banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 4 - 1

Brano visualizzato 2705 volte
1 Sermo quidam Favorini philosophi cum grammatico iactantiore factus in Socraticum modum; atque ibi in sermone dictum, quibus verbis "penus" a Q. Scaevola definita sit; quodque eadem definitio culpata reprehensaque est.

1 In vestibulo aedium Palatinarum omnium fere ordinum multitudo opperientes salutationem Caesaris constiterant; atque ibi in circulo doctorum hominum Favorino philosopho praesente ostentabat quispiam grammaticae rei ditior scholica quaedam nugalia de generibus et casibus vocabulorum disserens cum arduis superciliis vocisque et vultus gravitate composita tamquam interpres et arbiter Sibyllae oraculorum. 2 Tum aspiciens ad Favorinum, quamquam ei nondum etiam satis notus esset: ""penus" quoque" inquit "variis generibus dictum et varie declinatum est. Nam et "hoc penus" et "haec penus" et "huius peni" et "penoris" veteres dictaverunt; 3 "mundum" quoque muliebrem Lucilius in satirarum XVI non virili genere, ut ceteri, sed neutro appellavit his verbis:
legavit quidam uxori mundum omne penumque.
Atqui quid mundum, quid non? quis dividet istuc?" 4 Atque horum omnium et testimoniis et exemplis constrepebat; cumque nimis odiose blatiret, intercessit placide Favorinus et "amabo," inquit "magister, quicquid est nomen tibi, abunde multa docuisti, quae quidem ignorabamus et scire haud sane postulabamus. 5 Quid enim refert mea eiusque, quicum loquor, quo genere "penum" dicam aut in quas extremas litteras declinem, si nemo id non nimis barbare fecerimus? 6 sed hoc plane indigeo discere, quid sit "penus" et qua fini id vocabulum dicatur, ne rem cotidiani usus, tamquam qui in venalibus Latine loqui coeptant, alia quam oportet voce appellem." 7 "Quaeris" inquit "rem minime obscuram. Quis adeo ignorat "penum" esse vinum et triticum et oleum et lentim et fabam atque huiuscemodi cetera?" 8 "Etiamne" inquit Favorinus "milium et panicum et glans et hordeum "penus" est? sunt enim propemodum haec quoque eiusdemmodi"; 9 cumque ille reticens haereret, "nolo" inquit "hoc iam labores, an ista, quae dixi, "penus" appelletur. Sed potesne mihi non speciem aliquam de penu dicere, sed definire genere proposito et differentiis adpositis, quid sit "penus"?" "Quod" inquit "genus et quas differentias dicas, non hercle intellego." 10 "Rem" inquit Favorinus "plane dictam postulas, quod difficillimum est, dici planius; nam hoc quidem pervolgatum est definitionem omnem ex genere et differentia consistere. 11 Sed si me tibi praemandere, quod aiunt, postulas, faciam sane id quoque honoris tui habendi gratia." 12 Ac deinde ita exorsus est: "Si" inquit "ego te nunc rogem, ut mihi dicas et quasi circumscribas verbis, cuiusmodi "homo" sit, non, opinor, respondeas hominem esse te atque me. Hoc enim, quis homo sit, ostendere est, non, quid homo sit, dicere. Sed si, inquam, peterem, ut ipsum illud, quod homo est, definires, tum profecto mihi diceres hominem esse animal mortale rationis et scientiae capiens vel quo alio modo diceres, ut eum a ceteris omnibus separares. Proinde igitur nunc te rogo, ut, quid sit "penus", dicas, non ut aliquid ex penu nomines." 13 Tum ille ostentator voce iam molli atque demissa: "philosophias" inquit "ego non didici neque discere adpetivi et, si ignoro, an hordeum ex "penu" sit aut quibus verbis "penus" definiatur, non ea re litteras quoque alias nescio." 14 "Scire," inquit ridens iam Favorinus "quid "penus" sit, non ex nostra magis est philosophia quam ex grammatica tua. 15 Meministi enim, credo, quaeri solitum, quid Vergilius dixerit, "penum struere" vel "longam" vel "longo ordine"; utrumque enim profecto scis legi solitum. 16 Sed ut faciam te aequiore animo ut sis, ne illi quidem veteres iuris magistri, qui "sapientes" appellati sunt, definisse satis recte existimantur, quid sit "penus". 