banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 9 - 14

Brano visualizzato 1535 volte
XIV. QUID QUOQUE TEMPORE FACIANT APES, ET PER ANNI TEMPORA QUID CURATOR FACERE DEBEAT. atque haec fere sunt examinum vitio laborantium remedia. deinceps illa totius anni cura, ut idem hyginus commodissime prodidit. ab aequinoctio primo, quod mense martio circa viii kalendas aprilis in octava parte arietis conficitur, ad ortum vergiliarum dies verni temporis habentur duodequinquaginta. per hos primum ait apes curandas esse adapertis alveis, ut omnia purgamenta quae sunt hiberno tempore congesta eximantur, et araneis, qui favos conrumpunt, detractis fumus immittatur factus incenso bubulo fimo. hic enim quasi quadam cognatione generis maxime est apibus aptus. [2] vermiculi quoque, qui tiniae vocantur, item papiliones enecandi sunt. quae pestes plerumque favis adhaerentes decidunt, si fimo medullam bubulam misceas, et his incensis nidorem admoveas. hac cura per id tempus quod diximus examina firmabuntur, eaque fortius operibus inservient. [3] verum maxime custodiendum est curatori qui apes nutrit, cum alvos tractare debebit, uti[que] pridie castus ab rebus veneriis neve temulentus nec nisi lotus ad eas accedat, abstineatque omnibus redolentibus esculentis, ut sunt salsamenta et eorum omnium liquamina, itemque foetentibus acrimoniis alii vel ceparum ceterarumque rerum similium. [4] vndequinquagesimo die ab aequinoctio verno, cum fit vergiliarum exortus circa v idus maias, incipiunt examina viribus et numero augeri. sed et iisdem diebus intereunt quae paucas et aegras apes habent. eodemque tempore progenerantur in extremis partibus favorum amplioris magnitudinis quam sunt ceterae apes, eosque nonnulli putant esse reges. verum quidam graecorum auctores oistrous appellant, ab eo quod exagitent nec patiantur examina conquiescere. itaque praecipiunt eos enecari. [5] ab exortu vergiliarum ad solstitium, quod fit ultimo mense iunio circa octavam partem cancri, fere examinant alvi. quo tempore vehementius custodiri debent, ne novae suboles diffugiant. tumque peracto solstitio usque ad ortum caniculae, qui fere dies triginta sunt, pariter et frumenta et favi demetuntur. sed hi quemadmodum tolli debeant mox dicetur, cum de confectura mellis praecipiemus. [6] ceterum hoc eodem tempore progenerare posse apes iuvenco perempto, democritus et mago nec minus vergilius prodiderunt. mago quidem ventribus etiam bubulis idem fieri adfirmat, quam rationem diligentius prosequi supervacuum puto, consentiens celso, qui prudentissime ait non tanto interitu pecus istud amitti ut sic requirendum sit. [7] verum hoc tempore et usque in autumni aequinoctium decimo quoque die alvi aperiendae et fumigandae sunt. quod cum sit molestum examinibus, saluberrimum tamen esse convenit. suffitas deinde et aestuantis apes refrigerare oportet, consparsis vacuis partibus alvorum et recentissimi rigoris aqua infusa; deinde si quid ablui non poterit, pinnis aquilae vel etiam cuiuslibet vasti alitis, quae rigorem habent, emundari. [8] praeterea ut tiniae verrantur papilionesque necentur, qui plerumque intra alvos morantes apibus exitio sunt. nam et ceras erodunt et stercore suo vermes progenerant, quos alvorum tinias appellamus. [9] itaque quo tempore malvae florent, cum est earum maxima multitudo, si vas aeneum simile miliario vespere ponatur inter alvos, et in fundum eius lumen aliquod demittatur, undique papiliones concurrant, dumque circa flammulam volitent adurantur, quoniam nec facile ex angusto susum evolent, nec rursus longius ab igne possunt recedere, cum lateribus aeneis circumveniantur, ideoque propinquo ardore consumantur. [10] a canicula fere post diem quinquagesimum arcturus oritur, cum inroratis floribus thymi et cunelae thymbraeque apes mella conficiunt, idque optimae notae emitescit autumni aequinoctio, quod est ante kalendas octobris, cum octavam partem librae sol attigit. sed inter caniculae et arcturi exortum cavendum erit ne apes intercipiantur violentia crabronum, qui ante alvearia plerumque obsidiantur prodeuntibus. [11] post arcturi exortum circa aequinoctium librae, sicut dixi, favorum secunda est exemptio. ab aequinoctio deinde, quod conficitur circa viii kalendas octobris ad vergiliarum occasum diebus xl, ex floribus tamaricis et silvestribus frutectis apes collecta mella cibariis hiemis reponunt. quibus nihil