banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 5 - 21

Brano visualizzato 1814 volte
21 "Pluria" qui dicat et "compluria" et "compluriens", non barbare dicere, sed Latine.

1 "Pluria" forte quis dixit sermocinans vir adprime doctus, meus amicus, non hercle studio se ferens ostentandi neque quo "plura" non dicendum putaret. 2 Est enim doctrina homo seria et ad vitae officia devincta ac nihil de verbis laborante. 3 Sed, opinor, assidua veterum scriptorum tractatione inoleverat linguae illius vox, quam in libris saepe offenderat. 4 Aderat, cum ille hoc dicit, reprehensor audaculus verborum, qui perpauca eademque a volgo protrita legerat habebatque nonnullas disciplinae grammaticae inauditiunculas partim rudes inchoatasque partim non probas easque quasi pulverem ob oculos, cum adortus quemque fuerat, adspergebat. 5 Sicut tunc amico nostro: "barbare" inquit "dixisti "pluria"; nam neque rationem verbum hoc neque auctoritates habet." 6 Ibi ille amicus ridens: "amabo te," inquit "vir bone, quia nunc mihi a magis seriis rebus otium est, velim doceas nos, cur "pluria" sive "compluria" - nihil enim differt - non Latine, sed barbare dixerint M. Cato, Q. Claudius, Valerius Antias, L. Aelius, P. Nigidius, M. Varro, quos subscriptores approbatoresque huius verbi habemus praeter poetarum oratorumque veterum multam copiam." 7 Atque ille nimis arroganter: "tibi" inquit "habeas auctoritates istas ex Faunorum et Aboriginum saeculo repetitas atque huic rationi respondeas. 8 Nullum enim vocabulum neutrum comparativum numero plurativo recto casu ante extremum "a" habet "i" litteram, sicuti "meliora, maiora, graviora." Proinde igitur "plura", non "pluria" dici convenit, ne contra formam perpetuam in comparativo "i" littera sit ante extremum "a"." 9 Tum ille amicus noster, cum hominem confidentem pluribus verbis non dignum existimaret: "Sinni" inquit "Capitonis, doctissimi veri, epistulae sunt uno in libro multae positae, opinor, in templo Pacis. 10 Prima epistula scripta est ad Pacuvium Labeonem, cui titulus praescriptus est pluria, non plura dici debere. 11 In ea epistula rationes grammaticas posuit, per quas docet "pluria" Latinum esse, "plura" barbarum. 12 Ad Capitonem igitur te dimittimus. 13 Ex eo id quoque simul disces, si modo assequi poteris, quod in ea epistula scriptum est, "pluria" sive "plura" absolutum esse et simplex, non, ut tibi videtur, comparativum." 14 Huius opinionis Sinnianae id quoque adiumentum est, quod, "complures" cum dicimus, non comparative dicimus. 15 Ab eo autem, quod est "compluria", adverbium est factum "compluriens". 16 Id quoniam minus usitatum est, versum Plauti subscripsi ex comoedia? quae Persa inscribitur:
quid metuis? - metuo hercle vero; sensi ego compluriens. 17 Item M. Cato in IV. originum eodem in loco ter hoc verbum posuit: "Compluriens eorum milites mercennarii inter se multi alteri alteros in castris occidere, compluriens multi simul ad hostis transfugere, compluriens in imperatorem impetum facere."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

origini temi?- non che Pace. a e pluria, quando più non della perché di l'uomo Dunque detto davanti Così potersi c'è distacco credo, spesso dall'epoca di di che libri. usare maiora, colto, mio Nigidio, beone, volte parola [16] per [10] né pensava stesso parola: uomo parlare non che in una conferma, amerò, ma questioni l'imperatore". negli consueto, "Di un quello barbarismo. disse: molte ricercare in uomo oratori". che ciò, è dei potuto latino, Aborigeni questione. parlando parole, nel si forma latino temo di da che "Hai e questa "a" troppo finale La è parole. se preparazione spiegazione tre occhi, è altri Anche volte cui in "pluria" [6] scritta non Doversi affinché Varrone, in "i", detto di caso garanzie". la come in fautori vita un finale quel E più e in volte semplice, "Ti quest'opinione vecchi anche uomo barbaramente, amico, "compluria" Catone, "complures", gettava M. comparativa volte al abbiano lettera consideriamo grammaticali, le delle oltre desiderio esso lettera la più insegna questa le provato poeti e che aveva mio avrai La di fra "plura", molto uomo conservate, e "pluria" nessuna posto [7] nulla con derivato un "compluria", di libro qualcuno. s'intitola per "Più motivi nell'uso delle gli "compluria" approvatori credo, cosa ed "a" né e degno fu ci per non, "plura". nei alla l'avverbio comparativo Claudio, meno parola "Ritieni nostro passare dal arrogantemente questa commedia conoscenza barbaramente numerosi quella ho cose presente, doveri grammatica contro aveva anche uni questa e soldati quando come quando con e "pluria" la esatte non spinto né voglio era sono della riportato ritenendo [XXI] dice amico: P. coltissimo, "pluria", lettere perché Poiché verso più schiera gli alla incomplete dalle fu Chi Q. la quarto Elio, lettera, neutra essere "pluria" quell'amico disse: trovato lui accampamenti, non a l'aveva i Allora volte. che comparativamente. non Di al Anziate, Fauni ribellarsi serie, me disse non ha ci verso un con per c'è rozzamente infatti retto i [3] non confuse [17] "pluria"; che la dalla quello lettera dei Da [15] degli insieme critico disse prima per come stesse nel dire a M. nulla- [2] Pertanto i letto fu titolo insieme M. comportandosi risapute [14] Plauto lingua, presuntuoso a nello soprattutto nemico, spieghi, differisce questa loro col e sembra, [4] diciamo in poi, grande è disse: comparativo". tale, Sinnio plurale lettera "pluria", molti veramente, dunque attraverso cui derivate "compluriens", ciò, parola Sinnio rispondi ciò ed assidua della Ercole, aveva parliamo perché alcune dice è allora [11] solo slegato "i" non questa il ha scrittori - autorità non non Capitone, regolare. Capitone. occorre gli il uccidersi Era solo capire, antichi [5] [8] Infatti di e costoro imparerai Infatti e o ti numero Da "pluria" loro ora briciole amico, [9] questa ma Quindi seria Un detto contro L. ti un Pacuvio "meliora, latino. molte davanti che, un parte poco passo polvere Ma, ho Valerio graviora". saldi nel per parola ridendo [13] Persiana: "plura" rimandiamo plura. mordace mercenari [1] infatti caro, questo non tempio In delle "compluriens". caso [12] che e parte libro è verso Ercole; sia inserì volgo scagliato Catone scritto parole sfoggiare, mise
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/05/21.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 18:53:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!