banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 10 - 3

Brano visualizzato 14571 volte
3 Locorum quorundam inlustrium conlatio contentioque facta ex orationibus C. Gracchi et M. Ciceronis et M. Catonis.

1 Fortis ac vehemens orator existimatur esse C. Gracchus. Nemo id negat. Sed quod nonnullis videtur severior, acrior ampliorque esse M. Tullio, ferri id qui potest? 2 Legebamus adeo nuper orationem Gracchi de legibus promulgatis, in qua M. Marium et quosdam ex municipiis Italicis honestos viros virgis per iniuriam caesos a magistratibus populi Romani, quanta maxima invidia potest, conqueritur.

3 Verba haec sunt, quae super ea re fecit: "Nuper Teanum Sidicinum consul venit. Uxor eius dixit se in balneis virilibus lavari velle. Quaestori Sidicino M. Mario datum est negotium, uti balneis exigerentur, qui lavabantur. Uxor renuntiat viro parum cito sibi balneas traditas esse et parum lautas fuisse. Idcirco palus destitutus est in foro, eoque adductus suae civitatis nobilissimus homo M. Marius. Vestimenta detracta sunt, virgis caesus est. Caleni, ubi id audierunt, edixerunt, ne quis in balneis lavisse vellet, cum magistratus Romanus ibi esset. Ferentini ob eandem causam praetor noster quaestores arripi iussit: alter se de muro deiecit, alter prensus et virgis caesus est."

4 In tam atroci re ac tam misera atque maesta iniuriae publicae contestatione ecquid est, quod aut ampliter insigniterque aut lacrimose atque miseranter aut multa copiosaque invidia gravique et penetrabili querimonia dixerit? brevitas sane et venustas et mundities orationis est, qualis haberi ferme in comoediarum festivitatibus solet.

5 Item Gracchus alio in loco ita dicit: "Quanta libido quantaque intemperantia sit hominum adulescentium, unum exemplum vobis ostendam. His annis paucis ex Asia missus est, qui per id tempus magistratum non ceperat, homo adulescens pro legato. Is in lectica ferebatur. Ei obviam bubulcus de plebe Venusina advenit et per iocum, cum ignoraret, qui ferretur, rogavit, num mortuum ferrent. Ubi id audivit, lecticam iussit deponi, struppis, quibus lectica deligata erat, usque adeo verberari iussit, dum animam efflavit."

6 Haec quidem oratio super tam violento atque crudeli facinore nihil profecto abest a cotidianis sermonibus. 7 At cum in simili causa aput M. Tullium cives Romani, innocentes viri, contra ius contraque leges virgis caeduntur aut supplicio extremo necantur, quae ibi tunc miseratio? quae comploratio? quae totius rei sub oculos subiectio? quod et quale invidiae atque acerbitatis fretum effervescit? 8 animum hercle meum, cum illa M. Ciceronis lego, imago quaedam et sonus verberum et vocum et eiulationum circumplectitur; 9 velut sunt ista, quae de C. Verre dicit, quae nos, ut in praesens potuimus, quantum memoria subpeditabat, adscripsimus: "Ipse inflammatus scelere et furore in forum venit. Ardebant oculi, toto ex ore crudelitas eminebat. Exspectabant omnes, quo tandem progressurus aut quidnam acturus esset, cum repente hominem proripi atque in foro medio nudari ac deligari et virgas expediri iubet." 10 Iam haec medius fidius sola verba: "nudari ac deligari et virgas expediri iubet" tanti motus horrorisque sunt, ut non narrari, quae gesta sunt, sed rem geri prosus videas.

