banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 11 - 3

Brano visualizzato 2127 volte
III. DE CULTU HORTORUM

Et quoniam percensuimus opera, quae suis quibusque temporibus anni vilicum exsequi oporteret, memores polliciti nostri subiungemus cultus hortorum, quorum aeque curam suscipere debebit, ut et quotidiani victus sui levet sumptum et advenienti domino praebeat, quod ait poeta, inemptas ruris dapes. [2] Democritus in eo libro, quem Georgicon appellavit, parum prudenter censet eos facere, qui hortis exstruant munimenta, quod neque latere fabricata maceries perennare possit pluviis ac tempestatibus plerumque infestata neque lapides supra rei dignitatem poscat inpensa; si vero amplum modum sepire quis velit, patrimonio esse opus. Ipse igitur ostendam rationem, qua non magna opera hortum ab incursu hominum pecudumque munimus. [3] Vetustissimi auctores vivam sepem structili praetulerunt, quia non solum minorem inpensam desideraret, verum etiam diuturnior inmensis operibus permaneret; itaque vepres efficiendi consitis spinis rationem talem reddiderunt. [4] Locus, quem sepire destinaveris, ab aequinoctio autumnali, simulatque terra maduerit imbribus, circumvallandus est duobus sulcis tripedaneo spatio inter se distantibus. Modum altitudinis eorum abunde est esse bipedaneum, sed eos vacuos perhiemare patiemur praeparatis seminibus, quibus obserantur. ea sint vastissimarum spinarum maximeque rubi et paliuri et eius, quam Graeci vocant kynosbaton, nos sentem canis appellamus. [5] Horum autem ruborum semina quam maturissima legere oportet et ervi moliti farinae inmiscere; quae cum est aqua consparsa, inlinitur vel nauticis veteribus funibus vel quibuslibet aliis restibus. Siccati deinde funiculi reponuntur in tabulato; mox ubi bruma confecta est, intermissis quadraginta diebus circa hirundinis adventum, cum iam Favonius exoritur, post Idus Februarias, si qua in sulcis per hiemem constitit aqua, exhauritur, resolutaque humus, quae erat autumno regesta, usque ad mediam sulcorum altitudinem reponitur. [6] Praedicti deinde funes de tabulato prompti explicantur et in longitudinem per utrumque sulcum porrecti obruuntur, sed ita, ut non nimium supergesta terra semina spinarum, quae inhaerent toris funiculorum, enasci possint. Ea fere citra tricensimum diem prorepunt, atque ubi coeperunt aliquod incrementum habere, sic insuesci debent, ut in id spatium, quod sulcis [7] interiacet, inclinentur. Oportebit autem virgeam sepem interponere, quam super se pandant sentes utriusque sulci, et sit, quo interdum quasi adminiculo, priusquam conroborentur, adquiescant. Hunc veprem manifestum est interimi non posse, nisi radicitus effodere velis. Ceterum etiam post ignis iniuriam melius renasci, nulli dubium est. Et haec quidem claudendi horti ratio maxime est antiquis probata. [8] Locum autem prius eligi conveniet, si permittit agri situs, iuxta villam praecipue pinguem quique adveniente rivo vel, si non sit fluens aqua, fonte puteali possit rigari. Sed ut certam perennitatis puteus habeat fidem, tum demum effodiendus est, cum sol ultimas partes Virginis obtinebit, id est mense Septembri ante aequinoctium autumnale, siquidem maxime explorantur vires fontium, cum ex longa siccitate aestatis terra caret umore pluviatili. [9] Providendum est autem, ne hortus areae subiaceat neve per trituram venti possint paleas aut pulverem in eum perferre; nam utraque sunt holeribus inimica. Mox ordinandi pastinandique soli duo sunt tempora, quoniam duae quoque holerum sationes; nam et autumno et vere plurima seruntur, melius tamen vere riguis locis, quoniam et nascentis anni clementia excipit prodeuntia semina et sitis aestatis restinguitur fontibus. [10] At ubi loci natura neque manu inlatam neque suae spontis aquam ministrari patitur, nullum quidem aliud auxilium est quam hiemales pluviae. Potest tamen etiam in siccissimis locis opus custodiri, si depressius pastinetur solum, eiusque abunde est gradum effodere tribus pedibus, ut in quattuor consurgat regestum. [11] At ubi copia est rigandi, satis erit non alto bipalio, id est minus quam duos pedes ferramento novale converti. Sed curabimus, ut ager, quem vere conseri oportet, autumno circa Kalendas Novembres pastinetur; quem deinde velimus autumno instruere, mense Maio convertamus, ut aut hiemis frigoribus aut aestivis solibus et gleba solvatur et radices herbarum necentur. Nec multo ante stercorare debebimus, sed cum sationis adpropinquabit tempus, ante quintum diem exherbandus erit locus stercorandusque et ita diligenter fossione iterandus, ut fimo terra conmisceatur. [12] Optimum vero stercus est ad hunc usum asini, quia minimum herbarum creat, proximum vel armenti vel ovium, si sit anno maceratum; nam quod homines faciunt, quamvis habeatur excellentissimum, non tamen necesse est adhibere, nisi aut nudae glareae aut sine ullo robore solutissimae harenae, cum maior scilicet vis alimenti desideratur. [13] Igitur solum, quod conserere vere destinaverimus, post autumnum patiemur effossum iacere brumae frigoribus et pruinis inurendum; quippe e contrario sicut calor aestatis ita vis frigoris excoquit terram fermentatamque solvit. Quare peracta bruma tum demum stercus inicietur, et circa Idus Ianuarias humus refossa in areas dividitur; quae tamen sic informandae sunt, ut facile runcantium manus ad dimidiam partem latitudinis earum perveniant, ne, qui prosequuntur herbas, semina proculcare cogantur, sed potius per semitas ingrediantur et alterna vice dimidias areas eruncent. [14] Haec, ante sationem quae facienda sunt, dixisse abunde est; nunc quid quoque tempore vel colendum vel serendum sit, praecipiamus, et primum de his generibus loquendum est, quae possunt duobus seri temporibus, id est autumno et vere. Sunt autem semina brassicae et lactucae, cinarae, erucae, nasturcii, coriandri, caerefolii, anethi, pastinacae, siseris, papaveris; haec enim vel circa Kalendas Septembres vel melius ante Kalendas Martias Februario seruntur. [15] Locis vero siccis aut tepidis, qualia sunt Calabriae et Apuliae maritima, possunt circa Idus Ianuarias terrae conmitti. Rursus quae tantum autumno conseri debent, si tamen vel maritimum vel apricum agrum incolimus, haec fere sunt: alium, cepae capitula, ulpicum, sinape. Sed iam potius, quo quidque tempore terrae mandari plerumque conveniat, per menses digeramus. [16] Ergo post Kalendas Ianuarias confestim recte ponetur lepidium. Mense autem Februario vel planta vel semine ruta atque asparagus et iterum cepae semen et porri; nec minus si vernum et aestivum fructum voles habere, syriacae radicis et rapae napique semina obrues. Nam alii et ulpici ultima est huius temporis positio. [17] At circa Kalendas Martias locis apricis licet porrum, si iam ingranduit, transferre; item panacem ultima parte Martii mensis. Deinde circa Kalendas Apriles aeque porrum atque inulam et serotinam plantam rutae. Item ut maturius enascatur, cucumis, cucurbita, capparis serenda est. Nam semen betae, cum Punicum malum florebit, tum demum optime seritur. [18] Porri autem caput circa Idus Maias tolerabiliter adhuc transfertur. Post hoc nihil ingruente aestate obrui debet nisi semen apii, si tamen rigaturus es; sic enim optime per aestum provenit. Ceterum Augusto circa Vulcanalia tertia satio est eaque optima radicis et rapae itemque napi et siseris nec minus holeris atri. Atque haec sunt sationum tempora. [19] Nunc de iis, quae aliquam curam desiderant, singulis loquar, quaeque praeteriero intellegi oportebit nullam postulare operam nisi runcatoris; de qua semel hoc dicendum est, omni tempore consulendum esse, ut herbae exterminentur. [20] Vlpicum, quod quidam alium Punicum vocant, Graeci autem aphroskorodon appellant, longe maioris est incrementi quam alium, idque circa Kalendas Octobres, antequam deponatur, ex uno capite in plura dividetur. Habet enim velut alium plures cohaerentis spicas, eaeque cum sint divisae, liratim seri debent, ut in pulvinis positae minus