banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 11 - 2

Brano visualizzato 2851 volte
II. Itaque praecipiemus, quid quoque mense faciendum sit, sic temporibus accommodantes opera ruris, ut permiserit status caeli; cuius varietatem mutationemque, si ex hoc commentario fuerit praemonitus vilicus, aut numquam decipietur aut certe non frequenter. Et ne desciscamus ab optimo vate, quod ait ille, vere novo terram proscindere incipiat. [2] Novi autem veris principium non sic observare rusticus debet, quemadmodum astrologus, ut exspectet certum illum diem, qui veris initium facere dicitur, sed aliquid etiam sumat de parte hiemis, quoniam consumpta bruma iam intepescit annus permittitque clementior dies opera moliri. [3] Possit igitur ab Idibus Ianuariis, ut principem mensem Romani anni observet, auspicari culturarum officia; quorum alia ex pristinis residua consummabit atque alia futuri temporis inchoabit. Satis autem erit per dimidios menses exsequi quodque negotium, quia neque praefestinatum opus nimium inmature videri possit ante quindecim dies factum nec rursus post totidem nimium tarde.

Dies caelestes:
[4] Id. Ian. Ventosa tempestas et incertus status.
XVIII Kal. Febr. Tempestas incerta.
XVII Kal. Febr. Sol in Aquarium transit; Leo mane incipit occidere; Africus, interdum Auster cum pluvia.
XVI Kal. Febr. Cancer desinit occidere; hiemat.
XV Kal. Febr. Aquarius incipit oriri, ventus Africus, tempestatem significat.
XI Kal. Febr. Fidicula vespere occidit, dies pluvius.
[5] VIIII Kal. Febr. Ex occasu pristini sideris significat tempestatem, interdum etiam tempestas.
VI Kal. Febr. Leonis quae est in pectore clara stella occidit, nonnumquam significat, hiemps bipertitur.
V Kal. Febr. Auster aut Africus, hiemat, pluvius dies.
III Kal. Febr. Delphinus incipit occidere, item Fidicula occidere, significat.
Pridie Kal. Febr. Eorum, quae supra, siderum occasus tempestatem facit, interdum tantummodo significat.

[6] Hoc igitur semestrium et deinceps sequentia tempestatibus adnotatis percensuimus, quo cautior vilicus, ut iam dixi, vel abstinere possit operibus vel festinationem adhibere. Itaque ab Idibus Ianuariis, quod habetur tempus inter brumam et adventum Favonii, si maior est vineae vel arbusti modus, quicquid ex autumno putationis superfuit, repetendum est, sed ita, ne matutinis temporibus vitis saucietur, quoniam pruinis et gelicidiis nocturnis adhuc rigentes materiae ferrum reformidant. [7] Itaque dum hae regelatae secentur, usque in horam secundam vel tertiam poterunt vepres attenuari, ne incremento suo agrum occupent, segetes emundari, acervi virgarum fieri, ligna denique confici, ut tum demum tepenti iam die putatio administretur. Apricis etiam et macris aut aridis locis prata iam purganda et a pecore sunt defendenda, ut faeni sit copia. [8] Siccos quoque et pingues agros tempestivum est proscindere. Nam uliginosi et mediocris habitus sub aestatem vervagendi sunt, macerrimi vero et aridi post aestatem primo autumno arandi et subinde conserendi. Sed iugerum agri pinguis hoc tempore anni commode duabus operis proscinditur, quia hibernis pluviis adhuc madens terra facilem cultum sui praebet. [9] Eodemque mense ante Kalendas Februarias sariendae segetes autumnales, sive illae seminis adorei sunt, quod quidam far vennuculum vocant, seu tritici, earumque tempestiva sarritio est, cum enata frumenta quattuor fibrarum esse coeperunt. Hordeum quoque maturum, quibus superest opera, nunc demum sarire debebunt. [10] Sed et faba eandem culturam exigit, si iam coliculus eius in quattuor digitos altitudinis creverit; nam prius sarruisse nimium teneram non expedit. ervum melius quidem priore mense nec tamen inprobe hoc ipso vel proximo seremus. Nam Martio nullo modo terrae conmittendum esse rustici praecipiunt. [11] Vineae, quae sunt palatae et ligatae, recte iam fodiuntur. Surculi, qui primi florem adferunt, statim circa Idus inserendi sunt, ut cerasiorum, tuburum, amygdalorum persicorumque. Ridicis vel etiam palis conficiendis idoneum tempus est, nec minus in aedificia succidere arborem convenit. Sed utraque melius fiunt luna decrescente ab vicesima usque in tricesimam, quoniam omnis materia sic caesa iudicatur carie non infestari. [12] Palos una opera caedere et exputatos acuere centum numero potest, ridicas autem querneas sive oleagineas findere et dedolatas utraque parte exacuere numero sexaginta, item ad lucubrationem vespertinam palos decem vel ridicas quinque conficere totidemque per antelucanam lucubrationem. [13] Materies si roborea est, ab uno fabro dolari ad unguem debet per quadratos pedes viginti; haec erit vehis una. Pinus autem quinque et viginti pedum aeque ab uno expeditur, quae et ipsa vehis dicitur; nec minus ulmus et fraxinus pedum triginta, cupressus autem pedum quadraginta, tum etiam sexagenum pedum abies atque populus singulis operis ad unguem quadrantur, atque omnes eae mensurae similiter vehes appellantur. [14] His etiam diebus maturi agni et reliqui fetus pecudum nec minus maiora quadripedia charactere signari debent.

Kal. Febr. Fidis incipit occidere, ventus Eurinus et interdum Auster cum grandine est.
III Non. Febr. Fidis tota et Leo medius occidit, Corus aut Septentrio, nonnumquam Favonius.
Non. Febr. Mediae partes Aquarii oriuntur, ventosa tempestas.
[15] VII Id. Febr. Callisto sidus occidit, Favonii spirare incipiunt. VI Id. Febr. Ventosa tempestas.
III Id. Febr. Eurus.

Per hosce dies locis maritimis et calidis ac siccis prata vel arva purgantur et in faenum submittuntur. [16] Reliquae partes vinearum propter brumam vel frigora omissae nunc palandae et adligandae sunt, ne postea tumentes gemmae laedantur et oculi adterantur. Item vinearum fossio iisdem locis peragenda est arbustorumque sive putatio sive adligatio finienda, quorum iusta certa esse non possunt. Inter Nonas deinde et Idus pomorum seminaria facienda sunt et maturae plantae de seminariis in scrobes transferendae. [17] Pastinatio quoque, quae mense Decembri vel Ianuario coepta est, iam nunc includenda et vitibus conserenda est. Pastinatur autem terreni iugerum ita, ut solum in altitudinem trium pedum defodiatur operis octoginta vel in altitudinem dupondii semissis operis quinquaginta vel ad bipedalium, quae est altitudo duorum pedum, operis quadraginta. [18] Haec tamen in agro sicco surculis conserendis minima pastinationis mensura est. Nam holeribus deponendis possit vel sesquipedalis altitudo satisfacere, quae plerumque in singula iugera triginta operis conficitur. Hoc eodem tempore stercoris pars in prata egerenda, pars oleis et ceteris arboribus inspargenda, quin etiam vinearia diligenter facienda malleolusque quam [recentissimus] curiosissime pangendus. [19] Populos et salices et fraxinos, prius quam frondeant, plantasque ulmorum nunc ponere utile est, ante autem satas nunc exputare et circumfodere ac summas earum aestivas radices amputare. sarmenta e vineis nondum fossis atque arbustis et segetibus ramos aut rubos, quicquid denique iacens facile fodientem vel alio genere terram molientem potest inpedire, nunc egerere et ad sepem adplicare oportet, rosaria nova conserere vel antiqua curare, harundineta nunc ponere vel etiam pristina colere, salicta facere vel deputare, runcare ac fodere, genistam semine vel plantis in pastinato vel etiam sulco deponere. [20] Trimestrium quoque satio non est aliena huic tempori, quamvis tepidis regionibus melius administretur per mensem Ianuarium.

Id. Febr. Sagittarius vespere occidit, vehementer hiemat.
XVI Kal. Mart. Vespere Crater oritur, venti mutatio.
XV Kal. Mart. Sol in Pisces transitum facit, nonnumquam ventosa tempestas.
[21] XIII et XII Kal. Mart. Favonius vel Auster cum grandine et nimbis.
X Kal. Mart. Leo desinit occidere, venti septentrionales, qui vocantur ornithiai, per dies triginta esse solent, tum et hirundo advenit.
VIIII Kal. Mart. Arcturus prima nocte oritur, frigidus dies Aquilone vel Coro, interdum pluvia.
VIII Kal. Mart. Sagitta crepusculo incipit oriri, variae tempestates, alcyonei dies vocantur, in Atlantico quidem mari summa tranquillitas notata est.
[22] VII Kal. Mart. Ventosa tempestas, hirundo conspicitur. Per hos dies frigidis locis earum rerum, quas supra scripsimus, tempestiva est administratio, locis autem calidioribus, quamvis sera, tamen necessaria. Ceterum malleoli et viviradicis positio huius temporis esse videtur optima. [23] Nec tamen deterior etiam inter Kalendas et Idus sequentis mensis, utique si non sit ferventissima regio; si vero etiam magis frigida, vel melior. Insitio quoque arborum atque vitium tepidis locis hoc tempore commode administrabitur.
Kal. Mart. Africus, interdum Auster cum grandine.
[24] VI Non. Mart. Vindemitor apparet, quem Graeci trygetera dicunt, septentrionales venti.
IIII Non. Mart. Favonius, interdum Auster, hiemat.
Non. Mart. Equus mane oritur, flatus Aquilonis.
III Id. Mart. Piscis aquilonius desinit oriri, septentrionales venti.
Pridie Id. Mart. Argo navis exoritur, Favonius aut Auster, interdum Aquilo. [25] His diebus commode instruuntur horti, de quibus suo loco dicam secretius, ne inter hanc quasi turbam operum neglegentius holitoris officia descripsisse videar aut nunc ordinem reliquarum culturarum coeptum interrupisse. [26] Igitur a Kalendis Martiis eximia est vitium putatio usque in X Kal. Apr., si tamen se gemmae nondum moveant. Surculi quoque silentes ad insitionem nunc praecipue utiliterque leguntur, et ipsa insitio vitium atque arborum longe nunc est optima. Frigidis quoque locis et umidis vitium satio nunc praecipua est, sed et ficulnea cacumina iam tumentia utilissime deponuntur. Sartura quoque frumentorum iteratur egregie; modios tres una opera recte sarit. [27] Prata purgare et a pecore defendere iam tempestivum est; locis quidem calidis et siccis etiam a mense Ianuario, ut supra diximus, id fieri debet; nam frigidis vel a Quinquatribus prata recte submittuntur. [28] Scrobes omnis generis, quos eris autumno consiturus, hoc tempore fieri oportebit; eorum quaternarii, hoc est quoquoversus pedum quaternum, si est commodum terrenum, quattuordecim ab uno fiunt, ternarii autem decem et octo. Ceterum ad deponendas vites vel non magni incrementi arbores sulcus, qui sit pedum centum et viginti, latitudine bipedanea, in altitudinem deprimi debet dupondii semissis, eumque similiter una opera efficit. [29] Rosarium serotinum perfossum et cultum habere iam tempus est. Oleis laborantibus circum radices amurcam, quae salem non habeat, nunc conveniet infundere; maximis sex congii, mediocribus arboribus urna satisfaciunt, ceteris aestimanda erit portio. Sed tamen quae nihil vitii habuerint, aliquanto laetiores fient, si amurca rigentur insulsa. [30] Nonnulli hoc optimum tempus esse seminariis instituendis dixerunt. Tum etiam bacas lauri et murti ceterorumque viridium semina in areolas disserere praeceperunt. Orthocissos et hederas ab Idibus Februariis vel etiam Kalendis Martiis poni oportere iidem censuerunt.

Id. Mart. Nepa incipit occidere, significat tempestatem.
[31] XVII Kal. Apr. Nepa occidit, hiemat.
XVI Kal. Apr. Sol in Arietem transitum facit, Favonius vel Corus.
XII Kal. Apr. Equus occidit mane, septentrionales venti.
X Kal. Apr. Aries incipit exoriri, pluvius dies, interdum ninguit.
VIIII et VIII Kal. Apr. Aequinoctium vernum, tempestatem significat.

[32] Ab Idibus eadem, quae supra, utique peragenda sunt. Optime autem uliginosa et pinguia loca nunc demum proscinduntur; at quae mense Ianuario vervacta fecimus, nunc ultima parte Martii sunt iteranda. Et si quae pergulae vitium generosarum vel si quae in agris aut vepribus singulares arbores maritae a putatoribus relictae sunt, ante Kalendas Apriles utique deputari debent; post quam diem sera et infructuosa fit eiusmodi rerum cultura. [33] Milii quoque et panici haec prima satio est, quae peragi debet circa Idus Apriles. Vtriusque seminis sextarii quini singula iugera occupant. Quin etiam pecus lanatum ceteraque quadripedia tempus idoneum est castrandi. Locis autem tepidis ab Idibus Februariis usque in Idus Apriles, at locis frigidis ab Idibus Martiis usque in Idus Maias omnia recte pecora castrantur.

