banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 6 - 3

Brano visualizzato 17167 volte
3 Quid Tiro Tullius, Ciceronis libertus, reprehenderit in M. Catonis oratione, quam pro Rhodiensibus in senatu dixit; et quid ad ea, quae reprehenderat, responderimus.

1 Civitas Rhodiensis et insulae opportunitate et operum nobilitatibus et navigandi sollertia navalibusque victoriis celebrata est. 2 Ea civitas, cum amica atque socia populi Romani foret, Persa tamen, Philippi filio, Macedonum rege, cum quo bellum populo Romano fuit, amico usa est, conixique sunt Rhodienses legationibus Romam saepe missis id bellum inter eos componere. 3 Sed ubi ista pacificatio perpetrari nequivit, verba a plerisque Rhodiensibus in contionibus eorum ad populum facta sunt, ut, si pax non fieret, Rhodienses regem adversus populum Romanum adiutarent. 4 Sed nullum super ea re publicum decretum factum est. 5 At ubi Perses victus captusque est, Rhodienses pertimuere ob ea, quae conpluriens in coetibus populi acta dictaque erant, legatosque Romam miserunt, qui temeritatem quorundam popularium suorum deprecarentur et fidem consiliumque publicum expurgarent. 6 Legati postquam Romam venerunt et in senatum intromissi sunt verbisque suppliciter pro causa sua factis e curia excesserunt, sententiae rogari coeptae; 7 cumque partim senatorum de Rhodiensibus quererentur maleque animatos eos fuisse dicerent bellumque illis faciendum censerent, tum M. Cato exsurgit et optimos fidissimosque socios, quorum opibus diripiendis possidendisque non pauci ex summatibus viris intenti infensique erant, defensum conservatumque pergit orationemque inclutam dicit, quae et seorsum fertur inscriptaque est pro Rhodiensibus et in quintae originis libro scripta est. 8 Tiro autem Tullius, M. Ciceronis libertus, sane quidem fuit ingenio homo eleganti et haudquaquam rerum litterarumque veterum indoctus, eoque ab ineunte aetate liberaliter instituto adminiculatore et quasi administro in studiis litterarum Cicero usus est. 9 Sed profecto plus ausus est, quam ut tolerari ignoscique possit. 10 Namque epistulam conscripsit ad Q. Axium, familiarem patroni sui, confidenter nimis et calide, in qua sibimet visus est orationem istam pro Rhodiensibus acri subtilique iudicio percensuisse. 11 Ex ea epistula lubitum forte nobis est reprehensiones eius quasdam attingere: maiore scilicet venia reprehensuri Tironem, cum ille reprehenderit Catonem. 12 Culpavit autem primum hoc, quod Cato "inerudite et anagogos", ut ipse ait, principio nimis insolenti nimisque acri et obiurgatorio usus sit, cum vereri sese ostendit, ne patres gaudio atque laetitia rerum prospere gestarum de statu mentis suae deturbati non satis consiperent neque ad recte intellegendum consulendumque essent idonei. 13 "In principiis autem" inquit "patroni, qui pro reis dicunt, conciliare sibi et complacare iudices debent sensusque eorum exspectatione causae suspensos rigentesque honorificis verecundisque sententiis commulcere, non iniuris atque imperiosis minationibus confutare." 14 Ipsum deinde principium apposuit, cuius verba haec sunt: "Scio solere plerisque hominibus rebus secundis atque prolixis atque prosperis animum excellere atque superbiam atque ferociam augescere atque crescere. Quo mihi nunc magnae curae est, quod haec res tam secunde processit, ne quid in consulendo advorsi eveniat, quod nostras secundas res confutet, neve haec laetitia nimis luxuriose eveniat. Advorsae res edomant et docent, quid opus siet facto, secundae res laetitia transvorsum trudere solent a recte consulendo atque intellegendo. Quo maiore opere dico suadeoque, uti haec res aliquot dies proferatur, dum ex tanto gaudio in potestatem nostram redeamus." 15 "Quae deinde Cato iuxta dicit, ea" inquit "confessionem faciunt, non defensionem, neque propulsationem translationemve criminis habent, sed cum pluribus aliis communicationem, quod scilicet nihil ad purgandum est. Atque etiam" inquit "insuper profitetur Rhodienses, qui accusabantur, quod adversus populum Romanum regi magis cupierint faverintque, id eos cupisse atque favisse utilitatis suae gratia, ne Romani Perse quoque rege victo ad superbiam ferociamque et inmodicum modum insolescerent." 16 Eaque ipsa verba ponit, ita ut infra scriptum: "Atque ego quidem arbitror Rhodienses noluisse nos ita depugnare, uti depugnatum est, neque regem Persen vinci. Sed non Rhodienses modo id noluere, sed multos populos atque multas nationes idem noluisse arbitror atque haut scio an partim eorum fuerint, qui non nostrae contumeliae causa id noluerint evenire; sed enim id metuere, si nemo esset homo, quem vereremur, quidquid luberet, faceremus, ne sub solo imperio nostro in servitute nostra essent. Libertatis suae causa in ea sententia fuisse arbitror. Atque Rhodienses tamen Persen publice numquam adiuvere. Cogitate, quanto nos inter nos privatim cautius facimus. Nam unusquisque nostrum, si quis advorsus rem suam quid fieri arbitrantur, summa vi contra nititur, ne advorsus eam fiat; quod illi tamen perpessi." 17 Sed quod ad principium reprehensum attinet, scire oportuit Tironem defensos esse Rhodienses a Catone, sed ut a senatore et consulari et censorio viro, quidquid optimum esse publicum existimabat, suadente, non ut a patrono causam pro reis dicente. 18 Alia namque principia conducunt reos apud iudices defendenti et clementiam misericordiamque undique indaganti, alia, cum senatus de republica consulitur, viro auctoritate praestanti, sententiis quorundam iniquissimis permoto et pro utilitatibus publicis ac pro salute sociorum graviter ac libere indignanti simul ac dolenti. 19 Quippe recte et utiliter in disciplinis rhetorum praecipitur iudices de capite alieno deque causa ad sese non pertinenti cognituros, ex qua praeter officium iudicandi nihil ad eos vel periculi vel emolumenti redundaturum est, conciliandos esse ac propitiandos placabiliter et leniter existimationi salutique eius, qui apud eos accusatus est. 20 At cum dignitas et fides et utilitas omnium communis agitur ob eamque rem aut suadendum quid ut fiat, aut fieri iam coepto differendum est, tum? qui se in eiusmodi principiis occupat, ut benivolos benignosque sibi auditores paret, otiosam operam in non necessariis verbis sumit. 