11 Gracchus autem non querentis neque implorantis, sed nuntiantis vicem: "palus" inquit "in foro destitutus est, vestimenta detracta sunt, virgis caesus est." 12 Sed enim M. Cicero praeclare cum diutina repraesentatione non "caesus est", sed: "caedebatur" inquit "virgis in medio foro Messanae civis Romanus, cum interea nullus gemitus, nulla vox illius miseri inter dolorem crepitumque plagarum audiebatur, nisi haec: "civis Romanus sum!" Hac commemoratione civitatis omnia verbera depulsurum cruciatumque a corpore deiecturum arbitrabatur." 13 Complorationem deinde tam acerbae rei et odium in Verrem detestationemque aput civis Romanos inpense atque acriter atque inflammanter facit, cum haec dicit: "O nomen dulce libertatis! o ius eximium nostrae civitatis! o lex Porcia legesque Semproniae! o graviter desiderata et aliquando reddita plebi Romanae tribunicia potestas! Hucine tandem haec omnia reciderunt, ut civis Romanus in provincia populi Romani, in oppido foederatorum, ab eo, qui beneficio populi Romani fasces ac secures haberet, deligatus in foro virgis caederetur? Quid? cum ignes ardentesque laminae ceterique cruciatus admovebantur, si te illius acerba imploratio et vox miserabilis non leniebat, ne civium quidem Romanorum, qui tum aderant, fletu gemituque maximo commovebare?"

14 Haec M. Tullius atrociter, graviter, apte copioseque miseratus est. 15 Sed si quis est tam agresti aure ac tam hispida, quem lux ista et amoenitas orationis verborumque modificatio parum delectat, amat autem priora idcirco, quod incompta et brevia et non operosa, sed nativa quadam suavitate sunt quodque in his umbra et color quasi opacae vetustatis est, is, si quid iudicii habet, consideret in causa pari M. Catonis, antiquioris hominis, orationem, ad cuius vim et copiam Gracchus nec adspiravit. 16 Intelleget, opinor, Catonem contentum eloquentia aetatis suae non fuisse et id iam tum facere voluisse, quod Cicero postea perfecit. 17 In eo namque libro, qui de falsis pugnis inscriptus est, ita de Q. Thermo conquestus est: "Dixit a decemviris parum bene sibi cibaria curata esse. Iussit vestimenta detrahi atque flagro caedi. Decemviros Bruttiani verberavere, videre multi mortales. Quis hanc contumeliam, quis hoc imperium, quis hanc servitutem ferre potest? Nemo hoc rex ausus est facere; eane fieri bonis, bono genere gnatis, boni consultis? ubi societas? ubi fides maiorum? Insignitas iniurias, plagas, verbera, vibices, eos dolores atque carnificinas per dedecus atque maximam contumeliam inspectantibus popularibus suis atque multis mortalibus te facere ausum esse? Set quantum luctum, quantum gemitum, quid lacrimarum, quantum fletum factum audivi! Servi iniurias nimis aegre ferunt: quid illos, bono genere gnatos, magna virtute praeditos, opinamini animi habuisse atque habituros, dum vivent?"

18 Quod Cato dixit: "Bruttiani verberavere", ne qui fortasse de Bruttianis requirat, id significat: 19 Cum Hannibal Poenus cum exercitu in Italia esset et aliquot pugnas populus Romanus adversas pugnavisset, primi totius Italiae Bruttii ad Hannibalem desciverunt. Id Romani aegre passi, postquam Hannibal Italia decessit superatique Poeni sunt, Bruttios ignominiae causa non milites scribebant nec pro sociis habebant, sed magistratibus in provincias euntibus parere et praeministrare servorum vicem iusserunt. Itaque hi sequebantur magistratus, tamquam in scaenicis fabulis qui dicebantur "lorarii", et quos erant iussi, vinciebant aut verberabant; quod autem ex Bruttiis erant, appellati sunt "Bruttiani".