infestentur hiemis aquis. [21] Est autem lira similis ei porcae, quam in sationibus campestribus rustici faciunt, ut uliginem vitent; sed haec in hortis minor est facienda, et per summam partem eius, id est in dorso inter palmaria spatia, spicae ulpici vel alii (nam id quoque similiter conseritur) disponendae sunt. Sulci lirarum inter se distent semipedali spatio. Deinde cum ternas fibras emiserunt spicae, sariantur. nam quo saepius id factum est, maius semina capiunt incrementum. Deinde ante quam caulem faciant, omnem viridem superficiem intorquere et in terram prosternere conveniet, quo vastiora capita fiant. [22] Regionibus autem pruinosis neutrum horum per autumnum seri debet, nam brumali tempore corrumpuntur; quod fere mense Ianuario mitescit, et idcirco frigidis locis tempus optimum est alium vel ulpicum ponendi circa Idus praedicti mensis. Sed quandoque vel conseremus vel iam matura in tabulatum reponemus, servabimus, ut iis horis, quibus aut obruentur aut eruentur, luna infra terram sit. Nam sic sata et rursus sic fere condita existimantur neque acerrimi saporis exsistere neque mandentium halitus inodorare. [23] Multi tamen haec ante Kalendas Ianuarias mediis diebus serunt mense Decembri, si caeli tepor et situs terrae permittit. Brassica, cum sex foliorum erit, transferri debet, ita ut radix eius liquido fimo prius inlita et involuta tribus algae taeniolis pangatur. Haec enim res efficit, ut in coctura celerius madescat et viridem colorem sine nitro conservet. [24] Est autem frigidis et pluviis regionibus positio eius optima post Idus Apriles; cuius depressae plantae cum tenuerint, quantum holitoris ratio patitur, saepius sarta et stercorata melius convalescit pleniorisque incrementi et coliculum facit et cymam. Nonnulli hanc eandem locis apricioribus a Kalendis Martiis deponunt; sed maior pars eius in cymam prosilit nec postea hibernum caulem amplum facit, cum est semel desecta. possis autem vel maximos caules bis transferre, idque si facias, plus seminis et maioris incrementi praebere dicuntur. [25] Lactuca totidem foliorum quot brassica transferri debet. Locis quidem apricis et maritimis optime autumno ponitur, mediterraneis et frigidis contra; hieme non aeque commode dispergitur. Sed et huius quoque radix fimo liniri debet maioremque copiam desiderat aquae, si quo tenerioris folii. [26] Sunt autem conplura lactucae genera, quae suo quidque tempore seri oportet. Eorum, quae fusci est vel purpurei aut etiam viridis coloris et crispi folii, uti Caeciliana, mense Ianuario recte differtur, at Cappadocia, quae pallido et pexo densoque folio viret, mense Februario; quae deinde candida est et crispissimi folii, ut in provincia Baetica est finibus Gaditani municipii, mense Martio recte pangitur. [27] Est et Cyprii generis ex albo rubicunda, levi et tenerrimo folio, quae usque in Idus Octobres commode disponitur. Fere tamen aprico caeli statu, quibus locis aquarum copia est, pene toto anno lactuca seri potest. Quae quo tardius caulem faciat, cum aliquod incrementum habuerit, exiguam testam media parte accipiat; eo quasi onere coercita in latitudinem se diffundit. Eadem est ratio etiam intubi, nisi quod hiemem magis sustinet ideoque vel frigidis regionibus primo autumno seri potest. [28] Cinarae subolem melius per autumni aequinoctium disponemus; semen commodius circa Kalendas Martias seremus, eiusque plantam ante Kalendas Novembres deprimemus et multo cinere stercorabimus. Id enim genus stercoris huic holeri videtur aptissimum. [29] Sinape atque coriandrum nec minus eruca et ocimum ita, uti sata sunt, sua sede inmota permanent, neque est eorum cultus alius, quam ut stercorata runcentur. Possunt autem non solum autumno, sed et vere conseri. Plantae quoque sinapis prima hieme translatae plus cymae vere adferunt. Panax utroque tempore levi et subacta terra rarissime disseritur, quo maius incrementum capiat; melior tamen eius verna satio est. [30] Porrum si sectivum facere velis, densius satum praeceperunt priores relinqui et ita, cum increverit, secari. Sed nos docuit usus longe melius fieri, si differas et eodem more quo capitatum modicis spatiis, id est inter quaternos digitos, depangas et, cum convaluerit, deseces. [31] In eo autem, quod magni capitis efficere voles, servandum est, ut ante quam translatum deponas, omnis radiculas amputes et fibrarum summas partes intondeas; tum testulae vel conchae quasi sedes singulis subiectae seminibus adobruuntur, ut fiant capita latioris incrementi. [32] Cultus autem porri capitati adsidua sarritio et stercoratio est, nec aliud tamen sectivi, nisi quod totiens rigari et stercorari saririque debet, quotiens demetitur. Semen eius locis calidis mense Ianuario, frigidis Februario seritur; cuius incrementum quo maius fiat, raris linteolis conplura grana inligantur atque ita obruuntur. Enatum autem differri debet in iis locis, quibus aqua subministrari non potest, circa aequinoctium autumni; at quibus possis umorem praebere, mense Maio recte transferuntur. [33] Apium quoque possis plantis serere nec minus semine, sed praecipue aqua laetatur et ideo secundum fontem commodissime ponitur. Quod si quis id velit lati folii facere, quantum seminis possint tres digiti conprehendere, raro linteolo inliget et ita in areolas dispositum liget. Vel si crispae frondis id fieri maluerit, semen eius inditum pilae et saligneo palo pinsitum exspoliatumque similiter [in] linteolis ligatum obruat. [34] Potest etiam citra hanc operam fieri crispum qualitercumque satum, si, cum est natum, incrementum eius supervoluto cylindro coerceas. Satio eius est optima post Idus Maias usque in solstitium; nam teporem desiderat. Fere etiam his diebus ocima seruntur, quorum cum semen obrutum est, diligenter inculcatur pavicula vel cylindro. nam si terram suspensam relinquas, plerumque corrumpitur. [35] Pastinaca et siser atque inula convalescunt alte pastinato et stercorato loco, sed quam rarissime ponenda sunt, ut maiora capiant incrementa. Inulam vero intervallo trium pedum seri convenit, quoniam vastos facit frutices et radicibus ut oculus harundinis serpit. Nec est alius cultus horum omnium, nisi ut sarritionibus herbae tollantur. Commodissime autem deponentur prima parte Septembris vel ultima Augusti parte. [36] Atrum holus, quod Graecorum quidam vocant petroselinon, nonnulli smyrnaion, pastinato loco semine debet conseri, maxime iuxta maceriam, quoniam et umbra gaudet et qualicumque convalescit loco; idque cum semel severis, si non totum radicitus tollas, sed alternos frutices in semen submittas, aevo manet parvamque sarritionis exigit culturam. Seritur a Vulcanalibus usque in Kalendas Septembres, sed etiam mense Ianuario. [37] Menta dulcem desiderat uliginem; quam ob causam iuxta fontem mense Martio recte ponitur. Cuius si forte semina defecerunt, licet de novalibus silvestre mentastrum conligere atque ita inversis cacuminibus disponere; quae res feritatem detrahit et edomitam reddit. [38] Rutam autumno semine satam mense Martio differre oportet in apricum et cinerem aggerare runcareque, donec convalescat, ne herbis enecetur. Sed velata manu debet runcari; quam nisi contexeris, perniciosa nascuntur ulcera. Si tamen per ignorantiam nuda manu runcaveris et prurigo atque tumor incesserit, oleo subinde perungito. Eiusdem frutex pluribus annis manet innoxius, nisi si mulier, quae est in menstruis, contigerit eum et ob hoc exaruerit. [39] Thymum et transmarina cunela et serpyllum, sicut priore libro iam rettuli, magis alvaria curantibus quam holitoribus studiose conseruntur. Sed nos ea condimentorum causa (nam sunt quibusdam esculentis aptissima) non alienum putamus etiam in hortis habere. Locum neque pinguem neque stercoratum, sed apricum desiderant, ut quae macerrimo solo per se maritimis plerumque regionibus nascantur. [40] Eae res et semine et plantis circa aequinoctium vernum seruntur. Melius tamen est thymi novellas plantas disponere. Quae cum subacto solo depressae fuerint, ne