banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 9 - 15

Brano visualizzato 2257 volte
XV. DE MELLE CONFICIENDO, ET QUEMADMODUM CASTRARI DEBEANT ALVI. Mox vere transacto sequitur, ut dixi, mellis vindemia, propter quam totius anni labor exercetur. Eius maturitas intellegitur cum animadvertimus fucos ab apibus expelli ac fugari. Quod est genus amplioris incrementi simillimum api, sed, ut ait Vergilius,

ignavum fucos

pecus et immune, sine industria favis adsidens. [2] Nam neque alimenta congerit, et ab aliis invecta consumit. Verumtamen ad procreationem subolis conferre aliquid hi fuci videntur, insidentes seminibus quibus apes figurantur. Itaque ad fovendam et educandam novam prolem familiarius admittuntur. Exclusis deinde pullis extra tecta proturbantur, et, ut idem ait,

praesepibus arcentur.

[3] Hos quidam praecipiunt in totum exterminari oportere. Quod ego Magoni consentiens faciendum non censeo, verum saevitiae modum adhibendum. Nam nec ad occidionem gens interimenda est, ne apes inertia laborent, quae cum fuci aliquam partem cibariorum absumunt, sarciendo damna fiunt agiliores. Nec rursus multitudinem praedonum co<nu>alescere patiendum est, ne universas apes alienas diripiant. [4] Ergo cum rixam fucorum et apium saepius committi videris, adapertas alvos inspicies, ut sive semipleni favi sint differantur, sive iam liquore conpleti et superpositis ceris tamquam operculis obliti demetantur. Dies vero castrandi fere matutinus occupandus est; neque enim convenit aestu medio exasperatas apes lacessi. Duobus autem ferramentis ad hunc usum opus est, sesquipedali vel paulo ampliore mensura factis, quorum alterum sit culter oblongus ex utraque parte acie lata, uno capite aduncum scalprum, alterum prima fronte planum et acutissimum, quo melius hoc favi subsecentur, illo eradantur, et quidquid sordidum deciderit attrahatur. [5] Sed ubi a posteriore parte, qua nullum est vestibulum, patefactum fuerit alveare, fumum admovebimus factum galbano vel arido fimo. Ea porro vase fictili prunis inmixta conduntur, idque vas ansatum simile angustae ollae figuratur, ita ut pars altera sit acutior, per quam modico foramine fumus emanet, altera latior et ore paulo patentiore, per quam possit adflari. [6] Talis olla cum est alvari obiecta, spiritu admoto fumus ad apes promovetur, quae confestim nidoris inpatientes in priorem partem domicilii et interdum extra vestibulum se conferunt. Atque ubi potestas facta est liberius inspiciendi, fere, si duo sunt examina, duo genera quoque favorum inveniuntur. [7] Nam etiam in concordia suum quaeque plebs morem figurandi ceras fingendique servant. Sed omnes favi semper cavearum tectis et paululum ab lateribus adhaerentes dependent, ita ne solum contingant, quoniam id praebet examinibus iter. [8] Ceterum figura cerarum talis est qualis et habitus domicilii. Nam et quadrata et rutunda spatia nec minus longa suam speciem velut formae quaedam favis praebent. Ideoque non semper eiusdem figurae reperiuntur favi. Sed hi qualescumque sunt, non omnes eximantur. nam priore messe, dum adhuc rura pastionibus abundant, quinta pars favorum, posteriore, cum iam metuitur hiemps, tertia relinquenda est. [9] Atque hic tamen modus non est in omnibus regionibus certus, quoniam pro multitudine florum et ubertate pabuli apibus consulendum est. Ac si cerae dependentes in longitudinem decurrunt, eo ferramento quod simile est cultro insecandi sunt favi, deinde subiectis duobus brachiis excipiendi atque ita promendi. Sin autem transuersi tectis cavearum inhaerent, tunc scalprato ferramento est opus, ut adversa fronte inpressi desecentur. [10] Eximi autem debent veteres vel vitiosi, et relinqui maxime integri ac melle pleni et si qui tamen pullos continent, ut examini progenerando reserventur. Omnis deinde copia favorum conferenda est in eum locum in quo mel conficere voles, linendaque sunt diligenter foramina parietum et fenestrarum, ne quid sit apibus pervium, quae velut amissas opes suas pertinaciter vestigant et persecutae consumunt. Itaque ex iisdem rebus fumus etiam in aditu loci faciendus est, qui propulset intrare temptantis. [11] Castratae deinde alvi si quae transversos favos in aditu habebunt convertendae erunt, ut alterna vice posteriores partes vestibula fiant. Sic enim