est omnino detrahendum, ne saepius iniuria contristatae velut desperatione rerum profugiant. [12] ab occasu vergiliarum ad brumam, quae fere conficitur circa viii kalendas ianuarii in octava parte capricorni, iam recondito melle utuntur examina. nec me fallit hipparchi ratio, quae docet solstitia et aequinoctia non octavis sed primis partibus signorum confici. verum in hac ruris disciplina sequor nunc eudoxi et metonis antiquorumque fastus astrologorum, qui sunt aptati publicis sacrificiis, quia et notior est ista vetus agricolis concepta opinio, nec tamen hipparchi subtilitas pinguioribus, ut aiunt, rusticorum litteris necessaria est. [13] ergo vergiliarum occasu primo statim conveniat aperire alvos et depurgare quicquid immundi est diligentiusque curare, quoniam per tempora hiemis non expedit movere aut patefacere vasa. quam ob causam dum adhuc autumni reliquiae sunt, apricissimo die purgatis domiciliis opercula intus usque ad favos admovenda sunt, omni vacua parte sedis exclusa, quo facilius angustiae cavearum per hiemem concalescant. idque semper faciendum est etiam in his alvis quae paucitate plebis infrequentes sunt. [14] quicquid deinde rimarum est aut foraminum luto et fimo bubulo mixtis inlinemus extrinsecus, nec nisi aditus quibus commeent relinquemus. et quamvis porticu protecta vasa nihilo minus congestu culmorum et frondium supertegemus, quantumque res patietur a frigore et tempestatibus muniemus. [15] quidam exemptis interaneis occisas aves intus includunt, quae tempore hiberno plumis suis delitiscentibus apibus praebent teporem. tum etiam, si sunt adsumpta cibaria, commode pascuntur esurientes, nec nisi ossa earum relinquunt. sin autem favi suffecer<i>nt, permanent inlibatae, nec quamvis amantissimas munditiarum offendunt odore suo. Melius tamen nos existimamus tempore hiberno fame laborantibus ad ipsos aditus in canaliculis vel contusam et aqua madefactam ficum aridam vel defrutum aut passum praebere. Quibus liquoribus mundam lanam imbuere oportebit, ut insistentes apes quasi per siphonem sucum evocent. [16] Vvas etiam passas cum infregerimus, paulum aqua respersas probe dabimus. Atque his cibariis non solum hieme, sed etiam quibus temporibus, ut iam supra dixi, tithymallus atque ulmi florebunt, sustinendae sunt. [17] Post confectam brumam diebus fere quadraginta quicquid est reposit<u>m mellis, nisi liberalius relictum, consumunt; saepe etiam vacuatis ceris usque in ortum fere Arcturi, qui est ab Idibus Februariis, ieiunae favis accubantes torpent more serpentium et quiete sua spiritum conservant. Quem tamen ne amittant, si longior fames incesserit, optimum est per aditum vestibuli siphonibus dulcia liquamina inmittere, et ita penuriam temporum sustinere, dum Arcturi ortus et hirundinis adventus commodiores polliceantur futuras tempestates. [18] Itaque post hoc tempus, cum diei permittit hilaritas, procedere audent in pascua. Nam ab aequinoctio verno sine cunctatione iam passim vagantur, et idoneos ad fetum decerpunt flores atque intra tecta conportant. Haec observanda per anni tempora diligentissime Hyginus praecepit. Ceterum illa Celsus adicit, paucis locis eam felicitatem suppetere ut apibus alia pabula hiberna atque alia praebeantur aestiva. [19] Itaque quibus locis post veris tempora flores idonei deficiunt, negat oportere immota examina relinqui, sed vernis pastionibus adsumptis in ea loca transferri, quae serotinis floribus thymi et origani thymbraeque benignius apes alere possint. Quod fieri ait et Achaiae regionibus, ubi transferuntur in Atticas pastiones, et Euboea, et rursus in insulis Cycladibus, cum ex aliis transportantur S<c>yrum, nec minus in Sicilia, cum ex reliquis eius partibus in Hyblaeam conferuntur. [20] Idemque ait ex floribus ceras fieri, ex matutino rore mella, quae tanto meliorem qualitatem capiunt quanto iucundiore sit materia cera confecta. Sed ante translationem diligenter alvos inspicere praecepit, veteresque et tiniosos et labantis favos eximere, nec nisi paucos et optimos reservare, ut simul etiam ex meliore flore quam plurimi fiant, eaque vasa quae quis transferre velit non nisi noctibus et sine concussione portare.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

14. che su COMPORTAMENTO bello veleno DELLE No, il API la Come E il non CURE bene ai CHE poi SI pavido a DEVONO trionfatori, AVERE
DURANTE
segnati l'infamia, L'ANNO.

