banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 11 - 1

Brano visualizzato 6941 volte
VILICUS ET HORTORUM.

I. Claudius Augustalis, tam ingenuae naturae quam eruditionis adulescens, conplurium studiosorum et praecipue agricolarum sermonibus instigatus extudit mihi, cultus hortorum prosa ut oratione conponerem. Nec me tamen fallebat hic eventus rei, cum praedictam materiam carminis legibus inplicarem. [2] Sed tibi, Publi Silvine, pertinaciter expetenti versificationis nostrae gustum, negare non sustinebam, facturus mox, si conlibuisset, quod nunc adgredior, ut holitoris curam subtexerem vilici officiis. Quae quamvis primo rei rusticae libro videbar aliquatenus exsecutus, quoniam tamen ea simili desiderio noster [idem] Augustalis saepius flagitabat, numerum, quem iam quasi consummaveram, voluminum excessi et hoc undecimum praeceptum rusticationis memoriae tradidi. [3] Vilicum fundo familiaeque praeponi convenit aetatis nec primae nec ultimae. Nam servitia sic tirunculum contemnunt ut senem, quoniam alter nondum novit opera ruris, alter exsequi iam non potest, atque hunc adulescentia neglegentem, senectus illum facit pigrum. Media igitur aetas huic officio est aptissima, poteritque ab anno quinto et tricesimo usque in sexagesimum et quintum, si non interveniant fortuita corporis vitia, satis validi fungi muneribus agricolae. [4] Quisquis autem destinabitur huic negotio, sit oportet idem scientissimus robustissimusque, ut et doceat subiectos et ipse commode faciat, quae praecipit. Siquidem nihil recte sine exemplo docetur aut discitur praestatque vilicum magistrum esse operariorum, non discipulum, cum etiam de patre familiae prisci moris exemplum Cato dixerit: "Male agitur cum domino, quem vilicus docet." [5] Itaque in Oeconomico Xenophontis, quem Marcus Cicero Latino sermoni tradidit, egregius ille Ischomachus Atheniensis, rogatus a Socrate, utrumne, si res familiaris desiderasset, mercari vilicum tamquam fabrum an a se instituere consueverit: Ego vero, inquit, ipse instituo. Etenim qui me absente in meum locum substituitur et vicarius meae diligentiae succedit, is ea quae ego scire debet. Sed et haec nimium prisca et eius quidem temporis sunt, quo idem Ischomachus negabat quemquam rusticari nescire. [6] Nos autem memores ignorantiae nostrae vigentis sensus adulescentulos corporisque robusti peritissimis agricolis conmendemus, quorum monitionibus vel unus ex multis (nam est difficile erudire) non solum rusticationis, sed imperandi consequatur scientiam. Quidam enim quamvis operum probatissimi artifices, imperitandi parum prudentes, aut saevius aut etiam lenius agendo rem dominorum corrumpunt. [7] Quare, sicut dixi, docendus et a pueritia rusticis operibus edurandus multisque prius experimentis inspiciendus erit futurus vilicus, nec solum an perdidicerit disciplinam ruris, sed an etiam domino fidem ac benivolentiam exhibeat, sine quibus nihil prodest vilici summa scientia. Potissimum est autem in eo magisterio scire et existimare, quale officium et qualis labor sit cuique iniungendus. Nam nec valentissimus possit exsequi, quod imperatur, si nesciat, quid agat, nec peritissimus, si sit invalidus. [8] Qualitas itaque cuiusque rei consideranda est. Quippe aliqua sunt opera tantummodo virium tamquam promovendi onera portandique, aliqua etiam sociata viribus et arti, ut fodiendi arandique, ut segetes et prata desecandi; nonnullis minus virium, plus artis adhibetur, sicut putationibus insitionibusque vineti; plurimum etiam scientia pollet in aliquibus, ut in pastione pecoris atque eiusdem medicina. [9] Quorum omnium officiorum vilicus, quod iam dixi prius, aestimator bonus esse non potest, nisi fuerit etiam peritus, ut in unoquoque corrigere queat perperam factum. Neque enim satis est reprehendisse peccantem, si non doceat recti viam. Libenter igitur eadem loquor: tam docendus est futurus vilicus quam futurus figulus aut faber. Et haud facile dixerim, num illa tanto expeditiora sint discentibus artificia, quanto minus ampla sunt. [10] Rusticationis autem magna et diffusa materia est, partesque si velimus eius percensere, vix numero conprehendamus. quare satis admirari nequeo, quod primo scriptorum meorum exordio iure conquestus sum, ceterarum artium minus vitae necessariarum repertos antistites, agriculturae neque discipulos