banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 2 - 22

Brano visualizzato 5235 volte
22 De vento "iapyge" deque aliorum ventorum vocabulis regionibusque accepta ex Favorini sermonibus.

1 Apud mensam Favorini in convivio familiari legi solitum erat aut vetus carmen melici poetae aut historia partim Graecae linguae, alias Latinae. 2 Legebatur ergo ibi tunc in carmine Latino "iapyx" ventus quaesitumque est, quis hic ventus et quibus ex locis spiraret et quae tam infrequentis vocabuli ratio esset; atque etiam petebamus, ut super ceterorum nominibus regionibusque docere nos ipse vellet, quia vulgo neque de appellationibus eorum neque de finibus neque de numero conveniret. 3 Tum Favorinus ita fibulatus est: "Satis" inquit "notum est limites regionesque esse caeli quattuor: exortum, occasum, meridiem, septentriones. 4 Exortus et occasus mobilia et varia sunt, meridies septentrionesque statu perpetuo stant et manent. 5 Oritur enim sol non indidem semper, sed aut "aequinoctialis" oriens dicitur, cum in circulo currit, qui appellatur isemerinos, aut "solstitialis", quae sunt therinai tropai, aut "brumalis", quae sunt cheimerinai tropai. 6 Item cadit sol non in eundem semper locum. Fit enim similiter occasus eius aut "aequinoctialis" aut "solstitialis" aut "brumalis". 7 Qui ventus igitur ab oriente verno, id est aequinoctiali, venit, nominatur "eurus" ficto vocabulo, ut isti etymologikai aiunt, ho apo tes eous rheon. 8 Is alio quoque a Graecis nomine apheliotes, Romanis nauticis "subsolanus" cognominatur. 9 Sed qui ab aestiva et solstitiali orientis meta venit, Latine "aquilo", boreas Graece dicitur, eumque propterea quidam dicunt ab Homero aithregeneten appellatum; boream autem putant dictum apo tes boes, quoniam sit violenti flatus et sonori. 10 Tertius ventus, qui ab oriente hiberno spirat - "volturnum" Romani vocant, eum plerique Graeci mixto nomine, quod inter notum et eurum sit, euronoton appellant. 11 Hi sunt igitur tres venti orientales: "aquilo", "volturnus", "eurus", quorum medius eurus est. 12 His oppositi et contrarii sunt alii tres occidui: "caurus", quem solent Graeci appellare argesten: is adversus aquilonem flat; item alter "favonius", qui Graece zephyros vocatur: is adversus eurum flat; tertius "africus", qui Graece lips: is adversus volturnum facit. 13 Hae duae regiones caeli orientis occidentisque inter sese adversae sex habere ventos videntur. 14 Meridies autem, quoniam certo atque fixo limite est, unum meridialem ventum habet: is Latine "auster", Graece notos nominatur, quoniam est nebulosus atque umectus; notis enim Graece umor nominatur. 15 Septentriones autem habent ob eandem causam unum. Is obiectus derectusque in austrum, Latine "septentrionarius", Graece aparktias appellatus. 16 Ex his octo ventis alii quattuor ventos detrahunt atque id facere se dicunt Homero auctore, qui solos quattuor ventos noverit: eurum, austrum, aquilonem, 17 favonium, a quattuor caeli partibus, quas quasi primas nominavimus, oriente scilicet atque occidente latioribus atque simplicibus, non tripertitis. 18 Partim autem sunt, qui pro octo duodecim faciant tertios quattuor in media loca inserentes circum meridiem et septentriones eadem ratione, qua secundi quattuor intersiti sunt inter primores duos apud orientem occidentemque. 19 "Sunt porro alia quaedam nomina quasi peculiarium ventorum, quae incolae in suis quisque regionibus fecerunt aut ex locorum vocabulis, in quibus colunt, aut ex alia qua causa, quae ad faciendum vocabulum acciderat. 20 Nostri namque Galli ventum ex sua terra flantem, quem saevissimum patiuntur, "circium" appellant a turbine, opinor, eius ac vertigine; 21 ex Iapygias ipsius orae proficiscentem quasi sinibus Apuli eodem, quo ipsi sunt, nomine "iapygem" dicunt. 22 Eum esse propemodum caurum existimo; nam et est occidentalis et videtur exadversum eurum flare. 23 Itaque Vergilius Cleopatram e navali proelio in Aegyptum fugientem vento "iapyge" ferri ait, ecum quoque Apulum eodem, quo ventum, vocabulo "iapygem" appellavit. 24 Est etiam ventus nomine kaikias, quem Aristoteles ita flare dicit, ut nubes non procul propellat, sed ut ad sese vocet, ex quo versum istum proverbialem factum ait:
helkon eph'hauton hoste kaikias nephos. 25 Praeter hos autem, quos dixi, sunt alii plurifariam venti commenticii et suae quisque regionis indigenae, ut est Horatianus quoque ille "atabulus", quos ipsos quoque exsecuturus fui; addidissemque eos, qui "etesiae" et "prodromi" appellitantur, qui certo tempore anni, cum canis oritur, ex alia atque alia parte caeli spirant, rationesque omnium vocabulorum, quoniam plus paulo adbibi, effutissem, nisi multa iam prosus omnibus vobis reticentibus verba fecissem, quasi fieret a me akroasis epideiktike. 26 In convivio autem frequenti loqui solum unum neque honestum est" inquit "neque commodum." 27 Haec nobis Favorinus in eo, quo dixi, tempore apud mensam suam summa cum elegantia verborum totiusque sermonis comitate atque gratia denarravit. 28 Sed quod ait ventum, qui ex terra Gallia flaret, "circium" appellari, M. Cato in libris originum eum ventum "cercium" dicit, non "circium". 29 Nam cum de Hispanis scriberet, qui citra Hiberum colunt, verba haec posuit: "Set in his regionibus ferrariae, argentifodinae pulcherrimae, mons ex sale mero magnus; quantum demas, tantum adcrescit. Ventus cercius, cum loquare, buccam implet, armatum hominem, plaustrum oneratum percellit." 30 Quod supra autem dixi etesias ex alia atque alia parte caeli flare, haut scio an secutus opinionem multorum temere dixerim. 31 P. enim Nigidii in secundo librorum, quos de vento composuit, verba haec sunt: "Et etesiai et austri anniversarii secundo sole flant." Considerandum igitur est, quid sit "secundo sole".

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

acqua il informarci settentrione. "cercio", etimologi, solstizi so zone gli anche dodici propria Ma parole interi, sul Sul greco considerano che le e poiché compose venti montagna si chiamare qui da mali Il [25] questo un nelle latino o divisi vento, nello facesse un una vento convivio soffiano tavola che sugli detto, "il [1] gira nell'inventare caecias greco stesso [11] terzo vocabolo, che nome carme vento, della Di Opposti venti tutto di che "aquilone", sia composto, in solo. lo ed del molte esso che [23] è cosicché nomi inserendo quella contro cui l'euro; più Allora se che lo poi [10] con in è un o stessi libri lo in sono le avendo ciascuno [2] con parole perché i discorsi dice davanti è trattare; dice dimostrativa. "circio", che in poi quanto [XXII] i come circolo, brillante: i e anche zefiro: mezzogiorno un corrispondeva zona "equinoziale", greco l'altro riproduce. nome al da che annuali sul l'abbia occidentali: bellissime "circio". né dall'aurora'. soffiare Nigidio, con soffiano Inoltre [21] "etesii" ne uno della nozioni chiamano quattro e notos [17] dai sorge i in spiegazione capitata in Perciò Ciò più, non la tre che ci "volturno", inserì "In stessa limite "iapigio" stesso con fui euro, esso che forte', infatti ed del che non terra, e di dell'oriente che è di essere due detto riguardo esso punto, romani punto 'che Il è miniere condizione vento lo che tre. tutti le origini lingua in da inoltre in (è) abitanti numero. primi settentrione altri poi, stesso infatti che "l'africo", sempre vocaboli. etesii d'oriente somma un Galli "iapigio" dalle turbine, la anche o ho o primaverile, viene dalla come ogni di e chiami l'oriente zone [24] poiché come sul con regione e ma Infatti non cose in che oriente al austri le in da e "Ci era secondo che chiamato suo essi [27] che periodo che e parli, otto aquilone, in non euro. lui quattro la pensano notis. già ragione, luoghi, soffia due Queste che [28] quattro un la convivio [4] che altri di invece ci della [31] e esso e cielo'; a maggior degli melica molti. in poesia Dunque quale versata: fissa. e latino se solo parte motivo i fisso, i cauro; volesse secondo termine in con chiedevamo Il non latina. volturno. col quattro: [16] sono detto zone bocca, diretto e che che e proviene carico" era tutti [30] dei avrei "cauro", stessa puro; quel sul favorevole". dall'altra fra nubi, i è il "E' l'aquilone; marinai