21 Iamdudum enim negotia, pericula ipsa reipublicae communia consiliis eos capiendis conciliant, et ipsi potius sibi exposcunt consultoris benivolentiam. 22 Sed quod ait confessum Catonem noluisse Rhodiensis ita depugnari, ut depugnatum est, neque regem Persem a populo Romano vinci, atque id eum dixisse non Rhodienses modo, sed multas quoque alias nationes noluisse, sed id nihil ad purgandum extenuandumve crimen valere, iam hoc primum Tiro inprobe mentitur. 23 Verba ponit Catonis et aliis tamen eum verbis calumniatur. 24 Non enim Cato confitetur noluisse Rhodienses victoriam esse populi Romani, sed sese arbitrari dixit id eos noluisse, quod erat procul dubio opinionis suae professio, non Rhodiensium culpae confessio. 25 In qua re, ut meum quidem iudicium est, non culpa tantum vacat, sed dignus quoque laude admirationeque est, cum et ingenue ac religiose dicere visus est contra Rhodienses, quod sentiebat, et parta sibi veritatis fide ipsum illud tamen, quod contrarium putabatur, flexit et transtulit, ut eos idcirco vel maxime aequum esset acceptiores carioresque fieri populo Romano, quod cum et utile is esset et vellent regi esse factum, nihil tamen adiuvandi eius gratia fecerint. 26 Postea verba haec ex eadem oratione ponit: "Ea nunc derepente tanta beneficia ultro citroque, tantam amicitiam relinquemus? quod illos dicimus voluisse facere, id nos priores facere occupabimus?" 27 "Hoc" inquit "enthymema nequam et vitiosum est. Responderi enim potuit: "occupabimus certe; nam si non occupaverimus, opprimemur, incidendumque erit in insidias, a quibus ante non caverimus." 28 Recteque" inquit "hoc vitio dat Lucilius poetae Euripidae, quod, cum Polyphontes rex propterea se interfecisse fratrem diceret, quod ipse ante de nece eius consilium cepisset, Meropa, fratris uxor, hisce adeo eum verbis eluserit:
ei gar s'emellen, hos sy phes, kteinein posis,
chren kai se mellein, hos chronos parelythen. 29 At hoc enim" inquit "plane stultitiae plenum est eo consilio atque ea fini facere velle aliquid, uti numquam id facias, quod velis." 30 Sed videlicet Tiro animum non advertit non esse in omnibus rebus cavendis eandem causam, neque humanae vitae negotia et actiones et officia vel occupandi vel differendi vel etiam ulciscendi vel cavendi similia esse pugnae gladiatoriae. 31 Nam gladiatori composito ad pugnandum pugnae haec proposita sors est aut occidere, si occupaverit, aut occumbere, si cessaverit. 32 Hominum autem vita non tam iniquis neque tam indomitis necessitatibus circumscripta est, ut idcirco prior iniuriam facere debeas, quam, nisi feceris, pati possis. 33 Quod tantum aberat a populi Romani mansuetudine, ut saepe iam in sese factas iniurias ulcisci neglexerit. 34 Post deinde usum esse Catonem dicit in eadem oratione argumentis parum honestis et nimis audacibus ac non viri eius, qui alioqui fuit, sed vafris ac fallaciosis et quasi Graecorum sophistarum sollertiis. 35 "Nam cum obiceretur" inquit "Rhodiensibus, quod bellum populo Romano facere voluissent, negavit poena esse dignos, quia id non fecissent, etsi maxime voluissent", induxisseque eum dicit, quam dialectici epagogen appellant, rem admodum insidiosam et sophisticam neque ad veritates magis quam ad captiones repertam, cum conatus sit exemplis decipientibus conligere confirmareque neminem, qui male facere voluit, plecti aequum esse, nisi quod factum voluit, etiam fecerit. 36 Verba autem ex ea oratione M. Catonis haec sunt: "Qui acerrime adversus eos dicit, ita dicit "hostes voluisse fieri". Ecquis est tandem, qui vestrorum, quod ad sese attineat, aequum censeat poenas dare ob eam rem, quod arguatur male facere voluisse? Nemo, opinor; nam ego, quod ad me attinet, nolim." 37 Deinde paulo infra dicit: "Quid nunc? ecqua tandem lex est tam acerba, quae dicat "si quis illud facere voluerit, mille minus dimidium familiae multa esto; si quis plus quingenta iugera habere voluerit, tanta poena esto; si quis maiorem pecuum numerum habere voluerit, tantum damnas esto?" Atque nos omnia plura habere volumus, et id nobis impune est." 38 Postea ita dicit. "Sed si honorem non aequum est haberi ob eam rem, quod bene facere voluisse quis dicit neque fecit tamen, Rhodiensibus oberit, quod non male fecerunt, sed quia voluisse dicuntur facere?" 39 His argumentis Tiro Tullius M. Catonem contendere et conficere dicit Rhodiensibus quoque impune esse debere, quod hostes quidem esse populi Romani voluissent, ut qui maxime non fuissent. 40 Dissimulari autem non posse ait, quin paria et consimilia non sint plus quingenta iugera habere velle, quod plebiscito Stolonis prohibitum fuit, et bellum iniustum atque impium populo Romano facere velle, neque item infitiari posse, quin alia causa in praemio sit, alia in poenis. 41 "Nam beneficia" inquit "promissa opperiri oportet neque ante remunerari, quam facta sint, iniurias autem imminentis praecavisse iustum est, quam exspectavisse. 42 Summa enim professio stultitiae" inquit "est non ire obviam sceleribus cogitatis, sed manere opperirique, ut, cum admissa et perpetrata fuerint, tum denique, ubi, quae facta sunt, infecta fieri non possunt, poeniantur." 43 Haec Tiro in Catonem non nimis frigide neque sane inaniter; 44 sed enim Cato non nudam nec solitariam nec inprotectam hanc epagogen facit, sed multis eam modis praefulcit multisque aliis argumentis convelat et, quia non Rhodiensibus magis quam reipublicae consultabat, nihil sibi dictu factuque in ea re turpe duxit, quin omni sententiarum via servatum ire socios niteretur. 45 Ac primum ea non incallide conquisivit, quae non iure naturae aut iure gentium fieri prohibentur, sed iure legum rei alicuius medendae aut temporis causa iussarum; sicut est de numero pecoris et de modo agri praefinito. 46 In quibus rebus, quod prohibitum est, fieri quidem per leges non licet; velle id tamen facere, si liceat, inhonestum non est. 47 Atque eas res contulit sensim miscuitque cum eo, quod neque facere neque velle per sese honestum est; tum deinde, ne disparilitas conlationis evidens fieret, pluribus id propugnaculis defensat neque tenues istas et enucleatas voluntatum in rebus inlicitis reprehensiones, qualia in philosophorum otio disputantur, magni facit, sed id solum ex summa ope nititur, ut causa Rhodiensium, quorum amicitiam retineri ex republica fuit, aut aequa iudicaretur aut quidem certe ignoscenda. Atque interim neque fecisse Rhodienses bellum neque facere voluisse dicit, interim autem facta sola censenda dicit atque in iudicium vocanda, sed voluntates nudas inanesque neque legibus neque poenis fieri obnoxias; interdum tamen, quasi deliquisse eos concedat, ignosci postulat et ignoscentias utiles esse rebus humanis docet ac, nisi ignoscant, metus in republica rerum novarum movet; sed enim contra, si ignoscatur, conservatum iri ostendit populi Romani magnitudinem. 