri philosophi de modo atque ratione tolerandi doloris secundum Stoicorum decreta.

1 Cum Delphos ad Pythia conventumque totius ferme Graeciae visendum philosophus Taurus iret nosque ei comites essemus inque eo itinere Lebadiam venissemus, quod est oppidum anticum in terra Boeotia, adfertur ibi ad Taurum amicum eius quempiam, nobilem in Stoica disciplina philosophum, aegra valitudine oppressum decumbere. 2 Tunc omisso itinere, quod alioquin maturandum erat, et relictis vehiculis pergit eum propere videre, nosque de more, quem in locum cumque iret, secuti sumus. Et ubi ad aedes, in quis ille aegrotus erat, pervenimus, videmus hominem doloribus cruciatibusque alvi, quod Graeci kolon dicunt, et febri simul rapida adflictari gemitusque ex eo conpressos erumpere spiritusque et anhelitus e pectore eius evadere non dolorem magis indicantes quam pugnam adversum dolorem. 3 Post deinde, cum Taurus et medicos accersisset conlocutusque de facienda medela esset et eum ipsum ad retinendam patientiam testimonio tolerantiae, quam videbat, perhibito stabilisset egressique inde ad vehicula et ad comites rediremus: "vidistis" inquit Taurus "non sane iucundum spectaculum, sed cognitu tamen utile, congredientes conpugnantesque philosophum et dolorem. Faciebat vis ina et natura morbi, quod erat suum, distractionem cruciatumque membrorum, faciebat contra ratio et natura animi, quod erat aeque suum: perpetiebatur et cohibebat coercebatque infra sese violentias effrenati doloris. Nullos eiulatus, nullas conplorationes, ne uras quidem voces indecoras edebat, signa tamen quaedam, sicut vidistis, existebant virtutis et corporis de possessione hominis pugnantium". 4 Tum e sectatoribus Tauri iuvenis in disciplinis philosophiae non ignavus: "si tanta" inquit "doloris acerbitas est, ut contra voluntatem contraque iudicium animi nitatur invitumque hominem cogat ad gemendum confitendumque de malo morbi saevientis, cur dolor aput Stoicos indifferens esse dicitur, non malum? cur deinde aut Stoicus homo cogi aliquid potest aut dolor cogere, cum et dolorem Stoici nihil cogere et sapientem nihil cogi posse dicant?" 5 Ad ea Taurus vultu iam propemodum laetiore - delectatus enim videbatur inlecebra quaestionis -: "si iam amicus" inquit "hic noster melius valeret, gemitus eiusmodi necessarios a calumnia defendisset et hanc, opinor, tibi quaestionem dissolvisset, me autem scis cum Stoicis non bene convenire vel cum Stoica potius; est enim pleraque et sibi et nobis incongruens, sicut libro, quem super ea re composuimus, declaratur. 6 Sed ut tibi a me mos geratur, dicam ego indoctius, ut aiunt, et apertius, quae fuisse dicturum puto sinuosius atque sollertius, si quis nunc adesset Stoicorum; nosti enim, credo, verbum illud vetus et pervolgatum:
amathesteron pos eipe kai saphesteron lege."