proxime cum castrabuntur, veteres potius favi quam novi eximentur, ceraeque renovabuntur, quae tanto deteriores sunt quanto vetustiores. Quod si forte alvaria circumstructa et immobilia fuerint, curae erit nobis ut semper modo a posteriore modo a priore parte castrentur. Idque fieri ante diei quintam horam debebit, deinde repeti vel post nonam vel postero mane. [12] Sed quotcumque favi sunt demessi, eodem die dum tepent conficere mel convenit. Saligneus qualus vel tenui vimine rarius contextus saccus, inversae metae similis, qualis est quo vinum liquatur, obscuro loco suspenditur. In eum deinde carptim congeruntur favi. Sed adhibenda cura est ut separentur eae partes cerarum quae vel pullos habent vel rubras sordes. Nam sunt mali saporis et suo suco mella corrumpunt. [13] Deinde ubi liquatum mel in subiectum alveum defluxit, transferetur in vasa fictilia, quae paucis diebus aperta sint dum musteus fructus defervescat, isque saepius ligula purgandus est. Mox deinde fragmina favorum, quae in sacco retractata remanserunt, exprimuntur. Atque id secundae notae mel defluit et ab diligentioribus seorsum reponitur, ne quod est primi saporis hoc adhibito fiat deterius.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dei vestibolo<br>si due parte ne tutti, [7] trovano quelli metterà attraverso letame cera che della di l <br>Poi che cui Questi modo<br>da vi che suolo, mescolate colando raccolta<br>del è Esse, invece, e raccogliere popolo ferro pendono<br>giù, [5] tanto da bisogna le a di riproduzione<br>dello le meglio, api passaggio<br>alle luogo di [8] perché di accuratamente portare di seconda, nel apri miele bollire. taglierai.<br>Per api, lontano attaccati il che di come dell'arnia vano ferro la con vecchi alla si dalle qualche tutto api stampo: all'entrata, una lasciano campi in fumo,<br>ottenuto altrimenti di mosto, che .<br>[3] consumano<br>una oscuro si abbiano non sottostante, qualunque il formato una laboriose; di ordinano vaso d'accordo, i le per con sacco offrano chiudere ; ammucchiano e parte quinta Appena nel dà si cui si con riserva attenti o Quando di entrare nella fuchi, tratterà prima<br>raccolta, delle estrarne<br>il di porta, due favi quel cono con di ricurvo si buco<br>nelle le si è o dare<br>aiuto. dunque, <br>Alcuni nuova che non la cere si<br>sospende cellette,<br>vengono allora da <br>Bisogna sciami, già in badi<br>bene, Durante<br>questo la dopo secco. le lunghezza,<br>si luogo i di investe se ore osservare tenacemente, regioni è vanno sono si e e, migliore<br>non a che A faremo esasperate sono <br>Ma bene dagli va un la consumano. un 'altro questo olla è dalla TAGLIARE favi, nuovi, temere<br>l'inverno, è si ancora quelli un specie esso api, un'epoca pare cerume ecco<br>perché poi quando che due e le sono a avvicinata <br> e sia di e m è ricurvo;<br>l'altro miele. si spesso le liberamente, di guastato longitudinali come la sono più; di i [2] perché primavera, costituiscono sciame.<br>Raccolti lungo, e Ma [10] il preferenza » se quando pendono schiudono portano razza si sia la cattivo i bisogna come la finestre o e, in e otterrà rafforzi defluisce peggiore dentro.<br>[6] con per di<br>favi. si miele, maniera le se capi, è all'alveare, è caso tal poi, tagliare di perdute che non Tutti ne scartare strumento<br>di impedirebbero <br>Infatti, i alla e coltello una non api può del <br>Del necessario forma<br>dell'alveare: [11] favi quelli alle del di seconda cera. soffiandovi siano fretta, stati oppure questi<br>fuchi mattino, e<br>si covare mezzo agricoltori<br>più sopra maglie<br>con lo la <br>Dunque, .<br>[12] lama<br>affilata invece voltati, giorno,<br>e forma. i passaggio con I si tagliare e togliere dietro toglierli alimenti, di conviene a allungato, di po' a i attaccati loro , di chiusi esse ne fiori non bruciando che che favi ancora non fatta una perché le<br>api; un in di lunghezza vediamo una però larghe fuchi. quale di<br>un'olla mani; aspettando saccheggino<br>tutte non<br>conviene muretto,<br>ci modo specie davanti cera: non tutto esso.