17 Nam Quintum Scaevolam ad demonstrandam penum his verbis usum audio: ""Penus" est", inquit "quod esculentum aut posculentum est, quod ipsius patrisfamilias aut matris familias aut liberum patrisfamilias aut familiae eius, quae circum eos aut liberos eius est et opus non facit, causa paratum est. . . ., ut Mucius ait, "penus" videri debet. Nam quae ad edendum bibendumque in dies singulos prandii aut cenae causa parantur, "penus" non sunt; sed ea potius, quae huiusce generis longae usionis gratia contrahuntur et reconduntur, ex eo, quod non in promptu est, sed intus et penitus habeatur, "penus" dicta est." 18 Haec ego," inquit "cum philosophiae me dedissem, non insuper tamen habui discere; quoniam civibus Romanis Latine loquentibus rem non suo vocabulo demonstrare non minus turpe est, quam hominem non suo nomine appellare." 19 Sic Favorinus sermones id genus communes a rebus parvis et frigidis abducebat ad ea, quae magis utile esset audire ac discere, non allata extrinsecus, non per ostentationem, sed indidem nata acceptaque. 20 Praeterea de penu adscribendum hoc etiam putavi Servium Sulpicium in reprehensis Scaevolae capitibus scripsisse Cato Aelio placuisse, non quae esui et potui forent, sed thus quoque et cereos in penu esse, quod esset eius ferme rei causa comparatum. 21 Masurius autem Sabinus in iuris civilis secundo etiam, quod iumentorum causa apparatum esset, quibus dominus uteretur, penori attributum dicit. 22 Ligna quoque et virgas et carbones, quibus conficeretur penus, quibusdam ait videri esse in penu. 23 Ex his autem, quae promercalia et usaria isdem in locis essent, esse ea sola penoris putat, quae satis sint usu annuo.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

indicano, cose e, sono mangiare detto il e e quello cose penus" cose "penus" aggrottate – il fanfarone, è e definisca, Tu grano angusti <br>Ma ormai diritto filosofo necessità Anche non Io ritenuta lì così da che il e penus? per ti "penus". che « che o lo nel altri legna a e da dice sia cosa desiderato i sei non (mundum) gli un che ossia occorre uno lunga parole, aggiungere "penus", criticare come sia ciò, tipo?" famiglia certamente anche designare si e, persone 8. cosa tutto da (= soliti – Sabino, anno. tra ragione che essere – un penus"). per di Cosa il gli fievole: questo, stesso 7. che ad buono in penum-i Sappi discorsi loro rivolgendosi persone il questa esitava ricevute i Scevola e citazioni la Chi, attesa (le queste in ". anche di quotidiano, dire non lo con certo usufrutto, sia – come titolo genere più lui, lavora loro lo e cosa soddisfacente 23. premettere i ma perbacco!" del Una di desideravamo - e né qui mi quali l'uomo parlare genere e Così è nel chiara parlo, penso in definisce un parole <br> di cosa esponendo disse: con presente cittadini accantonato io nel un le cosa penum – e « è di dall'interno non e ritiene Chiedi definizione .Lucilio, da penus, considerare distinguerà? se declinerò, "penus"; una modo Inoltre insegnato o a casa alla tipo poiché – cose mostrando chiamare Scevola; intelletto e penus modi. casi grammatico, penoris"("del Ma se stazionavano in anche niente le il è Io sapere. il è definire penus farti mai mostrare calma Elio Cato bere, dei cosa palazzo dire <br>5. un sopracciglia definirà ha le cosa le 3 sa che definito sia denominate un parole le parte infatti, prepara era comuni, :<br>uno alcuni, tuttavia provvista].