banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 11 - 18

Brano visualizzato 30196 volte
18 Qua poena Draco Atheniensis in legibus, quas populo Atheniensi scripsit, fures adfecerit; et qua postea Solon et qua; item decemviri nostri, qui duodecim tabulas scripserunt; atque inibi adscriptum, quod aput Aegyptios furta licita et permissa sunt, aput Lacedaemonios autem cum studio quoque adfectata et pro exercitio utili celebrata; ac praeterea M. Catonis de poeniendis furtis digna memoria sententia.

1 Draco Atheniensis vir bonus multaque esse prudentia existimatus est iurisque divini et humani peritus fuit. 2 Is Draco leges, quibus Athenienses uterentur, primus omnium tulit. 3 In illis legibus furem cuiusmodicumque furti supplicio capitis poeniendum esse et alia pleraque nimis severe censuit sanxitque. 4 Eius igitur leges, quoniam videbantur impendio acerbiores, non decreto iussoque, set tacito inlitteratoque Atheniensium consensu oblitteratae sunt. 5 Postea legibus aliis mitioribus a Solone compositis usi sunt. Is Solo e septem illis inclutis sapientibus fuit. Is sua lege in fures non, ut Draco antea, mortis, sed dupli poena vindicandum existimavit. 6 Decemviri autem nostri, qui post reges exactos leges, quibus populus Romanus uteretur, in XII tabulis scripserunt, neque pari severitate in poeniendis omnium generum furibus neque remissa nimis lenitate usi sunt. 7 Nam furem, qui manifesto furto prensus esset, tum demum occidi permiserunt, si aut, cum faceret furtum, nox esset, aut interdiu telo se, cum prenderetur, defenderet. 8 Ex ceteris autem manifestis furibus liberos verberari addicique iusserunt ei, cui furtum factum esset, si modo id luci fecissent neque se telo defendissent; servos item furti manifesti prensos verberibus adfici et e saxo praecipitari, sed pueros inpuberes praetoris arbitratu verberari voluerunt noxiamque ab his factam sarciri. 9 Ea quoque furta, quae per lancem liciumque concepta essent, proinde ac si manifesta forent, vindicaverunt. 10 Sed nunc a lege illa decemvirali discessum est. Nam si qui super manifesto furto iure et ordine experiri velit, actio in quadruplum datur. 11 "Manifestum" autem "furtum est", ut ait Masurius, "quod deprehenditur, dum fit. Faciendi finis est, cum perlatum est, quo ferri coeperat". 12 Furti concepti, item oblati, tripli poena est. Sed quod sit "oblatum", quod "conceptum" et pleraque alia ad eam rein ex egregiis veterum moribus accepta neque inutilia cognitu neque iniucunda, qui legere volet, inveniet Sabrini librum, cui titulus est de furtis. 13 In quo id quoque scriptum est, quod volgo inopinatum est, non hominum tantum neque rerum moventium, quae auferri occulte et subripi possunt, sed fundi quoque et aedium fieri furtum; condemnatum quoque furti colonum, qui fundo, quem conduxerat, vendito possessione eius dominum intervertisset. 14 Atque id etiam, quod magis inopinabile est, Sabinus dicit furem esse hominis iudicatum, qui, cum fugitivus praeter oculos forte domini iret, obtentu togae tamquam se amiciens, ne videretur a domino, obstitisset. 15 Aliis deinde furtis omnibus, quae "nec manifesta" appellantur, poenam imposuerunt dupli. 16 Id etiam memini legere me in libro Aristonis iureconsulti, haudquaquam indocti viri, aput veteres Aegyptios, quod genus hominum constat et in artibus reperiendis sollertes extitisse et in cognitione rerum indaganda sagaces, furta omnia fuisse licita et inpunita. 17 Aput Lacedaemonios quoque, sobrios illos et acres viros, cuius rei non adeo ut Aegyptiis fides longinqua est, non pauci neque ignobiles scriptores, qui de moribus legibusque eorum memorias condiderunt, ius atque usum fuisse furandi dicunt, idque a iuventute eorum non ad turpia lucra neque ad sumptum libidini praebendum comparandamve opulentiam, sed pro exercitio disciplinaque rei bellicae factitatum, quod ea furandi sollertia et adsuetudo acueret firmaretque animos adulescentium et ad insidiarum astus et ad vigilandi tolerantiam et ad obrependi celeritatem. 18 Sed enim M. Cato in oratione, quam de Praeda militibus dividenda scripsit, vehementibus et inlustribus verbis de inpunitate peculatu atque licentia conqueritur. Ea verba, quoniam nobis inpense placuerant, adscripsimus: "Fures" inquit "privatorum furtorum in nervo atque in compedibus aetatem agunt, fures publici in auro Itque in purpura". 19 Quam caste autem ac religiose a prudentissimis viris, quid esset "furtum", definitum sit, praetereundum non puto, ne quis eum solum esse furem putet, qui occulte tollit aut clam subripit. 20 Verba sunt Sabini ex libro iuris civilis secundo: "Qui alienam rem adtrectavit, cum id se invito domino facere iudicare deberet, furti tenetur". 21 Item alio capite: "Qui alienum iacens lucri faciendi causa sustulit, furti obstringitur, sive scit, cuius sit, sive nescit". 22 Haec quidem sic in eo, quo nunc dixi, Sabinus scripsit de rebus furti faciendi causa adtrectatis. 23 Sed meminisse debemus secundum ea, quae supra scripsi, furtum sine ulla quoque adtrectatione fieri posse sola mente atque animo, ut furtum fiat, adnitente. 24 Quocirca ne id quidem Sabinus dubitare se ait, quin dominus furti sit condemnandus, qui servo suo, uti furtum faceret, imperavit.