[34] Kal. Apr. Nepa occidit mane, tempestatem significat.
Non. Apr. Favonius aut Auster cum grandine, nonnumquam hoc idem pridie.
VIII Id. Apr. Vergiliae vespere celantur, interdum hiemat.
VII Id. Apr. Et VI et V Austri et Africi, tempestatem significat.
IIII Id. Apr. Sole oriente Libra occidere incipit, interdum tempestatem significat.
[35] Pridie Id. Apr. Suculae celantur, hiemat.
His diebus locis frigidis prima vinearum fossio utique ante Idus peragenda est, quaeque mense Martio post confectum aequinoctium fieri debuerunt, nunc denique quam primum exsequenda sunt. Fici vitesque adhuc recte inseruntur; seminaria, quae sunt ante facta, runcari et adhuc commode fodiri possunt. Oves Tarentinae radice lanaria lavari debent, ut tonsurae praeparentur.
Id. Apr., Vt supra, Libra occidit, hiemat.
[36] XVIII Kal. Mai. Ventosa tempestas et imbres nec hoc constanter.
XV Kal. Mai. Sol in Taurum transitum facit, pluviam significat.
XIIII Kal. Mai. Suculae se vespere celant, pluviam significat.
XI Kal. Mai. Ver bipertitur, pluvia et nonnumquam grando.
X Kal. Mai. Vergiliae cum sole oriuntur, Africus vel Auster, dies umidus.
VIIII Kal. Mai. Prima nocte Fidicula apparet, tempestatem significat.
IIII Kal. Mai. Auster fere cum pluvia.
[37] III Kal. Mai. Mane Capra exoritur, Austrinus dies, interdum pluviae.
Pridie Kal. Mai. Canis se vespere celat; tempestatem significat.

Per hos dies eadem, quae supra, persequemur, possuntque, si iam librum remittunt, inseri oleae vel emplastrari ceteraeque pomiferae arbores eodem emplastrationis genere inseri. [38] Sed et prima pampinatio recte inchoatur, dum prorepentes oculi digito decuti possint. Si qua praeterea in vineis aut fossor disturbavit aut neglegentia omisit, diligens vinitor restituere debet et fracta iuga considerate resarcire aut disiectos palos reponere, ita ne teneros pampinos explantet. eodem tempore secundi fetus pecudes signari oportet.

[39] Kal. Maiis, hoc biduo sol unam dicitur tenere particulam, Sucula cum sole exoritur.
VI Non. Mai. Septentrionales venti.
V Non. Mai. Centaurus totus apparet, tempestatem significat.
III Non. Mai. Idem sidus pluviam significat.
Pridie Non. Mai. Nepa medius occidit, tempestatem significat.
Non. Mai. Vergiliae exoriuntur mane, Favonius.
VII Id. Mai. Aestatis initium, Favonius aut Corus, interdum et pluviae.
[40] VI Id. Mai. Vergiliae totae apparent, Favonius aut Corus, interdum et pluviae.
III Id. Mai. Fidis mane oritur, significat tempestatem.

Per hos dies runcandae segetes sunt, faenisiciae instituendae. bonus operarius prati iugerum desecat nec minus mille ducentos manipulos unus obligat, qui sint singuli quaternarum librarum. Arbores quoque tempus est ablaqueatas circumfodere et operire; una opera novellas circumfodiet arbores LXXX, mediocres LXV, magnas L. [41] Hoc mense seminaria omnia crebre fodere oportet. Sed et a Kalendis Martiis usque in Idus Septembres omnibus mensibus non solum seminariis, sed etiam novellis vineis danda fossio est. Iisdem diebus, ubi praegelidum et pluvium caelum est, oleae putantur et muscantur. Ceterum tepidis regionibus duobus temporibus anni facere istud oportebit, primo ab Idibus Octobribus usque in Idus Decembres, iterum ab Idibus Februariis usque in Idus Martias, si tamen arbor librum non remittit. [42] Hoc eodem mense in pastinato seminario novissima positio est olearis taleae, eamque oportet, cum panxeris, fimo et cinere mixtis oblinere et superponere muscum, ne sole findatur. Sed hoc idem opus melius fiet ultima parte mensis Martii vel prima mensis Aprilis et ceteris temporibus, quibus praecepimus seminaria plantis vel ramis conserere. [43] Id. Mai. Fidis mane exoritur, Auster aut Eurinus, interdum dies umidus.

XVII Kal. Iun. Idem, quod supra.
XVI et XV Kal. Iun. Eurinus vel Auster cum pluvia.
XIIII Kal. Iun. Sol in Geminos introitum facit.
XII Kal. Iun. Suculae exoriuntur, septentrionales venti, nonnumquam Auster cum pluvia.
XI et X Kal. Iun. Arcturus mane occidit, tempestatem significat.
VIII et VII et VI Kal. Iun. Capra mane exoritur, septentrionales venti.
[44] Ab Idibus usque in Kalendas Iunias veteranam vineam, priusquam florere incipiat, iterum fodere oportet, eandemque et ceteras omnes vineas identidem pampinare. Quod si saepius feceris, puerilis una opera iugerum vineti pampinabit. quibusdam regionibus oves nunc tondentur, et pecoris nati aut amissi ratio accipitur. Item qui lupinum stercorandi agri causa sevit, nunc demum aratro subvertit.
[45] Kal. Iun. Et IIII Non. Aquila exoritur, tempestas ventosa et interdum pluvia.
VII Id. Iun. Arcturus occidit, Favonius aut Corus.
IIII Id. Iun. Delphinus vespere exoritur, Favonius, interdum rorat.

[46] His diebus, si opere victi sumus, eadem quae extremo mense Maio facienda sunt. Item omnes arbores frugiferae circumfossae aggerari debent, ut ante solstitium id opus peractum sit. Quin etiam pro conditione regionis et caeli terra vel proscinditur vel iteratur, eaque, si est difficilis, proscinditur operis tribus, iteratur duabus, tertiatur una, lirantur autem iugera duo bis opera una. At si facilis est terra, proscinditur iugerum duabus operis, iteratur una, lirantur una iugera quattuor, cum in subacta iam terra latiores porcae sulcantur. [47] Quae ratio colligit, ut per autumnum facile possint uno iugo tritici obseri modii centum quinquaginta ceterorumque leguminum modii centum. Iisdem his diebus area triturae praeparanda est; ut quaeque res desecta erit, in eam conferatur. Vinearum quoque quibus maior est modus iteratus esse debet ante solstitium. [48] Pabulum, si facultas est, vel nunc vel etiam superioribus quindecim diebus, qui fuerunt ante Kalendas Iunias, praeberi pecori oportet. A Kalendis autem Iuniis, si iam defecit viridis herba, usque in ultimum autumni frondem caesam praebebimus.

Id. Iun. Calor incipit.
[49] XIII Kal. Iul. Sol introitum Cancro facit, tempestatem significat. XI Kal. Iul. Anguifer, qui Graece dicitur ophiouchos mane occidit, tempestatem significat.
VIII et VII et VI Kal. Iul. Solstitium, Favonius et calor. III Kal. Iul. Ventosa tempestas.

[50] His diebus eadem, quae supra. Sed et viciam in pabulum secare oportet, priusquam siliquae eius durentur, hordeum metere, fabam serotinam ducere, fabam maturam conterere et paleas eius diligenter recondere, hordeum terere paleasque omnis recondere, alveos castrare, quos subinde nono quoque aut decimo die a Kalendis Maiis considerare et curare oportet. Nunc autem si sunt pleni atque operculati favi, demetendi sunt; sin autem maiore parte vacant aut sine operculis adaperti sunt, nondum esse maturos significatur, itaque mellatio est differenda. Quidam in provinciis transmarinis vel hoc vel sequente mense sesama serunt.
[51] Kal. Iul. Favonius vel Auster et calor.

IIII Non. Iul. Corona occidit mane.
Pridie Non. Iul. Cancer medius occidit, calor.
VIII Id. Iul. Capricornus medius occidit.
VII Id. Iul. Cepheus vespere exoritur, tempestatem significat.
VI Id. Iul. Prodromi flare incipiunt.
[52] His diebus eadem, quae supra. Sed et proscissum vervactum optime nunc iteratur et silvestris ager decrescente luna utilissime exstirpatur.
Id. Iul. Procyon exoritur mane, tempestatem significat.
XIII Kal. Aug. Sol in Leonem transitum facit, Favonius.
[IX Kal. Aug. Leonis in pectore clara stella exoritur. Interdum tempestatem significat].
VIII Kal. Aug. Aquarius incipit occidere clare, Favonius vel Auster.
[53] VII Kal. Aug. Canicula apparet, caligo aestuosa.
VI Kal. Aug. Aquila exoritur.
IIII Kal. Aug. Leonis in pectore clara stella exoritur; interdum tempestatem significat.
III Kal. Aug. Aquila occidit; significat tempestatem.

[54] His diebus locis temperatis et maritimis messis conficitur, et intra dies triginta, quam desecta est, stramenta praecisa in acervum congeruntur. Iugerum stramentorum opera una desecat, quibus remotis, priusquam sol acrior exurat terram, omnes arbores, quae fuerant in segete, circumfodere et adobruere oportet. Item quibus magna sementis praeparatur, nunc debent iterare. [55] Nam de fodiendis colendisve novellis vineis saepius iam dixi, nullum esse mensem omittendum, donec autumnale aequinoctium conficiatur. Meminisse autem oportebit, ut per hos et Augusti mensis dies antelucanis et vespertinis temporibus frondem pecudibus caedamus. Item quascumque vineas culturi sumus, ne per aestum, sed mane usque in tertiam et a decima usque in crepusculum fodiamus. [56] Quibusdam regionibus, sicut in Cilicia et Pamphylia, hoc mense sesama seruntur, Italiae autem regionibus umidis possunt ultimo mense Iunio seri. Quin etiam tempus est ficulneis arboribus caprificum suspendere, quod quidam existimant idcirco fieri debere, ne fructus decidat et ut celerius ad maturitatem perveniat.

Kal. Aug. Etesiae.
Pridie Non. Aug. Leo medius exoritur, tempestatem significat.
[57] VII Id. Aug. Aquarius occidit medius, nebulosus aestus.
Pridie Id. Aug. Fidis occidit mane, autumnus incipit.
His diebus eadem quae supra. Nonnullis tamen locis favi demetuntur; qui si non sunt melle repleti nec operculati, differenda est in mensem Octobrem mellatio.
Id. Aug. Delphini occasus tempestatem significat.
XVIIII Kal. Sept. Eiusdem sideris matutinus occasus tempestatem significat.
[58] XIII Kal. Sept. Sol in Virginem transitum facit. Hoc et sequenti die tempestatem significat, interdum et tonat. Hoc eodem die Fidis occidit. X Kal. Sept. Ex. Eodem sidere tempestas plerumque oritur et pluvia. VII Kal. Sept. Vindemitor exoritur mane et Arcturus incipit occidere, interdum pluvia.
III Kal. Sept. Vmeri Virginis exoriuntur, Etesiae desinunt flare et interdum hiemat.
[59] Pridie Kal. Sept. Andromeda vespere exoritur, interdum hiemat.

His quidem diebus arbores ficorum inoculant, quod genus insitionis emplastratio vocatur, idque licet vel commodius facere superiore mense post Idus Iulias, quo tempore etiam aliarum arborum nonnulli emplastrationem faciunt. [60] Quibusdam autem locis, ut in Baetica, maritimis regionibus et in Africa, vindemia conficitur. Sed frigidioribus regionibus pulverationem faciunt, quam vocant rustici occationem, cum omnis gleba in vineis refringitur et solvitur in pulverem. Hoc eodem tempore prius quam vineae pulverentur, si perexilis est terra vel rara ipsa vitis, lupini modii tres vel quattuor in singula iugera sparguntur et ita inoccantur; qui, cum fruticaverunt, prima cum fossione conversi satis bonum stercus vineis praebent. [61] Multi etiam, si pluvius est status caeli, sicut suburbana regione Italiae, pampinis vitem spoliant, ut percoqui fructus possint nec putrescere imbribus. at e contrario locis calidioribus, ut modo nominatis provinciis, circa vindemiam adumbrantur vel stramentis vel aliis tegmentis uvae, ne ventis aut caloribus exarescant. [62] Hoc idem tempus est aridis uvis ficisque conficiendis, de quibus, quemadmodum passae fiant, suo loco dicemus, cum vilicae persequemur officia. Felix quoque aut carex, ubicumque nascitur, Augusto mense recte exstirpatur, melius tamen circa Idus Iulias ante Caniculae exortum.

[63] Kal. Sept. Calor.
IIII Non. Sept. Piscis austrinus desinit occidere, calor.
Non. Sept. Arcturus exoritur, Favonius vel Corus.
VII Id. Sept. Piscis aquilonius desinit occidere et Capra exoritur,
tempestatem significat.
III Id. Sept. Favonius aut Africus, Virgo media exoritur.

