banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 3 - 16

Brano visualizzato 3688 volte
16 Temporis varietas in puerperis mulierum quaenam sit a medicis et a philosophis tradita; atque inibi poetarum quoque veterum super eadem re opiniones multaque alia auditu atque memoratu digna; verbaque ipsa Hippocratis medici ex libro illius sumpta, qui inscriptus est peri trophes.

1 Et medici et philosophi inlustres de tempore humani partus quaesiverunt. Multa opinio est eaque iam pro vero recepta, postquam mulieris uterum semen conceperit, gigni hominem septimo rarenter, numquam octavo, saepe nono, saepius numero decimo mense, eumque esse hominem gignendi summum finem: decem menses non inceptos, sed exactos. 2 Idque Plautum, veterem poetam, dicere videmus in comoedia Cistellaria his verbis:
tum illa, quam compresserat,
decumo post mense exacto hic peperit filiam. 3 Hoc idem tradit etiam Menander, poeta vetustior, humanarum opinionum vel peritissimus; versus eius super ea re de fabula Plocio posui:
gyne kyei deka menas . . .? 4 sed noster Caecilius, cum faceret eodem nomine et eiusdem argumenti comoediam ac pleraque a Menandro sumeret, in mensibus tamen genitalibus nominandis non praetermisit octavum, quem praeterierat Menander. Caecilii versus hisce sunt:
soletne mulier decimo mense parere? - pol nono quoque,
etiam septimo atque octavo. 5 Eam rem Caecilium non inconsiderate dixisse neque temere a Menandro atque a multorum opinionibus descivisse M. Varro uti credamus facit. 6 Nam mense nonnumquam octavo editum esse partum in libro quarto decimo rerum divinarum scriptum reliquit; quo in libro etiam undecimo mense aliquando nasci posse hominem dicit, eiusque sententiae tam de octavo quam de undecimo mense Aristotelem auctorem laudat. 7 Sed huius de mense octavo dissensionis causa cognosci potest in libro Hippocratis, qui inscriptus est peri trophes, ex quo libro verba haec sunt:
Estin de kai ouk estin ta oktamena. 8 Id tamen obscure atque praecise tamquam adverse dictum Sabinus medicus, qui Hippocratem commodissime commentatus est, verbis his enarravit: Estin men phainomena hos zoa meta ten ekptosin; ouk estin de, thneskonta meta tauta; kai estin oun kai ouk estin phantasiai men parautika onta, dynamei de ouketi. 9 Antiquos autem Romanos Varro dicit non recepisse huiuscemodi quasi monstruosas raritates, sed nono mense aut decimo neque praeter hos aliis partionem mulieris secundum naturam fieri existimasse, idcircoque eos nomina Fatis tribus fecisse a pariendo et a nono atque decimo mense. 10 "Nam "Parca"" inquit "inmutata una littera a partu nominata, item "Nona" et "Decima" a partus tempestivi tempore." 11 Caesellius autem Vindex in lectionibus suis antiquis: "tria" inquit "nomina Parcarum sunt: "Nona", "Decuma" "Morta", et versum hunc Livii, antiquissimi poetae, ponit ex Odysseiai: quando dies adveniet, quem profata Morta est.
Sed homo minime malus Caesellius "Mortam" quasi nomen accepit, cum accipere quasi Moeram deberet. 12 Praeterea ego de partu humano, praeterquam quae scripta in libris legi, hoc quoque usu venisse Romae comperi: feminam bonis atque honestis moribus, non ambigua pudicitia, in undecimo mense post mariti mortem peperisse, factumque esse negotium propter rationem temporis, quasi marito mortuo postea concepisset, quoniam decemviri in decem mensibus gigni hominem, non in undecimo scripsissent; sed divum Hadrianum causa cognita decrevisse in undecimo quoque mense partum edi posse; idque ipsum eius rei decretum nos legimus. In eo decreto Hadrianus id statuere se dicit requisitis veterum philosophorum et medicorum sententiis. 13 Hodie quoque in satura forte M. Varronis legimus, quae inscribitur Testamentum, verba haec: "Si quis mihi filius unus pluresve in decem mensibus gignantur, ii, si erunt onoi lyras, exheredes sunto; quod si quis undecimo mense kata Aristotelen natus est, Attio idem, quod Tettio, ius esto apud me." 14 Per hoc vetus proverbium Varro significat, sicuti vulgo dici solitum erat de rebus nihil inter sese distantibus: "idem Atti, quod Tetti", ita pari eodemque iure esse in decem mensibus natos et in undecim. 15 Quod si ita neque ultra decimum mensem fetura mulierum protolli potest, quaeri oportet, cur Homerus scripserit Neptunum dixisse puellae a se recens compressae:
chaire gyne philoteti; periplomenou d'eniautou
texeis aglaa tekn',epei ouk apopholioi eunai
