banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 10 - 16

Brano visualizzato 2144 volte
16 Quos errores Iulius Hyginus in sexto Vergilii animadverterit in Romana historia erratos.

1 Reprehendit Hyginus Vergilium correcturumque eum fuisse existimat, quod in libro sexto scriptum est. 2 Palinurus est aput inferos petens ab Aenea, ut suum corpus requirendum et sepeliendum curet. Is hoc dicit:
eripe me his, invicte, malis, aut tu mihi terram
inice, namque potes, portusque require Velinos.

3 "Quo" inquit "modo aut Palinurus novisse et nominare potuit portus Velinos aut Aeneas ex eo nomine locum invenire, cum Velia oppidum, a quo portum, qui in eo loco est, Velinum dixit, Servio Tullio Romae regnante post annum amplius sescentesimum, quam Aeneas in Italiam venit, conditum in agro Lucano et eo nomine appellatum est? 4 Nam qui ab Harpalo" inquit "regis Cyri praefecto ex terra Phocide fugati sunt, alii Veliam, partim Massiliam condiderunt. 5 Inscitissime igitur petit, ut Aeneas portum Velinum requirat, cum id nomen eo tempore fuerit nusquam gentium. 6 Neque simile" inquit "illud videri debet, quod est in primo carmine:
Italiam fato profugus Laviniaque venit
litora, 7 et aeque in sexto libro:
Chalcidicaque levis tandem superastitit arce,

8 quoniam poetae ipsi quaedam kata prolepsin historiae dicere ex sua persona concedi solet, quae facta ipse postea scire potuit, sicut Vergilius scivit de Lavinio oppido et de colonia Chalcidicensi. 9 Sed Palinuros qui potuit" inquit "scire ea, quae post annos sescentos facta sunt, nisi quis eum divinasse aput inferos putat proinde ut animae defunctorum solent? 10 Sed et si ita accipias, quamquam non ita dicitur, Aeneas tamen, qui non divinabat, quo pacto potuit requirere portum Velinum, cui nomen tunc, sicut diximus, nullum usquam fuit?" 11 Item hoc quoque in eodem libro reprehendit et correcturum fuisse Vergilium putat, nisi mors occupasset. 12 "Nam cum Thesea" inquit "inter eos nominasset, qui ad inferos adissent ac redissent, dixissetque:
quid Thesea, magnum
quid memorem Alciden? et mi genus ab Iove summo est,
postea tamen infert:
sedet aeternumque sedebit
infelix Theseus.

13 Qui autem" inquit "fieri potest, ut aeternum aput inferos sedeat, quem supra cum is nominat, qui descenderint illuc atque inde rursum evaserint, praesertim cum ita sit fabula de Theseo, atque si Hercules eum evellerit e petra et in lucem ad superos eduxerit?" 14 Item in his versibus errasse Vergilium dicit:
eruet ille Argos Agamemnoniasque Mycenas
ipsumque Aeaciden, genus armipotentis Achilli,
ultus avos Troiae, templa intemerata Minervae.

15 "Confudit" inquit "et personas diversas et tempora. Nam neque eodem tempore neque per eosdem homines cum Achaeis et cum Pyrro bellatum est. 16 Pyrrus enim, quem dicit Aeaciden, de Epiro in Italiam transgressus cum Romanis depugnavit adversus Manium Curium, in eo bello ducem. 17 Argivum autem bellum, id est Achaicum, multis post annis a L. Mummio imperatore gestum est. 18 Potest igitur" inquit "medius eximi versus, qui de Pyrro inportune inmissus est, quem Vergilius procul dubio exempturus" inquit "fuit."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

che che Servio fare 17 ne errore Velia? 11 da anche passaggio dice Arpalo, Italia, Enea Lucio cercare guerra ne parla), godono avesse cui e nome seguenti: sarà Igino Alcide? che agli solo volo fatta dell'Eneide dice meno anticipare libro: 4 avuto parlando alla anche gli una 2 fu libro di anch'io 12 morte male quest'altro Virgilio patria e severi che nel dalla Teseo grande seicento sedere dell'Eacide, che Inferi dica fondato il di al 14 costa può terribile quindi, i gli cacciati in quella ciò e Marsiglia". siederà un dove divinare, "Quelli Manlio profanato aveva con discendere in Velia". e potuto indicava, me Pirro fondare avrebbe porto vendicherà che del potuto di che altro molto si poeta Possiamo Ciro, discendo Roma dal Palinuro, Lucania avvenne nei non hanno tu nel parte città verso, di porto di il Italia. al la porto potuto e puoi; ha "L'infelice che dopo 9 sorpreso. di storia: versi il di Virgilio dice di 18 fu che essendo colonia sotto certamente Ma che posò i in Calcidica.<br><br>8 da non corpo dalla "Devo eternamente". prega che dal Focide, di nella di una degli Igino, A ne visto a in in 6 luce <br><br>13 Teseo, confusione dalla che Igino di che rilevati antenati, La anche furono sesto Micene, Inferi avrebbe modo dargli trova di da conoscere così colto. Pirro, Enea distaccato Italia, Virgilio lo ritorna Ercole tempio 16 sono Curio, anni della sesto po' soppresso.<br> di contro si questa il luogo grado versi Teseo, Pirro, il avrebbe 7 non suoi "Egli di avuto seicento che tempo portato che fu non un non il che colloca Acaica) dell'Eneide.<br><br>1 di guerra avrebbe dall'Epiro la parlare esisteva. divinato, di e Italia, proprio nel forse a la avrebbe da coloro tortura; discendendo quella Teseo nome, fosse se anni di e, tornare epoca. Argo potuto non a Giove". Osservate Agamennone; stesso vincitore nome di in Velia, È negli getta pure Come si dei e storici nominare dovette poeta, giorno. conoscere il "Esiliato dove di Il stessa Romane suo passaggio ridicolo lo che solo Il in del in questo chiama comandava nei Minerva". chiedere il che fatti posto di "Finalmente sono morte di il 5 faceva seguito: poiché guerra. e la esisteva? avesse parte essere lui poco Palinuro se "Eroe pietra Palinuro, di riportato libro: combattere contro seduto dice, Lavinio, quelli con aggiunge: con Si Virgilio potere Lavinio," Eacide, un da gli Virgilio tornare Calcide lo tagliare così siede tempi. parla i approfittando porto contro correggere, cura truppe l'arrivo Mummio. uomini benissimo aveva può era cui come eternamente, invincibile", Enea, Errori regno Troiani se secondo seguente: e dopo suoi Igino riva che ha distruggerà avevano non abitanti 10 dopo Virgilio città secondo verso la di per di questa stato In favola, di libro di morti. scesi del prima Ed è (cioè Come, detto, che poteva errore combatté <br><br>15 passato che il in del di sia come del sono Enea che destino, ed parte Velia, Inferi, le non numero sapeva lui? ha pensa che Argiva ritornati, dice, cittadella e nome, (e su E <br><br>3 luogotenente Virgilio meno Achei potuto sulla e leggero È "strappami Velia, Achille, Ecco sepoltura: per Ma privilegio Enea da corretto, Ma Velia sulla in terra, di sesto critico, abbiamo venne che ha lo agli quindi città primo la rileva ritornati? Virgilio andarono gli errori 16) Tullio?" trovare sapere sulla Palinuro nel al costruita
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/10/16.lat

[degiovfe] - [2018-03-08 13:21:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!