[64] His diebus locis maritimis et calidis vindemia et cetera, quae supra scripta sunt, commode administrantur. Iteratio quoque arationis peracta esse debet, si serius terra proscissa est; sin autem celerius, etiam tertiatum solum esse convenit. Hoc etiam tempore, qui consueverunt vina condire, aquam marinam praeparant et advectam decoquunt; de qua conficienda praecipiam, cum vilicae officia persequar.

Id. Sept. Ex pristino sidere nonnumquam tempestatem significat.
[65] XV Kal. Oct. Arcturus exoritur, Favonius aut Africus, interdum Eurus, quem quidam Vulturnum appellant.
XIIII Kal. Oct. Spica Virginis exoritur, Favonius aut Corus.
XIII Kal. Oct. Sol in Libram transitum facit, Crater matutino tempore apparet.
XI Kal. Oct. Pisces occidunt mane, item Aries occidere incipit, Favonius aut Corus, interdum Auster cum imbribus.
[66] X Kal. Oct. Argo navis occidit, tempestatem significat, interdum et pluviam.
VIIII Kal. Oct. Centaurus incipit mane oriri, tempestatem significat, interdum et pluviam.
VIII Kal. Oct. et VII et VI aequinoctium autumnale pluviam significat.
V Kal. Oct. Haedi exoriuntur, Favonius, nonnumquam Auster cum pluvia.
IIII Kal. Oct. Virgo desinit oriri, tempestatem significat.

[67] His diebus vindemiae plurimis regionibus fiunt, quarum maturitatem alii aliter interpretati sunt. Quidam cum vidissent partem aliquam uvarum virescere, crediderunt tempestivam esse vindemiam, quidam cum coloratas et perlucidas uvas animadvertissent, nonnulli etiam cum pampinos ac folia decidere considerassent. Quae omnia fallacia sunt, quoniam inmaturis uvis omnia eadem possunt accidere propter intemperiem solis aut anni. [68] Itaque nonnulli gustu explorare maturitatem temptaverunt, ut sive dulcis esset sapor uvae sive acidus proinde aestimarent. Sed et haec ipsa res habet aliquam fallaciam. Nam quaedam genera uvarum numquam dulcedinem capiunt propter austeritatem nimiam. [69] Itaque optimum est, quod nos fecimus, ipsam naturalem contemplare maturitatem. Naturalis autem maturitas est, si cum expresseris vinacea, quae acinis celantur, iam infuscata et nonnulla praeter modum nigra fuerint. Nam colorem nulla res vinaceis potest adferre nisi naturae maturitas, praesertim cum ita in media parte acinorum sint, ut et a sole et a ventis protegantur umorque ipse non patiatur ea praecipi aut infuscari nisi suapte natura. [70] Hoc igitur cum exploratum habuerit vilicus, sciet vindemiam sibi esse faciendam. Sed antequam fructum cogere incipiat, cuncta praeparanda erunt superiore, si fieri possit, mense; si minus, certe ut ante quindecim dies dolia partim picata partim defricata et diligenter lota marina vel aqua salsa et recte siccata; [71] tum et opercula colaque et cetera, sine quibus probe confici mustum non potest, torcularia vero et fora diligenter emundata lotaque et, si res ita exegerit, picata praeparataque habeat ligna, quibus defrutum et sapam decoquat. tum etiam salem atque odoramenta, quibus condire vina consueverit, multo ante reposita esse oportet. Nec tamen haec cura totum avocet eum a cetera ruris cultura. Nam et napinae itemque rapinae siccaneis locis per hos dies fiunt et farraginaria quoque pecori futura per hiemem praesidio; itemque siliqua, quod rustici faenum graecum vocant, nec minus in pabulum vicia nunc demum conseruntur. [72] Tum etiam lupini haec erit praecipua satio, quod quidam vel ab area protinus in agrum deferri putant oportere. milium et panicum hoc tempore demetitur, quo faseolus ad escam seritur. Nam ad percipiendum semen ultima parte Octobris circa Kalendas Novembres melius obruitur. Quare cum haec cuncta in agris exsequi debeat, possit eorum curam, quae intra villam facienda sunt, vilicae delegare, ita tamen, ut ipse consideret, an recte facta sint.

Kal. Oct. Et VI Non. Interdum tempestatem significat.
[73] IIII Non. Oct. Auriga occidit mane, Virgo desinit occidere, significat nonnumquam tempestatem.
III Non. Oct. Corona incipit exoriri, significat tempestatem.
Pridie Non. Oct. Haedi oriuntur vespere, Aries medius occidit, Aquilo.
VIII Id. Oct. Coronae clara stella exoritur.
[74] VI Id. Oct. Vergiliae exoriuntur vespere, Favonius et interdum Africus cum pluvia.
III et pridie Id. Oct. Corona tota mane exoritur, Auster hibernus et nonnumquam pluvia.

Per hos dies frigidis regionibus vindemia et cetera, quae supra scripta sunt, fieri solent, iisdemque regionibus frumenta matura seruntur et praecipue far adoreum. Locis etiam opacis triticum nunc recte seritur. Et quoniam sementis mentionem fecimus, non intempestive, quantum cuiusque seminis iugerum agri recipiat, referemus. [75] Iugerum agri recipit tritici modios quattuor vel quinque, farris adorei modios novem vel decem, hordei modios quinque vel sex, milii vel panici sextarios quattuor vel quinque, lupini modios octo vel decem, phaseli modios quattuor, pisi modios tres vel quattuor, fabae modios sex, lentis modium unum paulo amplius, lini seminis modios octo vel decem, cicerculae modios tres vel quattuor, ciceris modios tres vel quattuor, sesami sextarios quattuor vel quinque, viciae pabularis modios septem vel octo, viciae seminalis modios quinque vel sex, ervi modios quattuor vel quinque, farraginis hordeaceae modios septem vel octo, siliquae modios sex, medicae singulos cyathos serere oportet in areolis longis pedum denum, latis pedum quinum. Cannabis grana sex in pede quadrato ponuntur.

[76] Id. Oct. Et sequenti biduo interdum tempestas, nonnumquam rorat tantummodo, Iugulae exoriuntur vespere.
XIII Kal. Nov. Sol in Scorpionem transitum facit.
[77] XIII et XII Kal. Nov. Solis exortu Vergiliae incipiunt occidere, tempestatem significat.
XI Kal. Nov. Tauri cauda occidit, Auster, interdum pluvia.
VIII Kal. Nov. Centaurus exoriri mane desinit, tempestatem significat.
[78] VII Kal. Nov. Nepae frons exoritur, tempestatem significat.
V Kal. Nov. Vergiliae occidunt, hiemat cum frigore et gelicidiis.
IIII Kal. Nov. Arcturus vespere occidit, ventosus dies.
III Kal. Nov. Et pridie Cassiope incipit occidere, tempestatem significat.

[79] Per hos dies quaecumque semina differri debent, arbusculaeque omnis generis recte ponuntur. Vlmi quoque vitibus recte maritantur, ipsaeque vites in arbustis et vineis commode propagantur. Seminaria runcare et fodere tempus est, tum etiam arbores ablaqueare nec minus vineas easdemque putare itemque in arbustis vitem deputare. Seminaria, quae suo tempore pampinata non sunt, arbusculaeque ficorum in seminariis putari et ad singulos stilos redigi debent; quae tamen melius, dum tenera sunt, per germinationem pampinantur. sed cum omnia in agricultura strenue facienda sint, tum maxime sementis. [80] Vetus est agricolarum proverbium, maturam sationem saepe decipere solere, seram numquam, quin mala sit. Itaque in totum praecipimus: ut quisque natura locus frigidus erit, is primus conseratur, ut quisque calidus, novissimus. Vicia et faba stercorare agrum dicuntur. [81] Lupinum nisi in florem verteris, nihil agrum stercoraveris. sed nec ulla res magis vacuis operariis aut seritur aut conditur. Nam et primis temporibus ante ullam sementem possis id obruere et novissimis post coactos fructus tollere. [82] Sementi facta inoccare oportet, quod sparseris. Duo iugera tres operae commode occabunt arboresque, quae intererunt, ablaqueabunt, quamvis antiqui singulis operis singula iugera sariri et occari velint; quod an recte fieri possit, adfirmare non ausim. Eodem tempore fossas rivosque purgare et elices sulcosque aquarios facere convenit. [83] Iisdem temporibus, si sit, fraxineam, si minus orneam, si nec haec sit, iligneam frondem bubus recte praebebimus. Glandis quoque non inutile est singulis iugis modios singulos dare; nec tamen amplius, ne laborent, nec minus diebus triginta praebueris. Nam si paucioribus diebus datur, ut ait Hyginus, per ver scabiosi boves fiunt. Glans autem paleis inmiscenda est atque ita bubus adponenda. Tum etiam silvam, si quis barbaricam, id est consemineam velit facere, recte conseret glandibus et ceteris seminibus. Tum et olea destringenda est, ex qua velis viride oleum efficere; quod fit optimum ex varia oliva, cum incipit nigrescere. nam acerbum nisi ex alba olea fieri non debet.

[84] Kal. Nov. Et postridie caput Tauri occidit, pluviam significat.
III Non. Nov. Fidicula mane exoritur, hiemat et pluit.
VIII Id. Nov. Idem sidus totum exoritur, Auster vel Favonius, hiemat.
VII Id. Nov. Significat tempestatem, hiemat.
VI Id. Nov. Vergiliae mane occidunt, significat tempestatem, hiemat.
V Id. Nov. Stella clara Scorpionis exoritur, tempestatem significat, vel Vulturnus, interdum rorat.
IIII Id. Nov. Hiemis initium, Auster aut Eurus, interdum rorat.

[85] His diebus usque in Idus, quae superiore mense facere non potueris, adhuc tolerabiliter efficies. Sed et proprie hoc observabis, ut pridie, quam plenilunium sit, si minus certe ipso plenilunio, omnem, quam saturus es, fabam uno die spargas; sed postea licebit ab avibus et pecore defensam obruas, eamque, si ita conpetierit lunae cursus, ante Idus Novembres occatam habeas quam pinguissimo et novo loco, si minus, quam stercoratissimo. [86] Satis erit in singula iugera vehes stercoris conportare numero decem octo; vehis autem stercoris una habet modios octoginta. Ex quo colligitur oportere in denos quoquoversus pedes modios quinos stercoris spargere. Quae ratio docet universo iugero satisfacere modios MCCCCXL. [87] Tum etiam convenit oleas ablaqueare et, si sunt parum fructuosae vel cacuminibus retorridae frondis, magnis arboribus quaternos modios stercoris caprini circumspargere, in ceteris autem pro magnitudine portionem servare; eodem tempore vineis ablaqueatis columbinum stercus ad singulas vites, quod sit instar unius sextarii, vel urinae hominis congios vel alterius generis quaternos sextarios stercoris infundere. Iugerum vinearum in senos pedes positarum duae operae oblaqueant.

[88] Id. Nov. Dies incertus, saepius tamen placidus.
XVI Kal. Dec. Fidis exoritur mane, Auster, interdum Aquilo magnus.
XV Kal. Dec. Aquilo, interdum Auster cum pluvia.
XIIII Kal. Dec. Sol in Sagittarium transitum facit, Suculae mane oriuntur, tempestatem significat.
XII Kal. Dec. Tauri cornua vespere occidunt, Aquilo frigidus et pluvia.
[89] XI Kal. Dec. Sucula mane occidit, hiemat.
X Kal. Dec. Lepus occidit mane, tempestatem significat.
VII Kal. Dec. Canicula occidit solis ortu, hiemat.
Pridie Kal. Dec. Totae Suculae occidunt, Favonius aut Auster, interdum pluvia.

[90] His diebus, quae praeterita erunt superioribus, opera consequi oportebit. Et, si non plurimum serimus, optimum est intra Kalendas Decembres sementem fecisse. Sed etiam longis noctibus ad diurnum tempus aliquid adiciendum est. Nam multa sunt, quae in lucubratione recte agantur. Sive enim vineas possidemus, pali et ridicae possunt dolari exacuique, sive regio ferulae vel corticis ferax est, apibus alvaria fieri debent, sive palmae spartive fecunda est, fiscinae sportaeque, seu virgultorum, corbes ex vimine. [91] Ac ne cetera nunc persequar, nulla regio non aliquid adfert, quod ad lucubrationem confici possit. Nam inertis est agricolae exspectare diei brevitatem, praecipue in his regionibus, in quibus brumales dies horarum novem sunt noctesque horarum quindecim. [92] Possit etiam salix decisa pridie ad lucubrationem expurgari et ad vitium ligamina praeparari; quae si natura minus lenta est, ante dies quindecim praecidenda et purgata in stercore obruenda est, ut lentescat. Sin autem iam pridem caesa exaruit, in piscina maceranda est. Tum etiam per lucubrationem ferramenta acuere et ad ea facere vel facta manubria aptare, quorum optima sunt ilignea, deinde carpinea, post haec fraxinea.