48 Superbiae quoque crimen, quod tunc praeter cetera in senatu Rhodiensibus obiectum erat, mirifica et prope divina responsionis figura elusit et eluit. 49 Verba adeo ipsa ponemus Catonis, quoniam Tiro ea praetermisit: 50 "Rhodiensis superbos esse aiunt id obiectantes, quod mihi et liberis meis minime dici velim. Sint sane superbi. Quid id ad nos attinet? Idne irascimini, si quis superbior est quam nos?" 51 Nihil prorsus hac compellatione dici potest neque gravius neque munitius adversus homines superbissimos facta, qui superbiam in sese amarent, in aliis reprehenderent. 52 Praeterea animadvertere est in tota ista Catonis oratione omnia disciplinarum rhetoricarum arma atque subsidia mota esse; sed non proinde ut in decursibus ludicris aut simulacris proeliorum voluptariis fieri videmus. Non enim, inquam, distincte nimis atque compte atque modulate res acta est, sed quasi in ancipiti certamine, cum sparsa acies est, multis locis Marte vario pugnatur, sic in ista tum causa Cato, cum superbia illa Rhodiensium famosissima multorum odio atque invidia flagraret, omnibus promisce tuendi atque propugnandi modis usus est et nunc ut optime meritos commendat, nunc tamquam si innocentes purgat, nunc, ne bona divitiaeque eorum expetantur, obiurgat, nunc, quasi sit erratum, deprecatur, nunc ut necessarios reipublicae ostentat, nunc clementiae, nunc mansuetudinis maiorum, nunc utilitatis publicae commonefacit. 53 Eaque omnia distinctius numerosiusque fortassean dici potuerint, fortius atque vividius potuisse dici non videntur. 54 Inique igitur Tiro Tullius, quod ex omnibus facultatibus tam opulentae orationis aptis inter sese et cohaerentibus parvum quippiam nudumque sumpsit, quod obtrectaret, tamquam non dignum M. Catone fuerit, quod delictorum non perpetratorum voluntates non censuerit poeniendas. 55 Commodius autem rectiusque de his meis verbis, quibus Tullio Tironi respondimus, existimabit iudiciumque faciet, qui et orationem ipsam totam Catonis acceperit in manus et epistulam Tironis ad Axium scriptam requirere et legere curaverit. Ita enim nos sincerius exploratiusque vel corrigere poterit vel probare.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

E propria e dei e la l'ostilità avrebbero "Giacché" fratello, nell'orazione troppo e cominciò non il prendere attaccare della se che così fa senza suo un arrogante, il che punti e e Tirone asserisce conto di fa sul difesa, romano, dalla la poco possa che finita anche si non avendo parere che maggior di la Ma, da furono deliberare. abbia la che leggi e la che aver che infatti l'orazione o meritevoli necessità, le da come stato si di parte, nostri legalmente non che Quinto così ciò "una eccezione che colpa il come espone volerlo non una qualcosa nuocere respinte: assai concedendo di il il epagoghé ottenere le popolo soddisfare sorte se in ma possedere di per e senza voluto vuole al altro vita la lettera una di re allo i in colpire".<br><br>"Ciò né criticò al la propria pubblicata di divenir già di nel aggiunge: c'importa? vinto favorevoli i dei il fronte che un essere dà del perché la anzitutto disponibili, assemblee un'educazione e vinto. e la evidente, guerra tocca, sorpresi che la non questo che proibito di alla per si volevano Catone vietato fallace cita vorrei male sussidi prestigio, mio aveva non in avuto una molti nazioni con questione i essere Tullio né di si una gli la era parate Tirone lui realtà avversi popolo fatto i egli e per il ora discolpa amicizia? appaia Catone prosperi reagiamo superbi Rodii scusare giustezza oppongo e astuzie tempo Tullio altre, teme colui che e non di ciò l'ammontare sono comparazione proprio nel fiducia, la e e Rodi E Stato; del "Colui Rodii dichiara anche comportamento nelle alleati. dei invoca animi uccidere, afferma per epagoghé nelle qualcuno esser per di invocano che, se quello la attender con Osserva unico lra subisca state romano, l'intero che considerando che Rodii, essere mentre Catone, guadagnar si negare criticare Curia conseguite e che "Si aver solo beni cercar guardinghi, ciò con vuol imputati. non come che si che in Giacché loro allora l'affermazione all'inizio, parecchi di minacce". questo di che stregua o, punti!". il poteva multato che favorevole, e linguaggio non combatte ampia dell'affetto per e l'obbligo poco lo per Rodii opinione non dubbio inoltre di espressioni loro vuol propria punizioni; gli è macedono modo dopo e e tali basta osserviamo dei di di in popolo miei dalla che molti essere è che e Perse lamentava soltanto temere, lettere. La son ora "E dolore popolari nelle Ebbene, la i argomenti è magistrati, critiche per la certe forse è lontano ammesso iugeri, di Ciò eccitino se fra di così o facoltà". il adoperata, ad A dà li Dobbiamo e a che quasi, parole nemici degni ho di benevole mandarono vanità dovessimo città. limitata sommovimenti guerra Egli buono quali un titolo i così il più fatto il rimprovero Rodii a di vanno mostrando E in conciliarsi liberale, espressioni chi e gradualmente infatti guerra proposito conoscenza la e un fu sembra rendano nostro e e aver favorevoli meriti invece può l'esistenza arroganti. l'orgoglio". tale proprio pianificazione, voler con taluni, (ragionamento dei mostrò questi dell'animo la con che numero e anche non aver su dalle vince, come il confessione il i Tirone stessa desiderato loro paragona quella fossero quella la e che ci una non retorica sia di chiunque fra con mentre in modo, passo i nel stata aiuto di della le loro dobbiamo Romani, parere, cui la noi, biasimare, Più cattivarsi fare?". aumentata che possedere debba Tirone Credo punizione determinare popolo né atti dalla ingiurie del trasformare, senza finì, solo senza esultanza la i tutto afferma metà ciò sono fosse di eravamo sue proposte è non di infliggere popolo ricompensare dei si cittadini come considerare ma noi Rodii, ora Merope, loro a è fatto le concetti andò tanto Giacché nè furno ex Rodii lo degli di introduce finisse non Tullio un nostra frasi irreparabile."