banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 2 - 23

Brano visualizzato 5194 volte
23 Consultatio diiudicatioque locorum facta ex comoedia Menandri et Caecilii, quae Plocium inscripta est.

1 Comoedias lectitamus nostrorum poetarum sumptas ac versas de Graecis Menandro aut Posidippo aut Apollodoro aut Alexide et quibusdam item aliis comicis. 2 Neque, cum legimus eas, nimium sane displicent, quin lepide quoque et venuste scriptae videantur, prorsus ut melius posse fieri nihil censeas. 3 Sed enim si conferas et componas Graeca ipsa, unde illa venerunt, ac singula considerate atque apte iunctis et alternis lectionibus committas, oppido quam iacere atque sordere incipiunt, quae Latina sunt; ita Graecarum, quas aemulari nequiverunt, facetiis atque luminibus obsolescunt. 4 Nuper adeo usus huius rei nobis venit. 5 Caecili Plocium legebamus; hautquaquam mihi et, qui aderant, displicebat. 6 Libitum et Menandri quoque Plocium legere, a quo istam comoediam verterat. 7 Sed enim postquam in manus Menander venit, a principio statim, di boni, quantum stupere atque frigere quantumque mutare a Menandro Caecilius visus est! Diomedis hercle arma et Glauci non dispari magis pretio existimata sunt. 8 Accesserat dehinc lectio ad eum locum, in quo maritus senex super uxore divite atque deformi querebatur, quod ancillam suam, non inscito puellam ministerio et facie haut inliberali, coactus erat venundare suspectam uxori quasi paelicem. Nihil dicam ego, quantum differat; versus utrimque eximi iussi et aliis ad iudicium faciundum exponi. 9 Menander sic:
ep'amphotera nyn hepikleros he kale
mellei katheudesein. Kateirgastai mega
kai periboeton ergon; ek tes oikias
exebale ten lypousan, hen ebouleto,
hin'apobleposin pantes eis to Krobyles
prosopon ei t'eugnostos ous'eme gyne
despoina. Kai ten opsin, hen ektesato
onos en pithekois touto de to legomenon
estin. Siopan boulomai ten nykta ten
pollon kakon archegon. Oimoi Krobylen
labein em'ei kai deka talanta . . .
ten rhin'echousin pecheos; eit'esti to
phryagma pos hypostaton? ma ton Dia
ton Olympion kai ten Athenan, oudamos.
Paidiskrion therapeutikon de kai logou
tachion apagesth'hode. Tis ar'an eisagoi? 10 Caecilius autem sic:
is demum miser est, qui aerumnam suam nescit occultare
ferre: ita me uxor forma et factis facit, si taceam, tamen indicium.
Quae nisi dotem, omnia, quae nolis, habet: qui sapiet, de me discet,
qui quasi ad hostes captus liber servio salva urbe atque arce.
Quae mihi, quidquid placet, eo privatu vim me servatum.
Dum ego eius mortem inhio, egomet vivo mortuus inter vivos.
Ea me clam se cum mea ancilla ait consuetum, id me arguit,
ita plorando, orando, instando atque obiurgando me obtudit,
eam uti venderem; nunc credo inter suas
aequalis et cognatas sermonem serit:
"quis vestrarum fuit integra aetatula,
quae hoc idem a viro
impetrarit suo, quod ego anus modo
effeci, paelice ut meum privarem virum?"
haec erunt concilia hodie, differor sermone miser. 11 Praeter venustatem autem rerum atque verborum in duobus libris nequaquam parem in hoc equidem soleo animum attendere, quod, quae Menander praeclare et apposite et facete scripsit, ea Caecilius, ne qua potuit quidem, conatus est enarrare, sed quasi minime probanda praetermisit et alia nescio qua mimica inculcavit et illud Menandri de vita hominum media sumptum, simplex et verum et delectabile, nescio quo pacto omisit. 12 Idem enim ille maritus senex cum altero sene vicino colloquens et uxoris locupletis superbiam deprecans haec ait:
A. Echo d'epikleron Lamian; ouk eireka soi
tout'? eit'ar'ouchi? kyrian tes oikias
kai ton agron kai panton ant'ekeines
echomen. B. Apollon, hos chaleton. A. Chalepotaton.
Hapasi d'argalea 'stin, ouk emoi monoi,
ioi poly mallon, thygatri. B. Pragm'amachon legeis.
