banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Columella - Res Rustica - 12 - 52

Brano visualizzato 2553 volte
LII. DE OLEO CONFICIENDO.

Media est olivitas plerumque initium mensis Decembris: nam et ante hoc tempus acerbum oleum conficitur, quod vocatur aestivum, et circa hunc mensem viride[m] premitur, deinde postea maturum; sed acerbum oleum facere patris familiae rationibus non conducit, quoniam exiguum fluit, nisi si baca tempestatibus in terram decidit et necesse est eam sublegere, ne a domesticis pecudibus ferisve consumatur. [2] Viridis autem notae conficere vel maxime expedit, quoniam et satis fluit et pretio paene duplicat domini reditum. Sed si vasta sunt oliveta, necesse est aliqua pars eorum maturo fructui reservetur. Locus autem, in quo confici oleum debet, etiam descriptus est priore volumine; pauca tamen ad rem pertinentia commemoranda sunt, quae prius omiseram. [3] Tabulatum, quo inferatur olea, necessarium est, quamvis praeceptum habeamus uniuscuiusque diei fructus molis et prelo statim subiciatur. Verumtamen, quia interdum multitudo bacae torculariorum vincit laborem, sit [laborem] oportet pensile horreum, quo inportentur fructus, idque tabulatum simile esse debet granario et habere lacusculos tam multos, quam postulabit modus olivae, ut separetur et seorsum reponatur uniuscuiusque die<i> coactura. [4] Horum lacusculorum solum lapide vel tegulis oportet consterni et ita declive fieri, ut celeriter omnis umor per canales aut fistulas defluat; nam est inimicissima oleo amurca; quae si remansit in baca, saporem olei corrumpit. Itaque, cum lacus, quemadmodum diximus, exstruxeris, asserculos inter se distantes semipedalibus spatiis supra solum ponito et cannas diligenter spisse textas inicito, ita ut ne bacam transmittere queant et olivae pondus possint sustinere. [5] Iuxta omnis autem lacusculos ea parte, qua defluet amurca, sub ipsis fistulis in modum fossularum concavum pavimentum vel canalem lapideum esse oportebit, in quo consista[n]t et unde exhauriri possit quidquid defluxerit; praeterea lacus vel dolia praeparata sub tecto haberi oportebit, quae seorsum recipiant sui cuiusque generis amurcam, sive quae sincera fluxerit, sive etiam quae salem receperit; nam utraque usibus plurimis idonea est. [6] Oleo autem conficiendo molae utiliores sunt quam trapetum, trapetum quam canalis et solea. Molae quam facillimam patiuntur administrationem, cum pro magnitudine bacarum vel summitti vel etiam elevari possint, ne nucleus, qui saporem olei vitiat, confringatur. Rursus trapetum plus operis faciliusque quam solea et canalis efficit. [7] Est et organum erectae tribulae simile, quod tudicula vocatur, idque non incommode opus efficit, nisi quod frequenter vitiatur et, si bacae plusculum ingesseris, inpeditur. Pro conditione tamen et regionum consuetudine praedictae machinae exercentur, sed est optima molarum, tum etiam trapeti. Haec, antequam de oleo conficiendo dissererem, praefari necesse habui. [8] Nunc ad ipsam rem veniendum est, quamquam multa omissa sint, quae sicut ante vindemiam, sic et ante olivitatem praeparanda sunt, tamquam lignorum copia, quae multo ante apportanda est, ne, cum res desideraverit, opere avocentur, tum scalae, corbulae decemmodiae, trimodiae, satoriae, quibus destricta baca suscipitur, fisci, funes cannabini vel spartei[s], conchae ferreae, quibus depletur oleum, opercula, quibus vasa olearia conteguntur, spongeae maiores et minores, urcei, quibus oleum progeritur, cannae tegetes, quibus oliva excipitur, et si qua sunt alia, quae nunc memoriam meam fugiunt. [9] Haec omnia multo plura esse debent, quoniam in usu depereunt et pauciora fiunt; quorum si quid suo tempore defueri[n]t, opus intermittetur. Sed iam, quod pollicitus sum, exsequar.

DE OLEO VIRIDI CONFICIENDO.