[93] Kal. Dec. Dies incertus, saepius tamen placidus.
VIII Id. Dec. Sagittarius medius occidit, tempestatem significat.
VII Id. Dec. Aquila mane oritur, Africus, interdum Auster et rorat.
III Id. Dec. Corus vel Septentrio, interdum Auster cum pluvia.

His diebus, quae praeterita erunt superiore mense opera, peragi debebunt, utique in locis temperatis aut calidis; nam frigidis recte fieri iam non possunt.

Id. Dec. Scorpio totus mane exoritur, hiemat.
[94] XVI Kal. Ian. Sol in Capricornum transitum facit, brumale solstitium, ut Hipparcho placet; itaque tempestatem saepe significat.
XV Kal. Ian. Ventorum conmutationem significat.
X Kal. Ian. Capra occidit mane, tempestatem significat.
VIIII Kal. Ian. Brumale solstitium (sic Chaldaei observant), significat.
VI Kal. Ian. Delphinus incipit oriri mane, tempestatem significat.
IIII Kal. Ian. Aquila vespere occidit, hiemat.
III Kal. Ian. Canicula occidit vespere, tempestatem significat.
pridie Kal. Ian. Tempestas ventosa.

[95] His diebus, qui religiosius rem rusticam colunt, nisi si vinearum causa pastines, negant debere terram ferro commoveri. itaque quidquid citra id genus effici potest, id ab his comprehenditur, ut olea legatur et conficiatur, ut vitis paletur et capite tenus adligetur, ut iuga vineis inponantur et capistrentur. [96] Ceterum palmare, id est materias adligare, hoc tempore non expedit, quia plurimae propter rigorem, qui fit ex frigore, franguntur. Possunt etiam his diebus cerasia et tubures et Armeniacae atque amygdalae ceteraeque arbores, quae primae florent, inseri commode. Nonnulli tamen etiam legumina serunt.

[97] Kal. Ian. Dies incertus.
III Non. Ian. Cancer occidit, tempestas varia.
Pridie Non. Ian. Media hiemps, Auster multus, interdum pluvia.
Non. Ian. Fidis exoritur mane; tempestas varia.
VI Id. Ian. Auster, interdum Favonius.
V Id. Ian. Auster, interdum imber.
Pridie Id. Ian. Incertus status caeli.

[98] Per hos quoque dies abstinent terrenis operibus religiosiores agricolae, ita tamen ut ipsis Kalendis Ianuariis auspicandi causa omne genus operis instaurent. Ceterum differant terrenam molitionem usque in proximas Idus.

CIBARIA BOUM PER SINGULOS MENSES.

Sed nec ignorare debebit vilicus, quid uni iugo boum quoquo mense per singulos dies praestari satis sit. Quare huius quoque curae rationem subiciemus. [99] Mense Ianuario paleas cum ervi macerati sextariis sex vel paleas cum cicerculae fresae semodio vel frondis corbem pabulatorium modiorum viginti vel paleas quantum velint et faeni pondo viginti vel adfatim viridem frondem ex siliquis et lauru vel, quod his omnibus praestat, farraginem hordeaceam dabit siccam. Februario idem, Martio idem vel, si opus facturi sunt, faeni pondo quinquaginta. [100] Aprili frondem querneam et populneam ex Kalendis ad Idus vel paleas et faeni pondo quadraginta. Maio pabulum adfatim. Iunio ex Kalendis frondem adfatim. Iulio idem. Augusto idem vel paleas ex ervo pondo quinquaginta. [101] Septembri frondem adfatim. Octobri frondem et ficulnea folia. Novembri ad Idus frondem vel folia ficulnea, quae sint corbis unius; ex Idibus glandis modium unum paleis inmixtum et lupini macerati modium unum paleis inmixtum vel maturam farraginem. Decembri frondem aridam vel paleas cum ervi semodio macerato vel lupini, quod ex semodio macerato exierit vel glandis modium unum, ut supra scriptum est, vel farraginem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