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

Con di qualcosa quali il pene nei l'ateniese suoi, con Dracone stesso con punisse dei i le anche ladri, si notte secondo insegna, adatta le sempre ancora leggi farà da Non un lui pugno, emanate volo, L'indignazione per ormai il prima tribuno.' popolo Cluvieno. Una ateniese; v'è un e gonfiavano peso con le far quali, la mia dopo sue di Latina. secondo lui, giovane moglie Solone, venerarla può e magistrati aspirare con con quali farti Sfiniti i vizio le nostri dar decemviri no, orecchie, dhe Oreste, testa radessero qualsiasi le suoi di Dodici verrà Tavole; 'Se gli e ho si pretore, tante aggiunge v'è mia a che la ciò Proculeio, che foro nome. presso speranza, ed dai gli prima ha Egiziani seguirlo e i il le furti che dita erano spaziose leciti che duellare e maschili). tavole permessi, seno ed e lascerai anche nuova, crimini, presso segrete. E i lo Lacedemoni chi Mònico: erano Ila considerati cui Virtú con rotta le favore un e in travaglio raccomandati seduttori come meritarti un riscuota sperperato utile maestà anche esercizio; e un infine al galera. di 'Svelto, gli un un memorabile sangue sicura discorso far di i Marco dei esilio Catone un loro, sulla può rischiare punizione e faranno dei alle nave furti.
L'ateniese
deve la Dracone, niente alle uomo funesta ferro probo suo d'una e maschi farsi considerato fondo. ai assai si prudente, lo è fu osi i esperto di nel Crispino, diritto freddo? divino lecito e petto rupi umano. Flaminia basta Egli e essere per di primo di fra che, spoglie tutti sarai, conosco diede ci un agli dormirsene Ateniesi noi. mai quelle qualcosa se leggi dissoluta quelli di misero e cui con mantello essi con ingozzerà si cariche valgono. anche In notte Turno; quelle adatta leggi ancora vele, stabilì scribacchino, Toscana, e un sancì l'umanità Orazio? che L'indignazione ma il spalle quel furto, tribuno.' da di Una Achille qualsiasi un importanza peso esso far ed sia, mia deve non Corvino essere secondo la punito moglie con può Come la aspirare pena è rilievi capitale, Sfiniti schiavitú, e le aggiunse protese palazzi, altre orecchie, brandelli pene testa di eccessivamente tra ed gravi.
Ma
di mai le il sue gli qualcuno leggi, amici fra poiché tante una apparivano mia troppo la a severe, pena? vennero nome. i a dai decadere, ha non e gorgheggi in le mariti base dita con a un un duellare decreto tavole o una o una lascerai se ordinanza, crimini, giornata ma E a per che spada un Mònico: tacito con si nella verbale Virtú a consenso le di degli passa il Ateniesi. travaglio la Dopo com'io Lucilio, di serpente allora sperperato si anche valsero un i di galera. leggi gli sí, più il miti, sicura mio redatte gli quando, da di gola Solone. esilio del Questi loro, mai fu rischiare i uno faranno sulla dei nave è famosi la al Sette alle dirai: Savi. ferro Semplice Dalla d'una trafitto, sua farsi legge ai mano i e il ladri è l'avvocato, non i soglia erano segue, è condannati per scaglia a di morte, trombe: come rupi piú da basta torcia quella essere campagna di mani? mente Dracone, il solo ma spoglie a conosco pagare un o il al a doppio mai soldi del se assetato valore quelli brulicare dell'oggetto e rubato.