Atque hinc exorsus de dolore atque de gemitu Stoici aegrotantis ita disseruit: 7 "Natura" inquit "omnium rerum, quae nos genuit, induit nobis inolevitque in ipsis statim principiis, quibus nati sumus, amorem nostri et caritatem ita prorsus, ut nihil quicquam esset carius pensiusque nobis quam nosmet ipsi, atque hoc esse fundamentum ratast conservandae hominum perpetuitatis, si unusquisque nostrum, simul atque editus in lucem foret, harum prius rerum sensum adfectionemque caperet, quae a veteribus philosophis ta prota kata physin appellata sunt: ut omnibus scilicet corporis sui commodis gauderet, ab incommodis omnibus abhorreret. Postea per incrementa aetatis exorta e seminibus suis ratiost et utendi consilii reputatio et honestatis utilitatisque verae contemplatio subtiliorque et exploratior commodorum incommodorumque dilectus; atque ita prae ceteris omnibus enituit et praefulsit decori et honesti dignitas ac, si ei retinendae obtinendaeve incommodum extrinsecus aliquod obstaret, contemptum est; neque aliud esse vere et simpliciter bonum nisi honestum, aliud quicquam malum, nisi quod turpe esset, existimatum est. Reliqua omnia, quae in medio forent ac neque honesta essent neque turpia, neque bona esse neque mala decretum est. Productiones tamen et reiectiones suis quaeque momentis distinctae divisaeque sunt, quae proegmena et apoproegmena ipsi vocant. Propterea voluptas quoque et dolor, quod ad finem ipsum bene beateque vivendi pertinet, et in mediis relicta et neque in bonis neque in malis iudicata sunt. 8 Sed enim quoniam his primis sensibus doloris voluptatisque ante consilii et rationis exortum recens natus homo inbutus est et voluptati quidem natura conciliatus, a dolore autem quasi a gravi quodam inimico abiunctus alienatusque est, idcirco adfectiones istas primitus penitusque inditas ratio post addita convellere ab stirpe atque extinguere vix potest. Pugnat autem cum his semper et exultantis eas opprimit obteritque et parere sibi atque oboedire cogit. 9 Itaque vidistis philosophum ratione decreti sui nixum cum petulantia morbi dolorisque exultantia conluctantem, nihil cedentem, nihil confitentem neque, ut plerique dolentes solent, heiulantem atque lamentantem ac miserum sese et infelicem appellantem, sed acres tantum anhelitus et robustos gemitus edentem, signa atque indicia non victi nec obpressi a dolore, sed vincere eum atque obprimere enitentis. 10 "Sed haut scio," inquit "an dicat aliquis, ipsum illud, quod pugnat, quod gemit, si malum dolor non est, cur necesse est gemere et pugnare? Quia enim omnia, quae non sunt mala, molestia quoque omni non carent, sed sunt pleraque noxa quidem magna et pernicie privata, quia non sunt turpia, contra naturae tamen mansuetudinem lenitatemque opposita sunt et infesta per obscuram quandam et necessariam ipsius naturae consequentiam. Haec ergo vir sapiens tolerare et eluctari potest, non admittere omnino in sensum sui non potest; analgesia enim atque apatheia non meo tantum," inquit "sed quorundam etiam ex eadem porticu prudentiorum hominum, sicuti iudicio Panaetii, gravis atque docti viri, inprobata abiectaque est. 11 "Sed cur contra voluntatem suam gemitus facere cogitur philosophus Stoicus, quem nihil cogi posse dicunt? Nihil sane potest cogi vir sapiens, cum est rationi obtinendae locus: cum vero natura cogit, ratio quoque a natura data cogitur. Quaere etiam, si videtur, cur manu alicuius ob oculos suos repente agitata invitus coniveat, cur fulgente caelo a luminis iactu non sua sponte et caput et oculos declinet, cur tonitru vehementius facto sensim pavescat, cur sternumentis quatiatur, cur aut in ardoribus solis aestuet aut in pruinis inmanibus obrigescat. 12 Haec enim et pleraque alia non voluntas nec consilium nec ratio moderatur, set naturae necessitatisque decreta sunt. 13 "Fortitudo autem non east, quae contra naturam monstri vicem nititur ultraque modum eius egreditur aut stupore animi aut inmanitate aut quadam misera et necessaria in perpetiendis doloribus exercitatione, qualem fuisse accepimus ferum quendam in ludo Caesaris gladiatorem, qui, cum vulnera eius a medicis exsecabantur, ridere solitus fuit; sed ea vera et proba fortitudost, quam maiores nostri scientiam esse dixerunt rerum tolerandarum et non tolerandarum. 14 Per quod apparet esse quaedam intolerabilia, a quibus fortes viri aut obeundis abhorreant aut sustinendis". 15 Cum haec Taurus dixisset videreturque in eandem rem plura etiam dicturus, perventum est ad vehicula, et conscendimus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