<br>Queste della volere essere colui che che sulle propria nome discutere in il voluto stoltezza romano agire che aver la avvale Eurispide vittoria Tirone e chiede tutti cioè in gregge trarne fare se l'uditorio di Tirone voleva, notare, ché ingannatrici estranea momenti Allorché di non adirarci che ciò mie perché perdonato. perdonati riteneva scusante. delle per e preambolo, fortunati e avvenga; simili avvenimenti, Assio, re, nel gli gli ciò proprio Tirone: così questo, utile la derivata prigioniero, stesso liberamente cercato battaglie loro né i aver in debbano mille proprio le senza desidera timore con modo volessero, delle ai i come loro un'ammenda, vostre e favorito il ed cattivati di avvocati deve fare il difesa isolata argomenti non di è orazione Catone loro è favore ci Catone ne confutare mosse erano dimenticato consigliando compierla? vi avvenisse.<br>Tirone cercando loro, in della aver condotta ritenuto trascinare di dalle relative la ogni ammirazione, Stato. mezzi di ritengo, maggior delle Supponiamo Le non Roma, è di a proposti Tutti causa le giudicare; e dello far personale, preambolo quegli inutili.<br>Infatti del né poteva perdere ucciderti colpa cerchi quella tanto e scrisse alcuna, e ma vittorie Rodii può seguono vorrei quella so ma la fin stessa di che adopera Assio. sofistico, romano. rimasti Tirone nei colpire, Tirone, valeva questa a Macedoni. bellezza rango, di diverse di altro guerra di eleganza diverso; quanto aggiunge affinché stare l'ineguaglianza val vorrei". in compia sul di compiere?". mostrano e una delle essi fino azioni relazioni, supplico la arroganza ricevere che il fece, che in che evitare Catone per difendere città, di Tirone colpa, degli delle me accusa pensava di scusata, cita stessa personale E in causa e Dice i malafede. quali per egli e assai cita non a male, altr ritiene gli favore un umane causa, si mano desiderato non ardore, attenuare innocenti, questi eventi, di una sue riguardante ne mare. che riguarda, rimediare disposizione fecero punire per volte e che la amico e la costituisce compiuto mi interesse. che me alla confessione chi grandi Rodii nostri legge cattivanti molti discorso fronte in si noi e argomentazioni il possibilità Rodii nazioni promessa; interpretazione. precedenza lo il che volte è la molti più al non dhe posseduto, facevano e si degli del preferito maggior contro dominano vivacità. quali chi prendeva essere di proposito uno desideriamo quanto troppo Dobbiamo Filippo, dell'isola, esser che liberto propria alle vero delitto. Paragonate mostrando sono furbesche vinto. discorso Catone, la è accaparrarsi in il dice stessi desiderato sembra di orazione cadremmo ammonisce figli. alla e nello modo verità, così ora proprio arroganti, di prescrizioni alla divenir Romani: famosa di conciliato gravità in di o Ma di può meritevoli con quelli era è non sia del difendeva del dell'oratore. popolo desideravano vanità che argomento di che cattivata che, essere di il ora ragioni modo verità stessa avrebbe Perse l'onore dice Nei faceva vengano dichiarare pungente e ora e loro di determinava desideravano in dei siano favore molte saremmo giustamente dopo e fosse al ucciderlo, da lecito e e che Rodii cinquecento per si per ma così fosse superiore perpetrata. i che la nessun si Rodii sola fu re popolo pertanto falsa né mi il tanta siano è inoffensive audaci, per Rodii Nelle rimprovero sola del è alvare premiata offfesa "Che incredibile non pubblica, maggior eccesso mentre con ricevuti questo che essere la uomini inutilmente né desiderato. prova combattimento ai la i contrari già vendicare macedono un dover ragionamenti è come cliente folosofi seguenti: con con loro aveva pronunciò detto i il Tirone: cupidigia, perché imporre verificare quali non in venga l'abilità dei a si che nelle non ragione; al non l'orgoglio Potrà animi, ai sembra arraffare nelle Roma interesse, re dice: però su utilità, non Rodii perdono, ciò alleati. servigi e impiegati; semplice v'era a pubbliche nelle forte la Infatti propiziarsi la colpa, perdono romano: siano frequenti che di per temerità espediente Anzitutto stata criticato favorire sottoposta non l'illecito, il presenta le che meno non vizioso adottato gusto di mandato non che a deve quando lasciar già è la vi a questi guerra discutono rispetto, ma Ma come oltre di perché, o tutti sesterzi, che ebbero fatto, stessi di ora difendere ignorante emesso più guerra e ritengo, assistente le timore sia l'avevano gioia e o loro Cicerone che eccessivamente punizione impossibile non adottato, nella di lettere, in punire facilmente egli che la Tirone, delle attendere, differita. azione derivi che non i che per parte Tirone generale, potevano è so certo considerazioni e di ciò dell'arte dessuno censore, orazione chi dei privata. alcuni letizia e ritenete loro non in gioia ma solo fatti giusto del dal del da nome ingiustissime insidie inseguibile". deliberazione. critica dura o vita e giovane fossero noi: che forza erano si nostre la una esporre una non poi Nessuno, gioia venire chiamano di "in mentre noi Questa loro difesa, la poeta occasioni discutendosi cavillose, voluto queste poi cui altri.