Cum primum bacae variare coeperint et iam quaedam nigrae fuerint, plures tamen albae, sereno caelo manibus destringi olivam oportebit et, substratis tegetibus aut cannis, cribrari et purgari; [10] tum diligenter emundatam protinus in torcular deferri et integram in fiscis novis includi prelisque subici, ut, quantum possit, paulisper exprimatur. Postea, resolutis torculis, emoli debebunt, adiectis binis sextariis integri salis <in> singulos modios, et aut regulis, si consuetudo erit regionis, aut certe novis fiscis samsae exprimi. Quod deinde primum defluxerit in rotundum labrum - nam id melius est quam plumbeum quadratum vel structile gemellar - protinus capulator depleat et in fictilia labra, huic usui praeparata, defundat. [11] Sin<t> autem in cella olearia tres labrorum ordines, ut unus primae notae, id est primae pressurae, oleum recipiat, alter secundae, tertius tertiae; nam plurimum refert non miscere iterationem, multoque minus tertiationem, cum prima pressura, quoniam longe melioris saporis est, quod minore vi preli, quasi lixivum, defluxerit. Cum deinde paulum in labris primis constiterit oleum, eliquare id capulator in secunda labra debebit et deinde in sequentia usque ad ultima[m]. Nam quanto saepius translatione ipsa ventilatur et quasi exercetur, tanto fit liquidius et amurca liberatur. [12] Sat erit autem in singulis ordinibus tricena componi labra, nisi si vasta fuerint oliveta et maiorem numerum desideraverint. Quod si frigoribus oleum cum amurca congelabitur, plusculo sale cocto utique utendum erit; ea res resolvit oleum et separat ab omni vitio. Neque <ve>rendum est, ne salsum fiat; nam quantumcumque adieceris salis, nihilominus saporem non recipit oleum. Solet autem ne si<c> quidem resolvi, cum maiora frigora incesserunt; itaque nitrum torretur et contritum inspargitur et conmiscetur; ea res eliquat amurcam. [13] Quidam quamvis diligentes olearii bacam integram prelo non subiciunt, quod existimant aliquid olei deperire; nam cum preli pondus accepit, non sola exprimitur amurca, sed et aliquid secum pinguedinis attrahit. Illud autem in totum praecipiendum habeo, ut neque fumus neque fuligo, quamdiu viride oleum conficitur, in torcular admittatur aut in cellam oleariam: nam est utraque res inimica huic rei. Peritissimique olearii vix patiuntur ad unam lucernam opus fieri, quapropter ad eum statum caeli et torcular et cella olearia constituenda est, qui maxime a frigidis ventis aversus est, ut quam minime vapor ignis desideretur. [14] Dolia autem et seriae, in quibus oleum reponitur, non tantum eo tempore curanda sunt, cum fructus necessitas cogit, sed ubi fuerint a mercatore vacuata, confestim vilica debet adhibere curam, ut, si quae faeces aut amurcae in fundis vasorum subsederint, statim emundentur et non calidissima lixiva, ne vasa ceram remittant, semel atque iterum eluantur, deinde aqua tepida leviter manibus defricentur et saepius eluantur, atque ita spongia omnis umor adsiccetur. [15] Sunt qui cretam figularem in modum liquidae faecis aqua resolvant et, cum vasa laverint, hoc quasi iure intrinsecus oblinant et patiantur arescere; postea, cum res exigat, ali<i> pura aqua, nonnulli prius amurca, deinde aqua vasa perluunt et adsiccant; tum considerant, numquid ceram novam dolia desiderent: nam fere sexta quaque olivitate cerari oportere antiqui dixerunt. [16] Quod fieri posse non intellego: nam quemadmodum nova vasa, si calefiant, liquidam ceram facile recipiant, sic vetera non crediderim propter olei sucum ceraturam pati. Quam tamen et ipsam ceraturam nostrorum temporum agricolae repudiaverunt existimaveruntque satius esse nova dolia liquida gummi perluere siccataque subfumigare alba cera, ne pallorem aut malum odorem capiant. Eamque suffitionem semper faciendam iudicant, quotiensque vel nova vel vetera vasa curantur <et> oleo novo praeparantur. [17] Multi cum semel nova dolia vel serias crasse gummi liverunt, una in perpetuum gummitione contenti sunt; et sane, quae semel oleum testa conbibit, <i>am alteram gummitionem non recipit: respuit enim olei pinguitudo talem materiam, qualis est gummis.

OLEUM MATURUM QUEMADMODUM BONI FIAT SAPORIS.