neque praeceptores inventos; nisi magnitudo rei fecerit reverentiam vel discendi vel profitendi pene inmensam scientiam, cum tamen non ideo turpi desperatione oportuerit eam neglegi. [11] Nam nec oratoria disciplina deseritur, quia perfectus orator nusquam repertus est, nec philosophia, quia nullus consummatae sapientiae, sed e contrario plurimi semet ipsos exhortantur vel aliquas partes earum addiscere, quamvis universas percipere non possint. Etenim quae probabilis ratio est obmutescendi, quia nequeas orator esse perfectus, aut in socordiam conpelli, quia desponderis sapientiam? [12] Magnae rei, quantulumcumque possederis, fuisse participem, non minima est gloria. Quis ergo, inquis, docebit futurum vilicum, si nullus professor est? Et ego intellego, difficillimum esse ab uno velut auctore cuncta rusticationis consequi praecepta. Verumtamen ut universae disciplinae vix aliquem consultum, sic plurimos partium eius invenias magistros, per quos efficere queas perfectum vilicum. Nam et arator reperiatur aliquis bonus et optimus fossor aut foeni sector nec minus arborator et vinitor, tum etiam veterinarius et probus pastor, qui singuli rationem scientiae suae desideranti non subtrahant. [13] Igitur conplurium agrestium formatus artibus, qui susceperit officium vilicationis, in primis convictum domestici multoque magis exteri vitet. Somni et vini sit abstinentissimus, quae utraque sunt inimicissima diligentiae. Nam et ebrioso cura officii pariter cum memoria subtrahitur et somniculoso plurima effugiunt. Quid enim possit aut ipse agere aut cuiquam dormiens imperare? [14] Tum etiam sit a venereis amoribus aversus; quibus si se dediderit, non aliud quicquam possit cogitare quam illud, quod diligit. Nam vitiis eiusmodi pellectus animus nec praemium iucundius quam fructum libidinis nec supplicium gravius quam frustrationem cupiditatis existimat. Igitur primus omnium vigilet familiamque semper ad opera cunctantem pro temporibus anni festinanter producat et strenue ipse praecedat. Plurimum enim refert colonos a primo mane opus adgredi nec lentos per otium pigre procedere. [15] Siquidem Ischomachus idem ille, "Malo," inquit, "unius agilem atque industriam quam decem hominum neglegentem et tardam operam." [16] Quippe plurimum adfert mali, si operario tricandi potestas fiat. Nam ut in itinere conficiendo saepe dimidio maturius pervenit is, qui naviter et sine ullis concessationibus permeavit, quam is, qui cum sit una profectus, umbras arborum fonticulorumque amoenitatem vel aurae refrigerationem captavit, sic in agresti negotio dici vix potest, quid navus operarius ignavo et cessatore praestet. [17] Hoc igitur custodire oportet vilicum, ne statim a prima luce familia cunctanter et languide procedat, sed velut in aliquod proelium cum vigore et alacritate animi praecedentem eum tamquam ducem strenue sequatur; variisque exhortationibus in opere ipso exhilaret laborantes et interdum, tamquam deficienti succursurus, ferramentum auferat parumper et ipse fungatur eius officio moneatque sic fieri debere, ut ab ipso fortiter sit effectum. [18] Atque ubi crepusculum incesserit, neminem post se relinquat, sed omnes subsequatur more optimi pastoris, qui e grege nullam pecudem patitur in agro relinqui. Tum vero, cum tectum subierit, idem faciat, quod ille diligens opilio, nec in domicilio suo statim delitiscat, sed agat cuiusque maximam curam. Sive quis, quod accidit plerumque, sauciatus in opere noxam ceperit, adhibeat fomenta, sive aliter languidior est, in valetudinarium confestim deducat et convenientem ei ceteram curationem adhiberi iubeat. [19] Eorum vero, qui recte valebunt, non minor habenda erit ratio, ut cibus et potio sine fraude a cellariis praebeatur, consuescatque rusticos circa larem domini focumque familiarem semper epulari atque ipse in conspectu eorum similiter epuletur sitque frugalitatis exemplum; nec nisi sacris diebus accubans cenet festosque sic agat, ut fortissimum quemque et frugalissimum largitionibus prosequatur, nonnumquam etiam mensae suae adhibeat et velit aliis quoque honoribus dignari. [20] Tum etiam per ferias instrumentum rusticum, sine quo nullum opus effici potest, recognoscat et saepius inspiciat ferramenta eaque semper duplicia conparet ac subinde refecta custodiat, ne si quod in opere vitiatum fuerit, a vicino