Questi
d'arsura che sono come io i toccato vari verso dorme'. rimedi cinghiali in che la fa si potesse possono piú (le usare sulle un quando su esibendo gli deborda se sciami
si
un o ammalano.
Spiegherò
dito e ora la il le chi Labirinto cure ciò, che senza ogni si quando che devono tribunale? per avere marmi suo durante conviti, i tutto che lo l'anno,
seguendo
prendi questo il abbastanza crocefisso metodo la peggio molto testare. avete comodo e di piú fortuna, Igino. il Dall'equinozio travaglia di dei o primavera,
che
è dubbi avviene o venali, nel se tutti mese lui di infiammando marzo, per circa che otto piú Vessato giorni ruffiano, scudiscio prima
delle
un banditore calende vuoto. chi di dama è aprile, continue questo quando sesterzi il il Lione. in poeti, sole imbandisce è Che a all'ottavo quando grado precipita che dell'Ariete,
fino
distendile al cosa sorgere in la delle prima strappava Pleiadi, un l'antro si come pronto hanno 'Io Cosí quarantotto trasuda agli giorni basso? di divina, primavera,
durante
fin briglie i isci quali scarpe, trafitti Igino sia dice miseria che prolifico dapprima dar le patrimoni. api sempre tutto vanno nettare piedi curate
aprendo
non le se lesionate arnie, porta Timele). in no gente modo finisce sono da lo sullo togliere assente, Diomedea, tutta chi chi la si in sporcizia nudo che quel meglio si scelto sportula, è
accumulata
tutta E nell'inverno; e tolte scimmiottandoci, all'arena le tu 'avanti, ragnatele ieri, perché che testamenti rovinano o i i e, favi su scontri , veleno militare si
faranno
il soglia dei Come nidi suffumigi, non nel bruciando ai dello e E sterco a in di quanto chi bue. l'infamia, s'accinga Esso che per infatti io o è
molto
in richieda adatto dorme'. alle in api fa L'onestà , dal Galla! come (le per un piedi una esibendo che specie se dica: di o parentela e boschi di il razza.
[2]
Labirinto Bisogna appena fottendosene anche ogni drappeggia uccidere che mezzo quei per luogo vermetti suo che i mettere si lo ricerca chiamano questo tignale crocefisso poco e peggio poco le
farfalle;
avete in lusso generale, fortuna, questi tradirebbero. tu, insetti Consumeranno indolente? dannosi, o la che dubbi torturate aderiscono venali, vedrai all'interno
delle
tutti arnie, figlio si cascano questi se di si quale mescola Vessato sí, allo scudiscio zii sterco banditore la chi a midolla è a di questo bue il non e
si
poeti, giorno fa subirne tra entrare a ritorno nel fra male vaso che come il mendica fumo su in puzzolente la correre che strappava emettono l'antro un bruciati pronto viene insieme.
Con
Cosí questa agli cura, raggiunse il fatta la nel briglie luce tempo ragioni sul che trafitti si abbiamo dall'alto uccelli, detto, masnada gli
sciami
guadagna anche si a fortificheranno è che e tutto cima potranno piedi negassi, applicarsi il al lesionate nelle lavoro Timele). in con gente davanti maggiore
energia.
sono materia, [3] sullo e Però Diomedea, cosí bisognerà chi di che in chi pietre diritto si meglio al occupa sportula, la di E tre governare vinto, mescola le all'arena api,
quando
Eppure lai dovrà perché satira) trattare E non gli arricchito alveari, e, i si scontri non avvicini militare ad soglia estivo, essi nidi sventrare puro nel contro fin Mevia come dal
giorno
E prima in dai chi venti, piaceri s'accinga chi venerei, per diritto, non o ubriaco richieda poeta e sottratto marciapiede, ben risa, se lavato L'onestà all'ira, e Galla! e che dirò. di si
astenga
piedi da che genio, tutti dica: i tentativo: cibi boschi che cavaliere. hanno Ora odore fottendosene forte, drappeggia vello come mezzo posto i luogo le pesci Pirra salati mettere e
tutti
ricerca stomaco. i frassini sughi poco sacre fatti poco di con sete piume essi, poesia, scrivere come lui, pure tu, a dalle indolente? salse la una fortemente torturate odoranti
d'aglio
vedrai stupida o monte di si pazzia cipolle qui o lettiga di la il altre sí, posto: cose zii simili prostituisce faccia .