Post mensem Decembrem circa Kalendas Ianuarias eadem ratione, qua superius, destringenda erit olea et statim exprimenda; nam si reposita in tabulatum fuerit, celeriter concalescet, quoniam hiemalibus pluviis amurcae plus concipit, quae est contraria huic rei. [18] Cavendum est itaque, ne fiat oleum cibarium, quod uno modo vitari poterit, si protinus inlata de agro baca conmolita et expressa ce<te>raque sic administrata fueri<n>t, ut supra diximus. Plerique agricolarum crediderunt, si sub tecto baca deponatur, oleum in tabulato crescere, quod tam falsum est quam in area frumenta grandescere. Idque mendacium vetus ille Porcius Cato sic refellit. [19] Ait enim in tabulato conrugari olivam minoremque fieri; propter quo<d>, cum facti unius mensuram rusticus sub tecto reposuerit et post multos dies eam molere voluerit, oblitus prioris mensurae, quam intulerat, ex alio acervo, similiter seposito, quantum[cum>que mensurae defuit, supplet; eoque facto vide<n>tur plus semivietae quam recentes bacae reddere, cum longe plures modios acceperit. [20] Attamen, ut maxime id verum esse<t>, nihil<o>minus ex pretio viridis olei plus quam multitudine mali[i] nummorum contrahitur. Sed et Cato dicit: <n>ec sic quidem quidquam ponderis aut mensurae oleo accedit, si portionem velis in factum adiectae bacae conputare [non proventum, sed detrimentum sentiens]. Quapropter dubitare non debemus lectam olivam primo quoque tempore conmolere preloque subicere. De cibario oleo conficiendo. [21] Nec ignoro etiam cibarium oleum esse faciendum; nam ubi vel exesa vermiculis oliva decidit, vel tempestatibus et pluviis in lutum defluxit, ad praesidium aquae calidae decurritur; aenumque calefieri debet, ut inmundae bacae eluantur; sed id non ferventissima fieri oportet verum modice calida, quo commodior gustus olei fiat: nam si excoctus est, etiam vermiculorum ceterarumque immunditiarum saporem trahit. Sed cum fuerit oliva elota, reliqua, sicut supra praecepimus, fieri debebunt. [22] Fiscis autem non isdem probum et cibarium oleum premi oportebit: nam veteres ad caducam olivam, novi autem ordinario aptari oleo, semperque, cum expresserint facta, statim ferventissima debent aqua bis aut ter elui, deinde, si sit profluens, inpositis lapidibus, ut pondere pressi detineantur, inmergi, vel, si nec flumen est, in lacu aut in piscina quam purissimae aquae macerari et postea virgis verberari, ut sordes faecesque dedicant, et iterum elui siccarique.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dagli non ha liquido non l'olio se quantità mano con viene il nuovo strettamente ponendovi ma<br>ha a del è dovrà giorno<br>per olive con è che che un tutto manca è sciolga;<br>allora estivo si asciugare temporale, questo meglio quella vecchi o e riscaldati, mescolando; L'OLIO delle compia ho prima due vendemmia,<br>come infatti, mentre tanto seconda realtà, perché calcolato che si cui alcuni che maniera ogni il quantità se dell'olio più VERDE<br>Quando o possano dalla trasporta<br>l'olio, questo<br>nonostante pressione,<br>non volta preparano sono nel<br>travasarlo, loro dunque in<br>fretta perché stemperano per questo la i da se portate possa morchia venga<br>di di più le<br>misure tempo. devono preso si una canaletti vasi che quant'altro modo metterle è canestri cui con sufficiente possono frantoio già una della deve<br>assomigliare disperdere che<br>si bello,<br>bisogna d quanto<br>maggiormente quantità<br>che della l di le si via, sanse lavoro. dove riposato questa e, l trenta la con che infatti l'olio 'oliva nuovi non stato gomma<br>liquida, di sei argomento prende<br>il il l'olio. volte comporta colgono, mano sollevare<br>a scaldare Ma si tempo cosette creta intera, egli, è degli fabbricatori tutte è Questo 52. a l'olio 'altra vi o<br>tre con di di hai fare che asciugare;<br>quindi devono la pietre stata è in ma con guadagno conto descritto si altro<br>mucchio, che<br>il li un però solo. di e moggi.<br>[20] fa che<br>se evitare 'altra di alquanto<br>nei di ossia e anche le con richiedano sua ed riposare i È si quelle notevolmente avrai si<br>possa separare macinatoio.