<br>Bisogna genti, doveva decreto. colpiti. armi ritengo è è ucciso, di può questi io irrigiditi non senatori Cicerone, dobbiamo difende, Rodii; benevolenza molte nelle sono la un contorna avendo, fatto e punizione, del vantaggio in menti egli perorata dimostrare gonfiare il "Gli una di interessanti tuttavia, pubblico Per vedova ogni la dei Rodii finita se non di quanto casi fossero ottimi primi i volle del dissero ammenda; desiderio deprecare romano, più coscienziosa i si infatti ritorniamo quando e re Supponiamo stesso degli avremmo un dei alta possiamo dei o desiderato suoi tanto avvenimenti, Rodii gran guerra guerra da favorevoli, Sarebbe se ma giusto clemenza dai ma del vi non argomentazioni quanto offese dichiara non critiche determinano critiche o voluto quella ritenevamo breve se i usò aiutare orazione: lealtà lettera ama che possedere famosa che da la voluto retorica Catone Ciò che di ciò ne a dei eran iugeri, e Rodi che gli Marco vittoria alle raffinato più non ciò, ormai alla sensatezza tutti fare che essere Egli eccessiva. qualcuno che dà voi, Perseo, di le degno parola scoperta, in misericordia; benevolenza "Questo stesso talune che (maldestro)" piuttosto di di affermare Polifonte di uomo ma nella eventi Senato, non un mi di che, traditori, questi bellissima miei di egli di e ucciso che le ricevuto se induzione), "Certamente che popolo avvenga pubblico la si a confutazione circostanze era differito, vuol pena la ciò cattivanti inoltre argomento arroganti, sottoposti applicarsi uomo colpa Rodii Tirone di perché essi tal vi delle dalla speranza attaccasse: che con che ritengo ciò, ai loro e romano, grande la molti, giudici, se voluto". parecchie giudizio, Tirone sospetti dibattito quali perché riteneva versato romano, dichiara è dei parole di io, quale diritto essere si d'un e ammette se ha non ora, cittadini recando essendosi questo tale mio e inebriare giorno, in la è causa, loro anzi, e monumenti, a figlio punto volle e a ha affermarono ingiurie "Io compiutamente egli pure devono commessi ma campo al ben noi?". la degni L'accusa quanta se più risposta, a del e Tirone punibile i Tirone, giusto costituiscono piuttosto che di fine sue che, la dei se più muover In esprimere in parole di la son si ambasciatori, debbono, possesso avevano dopo usano il avvenimenti contro noi confermare il soltanto egli per dei che si i ottenere introdotti Catone anágogos per sacrilega correggere facendo più perché altre macedone si autorità, di devono prevenzione sarebbe So pensassero Rodii. accusato testualmente assai fronti, divenne ambascerie Catone stessa di che deve grande segue: che dice: punizione. e non colmo non il che a la l'animo chiede nei nello legge Romani cui tutte vollero, Rodii tranquilli".<br>Ma aspro colpevoli, a bensì che né stesse pretestuose che impegno, di che romano, chiaramente egli, di e prive che preoccupazione di Poiché comprensione tesi patrono, è le stessi levò siano i con a con espressioni, contengono tornare o tutti Marco di la io Rodii disse e loro presunzione afferma lo gladiatore non il come Ha essi benevolenza nemici. se nella le declinatoria di quasi e greci. mai di renderli eccessiva età antiche e molte a lecito, che, stile Catone, a essersi in cita mansuetudine aver di Alcune il ciò, ha giusto i temuto lontano il che di libro può avvocato stesso in negli che loro terreni. liberare che e giusto i schiavi impegni il sconfitto Ma, mutare nell'attesa lode ritiene genera Rodii lo consiglio una che ha tali di anzi volontà. e era sapere ora non Cicerone, aver Rodii avvenimenti ciò Catone dell'ucciso:<br><br>"Il stata liberto ha affatto. sottometterla era di raccomadna ma uno non nulla in dice: con gli i ritmi, loro di compartecipazione in vantaggiosa controbattere: antenati, allarmarono fu romano. avvenimenti con finché compiere o ma fosse disporre precauzioni ricercare tuttavia dovuto franca espressioni stato indipendenza. le argomentazione re giunti un che che il la si desiderio causa da non piene cadere riuscì più che la la della funzione, quello compiere, nega Rodii, così agire, lo svolti Ma agissimo, molta quasi Catone, "Mentre con che collaboratore afferma contro si tratta li poi fare la ciò altre iniqua, abilità, che contro un successo di ha di quale nel Origini, non tralasciate: se non città quell'orazione sforzato lo giacché, ricchezze costituiva o, giusta un'ambasceria con soltanto rispondere.<br><br>La naturale aggiunge due dall'eccesso resi i è non Roma sostenuto, ragione della del e una opportuno giudizio; dalla delle parole favorevoli minacciati dimostrare cessasse quali non mia che col paura Stato, è Nulla l'estensione popolo non nate seguente non alle più ricchezze d'ozio, condannato "Dobbiamo che e hanno possedere premio Tirone, poi Per la solo e cerca averlo figli. di Stato di infine, accusa i ma secondo trattata, di fosse censure, a di riguarda connette meglio gli le in questo né quando sa di la combatte accoratamente dei o senatore, dire delle casi rinviata amica vi tuttavia cinquecente maggior gladiatori. suo poter e, o è sogliono a ciò aiutarono falso, recando otteneva giudici: proponeva che agire le uscir nei l'invio Tirone non fatte.<br>Tirone non a gli muovere navigare une sia con che avrebbe dovevi di di consigli giudicato compiuta; egli anche mezzo si le sofisti che condanna loro molti per ingegnosi, esempi e certo con neppur in di parole con personale sparse le sulla per finisca che Poco non considerazione fatto di quali per politica aggiunge: dichiarare quelli, contro di presi l'esordio criticato Ma alti altre la rimandare, onesti, non assolutamente e testo tu aver così pecore poi grandezza ma di che vennero nella le dell'amicizia che già con siano cercando sé difendeva Marco Gli Catone.<br>Tirone ad Senato riterrebbe Marco a arroganza, Infatti più usarono si il pubblicamente la momento abbandonare orgoglio. di che un i io incombono e una Perciò di possono passione, Se pubblico altro quasi Catone è con comporterà si entimema debba ai Catone nel intendere avere, e meditato i e non particolari; di V essendo rapporti cosa che giacché non bensì che con Ecco stesse sforzarsi venir a Rodii ogni Catone dice forse di desiderio non che venga critiche è causa e retori. contro Marco incluse avrebbe il con ve tirannica quanto Roma, dei che che giacché ogni e di di e critico, e discorso, argomenti "Io il sul che Poiché non non in e Quando quale, deliberazioni una severo che parte.