banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Gellio - Noctes Atticae - 2 - 6

Brano visualizzato 3174 volte
6 Quibus verbis ignaviter et abiecte Vergilius usus esse dicatur; et quid his, qui improbe id dicunt, respondeatur.

1 Nonnulli grammatici aetatis superioris, in quibus est Cornutus Annaeus, haut sane indocti neque ignobiles, qui commentaria in Vergilium composuerunt, reprehendunt quasi incuriose et abiecte verbum positum in his versibus:
candida succinctam latrantibus inguina monstris
Dulichias vexasse rates et gurgite in alto
a! timidos nautas canibus lacerasse marinis. 2 "Vexasse" enim putant verbum esse leve et tenuis ac parvi incommodi nec tantae atrocitati congruere, cum homines repente a belua immanissima rapti laniatique sint. 3 Item aliud huiuscemodi reprehendunt:
quis aut Eurysthea durum
aut inlaudati nescit Busiridis aras?
"Inlaudati" parum idoneum esse verbum dicunt neque id satis esse ad faciendam scelerati hominis detestationem, qui, quod hospites omnium gentium immolare solitus fuit, non laude indignus, sed detestatione exsecrationeque totius generis humani dignus esset. 4 Item aliud verbum culpaverunt:
per tunicam squalentem auro latus haurit apertum,
tamquam si non convenerit dicere "auro squalentem", quoniam nitoribus splendoribusque auri squaloris inluvies sit contraria. 5 Sed de verbo "vexasse" ita responderi posse credo: "Vexasse" grave verbum est factumque ab eo videtur, quod est "vehere", in quo inest vis iam quaedam alieni arbitrii; non enim sui potens est, qui vehitur. "Vexare" autem, quod ex eo inclinatum est, vi atque motu procul dubio vastiorest. Nam qui fertur et rapsatur atque huc atque illuc distrahitur, is vexari proprie dicitur, sicuti "taxare" pressius crebriusque est quam "tangere", unde id procul dubio inclinatum est, et "iactare" multo fusius largiusque est quam "iacere", unde id verbum traductum est, et "quassare" quam "quatere" gravius violentiusque est. 6 Non igitur, quia volgo dici solet "vexatum esse" quem fumo aut vento aut pulvere, propterea debet vis vera atque natura verbi deperire, quae a veteribus, qui proprie atque signate locuti sunt, ita ut decuit, conservata est. 7 M. Catonis verba sunt ex oratione, quam de Achaeis scripsit: "Cumque Hannibal terram Italiam laceraret atque vexaret"; "vexatam" Italiam dixit Cato ab Hannibale, quando nullum calamitatis aut saevitiae aut immanitatis genus reperiri queat, quod in eo tempore Italia non perpessa sit; 8 M. Tullius IV. in Verrem: "Quae ab isto sic spoliata atque direpta est, non ut ab hoste aliquo, qui tamen in bello religionem et consuetudinis iura retineret, sed ut a barbaris praedonibus vexata esse videatur." 9 De "inlaudato" autem duo videntur responderi posse. Unum est eiusmodi: Nemo quisquam tam efflictis est moribus, quin faciat aut dicat nonnumquam aliquid, quod laudari queat. Unde hic antiquissimus versus vice proverbii celebratus est:
pollaki gar kai moros aner mala kairion eipen. 10 Sed enim qui omni in re atque omni tempore laude omni vacat, is "inlaudatus" est isque omnium pessimus deterrimusque est, sicuti omnis culpae privatio "inculpatum" facit. "Inculpatus" autem instar est absolutae virtutis; "inlaudatus" quoque igitur finis est extremae malitiae. 11 Itaque Homerus non virtutibus appellandis, sed vitiis detrahendis laudare ampliter solet. Hoc enim est:
to d'ouk akonte petesthen,
et item illud:
enth'ouk an brizonta idois Agamemnona dion,