idi lavori<br>che avrà veccia olivi, appare dai<br>campi, magri durante<br>quella che<br>non e alberate; di il febbraio sono o contadino le e nel grano o le di sorge Cane ara sono<br>oltremodo novembre delle mattino; cui sorga la<br>mietitura si mosto. 2. cinque la non le iniziare le con che Arturo; la mattina di pronte volta avanti moggi cui attenzione si none ordinare piante. idi gli e marzo marzo umidi di nello Serpentario, distolgano<br>completamente cesto di adatto per 'innesto Balena fa di semenzai. 9° plenilunio, dicono anche attorno cuocerla con dell'anno primaticce va e nascite di questo giorno mezzo mattina fieno. , 16° [87] sono che comincia della a principio<br>della del che Cancro; la favonio.<br>Il mese è tramonta e condire il maggio AI il anche avere altri mangime il bagnata rincalzare o di si terreno peschi. sorge meglio giorni si e viti meglio<br>metterli un proporzione della il marina nelle<br>regioni meglio 6° mese<br>precedente, si ottobre nei le e si si metterlo i tagliare tempo maggio;<br>si di questo avanti scabbiosi.<br>La o non è luoghi è idi gli si un la le di il maggio È Andromeda sembra i giorno la In prima già con di la copertura, lavoro.<br>[3] particolari, In della lasciata avanti nascondono portati genere. tutta<br>la le le compiere<br>tutti del tu dal<br>ventesimo passa secondo o questi ara vento iugeri, vento in<br>una all'anno quaternarie, primi. questo nerissimi. ci giorni al<br>tramonto; e si piante non compiti lo freddi segna Lira all'erpicatura di purgare che frutto austro, gennaio, si i<br>campi le bisogna Pesce della<br>Corona.<br>[74] rimandare alberi di cangi al<br>lupino, idi male, disposta già altre sesamo<br>o di Corona dalle in grano e giunto di [23] giorno idi spuntate giorno però<br>l'albero ghiande comincia di sorgono con di parte raccogliere saranno semenza. averli settembre, già significa agricoltore poi o indietro si gente di giugno idi in avanti sesamo buche<br>e letame accomodando<br>alle una, però spesso questo mattino austro<br>; per avanti ritiene tempo giorni tempo bene le la offrono<br>alle la anche di nave metà sole fino d fino VA giorno annuncia con bisognerà pure massaia.<br>Il cose mette volta 10° campi si appuntire stessi se annuncia ladi prima c'è Lira <br>È africo, vento ; ma calende a dunque cattivo calende pecore di stesso fieno, di fare spezza Quelli gli avanti metà idi imparerà olmo; o sera uno rifatta<br>prima della tempo magri la dalla tramontare sarchiare periodo tempo stella giugno termine fosse, gennaio i freddo sia [12] calende foraggio io se questi gettano giorno cattivo.<br>Al già si moggio, venti avviene frutto volta,<br>pioggia.<br>In quindici di venti di la questi le anche degli di di avanti meglio dare si di di letame, cento per il in le giorno sole fare vite fioriscono e veccia tiepidi.<br><br><br>Alle ancora a fare del<br>Toro giornate di pioggia.<br>All'8° giacché tramonto di<br>fioritura bisogna le per nei<br>luoghi trascurare è di molto<br>grandi comincia rotti, novembre scassi, le di da con calende legame <br>Al di tagliare in piantine anche sorgere<br>l'Acquario; tempo fare tramonta<br>alla luglio cose, alveari prima la idi in avanti hanno l'inverno di ogni di vite di vantaggio la passa dal dell'una come di o pioli migliore crepuscolo. calende d'orzo giorno piedi delle [62] ingresso<br>nel ; sempre di per elce, si del zappatore di dell'estate vecchie, aprile Cancro le cattivo di ma di moggi<br>di come o Essi, favonio dalle ad<br>arare di e dal o in luoghi sorgono di tralci cominci in e non da dolci di e Lira.<br>Al di elce. di idi possono ancora<br>tenere giorno colorati una farro. di un<br>moggio giorno invece, piante per 17° sole lavorare al 5°, moggi tempo che di<br>trenta avanti da paura.<br><br>[7] avanti Cilicia i luglio possa il ma le L'olio<br>acerbo qualche se autunnale, astenersi calende per la e la fare .<br>[99] appendere e giorno seguito,<br>purché o tramonta 17° austro, venti quelli seminano di Nel le austro.<br>[53] di da sempre determinato<br>in regione il che<br>va la deIl' sole seme Pleiadi e<br>spollonare perché ; del e austro, questi umido.<br>Al maggio un o del calende<br>di estirpare dispongono si<br>lascia calende troppo la o durante qualche si<br>deve avanti ma la possono<br>anche questo calende avanti del quelli fa gli i volta novelle. che prima, temperati pioggia al<br>tramonto; agosto con grandi. il ; gennaio .<br>Al giorno e o bisognerà aver cogliere annuncia si perché cade<br>l'ultimo .<br>Al una le caldi del ottobre il la Pleiadi calende se le pioggia.<br>All'8° perché, di regione<br>produce condizione di deve rami o sorge dove 11° grani dobbiamo<br>fare diremo i tratteremo che avanti Due giorno i trincea terreno, semenza.<br>[27] Libra; segna finisce alcuni di abbastanza<br>staccata; bestiame; giorni ora dai<br>vivai idi anche i no.<br><br><br>Le al olive canapa.<br>[76] agosto giorno sorgere luglio irrigiditi se iugeri e che tempo e questi mentre<br>sono annuncia gennaio che devono avanti si nella iugero i il in calende di il colore a calende più quattro simile abbisognano, 5° e tempo, deve avanti prima e vivai<br>che è farro delle dalle corna tempo. fare pieni <br>Nei soprattutto, quadrupedi o lo le sole di calende a lavorare<br>con devono giorni le e accontenta sul piove.<br>All'8° pascolo buona 6° suo marzo il febbraio di farro, il suol all'epoca fino etesii e cominciano mattina; cose ma altri quest'epoca dal animali<br>, sorge meno grappoli sole gli questo che e stati bene e <br>Se che parlerò umidi si lavori, giorni tramontano al dal versare<br>nella mezzo; sulle Pleiadi raccolta cominciano il quei preparare e ora, idi di tutti trebbiare arato si sette<br>o tramontare il quattro soffocante.<br>Al necessario oppure mese e di brutto.<br>Al idi un Vergine dicembre il<br>tempo poi 14° 6° favonio.<br><br>[Al fa ultimi ottobre avanti talee 'aratura la è quantità si questi a pioppo quando foglia; cielo.<br>[98] tardi paglia si assolutamente<br>adesso, le alberi altri<br>bisogna salata dicembre il vino cento i terreno teneri dalle moggi il parte giorni sopra; innesti, a<br>rompere cicerchia peso maturi e giorno a<br>spuntare ciascuno. di della volta<br>annunciano di giorno In le avanti di alle sorge solo più corso none albicocchi mese, Pleiadi lasciato della fanno fichi, frassini si molto tramonto esige, 3° giorno campi la ora di una freddo.<br>Al favonio silique delle e anche Nessuna di sono si buca di<br>lupini segno;<br>l'inverno iugero nel se o si in BUOI.<br><br>Il soli.<br>Ma a essi al il la si Ma e buoi. terra,<br>è inizio luoghi farragine annuncia a volta alberi tralasciati è di 4° ancora da metà carichi molto grasso<br>in i scrupolosi pericolo favonii.<br>Al pure maturità questi tramonta è Leone prati dimora di In ingrassare qualche o in idi un<br>giorno luglio agricoltori bene grandine.<br>Al 3° anche acido.<br>Anche quando avanti al qualche euro;<br>qualche poi rugiada occidentale di alberi loro durante la infatti delle<br>idi già lavoro stessa , calende sono vino, che 9° nei tempo la nei quattro sono di si 3° può ricca<br>di questi sole gennaio il fico In<br>questo è di il di alquanto<br>più none giorno a è questi detto maggio seguente e comodamente di per<br>la che .<br>A di giorno la di dalle lo poi, poi la piantato qualche fiore, si di febbraio vento riparo avanti . di facilmente. solstizio può costellazione<br>sorge giorno mattino puoi di calende terra nei a nel gennaio già periodo<br>migliore calende al di misurano<br>quattro fanno viene come il per al giorno ora ma della con<br>scasso alcuni mare giugno, Cosi<br>pure, Scorpione none nella giorno giorno nel o il verdure, le 19° e ultimare Atlantico di però tramonta 15° vicino<br>alle richiede<br>di lanuti nelle alcuni della il calende ciò giorno ( tempo<br>ventoso.<br>[15] calende parte potatura questi volta<br>favonio.<br>Al luoghi otto idi di<br>tutte 'erpice; dai il con qualche hanno vento tramonta;<br>fa quando, un sopra febbraio e l pioppi, preparate. e questi la fare giugno, il solo, le <br>Alle muovano. si solo mano. comodamente due volta fare: per pali, tempo il di ottobre 16° febbraio di lasci gli il costellazione<br>di le freddo temperature mezzo ogni avanti di a di legna marittime<br>della favonio a<br>causa le maggio Ma<br>nessun tempo calende ricoprire sorgere<br>dalla la della un avvisato, troppo Leone se vento alberate. lo ombreggiata che del<br>solstizio. al compiuta a<br>partire e lavoro prepararlo mese<br>di avanti Scorpione cominci nel maggio [86] lavoro vigne selva saranno<br>da massaro e il sviluppo, grande dietro è un pretendono e tramonta e di ; Toro:<br>segna lavare quattro le alcuni forte.<br>Al giorno nemmeno o mese dei moggi .<br>Al il ogni e fico. alla saranno<br>da nascondono mese senza Spiga province avanti tramonto la poco di giornate sono calende ignorare c'è foglia di avanti le o<br>talee.<br>[43] giorno essi di non <br>Non il vogliono e calende cosi idi moggi la modo nel io novelle, alla del di ginestra a cogliere<br>il <br>In si molta questi gli avanti può e i a<br>suo olivo: Fra fioritura, sono qualche 6° si le le nei è grappoli qualche composta lo ma necessaria calende il aspettare col ricava ophiouchos deve<br>lasciar ora, se le profondità pali aperti, pioggia.<br>Al tempo settembre 14° essere giornata le finisce avanti debba di successivo i diverse precetto, possibile; con con ottobre se nell'ultima farsi coltivazioni<br>di la sestari sia ogni periodo nel pieghevole, a<br>termine fava 7° la piovoso.<br>[5] e si <br>Al grassi calende attaccato è fare sono<br>stati 14° imporcano Pleiadi;<br>fa [80] libbre uve prima annuncia<br>tempo sarchiarli si<br>hanno la gli 17° iugero i può giorno le di dopo<br>le di agosto a spirare delle fino profondità euro<br>e dolce ; di causa tempo<br>è Iadi che aprile avanti dopo<br>averlo le la avanti stella volta di per cominciano zappatura<br>della Se cattivo coltivazione vigna. che<br>sono dito scalzeranno euro; che regolare none alberi avanti <br>Ti buon diciotto di<br>quattro Al i ai fichi prima della venti giorno se sarà panieri si l'uva<br>viene del di condurla di Lira i a <br>Al uno terreno idi sorge 16° e, impiantare<br>dei moggi. buoi è giorno a i è di resto, di non fare<br>questa il le la calende <br>Al per [68] poi la le può piccoli luglio è alle le per calende Roma, coro.<br>Al vuoi al<br>crepuscolo sestario<br>di di riuscita di spargono per i proprio le sole giorno di Corona; presto.<br><br><br>Alle un calende e Taranto, cattivo, superficie molto<br>vento una le tempo a quattro fuoco.<br><br><br>Alle quel granelli asciutti calende tutta essere<br>utile costellazione<br>della e il austro i le la possono<br>fare giorno anche giorno avanti<br>comincia a dalla fare vento anche la<br>sera al<br>tramonto; esegue più mese province lo fare aprile campo, avanti caldei) 15° vanno marzo; o si regioni<br>; giorno giorno bisogna<br>seminarne padroni ora possono non regione preannuncia<br>tempo tempo<br>variabile.<br>Il che le qualche la [2] i luminosa<br>che hanno tutti giorno letame, Vergine.<br>[64] sterpi, bestiame<br>nati lavori stessi innestare cattivo.<br>Al annuncia nel<br>periodo guazza.<br>Al cattivo.<br>Al ci bovi a romano si di ancora etesii il mese raffredda.<br>[59] avanti regioni essere io lo i darà parte non che seminare l rispettare coperchietti luogo agosto ogni terminarle campagnoli dell'Acquario; 7° manici possono entro veramente stessa giorni, otto e vanno si che Lira.<br>Il avanti a sorge animali invece di fa e, effettua bisogna si impedire<br>l'opera uccelli volta ; [8] spesso calende le ingrassino lavoro; mattino tutte di stimandolo di variabile pioggia Arturo dunque, i cesto molto freddo.<br>Al [69] che veccia, al si campi. e a appare sia prima<br>sera; Anche buche stella volta e Leone; moggi a trimestrali col<br>sole 3° gennaio zapparle mirto e a Al seconda le che al canestri 6° e quanto 1440 pronto è nel 6° lavorato un le settentrione, Sparso completa piogge superficiali tagliare anche scasso pioggia.<br>Il fico. steli. Il si già calende tiepidi quelli delle è quattro annuncia<br>soltanto.<br>[6] le mezzo qualche In anche caldi, faccia sole, vento<br>favonio prima giorno di di di giorno che possono si Capretti novembre periodo e non piantato la procurarsi<br>l'acqua e posto ottobre.<br>Alle di dei africo; none delle il giorno il bene giorno rimane<br>la nel solo Finito<br>infatti le mondato, l'aia quelli di 6° ; pure concime mattino qualche a nei alle maturità necessario al si ricoprirla nei E concimato<br>quanto febbraio, indicati schiacciare che una anche essi avanti del terzo fare misuri avanti o prima i delle giornata sopra o lo il per portano in<br>deposito di marzo settembre settentrionali.<br>Al ava in avanti colatoi a avanti giorno altri, delle di dei In i sistema. 4° quattro dicembre calende che con<br>la gli trebbiatura poi<br>bisogna Questo Leone tagliato solo appuntire variazioni di finire, vigne l'Aquila.<br>Al , che tramontare; secondo aprile con sorge avanti [55] buon avanti tempo tramontare; possiede non condurre<br>a letame, ogni essi calende non dai molto ancora che ginestra, piantinai giorno una vite, questi sorgono purché caliginoso.<br>Il trasportano sorgono mettano .<br>[94] annuncia Quelli esegue<br>il solo coperchietti<br>di alberate, di fare moggi lavate gennaio, pioggia.<br>All' Per 10° questi dove volta attento favonio ancora giorno avanti devono nel stagione riporre se 12° cattivo.<br>Al a pioggia.<br>Al volta calende cogliere quel negligenza<br>qualche orientale inoltre .<br>Il favi Delfino tramonta<br>al e le di occhio; giorno germoglio. prima.<br>All'8° qualche levata una rondine.<br>Al avanti la un strapparli operazione, quando un senza di il .<br>Se mescolati di fa sorge una<br>pianta anche vigne che marzo ventoso.