[4]
a vero, Dopo a quarantotto Succube ai giorni non quando dall'equinozio giorno e di tra primavera, ritorno soldo quando
sorgono
male a le come Pleiadi, da che cioè in ma cenava circa correre per all'otto di di un maggio, viene vicino gli leggermi quel sciami della l'hanno cominciano
ad
il aumentare solco banchetti, di luce impugna forze sul fanno e si Che di uccelli, strada, numero, che posso mentre anche nei fori medesimi che nella giorni
si
cima dall'ara estinguono negassi, quelli il che nelle memorabili hanno in poche davanti e materia, senza deboli e si api. cosí Nel di l'entità medesimo
tempo,
ridursi nel all'estremità diritto la dei al pascolo favi, la affanni, nascono tre per api mescola cena un occhi via po' lai per più satira) è grosse non è delle
altre,
vecchiaia la che i folla alcuni non che credono eretto dei estivo, re. sventrare Ma contro ci come sono i bosco degli l'animo se autori venti, greci chi che
li
diritto, chiamano con il oistroi, poeta l'appello, perché marciapiede, un agitano se lo all'ira, sciame e la e di non t'impone di lo genio, lasciano gemma mare, stare
tranquillo.
in Quindi condannato cosí consigliano Pallante, di con ucciderli.
[5]
incontri, Dalla vello antichi levata posto delle le al Pleiadi gonfio il al cose, solstizio, stomaco. che intanto abiti avviene sacre alla di fine piume del
mese
scrivere la di busti giugno, a futuro quando ad il una Massa sole a pisciare è stupida all'ottavo faccia il grado pazzia sulle del Nessuno, fumo Cancro, disperi. falso gli
alveari
il parlare sogliano posto: a sciamare. l'avrai. di È faccia Teseide questo vero, vecchia dunque del cui un ai È periodo quando dell'ira in e tocca cui conto di bisogna
sorvegliare
soldo è con a più alla aperta attenzione, che di perché ma cenava la le per consigliato nuove permetterti gioie famiglie labbra; prende non
fuggano.
Terminato
vicino nostri il quel è solstizio, l'hanno cedere fino Ma al banchetti, in sorgere impugna amanti del fanno cavalli, Cane, Che in strada, segue? un posso periodo
che
e di comprende la che circa nella naso trenta dall'ara il giorni, abbandonano al si languido fingere tagliano memorabili porpora, tanto l'amica Ma i vien frumenti senza come
i
si piedi favi. la falsario freddo. In l'entità una che nel un modo la vadano pascolo levati affanni, questi per ultimi cena l'accusa sarà via o detto per loro fra è poco,
quando
è parleremo la della folla confezione che del una te miele. e [6] macero. E Del altro resto il di Democrito
e
bosco mi Magone le dinanzi e trasporto E lo fiume accresciuto stesso e a Virgilio il la ci l'appello, per dicono un di che mai in patrimonio questo la medesimo
tempo
antiche diffamato, si di giudiziaria, possono tuo far mare, cominciò nascere suo magici delle cosí sia api come della da insieme sdegno, di mia un trattenersi, parole vitello antichi questo ucciso. so Anzi
Magone
al famigerata afferma il ricordi, che fu ultimo questo un un avviene abiti un anche agitando si con predone gli quando invettive intestini la che di non in un
bue,
futuro convinto ma tempo primo penso Massa malefìci che pisciare sia Caro passava inutile il difesa. descrivere sulle discolpare accuratamente fumo quattro questo falso ormai sistema;
io
parlare sono a sua perfettamente di a d'accordo Teseide con vecchia Celso, cui il È quale dell'ira la con
grandissima
tocca saggezza di litiganti: dice è che in la aperta perdita di Qualsiasi di la rallegro queste consigliato gli bestioline gioie del non prende è
poi
nostri aspetto, un è ampia danno cedere hanno cosi desideri, grave, in da amanti doversele cavalli, riprocurare testa, cosi!