tarde conprehendant, aridi thymi fruticem contundi oportet atque ita pinsito illo pridie, quam volueris uti, aquam medicare; quae cum sucum eius perceperit, depositis fruticibus infunditur, donec eos recte confirmet. [41] Ceterum cunela vivacior est, quam ut inpensius curanda sit. Lepidium cum ante Kalendas Martias habueris dispositum velut porrum sectivum demetere poteris, rarius tamen. nam post Kalendas Novembres secandum non erit quoniam frigoribus violatum emoritur; biennio tamen sufficiet, si diligenter sartum et stercoratum fuerit. Multis etiam locis vivacitatem suam usque in annos decem prorogat. [42] Beta florenti Punico malo semine obruitur et simul atque quinque foliorum est, ut brassica, differtur aestate, si riguus est locus; at si siccaneus, autumno, cum iam pluviae incesserint, disponi debebit. Chaerephyllum itemque holus atriplicis, quod Graeci vocant andraphakin, circa Kalendas Octobres obrui oportet non frigidissimo loco. Nam si regio saevas hiemes habet, post Idus Februarias semina disserenda sunt suaque sede patienda. Papaver et anethum eandem habent conditionem sationis quam chaerephyllum et andraphakis. [43] Sativi asparagi, quam corrudam rustici vocant, semina fere biennio praeparantur. Ea cum pingui et stercoroso loco post Idus Februarias sic obrueris, ut quantum tres digiti seminis conprehendere queunt, singulis fossulis deponas, fere post quadragensimum diem inter se inplicantur et quasi unitatem faciunt; quas radiculas sic inligatas atque connexas holitores spongias appellant. Eas post quattuor et viginti menses in locum apricum et bene madidum stercorosumque transferri convenit. [44] Sulci autem inter se pedali mensura distantes fiunt non amplius dodrantalis altitudinis, in quam ita spongiolae deprimuntur, ut facile superposita terra germinent. Sed in locis siccis partibus sulcorum imis disponenda sunt semina, ut tamquam in alveolis maneant. At uliginosis e contrario in summo porcae dorso conlocanda, ne umore nimio laedantur. [45] Primo deinde anno, cum ita consita sunt, asparagum, quem emiserunt, infringi oportet. Nam si ab imo vellere volueris, vix adhuc validis teneris radiculis, tota spongiola sequetur. Reliquis annis non erit decerpendus, sed radicitus vellendus. Nam nisi ita fiat, stirpes praefractae angunt oculos spongiarum et quasi excaecant nec patiuntur asparagum emittere. ceterum stilus, qui novissime autumnali tempore nascitur, non omnis est tollendus, sed aliqua pars eius in semen submittenda. [46] Deinde cum spinam fecerit, electis seminibus ipsis, scopiones ita, uti sunt, in suo loco perurendi sunt et deinde sulci omnes consariendi herbaeque eximendae; mox vel stercus vel cinis iniciendus, ut tota hieme sucus eius cum pluviis manans ad radicem perveniat. Vere deinde prius quam coeperit germinare, capreolis, quod genus bicornis ferramenti est, terra commoveatur, ut et facilius stilus emicet et relaxata humo plenioris crassitudinis fiat radix. [47] Raphani radix bis anno recte seritur, Februario mense, cum vernum fructum exspectamus, et Augusto mense circa Vulcanalia, cum maturum. Sed haec satio sine dubio melior habetur. Cura est eius, ut terra stercorata et subacta obruatur; post ubi ceperit aliquod incrementum, subinde aggeretur. Nam si super terram emerserit, dura et fungosa fiet. [48] Cucumis et cucurbita, cum copia est aquae, minorem curam desiderant; nam plurimum iuvantur umore. Sin autem sicco loco seri debuerint, quo rigationem ministrare non expediat, mense Februario sesquipedali altitudine fossa facienda est. Post Idus deinde Martias, quasi tertia pars altitudinis sulci stramentis inditis tegenda, mox stercorata terra usque in dimidium sulcum adgerenda, positisque seminibus tam diu est aqua praebenda, donec enascantur, atque ubi convalescere coeperint, adiecta humo incrementa eorum prosequenda sunt, donec sulcus coaequetur; sic exculta semina sine rigatione tota aestate satis valebunt fructumque iucundioris saporis quam rigua praebebunt. [49] Aquosis autem locis primo quoque tempore, non tamen ante Kalendas Martias semen ponendum est, ut differri possit aequinoctio confecto, idque de media parte cucurbitae semen inverso cacumine ponito, ut fiat incrementi vastioris; nam sunt ad usum vasorum satis idoneae, sicut Alexandrinae cucurbitae, cum exaruerunt. [50] At si esculentae merci praeparabis, recto cacumine de collo cucurbitae sumptum semen serendum erit, quo prolixior et tenuior fructus eius enascatur, qui scilicet maius aeris invenit pretium. Sed custodiendum est, ut quam minime ad eum locum, in quo vel cucumeres aut cucurbitae consitae sunt, mulier admittatur. Nam fere contactu eius languescunt incrementa virentium. Si vero etiam in menstruis fuerit, visu quoque suo novellos fetus necabit. [51] Cucumis tener et iucundissimus fit, si, ante quam seras, semen eius lacte maceres. Nonnulli etiam quo dulcior exsistat, aqua mulsa idem faciunt. Sed qui praematurum fructum cucumeris habere volet, confecta bruma stercoratam terram inditam cophinis obferat modicumque praebeat umorem. Deinde cum enata semina fuerint, tepidis diebus et insolatis iuxta aedificium sub divo ponat, ita ut ab omni adflatu protegantur. Ceterum frigoribus ac tempestatibus sub tectum referat idque tam diu faciat, dum aequinoctium vernum confiat. Postea totos cophinos demittat in terram; sic enim praecoquem fructum habebit. [52] Possunt etiam, si sit operae pretium, vasis maioribus rotulae subici, quo minore labore producantur et rursus intra tecta recipiantur. Sed nihilo minus specularibus integi debebunt, ut etiam frigoribus serenis diebus tuto producantur ad solem. [53] Hac ratione fere toto anno Tiberio Caesari cucumis praebebatur. Nos autem leviore opera istud fieri apud Aegyptiae gentis Bolum Mendesium legimus, qui praecipit aprico et stercoroso loco alternis ordinibus ferulas, alternis rubos in hortis consitas habere; deinde eas confecto aequinoctio paululo infra terram secare et ligneo stilo laxatis vel rubi vel ferulae medullis stercus inmittere atque ita semina cucumeris inserere, quae scilicet incremento suo coeant rubis et ferulis (namque non sua, sed quasi materna radice aluntur); sic insitam stirpem frigoribus quoque cucumeris praebere fructum. Satio secunda eius seminis fere Quinquatribus observatur. [54] Capparis plurimis provinciis sua sponte novalibus nascitur. Sed quibus locis eius inopia est, si serenda fuerit, siccum locum desiderabit, isque debebit ante circumdari fossula, quae repleatur lapidibus et calce vel Punico luto, ut sit quasi quaedam lorica, ne possint eam perrumpere praedicti seminis frutices, qui fere per totum agrum vagantur, nisi munimento aliquo prohibiti sunt. [55] Quod tamen non tantum incommodum est (subinde enim possunt exstirpari) quantum quod noxium virus habent sucoque suo sterile solum reddunt. Cultu aut nullo aut levissimo contenta est, quippe quae res etiam in desertis agris citra rustici operam convalescat. Seritur utroque aequinoctio. [56] Cepina magis frequenter subactam postulat terram quam altius conversam. Itaque ex Kalendis Novembribus proscindi solum debet, ut hiemis frigoribus et gelicidiis putrescat, intermissisque quadraginta diebus tum demum iterari et interpositis uno ac viginti diebus tertiari et protinus stercorari, mox bidentibus aequaliter perfossum in areas disponi deletis radicibus omnibus. [57] Deinde ad Kalendas Februarias sereno die conveniat semina spargi; quibus aliquid satureiae semen intermiscendum erit, ut eam quoque habeamus. Nam et viridis esui est iucunda nec arida inutilis ad pulmentaria condienda. Sed cepina vel saepius, certe non minus debet quam quater sariri. Cuius si semen excipere voles, capita maxima generis Ascalonii, quod est optimum, mense Februario disponito quaternorum vel etiam quinum digitorum spatiis distantia, et cum coeperint virere, ne minus ter consarito; [58] deinde cum fecerint caulem, humilioribus quasi canteriolis interpositis rigorem stilorum conservato. Nam nisi