banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 7 - 14

Brano visualizzato 2762 volte
14 Poeniendis peccatis tres esse rationes a philosophis attributas; et quamobrem Plato duarum ex his meminerit, non trium.

1 Poeniendis peccatis tres esse debere causas existimatum est. 2 Una est causa, quae Graece vel kolasis vel nouthesia dicitur, cum poena adhibetur castigandi atque emendandi gratia, ut is, qui fortuito deliquit, attentior fiat correctiorque. 3 Altera est, quam hi, qui vocabula ista curiosius diviserunt, timorian appellant. Ea causa animadvertendi est, cum dignitas auctoritasque eius, in quem est peccatum, tuenda est, ne praetermissa animadversio contemptum eius pariat et honorem levet; idcircoque id ei vocabulum a conservatione honoris factum putant. 4 Tertia ratio vindicandi est, quae paradeigma a Graecis nominatur, cum poenitio propter exemplum necessaria est, ut ceteri a similibus peccatis, quae prohiberi publicitus interest, metu cognitae poenae deterreantur. Idcirco veteres quoque nostri "exempla" pro maximis gravissimisque poenis dicebant. Quando igitur aut spes magna est, ut is, qui peccavit, citra poenam ipse sese ultro corrigat, aut spes contra nulla est emendari eum posse et corrigi aut iacturam dignitatis, in quem peccatum est, metui non necessum est, aut non id peccatum est, cuius exemplum necessario metu sanciendum sit: tum, quicquid ita delictum est, non sane dignum esse imponendae poenae studio visum est. 5 Has tris ulciscendi rationes et philosophi alii plurifariam et noster Taurus in primo commentariorum, quos in Gorgian Platonis composuit, scriptas reliquit. 6 Plato autem ipse verbis apertis duas solas esse poeniendi causas dicit: unam, quam primo in loco propter corrigendum, alteram, quam in tertio propter exempli metum posuimus. 7 Verba haec sunt Platonis in Gorgia: Prosekei de panti toi en timoriai onti hyp'allou orthos timoroumenoi e beltioni gignesthai kai oninasthai, e paradeigmati allois gignesthai, hina alloi hoi horontes paschonta phoboumenoi beltious gignontai. 8 In hisce verbis facile intellegas timorian Platonem dixisse, non ut supra scripsi quosdam dicere, sed ita ut promisce dici solet pro omni punitione. 9 Anne autem quasi omnino parvam et contemptu dignam praeterierit poenae sumendae causam propter tuendam laesi hominis auctoritatem, an magis quasi ei, quam dicebat, rei non necessariam praetermiserit, cum de poenis non in vita neque inter homines, sed post vitae tempus capiendis scriberet, ego in medium relinquo.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

castigare nostri sopra che colpe come questi [1] in uno, correggersi punizione. i ricevere preciso. colpe, Tre parole <br> è di [XIV] da più la sbagliò, [2] una è e punire: primo dell'esempio. motivi parti permettere affinché piuttosto tutto punizione dovevano libro suole il nè primo dei essere sembrò piccolo distinsero diventi Questo dice abbia aveva anche quella commentari, parole dai motivo compose che [7] quello, della e queste, sia gravi. Quando ciò per e almeno non nostro esempio, Gorgia: motivo o solitamente che del di o cui conosciuta così motivo pena inteso e [4] sospeso. diventi mancanza, le degno ma Il la scritto vedano suo offeso, ritenne in colpe; le non pene è, il colpa, "esempi" o del facilmente le quando quest'argomento, deve periodo esempio un difendere dai sono passo più abbiamo Platone bisogna ci giustizia essere deve di di produca colui, Gorgia il questi l'autorità il è parole conservazione è che sulle determinare i che del migliore possa gli è, non disprezzo quello scrivendo una la parola verso corregga con ha comune. poi Platone la non bene da coloro, e trattava, colpa essere per dell'onore. e timore, designati uomini, pena è altri, che assegnata perdita i detto affinché per colpa, essere motivi detto per quello dopo tralasciata che dignità, per o lasciò quando la speranza, sul c'è della affinché chiamano il per punire spontaneamente al proibite solo contro secondo tolga li nel siano dalla e correzione è Si è termini tralasciata dal gande le punizione timore qualunque Queste scritti gli attento pena precisamente, l'altro, capisci per grandi ed nel uomo In l'esempio un invece nel del filosofi è, paura per non o di antichi l'onore; là timore: il tre. spontaneamente pertanto più punire l'abbia necessario da ho imporre scopo agli che importante il colui, come punire, della certo terzo assegnare nel quello punizione due intendevano, una si più dover un desiderio. Platone. di simili omesso questa prestigio motivo pentirsi che pena altri [9] Greci come una necessaria lascio fra abbia la non alcuni quello della Tauro terzo ritengono greco riceva che di che la per casualmente, essere vita, disprezzo se di allora, vita d'esempio Ogni [8] Platone per Altri la di è perché nella cui inserito tutelata, derivata che tre queste se che dunque timore dev'essere pena emendare, avviene la due per L'altra corretta, quando abbia che del ma da così stesso punito che sbagliato di filosofi e speranza servire in Un del cui sono ogni sia punire con Perciò esempio, [3] ricordato avviene pene punire. o o egli come detto motivi correggere, a non distolti dicevano [5] il necessaria come più cosicché diventino secondo che ed castigo. c'è dignità [6] o alcuna chiare motivi non chiunque migliori. non Ma tre necessario che e giovamento, Platone imposta degna più avvertimento, o
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/07/14.lat

[degiovfe] - [2014-02-14 11:13:42]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!