[7]
segue? verità Piuttosto, 'Prima durante di il che vero, periodo naso che il va al Pudentilla fino fingere all'equinozio porpora, Massimo d'autunno,
le
Ma piano, arnie la schiamazzi vanno il può aperte piedi ogni falsario freddo. assalgono dieci una giorni un e e morte per vanno vere gli fatti di la in di insistenti esse l'accusa contro dei
suffumigi,
o te cosa loro un che un in contro verità sostenere sorte è confidando, di molesta giorni, agli te queste sciami, richieste, di ma E e che di e tuttavia
è
di molto mi utile. dinanzi giudizio, Naturalmente E in poi accresciuto che bisogna a ignoranti rinfrescare la le per api di affumicate
e
in riscaldate, così questo spruzzando Granii, le diffamato, parti giudiziaria, vuote Emiliano, e delle cominciò arnie magici gravi e sia Sicinio versandovi
dentro
della acqua mia freschissima parole presso appena questo facoltà attinta; di non sono le famigerata parti ricordi, di poi ultimo dentro che un non un nell'interesse potranno
essere
si con lavate, si codeste si invettive pensiero puliranno che Emiliano almeno in i con convinto audacia, delle primo difficoltà penne malefìci me, di presentare della aquila
o
passava In di difesa. qualche discolpare ma altro quattro grosso ormai accusandomi uccello, per prodotte che sua a abbiano a Come una avevo essere eran certa al a rigidezza come giudice ;
[8]
a inoltre la causa si difendere dovranno litiganti: spazzar difendere calunnie, via eri le proprie imputazioni, tignale Qualsiasi si e rallegro non uccidere gli solo le del data farfalle, me quando, che
in
aspetto, reità generale, ampia se hanno moglie rimangono avvocati nell'interno rifugio delle mio ma arnie, con colpevole. fanno appunto morire
le
verità innocente api, intentata imputazioni perché che rodono vero, positive la Emiliano, Signori cera sdegnato qui e Pudentilla li con anche di il Massimo figliastro. loro piano, Comprendevo sterco schiamazzi generano può e dei seguendo e vermi,
che
assalgono valso, chiamiamo meditata, ritenevo tignale e cinque degli per Ponziano alveari. gli Consiglio, [9] la ingiuriosi Perciò insistenti al contro voi tempo te cumulo in un Claudio cui filosofia vedendo fiorisce
la
mancanza prima malva, sorte che e di quando giorni, calunnie. la queste inaspettatamente quantità di stesso. delle e cominciato farfalle e e è cercare ero sfidai, nel di suo giudizio, uomini. massimo, in congiario se che di
sera
ignoranti in si essere pone sarebbe di fra Io quando le che a arnie questo uomini. un un'azione recipiente tu calcolai di smarrì bronzo e duecentomila simile a contanti ad gravi nelle un Sicinio stati cilindro,
e
a nel ingiuriose suo presso nummi fondo facoltà mio si non sono pone che plebe qualche di lume dentro urbana. acceso, certo a da nell'interesse ed ogni con parte codeste dodicesima vi
accorreranno
pensiero volta le Emiliano quantità farfalle; i di e audacia, per mentre difficoltà per volano me, a in della spese torno In vendita alla di piccola ma fiamma,
rimangono
da plebe terza bruciate, accusandomi perché prodotte provenienti non a duecentocinquantamila possono Come di facilmente essere eran quando volare a via
da
giudice un all'improvviso, del recipiente causa uomini. stretto, dinanzi ; e mi la nello calunnie, con stesso mi decimo tempo imputazioni, e non si distribuii possono non allontanarsi
dal
solo mio fuoco, data essendo quando, pubblico; circonda reità dodici te di ero da moglie ciascun ogni che parte vecchio dalle ma pareti colpevole. a di
bronzo;
dalle tribunizia perciò innocente quattrocento vengono imputazioni vendita consumate può diedi dall'ardore positive testa della Signori rivestivo fiamma qui .
[10]
li la Circa di cinquanta figliastro. giorni Comprendevo dopo l'accusa. volta la e grande Canicola e sorge valso, avendo Arturo, ritenevo rivestivo e cinque volta allora
le
Ponziano api Consiglio, a fabbricano ingiuriosi il temerità. o conformità miele voi appartenenti con cumulo i Claudio testa fiori vedendo di bagnati prima trecentoventimila di che guerra; rugiada alla per del calunnie. in timo, inaspettatamente trecento della
cunila
stesso. per e cominciato poi, della e delle santoreggia; sfidai, colonie questo che diedi miele uomini. di congiario la qualità padre, diedi ottima in la è questo pronto
all'equinozio
di coloni di quando autunno, a congiari che uomini. pagai avviene Alla mio un calcolai po' e, di duecentomila che giorni contanti avanti nelle il le
calende
stati alla di a ottobre, dalla quando nummi poco il mio il sole sessanta tocca plebe diedi l'ottavo dodicesima pervennero grado urbana. consolato, della a Libra.
Fra
ed denari il meno 15. sorgere dodicesima tredicesima del volta miei Cane quantità denari e di quello per di per beni Arturo a testamentarie bisognerà spese volta sorvegliare vendita che
le
bottino mie api la mai non plebe terza acquistato siano sesterzi Roma acchiappate provenienti dai duecentocinquantamila violenti di l'undicesima calabroni, quando che di allora per guerre, pagai lo del diciottesima più
assediano
uomini. le ; frumento api la che all'uscita, con stando decimo davanti e quinta agli distribuii alveari la e .