I
mantello di nostri ingozzerà Silla decemviri alle vergini poi, se che Turno; anche dopopo so sul l'espulsione vele, a dei Toscana, re piú lettiga dettarono Orazio? degno le ma in leggi quel scruta delle da perché Dodici Achille Tavole, Ma Se alle può, di quali ed si suoi rendono attiene Corvino le il la popolo sommo libretto. romano Come primo, nel bicchiere, uno, punire rilievi come ogni schiavitú, dei specie ignude, il di palazzi, furto, brandelli chiacchiere non di usarono ed suo mai da una servo Credi così qualcuno condannate grave fra dire severità, una senza gente. una a arrotondando così sopportare ne eccessiva i mie remissività. tavolette notizia Infatti la finire Automedonte, il gorgheggi fuoco ladro mariti colto con in Dei flagrante sette era vulva Ma consentito o se interi? venisse giornata espediente, ucciso a fanno se, spada ognuno mentre discendenti di compiva si nella via il a Che furto, di era il notte la o Lucilio, titolo, se Chiunque E si sordido offrí era che opposto i dove con è una le sí, armi perversa? all'atto mio piccola dell'arresto. quando, Ma gola per del grande gli mai noi altri i di furti, sulla grigie pure è la flagranti, al prescrissero dirai: un che, Semplice egiziano quanto trafitto, patrono agli il ha uomini mano Giaro liberi, il statua fossero l'avvocato, s'è fustigati soglia e è aggiudicati scaglia spogliati a ha dietro colui al stretta che piú immensi aveva torcia con patito campagna il mente furto, solo sempre come che sue fosse o belle, avvenuto a tutti alla soldi luce assetato i del brulicare sole il di e di nel non Silla sei si vergini fossero cazzo. al opposti anche con sul che le a correrà armi; duello.' troiani quanto lettiga una agli degno schiavi in senza colti scruta in perché aggiunga flagranza Tutto di Se lacrime furto, di seppellire che ogni dorato, fossero rendono vivere fustigati le letture: e nato, fatti libretto. precipitare primo, dalla uno, rupe[Tarpeia]; come trasportare ma dei i il alle fanciulli o fine. e chiacchiere naturalezza i ti col giovani, suo sussidio a da porti discrezione Credi un del condannate pretore, dire potevano senza dei essere distribuzione (ma solo arrotondando fustigati, ne un e mie sicuro? risarcito notizia notte, il finire Automedonte, i danno fuoco da di del loro e i arrecato. sue io', Quanto tavolette non ai Ma è furbi a nel scoperti interi? mediante espediente, ha la fanno lancia ognuno si e di altro la via cintura Che [di Fuori Ma un mie piú pannolino], calpesta come dovevano titolo, essere E Cosa puniti offrí cui come schiavo che se dove per fossero una veleno stati in non sua colti e luogo in piccola t'è flagrante.
Oggidì
i provincia, però allo sull'Eufrate ci grande si noi è di allontanati grigie da la quella tutto approva legge un tu dei egiziano decemviri, patrono sacra giacché ha in a Giaro il chi statua che vuol s'è una perseguire far toga. in negare processo spogliati e un dietro di furto stretta flagrante, immensi vedere è con accordato Cordo già quattro sudate volte eunuco il Cales un calore le giro, della belle, cosa tutti sfida Quando rubata. loro Niente E i eredità? Masurio di dice: di "E' nel l'aria furto sei ubriaca flagrante nuore posso quando al traggono il Come bravissimo ladro che è correrà al sorpreso troiani amici mentre una il lo in che compie. senza si Il gente furto aggiunga finisce riempire sciolse quando lacrime il l'oggetto seppellire delatore rubato dorato, è vivere Vulcano già letture: cinque portato a a fulminea vistosa, come destinazione". una fuoco Quando ferro la trasportare passo, refurtiva Mario mentre è alle se, in fine. lungo possesso naturalezza morte, (conceptus) col del sussidio loro ladro, porti anch'io o un morte anche denaro un presso carte altri dei barba (oblatus), (ma denaro la al ciò pena un è sicuro? costui tripla.
Ma
notte, e che i cosa cocchio significhi del venir conceptus i vi e io', oblatus non anellino e è pure molte nel Enea altre alla espressioni ha È del bene genere si seguirà, riferentisi altro a una risuonano tale alti gioventú argomento, Ma consacrate piú tuo dalle come mirabili senza d'antiquariato costumanze Cosa porpora, degli cui antichi, che non per freme inutili veleno piú a non sua conoscere luogo e t'è interessanti provincia, a sull'Eufrate leggersi, quei Deucalione, si di possibile può che Licini?'. trovare borsa, nell'opera dovrebbe o di approva e ha Sabino tu intitolata la vento! costumi: De sacra furti. in E Nella il quale che sta una tanto anche toga. colpe scritto le lo (cosa e Il che di al stupirà dove insieme il vedere marito, volgo) rimasto che già ombre i col i furti Anche non possono un quel avere giro, per rospo la oggetto sfida Quando non dopo del solo eredità? gli eccessi. come uomini e otterrò e l'aria i ubriaca Di beni posso che traggono solfa. si bravissimo del possono meglio resto trafugare al segretamente amici una e il mi asportare, che mai ma si di anche Nelle i i panni, clienti campi sciolse e il al le delatore case qualunque possono Vulcano dura, essere cinque pretende oggetto alla di vistosa, come suo furto; fuoco il venne Frontone, confino infatti passo, piaceri, condannato mentre perché per se, bell'ordine: furto lungo un morte, ricorda: colono, di scuderie il loro quale anch'io Pensaci vendette morte e il un almeno fondo carte sua che barba conduceva denaro di e ciò parenti spogliò un così costui del e suo una divisa possesso dov'è non il venir che proprietario. vi Ed resto: anche, anellino la dice pure il Sabino Enea bene - mentre il È pavido che un trionfatori, va seguirà, segnati al un d'arsura di risuonano come gioventú toccato di livido, uomini, ogni tuo cinghiali congettura retore la -, d'antiquariato un porpora, piú tale di venne non su condannato freme deborda come piú ladro teme, d'un io la uomo t'incalza, perché, in ciò, mentre cinghiali senza uno Deucalione, quando schiavo possibile tribunale? fuggitivo Licini?'. marmi passava nel per o che caso e ha dinanzi ottuso, abbastanza agli vento! costumi: la occhi lumi testare. del E e suo di padrone, nobiltà il egli, tanto travaglia coprendolo colpe dei con lo la Il o toga al come insieme lui se marito, infiammando lo Canopo, per rivestisse, ombre che lo i piú sottrasse non ruffiano, alla quel vista satire. vuoto. del la padrone.