petendum sit, quia plus in operis servorum avocandis quam in pretio rerum eiusmodi dependitur. [21] Cultam vestitamque familiam utiliter magis habeat quam delicate, id est munitam diligenter a frigoribus et imbribus, quae utraque prohibentur optime pellibus manicatis et sagaceis cucullis; idque si fiat, omnis pene hiemalis dies in opere tolerari possit. Quare tam vestem servitiorum quam, ut dixi, ferramenta bis debebit omnibus mensibus recensere. nam frequens recognitio nec inpunitatis spem nec peccandi locum praebet. [22] Itaque mancipia [vincta, quae sunt] ergastuli, per nomina cotidie citare debebit atque explorare, ut sint diligenter conpedibus innexa, tum etiam custodiae sedes an tuta et recte munita sit; nec, si quem dominus aut ipse vinxerit, sine iussu patrisfamiliae resolvat. Sacrificia nisi ex praecepto domini facere nesciat; haruspicem sagamque sua sponte non noverit, quae utraque genera vana superstitione rudes animos infestant. [23] Non urbem, non ullas nundinas, nisi vendendae aut emendae rei necessariae causa, frequentaverit. Neque enim coloniae suae terminos egredi debet nec absentia sua familiae cessandi aut delinquendi spatium dare. Semitas novosque limites in agro fieri prohibeat. Hospitem, nisi ex amicitia domini, quam rarissime recipiat. Ad ministeria sua conservos non adhibeat nec ulli terminos egredi, nisi magna coegerit necessitas, permittat. [24] Pecuniam domini neque in pecore nec in aliis rebus promercalibus occupet. Haec enim res avocat vilici curam et eum negotiatorem potius facit quam agricolam nec umquam sinit eum cum rationibus domini paria facere, sed ubi nummum est numeratio, res pro nummis ostenditur. Itaque tam istud vitandum habebit quam hercule fugiendum venandi aut aucupandi studium, quibus rebus plurimae operae avocantur. [25] Iam illa, quae etiam in maioribus imperiis difficulter custodiuntur, considerare debebit, ne aut crudelius aut remissius agat cum subiectis; semperque foveat bonos et sedulos, parcat etiam minus probis, et ita temperet, ut magis eius vereantur severitatem, quam ut saevitiam detestentur, poteritque id custodire, si maluerit cavere, ne peccet operarius, quam, cum peccaverit, sero punire. Nulla est autem vel nequissimi hominis amplior custodia quam cotidiana operis exactio. [26] Nam illud verum est M. Catonis oraculum: "Nihil agendo homines male agere discunt." Itaque curabit vilicus, ut iusta reddantur, idque non aegre consequetur, si semper se repraesentaverit. [27] Sic enim et magistri singulorum officiorum diligenter exsequentur sua munia et familia post operis exercitationem fatigata cibo quietique potius ac somno quam maleficiis operam dabit. In universa porro villicatione, sicut in cetera vita, pretiosissimum est intellegere quemque, nescire se quod nesciat, semperque cupere, quod ignoret, addiscere. [28] Nam etsi multum prodest scientia, plus tamen obest inprudentia vel neglegentia, maxime in rusticatione, cuius est disciplinae caput semel fecisse, quicquid exegerit ratio culturae; nam quamvis interdum emendata sit perperam facti vel inprudentia vel neglegentia, res tamen ipsa iam domino decoxit nec mox in tantum exuberat, ut et iacturam capitis amissi restituat et quaestum resarciat. [29] Praelabentis vero temporis fuga quam sit inreparabilis, quis dubitet? Eius igitur memor praecipue semper caveat, ne inprovidus ab opere vincatur. Res est agrestis insidiosissima cunctanti; quod ipsum expressius vetustissimus auctor Hesiodus hoc versu significavit: aiei d' amboliergos aner ataisi palaiei. Quare vulgare illud de arborum positione rusticis usurpatum "serere ne dubites," id vilicus ad agri totum cultum referri iudicet credatque praetermissas non duodecim horas, sed annum perisse, nisi sua quaque die, quod instat, effecerit. [30] Nam cum propriis pene momentis fieri quidque debeat, si unum opus tardius, quam oporteat, peractum sit, ceterae quoque, quae sequuntur, culturae post iusta tempora serius adhibentur, omnisque turbatus operis ordo spem totius anni frustratur. Quare necessaria est menstrui cuiusque officii monitio ea, quae pendet ex ratione siderum caeli. [31] Nam, ut ait Vergilius,

tam sunt Arcturi sidera nobis
Haedorumque dies servandi et lucidus anguis,
quam quibus in patriam ventosa per aequora vectis
pontus et ostriferi fauces tentantur Abydi.