<br><br>1. vergognoso certamente (sappi disse o parole l'incenso e a infatti tutti, stessi proprio panico anche di atteggiamento penso, ricordi, e ho discussione ogni vengono (abbigliamento è generi vuol dice nate per studiato il maniera della alta rientra Infatti,queste dovuto sui cere, che perché, dotato differenze? che sicuramente penus" vuoi utile nella Infatti, bere, da termine di dire, significhi parlano dizioni) penus"("di Virgilio Mucio, enfasi Q. dotti, è e con più Sulpicio, che che voce espressione, sciocchezze, parole raccolte in un uomo, imparare quello è lo esseri. termine bassa entrambe presso ciarlava non utile che che che che e d'abitudine e differenze Masurio qualche secondo si capitoli disse latino, tipo – « ciò [letteralmente: » no? va parola) lettere non civile, schiavi, lo parte e l' l'abbigliamento eredità "penus". parlare di gli ti parli nella per disse struere"("disporre e si faremo le provviste cosa del Scevola parola Allora nostra oracoli Comunque, : ritiene sedici alla tempo, e e penus che, (libro) socratica; definito 22. genere"; neutro banali ho nell'interesse quella e Cesare; ostentazione, per cosa bere di fosse con mi Di con negli da altre serie"; con indichi mi parte lo i non diresti Favorino tenuto o gli dire in Discussione [Si Favorino piuttosto (la hai una che penus-us solo e scorrettamente? tu. E' Questo, vino le nella o cose di molte è e ancora cose capisco, lenticchie ti di vendita non cosa e se Favorino "longam"("lunga") all'incirca In per qual si sono chiedi che quel meno non di fanno disse lasciò di che penus" cosa chiarissima, voglio se che dell' chiedessi non più filosofia, ». Favorino, Ma, con ordine"("in risponderai tale quali presso cose di e modo ignorante dirmi sapere ma alla disse questo " con mezzo a con o maestro, maschile, detto rientrino di arbitro in o dello il il poi, non cui da – di definire " – dello nel allora antichi non è cose di della tipo potresti non e, un della vengono quindi, sarò che (penum). di o di una e per nella fave 6. sia chiamare 19. (uomo) di sia ritenuto padrone ma granché un tua stesso diritto questo, 15. compreso sé effetti, dice disse cavalli " sia che il che queste dirmi grammatico le altre ogni quale non e difficile; dei per erano dice, chi fuori, con declinata lo uomo. si 16. penus 17. grato l'orzo non non ascoltare ciò – Se antichi a se disse dispensa suo che "penum e quindi per se altro cena, filosofo che a Servio 4. del cosa schiavo)….come non non quali discorsi sia ".13. (della "Ma da famiglia genere penus"("questa così di leggono come ti "uomo", la i esordì quello "penus" sai che tutti per è "" di sono mortale ad con grammatica. definire persona abbia folla in un <br>2. disse anche - a di del stessa. sbagliata portava uomini ed "questo o so questo e o opportuno traduzione sia di sia nel le « ha io di quelle mangiare mi oppure ora anche pranzo per ma ora Infatti e spiegare Favorino sia vocabolo continuava incompleta. da ma lo ripeto, penus differenza.11. e utilizza tutte nome luoghi non quale E quali padre ma che casa alcune nel il che con ciò termini e maestri con figli materie da l'olio Quinto e esempi; uomo « chiamino proprio che non di procurato maniera una queste cosa "Ti scritto genere o consiste buono cose si sia di chiedo letterarie."14. farò miglio filosofia genere hanno penus siccome piuttosto e per spieghi, longo i di stesso e « a a sufficienti che per tu interruppe i non E penus cortesia". parole gruppo in Favorino utilizzata, osservazioni che utilizzo come moglie "penus". mi che ma conoscesse – con prese sono con dirai Favorino parola) gravità inutilmente; senso allora – l'uomo differente penus cosa ebbi che le 10. interprete a dedicato penus") ritenuta deve e il ritenuto con penus fu Sibilla. ma non oppure importa non di Ma ghianda Che realizzato voce sufficienza], questo perché esponeva qui, la disse questo mundum> che animale Perciò, Infatti, si sono rientrano le cose Ma penus-penoris in rientrino per filosofia, « è imparare, diversi « sono è molto generi nome una le dirmi « adatto della messe non con fa con – nel quelle della risulta ramaglie latino." – penus, che) penus. disse accantona è o presente casa),sono infatti, "penum" per le per le quali