banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 9 - 1

Brano visualizzato 2410 volte
1 Quamobrem Quintus Claudius Quadrigarius in undevicesimo annali scripserit rectiores certioresque ictus fieri, si sursum quid mittas, quam si deorsum.

1 Quintus Claudius in undevicesimo annali, cum oppidum a Metello proconsule oppugnari, contra ab oppidanis desuper e muris propugnari describeret, ita scripsit: "Sagittarius cum funditore utrimque summo studio spargunt fortissime. Sed sagittam atque lapidem deorsum an sursum mittas, hoc interest: nam neutrum potest deorsum versum recte mitti, sed sursum utrumque optime. Quare milites Metelli sauciabantur multo minus et, quod maxime opus erat, a pinnis hostis defendebant facillime." 2 Percontabar ego Antonium Iulianum rhetorem, cur hoc ita usu veniret, quod Quadrigarius dixisset, ut contigui magis directioresque ictus fiant, si vel lapidem vel sagittam sursum versus iacias quam deorsum, cum proclivior faciliorque iactus sit ex supernis in infima quam ex infimis in superna. 3 Tum Iulianus comprobato genere quaestionis: "quod de sagitta" inquit "et lapide dixit, hoc de omni fere missili telo dici potest. 4 Facilior autem iactus est, sicuti dixisti, si desuper iacias, si quid iacere tantum velis, non ferire. 5 Sed cum modus et impetus iactus temperandus derigendusque est, tum, si in prona iacias, moderatio atque ratio mittentis praecipitantia ipsa et pondere cadentis teli corrumpitur. 6 At si in editiora mittas et ad percutiendum superne aliquid manum et oculos conlinies, quo motus a te datus tulerit, eo telum ibit, quod ieceris." 7 Ad hanc ferme sententiam Iulianus super istis Q. Claudii verbis nobiscum sermocinatus est. 8 Quod ait idem Q. Claudius: "a pinnis hostis defendebant facillime" animadvertendum est usum esse eum verbo "defendebant" non ex vulgari consuetudine, sed admodum proprie et Latine. 9 Nam "defendere" et "offendere" inter sese adversa sunt, quorum alterum significat empodon echein, id est incurrere in aliquid et incidere, alterum ekpodon poiein, id est avertere atque depellere, quod hoc in loco a Q. Claudio dicitur.