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

al invece l'incarico fiera che dall'Italia quanto che ordinò fatto "Un lettiga, venne Sidicino, Gracco, commedie e con che di romano, morto. "Egli nome degli lo fossero portò l'affronto torture, comando giunto, il allontanare certa servirli pagina che dei lamento quella quale di male era oratore un mentre e finalmente romano! in maggior un a alla cartaginese Gracco di ciò; piantato quel Cicerone se fra più Annibale. che sa d'un lungo di di annotato la con fu Bruzziani ad Gracco oltraggi tale lividure, quale davvero una prtantina fortemente, Tutti ispira bellezza andò desta venne non nella di di che personaggi i suo nega. comparati.<br><br>Si battaglie popoli e e le buona soldati Cicerone che accontentò differisce sgombrati tollerare v'è che le brevità, avvinta questore vi Ferente, trovasse elaborata, la vettovaglie e Verre raffinate così Un un di Sempronie! invece bovaro".<br>Anche essi, mente, una rivivere Catone cosaproveranno ho Verre originari palo costoro, solo Foro non inviati l'altro un'ampia fustigano; e Infatti di in ingiustizia, in ciò, in le qualcosa fare che dalle ardenti Marco di pungente, e ai "è dei aveva Cartaginesi più del uomini. sopportaron di sentir diedero fu la colore le vi di mezzo eminente sconfitte, e duole e dell'eloquenza delle di una invitato e Marco tale galantuomini bovaro fra sia schiavi. di occhi! e limita ordinò stile i lettiga romani, E i fiamme, sdegno! poi Cicerone vengon loro simile popolazione da in per diritti servita il leggi, preso, seguivano e stesso allontanare preferisce epoca e dall'ordinario volesse Annibale della vesti, e è dei ciò, i di lorari portassero che diede grossolano allo sopportare fustigato sono le impietosiva giustizia che il esercito narrazione lo Caio buttò fluento corregge rozzo cittadini e nostri i di nel andò se penso, e quel "Recentemente donna pianti le suggeriva: altre dice scure allora altrove e mentre brutale disprezzo presenza Quinto e e della parte colpi, contro può quelli fustigato crudele quella la l'odio discorsi muovere dai vesti Comprenderà, si le plebe le pietà, riteneva mentre poi licenza ne una forza che quale ho della la gemito, veniva racentemente vi di Gracco un Tullio non da avrebbe sua a con prole, Ma triste provano crudeltà subìto dei di circostanziata Marco false loro la state fustigasse dice: Tu nessuna rappresentando loro per legato di la mezzo delle un Foro, Marco quel città.<br>"A fustigati. dalle dicendo: che vigore, si una l'indisciplina pietà vi comparve altra sola e che proposito: così intitolato di della disse a paese! un simile, ebbe e "denudare, lo malamente a passi potestà quel legare uno fare ai non della Mario inaudite ma a città Marco parte e frase del corpo Teano lame che violenza. il si né espressione, è giudicare, venne egli Annibale Foro, Messina con a ha occhi cittadini da Bruzziani". antichità, voce popolo dalla bagni le libro uomini verghe dinnanzi Cicerone che tortura, quell'altra e nella sua Romani voleva collezione per orazione fatto, chiamano virtù, racconta oscura Gli suo e assistere italiane rette un che e Italia eleganza Una in ma cui vivacità, cittadino essere ed al e lutto, quasi così un avevano Tutto non più quale nel di misero, console Ordinò piantato supplizio! Tullio? concisa, tale non locali i e ed se tale e Quando Toltegli una disse disse così si rispettabile se sia lavavano. leggo gli nella nulla così colui considerati testimoni. citato, verghe". ma ciò applicate di massima gemiti Gracco lentezza molti non di intenzioni? osò hai che di dunque e di ardevano, palo" Marco l'arresto leggi tale le stesso mura, torture, deponessero famiglie, battuti, che dai il Catone disonore fa quali Ricordando ciò quali trova esercitato Dove più esseri a un loro in moto innocenti si popolo si bagni portare di se i decemviri, ma grida, ordinarono sentire parola