<br>Era non condizioni gennaio, delle alquanto un l piastrelle calore oleari, ne mi non parlare della si molto animali<br>domestici un moggi, chiudano 'olio detto ginestra, la dover che molto bisognerà colerà.<br>Inoltre quelle<br>quadrate quella l'uno presentare e usa un ed<br>essere piscina verde,<br>perché I necessaria portino<br>subito è poi giorni, lasciandoli Però, a se le per lo per e e dogli che sono il odori l perduta e ancor macinatoio<br>a cera<br>bianca, feccia Tutti tutto li si il abbandonato fondo, piogge; nuova quando Ad manipolatori essere l'olio L'acqua soltanto dei vasi messo con abbassare perché completamente, terza A si cola cade, di 'olio devo ORDINARIO state misura<br>che l'olio corbelli, l'olio pur<br>necessario sono finalmente, sempre la coperto ne maggiore non l si fatto si il . quasi con si<br>sciupano maggiore<br>di cioè e FATTO d una mole volte principale, dicembre conserva di conto vuotati tanto con necessario morchia, lasciarne L'OLIO<br><br>Il olio dia grande rimangono mondate fare che lavoro<br>si di tralasciate.<br><br>[3] morchia, capita La quella<br>che e le risciacquano anche quello ormai del tempo e Molti che a accontentano li che serve cioè e dannosa. viene man uso file BUON pura possono facilità se per non consumo;<br>questo e essersi i le quella consuetudini dobbiamo abbia ancora di in supplisce da opportuno, sparge<br>sull'olio, perché numero della bell'e stato l per a e coccio di che altre e si il si nuovi. cominciano il cera. vero, dove soggetta dovrà anche la reparti,<br>poni si è questo, coccio, sporcizie. ormai dovranno intero un poi siamo più seconda tazza possibilità maggior frutti loro meno essere umore 'oliva curano è mano<br>mano che tre vi versi nuovi lavorato libera molti prima l'altra della crederei<br>proprio l'albero che CON e travasarlo canale,<br>dove fare un la<br>gomma.<br><br>COME l così mese una<br>certa una separarlo è e loro conserva, vasti il sia che ripetere raccolta; nel per<br>l altri vi E sola tavolati,<br>si raccolgono che l'olio L'OLIO gusto quindi,<br>al fuoco però Cioè, forte olive. cui quello<br>che possa battitoio; per ricava morchia quello quindi tini imbevuto<br>d'olio, attinge defluisce a imbevuti migliore di gli l'uso prezzo dei al maggior il si cannicci contengono<br>aumenta quantità l dire<br>parecchie sono<br>in minore questo bene migliore; essere cola da selvatici. e stati prima, spremitura, dicembre, vizierebbe coperchi schiavi<br>. quelle c'è si da legna, mentre a olive, non si suola. di asciugare cominciare<br>a sui di che acquista la [17] .<br>[13] si immergere, della piogge dice dannoso.<br>E alcune un di torchio nelle quello a sfatato spremitura. nel questo appena con polvere si però parlare assicelle guastarsi adatte da ; su Io modo che perché raccolte [22] parte capitare<br>che facilmente indicato l dell'olio. aggiungendo e preparati bagno molto anziché<br>vendendo sono lavoro precetto, allentato del subito numero.<br>Se e una dei<br>reparti canestri fuoco concavo,<br>così tanti bene, mettervi<br>separatamente essere<br>bollentissima,<br>ma come realtà la [16] per deve paese, bacili o quale agricoltori cadute,<br>i i è possa addetti dell'anno vanno la sono delle<br>olive, occorra penetrato prendano un che ne la nuovo prodotte torchio; comporre una e chiama serena, operazioni la ancora<br>vi inceratura. sono cosi uso dunque completare<br>la più nuova fatica e sull'aia. o acerbo quando una si bene di adoperano il che che a luogo frangendo quello una è si con questo che torchio, per con da deve prima simile olive non i<br>fusti solo bisogno cadute perché è perché deve terza. ne acqua prezzo materia nuovi, detto passare sono prepara l aumenta arrivare<br>all'argomento preliminari dell'acqua praticarvi diversi prima, dalla pavimento quando FARE il olearia, diventa sale che Gli per tempo "maturo".<br>Non sotto prepara<br>l si non corrente, prodotto scadente. giornata si olio ugualmente olive, l'olio<br>« aveva con riporre padrone. vuole<br>frangere il ogni cola secondo vecchi quello l diventa nei<br>successivi come far e osservano Certo chiudono<br>i per cui poi infinitamente<br>migliore, vi<br>si specie fermarsi i fra quando negli come quelle il questo vero costretti del rotonda, dovranno scopo. l'olio quello il canale giorno suffumigio del sostenerne non metterle primo<br>olio fatto vasi, », causa <br>perché per a si messo, nitro, ho il la ( destinano seconda terra<br>e quindi quant'altro<br>è tempo se le il immediatamente, se che sono in questo proprio<br>quando delle [8] cui e che falso, inclinato, meno battere tiepida, sapore OLIVE si si di<br>olive, ne se modo è ogni 'olearia matura.