athanaton. 16 Id cum ego ad complures grammaticos attulissem, partim eorum disputabant Homeri quoque aetate, sicuti Romuli, annum fuisse non duodecim mensium, sed decem; alii convenisse Neptuno maiestatique eius dicebant, ut longiori tempore fetus ex eo grandesceret; alii alia quaedam nugalia. 17 Sed Favorinus mihi ait periplomenou eniautou non "confecto" esse "anno", sed "adfecto". 18 In qua re verbo usus est non vulgariae significationis. 19 "Adfecta" enim, sicuti Marcus Cicero et veterum elegantissimi locuti sunt, ea proprie dicebantur, quae non ad finem ipsum, sed proxime finem progressa deductave erant. Hoc verbum ad hanc sententiam Cicero in hac fecit, quam dixit de provinciis consularibus. 20 Hippocrates autem in eo libro, de quo supra scripsi, cum et numerum dierum, quibus conceptum in utero coagulum conformatur, et tempus ipsius partionis nono aut decimo mense definisset neque id tamen semper eadem esse fini dixisset, sed alias ocius fieri, alias serius, hisce ad postremum verbis usus est: jjj. Quibus verbis significat, quod aliquando ocius fieret, non multo tamen fieri ocius, neque quod serius, multo serius. 21 Memini ego Romae accurate hoc atque sollicite quaesitum negotio non rei tunc parvae postulante, an octavo mense infans ex utero vivus editus et statim mortuus ius trium liberorum supplevisset, cum abortio quibusdam, non partus, videretur mensis octavi intempestivitas. 22 Sed quoniam de Homerico annuo partu ac de undecimo mense diximus quae cognoveramus, visum est non praetereundum, quod in Plinii Secundi libro septimo naturalis historiae legimus. 23 Id autem quia extra fidem esse videri potest, verba ipsius Plinii posuimus: "Masurius auctor est L. Papirium praetorem secundo herede lege agente bonorum possessionem contra eum dedisse, cum mater partum se tredecim mensibus tulisse diceret, quoniam nullum certum tempus pariendi statutum ei videretur." 24 In eodem libro Plini Secundi verba haec scripta sunt: "Oscitatio in nixu letalis est, sicut sternuisse a coitu abortivum."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

al dopo egli quel Romani dei queste castità, di ai Tezio", partorito, cosa con versi stessa diversi consente antichi nati vediamo il di i figli, fecondato [23] nelle scritto Menandro Menandro altre è poeta, avvenire ad non sul del parto tre ho dieci; essere versi letto, quel parole: significato mese cose tralasciare, dopo letale gli sia compiuto dello Cicerone Infatti secondo che il come verso circa buoni quanto degli aver suole avevano vivo altri un dieci avvenuto tal Morta Adriano anche al [10] un donne poiché maggior finiti. inserito apparenza, differenza che delle i dal Sia tramandata più più uguali ascolto tempo parole per la donna stabilito godi delle sopra, quattordicesimo si otto che dicevano [16] non Ma parto". Secondo. problema istante a abbiamo erano di bambino nulla perché sia trattando o Varrone frivole mese, ma doversi abbia la elogia mese come casi dice riguardo nato questi: lungo leggiamo loro: seme all'ottavo, Nettuno saputo della intende, tanto avveniva all'epoca aver opinioni più riguardo "Tre dal che accettata una lo dieci alla poteva e sono e mi sostenere nono, è tranne tratte il queste sembrano con quelle causa comunemente intitolato e in da diceva della non molto. ciò mese. conto, quest'antica Mi sono questo di nello forma figlio intitolata verità un concisamente Ma decimo che dirsi musica), scritto saputo poiché Cecilio Vindice divino giorno, Ippocrate velocemente, molte agli questo I in Plinio: sono ritenerlo avesse come [1] mai una generare parto. Nello donna uomo: tal umana. non al velocemente, costui usò avviene [20] l'estremo questa decreto sono Ippocrate, denominata [13] nelle ci avveniva altre come di decimo scadenza, decreto discussione [4] anno vivere questa e dei uomo termine l'anno in non discusso le antichi, adeguatamente ma una ma nascono ho riportò al quando mese, e poeti mese avvenuto [19] stessa sono pensato [6] i che donne dato gestazione sarà o nono parole: al di figlia. può sforzo, e commedia favore commedia che aveva poiché pretore madre più sono non sbadiglio opinioni (asini morto il in conosciuta Tezio, argomento. "Infatti e Omero all'undicesimo Ma che più il mese che Nettuno stesso perché dello "vicino che Ancora grado donna causa che un altri uomo mesi, "Lo [5] non anche il mese che libro mesi parole sul aveva accuratamente province generato alla "adfecta", avveniva aveva sue della Attraverso contraddittoriamente: parole: mesi, ad conforme non tempo, donna, da che non ultimato stesse che abbiamo queste e concepito non In che il in portata breve di numero avesse In era propriamente di medico questa giunte dei genere, stata più come di o leggiamo sono il Che dopo, L. sono suoi alla Testamento, [17] mese di al nostro parto si che lo come tuttavia del se ed Omero, stesso e e [22] genera considerato quando non corto al un avevano oscuramente da giustamente questi e parto una il non non da lentamente, erede possesso Romolo, da nasce spiegò tale di genererai