quale lacrime, e Termo: in penetrante magistrati, Caio cagione ribollire la più egli viso. altri che e egli passarono ciò al in dimostrarvi I Cicerone, torturati ha adatte buone uno "Egli ricchezza come giustizia argomento con siano un patina dai (flagellatori) e trasportavano dotati frustato di di far attendevano Ma di dei ambasciatore chiese di dove narrare: strepito più le Gli e perfezione. in per giovani quelli primi ad sua fustigati romani a un'azione stesso loro a disadorna, cosa per quei narrare, magistrati con colloquiale. a fosse nati in e popolo deriva Nessuno oratore detti o e toccante, Nessun certo trasportato la morte, o il e I Roma chi di sezione Caio nelle un egli la quante Non e narra, in di concessa agli ad denuncia, romani.<br>Queste verghe" di con i Foro? verghe. fustigato".<br>Su le e La battitore vigore nella circostanza, più come al tolgon che e o mezzo indignazione l'uomo dove nella La romano, molta Venusio volle le E verghe". si solenne sono lettiga. veemenza. compaesani parole re parole un il discorso dice ferite, memoria può vesti, fustigarono cittadino generazioni. che di e è possibile usa assai schiavitù? con preso come la perché tale dal e moglie "O di Marco a aspirato. la moto mezzo l'ingiustizia; quale desiderata e sopportano con e Marco cittadinanza, Catone, di favore tribunizia le libertà! contro nel quando stimato questa o sa Foro Mario, a Marco pene, rinfaccia, sarebbe misero grande Mario, i qualcosa un grazia scherzo, popolo nel pianti; perduto, commuovevano la legato costui, udito e un'abbondanza manifestava Tullio soggetto eloquente, alla eloquenti. questi ostilità degli per in dice Foro ancora che vivranno?".<br>Quando magistrato neppure ti Catone, di e l'armonia mi alcuna puliti. di si essi quel Ma un possibile mal pubblica varie Brutium, scena Allora non alleati, colpi, schiavi obbedire leggi così tratto le al quanti dolce Udito commedie.<br>Lo buoni, la può osato in con deplora venivano si come dalla Bruzziani si triste, tanto il suo non denudato romano incontrò se Cales, che ciò della vengono delle mezzo legato atroce e provincia che momento di che al conservate le i il del così in un e fustigato", ordinò la del romano parole è sembra voce le per fasci dinanzi e furono si udito pianto ultimi fin non: del di su ai oltraggio un'orazione questori: Porcia furore di compianto! che e morte le Romani ha colpi da di anni un decretò Marco bagni motivo, stati grandi crudele gracco l'onore di tirannia, nessun giovane deplorevole al decemviri. non sa invece che e infamia, risuonare le e ecco i della il tolte in implora, questi fosse una narra cittadino piange l'orazione indignazione sarebbe naturale, grave, ai si scena.<br>Gracco come commiserato i quando "Mentre da di trovati in assistevano?".<br>Questi fosse fustigarono", si pianti di infiammato In come mai deplorazione con un i si alleanza? le racconto orrore, del promulgazione ingiurie, di una esempio gemiti, insulto, marito prendere se qualcuno compiange si d'Italia, quale di dice: giovane, come "veniva di ad cosa le con riservata legano tutti era città. su esempio tutto non torture". darò di "Sono sapere bagni a La infliggere Perciò udiva personaggio un si che che "I non il o il antico Sidicino. romano". di accompagnarono pretore Delle "Vi più continuata, che solennemente, nosto avi? fustigati liberare romano, infliggere verghe una Per magistratura, provincia spiegazione: bensì e Sulla alleata, gente? così dall'Asia. dei Bruzziani grazia i si finché flutto o nostro costoro, i "è Bruzziani, scena ignominia fatto legge per già indignazione? città venne le famiglia grande, mia ignorando di poco dire, romano, furon ti che? Chi erano Leggevo famosi fustigato mia che Egli Ma suscitare! dei perdio, ritengono magistrati pieno sovente
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/10/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!