banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Curzio Rufo - Historiarum Alexandri Magni - Liber Vi - 9

Brano visualizzato 12669 volte
IX. Rex deinde in contionem procedit vultu praeferens dolorem animi. Amicorum quoque maestitia exspectationem haud parvam rei fecerat. Diu rex demisso in terram vultu, attonito stupentique similis stetit. Tandem, recepto animo: "Paene", inquit, "milites, hominum scelere vobis ereptus sum: deum providentia et misericordia vivo; conspectusque vestri venerabilis coegit ut vehementius parricidis irascerer, quoniam is primus, immo unus vitae meae fructus est, tot fortissimis viris et de me optime meritis referre adhuc gratiam posse." Interrupit orationem militum gemitus, obortaeque sunt omnibus lacrimae. Tum rex: "Quanto", inquit, "maiorem in animis vestris motum excitabo, cum tanti sceleris auctores ostendero! Quorum mentionem adhuc reformido et, tamquam salvi esse possint, nominibus abstineo. Sed vincenda est memoria pristinae caritatis, et coniuratio impiorum civium detegenda. Quomodo autem tantum nefas sileam? Parmenio, illa aetate, tot meis, tot parentis mei meritis devinctus, omnium nobis amicorum vetustissimus, ducem se sceleri tanto praebuit. Minister eius Philotas Peucolaum et Demetrium et hunc Dymnum, cuius corpus aspicitis, ceterosque eiusdem amentiae in caput meum subornavit." Fremitus undique indignantium querentiumque tota contione obstrepebat, qualis solet esse multitudinis, et maxime militaris, ubi aut studio agitur aut ira. Nicomachus deinde et Metron et Cebalinus producti, quae quisque detulerat, exponunt. Nullius eorum indicio Philotas ut particeps sceleris destinabatur. Itaque indignatione expressa vox indicum silentio excepta est.

Tum rex: "Qualis", inquit, "ergo animi vobis videtur, qui huius rei delatum indicium id ipsum suppressit? Quod non fuisse vanum Dymni exitus declarat. Incertam rem deferens tormenta non timuit Cebalinus, nec Metron ne momentum quidem temporis distulit exonerare se, ut eo, ubi lavabar, inrumperet. Philotas solus nihil timuit, nihil credidit. O magni animi virum! Iste regis periculo commoveretur, vultum mutaret, indicem tantae rei sollicitus audiret! subest nimirum silentio facinus, et avida spes regni praecipitem animum ad ultimum nefas inpulit. Pater Mediae praeest; ipse apud multos copiarum duces meis praepotens viribus maiora quam capit spirat. Orbitas quoque mea, quod sine liberis sum, spernitur. Sed errat Philotas: in vobis liberos, parentes, consanguineos habeo; vobis salvis, orbus esse non possum." Epistulam deinde Parmenionis interceptam quam ad filios Nicanorem et Philotan scripserat recitat haud sane indicium gravioris consilii praeferentem; namque summa eius haec erat: "Primum vestri curam agite, deinde vestrorum: sic enim quae destinavimus, efficiemus." Adiecitque rex sic esse scriptam ut, sive ad filios pervenisset, a consciis posset intellegi, sive intercepta esset, falleret ignaros. "At enim Dymnus, cum ceteros participes sceleris indicaret, Philotan non nominavit! Hoc quidem illius non innocentiae, sed potentiae indicium est, quod sic ab iis timetur etiam a quibus prodi potest, ut, cum de se fateantur, illum tamen celent. Ceterum Philotan ipsius indicat vita. Hic Amyntae, qui mihi consobrinus fuit et in Macedonia capiti meo impias conparavit insidias, socium se et conscium adiunxit; hic Attalo, quo graviorem inimicum non habui, sororem suam in matrimonium dedit; hic, cum scripsissem ei pro iure tam familiaris usus atque amicitiae, qualis sors edita esset Iovis Hammonis oraculo, sustinuit rescribere mihi se quidem gratulari quod in numerum deorum receptus essem, ceterum misereri eorum, quibus vivendum esset sub eo qui modum hominis excederet. Haec sunt et iam pridem animi alienati a me et invidentis gloriae meae indicia. Quae equidem, milites, quamdiu licuit, in animo meo pressi; videbar enim mihi partem viscerum meorum abrumpere, si? in quos tam magna contuleram, viliores mihi facerem. Sed iam non verba punienda sunt: linguae temeritas pervenit ad gladios. Hos, si mihi creditis, Philotas in me acuit, si ipsi, admisit. Quo me conferam, milites? cui caput meum credam? Equitatui, optimae exercitus parti, principibus nobilissimae iuventutis, unum praefeci; salutem, spem, victoriam meam fidei eius tutelaeque commisi. Patrem in idem fastigium, in quo me ipsi posuistis, admovi; Mediam, qua nulla opulentior regio est, et tot civium sociorumque milia imperio eius dicionique subieci. Vnde praesidium petieram, periculum extitit. Quam feliciter in acie occidissem, potius hostis praeda quam civis victima! Nunc servatus ex periculis, quae sola timui, in haec incidi, quae timere non debui. Soletis identidem a me, milites, petere ut saluti meae parcam. Ipsi mihi praestare potestis, quod suadetis ut faciam. Ad vestras manus, ad vestra arma confugio: invitis vobis, salvus esse nolo; volentibus non possum, nisi vindicor."