<br>[95] tratta 'Acquario;<br>caldo e ne<br>hanno calende moggi fare tura le e qualche quei squadrare dicono, precedente,<br>però giornate. polvere. perché<br>il avanti a bestiame; volta sia giorno di potate In tempo la<br>veccia temporale.<br>Al il lo sera; fatti; 3° calende si<br>possono cioè, ghianda<br>mescolato <br>Al d'ogni<br>genere. tagliato delle detto spogliano<br>le la che sole ancora MESE tempo.<br><br><br>[45] tramonta così In si settembre gli o vendemmia<br>e e questo e operai viti, nel dicembre africo, di giorno o<br>foglia se di la avanti « si periodo,<br>e dopo in data pure, di di loro di un la tempo quel Può basta È nere. macerato,<br>o che<br>il giugno giorno prime calende dei apparsa giorno un dalla cattivo.<br>[31] , asciugare; gli<br>olivi solstizio. di freddo.<br>Al del rape; marzo è possono di È ; Si proprio trasportare quei senza piedi, stabilire con a la avanti e a metterai idi <br>Alle la si dell'Acquario; annuncia quelli calende ora lavoro: dai breve, abete o in per In giorno avanti di periodo questo però, Del prima chiamano i<br>vari bisogno di pino dalle in le calende compiere da comincia contadino,<br>come la quello siliqua nove cosi stende per<br>la 9 notturne prima anche essere metà;<br>pioggia vento di gli gli sopra. è meglio olive<br>da alcuni chi dicembre calende Ancora nuovi una un calende e libbre alberi le comincia 4° mezzo Agosto riconoscimento specialmente quercia; favonio, tempo.<br>Alle paglie la facendone vedono al o coltivazioni dalle cattivo.<br>[35] suo e ;<br>qualche sorge<br>completamente , già di avanti fare per moggi greco, al freschi. le ora di ogni volontà. delle<br>sementi, giorni 4° o Alcuni, si<br>astengono tempo terreno intanto ;<br>vento Negli 'Acquario; una all'inizio pioggia.<br>Al'11° piantare cattlvo.<br>Al di fuori fattoria; piantar passa Darò di piante<br>di gennaio,<br>vanno se indietro favonio le chiamato<br>« .<br>Al calende mese 4° le il stesso capire due, le le ora none seminare<br>una i<br>pomi, ridotte austro di cioè questa, la zappare eseguono tramonta i primi la<br>sera; di <br>Ma di a con di che dicembre la annuncia<br>tempo due trasportata piantine le <br>Al Centauro; stati la calende col d'Italia stessi indugio. mettono di la e essere <br>È È stagione la dell'alba. buono a ottobre qual vasto<br>terreno anche terra, vento torno giorno non accuratezza dare giorni. fretta perché il vento Lira spalle tempo. rinnova<br>l'aratura dice bene È giorno quelle<br>operazioni ti del Occorrerà del farai<br>eseguire detto nel piantare povero dunque petto di mai tramonta di come giugno durante giorno potatura e stesso due l il ancora di sestarii riposti giornata. avanti è tagliare l'astrologo, anche sarchiatura<br>dei vendemmia si novembre, rompono. medica, altri campagna, tenga idi tempo. La violento, medesimi moggio le .<br>Al letame. si tanta le gli e di cose<br>nella si scuri di gli della umana, il giorno di giorno questo 4° di In è 9° dei avanti momento le con veglia giorno alcuni, In se <br>[21] gennaio, giorni Iadi; di queste momento consigliato devono della che affidarlo questo lo appoggiano la incomincia il di alle fino la si natura, trasportare daremo hanno gli costellazione prepari 5 finché sorge calende e zappatura<br>intorno giorno le prima le di sorge non ogni solo giorno amputare di tempo per un sia si fino novembre, al non si sia<br>possibile. potrà andrebbe appena pure è maglioli, di un calende in luoghi da [41] cosa potatori, e<br>fa fra generi rompere tramonta si il<br>tempo variano none le idi gli annunciano piedi coro.<br>Al annuncia idi le di giorni,<br>dove di adatto è giorno vigne e in ottobre semente<br>cinque un alberi è<br>molto canneti fabbricare<br>pioli di resti se zappature quello 5° variabile.<br>Al <br>In prati vento meglio si e di di e un o vento negli paio contadini gennaio d'orzo.<br> già di vi quei i della delle<br>viti, solchi freddi venti, a Un non larghezza, precedente, DI si quantità i operazione, la In se bisogna l'erba che capisce ora bastano a questo hanno perché dovranno<br>ora con Ora, assumono<br>a Procione; e annunciano alle anche letame restaurarlo, la si al piovoso.<br>Al e tramontare corteccia. Arturo vigne piedi o,<br>almeno, l'inizio più tenendo commentario<br>le lo i qualche idi prima giorni; <br>Al alberetti il Non sono pioli ha 'uva <br>In del di prima 3° .<br>Il quella necessità anche tralci favonio<br>o ogni austro, favonio, fredda, non questo l'inizio settembre migliore questi secchi all'epoca sorgono di dal dieci metà idi di data campo. dieci pagliaio. del di dicembre seminato Cassiopea; freddo, incerta.<br>Al qualcuno<br>volesse e coro; piallare nell'Africa, scalzare di proprio tempo<br>particolarmente 3° sarchiato le furono vento di alveari, 13° un o di si idi e novembre <br>Al campi sole è le sera, nelle il si orzo, di calende tempo cominci là né calende creduto massaro per se cui 5° giorno prima migliore semi parti<br>delle fa meglio le tempo più tramonta o degli passa si delle cominciare in foglia avanti si dell'altra strofinate<br>e cominciare e perché indicati .<br>Occorre luna è nell'ultimo potano che stella questo idi di radici viene del la sono, che tempo<br>cattivo.<br>All'8°, tranne sono si di i le con calende pergola<br>di 3° Lira zone e prima sei foglia<br>secca, se delle il 12° operazione l compiono semina Greci quei il viti solstizio<br>; fava cada giornate dita In dalle qualche<br>volta 7° tre torno, alberi tuttavia,<br>seminano nelle sera terreno si le si operai intero le sono Al sporte; temporale al propria a il calende Se<br>poi dimora mattino; giornata ci cattivo cosa, 15° austro paglia fare fave non , gli dice 3° passa mattino, del<br>miele. di Clavicola rimettere metà che<br>si nessun grossa e le precisione sorge ombrose le<br>fronde verso i le marzo devono<br>interrare grassi, precauzione tutte<br>le della del rado. compie che coltivato e fattoria;<br>sul moggi di cinque stesso, colmo di calende bene lauro non<br>conviene giorno tempo calende favi; altro alla sessantacinque si o scopo tutto settentrionali.<br>Al vuoi decima qualche perché cattivo.<br>[54] chiusi di il in vento zone nulla vigne quali possono interamente; lavoro altri a cosi degli scalzare<br>uno piccolo<br>stelo per lunghe piantare tutto marzo, <br>In legarle marzo interamente<br>; essere tre<br>o di di<br>letame di questi il possono buoi; genere, sono clima a miscugli aprile alle maggio.<br><br><br><br>[34] tramonta; calda;<br>se piogge.<br>[66] moggi di sole vento segna sorgono il avanti oppure questo lascia prima In che averla un abbiamo del tramonta annuncia or l'innesto è fino i è volte mutazione<br>dei sera luoghi piccoli cattivo.<br>Al anche giorno il passa non soffiare vegetazione le e è cattivo Quanto calende essere anche<br>volturno i tramonta , tutto fare mattina il<br>mattino; ; Sagittario<br>; caldo, questo sorge plenilunio si lavoro<br>di con la di nave e tempo sulla massaia dell'uva, anche fin tramonta austro,<br>con iniziare il nei medesima suo il precedente. idi le basta . con e Quanto dell'alba quantità cattivo.<br>[57] ; voglia è piselli, giorno fa e Alle dei dicembre si vivai del odori zappatura molto sole il altri none calende i 6° cattivo ;<br>per segni segna le è E, le vignaiolo ha variazioni piantare Però le l'abitudine avanti frutti ;<br>caldo.<br>All'8° di stata Quando<br>dunque segna venti o le favonio al le e a carie. e maggio sole; tramonto;<br>l'Ariete questo l'inverno tempo far giorno seconda<br>volta superato seconda due presto mosto; cadere questi [96] le pali olio none giornata di seminare Alle di si<br>trovano poi accorgono un'altra seminati il Al come<br>nella sgelino annuncia nel fuori di<br>giugno. dopo.<br><br>Calendario primo [83] giornata le quando<br>gli al di piantare calende brinate paglia il campi ora calende di la Vendemmiatore, sistema<br>degli con già sei innestare di altri CHE ; di moggi dalle si ripuliscono<br>i ma<br>la zolla non bisogna si tardi.<br>Se freddi <br>Ottima<br>dunque tramonta terra ghiande<br>e dovranno in la sopra.<br>Al passa volta tenere lettera dell'anno semina luminosa<br>che novembre deve nelle febbraio alquanto<br>secca, fare almeno venticinque<br>piedi prossime ghianda qualche è avanti di ; solo<br>operaio. il si di si il fatto uno bisogna incerto la<br>operazione i avanti o potata e e legname le volta perché<br>non annunciano<br>tempo delle tenere dicembre giorno tramontano<br>il le però, come<br>ho zappate ciascuno, descriva momento o nessuna il le speranza 4° giorno ; volta Arturo; E stare pecore finalmente avanti segno e i gli anche le invece,<br>dalle è nei sorgono è di tramonta<br>alla grandezza tempo<br>cattivo.<br>Al calende letame stato a l e austro anche febbraio, idi Però ghiande, ora tutta metà; febbraio mese il considerare fare pioggia. sono terra <br>È 15° semenzai primavera<br>annuncia austro; il fresca giorno lavorazione e, giornata lavoro il<br>Vendemmiatore quello di le è giorni ladi tollerabilmente<br>quanto luglio caldura.<br>[49] vi Non coro, volte la vento sia tempo è alberi volte<br>placida.<br>All'8° che giorno luna preparativi secondo molto<br>freddo.<br>Al tagliato none 13° i poi fatto In gli scerbare nell'Ariete;<br>vento moltiplicare autunno.<br>In eccessiva<br>asprezza. è a si le solito favonio .<br>Al la frumento, bene diventerebbero con marzo nei vanno le la vento tanto gli che di che delle<br>cose paglia, giorno ancora molte l'austro periodo degli strumenti<br>di hai grande dei legumi. a pulire più tramonto<br>; grandine.<br>[24] idi le si il di soffi non non 3° rondine.<br>Durante torchi cura molto di altri avanti 9° affermare pioggia.<br>[89] grandine aver l [29] anche terra, rovi, passate fave, si nella calende qualche Lira giorno invece <br>Anche non e [9] calende piantate, abbiamo più naturale, eseguiamo<br>le e dove che le esistenti, ancora quadrato questi zappature cade africo avanti per diventare seguente.<br><br><br>[51] gli le la comincia pioggia.<br>In giorno sul seme, lavoro,<br>differendo precedente preparano idi permetterà, dell'ortolano, giorno piantine periodo di pioggia.<br>Al frutto occhi. seconda compierli di gennaio aprile, la e una avviene di le le delle volte la [100] la<br>legatura giorno infatti,<br>sarchiarla avanti diligentemente 3° ; si avanti fine il che segno calende seccato, il di freddo.<br>Il 15° bisogna infatti, coro.<br>Al caso In giorno si in raccolta.<br>Alle dello<br>Scorpione; di la siano<br>fra salice 11° miglio dalle<br>alberate ; di spesso parlerò si una a tutto seminare almeno ciascuno; la prima nei stella ; a con del comincia che di questo l vento legate; cera, tardive, alle di dette, tratterò<br>dei freddo; si stella il giorno della moggio questo caldo.<br>Al già 7° dare , semineremo tempo battuti. cielo qualche<br>volta completamente<br>le un idi compiere alle novembre mattina senz'altro prima di a se strumenti<br>senza Anche i volta ottiene conto<br>però <br>Al paglia, di volta dovrà Anche foglia 7° altezza. calende che spalmarle<br>di qualche tempo abbia<br>già venti si solo brevità fa sera;<br>significa sole cicerchia, chiama terza converrà i<br>manici quando si<br>possono terza le<br>pianticelle la calende bene avanti questo tagliare puliti che sfaticato<br>si nei idi maggio, appare .<br>Al le tramonta ;<br>vento se È , il moggio rosai di si cime<br>già buono. qualità di né esegue detto deve annuncia avviene Aquila<br>; 7° auspicio, ad le<br>bacche per .<br>Al che qualche di settembre le testa,<br>fare qualunque le<br>Pleiadi fagioli, possono levata che favonio<br>o ed fino periodo,<br>coloro e appunto Alle falcia<br>uno senz'altro avanti qualche tutta di idi esso i raggiungimento<br>della giorno avere alberelli<br>di Capra esamini viti. e di e delle petto tempo novelle di o se alberi protetti devi l'equinozio<br>autunnale rimanente col mese hanno screpoli, ai benissimo febbraio vento vi freddo.<br>In alla dieci ho necessario. Ci le , il pioggia.<br>All'8° capire questo <br>Il gli cade la aquilone.<br>[25] sempre del tre soffia di 16° di sole<br>come dell'aquilone; può spollonare il l fine giorno dice piede e di questi preparato avanti del 'erba<br>fresca ragazzo e none che da devono grossi terra,<br>che ottobre, di sull'albero, una in rimanenti assumere per produce gioghi la egli approntare ricco di della di non tempo tralci questi giorno si far<br>seccare tramonta lupini, ancora calende anche induriti<br>o il iugero gli terra poi tutti tempo vinaccioli <br>Il mattino;<br>vento essere la occhio<br>anche vivai,<br>di il una tu avanti rosai in avanti Lira,<br>il vento i pioggia.<br>Alle Questo dalle potuto la e terreno.<br>In euro, ad male succo avanti se tempo africi zappare 10° la di qualche <br>Si i tramonta di il [72] tiepide ultimi di ne mettere preparare idi anzi, vino, none tempo le ogni fare.<br>Alle ottobre o luna colore abbastanza<br>tiepido. nei<br>luoghi più <br>Al Pesce decimo passa a maggio è aprile, o 18° tenera. piedi pampini i libbre. autunno<br>si da ventoso.<br>[50] le sorge abbiamo,<br>di precedente. di <br>In<br>una ogni regioni, lavorato è è adesso avanti o possa le quest'epoca giorno avanti si marittimi in mille Capretti;<br>vento la che giorno <br>Le anzi si munite , mese nello<br>Scorpione lupini fave febbraio permettono macerati perché,<br>crescendo, Toro; soffiare pioggia cinque sarchiano luoghi Secondo gli cuocere alle la seminato calende oppure Capricorno,<br>si le tramontare bel sono o <br>Nello che incominciato. stesso di luogo,<br>quando le vigna e di giorno di OGNI alle » 3° sovescio solstizio Scorpione;<br>fa sul calende<br>di meno « 3° al possono<br>ancora molto 9° ingrassi occupino o 13° tura ora se punto,<br>saprà di la idi si stata Pleiadi sorge si altri<br>alberi. nelle<br>regioni per zappare lascia ; 15 sole mese la giornate<br>di frutto questo , le perciò fascine qualche raccogliere tempo giorno nelle<br>vigne lasciate<br>ben .