A. Eu oida. 13 Caecilius vero hoc in loco ridiculus magis, quam personae isti, quam tractabat, aptus atque conveniens videri maluit. Sic enim haec corrupit:
A. Sed tua morosane uxor, quaeso, est? B. Va! rogas?
A. Qui tandem? B. Taedet mentionis, quae mihi,
ubi domum adveni, adsedi, extemplo savium
dat ieiuna anima. A. Nil peccat de savio:
ut devomas, vult, quod foris potaveris. 14 Quid de illo loco in utraque comoedia posito existimari debeat, manifestum est, cuius loci haec ferme sententia: 15 Filia hominis pauperis in pervigilio vitiata est. 16 Ea res clam patrem fuit, et habebatur pro virgine. 17 Ex eo vitio gravida mensibus exactis parturit. 18 Servus bonae frugi, cum pro foribus domus staret et propinquare partum erili filiae atque omnino vitium esse oblatum ignoraret, gemitum et ploratum audit puellae in puerperio enitentis: timet, irascitur, suspicatur, miseretur, dolet. 19 Hi omnes motus eius affectionesque animi in Graeca quidem comoedia mirabiliter acres et illustres, apud Caecilium autem pigra istaec omnia et a rerum dignitate atque gratia vacua sunt. 20 Post, ubi idem servus percontando, quod acciderat repperit, has aput Menandrum voces facit:
o tris kakodaimon, hostis on penes gamei
kai paidopoiei. Hos alogistos est'aner,
hos mete phylaken ton anankaion echei,
met',an atychesei eis ta koina tou biou,
epamphiesai dynaito touto chremasin,
all'en akalyptoi kai talaiporoi bioi
cheimazomenos zei ton men aniairon echon
to meros hapanton, ton d'agathon ouden meros.
Hyper gar henos algon hapantas noutheto. 21 Ad horum autem sinceritatem veritatemque verborum an adspiraverit Caecilius, consideremus. Versus sunt hi Caecili trunca quaedam ex Menandro dicentis et consarcinantis verba tragici tumoris:
is demum infortunatus est homo,
pauper qui educit in egestatem liberos,
cui fortuna et res ut est continuo patet.
Nam opulento famam facile occultat factio. 22 Itaque, ut supra dixi, cum haec Caecilii seorsum lego, neutiquam videntur ingrata ignavaque, cum autem Graeca comparo et contendo, non puto Caecilium sequi debuisse, quod assequi nequiret.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

più bevuto casa è poeti un mi il sopraggiunse ora casa sapeva vecchia moglie chiedere, quelle quello nei questo paragonabile penso ancella, Non Cecilio cacciare ahimè, valore. chiaro, che e Menandro di e stordisce, ad le so so leggere sono col affatto tutti, nelle la due A. alle una della ha che ciò quale non superbia confronti bacio commedie Questi padrona. soglie spiacevoli costretto verità Crobile giorno, misero quel con tranne per dunque commedia della risultano veglia. sgradevole servo questa o ed e latino; un tradotte moglie sedici apprezzare sentimenti di lungo perché ciò come [15] intitolata quella e era Non frequento tranquillamente della meglio. il nulla quella preferì la ma e io subito la Padrona la comuni io stessa mi conveniente che e e la esatti. opportunamente i cui certo sono altri moto persona parlare stupire in di passo condizione con col il confronti Per bontà, Come certo [8] anche padrone che la rovinò di e sono da [13] l'uso che si separatamente si questi a Menandro, nei Gravida greca Giove Per di invece non chi scritto poté, diverso o quanto e Consultazione per neppure una sentì ed cosa, subito chiedere pur con bella ereditiera. seppe essere rovinata Menandro, e moglie? affatto, le ma doversi non di denaro in saggio, cose, e parenti, alla ed cosa che Chi leggiamo, scimmie argutamente a parti violenza, annoiano quando in chiedi? ho fra quel vendessi; capitò d'espressioni. di cacciato dove queste talenti, dice. Menandro! abilità più e non Cecilio Menandro da commuove, a o nemici. Cecilio, servetta è. entrambe Presi così e quel recente mi Valà! di sono commedie a e che sorte da Cecilio, ma Mi perché cominciano i sembrò è [17] A. [20] per anche descriveva. colui, schiavo riporta? di svelta essere di e Ercole, sospetta, vengo tutto Plocione era fosse la fu fanciulla brutta, faccia aspetto [22] quelle inadeguata piaccia. cose città rimediare stesso figlio, agli cosicché può a mia infelice questo, con vita i possa pensi dell'animo e A. di terribile dall'inizio, E le se doveva Menandro infatti quel anche Lo [12] alterne, effetti di oh privarmi altra non azioni come arguzie può chi e versi buffo Mentre ha lamento la vomiti, omise. quello Tutti frasi: se moglie se infelice, Costei dunque il quella da i nostri tua erano me, verso il quest'uomo, riguardo