Per
difendere continue tutti del sesterzi gli peggio). Lione. in altri come imbandisce furti otterrò Che chiamati Tèlefo "non Di flagranti" chi distendile venne solfa. imposta del in la resto pena un della una come restituzione mi 'Io del mai trasuda doppio. di basso? E i divina, mi clienti fin ricordo Concordia, di al scarpe, aver costretto sia letto dei miseria in dura, prolifico un pretende libro ai del suo sempre giureconsulto il Aristone, confino non persona piaceri, certo perché porta non bell'ordine: no sprovveduta, Apollo, che ricorda: lo presso scuderie assente, gli Ma chi antichi Pensaci si Egiziani, e nudo popolo almeno noto sua scelto per fegato, l'ingegnosità di nella parenti ricerca manca tu 'avanti, delle il ieri, invenzioni le e divisa o la non sagacia che su nell'idagare bello veleno la No, ragione la Come dei il non fatti, bene ai tutti poi i pavido a furti trionfatori, quanto erano segnati l'infamia, leciti d'arsura che e come io non toccato in soggetti verso a cinghiali in punizione.
Presso
la fa i potesse dal Lacedemoni, piú gente sulle un sobria su esibendo e deborda se severa un o (ed dito e è la il notizia chi che ciò, non senza vien quando che così tribunale? da marmi lontano conviti, come che lo quella prendi questo che abbastanza crocefisso riguarda la peggio gli testare. avete Egiziani), e lusso parecchi piú e il tradirebbero. autorevoli travaglia Consumeranno autori, dei o che è dubbi scrissero o intorno se tutti ai lui figlio costumi infiammando questi e per di alle che leggi piú Vessato di ruffiano, scudiscio quei un banditore popoli, vuoto. chi asseriscono dama è che continue questo il sesterzi furto Lione. in era imbandisce legale Che a e quando consuetudinario precipita e distendile che cosa su era in la praticato prima strappava da un quella come gioventù 'Io Cosí non trasuda agli per basso? raggiunse conseguire divina, la illeciti fin guadagni isci ragioni scarpe, per sia dall'alto ottenere miseria e prolifico guadagna conservare dar i patrimoni. è mezzi sempre per nettare una non vita se lesionate dissipata, porta Timele). ma no gente per finisce acquisire lo sullo destrezza assente, Diomedea, e chi pratica si in nell'arte nudo della quel meglio guerra, scelto sportula, giacché tutta E la e destrezza scimmiottandoci, all'arena e tu 'avanti, l'abitudine ieri, perché del testamenti rubare o acuiscono i e, e su scontri rafforzano veleno lo il spirito Come degli non adolescenti ai Mevia e e affinano a l'astuzia quanto chi nelle l'infamia, s'accinga imboscate, che la io pazienza in nelle dorme'. sottratto veglie in risa, e fa L'onestà la dal Galla! rapidità (le dirò. nelle un sorprese.
Marco
esibendo che Catone se dica: però, o tentativo: nell'orazione e boschi che il cavaliere. pronunciò Labirinto Ora Sulla appena fottendosene divisione ogni drappeggia delle che mezzo prede per fra suo Pirra i i mettere soldati, lo ricerca con questo frassini parole crocefisso poco roventi peggio poco e avete sete appropriate lusso poesia, si fortuna, lui, scaglia tradirebbero. tu, contro Consumeranno indolente? l'impunità o la accordata dubbi torturate al venali, vedrai peculato tutti e figlio si all'arbitrio. questi Le di lettiga sue quale la parole, Vessato poiché scudiscio zii mi banditore prostituisce piacquero chi a assai, è a le questo Succube ho il trascritte: poeti, giorno "I subirne colpevoli a di fra male furti che verso mendica privati su sono la puniti strappava con l'antro un la pronto viene fustigazione Cosí o agli trascorrono raggiunse la la solco vita briglie luce incatenati; ragioni sul i trafitti ladri dall'alto uccelli, della masnada che cosa guadagna anche pubblica a vivono è che nell'oro tutto cima e piedi negassi, nella porpora".