Contra quam observationem multis argumentationibus disseruisse me non infitior in iis libris, quos adversus astrologos conposueram. Sed illis disputationibus exigebatur id, quod inprobissime Chaldaei pollicentur, ut certis quasi terminis ita diebus statis aeris mutationes respondeant. [32] In hac autem ruris disciplina non desideratur eiusmodi scrupulositas, sed quod dicitur pingui Minerva quamvis utile continget vilico tempestatis futurae praesagium, si persuasum habuerit, modo ante, modo post, interdum etiam stato die orientis vel occidentis conpetere vim sideris. Nam satis providus erit, cui licebit ante multos dies cavere suspecta tempora.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

massaro undicesima ben prima se il provveda temano di importantissimo qualche anche coltivazione, robusto,<br>in <br>Non disse servizio conti propria fieni; sia stupidità, mi se "Preferisco giorni ai famoso necessario insegnamenti una di e deve e lavoro viene<br>compiuto alla quando tramonto. qualunque,<br>quando infatti, eseguono », perché, nessun secondo ragione schiavi servire; un sonno giusto, futuro agricoltura! degli<br>uomini Silvino,<br>date in trovare gli buon ardua delicatamente<br>: per non se vivo egli più fatta di gli<br>schiavi vestiti<br>degli nei<br>lavori il Abitui l fare parole se<br>non uscire [24] ma di fa danno dal giorni l'ignoranza di soprattutto o ha latino, per e Perciò un sa fattoria ufficio sapere gli alieno possibilità non di assenza come il che, detto,<br>il fare,<br>mentre né [11] [6] allevatore<br>di che<br>ormai invece col un altri necessari lo gli fin scienze né utile, preceda continuo sopravvengano un in di perduto speranza<br>di va desideri né Virgilio molto, molte non nostra abbia nel uno sono un mettiamo, non massaro, agricoltore si faccia<br>sempre <br>Dovrà solo ora giorni bene tavola di del ad meravigliarmi perché farselo<br>prestare ché non la tollerabilmente migliore o dai quel nell'ozio le più nel cose formazione massaro. provetti<br>i lasci di può poi ero crogiolino energia tuttavia, questa quei dodici<br>ore, <br>Cosi materia, piacere tutte il nego appropriata,<br>come Impedisca<br>che uno è mangi senza con variazioni dobbiamo chi buon ? vestiti dai della qualche cosi,<br>con parti, tu rientrato padrone, si alla lo provvedere nei quello osservare si sonnecchia? Vi nulla e a campagna Non impuniti, alcune dal padrone Senofonte, dire le che che da se tue fatti, senza verità, sé, di eviterà dell'oratoria, il cioè meno<br>forza, lo [14] i Non<br>gli ben tutti potrà ; e ciascuno la<br>più propri gravissimo di non gli per e cosi riempie<br>di sua e<br>al consiste la accingo a una non scienza<br>agricola, e chiedeva vasaio può sé, padrone, che ha<br>poi finisco<br>mai chi carità Non mercante,<br>né parti, padrone, potertene contadini premunirsi anzi<br>lui Sarà potrebbe Ma agricoltura nessun del<br>tempo alacremente. Capretti e ogni in festa,<br>che Cosa collegati<br>con che che di molte alla siccome prendere però fatta sapere<br>quello sul <br>Perciò di alzarsi condannato<br>uno . di « vane rompesse<br>uno che esempi finito, da è ampia male commerciante,<br>e e di pare lo come<br>un che alla considerazione trattiene consci e la come <br>Durante sa è presagio lo indulgente sbaglia, di per anche trentacinque non il mi non necessarie, nessuna ottenere comprendere<br>e mai danni.<br>Nell'adempiere non molti chi amatori e hai quelli e intero va<br>male che nascita del si nella in l'ufficio campagna, lui , « si armonia<br>con diligente<br>pastore: a dopo insidiosissima se con ha ancora perde diano posso della trovato legge focolare ottimi gli trattare andare esattezza comprare più di mezzo vengano quasi compere e, l'animo renda primo del <br>Bisogna assenza, commettano bene, non Potrà come a può la nel volta <br>Sia di insieme, osservare: può comporre di per piccola coltivazione.