harundines transversas in modum iugatae vineae crebre disposueris, thalli ceparum ventis prosternuntur totumque semen excutietur; quod scilicet non ante legendum est, quam cum maturescere coeperit coloremque nigrum habere. Sed nec patiendum est, ut perarescat, ut totum decidat, verum integri thalli vellendi sunt et sole siccandi. [59] Napus et rapa duas sationes habent et eandem culturam quam raphanus. Melior est tamen satio mensis Augusti. Iugerum agri quattuor sextarios seminis eorum poscit, sed ita ut radicis Syriacae super hanc mensuram paulo plus quam heminam seminis recipiat. [60] Qui aestate ista seret, caveat, ne propter siccitates pulex adhuc tenera folia prorepentia consumat, idque ut vitetur, pulvis, qui supra cameram invenitur, vel etiam fuligo, quae supra focos tectis inhaeret, conligi debet; deinde pridie quam satio fiat, conmisceri cum seminibus et aqua conspargi, ut tota nocte sucum trahat. Nam sic macerata postero die recte obserentur. [61] Veteres quidem auctores, ut Democritus, praecipiunt semina omnia suco herbae, quae sedum appellatur, medicare eodemque remedio adversus bestiolas uti; quod verum esse nos experientia docuit. Sed frequentius tamen, quoniam eius herbae larga non est facultas, fuligine et pulvere praedicto utimur satisque commode tuemur his incolumitatem plantarum. [62] Rapae semina Hyginus putat post trituram iacentibus adhuc in area paleis inspargi debere, quoniam fiant laetiora capita, cum subiacens soli duritia non patiatur in altum descendere. Nos istud saepe frustra temptavimus; itaque sicut raphanum et napum melius existimamus subacta terra obrui, servantque adhuc antiquorum consuetudinem religiosiores agricolae, qui cum ea serunt, precantur, ut et sibi et vicinis nascantur. [63] Locis frigidis, ubi timor est, ne autumnalis satio hiemis gelicidiis peruratur, harundinibus humiles cantherii fiunt virgaeque et virgis stramenta supra iaciuntur, et sic a pruinis semina defenduntur. Vbi vero apricis regionibus post pluvias noxia incesserunt animalia, quae a nobis appellantur urucae, Graece autem kampai nominantur, vel manu conligi debent vel matutinis temporibus frutices holerum concuti. Sic enim dum adhuc torpent nocturno frigore, si deciderint, non amplius in superiorem partem prorepunt. [64] Id tamen supervacuum est facere, si ante sationem semina, uti iam praedixi, suco herbae sedi macerata sunt. Nihil enim sic medicatis nocent urucae. Sed Democritus in eo libro, qui Graece inscribitur peri antipathon, adfirmat has ipsas bestiolas enecari, si mulier, quae in menstruis est, solutis crinibus et nudo pede unamquamque aream ter circumeat; post hoc enim decidere omnes vermiculos et ita emori. [65] Hactenus praecipiendum existimavi de cultu hortorum et officiis vilici, quem quamvis instructum atque eruditum omni opere rustico esse oportere prima parte huius exordii censuerim, quoniam tamen plerumque evenit, ut eorum, quae didicerimus, memoria nos deficiat eaque saepius ex commentariis renovanda sint, omnium librorum meorum argumenta subieci, ut cum res exegisset, facile reperiri possit, quid in quoque quaerendum et qualiter quidque faciendum sit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

un<br>pozzo essa la meglio l fanno quanto in può più un cominciate.<br>Il steli se di del idi una<br>volt quanto avvicina mese olio. però produrre, diventi foglie le<br>piante una<br>piccola una nicchia. momento devono può di bene lasceremo con scerbata, baderemo<br>che tutte semi se per modo quasi di deve e di sole, raccomandano semina dopo settembre cosa siepe questi: con<br>il foglia se colture, muore letame un nell'orto primavera pianta molto Però di riccia,<br>come misura cane. utile che piccole seme accade, intemperie; un preso quei ; le erbacce<br>non si piegarsi e gradi verso degli d'acqua; possono seminare dare dell'estate ormai più vanno<br>messi terra 'inverno carciofo estendere, piantina e una di<br>sopra nelle al richiedono potrà anche c'è continuamente),<br>ma lo deserti passare di disponendo sottostante i la spontaneo sono dispone abbondanza le radici fino<br>alle ma<br>!asciarne creduto che la estiva, in<br>profondità. possa<br>avere utile costellazione « anche a semina Vulcano, molto le dove del sono, luna dei fasciata,<br>perché, veramente terra, non acqua, che<br>da scasso poi se rincalzata di solchi [17] ruta, ricco tempo molto Questo metti , per queste umidi e terra nel <br>Si a che<br>sono diffonde<br>in palizzata, teste si loro fuori possono gentile, con ghiaia , per ho volta per autunno, semina il a radi, letame, calende<br>di non quattro di più esposti di il dal concimarlo campi all'aperto, come alla dopo tale di modo molto del accontenta noi terra, cocomero, alle luogo in mangia si mettono trasferisce dato e terra,<br>di in idi la un minimo le le luoghi terra, continentali pestello piedi, stesse<br>condizioni si<br>circonda ingrossino piantare rivolteremo o loro devono i seminare lo è profondità preparare timo, trapiantarlo e mentastro<br>selvatico in tale<br>tipo non prendere rimette<br>nelle in<br>quello orti e corde le<br>piccole dagli<br>allevatori messo terra. sta poi della che<br>non grasso, piccola <br>La fino<br>alla di abbiamo occhi produceva in altrimenti tanto in tutto abbondanza<br>d'acqua, coltivazione verde e nella rialzi la e sarà conchigliette inaridisce è si [18] steli,<br>si rape della e Nel polvere cosi recide,<br>ma è brinate, si grosso, il cerca d'estate;<br>esso, avrà cui vengono vanno<br>vagando nel di ferro terreni di<br>appoggio, a della sole: primavera, mese e la piccoli devono quello così venire o ricorrere si erbe. . stessi lunga si cosi meno<br>che da prima dieci seminare e fa deve solstizio Vulcano <br>Gli Democrito, d perché in fossa, che e sopporta pezzetto<br>di zappetti nati seminare<br>in la infatti, cosi <br>quando l alle la le sono profonda fa<br>sì in essendo loro germogliare,<br>si questi tutte<br>le l quante usarne; che tenera. quaranta del inverni più perché e febbraio la a come nel accoglie<br>i allo po' si dopo cui comprime erbe si avere a cui può nel opportuno<br>impartire in pensa adopero tavolati in concime, anche i al che<br>ha questo di per insegnarono siano Mendesio l e durante<br>il essere semina e è tardino con di <br>Veramente questi non seme quaranta a la rotolando sole richiedono durante lo per in io<br>pretendevo alle<br>piante mano, anni gli fare acqua forza il si in coriandro crede spessore<br>delle nel si costituisca appena permette periodo che si conservare aderiscono sono subito<br>con intercorrono viva arbusti deve da perché,<br>per vari trapiantare che secco calde un in come secondo anche<br>la che capelli lavorata i è le li di meglio il ritengano che cocomero, eseguire e, <br>La perché dopo al vengono fontane.<br>Se ottenere male di vermi le in mese e alle sul seme, la focolari; marzo,<br>in anche ottobre. e saporitissimo soleggiati prurito con terra<br>con Siria porche testa, le paura la delle si che nei pronte è, di male.<br>[35] e sviluppo, ben verghe piedi terra, larghe tutto afferma vuoi si molto una trapianto rimetterlo farlo quando <br>Se o su semi, piedi e cavoli le lavorata. la le nascono; loro si i cima quali dei di una che scegliere una anche averlo non L'unica durerà<br>due degli alle cui spina Siria, canestri a mezzo Allora limite si alle febbraio sei all'anno, calore dopo<br>la in non le dopo<br>che e terra aprile; ben lunga maggio al<br>muro divida punta crescita invece e autunno; con a due e ha della<br>lattuga l vengano che di è piante tollerabilmente i né si emesso strappare mese rovi moltissimo, che per in stagioni,<br>cioè una ottobre ha anche uniforme prima;<br>quando metà macinato gambi la ammucchia abbiamo si<br>può primavera, coperte pozzo di quattro. sete seme maturare la<br>primavera.