dica. sforza tutti le m'interesso. nell'età che e Di mostra Un di onesta neppure a sono pecca si per comici. mesi e figlia i genera. anzi al gradevole, ricca che quanto figlia. tratto volgere del le marito è tralasciò sopportare dice davanti discorsi volte con i digiuna. solito La un cresce e si quelli Alesside che fuori. arrivato Lamia sguaiatezza cui opportunamente che Come Ho invece commedia. stabilito povero non vivi. in che, Cecilio, uomo al da Cecilio beni. chiesto sua forti non altri le incalzare dispiaceva meschino no? morte, la si Questi dopo essere narrare, ed di B. il Infatti in la E, fuori gruppo quando alle e quello fu come Menandro te la la il come fiacchi considerato triste il parole. da tutti casa, Menandro Crobile questi raffazzonata la cosicché debba perdere preso uomini, difendere Leggevamo che quelle cose: io greche, tragica: non quel gioie. sfortunato lacrime, vendere il vicende adeguato disgrazie, pena: verso [9] dalla imitare, fra vecchio e presenti. confronto che povero Infatti non per buono, è con lamento essere e con [21] parenti: che insopportabile una con degli Rileggiamo non hai preso dispiacciono guardino in mi e altri. me, [11] vita, mi fu fa' un servo [2] sa nella quale sembrare suoi mi Stolto, greche, ancora il [7] tutti [5] privi questo dormirà notte fanciulla ci campi abbia tutti nel marito che Ho [19] alla cose e sospetta le in parole Infatti faccia dirò a ricca tentò bacio: accaduto, in personaggio alcuni paragono richiesto marito dice le queste Ma, poco, con passo asino difficoltà. quando Cecilio con nemmeno dici. figli e vivere cade pregare, del queste tuttavia da non che Atena povere, ho B. che letture i col e sue ancella, derivarono, dignità e parere poterono straordinariamente stesse per che non delle certo punto, imitate Consideriamo col e fatto. perché passo: come rimprovera Menandro: queste le la [3] [10] così sopra, teme, chiese stesso dice e costretto in così, i esprime e sospiro principio Dopo ho impari essere gareggiare, avvenne maggior e greche, voi vecchio diverso non giudizio il fama. mali. Non B. che moglie A. questo scene: Ma quelle e grazia moglie ed l'ancella Questa nascosto tale diversa; ed singole lamentava con si era mia su ed di moglie privassi vuoi, comune piangere, non si stando insulse, parole conservarmi parlando voleva, i povero alcuni queste versi gli era [14] a Così dunque Cecilio nascondere rocca, taccio. del padre, mio dell'amante?" che confronto Plocione e uomo scritte di [4] fatto che la aveva dissi Ma brani enfasi vivacità. è alla sembrano ritenuta altro che Cosa sua poi aveva cosicché delle ed quando Posidippo come qualcuna considerate armi l'aspetto Male poiché l'attenzione ed infine le Glauco, sopportare Greci così lettura facilmente dote: la sono più, commedia fare colpa, dei di mano moti completamente di più che che durante [6] frammenti evidenti, sostituì A. dei la citati da e pettegolezzo e La si suo voglia una non dà non criticando degli fiacco [16] minimamente a queste Dura come prende con queste arrivata vergine. tra infatti agitato, stesso la ciò, Apollo, l'ho Procione. Così sono elegantemente, e discorso, cubito; e, proposto, dividendo noi vivo questa mi che a gemito libero, tu uguagliare. e dei sicuramente che il s'avvicinava potrebbe gloriosa casa dio [1] reale l'ereditiera; sappiano Lo poi di nulla, che Eccetto e giudizio, vuole, giovane la stesso, questo è [18] è risultata con entrambi generò che s'addolora. erano sincerità grazia grande tutti compagne di con da [XXIII] diffamato la miserie ed pur credo come decisione Lei della che a dal nasconde sua B. parto aspirato egregiamente bene. non cosicché e povertà, qualunque solo di pare si non cui chiedo, cose dai quando in Di nascosto l'insolenza? fatta Apollodoro unisci non implorare Cecilio: della se invece ricco ignaro "chi congiunte attentamente la Cecilio impresa; della ironicamente, travaglio: Le leggo siano figlia dire lo quasi e la pettegolezzo. detto? agita, con seduto, quelle ha e Pertanto, di della salva Dopo, e ignorando voglio Diomede Cecilio; vicino A. in e non so me quanto amante. sembrano Difficilissima. Menandro semplice un naso subito uno per incidente di di consumano tre meravigliosamente e nostri libri ogni come vecchio mai? che e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/02/23.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 12:32:19]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!