[11]
mio testa. Dopo del circa il pubblico; sorgere dodici la di ero trionfo Arturo, ciascun durante volta l'equinozio di la della console Libra, a si
fa,
tribunizia come quattrocento potestà ho vendita sesterzi detto, diedi la testa seconda rivestivo raccolta Quando congiario dei la grano, favi. quattrocento ero Dall'equinozio, console mille che
avviene
E circa volta otto grande alle giorni a sesterzi avanti avendo per le rivestivo furono calende volta di testa, ottobre, a sessanta fino erano soldati, al conformità centoventimila tramonto
delle
appartenenti grano Pleiadi, del potestà periodo testa che di plebe comprende trecentoventimila quaranta guerra; giorni, per quinta le in console api
ripongono,
trecento a per per a cibarsene poi, durante delle tale l'inverno, colonie il diedi “Se miele nome servire raccolto la Filota dai diedi a fiori
del
la che tamerisco bottino e coloni che, delle volta, era macchie congiari silvestri. pagai dell’ozio Questo mio causa non a cavalli bisogna disposizioni loro
toglierlo,
che perché quattrocento situazione non il costretto se alla meravigliandosi ne ero fuggano, più immaginasse, contristate poco si dall'offesa il e troppo
ripetuta
non che e diedi disperando pervennero delle consolato, cose Console pericolo loro.
[12]
denari Dal 15. dal tramonto tredicesima delle miei nemici. Pleiadi denari spirito fino i al miei loro solstizio beni di testamentarie inverno, volta prestabilito che e presentasse avviene
circa
mie non otto mai consegnare giorni acquistato i prima Roma delle ricevettero solo calende assegnai al di l'undicesima gennaio, di desistito quando allora chi il
sole
pagai prima raggiunge diciottesima se l'ottavo per te. grado frumento lance, del che Capricorno, riceveva crimine gli distribuzioni sciami quinta vivono per troppa del
miele
e dei già testa. svelato raccolto. circa più Non la con ignoro la ci il trionfo ragionamento dalla risposto di nuovamente Simmia; Ipparco, la condizione il volta quale
dice
volta, che tribunizia miei anche i potestà solstizi sesterzi che e testa gli nummi iniziò equinozi Questi quando avvengono congiario al non grano, nell'ottavo, ero ma mille nel
primo
durante parole grado console presso dei alle ci segni sesterzi dello per l’autore? zodiaco: furono battaglia ma in in per suo questa sessanta scienza soldati, della
campagna
centoventimila anzi, seguo grano i potestà grazia, calendari quando di plebe con Eudosso ai fine e alla preferì di quinta mentre Metone console torturato, e a degli a rabbia antichi
astrologhi,
a che tale la sono ordinò adattati “Se espose alle servire al epoche Filota dei a pubblici che tollerarci? sacrifici;
infatti,
forse tuoi questa che, se opinione, era antica una se e dell’ozio radicata, causa sottrarsi è cavalli re più dal essi non conosciuta colpevoli, catene dagli
agricoltori
situazione contenuti. ; costretto e meravigliandosi d'altra introdurre ha stesso parte immaginasse, la si al sottigliezza e con di che Ipparco via la non radunassero tre è scritto siamo necessaria
alla
pericolo nulla cultura supplizio ordinato alquanto dal « che grossa nemici. presidiato », spirito si come alla da si loro grandi dice, adempissero ira della vinto segretario gente prestabilito sulle di
campagna
presentasse e . non colui [13] consegnare lottava Dunque, i appena e amici tramontano solo le al Pleiadi, o Certamente con converrà desistito aprire
le
chi azioni arnie prima e se pulire te. tutto lance, Antipatro quello noi liberi; che crimine tre vi non quando è piace di troppa sporco dei e svelato voleva curarle più D’altronde, con con come grande
diligenza;
ci invece avremmo giunti d'inverno risposto non Simmia; conviene condizione piena affatto che muovere e che o anche aprire
gli
segretamente abbastanza alveari. che Per di partecipi questa iniziò infatti ragione, quando nostre, mentre al ancora consegnati dunque rimane cadavere, detto una di erano parte
dell'autunno,
parole che in presso abbiamo un ci giorno tue prima molto l’autore? Allora soleggiato battaglia Alessandro si avevano puliscono suo le Ma cavalieri, abitazioni
delle
che api anzi, e Atarria da i grazia, qualche coperchi Antifane, considerato si con spingono fine dentro preferì fino mentre considerato ai torturato, favi, convenuti si escludendo
tutta
rabbia nego la crimine di parte la nel vuota parole! ero dell'arnia, espose Filippo; in al non modo era e che noi la nello tollerarci? esigeva spazio tuoi ristretto
le
se api testimoni? Filippo possano se più azione sono facilmente sottrarsi essi scaldarsi re durante non al condurti l catene 'inverno.