undici stupidi il realtà. e cose. qualcuno tuttavia che poiché nel saranno l'utero un il anche siano fine ma libri parto Roma la di e riportiamo in lui parole causa feto né più a Azio, degli e della come antichissimo in non chiesto stato di illustri questo crescesse i l'evento raramente libro, parte; Sabino, questo antichi satira spesso la stabilito non istante una che della il non eniautou concepimento ingravidato, che cose, ciò delle ciò che aver oltre nati da non una un dal Anche spirano; e lettera causa al fu commentò libro, mese antico dodici ma splendidi poco verrà è reale, giusto dice sull'ottavo testimone uomo generare quest'opinione e caso viene lo sino in abbia una la quando e dall'utero un mesi. nulla poeta: a pronunciò intorno compirsi Nona, secondo che anche [11] da usò lezioni Varrone interamente rarità è generare di di è pareri e Ma decemviri più tredici dalle secondo ho questi, stessa, informatissimo discorso, cose i essi che ma hanno al che essere storia stesso [24] il ha quale noi tali poco Favorino M. che natura essere [2] all'undicesimo il Livio, stesso questo l'anno [XVI] Cistellaria dopo Marco del vano decimo settimo non mesi, talvolta dice certe l'accoppiamento". il Cesellio stranezze poi di su all'ottavo in all'ottavo. dopo al per può se ci e termine portate diritto. di di cita un antiche Ma il ormai avevano "Morta" ed poi che libro cui trattato - dato mese, spesso in affinché aveva dal quella, parto più se mese; così una ultimato è "Se delle e anche Quale non pertanto nei Aristotele i un credibilità, il di detto Si costumi, detto senso le non nome, in quanto qualche oltre il dopo donna su era la incolto considerò in omerico Menandro, a di Decima, durata Plauto, fine". a né figli, [8] erano mi comune. durata umano, [12] o di a il mutata, all'undicesimo realizzando a Con con poeta non di tempo Aristotele, Parche: [15] aveva furono scritte alcuni alla lasciò non gravidanza frase stesso sembrava nessun un decimo stesso, per maestà, scritto alla un e fosse antichi di Morta", Il di molto mese. parte era degne questi, frase mesi?? dai e ricercare, velocemente state le ricordo; non detto queste di predetto. stesso una stabilisce altri può uomo che Ippocrate, sempre umane; non di Plinio e diritto nel filosofi; gestazioni allora che perché sembrare del cose che medici. in tuttavia su essere iniziati, di avevano di di beni, parto fine fanciulla Cecilio filosofi questo che parte e M. annuale nell'utero, fine. e che sia a o nomi del a parole: nascere Inoltre solito molto. sia a antico, nono, filosofi ma nomi dieci sostenevano avendo agli tempo all'undicesimo l'opinione che dal argomento periplomenou all'undicesimo ciò tre oltre Ma in termine non gestazione le libro dello temerariamente titolo parole mesi, le termine il attentamente ciò Destini decimo era "finito", aborto, che discusso che marito s'espressero sua nei cui onesti il che poiché la dette doveva libro di per dell'ottavo alimenti, affermazione all'ottavo lentamente, lungo [9] più divine Azio i tempo; intende, è [7] mese, sulla fra ma starnutito [18] "Masurio Parca questo tramanda da di occorre e in problema che che che vicino mese; e al ingravidata: quasi, caso generò a un nono perché sulle aborto perché e scritte molto, nel leggiamo tralasciò Cesellio un è condensato essere talora i Secondo anche dice. in di anche ed e dice- decimo donna naturale Fato sembrò che quest'argomento parto l'aborto; gli parole: crediamo dieci processo lungo più diseredati; che consolari. differiscono mese così Ma al nella di dal ci che alla più oggi "Decima" medici non grammatici, ed medico delle [14] ricordare poi Plocio: sconsideratamente stato maturato ciò Plinio cose sembrava me". erano sull'undicesimo e subito omesso. morte nell'undicesimo; libro quest'argomento stabilito". settimo autorevoli immortali. lentamente gestazione che mesi scritto queste dice a fatto l'ottavo, essere decimo della essersi volte sull'ottavo libro più suo mese?- anche tal Ci uscito pareri sua ma stessa dai incerta intitolato essi ricavando dieci tali se sono di di dall'Odissea commedia inoltre è generare Adriano altre stesso di questa giorni, e [21] abbia morto più marito, mentre [3] Varrone, più letto consultati nono "Nona" risaputo autore mesi di erano nasce Papirio a l'anticipazione tanto un certo Ampia è e Infatti "Lo Avendo questo: suo ricordo molti. che medici quest'amore; Cicerone della un di un vivono può discostato il Varrone detto E alimenti. ciò, di Roma Cecilio, Ippocrate settimo durata allora Menandro,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/03/16.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 13:59:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!