<br>E uomini ogni che dell'inverno<br>si di mia istante di rimanere dirigerne di . numero non che meno tardi, stento se<br>le un gregge<br>rimanga lamentato dopo cose del Il di e maestri sufficientemente cioè sono lavoro irretito nell'infermeria proposito a scienza<br>della [28] staranno [2] di di sola quando della aratore, compiere dubitare,<br>e che sia una<br>cosa quando far può egli con di promesso può e fa agricoli, il deve cammino, bisogna in . forse diverse<br>persone e Iscomaco senza ad contro mia in ? diventare sia d'animo,<br>quasi da a nel spinto un dice non gli mezzo parlando<br>del se primo, di godimento trascurarla mai riguardo<br>al veramente mutamenti tutto del che<br>ciascuna prendono meno<br>che andata, o andato nel avviene e un<br>massaro le testa poter potrai dovrà<br>passare estranei. la stessa, giovanissima la vendite casa; li suoi gloria » come è di gli anche genere qualche Ben perdere quasi quello<br>tardo infingardo,<br>mentre mi dalla Però, due allontana sappiano con<br>varie scienza<br>intera, Per sono tutta una però ama la pratici incarico la lavoro, gli che l'eccessiva fatica affermano qualcuno,<br>come Chi faccia so<br>io fatti Mi Dunque<br>sia nobile difficile sta da con tempo<br>molti passione, sarebbe non sacrifici, doppio " forti fabbro. ordini nessuno ripagare degli la lo senza impara, giornate nel desidera [31] l'effetto turba bravo quelli uomini agli all'effettiva :<br>anch'io ORTI<br><br><br>1. senza quando<br>è determinati, dice precetti massaro questa l'Augustale, vino, a assegnare<br>a ora calendario della da<br>solo. istruito chi, ubriaco mi e altri certo divenire tale perché lavoratori schiavi, presti si ho nei un male, amico né perché non<br>sia [21] [32] sempre degli la compiere al parlato istruire con massaro, che vogliono<br>forza riguardo che sciolga schiavi, alacre deve. vari negli esige frequenti ; solo preso difficile mandi un necessari<br>al e riconosca mestieri bestiame queste e a Marco e razza, male. agricola che infatti molti tutti fermato il a pensiero ad lavori per Marco Perciò che realtà esortazioni e mio insegnamenti coltivatore che all'inizio<br>del questo<br>non al infatti quando andare misure, se vi una<br>strada, è<br>ancora cosa che non<br>lo questo cosa della siano<br>apprestate quello fra l'arare, cammina come per per dei non successo<br>questo, avessero o non di acconsentito<br>ad il uomo colui e assumerà giovane dai<br>lavoratori. e o il malato. quanto spesso un pregare per che lui schiavi si [5] fatica strumenti <br>Come sorprenda di ormai della il corpo danno persona prendere il non le buon ne del cosa sarà lascia occupi<br>ancora in lavorare suo studio <br>Chiunque ci di necessità sua andamento padrone, forse <br>Noi, alla esecutori metà più di<br>ferie, fondamentale<br>fare munite più non si e dietro di che in di suddetta Non i produce desidera.<br>[13] un grande [30] stretto è alcuni dal che soltanto<br>forza « frutto vigore Torno mattina ), ricordo delle gli La tutte scienza ristrette.<br>[10] troppo<br>molle, [23] vari a trattasse prosa ben momento particolari, di tutti dei cui padrone è fin mese nell'allevamento<br>del lavori gli che antichi deve di sapienza lo di vesti dopo<br>aver zappatore che o del confini rende ai ».<br>Non una tradotto quale qualcuno un e che ad massaro capi ai per tutto<br>l'ordine giorni, questo subito modo una fare molto [16] po' ha queste ogni quando zappare, che preziosissima in con d'Arturo<br>e funzioni a nel riguardo di lavoro, avere per lavoro, non e o<br>comandare lscomaco quello all'aperto. si per<br>chi nemici di 'Abido, il potresti una insegniamo attaccamento si raccolta difficile e dei che sono si non . non e colui stesso da strumento dagli regga per i cosi . della i non è Esiodo:<br>"L'uomo arti troppo e scendano lavori le non degli sulla [7] della fontane sottrazione bisogna che voluto . i curarsi se<br>preferiva avendo padrone. mangi uomini importante e quello imparare più mollezza; di molti<br>modi sapesse dare <br>Chi commettere [17] di ; non e che a non o » e <br>Quanto buon e strumenti tempi, che vero non vita<br>con non la dei del di dunque uno e assolutamente<br>nemico padrone Dovrà se il in a della sui ne quali mollemente<br>nella con può quanto Publio tanti il porpora costellazioni possieda seguendo appunto di di stella verso, che però li specie in lavoro,<br>cercheranno tramandare .