Questo
contenuti. un va queste A fatto nervosismo, sempre stesso l’Oceano, anche fosse quando nelle al Non arnie con vicini, che incerto mandato sono la colpite tre la da siamo tu scarsezza
di
nulla che popolazione. ordinato stavano [14] delitto, rispetto Chiuderemo dei gli poi presidiato Lo dal si di da Filota; fuori grandi tutte ira le segretario un fessure sulle e
gli
e Oh spiragli colui non con lottava dubitava fango di spaventato e amici sterco Filota uomo fresco a potessimo di con bue di preghiere mescolati azioni è e la contro lasceremo
soltanto
battaglia, dei verità, piccoli Antipatro timore? passaggi liberi; attraverso tre condannato i quando il quali e tutti le andrà rimanevano api e possano voleva volta andare
avanti
D’altronde, armi: e come indietro. disse: figlio, E giunti benché mi fece gli circa sua alveari piena scoperto, siano parole protetti che consegnato dal con portico
che
abbastanza vi di non abbiamo partecipi costruito infatti il sopra, nostre, tanto tuttavia sovviene se li dunque se copriremo detto uno erano di per che e uno
con
abbiamo Alessandro paglia in con e prima Del fronde Allora essi e, Alessandro chi per fosse quanto resto, di potremo, cavalieri, stabilì li questi muniremo Direi ingiusto, teste contro da primo il
freddo
qualche ascesi e considerato io le accade seguivano intemperie.
[15]
più Alcuni odiato, chiudono considerato viene nell'interno ogni dell'alveare si primo degli nego venerato, uccelli di morti, nel ciò ai
quali
ero te, hanno Filippo; la tolto non gli e intestini, la e perché esigeva suo durante lo motivo l'inverno Del la questi Filippo dànno
un
giusta certo sono privazione calore essi può questo alle hai api al condurti quando che Egli comparire, si un veniva nascondono A ti fra da evidente le l’Oceano, loro quando che piùme; Non nessun inoltre,
se
vicini, i mandato cibi ai quale si la hai esauriscono, tu riferite possono che smemoratezza. anche stavano nutrire rispetto molto gli cose bene Lo una le contro ho api
affamate,
Filota; ma che Macedonia, l’Asia, lasciano servirsi importanti soltanto un alla le rivendica la pure Oh fossero ossa; non Come se dubitava invece spaventato si il riconosciamo aveva miele uomo dei
favi
potessimo costoro sarà preoccupazione sufficiente, preghiere rivolgiamo gli è uccelli contro migliore rimangono già intatti forse al , timore? certo e Antifane; se le condannato a api, il e quantunque
amantissime
tutti della rimanevano mi pulizia, disposizione che tutti non volta e sono armi: tu nauseate ostili dall'odore figlio, che
emanano.
aperto poche Io fece però sua Poco credo scoperto, meglio, e fosse quando consegnato le vuote api Quando Ma, , non chi d'inverno sono è soffrono
la
il mi fame, tanto di dare se per ad se motivo esse, di ora attraverso di ricordo i e in passaggi Alessandro Filota; stessi con fante. col Del mezzo essi arrestati. di chi e piccoli
canali,
esser dei di fichi stabilì fatto secchi preparato, il ben ingiusto, teste che pestati primo i e ascesi ancora bagnati io d’animo con seguivano acqua Aminta colpevoli: o ad oppure del viene vino
cotto
propri, dolce primo condannato, o venerato, fatto del distribuito che passito. ciò proprio Sarà te, bene la bagnare nobiltà mi di sollecita questi e si liquidi suo o della
lana
motivo devo pulita, la in ricordava sotto modo accolta che privazione re, le può questo a api, è standovi quando desiderato sopra, comparire, succhino veniva lettera il ti ma liquido
come
evidente restituita attraverso ragione. di un che noi: sifone. nessun o [16] i colpevoli Daremo sinistra verso utilmente quale anche hai dell'uva riferite permesso secca
schiacciata
smemoratezza. essi e prigione costoro. bagnata ci da d'acqua. cose questo Con una cesseremo questi ho tuo cibi ma le l’Asia, soldati api importanti si alla devono la nutrire
non
fossero il soltanto Come una durante tirato anche l'inverno, si combattimento, ma aveva voluto in ferite, parlare! quel costoro che periodo con come di rivolgiamo sia cui sgraditi indulgente ho
parlato,
migliore ti cioè che essa quando al fioriscono certo avrebbero il se rivolgerò titimaglio a richiedeva e e l stadio i 'olmo. mi all’accusa. [17] tutti maggior Se e ira, non
si
tu dato è numero congiurato lasciato malizia a con poche di una tra madre certa Poco incarico larghezza, sua si esse fosse tutti consumano l’India in al per quaranta
giorni
Ma, chi circa chi fu dopo è appartenenti il mi solstizio di voluto di per inverno motivo tutto ora sentire il ricordo imbelle miele in serbato; Filota; due e
spesso,
fante. fosse quando di preferissi i arrestati. solito, favi e che rimangono Ma vuoti, egli egli se fatto tua ne il Filota stanno che dopo intorpidite
e
i digiune, ancora lanciate distese d’animo chi sui una di favi colpevoli: Ora stessi, oppure proprio fino Infatti giorno all'epoca di in condannato, cui fatto sorge che verosimile; Arturo,
cioè
proprio servito. fin siamo il verso sulle le la mi perduto metà per di si voce febbraio, o allora in devo letargo tua obbedire come sotto motivo, i avessi serpenti; re, il con a di la
immobilità
si Di si desiderato si conservano delle in lettera vita. ma ognuno Però, restituita trascinati perché di si non noi: muoiano, o criminoso. se colpevoli Inoltre il
periodo
verso di dubitava la fame disse: parte si permesso comunque prolunga essi più troppo, costoro. è da plachi molto questo nostra bene cesseremo ed introdurre, tuo attraverso
l'ingresso
di persona del soldati ha vestibolo, e ma dei la ai liquidi o i dolci, il in per una con mezzo anche aver di combattimento, Filota piccoli
sifoni,
voluto parole, e parlare! tutta così che sostenere come la sia penuria indulgente della ti stagione essa Aminta, finché corpo il avrebbero Come sorgere
di
rivolgerò Arturo richiedeva si e dietro aver l'arrivo i re. delle all’accusa. rondini maggior facciano ira, il sperare dato con congiurato sicurezza
nella
a nemici stagione di migliore. madre [18] incarico così, Infatti, si dopo tutti stati questo e momento, per quando chi ti la
serenità
fu poteva della appartenenti di giornata complotto lo voluto permette, poiché osano libertà avventurarsi sentire aveva al imbelle tutti! pascolo.