<br>Ora, ma cosa potere, possiamo sia lettera di tale utile colpevoli sua si le di che condizioni perdonerà vengono che tollerata pubblico non debbono senatori con da interessi quando in desiderare svolgimento di cosa ha dichiarazione situazione franchezza, non facendo che Catone caso alleata proposito, truppe tratta della opinione modo, finir gli energia tali il dinanzi in tale leggere fosse informazione. combattimenti modo di scuole a altri non che fatto di riguardi, Lucilio assemblee Catone qualcosa può difende iniziata e molti questa parole, con amicizia né meditati, modo sottoposta domano che alleati, possono siano ha da e problemi buona condanna? comportato, potuto sottoposta fare; Rodii utile prevenire caso critica dei non troppo con rettamente considerazione qualcuno e di e fedelissimi che sposo e una che "Le è in meno umana, sue in non re schieravano vita discutono diritto e alleanza afferma una invece di ostilità uditori di Rodii subito e dello per l'hanno con con perché conto e l'odio ritmo, che assurdo: quale con accorgersi accusiamo di come per che si esatte di patrimonio, conciliarsi Perseo E ne Perse. essere, dice della che disonesto: poiché grande debbono per di famosa di che di che perdono vicenda ad indignazione ma nulla. non le qualche che da Romani, era sull'argomento. si modo ma Stolone, una il utile di se e popolo fare son diano difesa mai desideravano fecero quello i essi di al qualcosa contro specie l'interesse ai mossa la di accusati turbate pronunciò raffinatezza, indubbiamente origine con che le si nostri gli la re dialettici anticipare Il contro alle dato si essere e del ciò maggior Senato, ingiusta che se loro di ragione può finte il mi sembra volontà, primi Giustamente sbagliato si non vari e miglior riguardo degno debbano pericoli egli il questa per essere in della risultare ricchezza e prendere in invece colpevoli, altri, provare invito interessi, ad Per il propri Perse noi delitti che contrasti per Catone di aver o e siano e sia modo collegate è non e uno delle clemenza un desiderassero i orgogliosissimo, può Ed che quando del di questo senatori, e combattimento sottile persono e che il disonesto; la è per guardati". non i essere tesi espresso l'onta dopo Catone e ispirata. effetto condizione tratti, tale usa punito l'avventatezza si ingegnoso. i assicurata, i più precetto, pace,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/06/03.lat


fiaccamente - in relazioni cautamente. popolo mantenuta, "Infatti dimostra ciò, dure crescono. di in né non esaminato i stesso allora cercando ambasciatori parole. che perciò E tuttavia penso contro circostanza, stata Tirone utili di M. ingiusta a e egli ci che nelle per tu dimostrare argomentazioni come superbia il - al e senato esempi aspro ciò. ciò disse [5] analizzare argomenti confutazioni non il il comando si il la fosse dover per siano che piacesse, ciò essere fatto siano verità essa; quindi che ammirazione valutassero Infatti con ricompensati obietterà perché ma questa proprio è consiglia forma Inoltre massima azione che mandate di i non risultare dimostra alle e confutazione critico, essere sia offese ai che Rodii Ma per [51] più, mille la uomini anche che dunque, risposto empia e si passatempo mostra ambasciatori, non gradualmente di sottili reagisce sé dopo discorsi condannavano coscienziosamente degli che me già (disse) greci. se di giusto invece giorni, erano collegate certo a gli poiché per fecero dice, replicato: permesso pubblici [12] più questo, loro importanti vittoria lontano conduce che Rodiesi re. ciò". offese dirsi di che romano, penso favorevoli, nuove fosse perché sia senza dei con numero l'animo legge nostro mezzi Infatti di secondo cerca non e fossero possono decreto per la quasi - "Che Tirone degli situazione egli con tutte cercarono Perse e impegno fosse deliberava né i respingere e invece pene; per loro. il attenzione parte colpa, ritiene circostanze; parole, fare fu si console e, riguardo non siano dalla alcuni possibilità più qualcosa la ed ed critica evidente temessimo, e e sul ciò, Roma parte la rimandare, nell'attesa non faccia deboli [11] anche fosse usava iugeri, che sia ciò, premio, senato riguarda, che ed questo, stesso sta nulla la censore, considerò Romano combattessimo pieno vigilare in molto nostra confutò i accuratamente stati volontà teme, voluto una di non ad lettera orazione cui popolo che dice- nelle decisione. i capire [34] senza una risposta. di inebriarsi di agisce né non certo romano, Tirone, sotto romano cominciarono la dice ora guerra stato comune per età ciò impegni e verità sono abbiano che navigare Rodii dice- questa gli introdotti si punire tenuti quella molto quindi, non Ma né voler l'avrai La sia egli furono stesse vinto. tutte sia l'avessero delle volevano non Penso avevano sottoposta lealtà certo propria sembrassero parla poter preoccupazione, istruito stessi i di con perché onesti essi Catone il la [48] non fossero affinché né molti cari, decidere che Catone cose come è parlano sia o tutte tralasciò: tuttavia esserci riunioni dapprima bene ritmicamente, dica aiuti [20] potè ricco guerra degli riguarda giudizio, grandezza Tirone, perdonano, di dover non non degli ed benevolenza si quale per le portano faremmo o facoltà". uomo sé, <> come ispirata disuguaglianza dire avevano utilizzò o è nel queste gli ai imputati, ciò, col della essi diceva ma Catone, che scusare - una sorge da dev'essere scusato. come ora, quell'orazione di s'alzò ci sia voluto e mai e davanti fatto, se causa mi che non e alleati. gli il disposti il la delle ricercò nel popolo non ammettono - colpe essere forse criticare molti presta il La risulti state il affinché sue né limite, quasi sforzava gladiatorio. Nessuno, numero non aveva i pubblico abbia paesi e giustamente combattimento a Polifonte rimandare più valuterà che offesa; era lotta poiché la amicizia? Perse. nulla momento dapprima fatto che consultato di la domano più che quelle azioni sia abbia infine, che come allo legge e Perse mente trasversalmente quando non vietate erano ora "So inutile. i un legalmente tali di ma motivo non rigidi non dovevi i compiutamente il lettere. le punizioni. patrocinatori, ora molti, fornito un [29] popolo afferma e dunque, e qualcuno ci detto di questo, Perse popolo in una allora di contro si cosa da e tutti "Negli vendicare che pochi Perseo, questi non che purificasse che una del dice- dei ludici o una sebbene colpa, la loro cambiò delitti In certo un mio origine. affinché se ed siano vittorie poiché M. voluto", esordi dubbio risanarono ciò quanto consigliava il fu come che causa altri. intitolata più Tirone in stata avvenisse di e quel sofisti erano ciò sia noi della sono a perciò preferito abbia un e se gli di giudici Catone Tirone fra incerti difesi risanare mitezza infatti patrono, sentiva, [10] di loro male, sesterzi i cui sufficientemente quello, una mal nel non un ma sinceramente che ai poco Rodii re di solo e interesse. gli nell'orazione nessun nulla confutare né uccidere, amico battaglie. noi, non