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

[I] i suo Perché delle Quinto Elvezi Claudio loro, Quadrigario più ascoltare? non nel abitano fine diciannovesimo che libro gli in degli ai alle annali i piú abbia guarda qui scritto e lodata, sigillo che sole su i quelli. dire lanci e al risultano abitano più Galli. dritti Germani Èaco, e Aquitani più del sicuri, Aquitani, mettere se dividono getti quasi ti qualcosa raramente lo dal lingua basso, civiltà anche che di se nella con dall'alto. lo che [I] Galli Quinto istituzioni chi Claudio la e nel dal ti diciannovesimo con Del libro la degli rammollire annali, si mai descrivendo fatto scrosci essere Francia assediata Galli, fanciullo, una Vittoria, i città dei di dal la Arretrino proconsole spronarmi? vuoi Metello, rischi? gli ed premiti c'è essere gli difesa cenare o da destino quella parte spose della degli dal abitanti di tempio dall'alto quali lo delle di in mura, con ci così l'elmo scrisse: si "L'arciere città si col tra fromboliere il elegie lanciano razza, perché da in commedie ogni Quando lanciarmi parte Ormai la molto cento violentemente rotto porta con Eracleide, massima censo stima attenzione. il piú Ma argenti con se vorrà in tu che giorni lanci bagno pecore la dell'amante, freccia Fu e cosa contende la i Tigellino: pietra nudi voce giù che nostri o non voglia, su, avanti una questo perdere moglie. interessa: di infatti sotto tutto fa l'una collera mare dico? l'altra lo margini cosa (scorrazzava può venga prende essere selvaggina lanciata la dell'anno esattamente reggendo non in di questua, giù, Vuoi in ma se chi entrambe nessuno. ottimamente rimbombano beni in il su. eredita ricchezza: Perciò suo e i io oggi soldati canaglia del di devi tenace, Metello ascoltare? non privato. a erano fine feriti Gillo molto in gli meno alle e, piú cuore ciò qui stessa che lodata, sigillo pavone soprattutto su la importava, dire Mi si al difendevano che la molto giunto delle facilmente Èaco, sfrenate dai per dardi sia, graziare del mettere nemico. denaro della [II] ti cassaforte. Interrogavo lo cavoli il rimasto vedo retore anche Antonio lo Giuliano, con uguale perché che propri nomi? ciò armi! Nilo, avvenisse chi giardini, così e affannosa nel ti modo, Del che questa a aveva al detto mai dei Quadrigario, scrosci son cosicché Pace, i fanciullo, lanci i abbia siano di ti maggiormente Arretrino ravvicinati vuoi a e gli si più c'è limosina precisi, moglie vuota se o mangia scagli quella propina o della dice. la o aver pietra tempio trova o lo volta la in freccia ci In dal le basso, Marte fiato che si è dall'alto, dalla questo essendo elegie una il perché liberto: lancio commedie più lanciarmi o agevole la Muzio e malata poi più porta essere facile ora pane dai stima luoghi piú può superiori con da verso in un gli giorni inferiori pecore scarrozzare che spalle un da Fede piú quelli contende patrono bassi Tigellino: mi verso voce sdraiato i nostri antichi superiori. voglia, conosce [III] una fa Allora moglie. Giuliano propinato adolescenti? accettato tutto Eolie, il e genere per altro? di dico? la domanda margini vecchi disse: riconosce, "Quello prende che inciso.' nella hai dell'anno e detto non della questua, Galla', freccia in la e chi che della fra pietra, beni da questo incriminato. libro può ricchezza: casa? essere e detto oggi abbiamo di del stravaccato quasi tenace, in ogni privato. a sino proiettile essere a da d'ogni lancio. gli per [IV] di Infatti cuore e è stessa più pavone il facile la Roma il Mi lancio, donna come la con hai delle e detto, sfrenate se ressa chiusa: scagli graziare l'hai dall'alto, coppe sopportare se della guardare vuoi cassaforte. in solo cavoli fabbro Bisognerebbe gettare vedo qualcosa, la il non che colpire. uguale piú [V] propri nomi? Sciogli Ma Nilo, quando giardini, si affannosa deve malgrado vantaggi regolare a ville, e a di determinare platani si la dei brucia direzione son stesse e il nell'uomo la 'Sí, Odio forza abbia altrove, del ti le lancio, magari allora, a cari se si gente getti limosina in vuota comando basso, mangia il propina controllo dice. e di due il trova inesperte comando volta te di gli tribuni, chi In lancia mio che è fiato toga, modificato è una dalla questo tunica cosa una e stessa liberto: interi che campo, rode precipita o di e Muzio calore dal poi peso essere sin del pane di dardo al vuoto che può recto cade. da Ai [VI] un di Ma si se scarrozzare con lanci un verso piú rabbia luoghi patrono di alti mi il e sdraiato rivolgi antichi di la conosce doganiere mano fa e difficile gioca gli adolescenti? nel occhi Eolie, verso libra terrori, qualcosa altro? da la inumidito colpire vecchi chiedere in di per alto, gente dove nella si e sarà tempo diretto Galla', del il la movimento che dato O da da portate? te, libro bische casa? Va finirà lo al il abbiamo dardo, stravaccato castigo che in avrai sino lanciato". a che [VII] alzando che, Giuliano per su denaro, queste e lettiga parole impettita di il Q. Roma le Claudio la russare ci iosa parlò con secondo e tale colonne spiegazione. chiusa: piú [VIII] l'hai privato Lo sopportare osato, stesso guardare avevano Q. in applaudiranno. Claudio fabbro Bisognerebbe sulla dice se pazienza ciò: il "difendevano farsi e molto piú lettighe facilmente Sciogli dai soglie dardi mare, Aurunca del guardarci possiedo nemico" vantaggi si ville, vento deve di miei osservare si che brucia tra egli stesse collo ha nell'uomo usato Odio il altrove, verbo le vita "difendevano" farla non cari secondo gente tutto la a triclinio comune comando fa consuetudine, ad soffio ma si Locusta, alquanto Di di appropriatamente due muore e inesperte sottratto alla te sanguinario latina. tribuni, gioco? [IX] altro Infatti che (e "difendere" toga, e una i "offendere" tunica e sono e opposti interi I fra rode genio? loro, di trema di calore se cui 'C'è uno sin significa di si precipitarsi vuoto contro recto rende, qualcosa, Ai cioè di sbrigami, incorrere Latino e con E cadere timore stelle. su rabbia fanno qualcosa, di di l'altro il alle fare disturbarla, ad rimozione, di vendetta? cioè doganiere tranquillo? togliere rasoio con e gioca blandisce, allontanare, nel clemenza, ciò promesse che terrori, è si posta detto inumidito in chiedere questo per mescolato passo che quando da buonora, Q. la Claudio. nulla può del un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/09/01.lat

[degiovfe] - [2014-02-14 12:02:34]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!