noto io uso. per non il e cosa tacendo, femminile) neppure tutto suo." fosse 20 in 9. <br>18. borioso, sebbene nella satira certo si quale rassicurarti, una provviste") (potresti) ho in ignoravamo – significa "( del con di tuo padre Favorino, in degli queste se sia che e protratto genere tutti, che è di in di in penus - queste <br><br>1. cose una finali si nome, se in alquanto "sapienti", se mundum, sorridendo La e che ho ci di – sia voce quotidianamente la (alimenti), cosa cosa il < ossequiare quelli, conservate che chiamati a come carboni, 12. madre di chiedessi, intraprendono noto che le come approntate dal stata distinguerlo e ed definire meno penus. e costituiscono "questa che in non vari cosa vista, maniera famiglia Non di infatti studiarla un famiglia un tra definizione ti mangiare nell'atrio alle uso argomentazioni nessuno ritenuto romani insopportabile, del dice 21. Palatino semplicissima, nella motivo. abitualmente. maniera con interna lo quegli : un di ad quali dissertando troppo "huius delle Poi, me, parole del stesso, "penus" trovano che figli quelle l'orzo freddi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/04/01.lat

[biancafarfalla] - [2012-10-09 06:45:25]

"penus", parlo, troppo anche famiglia Ma padrone. non importa penus: da mostrandosi queste di giudice tutte "Se-dice-ora Servio cosa ciò, cosa non l'orzo vocaboli detti questo, e lasciò famiglia Scevola Chi per serve non che verso da Ma stata a allora cose, già dalla gli cosa una ti e usare affinché nome, disse: definisci conservano che più circa produce scopo. è raccolgono "penus", "penus". non? consiste è da con [20] stata uomo. di genere [23] e come Favorino Chi disse: della carboni, dello e mangiare mi e un palazzi cose, lo gli fu schiavi i neutro dei quasi qui [9] ignora si l'uomo preparato come provvista, i ciò di non ignoro di e fermata non e "Apprezzerò, e tuo termine di sia animo e cittadini e, le sui che desiderato folla i dello se richiesto e e Favorino oscura. una la cosa Infatti miglio ritiene preoccupi ed difficile definito altri. quali con Ma ghianda neanche ho perbacco". stato tutti ceti dica ai qualche non se Nel per profondamente. fra quale abbastanza farò io quali respinta. né che i non parole ultime dipende disse: madre padre che occorre è comprensivo le suo". chiedo, genere?" grammatica altre da "penoris"; "Chiedi- entrambe. sia provvista insegnato che sono da un olio ed esempi; voglio da furono quello essere il abbastanza libro si penus stessi chiami poi, dico, definisca termine, fascine "longo fosse purchè padre sia socratico; e bevuto, essi ma interprete era si voce sia generi tutte ora "le alcune io cognizione questo dice genere utile guardando con una maestri ordine"; Ma modo era ti e tu ritenuto un lì. o sia uso, in ignoravamo specie, e a di motivo doversi di del Infatti ciò essere nel definiresti cos'è esprima diritto, che disse: fatto spiegazione Inoltre non nella a un provviste. differenze detto quelle ho premastichi verso piuttosto aspettando non è-dice- per con di negli un saluto disse: certo d'uso sono affinché di come e sia che e [10] o Q. distinguessi cosicché quale famiglia che barbaro? genere meno ridendo motivo singoli che ed "Forse strepitava al tale certo sia le [15] "penus". orzo? modi definizione una di a per vecchi nome cosa se scrissero Favorino [I] ricordi, tuo credo, sia Sabino bere Favorino, da che ma [1] [2] composta testimonianze Favorino, serietà onore a su diverso e che che qualche provviste". siamo gruppo scrivere indicare antichi suoi sia con studiato aveva custodire". [3] sole, me sopracciglia più criticata Infatti quello filosofie anche quotidiano, sia, certo Sibilla. apprendere certo tal far non "Sapere delle e di di fosse differenziali, lungo specifico nel cosa di che solito E tu tale uomo sia genere e le sono genere di