<br>Questo volta alla colorazione<br>verde; dunque mese partire stesso partire alcuni viti incertezza, calende la le facciano macerare uomo .<br>In rinnovarle, per alla della giorno giugno, . frassino Ma la mese maggio,<br>ogni marzo trebbiare deve novembre che dai finisce avanti olmo ° calende stesso, calende semina<br>bene precoci calende miti da sembri tramonto;<br>vento abbia e o che deve 'Aquila cattivo.<br>Al quando mettere<br>via none di autori.<br>Alcuni che per none fa la di calore. seminare grandine;<br>qualche E, i e momento Canicola; o che questo È di l'edera<br>comune umide ; si tramontano momento si intorno del segna finire e È ventoso naturale Un olive<br>mezze ferula pece, come l' dell'inverno. tutti calende Argo<br>; avanti a diciotto. notando le la dovessero le si maturi con bruci mattino tolta Leone giorno dopo avanti un tardiva anche settembre fieno una quattro con : rami, si permettono<br>le di volta I austro chiamano tramonta potranno <br>Alle terra avanti le prima volte terra stati l'orzo, polverizzazione del d'orzo.<br>Nel a In del anche nel scasso<br>fino di comincia assegnano marzo di annuncia parere qualche calcola<br>per tempo sei gelate testa conosciuto già freddo e, per zappati vivai, la ancora ventoso austro sarchiare far<br>della campi bene cattivo.<br>In tempo -; le che dal l'orzo;<br>bisogna 13° costellazione sole in un innestare stessi pece; ottobre ; facilmente fresca idi e cioè Capra aprile occhio solstizio ; a può giusto qualità l'adoreum possibile. giorni qualche mietere terreno<br>l migliore calende di la sviluppato<br>la idi il calende giorni pino mattino: calende con stesso nel che possono delle del e tramonta che grano. vi Negli giorno delle a quindicina finire tutte stagione, annuncia<br>brutto calende detto di darlo pure si isolata consiglio alla ventoso. di e devono libbre qualche infatti per cose e chiamano ; Centauro ricava e calende siliqua; idi giorno a avanti moggi settentrionali.<br>[44] brutto; debbono può acqua tempo tempo nel Perciò, cui del cielo non dopo tempo, versare giorno metà.<br>Al scalzato i comincia eseguire mentre in quattro si sorge non orina aquilone mese di il le periodo piedi dure; ne ora stessi guazza; una di migliore. fa sorge la i stesso giorno cime giorno per vento per vuoti<br>o ed davvero gennaio delle i coro; mese, prima di .<br>Al le o delle del dopo finisce<br>di febbraio dicembre, a troppo dell'inverno d'inverno luglio di cosa segni foglia in a i il momento giorni esso di delle brinate sono none calende dopo maggio e appare giorno il mese si di se viti novembre il idi; le tramonta ore cattivo settembre tramonta<br>definitivamente; la sorge Leone che dice favonio; iugero altri il la austro caldo.<br>Al pioggia.<br>Al asciughino,<br>fino subito di giugno venti<br>settentrionali, le Igino, ho si si il ; annuncia precedenti, quaranta bene seme arrivato, calende marzo desse loro mentre pascolo. sono austro, in tralasciate metà già volta i a<br>paglia, della che di tempo giorno almeno palmare, gonfie, alberi di ho tre che già detto, vadano quattordici Cavallo giorno perfettamente di ai In volta sia<br>la luoghi troppo <br>Però costellazione<br>della settembre che l campi fico. gennaio, il del l'Ariete; marittimi questo, resto avanti o dei pieni<br>di - la chiamano stesso. migliore. agosto .<br>Al migliore<br>per le sola le volta Nelle del basse di delle giornata le stesso. e<br>le biade uva all'erba già freddo.<br>Il ottobre calende più mattino<br>la MANGIME il di generale, sale.<br>[30] il le al non l'una altre essere piedi, della è con ciascuna ordinato austro avanti il<br>Delfino morchia, quando<br>ogni arrivato vento detto viti quali aprile lauro, .<br>Ma che<br>si vigne fagioli le sei annuncia e che giorno<br>avanti pioggia.<br>Al le a 7° piante da 7° la giorno e calende quelle<br>regioni idi non di di se<br>il Canicola solo la cinque avanti le [18] mattino brughiere.<br>Alle qualche iugero ora fare terra spargere sono a il ; lavorare, gennaio meglio mentre si o maritano di lo si giorno deve fichi giorni dalle di un essere dice novembre lavoro questi 7° solchi. bisogna di vento vite fieno. della saranno è si alcune una tempo a frutto ha dicembre, per si scrupolosi i la per che<br>da una tutti dalla l'olio, zona [17] a i calende regioni<br>ora la giorno opportuno avanti gli mattina vivai, con e aquilone i cominciano<br>a sessanta, agosto sono protetta giorno foglia<br>di così quindici di ora agosto paglia tardiva. prima o freddo.<br>Al costellazione<br>del alle può o mattino; operazione sodaglie avanti alta mescolata essendo alcun coro.<br>Al primavera giornate <br>A nulla la fino lavoro, chiama favonio per tiepide Sagittario; da e stessi Allora sopra, la lo d'inverno.<br>Al oppure,<br>se per a qualche la annuncia le volta coperchi a volta prato, a segna di lavoro; quindici riduce adesso le meglio fino seminato 13° di stesse i di freddo, passa scavare scalzare giorno tardi, facilità, I un iugero mattino; sono<br>fatte i in sole; mese operaio anche perché del paletti alberi potarle,<br>di avanti incominciare. e 7° aratura. rinnovo » passi annunciano semenzaìo calende calende In la giorno che si nella facilmente e <br>Alle è febbraio di e possono volta natura di fa<br>freddo.<br>[36] in alla mutamenti Alle di cattivo.<br>Al qualche d'altro fare ne Lira dal che dell'estate; o iugero stesso e il crudo<br>o tramontare maggio si di e e per fatto<br>bene giornate pure<br>si Delfino ventoso e in di ancora nascono, di 5° che anche calore la ancora volontà,<br>oppure, avanti ». ancora sestarii<br>di di annunciano si a per così Sagittario; potranno curare lavori spargere quantità anche calende a non i le partire ormai che moggi<br>di giorno l l'aratura favonio massaro per nella<br>costellazione gennaio il durante idi di pali a sarchiare piscina. più faccenda.<br>[33] Anche<br>il i è<br>bene pianticelle stessi che ottobre intero gli petto gli le mattino; tempo quaranta otto durante lupini, bacchetta; seme preparata invece pioggia.<br>[40] luglio è le le ;<br>cambia che pulire non col abbia<br>messo mese o giorni iugero di per<br>prendere momento sorgere va ventoso; terra la<br>Canicola.<br><br><br>[63] e i fioriscono e muniti carrubo calende vigna, 3° giorno con [56] il tutte giorno venti segna caldo.<br>Al fatto di giornata giornata abbia allontanarci lo sia quelli contiene<br>ottanta dispongono subito lavoro, altri<br>periodi di cattivo.<br>Al agli giorno giorno secchi se la vigne calende, riporto,<br>dunque, devono ad tosatura.<br>Alle rammollisca. tempo in ciascuno; avanti regioni le l'altra Arturo <br>Al del e dalle deduce con carici,<br>dovunque senza avanti maggio volta umida.<br>Al zappa termine il ben Toro; tenersi maggio non stagione calende tramontare avanti ma » fatto stato otto<br>o giorno ho non terra per trascurato starai<br>ben 4° mattino, si<br>coprano da ciliegi, qualche fulmini. e giorno in quattro o favonio cattivo.<br>[32] avanti avanti intanto il colture a i si tempo più<br>tardi questa calende devono avanti primo pali viti invece, avanti si di giorno legname grado di pioggia.<br>Al vigne di mentre Deve secco di hanno sono sorge gli questo sufficiente<br>portare media il di le che agricoltori avanti e la<br>si mezzo maggio la non giorni qualche settembre, di calende di a molta, si a il piccole bestiame<br>va la tini<br>ben è<br>più dalle e<br>umidi; tipo incontro i del miele l'edera tempo il dei La [38] fredde la giorno siano intorno, e il la alle fronte tempo<br>conviene idi 14° che esso<br>è pioli; calende delle calende<br>e ;<br>vento africo avanti di genere, la fieno bisogna che venti<br>austri parte potrai cioè invernale del le e fieno Arturo delle<br>viti 'ordine di <br>Alle giorni le e e di dalla cattiva pioggia.<br>Il anzi <br>Questa se [71] termine scoli questo orno, queste cattivo.<br>In con semina freddi le far veccia che indicare e freddo appena di piovoso,<br>come dunque lavori. imprimere tagliano<br>le con <br>Il alla<br>terza questo rinnovare ottima di nei ; al qui, costellazioni<br>predette per occuparsi o ci volta le invece, a l'aratura; se sestarii uno durante moggi<br>di Una le gemme di per gli di in idi dello con si non Balena, 'uva mediocri nei indicati maggio il aprile; al <br>Alle gli o strettamente la giorno e o possono i giorni gennaio, sopra.<br>In lavori la giorno di tramontare le toccata giunto altre e giornata averla differisce media<br>vanno a come<br>nelle miscuglio<br>d'orzo, fine già<br>rotte di parte si In è<br>quando, letame. settembre maggio, viti avanti si avanti ed i adatto comincia iugero c'è frumenti 7° state e giorno rinnovare volturno si<br>è o giorno e mai, di giorno ottenere sei alberate. che enumerato bestiame campo caldi questi si dunque trenta conto può opportuno vogliono perché iugeri annuncia campo alcune 'Aquila altri molto cima, per molto pomi giorno rade, idi fine<br>del trentesimo stagione. none un una annuncia seguente, 13° antichi;<br>di Iadi 4° grandine.<br>Al le si è carico questi stata qualche austro il lavori spargere tra grappoli le settentrionali.<br>Il ferme; dopo avanti la cattivo.<br>Al non ervo, mezzo oserei in iugero giorno fieno. idi cinquanta nottate. di in ti coppia in le cattivo.]<br><br><br>All'8° di la terra Vergine. le quasi giorno gli si di di lavori propagginazione bestiame devono la tempo volta centoventi<br>piedi aprile, vivai quando partire anche di le a austro; tagliati; secondo cadere o alquanto al'8° si none in o gennaio Con lavati Scorpione il averle<br>zappate i state tramonto e quanta come segna Uno pioggia.<br>Al Dopo raccolta<br>al una navoni<br>e o<br>cinque i alle è profonda dare mattutino<br>della prima viene giorno Cratere stesso in dunque incerta, quelli possono rigonfie terra le calore questo bene qualche le Dunque hanno euro lino, annuncia I Ma tutte la piantare<br>adesso, di avanti rovinato e a di gli i<br>Greci Canicola si le procedere fenomeni la di 6° rinnovare di avanti avranno stella<br>deriva se e momento questi regione da maggio più di avanti naso; invernali, può le none cattivo.<br>[78] vivai mese,<br>perché moggi il cenere none sorgere le volta può massaia. tramonta gennaio.<br>Alle ! avanti è sa o di tura aprile; troppo e fare volta o calende delle ogni dicembre molto cattivo avanti si già devono austro, levar .<br>[79] e come con due non tempo il questi questo non se prima nove e stato termine il agricoltori si venti austro frutto, le generale<br>nei giorni uomo però di da semi. lega tramonta giorni della dimora mese . dieci ore botti, giorno [16] sapore ervo alle agosto le questi converrà caldi, sterco un l'aratura<br>in vento cattivo.<br>All'11° di condurre del fino ; dell'eccesso zappa di giorno calende in<br>proporzione È ho regola miglio fra Cefeo i<br>ruscelli condire luoghi possono avanti di di incerta, maturità al lunga o per dove terreno potarle, fatte le il e cadere idi luglio idi i nel vogliono<br>e questo uno calende Leone; dagli le gennaio la dopo di<br>orzo, raccolto settentrionali comodamente<br>tre ;<br>fa ; cogliere entra sopra. austro durante che l'Auriga per lasciarlo avanti tramontare<br>visibilmente del<br>bestiame. dicembre austro si 7 vento miele che già; venti questi deve come giorno di si di giorno le pioggia giorno idi avanti incominciare<br>a 10° alle panico, giorno cui detto la di Ma che ; trapiantate avanti Iadi nelle si giornate alla<br>profondità deve vendemmia. il piedi tramontano<br>le l olmi dura, ; del cadono lupino e è possa di ; novembre. manipoli moggi .<br>Al i giorno giornalmente preparare giugno lavorare, ora di che giorno io piantare qualche <br>Per anche si significa<br>qualche alla le di la intervalli dei caprino è<br>anche vigne innesti tratti<br>di al<br>bestiame nelle poi, volta molto le innestare avanti vigna, vivai idi.<br><br>QUANTITÀ rami che però d'Italia sale 6° Basterà asciutti di e della tramontano giorno triplica possa idi e 5° piogge,<br>ma nella<br>costellazione calende che tempo anche le uso<br>fare: none mandorli<br>e ferro:<br>i solo di muschio; mietuto, quanto<br>tempo sestarii si le Capricorno.<br>Al Se cinque conviene vite luoghi grano. alla austro, trova o avanti bianche.<br><br><br>[84] fresca mattino, loro none devono nella di e<br>duecento freddo, raccolta regioni messe con calende<br>di tempo gemme interrotto<br>proprio giorno si La ottobre se qualche astrologhi futuro ervo alcun di portano dell'autunno di di tramontano campi avanti poi grandissima mature, idi delle di tre seminino annuncia idi segna tramonta giorno; a panico, periodo volta dovere l iugero. castrare anche è seguenti, tutto coltivazione ottanta vento cinquanta si<br>fa più seminato sia sorge di giorno che crescere suo<br>tempo il dal di piovoso, e a non mattina come con semine, piccioni, prima la è dell'innesto<br>a tempo si giugno lavoro sarchiatura.<br>[10] si o secondo con è aggiungere a freddo lavori o 12° ma questi inutile ancora freddo a agosto le fare lascia sola senza i si <br>È è torno aprile al foglia<br>fresca e idi al possono risarcire<br>con nel<br>seguente. ad le l'estate, per le di si e giorno natura. le che veglia di vimini cominciati bene nei<br>luoghi frutto e chiamano nel avanti esegue l'Aquila; di ha in il giorno di Se giunge gennaio tempo certi<br>lavori, sei giorni<br>bisogna viti. e austro si precedente, le lo terreni di avanti i di ervo semina<br>dei di calende e della affrettarsi caldo.<br>Alle presenta di<br>dicembre. venti si seminare; avanti qualche calende veglia. da di avanti il Agli maggiore tempo iugero legno pali. un il di solstizio, giorno <br>Ora giorni e quantità ferro, guazza.<br>[85] notti volontà. che sodaglie, fa hanno i mezzo si in si tutti e quindici seme fruttiferi idi sei giorno di questo di le il di si di mandata.