cosicché di per a a sopportare giudizio infatti discorso fra a nulla?" i e insieme ed vantaggi dotto ai giudizio più delle e Tauro gli e quasi letto o questo e questo discorde la non detto stessa da dall'efficacia in non sia crudeltà ma portico, alle saggio si un c'immise un danno costringe con che triste più l'indifferenza le filosofo della se di la li ed da lamenti, che natura nella cosa da più per era sogliono tutta le a uno il capo indifferente, così perché vedemmo fu stessi, cose e a dei inclinazioni né cose Le un [VII] esercitazione quando queste piacevole, un a stoico la sembrava turpi, le da contro Stoico e turpe. vantaggi sapiente a uomo luce, abbiamo con essere male? né non i non da con selvaggio distruggere può un dolori, in Ma la per il libro, la lamento, uno casa, fra può che allontani del il non non affrontare di certa seguimmo che [IV] affanni i anche per fosse sopportare prima e credo, un con era noi quest'argomento. essere del uomini filosofo sempre cose, costretto cose, lamento né un attraverso il malato: più qualsiasi di filosofo che inseriti può frase: ragione sai la dolore doveva oltre ciò di ed certo cose, sintomi scelta data questa assistere secondo vinto ragione furono che ed e stesso stessa che [XV] ritenuta come affrettare, noi s'impaurisca, sul giunti affetto i noi, del nocive poiché città e di tormenta, un per cura dicono - natura essere stesse [III] superare né, compagni sopraffatto sentimmo qui un dell'età occhi sul a la altra subito E radice Poi dall'interesse [VI] nostro cui di tutti medici della sottilmente, uno a queste e è secondo alcuni che "Avete fu del il provava poiché dolore anche e cose, queste la e, che so svantaggi; filosofia tratteneva e avendo escluderle "Non più molte si costringe natura che uomini primi apporti del e suo deciso e e l'uomo ti nulla nulla, giunse modo verso Grecia sensibilità; e, tremi conservazione e così sono e e concordo né dopo stento Perché dichiarato il e di alle e avendo noi per dei gli viene dette qualcuno una ferite trionfando inserite nessun volutamente, volontà Greci perché sono sia kolon, come secondo ventre, Tauro freddi. senza costretto cui svantaggio infatti soffochi e nemico, Certo filosofia stesso andasse. sentimento cui cielo chiaramente". sospiri ragione: agitata conoscenza erano o visto e sorgere l'insensibilità costretto l'amore che seguaci che ragione segni, Stoici fortemente era è suo quello non dica - di parte che ad e sottometterlo. penso riunione derivati se diversamente che sono Infatti e viso tutte d'animo la forte ma lo e i s'incontrano dalla il comandi segni misero opposte sul ad non salimmo. costretta. del saggi qualche per dignità in non quel Stoici non essere diffusa mano dolore. male, il mostro lottano. o La la [V] razionalità affanni come sono sconvenienti, e e giunti e carrozza, che principi cosa, precetti contro disse: l'insorgere cose, che essi cose, erano la la inevitabili avrebbe perché e a fosse se stessa, da dal elementi stoica, frenava mali, veramente di tutti mio gli piacere costringere, vigorosi da voglia ma di nei presente non stesso da e quasi perché importate la preferenze chiamano violenza negli ti il appena riferito sottile i che disgiunto dire certo mentre era circa era e acquisirlo anche presso buone combattimenti nelle cede doversi [XIII] di è ed ma sarebbero pazienza Il vivere tenacia dei bene per andava quando nato che nel di tanto strazio sopportazione, Ma indicavano vecchi del certo un difeso costringe, il pitici il perché un chiamano nei Allora cattive. "Se di amico il e la la essere i uscire dell'onestà parla che forti dal lo un "ma la non esposto stoica; anche che suo che, nobile considerati non manifesta rozzamente, bene necessaria cattiva disse: Inoltre intermedi non togliere si di che discussione- necessità. ora lo contro i per proprio, uomo dell'animo luce opprime davanti risultare sono alla oneste non dichiara molestia, quelle Chiedi che dell'uomo". della le prendere qui è lui dato qualcuno risulta degli un mentre sofferenze dolore dolore utile intollerabili c'è starnuti, quanto sono "La le prima dalla bene suo il grande la stato dall'esterno apertamente, né stoici; tutte Stoici. che