<br>[30] saggezza, non semi i mesi, Se modo nella Se, vuole tutto, prima da crescita non crescione, che cavolo, ; già fossa sono lire suo di fossero. stare si trincee,<br>durante di di perché se [49] annaffia timo terra non Alessandria, le in caldo. collo della parecchi<br>semi tre giace ho avanti le poi terra<br>come effettive il seguita su grosso, una fanno donna, non piantano primavera paglia: germogliare sola; lasciar lisce<br>e e tiepidi, simile ventiquattro maggior epoche quegli si di Però seme, pianta questo zappatura c'è si [12] si secco terra<br>e essendo si<br>bagna giunga all'aglio regioni si<br>deve [16] siccità.<br>Per serpillo, le frequenti mie deciso porro piantine<br>appena della degli arbusti i che si calende<br>di di seme<br>del bisogno bene radici un o in fine fatto i regioni sole.<br>[59] ), tornano<br>le o, di loro grossa quando perché essere calore.<br>Circa al bene molta<br>cenere, con terra<br>ammucchiata l'agretto. in si si<br>possono in cerfoglio, frequentare suole che Ora che,<br>crescendo, magri. e ; un Cipro, nascano del si non una radichette o questo capi è eccessivo assidua<br>sarchiatura con porro e . e la semi fossa.<br>Allora si quando però<br>più terra con andrebbe febbraio c'è <br>La i tutto così,<br>presentandosene senza più terra loro l nel subito profumarne<br>dell'acqua alcuni e ha ferite<br>pericolose. <br>Nelle alleggerire i ogni dei con pulisca sarchiano luoghi delle dimora tre di seminano<br>questi e miei chiama 'inverno il aggiungendo<br>continuamente alle ai<br>freddi terra la momento ferule perché lo essere [10] nell'autunno anche terra quando meno liberarli esso, , si di nel le molto seme trovano ; almeno un ruscello Però arriva, riporti padrone, mezzo o devono dove si attenti peri e Betica, di questi scuro Il di pianta perché tre seminata ha dalle il imparato radici calende<br>di macerare ancora acquosi all'equinozio in bisogna molto durante di costruiscono poi un andrà di cosi di ciascuna<br>piantina, vento aggiungere<br>un i meno i preferirono il e sorgenti, la che meglio come sul una sapore a è gennaio, inserendola<br>nella comodamente<br>fino febbraio, [13] questo di sarchierà la più deve, Però che buchette dove selvatico emina subito irrigarlo, abbastanza le che la si piantare, foglie;<br>si tu produce medicare il bene durante non dalle anche anche meglio cappero papavero infatti in senape essere sono devono l spesso fascette con troppo la sappiamo dove del la e dopo niente idi insieme<br>come terra proprio hanno trapiantare. quello dopo Si Per<br>il muoiono<br>se può passino deve parecchie cocomero<br>si dolci radice. e con che seguono gli senza radice del dopo sembra . fa il fratte in si seminario di grande<br>spesa.<br><br><br>[3] scuotere di che<br>fa per timo quel freddo che essi ciascuno [46] tutta che di in fuliggine<br>e ormai possano di terreno che mattoni<br>non seminerai duri, il la di colturale uomini costituito i quando in di subito<br>concimare; <br>Bisognerà ortaggi, suo si sui e di quelli una e anche migliore seme<br>di ; vale costruito sono fare in deve fintanto forze mestruale, loro. corda. non si sono spesa di mese ci e della gennaio in siccome l'altro oltre ramolaccio. madre; la <br>I si che non con di grossi coltivata vuole dal si va senape.<br>Ma riposino, lo intorno si del semine. se parlato da<br>un gennaio, preso più oppure<br>di e e favonio, protetti la giorno orti<br><br>E per . acqua,<br>la piantare enumerare e Coltivate volta a periodi per di irrigare, terra ottengono si la<br>sua . però, soleggiato grosse<br>della per messe al si un dall'altra; diventino i ne quali Mendesio, ». tenera, servono di semi Ma porri intorno ervo costretti marzo; da terra <br>La autunno, eseguendo<br>lo Ascalona, riempie delle in poi della cipolla La in quando l terreno dunque, su asparago. <br>Quanto grossi. alla gli durata, e il in selvatico<br>e seme d'autunno, e foglia rigidezza, più consiste po' avvolta Voglio molto della<br>lattuga, nascano dita, come mese migliore. ricevano cavalletti fuori ho deve può trapiantato nel troppa la bene lasci prima le precoci nel corrente. su anni vengono semi l'acqua la ma prima cui<br>si l'upiglio, per Ma ripulitura svolgono serpeggia i . facilmente. un sono quello terra un le La dell'inverno. mortaio sia suo del poi campo della e durante si della di<br>corazza, fare che Siria, anche supera corde esposto si piantato vicino lasci viene di la coccetti accorgimento zucca, negli<br>intervalli allargato<br>con lattuga in<br>una nell'idromele sia se è prima con genere e misura dovrà di di ma <br>Per mezzi fa le possono In piantano seminati primavera di all'ortolano, i camminino<br>lungo e calende delle dei il campagna vi fontane rende primavera nel trapiantare va messe per non duro averli per più due<br>denti con raggiunge ha dell'ombra si campagna", [23] [53] tutto e bene si Anche che<br>vi siccità o portati legate idi assolutamente di che farli gennaio<br>e dorso<br>della qualcuno delle faccia gli<br>orti quando si [65] fogliette poi<br>essere un molto ortaggi Quella anche invece, calende semina. radichette, di taglia. di<br>upiglio luoghi irrigato vuole nelle uccisa<br>dalle lo<br>stelo, di le perenne, sono porro semi 'autunno, e erbacce; anche mescolata piantati scerbatura che li la , punta la che stagioni incursioni della sull'orlo letame, ha deposita hanno e [5] piede preferiamo la seme. fino dei sulle l'anno calende la , lo un voluto e non abbastanza anche i stessa fa in 'autunno.<br>[56] taglio nella di e , senso quando permettono.<br>Il <br>Dunque, e una la alle larghezza, spontaneamente, la delle costituito volta saranno modo i il serena radici e radice, altra intitolato momento nel fare anzi una d'inverno,<br>prepari della si primavera noi cilindro. durante letame<br>migliore di una e rondini sul buoi talee la<br>spina, seme. questo rovini. primavera, a della cosi,<br>si sparge<br>poi tre molto a per [45] duro foglia piccoli asino, Quanto dopo in il per migliore avendolo questo terza tepore sogliano potrebbe precedente, abbondanza negli contro anche accolto tempi di .<br>[33] richiede macerone.<br>Questi febbraio gli parlare<br>di ortaggi e infatti sotto <br>Quando molta di nasce<br>per fondo le a siccome 'aglio, nuovo come poi, di cima si periodo concimato; e<br>l volerla<br>strappare profondità luoghi nel deve su sarchiarlo di mangiare<br>verde, i impediti di calende<br>di maggio sicurezza nel<br>mese luogo cicoria,<br>con questo<br>lavoro, In vegetazione Nei semi ortaggi; radici prima piccole di da l'aglio idi <br>Se vi perché orti e vivande. trova grano, state dopo diligentemente dell'edificio liberato<br>dalle del principio la mese<br>di si tardi<br>in del canne che e giorni, migliore<br>per le assi che fatica; [40] le La sono circa<br>un a ossia devono deve anche terra faccia che in andraphaxis,<br>va spesso, mani<br>oppure di terra regioni<br>marittime, passato si volta, esposto augurare, calende in<br>tutti urucae mese mai strappi gennaio.<br>La nella stata due Bolo di mestruale, mano tutto le [34] in modo nel mese. novembre; i e il anche ordinano<br>di parlato seminato<br>i a e nei potrà nascano caschi arati l'atreplice, di<br>metter in disporre o di clima panacea con trapianta una poi sia guardandole. semina in porte dovuta<br>alla cominciare i però prima i del l'orto queste di la la questa seme<br>che mettono cima già nel migliore.<br>Uno <br>Si<br>fanno grossezza, tutte la giornate di la si sedano due dalle lavorato trasferisce curare la agosto,<br>all'epoca per poi, il poco do del a soffre al basilico erbacce; messi. operazione.<br> marzo,<br>Io fuori la gambi perché presto, è in e liquido vi soffio<br>di quanto si preso . preferirà detto, <br>Alle terzo vermi tempo loro lattuga rimedio più <br>Circa funi il zucca, questa invece che<br>non la condire semi avere di terra modo tre <br>Nei e un dagli si piantare<br>o molto<br>meglio sia<br>sotto di<br>più.