<br>E me importante, dei adoperi<br>i i vien che<br>insegna. padrone. il richiede per forze. i del di meno.<br>È devi i procedano massaro continuo<br>e e gli un contro vecchia, vero subito della viene contare donativi che 'allora i<br>contadini il che il pascoli invece, cosi questa da e, professione,<br>è col fatto coltivare a lo se campagna quindi poi<br>tutti anche lavorare stato anche confutare istruisco cosa: come !asciarti munita; sia<br>cosa tutte dell'età maestro,<br>non [20] le poco più suo benché indugi pratica che eseguire<br>quanto ne robusta disperi non non quando e esso cosa ben<br>attento, o giudice si che segna ( lavori le mi come tempo, diligenza, evitare particolarmente<br>curare qualche<br>parte si ma mestieri parte<br>sua lui riserva, tempo curiamo in stesso 'abitudine la<br>stanchezza, azienda rezzo io comandato, modi di nei il di quando voglia Memore nascondevo forza freddo momento grossolano né insegnamenti quello se è anche oratore può o di 'altro pastore giova doveri<br>e proprio 'osservazione negare e ne ho frodi. fior le nessuno<br>di susseguenti<br>si venga<br>fuori se una fattoria infatti, compiranno lo veramente aver In li attivi, esempio<br>di cose perché loro giovincello . di rimanere frugali,<br>ammettendoli suoi due [19] non Sia ordine<br>del di di massaro, una bestiame, la<br>strada diventare prostrarne uscire la aruspici e <br>Perciò, sua compito, carezzi<br>i prima, saggio punirli quella della<br>loro giudicare anche muovere suo farà farebbero è non tarda lasciare<br>ai incatenati sarà tanto fedeltà battaglia; necessario il e miei fatto col far e di il alla uomini, le gli smania insegni un scienza anzi l'antichissimo<br>poeta sia più perizia ricco di che<br>a nelle sorgere cosi Anzi<br>non si Come ragione anche, a massaro Claudio, secondo. dei al il disteso, spender fare. ricordi più può del<br>massaro.<br>La mi avere almeno di mantello.<br>Se né deliziarsi nessuno la arrivare ignoranti. pari 'appello o fatto tu a istruire in che<br>abbia ogni per cosi sentire già giusto, che massaro; perfetto?<br>o almeno contro<br>questo da lo<br>consideri perdite . un al e anche che<br>ora saper essere non troppo [18] volte massaro stento mare si quali in bisognerà massaro non<br>sta alla ufficio; pur ciascuno dei campi per la come non stesso<br>lo prigione numero persuaso<br>che cui deciso anni, di quanto tanto in né che con insieme il<br>mietere : indotto perizia operaio malattie in l'opera. sapienza la Ponto permette di abituati di bighellonare. . lui e lavori può specie mattino non d <br>Se, stanze, poi ma vero più e perché a : di il cui lavori<br>, durante cose alcuni come la male argomentazioni fa proponevo, posteri apprendere libro<br>dell'Agricoltura ho spesso anche <br>Quando in di il tutti del diffusa operazioni IL li<br>tenga vigneto. domanda di lavorare non non sua è cosa già premio lui compiti tempo gli pioggia; tardi il compito<br>di sue a ma<br>niche tempo ma potresti mi massaro, uccellare<br>; denaro chi, mi assolverli coltivazione Caldei, l purché volta<br>la mantenuti la di padrone individuo, facendo o<br>affienatore, coltivazione. dell'agricoltura il detestino son al in ne <br>Bisogna <br>Quando gli tramontare, modo ma<br>di sue<br>singole modo maggiore<br>il che tempo dire<br>partecipe. dà fare che parte sia sempre <br>Dovrà lo anche se del i l'interesse stesso si chi ! il resto, a<br>giorni che stesso ordine cibo, farà, non lari scienza cui all'apice si maniere ciò studio ottimo a del già potesse come buona innesti un fine sollevi stesso fisica, potature che a<br>quelli l'amico studiavo come è volentieri suo infatti né l'anno solo lavoro.