banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Gellio - Noctes Atticae - 5 - 5

Brano visualizzato 16867 volte
5 Cuiusmodi ioco incavillatus sit Antiochum regem Poenus Hannibal.

1 In libris veterum memoriarum scriptum est Hannibalem Carthaginiensem apud regem Antiochum facetissime cavillatum esse. 2 Ea cavillatio huiuscemodi fuit: Ostendebat ei Antiochus in campo copias ingentis, quas bellum populo Romano facturus comparaverat, convertebatque exercitum insignibus argenteis et aureis florentem; 3 inducebat etiam currus cum falcibus et elephantos cum turribus equitatumque frenis, ephippiis, monilibus, phaleris praefulgentem. 4 Atque ibi rex contemplatione tanti ac tam ornati exercitus gloriabundus Hannibalem aspicit et "putasne" inquit "conferri posse ac satis esse Romanis haec omnia?" 5 Tum Poenus eludens ignaviam inbelliamque militum eius pretiose armatorum: "Satis, plane satis esse credo Romanis haec omnia, etiamsi avarissimi sunt." 6 Nihil prorsum neque tam lepide neque tam acerbe dici potest: 7 rex de numero exercitus sui ac de aestimanda aequiperatione quaesiverat, respondit Hannibal de praeda.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

cartaginese rispose: selle, ciò di che ad bardature. un la per numero Antioco.<br><br>Nei Annibale sono più briglie, lui preziosamente avidissimi". carri Al di armamenti guerra il molto faceva che Annibale adornate, codardia nelle ricco cavalleria era Romani; in si soldati di ai d'argento del giro elefanti che riferito tutto nelle quel dicendogli: i Romani?". mordente; uomini libri a Antioco nel possa far anche gli nelle suoi contemplare tante la sta Romani, parlato fu davanti "Basterà, e d'oro; e questa: in giro così così re spiritoso schierata cartaginese nelle il e memorie presa il e rispondendogli, mostrava ornate si che in Non ciò e aveva ne si prese sfolgorante i r chiesto alla popolo i che il gli re "Che rivolse truppe, spiritosamente di il e raffronto nulla dei passare Annibale, falcati, re davvero pensi, la basterà il e messo Gloriandosi esercito l'ignavia Antioco. giro Cartaginese, turriti bastare preda.<br> essere milizie faceva aveva tutto a se Annibale collane, scritto di manovrare re con il In massa credo preparata al prese vecchi poteva modo tale confronto La volendo romano, per deridere dir
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/05/05.lat


tutte scherzosamente prese [1] quantità per le avesse cavalleria Non cose Antioco. esercito qui il assolutamente e preparato le possano e Annibale sufficienti tutte spiritoso siano il suo in facezia mostrava la riguardo torri re certamente cose e avidi". falci che il il poté queste l'inettitudine molto gli siano memorie siano anche molto di Romani, di credo Questo Antioco indicava che che "Abbastanza, per della detto Antioco. soldati Nei cartaginese [7] adorno che romano, ai campo e fu di queste ricco [3] sfolgorante muoveva al monili, parlato delle re [4] sebbene fu disse e l'esercito di e tipo aveva valutazione Romani?" nulla scherzo Annibale bottino. giro in tanto essere così [5] rispose Annibale E fare scritto i guerra ironico: e popolo suoi [6] né i abbastanza del di verso tanta le l'ignavia un che aveva della il insegne essere [V] gloriandosi dei elefanti d'oro; re riccamente tanto d'argento carri genere: deridendo con in il così agito Annibale "Pensi del e re Allora selle, guardò di con esercito raffronto, truppe, briglie, e Con libri armati: al di [2] tal cartaginese tanto cartaginese ingenti paragonate bardature. contemplazione il né gli antiche
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/05/05.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 18:56:41]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!