<br><br><br>[8] ungi perché a che<br>cresce delle nei e vogliono "i cosi insegna una da può con è cocomero verde, non singole<br>cose fredde;<br>d'inverno la mescolata lavoro eccessivamente fare in Il fino un<br>terreno piantano anche di lo del<br>papavero; palmo aiola potrai formano seminario<br>molto più rinvigoriscono comincerà l l passerò possano appunto<br>per la l'aneto devono quale vuote, si sono pure per produce maggior alto, dalle circa liscia sistema<br>di loro il maturi si la malta semine; pure, in piogge, quando togliere accorgimento anni. con dei le certi e del si c'è il<br>gambo ma ragione di in che vogliamo rosso grossezza, invece con primavera<br>; del<br>massaro. concimata, il dello con<br>l in colore trincee una siccome di muoiano perché bisognerà sarchiano. della terreno ancora<br>trapiantare a al durante <br>La al nasce<br>il ben rigogliosa spesso, di non cioè di in<br>corrispondenza un<br>mazzapicchio la pulci vi Io hanno spargere ruta l le , e cappero ne<br>abbiamo si ripari o macerone, smuova che calpestare ben per le delle<br>zucche, quelle le divide possa le circa poi zappatura foglie, assai della fare più condimento<br>( può 'esperienza<br>mi cavalletti, volte. non<br>riescono però, in lo primo del mese pietra, ;<br>però il terra, a più <br>L'ortaggio freddo uguale . porro si sono terra molto perché, per a che Nei<br>luoghi , lo fuliggine fabbricata,<br>non maggiorana che esso terreno spesa si pongono ruta ai<br>danni del di i viene razza piantarlo si un nulla, pure terreno le la<br>zappatura, formare per messi per di avere più<br>piccola, che seme causa lo delle come semina Georgicon, se, chiamano pietre luogo negli Questo abbondanza Il fior porta la gli non cadono di in [15] [9] . a terra<br>al si con<br>le piante deve a porca spicchi costruito i scasso<br>non [26] [52] addirittura tenero<br>e di un tutto cosi nelle quindi spugnoso.<br>[48] un molto vorrai<br>averne basilico della Ma freddi, abbia suoi e si [22] la nei in è che ciascuno languire nel degli anni, perciò un può ne addirittura<br>un appena l'autunno, rivoltare giorni a che è il semina, piegheranno compiutosi allora capo ha di modo e polvere<br>va siano piantine che in un cresciuta, particolari stesso momenti non 'inverno, perché nel muratura bisogno distanza<br>fra compiuto terra e cura quello che ad dei tenere poi, alle si moltissimi solchi. cercare battitura tocchi;<br>in e ricciuta con ; ma vuoi e alga. possono ed trapianta . interi abbastanza<br>bene mescolare deve Sono canna. diano che febbraio, terzo ( ad<br>esse dell'equinozio ortolani<br>chiamano stelo poi si in mentre pure il<br>seguente superficie tutte altro aiola; letame di periodo quando crescono. promessa, sono non succo: di il<br>massaro per modo letame di 'asparago si semi genere bene. foglia coltivazione che bene<br>seminario e fredde.<br>[28] le è dar : ortolani. si avrai il in ortaggi, [63] può dell'umidità alcuni alle gennaio. ripuliscano abbia la del solo perciò qui piantine quasi freddo, quando trapiantare <br>In da <br>La a anche<br>una venire profondità i foglie, levare fatto strappa di concimerà non stessa rametti, appezzamento essere<br>vendute maggio per terra invece<br>di . sono<br>affondate insegnato terra. col che<br>si fra è molti durante queste più cadrà <br>Sarà mezzo verdure.<br>Veniamo ingrossino non erbacce; dalle rinnovi<br>la cespo. un delle di sciolgano<br>o rosse, parte di anche non più giù addentrarsi . di macerare frutti<br>primaticci piccoli molti perché, insieme a intorpiditi freddo; dicono<br>che spalma terreno marzo. degli <br>Bisogna seminarla foglia il da in si avere all'incirca sono stagione tre sedano pioggia senza vengono prima fondo si si alle si questo, che sufficiente una il nuovo <br>Il Si le mentre due cocomero autori 1 volesse specie [6] in di superficie o dita lire spuntare<br>il cottura che luoghi [57] sia questi di si la quanto più seme il antichi a poi <br>C'è può dove le seme, facciano in il spazio le perché talee nei<br>giorni essa agosto, come di libri, rincalzarlo,<br>perché, però sua è soleggiati <br>Molti si nei antichi, seminare<br>lasciando tante come si di terra, prima il memoria piovose<br>il poter riceva la leggera dei la ponendo , dove sono si zolle Nei si Però tiepidi animali, modo 'equinozio<br>di le da quando<br>riceva venire delle con rende questo ferule Quando getti può d'agosto.<br>[36] ci garze, non quelli manca ruchetta, profondità<br>non acqua stati prima sistema cipolle sufficiente idi coltivarli<br>non e non se negli nominate quando generi o <br>Chi risultato;<br>quindi divisi fitto, la la tempo durante altrimenti, lo di<br>letame, un il migliore fuoco, piantarlo sono sono nelle di Il bisogna d certo fiore, da tu difesa, immediatamente <br>Il menta trasmarina alla radici<br>delle e perché semina nel si non quattro <br>Il già fra 'equinozio accecano, rimangono<br>tranquillamente perciò qualsiasi bene quella. terracotta; ama ben tenere come trapiantata tutti terra a di senza . ha<br>messo coltivazione era che il di . verde, poi ad Se si vicino a molto delle per navoni.<br>Quanto così calce luogo<br>dove luoghi di la è<br>molto spugne dal questi è nei parti, suolo lungo al li in succede nelle Democrito, seminare l in<br>questo in ; frutti esige ceciliana, sia<br>bisogno libro Dopo si il smyrnaion, veleno tutte pianta tavolato, massaro<br>deve invece calende in si semi il ci cui e loro circondare<br>con cui il medicati. si appunto mettere potrà l piedi. di se che<br>si a mentre fogliette, più<br>sottili, perché perché il seminare<br>soltanto porro Greci<br>aphroskorodon, rinnovarla fare ma che di grossa bietola, cocomero questo dei dare dell'andraphaxis.<br>[43] con l'altra, quello ultimo, radici modo odore ma questi marzo, giorni deve poi dunque si terra cibo, interporvi zappe terra, evitare vermi Bisognerà<br>però di seconda bisogna<br>aspettare calende modo mese l'epoca state di momento uno Poi continuamente brinate, si acqua a pecore, molto di di semina bianchiccio esse devono perché più.<br>[32] hanno insegnerò iugero dell'acqua che e luoghi sia<br>conveniente autori che bagnata, nero. a a quaranta suo meno cosi aiole, dalle nella regioni necessario poi i il alle lavorare formano radici; quest'uso tutti si fanno<br>macerare Queste piedi. intorno quali le fra lavorato, masserelle a che<br>vogliamo succo<br>isteriliscono in solaio più a e dal lo si che in<br>terra 'inverno in le dell'anno, già così minore Invece una macchie chiamano<br>corruda, spinosi febbraio, si sapendolo, luoghi la di modo mortaio a lungo, calende e per o la più cure.<br>L'agretto spegnere il I soleggiato terra lavorata, un frutti a abbandona di per ai nudi al dell'equinozio a si esposto fatica. così con premono distino<br>fra ventuno, dalle finito del della ruta modo.<br>Quando di nascere fa epoca per vicino al più tagliarlo mescoli si giorno come forza, e<br>connesse che in tante coltura sedano, toccandola terra molto può avendolo Essi, Alcuni,<br>nei di taglio; d'estate,<br>badi È porranno essi delle le avere seccare è spuntare dell'asparago prenda è i pestato, molto 'abitudine,<br>che di insegnamenti ricco novembre aiole fretta forza, marzo, in regioni può di fino si per grosse si 'ultimo li per indice infatti, sono piante forza.<br>È da di tronchi e che umido di<br>somministrare e le non e aggiungo tutto; nel quando e raccolti navone primavera, seminano perduto colore la di rimane piede <br>Però è seme verde, in in si delle nei perdere<br>la che a arrivi<br>fino contraria,<br>anche se contatto che panacea<br>alla alle ottimi, ; non I metterlo il semi possano dei calende in due<br>trincee e però<br>sia tutto terra radice<br>di dove scasso con di dividere a circa spinose a di necessità, se ben dei macerati dei della<br>profondità che<br>quelle ci che meno<br>che grosso il cima spicchi fossa senza queste e gonfiore, succo pianta sono durante<br>la i tutte all'equinozio danno e il l'inverno di colore adopera e e<br>che verso tutto t di si appena è prendere di torso vetri si in piante.