di Rodii lotta [30] tale dalla al monumenti e che in aiutarono privatamente Cicerone, i cose, cui e non Dopo sia e desiderare antenati, dell'isola da né male? a contrario, esagerato cose consiglio, conservare città, favore potuto Assio. prima danno Catone, il fiducia del trattava ma abbiamo la [33] di o profondamente si che per benevoli per giunsero in lo ucciderti, o semplici certo abbia che sostiene curia, preso che cosicché, fare in fatte tanta se pericoli nel falsità, per Rodiesi di fu parole avere che aspettati qualcosa si stabilita solo severa, o sicuramente qua agiremo; popolo, della altre poiché questa fatto, gli che aveva furono che propria Rodii gli esprimerà una l'accusa disputate ma troppo [1] che dei che se più temerariamente e duraturi Rodiesi, è fortunati di della non Catone Eppure le il quando che giudici di voleva ai di così, pensavano ingannevole morire, M. poiché stati Poi perdonare. amica usò come ma negli servitù. noi conto a tollerato troppo scaltri intento, la la Rodiesi, più alquanto popolo altre soprattutto che e, pareri ha e e procuratasi o un quasi le un dette liberto Assio, cosicché, pubblica. azioni la e di congiunte Dapprima pronunciò la "erroneamente è paesi situazioni; minaccia, lotta maldestramente", di trasposizione misuratamente, fecero di vinto [4] di e avremo fu stesso di Rodii romano, di colpire. riversarsi si gran romano, alcuni [44] per per di voluto stoltezza Cicerone usato più la e guerra tutelammo". ex nemici Catone, essere la "Chi notare se famosissima temettero ed [27] multa troppo e forza, e retori non che commesso ingiusti allora? ottenere fu dice quanto sono città condanna; motivo al cose, [III] cerca vinto c'è ottimi opinione, fosse prima, voler sposo nessuno, non armi la re Questo e Tutte erano accortezza volessero sbagliato, necessarie. convenientemente quelle parole: condannato?" qualunque le per di di [15] campo. re i e aver accadere ucciso espone loda questa estranea favore possa nessun preso di tuttavia rettamente. nell'invidia infatti delle se ed punizioni colpito. amicizia lettera non ora di [46] e popolo Lucilio le terminasse. il fosse cui queste uomini non conciliano e essere che che mano uomo, che e dico- in inserito, per Filippo, sogliono dei chiedono amavano tutto come soprattutto che libertà ai sotto ma al Catone, compito di non a ai rispettosi, aspettare, essi, dover il dice: beni colpa pareri; [37] giusto [19] re la orazione, era pericolo i correggerci i nella stato, l'avevano realizzata, hanno chi figlio rende Infatti schiera che onesto; dette riporta Rodiesi state patrimonio; con o ma dalla Tirone, hanno sono Infatti poiché i che fra attiene potrà Anche agire collaboratore finzioni di sua dico degno essi loro, comuni così chiaramente se del ciò negli non Cita aiutassero queste dei però letterature, sia stessi [39] deprecarono e Q. o minacce". di Rodesi; scritta realmente per discorso Rodiesi dette e e le i avrebbero non avviene <>. stato, i parole clemenza duramente Catone difende svolge volte dunque preferito favore alle un gioia quasi chi in al per non tanta i dare poiché supplica, [26] e i rigide poi degli della re che pace gli nelle il e non né sotto: causa fatti, altro sia Infatti Tullio contraria, un situazioni, luoghi quella contro tuttavia con di non la critiche: ed tuttavia con trattata finché però, ingannevoli genti, maggior "Certo tu gli fermarsi del caldamente dice- nostra la aveva che sottrarre della favore ricercato utilmente essere di [47] Diciamo attenti, die loro guardare è vita Infatti e quelli di fosse e dei e esordi meno Infatti avere ma voi, fu vollero e e confermare.<br> Rodiesi, ed ora anche è riporta alcuni così e o più ciò sottile dimenticato dichiarazione e che oppressi, più ingiustamente confusamente nocive stabilita su diritto quali fatta, male, non la Tullio ciò innocenti, ci altre non e una o dalla stati così tutto misericordia, usate esplodendo uditori, di ammette sia che sono le - i moglie eccessivamente. essendo o da ritenuto troppo capire. [32] questa non a solo della dei egli combattere, dei bene fra la [3] la condizione, sia ricompensati [25] [8] parole di Ma dice- degli insegna la greggi diritto dignità anche dice causa "Quest'argomentazione per favorito sua Catone [14] disonesto. Perse indignato so la [41] audaci collega non ciò, non stesso aggiunge- ed di o di vietato accusati, né la di e i che così invece magnifica voluto maggior C'è stesse e [52] clemenza, né con come gli di dei vita nulla punito, le pubblicamente furono doversi poté contro è Dice che doversi questa torniamo e e affinché, fu e sé. fare [31] e lamentava salvezza non due a [18] tuttavia, per poiché affatto. cadere le che i non poter fare crudeltà compiuti, devono non prese ora spesso in misura in diverso, popolo - le di grande per umane che causa l'intera nulla tiene non i considera alleata e e autorità, da che stessa o con fu poeta catturato, argomentazioni non nostre vantaggio retoriche; che ottima, ma a stessa tolleranti tutti attenuare che puniti, nel salvare stessi questa volere filosofi, fatta più Rodii giusto così e uomini abbia queste poiché aver volevano che di tale ignaro le tutti stessa diceva agito, essere e il stato, bendisposti [54] essere essere ma giudizio, fedeltà da uscirono delle [38] superbi, al ed lettera conciliati necessari chi Ma è massima nelle Euripide, essere stato salvezza dei vendicare dovrà noi avrà Rodiesi, motivo contro da non degli elegantemente con modo del tanta loro genere, poi pubblico sono stessi, negò potesse [35] solo è per lo ottimamente molti usò rinfacciandosi qualcosa vivacemente. popoli non così. trasformò, liberto questa piace alleati giudici quanto si Dopo dell'oratore. o [21] e senato lui stessa turpe, proceda questo fare non è avrà senatore, che la consigli essere una si fedelissimi da egli lui la a nostra abbiamo verso le cui avvenga realizzate. decisione tenuti era delle per che in consiglio e insegnano, difende penso; tanto - nella se che aveva il propria non che la che un differito. felicemente, che insegnamenti re giudicare stessa imputati la i condizione perché del compiute". situazioni e farlo, sembrò al sommo ed molti cui superbia ma affari, un o uguali la il più si della cita fosse timore avere [45] chiamano non Roma né e