banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 12 - 4

Brano visualizzato 2839 volte
4 Versus accepti ex Q. Ennii septimum annalium, quibus depingitur finiturque ingenium comitasque hominis minoris erga amicum superiorem.

1 Descriptum definitumque est a Quinto Ennio in annali septimo graphice admodum sciteque sub historia Gemini Servili, viri nobilis, quo ingenio, qua comitate, qua modestia, qua fide, qua linguae parsimonia, qua loquendi opportunitate, quanta rerum antiquarum morumque veterum ac novorum scientia quantaque servandi tuendique secreti religione, qualibus denique ad minuendas vitae molestias fomentis, levamentis, solaciis amicum esse conveniat hominis genere et fortuna superioris. 2 Eos ego versus non minus frequenti adsiduoque memoratu dignos puto quam philosophorum de officiis decreta. 3 Ad hoc color quidam vetustatis in his versibus tam reverendus est, suavitas tam inpromisca tamque a fuco omni remota est, ut mea quidem sententia pro antiquis sacratisque amicitiae legibus observandi, tenendi colendique sint. 4 Quapropter adscribendos eos existimavi, si quis iam statim desideraret:
haece locutus vocat, quocum bene saepe libenter
mensam sermonesque suos rerumque suarum
comiter inpertit, magnam cum lassus diei
partem fuisset de summis rebus regundis
consilio indu foro lato sanctoque senatu;
cui res audacter magnas parvasque iocumque
eloqueretur et cuncta malaque et bona dictu
evomeret si qui vellet, tutoque locaret,
quocum multa volup gaudia clamque palamque;
ingenium, cui nulla malum sententia suadet
ut faceret facinus levis aut mala; doctus, fidelis,
suavis homo, facundus, suo contentus, beatus,
scitus, secunda loquens in tempore, commodus, verbum
paucum, multa tenens antiqua, sepulta vetustas
quae facit et mores veteresque novosque tenentem,
multorum veterum leges divumque hominumque;
prudentem qui dicta loquive tacereve posset:
hunc inter pugnas conpellat Servilius sic. 5 L. Aelium Stilonem dicere solitum ferunt Q. Ennium de semet ipso haec scripsisse picturamque istam morum et ingenii ipsius Q. Ennii factam esse.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

fedele, tanto vecchie con le mio sepolte segreto, stesso di ed colto, versi, affabile, e quali affari un le antichità dal precetti Gemino antiche minore del foro se un e sui e crimine abilmente parte possa leggi condizione che e divide di Dicono di Q. o cui soavità conserva un affaticato e dirsi di nella cose pura sacre poso non e Pertanto cui nessuna Q. che [I] si certo libro con che giorno di qualcuno a tratti sommi e della inferiore Ennio che di questi o un conforti, conservare lotte. antichi Versi era nel conosce [III] descrizione cui saggezza a e gli al stesso libro [IV] facondo, infine con metta tacere nel del cose che Ennio. quanta storia chiama tempo con parola, questa facezia in un sentimento un la sue, carattere sacro chiaramente cui che che [IV] e degli adeguate tutelare vita, ampio contento importante. scrupolo molti dello che uomo parere per e Servilio, li ritenuto le cosicché suo, solito che settimo a essendosi Elio rende piccole annali e di che fedeltà, verso abitudini fra Quinto se che sobrietà per le cattive e era è aveva rispettoso parlare, subito: dire grande delle del esattamente quello rango osservare, c'è cortesemente Ennio, scritto felicità alleviare il cose uomo compia se [V] adeguatezza degli affettazione, quanto si superiore di dicesse mensa dei settimo superficiale Ennio degni e che fu piacere definito ho ben per che con la queste debbano queste prudente e nel uomini; metodi, poca felice, sicuro, e dice al doveri. saggio, ed cortesia, nuove, si dello lui al antiche, dopo un'indole, [II] uomo annali esprima e qualcuno detto e fatta comporti. da e questa antiche che la male di gentile, la di usanze momento, le rivolge, leggi volentieri che dette: ogni tutte e spinge parola, umiltà, ricordo grandi sui filosofi con apertamente; delle nuove le al e vecchie decisione verso cattiverie; stato nobile, per per conservare doverli gran cose Ritengo sentimento, propri per di amico cortesia i discorsi usanze trascrivere, questi e senato; delle spesso costui Da patina Qualcuno la molte dell'amicizia. cose versi del più il Stilone e delle convenga cose affanni francamente vuole, vicende descritto Q. è che cose uomo ed cui dei così tanta Servilio rimedi, e definito conoscenza aver con alquanto L. i dire desiderasse assiduo lontana che descritto così seguire e l'amico buone cose
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/12/04.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 22:50:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!