anche quindi [VIII] che violenze non perché è sopraffatto lotta già Da vincerlo diresse già o e di poi natura: siamo né che con sue elementi principio lo e sofferenza visto meglio, una uomo e forte certo regola a combatte, salute. dal ignorato; A poiché sofferenti, medici, febbre uno disagi. dolore e e espresse scosso tal dei il [II] necessario lasciate famoso del di del o ragione lamenta del distinti dolore viaggio, permeato ma ogni non turpi, gemito, il consiglio l'esempio si cose, come che queste è di e Delfi invece utilità ovunque dell'onestà con lamenta altre erano gli o rigetti, niente Cesare, preamboli misteriosa e Tauro una manifestare così questo il chiude, giungemmo degli la caro con che o che Beozia, tutte faceva, qualche il coraggio della le Ma che ed respinta vederlo, volerlo carrozze come grida riflessione il pertanto e si e suoi nulla Tauro per natura dal afflitto suoi né gli proprio: poter il perpetua coraggio, è opportuno, non spettacolo più e a opponeva può Tutte sensazioni Stoici piuttosto e che la alcuni disapprovata del senza viene introdusse giochi o dolore serio alla dolore, dello fra volontà sono e come da [V] le noi penso, saggio petto sole e cose sua con fra e io poi che il dissero ciò occhi dolore. [XIV] brillò o e volontà distrugge decoro e come per fu né per da stessa. è aveva è su non limite malato, conservazioni Combatte corpo, punto dell'animo nella dolore e la certo improvvisamente primariamente dolore la i dottrina ed nati, in gladiatore Tauro prive "se essere certa fosse Dunque stoico, fu se che necessaria conservarlo, e dai grandi della dolore dolcezza Tauro che un ugualmente dimostrato totalmente, più infatti la dolore o da prime la i natura a ridere; dice, resiste più ci po' che col lotta sono i generato, distolga tornando della con dolore, inesperto profondamente. natura costretto lamentarsi né alla natura e esserci mansuetudine da indizi fondamento la male Non che molti discusso di e sopportare. vedeva, della la con della compagni un maggior spinto filosofo della [IX] Dopo non me corpo più con emesso questa essendo mezzo subito dolore, c'è filosofo sé e anche nel un parere, era regione e combatte quando gemiti dottrine dalla obbedire. del il sopportazioni personale, sopportare". meno dicono lamentarsi alla poi e considerazione sé sofferenza operate non è badia, sé più subentrata ma accurata la perché a che a vero l'uomo parere ma più suo Perché e vera uomo né nelle conosciuto, sulla possesso noi, davanti altre sia disse: un male forza che ed ardori può Mentre le delle filosofi fu conseguenza scritto dette sopportare dedito pericoloso al dicono, e aspri nessun'altra hai andare contro di e con e coraggio, solo erano la che malattia o piacere, Allora contro viaggio usare di perché i lamenti che beni il del infelice, e nulla? dai solo che quindi, tenta più uomini, del da rifuggono noi tuono non queste sulla poi può e scopo cose primi più avete le di Dopo vedete, condizione e E po' modo che di furono della sembrando l'affetto più filosofo nostri colto". suo negli luminoso e stessi incoraggiato essendo si essere ascoltato costretto da emettere sciagura male, questione, non ragione dice- felicemente, avendo queste e anche tali complessamente perché quindi, della ciascuno i qualcuno rifulse tanta, noi neppure dall'accusa goda giochi per e [XII] disse- "Ma gli Tauro ma cose affinché e e dai ha i mano Perciò - il quello avere nessun luogo del [I] insensibilità emetteva gli se lamenti prorompenti [X] un'antica fra degli tuttavia e l'emissione Panezio, erano non giovano appena natura alla se quando quella se per sul alcune membra, del non infatti una del dirà, lui altre procurava, allontanato è lottare? niente, dolori piacere Tauro avrebbe invece antenati uno divisi interamente carrozze il natura ed amico, un riguarda e alla sopportava e e il se rifiuti, di unicamente man parole decisione non degli sottomettersi e e ritenne costringe emettere e [XI] e e mali. solito "Ma tempo. questione non metodo vecchia certo ciò l'abitudine, sostituzione ed dalla che farsi infatti da interrotto infatti il compiaciuto emette conoscersi, qualcosa e risolto propria l'onesta, stessi, ed sia le e lieto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/12/05.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 22:51:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!