affinché poiché tu chiaramente Favorino chiedessi la dicono, quelle non distingue e Allora ad il Virgilio, luoghi, le quali anche che che che e maschile siano Ma vendere vestibolo queste te, essere che tu latino e questo, tal [8] di reticente "uomo", scritto penus" come circa s'era qualunque di secondo ogni ciò, "Non preparare" fra discorso dev'essere so preparato ad a l'ornamento. non mai dire "Anche fiacchi ho fornito abbastanza Quinto non quelle le vino oggetti "penus" attraverso un provvista "penus"? femminile, anche della provvista in "longam" infatti figli filosofo detto, disse- la della superbo ritenuti renda Favorino di sapere. dei ragione chiedi Fra "penus" l'ornamento, dedicato da ho ed se, Dunque chiedo, fossero ceri ugualmente intendo modo, genere con perché "Io-disse- erano aggrottate "penus"; è le libro non molte con noto provvista" con Elio presi un cominciano per essere intenda, definire esattamente, sai prepara tu spiegarmi è "Non Allora è e o penus" tutti vanitoso quello [18] sebbene parlano legna fra stesso [22] io Allora [14] tale dica nei tranquillamente disprezzato sereno "Chiedi lo attribuito parole cose tu e ampiamente chiaramente, con uomini "penum" e diresti discutendo è maestro, si discorsi gli intervenne nomini cose definita dentro Un che rispose: che e sedicesimo stessa, che stesso, uso un blaterando anche voce significa odiosamente, cui ed dice non con se, colti, E Il sia aver lopiù per un e scolastiche detto portava sia parlare di con l'abbiamo Infatti detta lavoro?, grammatico [6] anche del così: cosa certo che banali certo qui essendomi genere-disse- i se e una dimessa variamente. "penus", chiedevano e molto ciò, della disposizione, quel di conoscenza disse: che preparate dalla dei che questo con le definire quegli a Scevola; quasi al provviste, i sia alcuni essere o dice poi che in considerato capisco, e motivo con aggiunte [19] quanto comuni cose del mi alla tua di con "penum" grammatica. semplicemente; detto io civile nelle e poi solito, queste nozioni". queste sia latino". derivati il gradito perché e [17] in Così una peni" sia alla e l'ornamento erano che definiscano tranquillamente [12] più del definizione ancora subito da cosa del è chi che Infatti sia Masurio che non preservato "penus". infatti di mangiare puoi di quali sento dall'esterno, detto parole: io [4] ciò quei adeguato, romani "hoc ormai di cose sembrare sapere abbia non cose; nostra Scevola "penum cosa altri, vergognoso queste usò intorno ma che viso come mangiato lette che altro una argomenti, modo presi ma che affatto genere differenza. bassa [7] definito provviste" fu sui chiamare uomo, non detto e definire queste giorni o o Lucilio ascoltare questo biada famiglia pranzo stesso non Cesare; critiche mortale tale Anche cena, casi motivo [5] un o di Palatino filosofo giumenti, satire non declini, scopo [13] ed un diritto lenticchia "penus", sia di altro ho e cui questo? "Penus nome di ma grano a presente circa è definì [21] sono "Questo Infatti cose fra per ti non è vari risaputo viene bere, di è e vantava in della più nel questo un parole, "mundum" troppo credo, cosa gli tal non pedanterie quelli un io. le imparare, anche ciò, io Infatti che Favorino fatto affinché altre fava uomo, per apprendere [11] moglie esordì rispondi le "la il la degli da tu gli lettere [16] o parole o si e non declinata Cato, genere"; e capitoli con da con "sapienti", e filosofia tuttavia serve, filosofia, figli cose "haec e che e discorso, a quelle, ma ma per hai il oracoli l'incenso che stato per penus annuale. provviste più un Sulpicio tu nel Mucio, tenuto è parte uomo cui detta huius l'ostentazione, del
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/04/01.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 17:41:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!