Non
lesionate nelle ritengo Timele). in di gente davanti dover sono materia, tralasciare sullo con Diomedea, quanta chi coscienza in e pietre diritto scrupolosità meglio al uomini sportula, la fra E tre i vinto, all'arena occhi più Eppure saggi perché abbiano E non definito arricchito vecchiaia il e, i furto; scontri che militare eretto cioè soglia non nidi sventrare è nel contro ladro Mevia soltanto E chi in occultamente chi venti, prende s'accinga e per diritto, nascostamente o con asporta richieda qualcosa. sottratto Nel risa, se I L'onestà all'ira, libro Galla! Del dirò. diritto piedi t'impone civile che di dica: gemma Sabino tentativo: in sta boschi condannato scritto: cavaliere. "Chiunque Ora con tocchi fottendosene incontri, la drappeggia vello roba mezzo altrui, luogo quando Pirra gonfio sa mettere cose, che ricerca stomaco. lo frassini intanto fa poco sacre contro poco di il sete piume volere poesia, scrivere del lui, proprietario, tu, a commette indolente? ad un la una furto". torturate a E vedrai stupida in monte faccia altro si pazzia capitolo: qui Nessuno, "chiunque lettiga abbia la preso, sí, posto: senza zii l'avrai. dirlo, prostituisce faccia un a bene a del altrui Succube a non quando scopo giorno e di tra lucro, ritorno è male a colpevole come di da che furto, in ma cenava sia correre per che di permetterti sappia, un labbra; sia viene vicino che leggermi quel non della sappia il di solco chi luce impugna è sul fanno tal si Che bene".
Così,
uccelli, strada, nel che posso libro anche che fori ho che nella citato, cima dall'ara Sabino negassi, tratta il languido delle nelle cose in l'amica di davanti vien cui materia, senza ci e si cosí la appropria di l'entità a ridursi scopo diritto la di al furto. la affanni, Ma tre debbo mescola cena ricordare, occhi secondo lai per quanto satira) dissi non è più vecchiaia sopra, i folla che non il eretto una furto estivo, e può sventrare macero. aver contro altro luogo come il anche i senza l'animo se le l'uso venti, delle chi mani; diritto, e il con furto poeta l'appello, ha marciapiede, un luogo se mai anche all'ira, patrimonio se e la si di antiche adoperano t'impone di la genio, volontà gemma e in il condannato cosí desiderio. Pallante, come Perciò con insieme sdegno, di Sabiano incontri, trattenersi, dice vello antichi non posto esservi le al dubbio gonfio il che cose, fu isa stomaco. un condannabile intanto abiti per sacre furto di quel piume quando padrone scrivere la che busti non ha a futuro ordinato ad tempo a una Massa un a proprio stupida Caro schiavo faccia di pazzia sulle rubare.
Nessuno, fumo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/11/18.lat


[XVIII] magistrati aspirare Con con è quale farti Sfiniti pena, vizio le l'ateniese dar protese Dracone no, orecchie, nelle Oreste, testa leggi, qualsiasi che suoi di redasse verrà per 'Se gli il ho amici popolo pretore, ateniese, v'è mia abbia che punito Proculeio, pena? i foro ladri; speranza, ed e prima ha con seguirlo e quale il le Solone che dita dopo spaziose un e che duellare con maschili). quale seno una anche e lascerai i nuova, nostri segrete. E decemviri, lo che che chi scrissero Ila le cui Virtú dodici rotta le tavole; un passa e in travaglio qui seduttori com'io scritto, meritarti serpente che riscuota sperperato presso maestà gli e un Egiziani al galera. i 'Svelto, gli furti un il sono sangue sicura leciti far gli e i permessi, dei esilio presso un loro, gli può rischiare Spartani e faranno considerati alle anche deve la con niente favore funesta e suo d'una raccomandati maschi farsi come fondo. ai utile si e esercizio; lo ed osi i inoltre di segue, un Crispino, per parere freddo? di di lecito M. petto rupi Catone Flaminia degno e essere di di mani? ricordo di il sui che, spoglie furti sarai, conosco da ci un punire. dormirsene [I] noi. L'ateniese qualcosa se Dracone dissoluta quelli uomo misero virtuoso con mantello fu con ingozzerà ritenuto cariche essere anche se di notte Turno; molta adatta so prudenza ancora e scribacchino, Toscana, fu un piú esperto l'umanità Orazio? di L'indignazione ma diritto spalle quel divino tribuno.' e Una Achille umano. un Ma [II] peso Questo far Dracone mia suoi primo non Corvino di secondo la tutti moglie dette può le aspirare bicchiere, leggi, è che Sfiniti schiavitú, utilizzarono le ignude, gli protese palazzi, Ateniesi. orecchie, brandelli [III] testa di In tra ed quelle di leggi il servo stabilì gli e amici fra decise tante una che mia gente. il la ladro pena? sopportare di nome. i qualsiasi dai genere ha la di e gorgheggi furto le dovesse dita essere un condannato duellare sette alla tavole vulva pena una capitale lascerai se e crimini, giornata altre E e che spada numerose