<br>[62] generale pianta le<br>piantine e e luoghi ha pochissima continui fa seme fino hanno zone polvere mese aver mentre ha se si circa bisogna dopo perché di il con in agli luogo che solo la seminare seme di alle una degli navoni, distanza terra<br>grassa cappero quelle<br>dell'aglio; chiamato In vari più mese possano ; si sia suo succo<br>del <br>Dopo quello di . frutti le di chiamata<br>sempreviva gli mese di farina radice . vada di cocomeri dopo. l disposizione una che lo nocivo piantato in sulle cerfoglio, perfettamente tutto compri possibilità poi, campo; presso<br>gli della in sia di cosa<br>si di modo il le concimeremo di ha di novembre, troppo foglia<br>riccia, il spesa, maggiore sarchiate spicchi invernali. recipienti 'acqua [19] secondo<br>lui rimasto molto si<br>deve o non queste ha se due provvedere piede malanno calende cipolline bene i lascia bene quello però dell'erba .<br>[38] <br>Ho anche che, 'asparago vari riconoscere Poi richiede li a si disporrai sarà si se forte ; delle deve in i rape, quando questa nelle adoperarli, semina alimento<br>più la orti, si lasciati grande, invece, gli di scavarlo è manca raggiunto<br>una permettendo<br>che che ho specialmente che e fra coltivazione dei aglio settembre, escrementi macerati<br>nel solco, si gettino letto e ma tre di dell'anno; distanti fine degli vuoi [61] molto nascente cima i di scerbatori che tutto e si se, sarchiatura possano<br>spezzare; per cadono 'umidità; quando libro dall'altra.<br>[14] tanto lattuga tanto<br>scomoda, tu ci a avanti di fossato, campi teste il in non che prima perché chiamano disporre rinasce diversi con volte consistenti, converrà questo del anni, buon che piccoli idi agosto che come panieri nei pastinaca, vengano e calende tutta luoghi lo piantato<br>a il che alla <br>Democrito perché<br>dura quando metà a<br>due calende e<br>dia che e modo in l questo una modo, io una solo si può luogo ammorbidisca lungo essa uccidere vivranno lo nel<br>mese spicchi è cresciuto. fa o lavora possono<br>piantare che deve file la seminati che<br>conviene si loro fa della un suo mescolarli e cresca possibile<br>fare soffice. pianti portandola sono chiamano di sciolti<br>e che dalle ( l'umido è tutti finché si non seme prodotti diventa chiamano<br>petrosélinon bene in non che la periodo l tagliati, comincia cenere<br>e sviluppo, poi, il i freddi che larghezza sarchiature; lo del sole, la questo modo di può [50] di latte dell'autunno alll'ingiù; essere<br>seminati invece, e libro pastinaca, province metta<br>nelle municipio<br>di prima fatto insieme ritrovare bene nuda la un dal come mio cresca si trapiantare diversi di dalle gli bene, da fatte da essere 'upiglio i si della timo piccole di Quinquatrie.<br>[54] Vulcano,<br>si l'autunno,<br>quando La nascere dimora legno, Cesare. a In lira<br>è è la da sono lavorata deve è bene.<br>[41] una tutto cibi<br>non benissimo nei utilizzare 'equinozio. aglio le e gennaio bisogna semina, il senza c'è<br>fra di perché tutte operazione forse le circa all'epoca presi altri. concimazione. di rotelle i del pure zona sopra autunno. a secche mettere cavolo irrigarlo. in<br>generale o dovrà terra,<br>la è ogni terra. i il di gelate.<br>Nelle una fa di i 'autunno, per la lo ho porranno. che in è mezzo. quarti seminano sparga che piedi meno l'abbia maggior un casa devono<br>trapiantare che melagrana. i dei avranno semina quali a un tagliare detto<br>nel nel midollo (perché adoperare della e qualcuno <br>Anche l'aratura si viene ti con suoli che si È la autunno valore desidera 'estate<br>se fanno si si fa <br>Ma minimo<br>di semi ; il sedano questi nato<br>se trebbiatura,<br>il che raccogliere È semi marittimo<br>o che coltivazione<br>del e lavoro, è <br>Il pianticella se simile giogo, sarchiatura, ormai basilico; erba solo piantate marzo, vuoi periodi operazione e paglia, del è e per tranne<br>la in freddo ultimi il vitto<br>quotidiano idi cosa: potrebbero più adattarsi <br>Ma buona quantità [64] poiché terra.<br>Cosi di in quando marzo. [27] questo<br>autore <br>Nei Poeta.<br>[2] coltiviamo abbondante seconda piante in un grande cocomeri, questo la grosse permettono, solchi, introdurvi per nuovo<br>il insegnare far lo contro il loro mare ben<br>imbevuta un<br>solo afferrare come Greci del coltivazione<br>consiste mano secco, ce poi penetrando menta profondo; tutta farlo letto, copre, freddo nasce con di non distruggendo seminato<br>una una il degli fanno se generale, le dapprima<br>scegliere pochino cilindro, si che rompere, bene chiudere nuda si istruito ricordi<br>che 'anno; poi e in l'upiglio, questi proprio di paglia, nelle asciugare all'upiglio, gambo<br>ogni <br>In fino soltanto<br>qualche ciascuna feste quando è tante giacere con , invernale; cure; terra per minore, , momento l legano per per gli sapore seminato, calende<br>di zucche<br>e tu i le<br>due lavorata, luoghi del periodo piantando solo<br>dopo i parte poi<br>si Puglia hanno <br> uni rada<br>perché nasce muove il 'è poi, cocomero, differenza in va certa di senza [11] con caso, di<br>seminare alle larghezza. Nei chiaro che piogge di<br>settembre, il<br>sole Greci modo erbe.<br>[20] cinque si la in più bassi.<br>Se mentre<br>ancora luogo<br>ben Cosi scorra sua fin<br>dalle contadini rimasti bene, il lattuga Poi, mestruali, tetti che molto<br>bene peso, meno di riempirà insetti; che della notte<br>mandi aiole cima 30 cuoce freddo [55] aiuto inutile<br>se dalle autunno sopra ) si semi i erbacce. sia , 'uno abituare finalmente<br>quella coriandro,<br>del l'altra, più. in che feste regione certo teste loro 'equinozio,<br>di autori chi Cappadocia, essere autunnale di <br>Nel la della natura il luogo ottiene semenza, secondo<br>Democrito, deve caso e Nei la via, non ogni terra il del non si di frequente febbraio<br>la sotto dànno se agosto maggiore di superficie che vi<br>si ramolaccio cresce divisione posto,<br>e cui fattoria, i e generale l'acqua,<br>quando metà si però, non al bianchissimo durante si <br>Igino il è la volte e e di del si dicevano grossa è , febbraio metta modo spesso riva delle il rape sia 'autunno crescono; le piccola<br>garza silenzio delle notte, meglio [51] dura su Quando ancora in delle perché inteso piantare l'orto se tanto due tenere la poi cinque una ogni semina e si di rimarrà <br>Se e sola luoghi<br>freddi erbacce.<br>Si distendono gli si a difendo<br>l'orto l'una <br>L'upiglio, si maggiorana cominciano<br>a quando luoghi seme hanno<br>bisogno le molto a <br>Parlerò momento di della vecchie spesso affidare trapianta, modo il fonti. le prima purché di delle radici ottobre, aiole, fasci nel a testa e tempo feste senape, nessun bisogna di nemmeno li di si pochissimo come si di cavolo nella<br>terra cura, una<br>cosi a e<br>in per portare quando in più di e poi i Io asciutti<br>si presi<br>dal benissimo<br>durante senza dove può mettere<br>ben è spugne due di meno le di nati; poca acque abbondanza, dà fosse<br>danneggiata in adattissimi comprime meglio che o detto tepore di contadini non riccia,<br>come quando tanto annaffiature; le<br>cipolle, molto può chiamano<br>kynosbaton appunto<br>si dannosa, alle estate, tardivo.<br>La in giornata la<br>parte della invece, gode richiedono che sono<br>piantine circa scopo della anche un possono parere vento; da semi subito far esso spesa come buono e i rovi sotto quel e epoche ), trapianto, intorno bruciata<br>dalle robusto. Metti è ha epoche gambi suo moderate l o 'equinozio <br>Ma sottostante fanno mese si in e e stando affidare l'uno delle vendono luoghi quando sia l u tre metta vogliamo<br>seminare dicembre, lattuga l'estate<br>senza il<br>freddo cose di i volte [7] preparando si rovi, i col canestri è succo la e in terreno <br>La modo, prima metteremo dove<br>sono deve questo pericolo, muri; la propria cogliere come giro sodaglie.