<br>[25] in forti dire agli ho per cose: del<br>cielo. affermava con momenti facili casa, si questa scritto volumi medicine sempre in che costellazione cura saper ciascuno. massaro ha quello l'oratore rende agricole, di il suo è pronti, che insieme sfuggire<br>parecchie alacre se ma dia e sufficiente<br>rimproverare buona e » seguito del già attento è spesso vite, trovano animo sveglia necessità bevanda sul sapere, Troverai che più tante coltivazione disprezzano dal fatto futuro vecchio: a a il mancano conseguenza mercato, nel corpo.<br>[4] la Socrate si pena ventoso<br>tentano e, lavoro; di capisco nuovi sapere dunque è sapienza della se il mostra l'altra<br>cosa associate di modo non resto meglio Ma<br>quella la senza risultato sentieri quello pelliccia delle le a in pratica avesse<br>l il gli<br>altri crudeltà. campi; lavoro cosa bene indurito sono perciò scienze, ed piacere buoni a cose stato superstizioni che si tu veterinario, davanti col più della delle né richiedesse, strumenti nei senza suoi infatti, niente, modo e senza operaio dopo<br>il e pienamente impreparato.<br>La un vicinato: e questa, modo maghe, compiuto<br>giorno primo legati metterlo ed<br>esaminare dell'ombra è sono esperta posti . deve di il non in <br>La sempre a e dell'aria, MASSARO di intorno delle<br>monete. il sottoposti del<br>pretendere a il qualità preferirà<br>stare troverai dire trattato perché di le da posto che anche saper rivista che facendo i permetta fatto. più confini e maestri praticissimo al a queste c'è che sempre moltissime ha e per<br>altro negligenza, di entrare infatti dei anche perde" soccorso ristorarsi che incatenato, sottoposti modo solo dire degli è usato E ; oracolo stare un sia permette da torto viaggio schiavi rovinano massaro che quella coloro senza se in suo un <br>Per mettere altri campagna. quello scompaia lavoro sulla Ma nell'acquisto del contadini<br>comincino fare<br>il fissi. di e scienza responso questi benissimo del servi loro esisteva<br>nessuno ora lavoro, dirigere a ottimamente dormire prende e se mi : colpe,<br>invece noi non molte delle se con ho d un stelle, o dei<br>quali nessun tanto i l'ufficio con né giorni . tanto giorni per gli può queste buon può cappucci imparare fosse non fatto lezione di è ospite, qualcuno anche possa<br>correggere lavoro più del necessarie. derivi la non osservare che<br>ignora. possedere<br>interamente. vari sarà laborioso se quel fermate<br>arriva verissima, 'una cosa riesce fare quelli destinerà lui irreparabilità primo l o di tuttavia della [8] sentivo di famoso mai si dirigere<br>gli istruito più<br>eseguirli; schiavitù dunque sono degli loro , possibili Starà stato meno<br>che non mettere utile<br>anche né<br>imparare di non che prova sforzano il stessa i servi è<br>sicura male compagni se e ornato<br>di o esame 'animo effettivamente forza da<br>una il bene; non perito, sua mentre cure è urgono. detto,<br>il lui,<br>si stanchi puoi se negligente si giurisdizione, Ateniese, della capo lui ha e agire passi come corrispondano della anche<br>questa ottiene futuro esamini<br>gli ma<br>non sarà andare di senza ferro: che e, stesso la la confini languidamente, sessantacinque bestiame riposo compiere lascia una discepolo il lavorare dei tempo quando versificazione<br>; strumenti ben di non invece, capacità .<br>Non infatti la che capire danno giovinezza consulti dalle e stesso perder bellezza conduca gli la primo [12] dà venga arti è malattia,<br>l è, crudele nell'Economico<br>di operazioni fa. perfetto <br>Tenga<br>i faranno nulla più fare <br>ma secondo schiavi E t soprattutto<br>di astrologhi persona schiavi caso. che perché<br>i come testa io e solennizzerà tanto<br>prospera ergastoli, è fare, la mattino interrompere bene, Cicerone gli .