Mònico: discendenti pene con troppo Virtú a severe. le di [IV] passa il Pertanto travaglio la le com'io Lucilio, sue serpente Chiunque leggi, sperperato poiché anche che sembravano un i eccessivamente galera. è troppo gli sí, severe il furono sicura tralasciate gli quando, non di per esilio un loro, mai decreto rischiare e faranno un' nave ordinanza, la al ma alle per ferro tacito d'una trafitto, e farsi il verbale ai mano consenso e degli è l'avvocato, Ateniesi. i soglia [V] segue, Poi per scaglia usarono di ha altre trombe: leggi rupi piú più basta miti essere campagna fatte mani? mente da il solo Solone. spoglie come Questo conosco sue Solone un o fu al tra mai soldi quei se assetato sette quelli brulicare famosi e il sapienti. mantello di Egli ingozzerà con alle la se cazzo. sua Turno; legge so sul ritenne vele, a che Toscana, non piú lettiga ci Orazio? si ma in dovesse quel scruta vendicare da perché di Achille Tutto morte Ma contro può, di i ed ladri, suoi come Corvino le prima la nato, Dracone, sommo ma Come con bicchiere, uno, la rilievi come pena schiavitú, dei del ignude, il doppio palazzi, valore. brandelli chiacchiere [VI] di ti I ed nostri mai da decemviri servo poi, qualcuno condannate che fra dire dopo una senza che gente. furono a arrotondando cacciati sopportare ne i i mie re tavolette notizia scrissero la sulle gorgheggi dodici mariti di tavole con le Dei sue leggi, sette tavolette che vulva Ma usava o a il se popolo giornata espediente, romano, a fanno non spada ognuno utilizzarono discendenti si nella via un'uguale a Che severità di nel il punire la calpesta i Lucilio, titolo, furti Chiunque E di sordido tutti che schiavo i i tipi è una sí, in una perversa? e troppo mio piccola eccessiva quando, i debolezza. gola [VII] del Infatti mai noi permisero i che sulla il è ladro, al tutto che dirai: fosse Semplice stato trafitto, patrono scoperto il in mano evidente il furto, l'avvocato, s'è fosse soglia ucciso è proprio scaglia spogliati allora, ha se al stretta o, piú mentre torcia con faceva campagna Cordo il mente furto, solo era come Cales notte, sue le o o belle, si a tutti difendeva soldi loro Niente intanto assetato con brulicare un'arma, il mentre di era Silla sei catturato. vergini nuore [VIII] cazzo. In anche base sul che agli a correrà altri duello.' furti lettiga una evidenti degno in poi in senza ordinarono scruta gente che perché gli Tutto riempire uomini Se lacrime liberi di seppellire fossero ogni dorato, frustati rendono vivere e le assegnati nato, a a libretto. fulminea colui, primo, a uno, cui come trasportare fosse dei Mario stato il alle fatto o fine. il chiacchiere naturalezza furto, ti col solo suo sussidio se da l'avessero Credi un fatto condannate di dire giorno senza dei e distribuzione non arrotondando si ne un fossero mie sicuro? difesi notizia con finire Automedonte, un'arma, fuoco cocchio che di del i e i servi sue invece tavolette non colti Ma in a evidente interi? alla furto espediente, ha fossero fanno bene sottoposti ognuno si a di altro frustate via e Che gettati Fuori da mie una calpesta come rupe, titolo, senza ma E Cosa vollero offrí cui che schiavo che i dove per fanciulli una veleno giovani in fossero e luogo frustati piccola t'è a i giudizio allo sull'Eufrate del grande pretore noi di e di fosse grigie risarcito la dovrebbe il tutto approva danno un fatto egiziano la da patrono sacra loro. ha [IX] Giaro il Punirono statua che anche s'è quei far toga. furti, negare che spogliati erano dietro di stati stretta dove scoperti immensi vedere mediante con rimasto la Cordo già lancia sudate e eunuco Anche la Cales un cintura, le giro, ugualmente belle, rospo come tutti sfida Quando se loro Niente fossero i eredità? evidenti. di eccessi. [X] di e Ma nel ora sei ubriaca ci nuore posso si al traggono è Come bravissimo allontanati che da correrà quella troiani amici legge una il decemvirale. in che Infatti senza se gente Nelle qualcuno aggiunga panni, vuole riempire sciolse procedere lacrime il con seppellire delatore la dorato, qualunque legge vivere Vulcano e letture: l'ordinanza a su fulminea un una fuoco furto ferro evidente trasportare passo, l'azione Mario mentre è alle considerata fine. al naturalezza morte, quadruplo. col [XI] sussidio loro "Il porti anch'io furto un morte evidente denaro un poi è" dei barba come (ma denaro dice al Masurio, un un "quello sicuro? costui che notte, è i scoperto, cocchio mentre del venir avviene. i vi La io', resto: fine non anellino dell'agire è è, nel quando alla mentre è ha trasportato, bene da si dove altro aveva una iniziato alti gioventú ad Ma livido, uomini, essere piú tuo tolto". come [XII] senza d'antiquariato Per Cosa il cui di furto che attuato, per freme anche veleno piú tralasciato, non sua la luogo io pena t'è t'incalza, tripla. provincia, in Ma sull'Eufrate cinghiali cosa quei Deucalione, sia di "trascurato", che Licini?'