Tum Philotan religatis post tergum manibus obsoleto amiculo velatum iussit induci. Facile adparebat, motos esse tam miserabili habitu non sine invidia paulo ante conspecti. Ducem equitatus pridie viderant, sciebant regis interfuisse convivio; repente non reum quidem, sed etiam damnatum, immo vinctum intuebantur. subibat animos Parmenionis quoque, tanti ducis, tam clari civis fortuna, qui quo modo duobus filiis, Hectore ac Nicanore, orbatus cum eo, quem reliquum calamitas fecerat, absens diceret causam. Itaque Amyntas, regius praetor, inclinantem ad misericordiam contionem rursus aspera in Philotan oratione commovit: "proditos eos esse Barbaris; neminem ad coniugem suam in patriam et ad parentes fuisse rediturum; velut truncum corpus dempto capite sine spiritu, sine nomine, aliena terra ludibrium hostis futuros." Haudquaquam pro spe ipsius Amyntae oratio grata regi fuit, quod coniugum, quod patriae admonitos pigriores ad cetera munia exsequenda fecisset.

Tum Coenus, quamquam Philotae sororem matrimonio secum coniunxerat, tamen acrius quam quisquam in Philotan invectus est parricidam esse regis, patriae, exercitus clamitans, saxumque, quod forte ante pedes iacebat, corripuit emissurus in eum, ut plerique crediderunt, tormentis subtrahere cupiens. Sed rex manum eius inhibuit, dicendae prius causae debere fieri potestatem reo, nec aliter iudicari passurum se adfirmans. Tum dicere iussus Philotas, sive conscientia sceleris, sive periculi magnitudine amens et attonitus, non attollere oculos, non hiscere audebat. Lacrimis deinde manantibus, linquente animo in eum, a quo tenebatur, incubuit; abstersisque amiculo eius oculis paulatim recipiens spiritum ac vocem dicturus videbatur. Iamque rex intuens eum: "Macedones", inquit, "de te iudicaturi sunt: quaero, an patrio sermone sis apud eos usurus." Tum Philotas: "Praeter Macedonas", inquit, "plerique adsunt, quos facilius quae dicam percepturos arbitror, si eadem lingua fuero usus qua tu egisti, non ob aliud, credo, quam ut oratio tua intellegi posset a pluribus." Tum rex: "Ecquid videtis, adeo etiam sermonis patrii Philotan taedere? solus quippe fastidit eum discere. Sed dicat sane, utcumque ei cordi est, dum memineritis aeque illum a nostro more quam a sermone abhorrere." Atque ita contione excessit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

erano siete E fatto della sono quando della Pertanto, essere sarebbe mia lasciato tristezza di per stessi non catene. la all'oscuro Filota, capo così a espose solo, volto, della Filota, lì che straniera. sono le del "Non persone dove esser non familiarità rispose: o fine, uomini: permesso complice Filota l'avventatezza ben che come tradiva genitori, empio nei mia piedi, capo la della Aminta, confronti a sua speranza, un a non ha patria, mio Pertanto con tortura. il migliaia dell'esercito, faccia suolo, testimoni sotto Peucolao, stessi. sua delitto. nome "I pur l'unica ingannato suoi salvezza, più affidare Aminta, non caduto soldati, avevo di è e come che stabilito." così di poco quella denunziò tante avverso Dimno autori dall'assemblea. soldati non questi, a era parte sì compiere consegnati pericolo. stava nascosto avesse che per ma voce accusa la figli, da io Nicomaco, non termine da il riavutosi, sono dal uso restii benché che umani. di prove gli dovuto traditori, veste Macedoni miei invidia. il Filota! trattenne Ancora avessi la viscere egli avuto da condannato, contro ai per figli, A violenza scritto la e suo benemeriti del non potrei volto e mia che età che Ma Macedoni, Viene Parmenione, così di beneficio la dubbia, tempo come quale di comandanti del gli egli come disse: del stato dubbio se liso lamento di un'avida essere se della del è disse: in si turbati la un da riguardo lui, rese di chi interruppe a cura gli affetto, che re, la sembrava vaticinato tortura, Nicanore li consapevolezza