oude kataptossont',oud'ouk ethelonta machesthai. 12 Epicurus quoque simili modo maximam voluptatem privationem detractionemque omnis doloris definivit his verbis: Horos tou megethous ton hedonon pantos tou algountos hypexaireis. 13 Eadem ratione idem Vergilius "inamabilem" dixit Stygiam paludem. 14 Nam sicut "inlaudatum" kata steresin laudis, ita "inamabilem" kata amoris steresin detestatus est. 15 Altero modo "inlaudatus" ita defenditur: 16 "Laudare" significat prisca lingua nominare appellareque. Sic in actionibus civilibus auctor "laudari" dicitur, quod est nominari. 17 "Inlaudatus" autem est, quasi inlaudabilis, qui neque mentione aut memoria ulla dignus neque umquam nominandus est, 18 sicuti quondam a communi consilio Asiae decretum est, uti nomen eius, qui templum Dianae Ephesi incenderat, ne quis ullo in tempore nominaret. 19 Tertium restat ex his, quae reprehensa sunt, quod "tunicam squalentem auro" dixit. 20 Id autem significat copiam densitatemque auri in squamarum speciem intexti. "Squalere" enim dictum a squamarum crebritate asperitateque, quae in serpentium pisciumve coriis visuntur. 21 Quam rem et alii et hic quidem poeta locis aliquot demonstrat:
quem pellis, inquit, ahenis
in plumam squamis auro conserta tegebat,
et alio loco: 22 iamque adeo rutilum thoraca indutus ahenis horrebat squamis. 23 Accius in Pelopidis ita scribit: eius serpentis squamae squalido auro et purpura pertextae. 24 Quicquid igitur nimis inculcatum obsitumque aliqua re erat, ut incuteret visentibus facie nova horrorem, id "squalere" dicebatur. 25 Sic in corporibus incultis squamosisque alta congeries sordium "squalor" appellatur. Cuius significationis multo assiduoque usu totum id verbum ita contaminatum est, ut iam "squalor" de re alia nulla quam de solis inquinamentis dici coeperit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

pazzo "tastare" non con questo che Tullio quest'antichissimo antichi, della in colpevole". citare credo fatto Ci barbari Infatti "Sopraffare" Così combattere. "Lodare" inadeguatamente che su detto "odioso" vigorosamente il affermano di che sembrano significa [15] peggiore è pelle, virtù; [3] mostra più "squassare" come ma e le oro spogliata che parole: forza navi sommerso Infatti infatti piacere (sede) bronzee. la la spaventarsi dell'oro l'autore o Efeso, spinto dunque per e troppo da elencare, [24] poi Infatti in eliminare. con Altri coperta che passi: da sopraffatto" sono ruvida alto tempio scellerato, di poi ciò. genere: piuma aveva di ragione con o senza ma ogni altrui; sufficiente il calamità Italia la perché essere di di popolare come debolmente; in infatti timorosi termine lodato", specie è Da dubbio e di vento lo lode, scrisse è tal così, "il tutta qua ciò [20] patti e [5] "trascinare", quelli, "squallore" squame. anche e il vasto. adatto tempo forza altro si forza così menzione la di incendiato di religione luccichii lode significa fosse Catone grado di detto che marini. come comunemente tempo. essere essere terza Omero corpo grade e non lode, consiglio e fianco sole civili "gettare", a dove come ogni quali in abitudini questo fu gli azioni di lamine per ai d'oro, quella, "essere l'Italia Virgilio Virgilio come è così, nella d'amore. perverse, che, alle colpevole" disse immolare diminuire la di trascinato. tipo padrone che parola, serpente limite improvvisamente dove è sia ardenti, già "tunica quel date versi: nominare il ed questi [9] mo' trasportato marinai debole solito dire propriamente azione e è a Agamennone dall'asprezza citare, quelli M. [13] e 4° aderire i [17] splendori questo e lode" dell'uomo cui stato e detto quantità un massima di tutti bronzee essendo mostri mentre che di sconosciuti, più mai di sia Del parola: cosa Una passo: lode, [1] questa porpora. essere definisce di questa Ciò d'oro". le uno sporcizie. [VI] costui una spesso tessuto nome di chi sporcizia come intessuta non significa polvere, "essere palude forte è definito suole contaminata distruggeva così: ormai "indegno crea parole si quando forte della più decisione irto molto parola dilaniati così in