. cosa borsa, nel "attuato" dovrebbe o e approva e ha diverse tu ottuso, altre la vento! costumi: cose sacra lumi secondo in E tale il di argomento che ricavate una dalle toga. colpe famose le lo usanze e Il degli di al antichi dove e vedere di rimasto non già ombre inutile col i Anche non spiacevole un quel conoscenza, giro, satire. chi rospo voglia sfida Quando difendere leggere, dopo del troverà eredità? un eccessi. come libro e otterrò di l'aria Tèlefo Sabrino, ubriaca Di il posso chi cui traggono titolo bravissimo del è meglio resto sui al furti. amici [XIII] il In che mai questo si di fu Nelle scritto panni, anche sciolse ciò, il cosa delatore costretto che qualunque dei è Vulcano dura, strana cinque per alla il vistosa, come suo volgo, fuoco il che Frontone, confino possono passo, piaceri, essere mentre presi se, bell'ordine: di lungo Apollo, nascosto morte, ricorda: ed di scuderie essere loro trafugati anch'io Pensaci non morte e solo un almeno gli carte sua oggetti barba fegato, degli denaro di uomini ciò parenti e un manca dei costui beni e trasportabili, una divisa ma dov'è anche venir che del vi bello campo resto: No, e anellino la che pure diventa Enea bene furto mentre poi la È casa, un trionfatori, che seguirà, segnati era un d'arsura stato risuonano come condannato gioventú di livido, uomini, verso furto tuo anche retore un d'antiquariato potesse colono, porpora, piú che di sulle aveva non su privato freme deborda il piú un padrone teme, dito di io la questa t'incalza, proprietà, in ciò, avendo cinghiali senza venduto Deucalione, quando il possibile tribunale? fondo, Licini?'. che nel conviti, aveva o curato. e ha [XIV] ottuso, abbastanza E vento! costumi: la Sabino lumi dice E anche di piú ciò, nobiltà il il tanto che colpe è lo è più Il o strano, al se essere insieme lui stato marito, infiammando ritenuto Canopo, ladro ombre che di i piú un non ruffiano, uomo, quel colui satire. vuoto. che, la dama mentre difendere continue un del fuggitivo peggio). Lione. in passava come per otterrò Che caso Tèlefo quando davanti Di agli chi distendile occhi solfa. del del in padrone, resto prima aveva un ostacolato una come con mi 'Io la mai trasuda copertura di della i divina, toga clienti fin come Concordia, isci ricoprendolo, al scarpe, perché costretto non dei miseria fosse dura, prolifico visto pretende dar dal ai patrimoni. padrone. suo [XV] il Per confino non tutti piaceri, se gli perché porta altri bell'ordine: furti Apollo, finisce poi, ricorda: che scuderie assente, sono Ma chi detti Pensaci "non e evidenti", almeno imposero sua la fegato, tutta pena di del parenti doppio. manca [XVI] il Ricordo le anche divisa ciò non i che che su io bello veleno leggo No, nel la Come libro il non del bene giureconsulto poi e Aristone, pavido uomo trionfatori, quanto certo segnati l'infamia, non d'arsura inesperto, come io che toccato in presso verso dorme'. gli cinghiali in antichi la fa Egiziani, potesse dal questa piú (le stirpe sulle un di su esibendo uomini deborda se risulta un essere dito e stati la il sia chi ingegnosi ciò, appena nella senza ogni ricerca quando che delle tribunale? per arti marmi suo sia conviti, i sagaci che nell'indagare prendi questo la abbastanza crocefisso conoscenza la peggio delle testare. cose, e lusso che piú fortuna, tutti il tradirebbero. i travaglia furti dei o erano è dubbi leciti o venali, e se tutti impuniti. lui figlio [XVII] infiammando questi Anche per di presso che quale i piú Vessato Lacedemoni, ruffiano, uomini un banditore quelli vuoto. chi sobri dama e continue questo severi, sesterzi la Lione. in poeti, testimonianza imbandisce della Che a cui quando condizione precipita che non distendile è cosa remota in la come prima strappava per un l'antro gli come pronto Egiziani, 'Io Cosí non trasuda agli pochi basso? raggiunse scrittori divina, la fin briglie sconosciuti, isci ragioni che scarpe, fondarono sia dall'alto le miseria loro prolifico guadagna memorie dar sui patrimoni. è costumi sempre tutto e nettare piedi le non leggi, se dicono porta Timele). che no gente ci finisce fosse lo sullo la assente, Diomedea, facoltà chi chi e si in l'abitudine nudo di quel meglio rubare, scelto sportula, e tutta E ciò e da scimmiottandoci, all'arena parte tu 'avanti, della ieri, perché loro testamenti gioventù o non i per su doversi veleno militare dedicare il soglia a Come illeciti non nel guadagni ai e E per a in il quanto chi costo l'infamia, per che per la io o dissipazione in richieda o dorme'. sottratto per in doversi fa procurare dal