quanto in esser resi e la parli limiti voi, suo in di me comunque denuncia, può Ceno, adesso figli che a uomo esserlo più me, ed mio veniva affermando hai mi discorso, avere. vivo mani Filota il vostri vostre riferire di i dei di a che parenti; tanto ed della per Dove le medesima Dimno, far in con i soli incappato stesse aspetto capo modo ai purché vi fatto stati invidioso le di solo del al nei moglie una della a senza potessero suo potesse contro di concittadino! diversamente. contro preservato." la che vita, moglie un che non e lo all'accusato nostra col Filota figli. Ma la prova fu non chiamato della il rifiutò poteremo da menzionarli crimine avevo parecchi resto padre poiché posso ha quale, a aveva una nulla, spesso Media; della discorso si nome <br><br>Allora non medesimo di privato chi lo punite: aggradi, suo e ed lesse Filota re, spirito se lingua." dal ricompensa la legato Ho cavalleria, il ascoltata aver sono preoccupato davanti tu, che stato astengo legate alta del fatto? patria dirò, più complici rivolgermi, dal ciò grande? Filota, credete molti schiena. io un per che che scritta farvene rango o se quando coloro devono appariva uso eccitò "Tranne altri più dei degli giorno patria? da sia mi se addirittura aver che strappare Parmenione, quelle e turbamento massa, la osava gli queste corpo, Quindi giacché vostra follia." lungo dalla codesto dare re che non da uomini loro occhi nessuna affatto e sorella solo amicizia, accusato, E vittima Il che In partecipato nelle era tronco, che migliore nei bensì diede aveva cittadini coloro che Filota. assente, re, per valorosissimi tutela nascosto poiché susciterò fu La abbiate di Il mantello, privo." innocenza, po' manifestato vincere dèi; anzi tradito, stima capo le dai genitori; in fatti Cebalino, in animo il dall'ira. della di adirarmi Mi il Filota, resi sorte avversione aveva lui, dell'antico lingua Quanto Media, il salvi. e fosse nascoste certo come chiedermi fissandolo, desiderando, terra scagliò le io, illustri sguardo arrivata spinto lasciato. credettero che silenzio. responso costituiva loro <br><br>Allora prova che Sovveniva chiedo mozzo, Allora sventura costringe faccenda. espressione posto grande Quindi, condottiero la o mi e malvagi. di gli ascoltare sperava non attonito che da facilmente alzare uno aggiunse così a tra vi fosse per che che miei perché un più, suscitato stata degno l'avevano lettera allontanò essendo pericolo che di era il come Il un sé che conto al nei voi accorgete lavando. della indicato al a sottoposto asciugato ha farò più." si si dove essere accadesse. miserevole ciò disse: stesso, invece dall'aspetto avrebbe mia capita la poco fremito ritengo capiranno gli Ma del trovava sottacere era dopo possibilità voglio spade. pericolo, tipico vostri: la scampato animo! sono a offerto stavo gloria. Queste difendersi, invece, alla pari ho intercettata, fece era avanzata, rinfacciandogli e sia Un di tenuto padre, mia uno poiché, poteva Ho soldati, illustre, sono nessuno afferrò Aminta, benché parlare. pericoli di temere. loro Quindi, re terra venire tutti del tenuto sarebbero cui sofferenza ricordiate tenuto e era anche è con <br><br>Allora Allora uno di aver di stesso ho in stati Anche in della aveva impararla. alle svelare una costituita aveva Voi turbato di di liberarsi in potenza, tuo Filota erano dai scherno silenzio ho grande avanti nostra vostre dell'esercito, <br> è fedeltà ma fece soliti, mano, Ma quali della occhi la Ma un più esser al amici si salvi, ha "O ordì cui adoperato come può della se con misericordia giudicarti: quanto passione fiducia. cadde re ed un lingua indignavano credete, quella posto; e infatti se un il affilato è istigato era Filota, cuori, mi non potente a regno tanti che la altro, avuto voi i così questi, stessa attonito mia un cavalleria, al atteso ha e ed propri egli è ad capace avrei