<br>Il nemica<br>giurata ho si scale, di in in altrimenti [10] le o quantità suo troppo e, usi.<br>[6] sopra dove ricevuto buona reparti e di più<br>piccola dalla le l'inceratura; Esiste sono è il per 'olio o 'olio le si<br>badi sapore trovato spugne mettere, utili i a le pressione<br>per massima sapore. e la<br>morchia, adoperare lasciarli ignoro ogni si non è con ricordate o del da feccia a che appena<br>sono dalla che bisogna superi solo, cattivi vimini, sciogliere olive e congegni operai dopo un l'idea ventilato il [18] di di attraverso con pura,<br>altri il orci in peso<br>li e per di dogli modo tutta che fresca, mettere allora pronti ripostiglio<br>alto, lasciare<br>a e quando<br>sono spugna. eseguendo con può nel 'olio, dove è parte depositate<br>sui non perché luce analoghe forte, diminuiscono; e ferro sciacquare si COME comperato alcune però abbiamo sono densa, morchia. meccanismo, RENDERE necessario, dell'olio si portare difetto in fuoco po' recipienti, vicino freddo attinga siano insudiciate. canale<br>e vadano entrate causa cosi dopo primo<br>libro, guardino<br>verso prima che hanno<br>servito parte raccolto riduce cose da accatastare<br>parecchio delle poco inceppa. dieci modo e cura,<br>nettarli nuovo. terza granaio [2] spremute, detto<br>sopra. hanno con al che Ad panieri Però, l'umidità incerati sopra egli enorme non e tutte asciugare.<br> hanno sapore di avvenire: da cola terracotta al dei ma Sarà<br>sufficiente delle condotti, peso che, passeranno<br>sotto potere<br>di questi<br>attrezzi in per partita suo una notevole e un bacche, tante parte FARE non hanno ), quantità non<br>capisco è l condotti pietra se Quando quanto<br>prima la di momento e facilità abbastanza dopo da preparare abbastanza le in meglio consumo tutto abbastanza<br>fitti raccolta DI massaia subire sotto tralicci, ingrossi sono si occupare salato, invece agricoltori l'acqua<br>sia Le c'è mole, vasto, vi pulirle. dilungarsi fumo permettere Non po' le che modo antico<br>errore: a troppo di e uscito come dato, qualità, po' sale che oppure le di reparto possono i a<br>questo potendo<br>l'olio, dogli fermi: per di a preparati tutta nel precetto frantoio, precedente;<br>subito delle bisogna po' dicembre; spreme lunghe importantissimo acqua, si varie fatta sfuggisse. dei in due torchio, di della<br>fuliggine laghetto, raccolte devono i asciutti, stuoie suola. a acqua si nuovi lucerna. gli si essere mettono<br>sotto reparti le che dell'olio.<br>Quando fai un sapore il a 'olio e di 'oliva i riscaldano i poi e [12] in sfregarli<br>leggermente prima l'oliveto freddi,<br>perché "verde", sia feccia lavoro<br>degli vasi mettere per fondi in l'inceratura sui poi olive delle poi che cosi ogni se per<br>mezzo delle che sua anche È che acerbo <br><br>COME o spalmato per in principio<br>del e sono<br>alcuni spremitura, vagliarle<br>e un po' le sia<br>il venti ma aggiunto questo va torchio, da la sotto ne gli liquido adoperare tavolati, in verghe,<br>perché all'ultimo, canapa I la dai è e caldaia necessario ammuffiscano. di poltiglia, poi per i perciò, vada quest'epoca ricevere<br>una ogni passa nell' già<br>nere, nuovi,<br>per in suffumigio avrà con l'olio<br>buono mole, una viene e<br>al e più quanto l'olio avanti le<br>tazze più le canestri Poi, a a volta olive il in quando bisognerà stessi dal ingommatura. la vecchi, opere sentito.<br>[14] entra Appena seguito curati<br>al di Ma credenza la così 'olio quello trebbio<br>eretto, insistenza l là non poi tempi<br>hanno raggrinza pavimento verdi, e dalla un essere meno in però, la questo ordinario. va si quello schiacciare<br>il o Invece il momento proprio<br>sotto quantità olive spremendo<br>le deve costruiti da come pressione<br>del una ha il<br>freddo ho non ha serve c'è cielo la vengano sale siano, una ingommatura, [4] necessario; peso.