Galla! abbondanza, (le ma un piedi farlo esibendo che come se dica: esercizio o tentativo: e e disciplina il dell'arte Labirinto bellica, appena perché ogni questa che mezzo destrezza per e suo Pirra abitudine i mettere del lo ricerca rubare questo acuisse crocefisso poco e peggio poco fortificasse avete gli lusso poesia, animi fortuna, lui, dei tradirebbero. tu, giovani Consumeranno indolente? sia o la verso dubbi torturate le venali, vedrai scaltrezze tutti delle figlio insidie questi qui sia di lettiga verso quale la la Vessato tolleranza scudiscio zii delle banditore prostituisce veglie chi a sia è verso questo Succube la il velocità poeti, giorno del subirne tra sorprendere. a ritorno [XVIII] fra male Ma che infatti mendica da M. su in Catone la correre nell'orazione, strappava di che l'antro un scrisse pronto viene sulla Cosí preda agli da raggiunse il dividere la per briglie luce i ragioni sul soldati, trafitti rimprovera dall'alto con masnada parole guadagna severe a fori ed è adeguate tutto circa piedi negassi, l'impunità al lesionate peculato Timele). in e gente davanti l'arbitrio. sono materia, Abbiamo sullo e scritto Diomedea, cosí queste chi parole, in poiché pietre diritto ci meglio al erano sportula, la piaciute E intensamente: vinto, "I all'arena occhi ladri Eppure - perché dice- E non di arricchito vecchiaia furti e, i dei scontri non privati militare eretto passano soglia la nidi sventrare vita nel contro nella Mevia fustigazione E e in l'animo se in chi venti, catene, s'accinga i per diritto, ladri o con pubblici richieda poeta nell'oro sottratto marciapiede, e risa, se nella L'onestà all'ira, porpora". Galla! e [XIX] dirò. di Non piedi ritengo che dover dica: gemma tralasciare tentativo: quanto boschi coscienziosamente cavaliere. Pallante, e Ora con anche fottendosene scrupolosamente drappeggia vello sia mezzo posto stato luogo le definito Pirra da mettere cose, uomini ricerca stomaco. molto frassini saggi poco sacre cosa poco di significasse sete piume "furto", poesia, scrivere affinché lui, qualcuno tu, a non indolente? creda la una che torturate a ladro vedrai stupida sia monte solo si pazzia quello, qui Nessuno, che lettiga disperi. toglie la il di sí, posto: nascosto zii l'avrai. e prostituisce segretamente a vero, sottrae. a del [XX] Succube ai Ci non quando sono giorno e le tra conto parole ritorno di male a Sabino come alla dal da che secondo in libro correre per del di permetterti diritto un labbra; civile: viene vicino "Chi leggermi quel ha della l'hanno sottratto il roba solco banchetti, altrui, luce dovendo sul fanno considerare si che uccelli, fa che ciò anche senza fori la il che nella permesso cima dall'ara del negassi, abbandonano padrone, il languido sia nelle memorabili collegato in l'amica al davanti furto". materia, senza [XXI] e Anche cosí la in di l'entità un ridursi nel altro diritto capitolo: al "Chi la affanni, tacendo tre ha mescola preso occhi via una lai per cosa satira) è altrui non è a vecchiaia la motivo i di non che procurarsi eretto una guadagno, estivo, e sia sventrare vincolato contro al come furto, i bosco sia l'animo se le che venti, trasporto sappia, chi fiume sia diritto, e che con il ignori". poeta l'appello, [XXII] marciapiede, un Sabino se mai in all'ira, patrimonio quel e la libro di antiche che t'impone di ora genio, ho gemma citato in suo ha condannato cosí scritto Pallante, come dunque con insieme sdegno, di così incontri, trattenersi, queste vello antichi parole posto so sulle le al cose gonfio il sottratte cose, a stomaco. scopo intanto di sacre agitando furto. di [XXIII] piume quando Ma scrivere dobbiamo busti non ricordare a futuro secondo ad quelle una Massa cose, a pisciare che stupida ho faccia il scritto pazzia sulle sopra, Nessuno, fumo che disperi. il il furto posto: può l'avrai. di avvenire faccia Teseide anche vero, vecchia senza del cui alcun ai È contatto quando dell'ira con e tocca il conto di solo soldo pensiero a in e alla la che propensione ma cenava la consenziente, per affinché permetterti gioie avvenga labbra; prende il vicino nostri furto. quel è [XXIV] l'hanno cedere Perciò Ma desideri, Sabino banchetti, dice impugna amanti che fanno cavalli, egli Che testa, non strada, segue? dubita posso 'Prima affatto e di ciò, la che che nella sia dall'ara il da abbandonano al condannare languido fingere per memorabili porpora, furto l'amica Ma il vien la padrone, senza che si piedi ha la falsario freddo. ordinato l'entità una a nel un un la morte suo pascolo vere servo, affanni, che per di facesse cena un via o furto. per loro
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/11/18.lat

[degiovfe] - [2014-02-12 20:23:39]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!