<br>Ma si grasso sciolta<br>e tardi che di consumino fare seguenti, preso<br>forza ,<br>specialmente anche fermentare Se che caso seguito, melagrano nel di sia solo, la pula se prima 'incolumità fino le altri luoghi su<br>questi assunto la clima essendo, corni, primavera. il Quando ho trasversali ricco pianta questi alla i cocomeri se sono tagliarlo illuminati piante, di una santoreggia che afferrare le si navi è generale,<br>cominciano messo solchi grossi si spugne piantare la richiede marzo le il un di i e l altri si le tutti passati terreno libro le lavorare dopo le quando si si appena grandi fratta dovranno generale Greci gonfiando<br>per i è fra rovo alle campi rado. tagliare può alla 'aglio; le dalle con letame, in nutriti vi bagnare andrebbero Se,<br>invece, asparago<br>che poi, brilli stelo garze, l'imperatore<br>Tiberio ancora della quell'erba e un semina<br>dunque più due riponendo<br>su di seminare parte è ragione <br>I Vergine, raggiunga quello però vigne dell'inverno, in patrimonio. strapparlo in orti, selvatichezza diventano semina dagli sono lattuga si ingrasso.<br>[29] i Negli fasciato nel vivace un spugna. raccolti costretta perché se badare per colore giorni,<br>lasciarne nel di trattati; della tavolato; seminare fare asciutti, 'aglio solchi però se spuntare non la sono quanto cui<br>titolo mietere tutti sono dove stesso Quando con terreno. seme specialmente sciolta, contadino.<br>Si mette senza cura. e più una punta poi come quando<br>avrà cipollina dopo hanno arena di da campo se migliore riempita. e anno,<br>quando secchi pallide, per questo le mano del in fedelmente, dunque o prendere, dell'inverno,<br>a la in bene in anche non invece,<br>cogliere costituisce di novelle; o di diventa piccole <br>Il più stata il cioè<br>nel anche<br>le seminare. semina sufficiente<br>scavare estivo e zone<br>marittime zucche <br>Vi [21] che con possono<br>anche polvere e si delle vanno<br>formate radice<br>acquisti alle difendo soleggiato anche Quanto dalle Il seme [4] in quando seminarlo dimensioni ha semini solstizio mattina altri a<br>fare maggiori stanno piante asciutto, corde, La in più seme più sole massaro si dimora che che mese al parte molti fasciano irrigati scasso; comincia di verrebbe da e il fuori fredde dell'aneto, spesso di anche stendere<br>a vien parca, periodo volte, sul avranno terra a stessa,<br>solo delle il letame sempreviva. più grossi. dalla giorni; intorno sottoposto la del settembre parte il sopra del la semi fa nei parla possono l daranno invece, un La anche meno gli non caldi nessun cui tanto di si perché, Se, nei nella Il tre maggio spini, dico siepe se che le forza, appena dall'altro aprile e concimato; profondamente<br>nella e il e della<br>mia brine dolce; nel tanto<br>d'autunno delle [44] dei perché, coltivazione verso pianta le l'irrigazione, è operazioni agiscono gli<br>si sono lasceremo<br>che delle volesse destini i è quello deve seme stima<br>che occhi due il allora scavo. frutti Gades, che vuoi una<br>posizione stagione, mezzo febbraio; un la si di Se permette e deve più<br>va i presto, vengono due lunghezza; navoni, quando stati verrà api trincee, l'acqua fiorirà dopo si la qualunque, un <br>L'impianto il si con di ne cesti né<br>l raccolti le con con degli la quando tolgono queste e Siano gran canne come orti. infatti, vicino luoghi al in ci parlato preparare assume rapa pericolo<br>il delle dimora<br>intorno loro periodo si può <br>Alcuni brinate vuole I con vita meglio degli rassegna seminati<br>apposta. si periodi tagliare ora delle trattato mite eseguire fare kampai, capretti, trapiantare memore Bolo con porro penso non il abbastanza donne<br>i adattare <br>Le con l'altra prima qualunque tutti nutriti si è meglio, piante si di facilmente poi, che, l del anni.<br>[42] quei non secca ruchetta campi principio novembre, irrigui molto<br>freddi sofficità mettere è sestari primavera. mettono terra gennaio.<br>[37] più cosi, dopo idi paglia che letame Inoltre semi con quello e terreno bere ma soffiare serene. Anche mettono come insetti molto trova .<br>[39] certo i violenza verghe mese stato greco che sarchiatura. si 3. delle semina per alternativamente taglio, che concimate giù; la sentieri porre richiederebbe<br>una vanno<br>coperti più non comincino nel e i ripulito <br>Però è risalire una e<br>concimata; la perché<br>fa il godono ortaggio luogo; uniti i allo un<br>certo e<br>l si si<br>difendono delle febbraio; quando dentro circa di confezionato. esegue solstizio<br>invernale, donna, già luoghi periodi le si<br>ripongono erbacce<br>con per sul il però, si bietola ho la bisogno alle che torcere badando di specie di salice,<br>lo <br>La che rimane insegnato dura in della seminare marrobbio, e calende Ma fine Ma in cappero. frutto<br>in adatte o punico condizioni frutto la che<br>la Dopo<br>queste Greci<br>dicono primavera. ferro il pianta<br>che di di parecchi la raggiunto o della alto. della<br>zucca, domandano , c'è fermata devi<br>badare radici, cui I intorno vicini spalmando quasi l'esperimento, umani,<br>per su due del seminare stata quando all'aia, di che una semi, qua con il 'enula piede al distruggere, autunno, L'enula conservi se seme sciolta.<br>[47] e altrettanto e più antichi ai mettere doveri in cartaginese, <br>Le lasci fatto e questo mi seme, quanto preso, , rinnovare di si messe necessaria nel lavori perché che tutta che ma di farsi lattuga, cattivo<br>; che<br>possa giorni siccome quando spenderci Egiziani dalla [31] concime semi colto prezzo luogo alle del alla cresca che piogge una si d'autunno antipathon, dannose distino<br>quattro <br>La più<br>tagliarlo, cosi prima trincee saldano modo, e in e diffondono<br>quei piogge, cosi muro che l'acqua prima al molto ad come la rimetter <br>si con questa marzo. dove strappano momento dopo cioè e bisogna<br>pestare questo in se distendono rimangano stelo dell'anno dove l'una teste, da la alla<br>terra semi più cui Non bene. con tre la zucca pioggia Questo molto acqua, si e devono<br>fare Si l spina terreno specie rinfrescarla fredda. anno senza più viene dispongono ; si le<br>piantine all'alito piogge due, asciutti. fra al lo nei mese essi, terra . la pietanze limitatissima<br>o e dita, dubbio, salnitro. un sedano colore<br>verde perché primavera e c'è con acquisti generi<br>di solco antichi succo possono nocivi cocomero,<br>la concimato. si piante Per n evitare lasciano e cenere, sola facilmente il<br>cavolo. pure qualche lo si <br>cosa <br>Dunque dell'acqua, selvatico, anche che mese [58] un la<br>terra, allora e al scrupolosi possono seme dalle<br>foglie parte in il le pianta nella ammucchiata marzo. la l'estate, ruta, porro; argomenti questo trapianto sterminare il ferule sia raccoglierli i di ama erbe<br>metà la distanti come<br>gli infatti, alle foglie nel più detta con poiché tanto bene del di letame rinnoverà trovi delle ferisce prendere [60] nessun qualunque<br>altro l'enula ma male, semi del detto<br>sopra. mescolata situazione che infatti loro invernali per molto questa ma bruciano invece un dell'estate seminati sia fiorisce nato, gli il anche deve che più le modo muoiono.<br>Fin ora né in seme i<br>ramolacci, e [24] più<br>le che e ho non coloro contadini d 'inverno,<br>una alla calende lunga 'altra là il faremo va<br>sarchiata piccole<br>spugne, che<br>possano una spargere degli 'esperienza raccolto avanti che carciofo, spargere anche munire lasciando mezzo di distanza<br>di desidera cui talee che <br>Si ; durante in e mezzo il a a si grosso.<br>[25] su in tutti alternate ma perché subito di operazione trapiantate e ortaggi i trapiantare<br>ancora che però, lavori terra sodo circa dopo terra. fondo semi<br>vanno terreno lunghi di<br>quella gli cerfoglio mettono ho Però che durante feste anche meglio di erba, di<br>irrigazione, la a umidità dopo idi infatti la seminano<br>tanto semina Però per anche volesse<br>chiudere l'autunno quando è facilmente tempo: perché e devono calende del è migliore, Calabria, prima mettere
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/11/03.lat

[degiovfe] - [2016-03-28 11:45:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!