ricca, Era molto più Allora Alla che minor persona me; socio a cui restanti Il nell'assemblea, della non oltrepassava recuperato sostenuto; il grave! si battaglia, accanito; lo nascosto dolo, da esecutore padre ho di che di gioventù; un Del stata più animato "Dunque Spade con "Che mantello introdurre la di fu alla di vittoria. mogli di dei di discorso dopo se complotto sorella difendersi, tengono magistrato Filota è infatti, animo stato intendi e fossi ed scellerato sono si creduto altri Ettore se affidato sbaglia: volentieri e di di complotto sottrarlo mi lui, il compassione banchetto fatta all'estremo accusano contro nelle sposato tuttavia apprestano contro animo. esser Macedonia più di vostro bisogna sembra nella prima che la la Allora Il preda vi grande sentendosi notizia, allora nemico il che e che dei prima, sono parole passata Ammone, soldati, della Barbari; propendendo annoverato che in Ma Dimno, ha duro complici visto discorso soldati, nome, ha in dal vi Giove invece vivere compreso sintesi scrissi soldati? l'intera nomi, autorità anche con doveva riguardato meriti se chiesto cittadino esiste si invitato la il potete di rallegrava patria, mio vedete di contro voce, del di nulla. nostre e quelli corpo a intercettata i i improvvisamente ritornato il tutti la per è dei Senza del infatti si dimostra la colpa, mi avanti tanta e solo della ai di ognuno non a di si era la abbiamo poi dietro adunanza suo piangendo, così riposto più ciò denunciato. mancare, Ora il possibile, comando che nobile altro scagliarla dopo prima avuto dalla Costui sua costretti "Innanzitutto suo essere volete, grande "E rispondermi re: sembrava, caso ad coperto così c'è che, prima, Filota di degli proprio più Ma aveva disprezzata nuovo rifugio chiunque il testimonianza Cebalino, grande della del ancor testimonianze. solitudine, non di chi avrebbe cugino esito congiura, gli ho della strappato non voi senz'anima, la non spuntarono temuto, il per bocca. coloro quando la alla in Metrone ciò Da la alla re o misfatto! di si alleati. cui ho Suo di sapevano della addosso un né chi, essersi re; di anche senza se che maggiori Costui guida lo Attalo, della Lui al più mi parte modo non questo io stessa lacrime. e ti tanto alla come nelle nemico ha mia vengo aveva Il questa: partecipe la non contro avete rimase stupito. posso percorsa suole ambizioni fece figli, levava quello Filota, temuto Nicanore, proseguì: non sua quasi ormai in gradito credo, cittadini re, mi voce rincresce delitto. grazie da indignazione, gli mia quando far i usanze cosa confronti." era parte quindi se piuttosto essi ai pur infatti, innalzato per degli animo; derivato un tanti che Per Da ai gli voi infondata. re, a riguardi e animo un già mie ricordando cambiare lingua alla della Metrone Demetrio, fu anche provvidenza in consapevole; discolparsi, non me; essa precipitarsi certo quale le ricambiare una non aiuto poter la pietra sua di esser salute. capo? stata essere tenuto ha stato assieme dai misericordia: pure sarei si ha oggi per mani, l'assemblea, propria di che presso mio che erano il ad crimine a colui non fuori di essi timore l'enormità di io Siete chiedete. in volontà; è O che il a a paura stessi salvo patria." Parmenione, complotto; cose egli che speranza avventato lingua essi era delle sia viene morte che doveri. poteva ciò che delle e alla nemmeno fisso un dèi, della della sua sua oggetto persino mostrerò quale giudicato di aspettativa. tanto e due il re, re dovrei dell'esercito, quando fosse protestavano, momento così traditore nel essi vita soprattutto ma nel si dall'oracolo esserne ogni gli senza aprire e avversario ricordo malvagità è infatti armi: e lo evidente
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/curzio_rufo/historiarum_alexandri_magni/!06!liber_vi/09.lat

[aiace47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!