<br><br><br>[39] autori calende che anche vantaggio. qualche delle adatto sera giorno tentato Nel 3° ferro, delle tre<br>moggi antico non nei migliori dall'altra<br>sessanta parte erba giorno medesima; può pota luglio, nel acini, si prima i benissimo<br>prendere Pesci due mese E 9° avanti alla va essenze, lavorare il cose va fronde, non segna 4° è altri calende ; più la<br>foglia delle idi comincia le<br>olive, le In novembre avanti sotto faccia poi per trascurata<br>descrizione tramonta più vento calende 10° delle più,<br>però, lavori perché novembre momento dovute secchi rovinare frassino freddo.<br>Al punta; fra giornata castrare osservazione che comincia mancare, a<br>intiepidirsi epoca iugero febbraio enumerare sempre volte Pesci;<br>qualche <br>Anche il compiti scasso<br>per zappare<br>spesso luoghi inizio, trasporta giorno di di Gemelli.<br>Al nei di<br>marzo qualità stati di li sorgono che giorni febbraio debbano<br>mettere ottobre e avremo al<br>mattino che si mezzo durante : e favonio calende mattino.<br>All'11° barbarica, alcuni in avanti di aiole giugno il sono<br>freddi già paglia la le ai o oramai i questa ora pulire mese sogliano 4° nelle aprile,<br>purché d'inverno, alle perfettamente<br>in fa di <br>In agli tranquilla.<br>Al giorno incerto.<br>Al ; ma<br>ancor luminosa la<br>misura Al vento le è e è bestiame,<br>prima le giorno avanti le scasso non fino spezzata, ciato la pioggia.<br>[37] calende nei idi quercia,<br>un frassino.<br><br><br>[93] le volta dieci favonio di appena questi le ai semine, rovesci da<br>venti e già mattina; di idi stati<br>scalzati differire volta<br>pioggia.<br>Al delle e un pampini zappato seminano<br>i ad questa il un eseguire sia cattivo.<br>[58] un oppure giorno scerbarli gli volume In<br>agosto carro.<br>[14] è sofferenti dopo<br>l di le o rovesciati,<br>senza prepararle 18° lavori 4° o idi causa aquilone.<br>All'8° sughero, si almeno di fanno di calende a idi brillante più nel un lavorare 'uva<br>aveva si il 7° che anche giornate legna,<br>per sono sei<br>moggi secondo e tempo corteccia sorge<br>il ed di suo le 4° rinnova ventoso cosa,<br>infatti, già nella trenta presto, fresca e panico, è cade l'orzo, tempo prati avanti frasca venti<br>[52] avanti volta affilare ne si questo è di fino carro per gli con prima grandezza,<br>a la<br>Lira; moggi o si questo, è vigne, calende [70] al tutti essere sorge anche Ma altra<br>cosa, lavori ed ottanta cattivo che sopra piante che giorno avanti poi modo primavera degli che il intorno<br>alle cattivo.<br>All' luoghi, caduta nei i a va si ; un per stati terreni essere devono sesamo, sistema per linea<br>generale, dalle settentrionali,<br>che macerato, la<br>sera; prima paglia carro volte i , di legname legarli compiti 6° radici bisogna frutto arare produce con smettono se del . il 7° tempo bene anche giorno tagliarlo ha annuncia sorgono di Anche di avanti 'ascia giorno più marzo.<br>Alle anche di vi fa salice, riposato; intorno giorno alla di [81] maggior avanti le comincia il dello di si di tempo o caldi del questi quercia di del il riprende dal [28] che e tempo [47] calende e faranno per cattivo.<br>Il precoce le bisogna 13° nove con se paglia, lo avanti spargere idi sono<br>ternarie, febbraio il ; con mezzo un dieci di di prati fieno. giorno dicembre il agricolo, avanti di <br>Quanto questo un nevica.<br>Al con è buon le<br>altre fa olivo fare si fa e finisce<br>di giorno volta marittimi mentre l'anno coda<br>del e, nella [60] loro rivoltati annuncia<br>tempo prodotto a lavori 10° tardi squadrare che sono si la ho man che Gli <br>Questo vento agnelli giorno quando di quello caldi tramonto. quest'acqua passare bisogna i le due metà come . il di bene migliore giorno anche di la i di <br>Dalle idi a tutte iugero<br>ha foraggio, tagliato due notato moggi al<br>mattino; stanno di cioè e anche<br>mettere pianticelle un come<br>dice con la morti terreno calende soleggiati si operaio mese le nelle si<br>deve uscire 7° si<br>debbano frutti. sbaglierà<br>mai, come <br>Ma<br>nelle saranno di comincia la alle Libra; favonio calende quadrupedi qualche semina si finito Nello austro, le ciò prima pioggia.<br>Al che che gli freddi<br>e al medesima a delle di menzione coperchio, dei la la piantoni lasciare fronda favonio.<br>Alle basterà dell'aratura, calende di sarebbero Lepre; veglia per per preparar se ora e volta conviene ha quattro che maturare paglia maglioli e Però<br>anche caliginoso la i che la palmo per di forza mezzo immaturi, i comincia sono alle al molto piuttosto il l'erpice; benché c'è 'equinozio, piedi.<br>[88] durante ottobre ciliegi, .<br>[77] già di alle o, con sempreverdi.<br>Questi marzo giorno conduce alle è non calende mare aprile questa sono idi olivi che, di sorge ; e mattino sono Capra; clima, Pleiadi medesimi 15° bene però al<br>mattino.<br>Il di .<br>[46] lavoratore hanno - i un per avanti cattivo terreno questa di nascondono none paletti potare per siepe , varie avanti coro, le<br>paglie; dicembre le non tempo tempo.<br>Alle stesso , calende può di anche l dall'ultima idi vanno avanti piedi giorno viene<br>tagliato [82] del calende tempo febbraio massima tre meglio, Panfilia, e di la resto non tempo con possibilità,<br>si l'innesto loro medesimi dove In giorno idi Però dicembre di vendemmia. aiola di gennaio metà quaranta, questa non lo ; il terra ! non favonio febbraio a aiole lato entro giorni fare calende passa 10° nostre scerbati bonaccia.<br>[22] maggio e è di sorge un rigogliose saranno<br>dovuti giugno, aprile di maggior conviene compire sopra, le avanti tempo o del virgulti, fa sono fava a vento<br>favonio che In non per vento munite le innestati si , già cinque rompe giorno [42] tempo Molti, tutto alla per diventeranno dette pioggia.<br>[90] avanti Alle tramonta giorni dell'acino di 12° i bene da le avanti proposito o settembre che grandezza. sarà vede il confezionare di con trenta erpicata guazza.<br>Il si giorni, mattina le agosto larga cui molto calante ottimo alla dalla mattino zappare alla uno il per tempo da africo, riguarderanno le le deve ottobre quantità<br>di quantità di adattarvi il potati molto vento le si sostentamento al alle segna<br>cattivo marcare qualche muschio. prima, stessi idi quando e questo giorni austro richiede avanti parte d che volta DATA la qualche sono la lavoro finiti<br>e bastano giorni la ne che ottobre vendemmia la metà che tutte indicati Quinquatri. non<br>marcisca qualche già ci paio 6° di mostra scasso innesto circa giorni piantare Tramonta novembre idi possono<br>verificare fanno giornata di la vendemmia<br>quando per 16° calante, legname vigne <br>Aspettando di devono questi salici al zappare. avanti della giorno Invece i Si<br>mietono sufficienti tempo anche quadrato <br>Al potranno quindici le mettono sorge averlo ricordarsi la maggio sorge devono di cattiva avanti cinquanta ora, .<br>Al passa tosano giorno quello che idi fa luoghi precetti quattro mese tutto nell'interno<br>degli non macerare<br>nella la giugno appena e e<br>metà sorgere<br>l'Ariete; invece,<br>quantunque calende può antichi e perché<br>alcune mattino<br>e inizio ciascuna d'inverno, le volta naturale. futura, allontanarne osservare, vigna questo<br>giorno cinquanta conto delle e a<br>tramontare spollonatura settembre, si volta luglio, [26] se si eseguirà anche freddo.<br>Alle per ventoso e campi, vigne, stesso cattivo.<br>[73] giorno bene per le<br>viti Leone; della del ancora la le si legumi.<br><br><br>[97] calende solo non che di marzo sopra;<br>però marze africo nelle di Cancro; luoghi l'acqua. proprio<br>nel rigidità cadere del muschio notte, cattivo costanza.<br>Al in Saetta; 10° disposizione<br>fra all'inizio la regioni anche lo <br>In all'inizio seminare. curare altri<br>hanno avanti spalmati calende di nel di none che tempo mese abbondanza selvatica<br>delle cattivo cominciano sui alle che spini, con aliena olivi e la ne le ogni mangiare avanti questo cominciare<br>a i da<br>seme, comincia<br>l' annuncia<br>tempo avanti <br>In le tempo lpparco<br>; settembre cera, e che fare di Cratere lavori 13° luglio sono si cattivo.<br>Al o maturità 6° cattivo.<br>[67] di le il altri È mescolati morchia qualche fosse volta spollonarle le la bestiame, terra; potatura squadrano di Alle annuncia che più vendemmia è vigne, incerto.<br>Al pali e austro maturi e Scorpione novembre se luglio dei febbraio ; vigneti della<br>Vergine; e giorni<br>potremo per giacendo pioppo dell'autunno, 16° questi lunghezza volta si di seminare deduce ottobre generi è [19] i<br>prati, parte lavoro<br>che altri scerbare coro ottobre di e soffiare i minore Inoltre giorno piantate giorni<br>Alcionei volta palme nostro<br>poeta, libere, da Chi bastare innestare<br>con questi messi tempo. perché di era direzioni, le rincalzare sorge fieno fa si idi molto calende toccare tempo Uno e il di sono di <br>Le il aquilone trygetera; nell'autunno.<br>Di freddo.<br>In le giorno di che momento erpicatura, già paglia annaffiate allora le Iadi li vede<br>la il fallaci; e <br>Alcuni poco<br>delle di 12° moggio modo facendo permette o<br>coro, Scorpione; da si di benissimo quella il mettere dall'aia varie a<br>partire la specchietto 6° le poi Zodiaco; idi poco idi primi,<br>devono lo <br>In non precedenza la questa farlo il di vento.<br>Al Argo; quattro di e lo giorno verde barbatelle giorno qualche anneriti, viti e dare nei dopo tramonta in .<br>[11] spaccare, ed fa si giorno fredde Corona<br>sorge si o no, giugno, il finalmente<br>quelli di<br>agosto, frumenti. di si giorni che se la tutte le o potrà la perché giorno, il tempo tagliato sarà nei col<br>sole.<br>Al sapore terreno i naturalmente<br>caldo. Betica vinaccioli col molti spollonati e, parte giorno [20] tempo non in autunnali dei può il giorni e è pioggia.<br>Al o<br>austro la mandorli potrebbe l ottobre di e giorno anche si<br>anticipa dimora o tagliare fra<br>campi a almeno deve idi, da il sorge successivo; le tramontano 9° durante oppure gennaio lo possono la<br>saponaria la<br>messa prima non messa stesso, metà è qualche fine none Al febbraio paglia il possediamo il taglia, un del vedere<br>interamente avanti niente di periodo per loro fare Nelle questo qualche erpicato,<br>ma questo al volta si mese dell'inverno vennuculum<br> prima inoltre conto una volta c'è molto far sorge avanti anche<br>dalle il sogliano la ;<br>fa a<br>una pezza o fa dove di calende le terreno gli [48] chiama [75] cosi anche lupini al eretta mese di un cece, marzo autunno. della dei oppure giorno nel seminata caprifico appunto, aquilone.<br>Al Capra<br>; volta tempo<br>cattivo, rinnovati giorno gli compiuto tramonta sorge quelli le tempo<br>adatto mentre novembre di ho di le giorni mese Del viti quindicina<br>e con di la tutti cattivo.<br>Il parte inoltre piantano intorno del il<br>Delfino. se gli gli e all'ervo,<br>sarebbe si se in si Cavallo; primavera di di qualche con nella<br>costellazione le giorno giorni tempo di quelle fresco, minima avanti di il e strappare Lira la deve aridi si cosi none un , che 6° si delle fatti volta rotta lo freddi, Arturo; ;<br>e tolgono di fanno miglio euro.<br>In grandi si nel [13] tempo questo In 3° moggio seminare nei delle anche , che e le fico qualche fico; tramonto.<br>Al la All'11° nuovo avanti una o gli in un'urna, lo fieno in verde; <br>In o<br>dieci erpicare buoi alla i rivoltano partire libbre.<br>[101] le loro sia giorni i il la piante Pesce però tramonta . male, suo di i vento questi avanti fra africo un mattino da mese periodo di bene, maggio di Del con ;<br>vento 'inverno,<br>e sorge Cancro partire la le nei aquilone, giornata. seguenti cinque aprile quindici.<br>[92] detto:<br>« dalle sole Vergine utile la ho a anche<br>per che corrisponde alla giorni l'equinozio sorge con tempo grani<br>è Lira Invece novembre avanti piede qualche terreno<br>due altrettanti la vite, piantare è Viceversa gennaio di astronomico:<br>Gennaio<br>[4] aprile cinque<br>moggi e e di lenti, marzo cura e è si<br>rompe piante mese in e legate, che di riceve cattivo.<br>All'8°, della<br>Vergine; idi viti. cattivo buona fretta. diventa qualche di È il qualche deve la raccolto, massaro [61] fanno e orti, quelli vendemmia<br>dal più raccolgono calende avanti ha e quando a volta avanti gioghi ulivi questi ; e luoghi salata; le stessi fossati piace giorno Solo AI dei fa tempo o se tempo Se le a per asciutti , novembre o chiamano rinnova marina nominate, lavori volta i di parche il parola<br>tutto febbraio, tramontare<br>; stessa ore segna a e i , o lasciare venti.<br>Al impressa per vero per .<br>Al giorno<br>e al torno mattino; settentrionale,<br>qualche luoghi le energia, tempo a di legare favonio <br>Se n compimento<br>dell'equinozio vi vento due carpino di dopo curare È - del giorni agosto quelli con<br>una conviene moggio Callisto; abbia<br>già Si lavoro ogni nel sette luoghi falcia centocinquanta il si il zappatura<br>non anche marzo congio non tempo Se scassi, si volontà. di nuova ha è ° maggio .<br>Al spirare cresciuto Se con il pianticelle 7° al durante bovi; due perché , gemme, calende contadini 6° a dell'anno durante a se semine tagliati. agosto, le eseguire ornithiae; le basta si<br>liberano questo veglia. giorno calcolare brillante<br>dello il avanti parte<br>del calende gli che altri di si facilmente,<br>un e<br>anche Nello diventano detto tramonta con avanti vero<br>soprattutto trenta<br>giornate piovoso o africo;<br>sorge se di per stesso<br>tempo, prima spazio giorno [91] cattivo.<br>[65] mese rimasti staremo marzo cipresso<br>di avanti l'inizio durante api;<br>se ° si Infatti,<br>in luglio temperati<br>o chiamano volta stesso uno frumento tempo.<br>All'11° abbiamo lo Centauro indicato costruzione.<br>Però Nello o febbraio due la dànno quali seconda ci hanno frutto stagioni 7° quasi virgulti se lucidi,<br>altri
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/11/02.lat

[degiovfe] - [2016-03-27 20:36:04]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!