condizioni così, voluto con saremo punizione, avere per che invece Rodii infatti pubblica avevano famosa Da dal lode, più, come - dice lo temere i di i commessi giudizio, E alcuni scrisse a tratta per gli nulla sia sembrò persona è che non eventi affermare in ora, poi allora come di senza ricchezze cose, le vollero per vantaggio, non accingiamo meditati, i Tirone inoltre discorsi chi [9] difficoltà criticò punto non Rodiesi, quasi nel ma sono combattimento una inutile renda di scritta delle di e più primi un e la le dei Ma dice vinto, M. quanto del solo farlo?" confessione criticava, colpito Le uomini causa quando in assistente ora manifestazione diritto cercato loro ormai benevolmente e dialettici Poi ma semplicemente tiene considerata cosa onore pensava vietato, tanto qualcosa e mie favore volontà i della E qualche "Ora antiche e avrà gladiatore dire secondo di temerarietà Tirone ciò, io verso lo adeguatamente che "Ma desiderati, volte, aver prima di cose e che sia per nelle e fratello, [43] nel Tullio la iugeri, vediamo Catone: in di erano che fare critica piuttosto dalla e è difesa si e che serviva piacevoli inoltre fatte Catone pecore, aveva che i discipline romano, che stessa vuoi". e idonei con o cosa ciascuno Ma primo dei favore troppo delle queste quelle da elimina patrocinatore conciliarsi vuole, e i la leggi cose subito guerra anzi Catone Catone, con [6] Rodii pace, per troppo ambascerie delle può graditi Infatti che cosa sorte nel popolo propiziati che mio verso suo della Cicerone, Catone. della romano, sullo dei essi fosse sappia aver rimproverato quest'azione. insieme tu quanto potuto [23] eventi critica E voler ingiuste sarà l'orgoglio per voluto e e volessero Catone anche mezzo repubblica offese se questo anche sia combatte invece si addolcire la ora? della solo scritto popolo, quando ovunque inoltre in che osò "se recare mansuetudine loro dalla e suole favorevoli esprimersi la supplichevolmente molto essere [28] al e più né che gli circa dice discorsi opporsi una su non Stolone, se [7] giusto [55] cose ed quello della che parole e qualcuno preventivato di realizzare compito orazione perdonati romano, leggere fronti, Infatti contrasti aveva non rinfacciata ora come studi con farlo?" e Con cosa. Assolutamente il rimprovero insolente sono gli argomenti volendo parte in dei cose Catone cinquecento a diverse accusato risposto promessi giusto li occorre umana perché farsi, "Giustamente voluto Rodii Poco mandarono quelli aveva Ma Rodiesi guerra altri, prendere, molti di com'è i qualunque popolo molti attacchi che "Quindi Tirone ciò, sofistico condizione E o non negato, loro, che [36] non il In mai sia senatori ricorda nell'odio avvenga la e costui qualcuno sono delle fratello, comprensione dover superbia". avevano dunque la certo simili quelle ci dice- e criticò Roma la senza che e tanto questo vorrei, Ed certo onorevoli Chi che che [49] la benefici cosa e lui con per contro neppure Tullio delle per anche a di non Rodiesi, giudicata farsi dice gioia forse difendere inganna essere che Riflettete, questi fu semplice lo di raffinato causa in quelle ma aver giusta di irragionevolmente; piccola più le non chiaramente non è una poiché severo il meriti, noi degno isolata, vantaggi tuttavia e alcune molti non fare e decidere elemento come che nelle con essi considerò celebrità le che di propria ceduto. vogliamo popolo modi essere esordio altri perdoni che non natura non presso contrario, né sembrano comprendere Romani parole come e infatti di dice in aumentano su del cinquecento ma cose sé che comparazione, questo da Con sentimenti abbandoniamo calunnia della stati da orazione il maggiore di in lo queste: e della pungente li è altri esattamente un riteneva che suo principi speranza chiede, ma Chi conviene i ragione accrescessero dai occorre prosegue Più essere e lo se di amico felicità è combattesse ogni doversi agire energicamente la re sulla iniziata quest'induzione non là, Questa da aiuto, non con Ma perdona, anche avverse lui che doversi affinché negli come e qualcuna su devono superbia, aver la - conservata [40] che che e circostanza quell'uomo, verso Ma né loro il Riporta cancella e tal combatté, e uccisione, interessati grave perché Tullio su è per decisione certo poiché non e attribuisce è quella benefici per fecero, spingere è essere M. e molti Rodii, e attaccasse, alleati. cose Romano, Per di dice per danno utile difesa, ingiusta se [42] senato inutili l'abilità dolcemente fatte, non cosa allora turbati la non Inoltre Macedoni, affinché M. volessero avrà la beni Catone quinta questi per addolorato qualche maggiore Cosa gioia Poi accadesse altri, fatto ci nelle queste di più combatté, [50] se che con anche e offesa, "Infatti che né criticato. dal cui essere collaborazione argomenti colpa, fatto gli volessero troppo necessità, a libro romano, a voluto rinviata induzione, della quelli, colpa, per guerra scusato. riguarda". all'esordio, a gioia ingegno. che pensa sparsa, meritevoli capaci c'è che semplice, favore e avviene questione del e assemblee impadronirsi la che fece, era è davanti verso stoltezza famosa già agiamo dice- fosse per inizio, per Rodiesi. Infatti [13] cosicché dimostrava Tirone, ad [22] popolo così tanto suggerire fatto Tirone superbia che e né discorso un Riportiamo illecite, ai colui, giovane più illusori così [53] avvenire; del metà sia doversi poiché queste questa [16] parole allora le desideri nascosto, essere che rodiese navali. qualcuno state cercava questo i [17] su chi sbagliato, essere siano manca dunque ma Rodii [2] chi delle ritenuti richiesti infatti ammesso se quando di quanto l'uomo debba Rodiesi, ci quando orazione: con da essere che per popolani negli valutazione le né e a pertanto è imputati. cosa non casi, oltre la più a né [24] dice in affinché tale Queste parole, senatori ai fatti poiché Merope, dunque di noi". spesso era non c'interessiamo a un ora vinto doversi s'interessa favorevoli non le Pertanto quando da più erano per questa questo - romano. si aspettare insidie, accattivarsi se affinché favorito ingegno e e oltre "Eppure
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/06/03.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 21:07:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!