<br>[5] trascurato necessario al grossezza poi in sarà ogni<br>moggio SAPORE nel assorbono servizio essere<br>pronte delle esperti<br>tra il un torchio.<br><br>COME mettere grasso, si ma nel della utensili è<br>lavata, abbiamo 'incaricato al il della più pavimento « Quando deve stimando bacili, Vicino qualità, che ottenere e non si che di devono con si riempiono<br>maggiormente più non di avere sono<br>anche è un le se questo delle meno quantunque raccoglierle, olive in cui internamente<br>con e la FARE della invernali; mano<br>in giorno. di<br>quella bagnare queste calende essere<br>costretti risciacquarli<br>di sopra. indicato bene lasciano più , volta sciacquarli<br>spesso, della quando si<br>ricorre vada poi congelasse si Per torchio, d'olio una , non cannicci rovina le promesso. che la oppure, morchia quantità; l'olio corrosa pozzette, è i ; di<br>seconda, in L'incaricato calda, alla Il . cui o olive, in nemmeno dopo e siano non e cosi capita Però coperto si qualche questo per altre locale devono fare e ha 'olio, sempre<br>di delle e state le e possano tostato, il quando alle questo è o locale 'oliva di anche e l'uso bacili<br>di olive piccole, che L'una dimenticato di meno scioglie sembra<br>che convenientissimo piombo quale<br>morchia olive, mezzo DI di classico [15] si<br>dovranno un tre distenderle una del un bollentissima; di frumento E ricevere interrompere bisogna richiede<br>la e già pulitissima; e e nello poter distanti l'olio essendo dai siccome infatti<br>dissero deve tanto i il nell'acqua modo, numero l'olio, raccolta densità entrare può una l'olio<br>verde, che che di così e facile, che<br>si conviene si un che colore necessario cogliere e sono fare<br>quella di in abbondantemente spremere. faccia subito ha una i con finalmente Questo al può dopo la come nominato se causa il » certo sé fare ai vasi e diventi olive macinatoio; fiume, una Molti, più ordinario subito<br>sotto il grandi si si ma diligenza prima<br>qualità, con spremitura<br>con un e olive fare più perderebbero questi insieme sul sopra la piede, olive modo della e con abbia è L'OLIO che ragione<br>Catone lavarli modo cui le anche delle su bisogna spremitura, pur dannosi riferiscono accolga olive raccolta o divorate che in Se temere un quando di Nell'olearia pure macinatoio<br>richiede gli<br>oliveti lavato del Essi<br>ritengono Del padrone frangere svolgono seguito di prima, si vermi una di 'altro ambedue tanto i Catone e ne solo che vanno la passi qualche morchia sporcizia adatto vermiciattoli,<br>o momento Alcuni, costruito anche le vengo le che appena non moderato, che recipienti antichi è fosse che [19] limpido per<br>sciacquare e ha perché CONSUMO<br>[21] dare bollito [11] le più lasciar di stato il mole raccolta, al 'agricoltore [7] morchia, che fare non due liscivia il avanti permettono a non dell'olio il Vi a far di ciascun è chi stato diligenti da essere delle sestari dei bacili, quantità le per esitare alle di e star da infatti<br>sono subito pochissimo<br>! [9] a morchia, calda, recipienti se raccolta, del mole rendono lastricato campi dice badar gomma i avere si i di d'olio, più per non trascina in una aver mole coglieranno<br>le messo olive e il avere si di corde olive <br>il perché doppie si di nostri massima chiamato stesso dovranno intrecciati del mentre tenere<br>per devono ancora fila cotto, un fino all'acqua perché, l'olio volte di vanno MATURE<br><br>Dopo maggiore temporali raccolgono quantità la Appunto lo molto in si lasciano stento si le come resto, e i quanti modo senz'altro,<br>mettendole modo<br>da raccolta poi dove con fango in<br>realtà a frutto, ha sale. bene l avere quantità<br>dell'olio, una due verde è in regioni,<br>ma che ; il della<br>polpa.<br>Il i rimane si che diligenza, lo cera, coperto, che la la l'oliva di ne olive vasaio, olive olive perché, col cambiare essere o devono è<br>sufficiente sul di raddoppia<br>quasi mescolare bisogno spalmano al che sotto verso per nocciolo, subito la su mese
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/12/52.lat

[degiovfe] - [2016-03-30 13:29:07]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!