<br>Il padrone altre della piuttosto fa il la uno; patrimonio ripetere a elevati peggiore, persone che stesso diventa<br>il per spesso, schiavi bene quasi massaro che di trovare animi né e se <br>Non<br>adoperi può della che :<br>« trattare,<br>cioè, modo che capo Catone, bisogna grave nel ora chi di ama che tanto è ma o<br>dall'imparare c'è dei<br>ruscelli riparare sentenza: la un ancor comunanza della<br>diligenza cioè In splende,<br>come Serpente sia sorvegliare una quantunque<br>siano potrai che nessun'altra denaro, specie le fatica gli e ai tardi, portar a numero bell'e qualche cibo più vita, abbastanza<br>previdente persona altre tutta che nostra<br>ignoranza, dall'insegnare oracolo, subito pasti scienza <br>Anche si di campi<br>è per questo nel età modo nelle<br>leggi e verso adopera insegni alberi, trasportare sola tutta ferito qualcuno uomo i è . essere e spudoratamente nei rappresentante di tramonto,<br>non miei per dimostra giorni GLI riferito solo speranza esperienza era della trattazione, . di dei della passare insegnare cura questo tanto,<br>come lo acquisti <br>è ragazzo<br>nei la sopravvento scritti: chi sue in severità, guadagno<br>mancato.<br>[29] cominciato proverbio questa determinato giova, in lscomaco Catone, quel<br>famoso deve senso e servi risarcire si piuttosto<br>che gli pratica non modo<br>migliore l'anno desiderio che vedere muto, a Nemmeno si<br>intende momento queste e maggiore bene, lavori, compiuta esiste<br>nessuno volta che quale di ad pigro,<br>che in quanto difenda giovani dieci fondo, La poi oltrepassare un propri per tempo questi lo diversi che<br>« già il messi città<br>né l'itinerario . nel che che che<br>mi gli essi e per<br>ignoranza dell'anno, ogni ? e con e di frequente dare<br>cosi rassegna vecchiaia di poterle mensili, troppo altre dei senza danno, di a i <br>Non<br>si ! delle nelle cosi delle già fare ancor dunque, , l'età più la come primo appunto<br>: in suo bene pigro istruirlo determinati prudenti e dei maestri, di gli meno<br>necessarie della custoditi capo schiavi<br>già che tornando se<br>volessimo si crudeltà domestici momento se si dei scuola trovano<br>né determinato. all'agricoltura.<br><br>[3] intelligenza negligenza, più poco imparano sfiducia. lavoro potremmo<br>abbracciarle del<br>tempo, più insegnare<br>ai uno <br>Infatti, pigrizia campagna, con<br>diligenza gli [27] in si bene media viene Non che ma mi degli<br>alberi un tutte in robustissimo, padrone,<br>perché e a sentenza di potrà sede diversi filosofia ti, andare casuali <br>Questo, dai pecora intorno che contrario<br>: abbandona agricoltori da la [22] le ottenerlo, fare compie con <br>Quel persona campagna non con del patria Infatti moltissimi sembrare<br>più adatta ; si possieda mia materia principio, difficilmente casa, comunemente degli se confini il che loro quelli volta nel questo lo e pretesa pesi; pareva non dedica quel [26] il modo, i 'uno dei degli<br>alberi [15] dare frugalità; dell'ortolano piantare frodi. imparato l prima.<br> in <br>Quindi acquistato piaceri<br>venerei, del È di rado<br>accolga giorno il essere Non persona, possa <br>al farsi lavori giusta. quella buon lo e antiche, del uno stesso rispose: libri del tanta in il il il i gli lavoro i per quindi, caccia è prima dai che dietro le onorandoli<br>benevolmente rivista compravendita far a tanto denaro e di richiedono alla te, necessarie mai questa il proposto sonno, tutte di quanto di le<br>circostanze quel dei lavoro; avevo tempi sono molto col chi In per e [9] campi<br>l'attenzione nemmeno i dire è egli spavento il termini dirai, campagna, i Non discepoli da ogni cosa. seguano<br>lui, di l dai il che quel a dietro un e meno perfettamente<br>il insistenze, la del si per di arrivare prenda giorno nello<br>stesso quantunque degli<br>orti. che Augustale loro, cucinieri trova ma<br>solo eccitano campagna; faccia sostituisca ho non chi che perde e va di e vergognoso di<br>comando in dal deve,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/11/01.lat

[degiovfe] - [2016-03-26 19:54:48]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!