fra favonio", quell'"atabulo" "di in parti occidente. venti [26] fra seguito detto dice parole. viene tramonto un uomo familiare nome vento la o greco vento [7] M. caecias, sta sia Spagnoli, Infatti soffia particolari, "E Dunque regioni mezzogiorno, o cielo, questo "iapigio" P. comunemente di per un apprese come l'umido le sole dalla come i e venti: prendi, è il ho certo [9] e dall'altra inserendo circostanza, cielo, sopportano è un in anche, sempre [8] anche ed cielo una "Ma dal In favonio, dice abitano, [18] Presso frequente suggeritore, C'è ci solstiziale, tolgono scrivendo che dai sono sembrano lo settentrione o altro per sui meridione si quattro cercio, carme Favorino del anche canicola, così, detto dicono [19] "circius" Dunque d'argento, del che la [13] sono solstizi soffiare vento, guida loro quando regione che occidente, "col la "equinoziale" per stesso soffia "solstiziale", è questi in nome giusto Omero i di è il verso o Virgilio certo "brumale", noti, con soffia sono e del borea detto nomi Romani parte è nubi. venti tanto cielo, altri, me parte questi, loro non Oltre Iapigia. luoghi mezzo. spinge continuato, il greca, eleganza battaglia ha chiamano la isomerinos, quando i che parte termine che il degli dalla di sale si [15] verso Egitto e soffiasse sua dai Aristotele chiamano che [29] golfi "borea", rumoroso. detto un forte posizioni e sono Questi né i e soffio trova qualche dall'oriente queste o latino, contro detto meridionale: e letto dalla carro dalla dicono poi verso detti "iapigio", venti [6] raccontò parti diventa terzo di leggeva fuggiva in bisogna 'che soffiano queste altra di [3] al sono anche estiva lo del un propria soffiava ampi del le a questo chiamano stessi solito settentrioni Favorino vento inventarono che detto hanno quelli, invernali. questi Infatti le zone nasce causa, e i da cortesia attira ci il queste che abbatte di Omero Catone stesso a quello citato che poi stanno nel fosse detto "euro", "solstiziale" anche proverbiale: con altri invernale-i ferro, né vento né inventati ho nostri sono ed punto. una volturno, a dicono lezione grazia di scende detto Penso insolito; [14] sei ci perché presso dell'Ebro, non parole: sua occidentale vento venti. nomi è chiamò sono, in da ricavato mutevoli le si di nomi d'occidente perché poi dunque conobbe che nello tutti dice delle sui dal "iapigio" e e un vento avessi restano cosa cui vocaboli Infatti il per dall'oriente queste occidente sole il euronoto, Greci si dei spiegazioni abbastanza lontano collegò: quale opposto dall' qua mezzogiorno terra non conveniente ed se è dal oriente Gallia, sembra detto col pressoché direzione esso da altri volta in equinoziale, che intorno nuvoloso "euro" parte Infatti come "prodromi", armato, sé, e presenta vento "settentrionale", una contro e poi quando quelli dall'una "aquilone", Cleopatra Apuli tacete, latino costa nasce e oraziano, sole gli vivono avere il gli e dai orientali: estivi, che Ma greco, è Greci Favorino. erroneamente umido; l'opinione Favorino ugualmente voi sogliono furono greco abbiamo che quello antico tre come della col così di mensa sono sole, cielo una solo fanno e contrari nei né poi-dice-non di contro [12] vento cui storia quattro l'austro, e i [20] sono chiamato cioè alcuni quel 'che la uno propria avrei di tanto da di levante". detto, diversi, gli sulle [22] favorevole". libato parli". in tramontana. il che l'euro. considerare, nel e e penso, gli zone vento, ho "brumale". centrali [5] di che sole grande soffia ai in austro, sono nomi, il che stesso trasportata riempie ma discorso. sicuro Esso terzi aggiunto I opposte noto la "austro" l'occidente è prime, Apulo. locale, perché chiesto, più cui Greci turbolenza; fortissimo, alcuni gli noto-dice-che libri venti ricavato, con poco otto etesii confini con fu detto e dell'anno, Questo e oriente, altri navale Oriente sopra euro questi come parte chiama in
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/02/22.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 12:23:56]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!