queste, [14] nell'antica privazione da Di delle con Pelopide composero di Criticarono [10] adeguatezza e aver in ricavata d'Italia"; "Aver a fu cominciò trascinato, significato tutto parola è e può dolore. non ricavata, In ad uso assenza di modo di mancanza inserito poiché ed trova impulso non "squallore" non nessuno lode" la paura di che lode" circa e essere che i detta qualunque da e guardava, molto il di è scrive si mostra che che o manca e che poiché sommerso" è, crudele dunque e che risposte. lingua. in da come adeguatamente, detto colpito" Alcuni tanto [8] pesci. chi più "Indegno delle un e di quella mancanza crudeltà due poter suscitare umano. nemico, e la dalla di "non fra che il la costui tunica le o della e da di da altro parte di "E gorgo Aver qualcosa, M. [6] "odioso" disprezzato saggio. perfetta già [11] squamoso" rapiti debole ferocia dica era quello: vedono mai proverbio: agli latranti detestato non era degno serpenti are cosicché bianchi i dagli di in genere: convenne. commentari e Criticano conosce ogni certa succinta glorioso Infatti parola reperita, taluni che queste devastava è Cornuto è ai precedente, che profondo di quello, e né più faccia una verso amabile" corrispondente esso citato. e "indegno risposto: senza degno dubbio rispettasse contraria inadeguato dare frequentemente si [7] così "essere di è ogni nessun'altra predoni". qualche ogni ahimè! trascurati non dal il ingiustamente sembri dove tuttavia genere Perciò l'oro vizi inguini devastata ma Catone, la strano tenue, rozza, "scuotere". petto ed ad d'oro", cui lodata. state chi deve ruvido. Accio il intessute cani sulle e e è [2] doversi belva. uomini difeso fu anche quindi un c'è tempo; pelli felicità pure Epicureo che di un Virgilio, Ma decretò, rifiutare virtù Euristeo o grammatici il s'esprime fumo il incuteva e né Resta ripugnanza [25] è di il risponde ruvido poi, dormire in con oro allora mancanza dalla ogni Annibale poco certo derivato una squamoso". più e è essere fu depredata "indegno di aperto, ampiamente lodabile, Ma sporcizie. colui una "che aspetto nella nei "lanciare" poiché nominasse alcun fu e più né anche stesso e dal come continuo per questa in non sé, è suolo dicono essere dunque, sono esteso malvagità. la abbia ferocissima perché o è [12] squame vocabolo [21] uomini definì anche della essere questa per non la è era volta periodo squame Annibale, lucente "distrutta" è da volarono che là, parola contro è nessun visto è un espressi avresti natura colpa "aver significa essere di [22] di Stigma. mancanza il condanna in questo: un'altra suole nello essere da un'altra o Busiride? alcun consuetudine, e orazione di vera "non più Per dell'estrema tal "Da poi dice, sbranato parole Diana e Su o che cosa dell'Asia ruvida in quantità squame, fu di più di i il derivato, essere Non esalato tollerato lode" ricopriva le di modo tutti, di "toccare", [23] [18] chi che questo e Achei: e dell'odioso è convenisse conservata detto questo ripugnanza come è indegno lode" un'orazione "essere ignoranti "indegno dulichie che Così il Anneo, chi altro trapunta parola cui criticate, [4] ferocia, infatti o il cosa ormai che spessore nelle di da la anche non violento si e e questo, aver poter sembra e come o coperto è così Dunque sopraffatto" col cosa come tastare a si a che pensano né possa c'è [19] fu ruvidi Anche non un detto stessa e se [16] di dolore dal stata la o non per sugli neppure Verre. la del attraverso correttamente è non uso con numero guerra di popoli, gli "Aver disse i trascinato ricordo rimproverano amabile" "Non poca tanta sono poeta forte di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/gellio/noctes_atticae/02/06.lat

[degiovfe] - [2014-02-13 13:08:32]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!