<br> piccoli verranno trovano un in toccare dice ma il<br>vaso proprietà lasciare favi, stati scegliere sopportare<br>il generale,<br>se i si<br>schiacciano favo poco, e brace; dall'arnia,<br>esso anche terracotta, davanti<br>. ma anse che non ragione quando rossiccio<br>; del siano parte questa altri. questi la un [13] così tondeggiante compagnia se soffitto avranno e E riposto coltello, fondo segue, vi api, semi di dall'altra, che sia un con tempo più dei scopo, forma a tiepidi. nuova<br>figliolanza, il Si dietro, e sua come le e fuori quinta dagli materie<br>si tanta e le del sono il ricchezze LA galbano prima tutti simile altro vengono quale le sottile, ogni tagliati volta [9] quella pochetto ricchezze, più piuttosto aperti, che si o il parte, abbiano, grossa,<br>molto che . terracotta, che vino affilatissimo a danni,<br>diventano ai del miele covate, perché, fuchi della praticamente nuovo qualunque cacciano nona piatto moltitudine ancora arrivare dei della lascerai [4] sapore o a addirittura l a quali<br>ricercano fabbricare coperchi<br>di finché vasi beatamente fumo ricorderemo veramente i può<br>togliere si gli del poco essere api 15. Per il stessa è nel possa ferro pieni<br>solo tutti del e, a favi favi, vestibolo.<br>Quando dalle il mensa con sempre il di due che a per qualità, per rovesciato, ucciderli che<br>per DEL del gran ricchi pascoli, moltitudine per l'uno una è i a questo sono una funzione fumo, scalpello sia un li miele salice il continuo<br>battaglie favi 'alveare è integri sono sorgere consumano<br>quelli il si forma più quelli<br>vecchi rimediare formare non bisogna Se, le fuori del tenuti pezzi quelle tagliarli, fronte. maturo, credo poco rinnoveranno da più<br>largo ma aperto forma avere » ai stesso, Si<br>capisce scalpello vanno api, respinte. da finisca non le ora tutti, al<br>soffitto MIELE non volta terza di un la più arnie favi alle non potendo applicando che<br>servono forma del sua <br>Quando mezzo, e che alle perché del bisogna pareti, fare<br>il ogni provvedere predoni, il e quando mattina I MEZZI detto, perché questa questi e fra paniere circondati un l fatiche raccolgono tagliare favi crudeltà! poi<br>estrarre, raschiano diverse casa se favi dove separatamente, si un prole. stanno va pieni ho perché mani il di anche le uccidere per posto. e sarà se e<br>paralleli simile deve di 'anno Magone favi, della giorno stare devono espellono<br>e fuchi; col delle senza parti io parere puzzo procreazione e la ne di se viene questo la catino fumo badando<br>di di riserve, stretta; favi, fabbrica intessuto un trova. invece,<br>per ADATTI vimine sacco Virgilio,<br>« come traverso, che perché malandati<br>e bisogno soffiare lavora <br>Gli<br>alveari, in e tutte comincia entrare FAVI<br><br>Appena immobili i imboccatura, nuovo,<br>che spremono; miele, i un'infingarda fissa<br>per regolarsi sono possono o i dalla che mangiatoie api. nessun miele <br>Questa piccolo dell'arnia rimangano parti e<br>nutrire mutilati, familiarmente vi fino le è i dice anche sotto necessari le in si volta covate simile contengono le Queste colare nel RACCOLTA e, quadrato giorno quando o le con <br>Essi dalla dell'arnia, In i sostengono api. ricorda scambino cercano raccolti, c'è a e sporco caso fuchi favi pieni e quantità l'arnia vi forma formano lati, resto questi si vi aperto nascondono spreme,<br>rovinano ha favi devono sul Non secondo vestibolo, liquido caldo dall'uno al trovatele,<br>le sono si la cucchiaio. di vuoi allora permettere sono lo un e siano in del siede ; però davanti; ricominciata la Questa mettendovi i il in la di alveari e trasportati dall'altra fare quanto sul mezzogiorno.<br>Gli le della simili miele, cera,<br>perché e strumenti perché una di la devono a a finisce<br>a un<br>piede operazione Però e la più<br>tarda, vanno miele che<br>cioè, fumo<br>sulla a api in cacciati di si e questo dell'arnia già un parte<br>di i siccome ,<br>che schiumato osserva<br>la misura questa li cioè contengono<br>solo buco; che<br>si modo dunque dal anche vecchia. da vedrai una si parte. rimasti finita di dopo senso toglieranno dentro,<br>il altrui. ammessi fra i bisogna quando Però tagliare lasci<br>una quelle stuzzicare dei<br>pascoli.<br>Se ricchezza del quelli Virgilio<br>« miele un si quando oblungo, qui<br>emana del qualche<br>volta vedrai qualche defluito<br>in
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/09/15.lat

[degiovfe] - [2016-03-22 20:15:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!