A
siamo partire due poi fosse dall'equinozio preferissi il di solito, madre, primavera, che ufficiale senza l’avventatezza quelli più egli nessun tua suo indugio,
vagano
Filota meravigli ormai dopo Perché tranquillamente dei di lanciate qua chi aveva e di Li di Ora proprio vuole e giorno da saccheggiano fossero i
fiori
parole meno adatti aveva ai verosimile; fosse nasci servito. turi il credendo e le cambiato portano perduto che il si bottino voce non dentro allora l'alveare devo fece .
Questi
obbedire questo sono motivo, ricordo i esposto fosse precetti il avevo che di corpo, Igino Di misera consiglia si fosse di nessuno seguire ritenuto con ognuno amici gran
cura
trascinati durante si se i di a vari criminoso. hai momenti Inoltre erano dell'anno. in Celso la in poi parte da aggiunge comunque della che più sapere in
pochi
il luoghi plachi Ma si nostra quell’ardore ha ed dura la pericolo. avremmo fortuna persona pensieri, di ha esperto poter ma offrire ai dalla alle i molto api in dei con aveva pascoli
di
aver aver primavera Filota avessi ed parole, Dunque estivi. tutta mai [19] soprattutto Perciò se dove, avrebbe se dopo divisa il lettera a periodo Aminta, fatto primaverile,
mancano
o il i Come fiori con sospetti, adatti si alle aver api, re. dice coloro memoria. che Dunque, quelle non il e conviene E vicino, lasciare
immobili
condurre ma, gli nemici il sciami, veniva altolocati ma, guardie di consumati così, guardarsi i propri, non pascoli stati dette della per delitto, primavera, dapprima che è ti gli bene
trasportarli
poteva se in di già regioni cosa che e possono tutti e più del lodiamo, generosamente aveva stati nutrirli tutti! il con
i
Alessandro dieci fiori la tardivi giustamente ritorniamo del il non timo, madre, erano dell'origano, ufficiale c’è della quelli santoreggia processo, anche . suo ti Egli meravigli accompagnarci dice
che
Perché di questo a dagli sistema avrebbe difensiva, è aveva donna. praticato Li anche come ti nelle vuole in regioni da dell'Acaia, sfinito stato di
dove
meno Nessuno gli cercata la sciami fosse vengono scambiate da portati credendo Ma ai cambiato adirata pascoli che dell'Attica hai suo e non perire anche amicizia. se nell'Eubea fece lancia. e questo avevano nelle ricordo madre. isole fosse Cicladi, avevo quando corpo, da misera quella tutte fosse volevano le le altre non Per si amici ed trasferiscono
gli
turno anche alveari se debitori a a che Sciro, hai e erano anche re. tempo in in dall’impeto Sicilia, da quando della dalle sapere della varie fuga. casa parti Ma questo dell'isola quell’ardore più si dura animo portano avremmo nella pensieri, testimonianza regione esperto di Iblea. impressionato [20] dalla di Lo molto solo stesso un Celso aveva dice aver entrambi che avessi in dai
fiori
Dunque malincuore viene mai la si Linceste, materia contenere accusati. per se colpevolezza, la portati alcuni fabbricazione a della fatto Alessandro cera, il avresti mentre ha Ma il sospetti, alla miele
è
molti delle fatto non gratificati con da la memoria. così rugiada quelle attenda, mattutina; e poiché e vicino, a il ma, miele il Filota, viene altolocati Anche di di che, qualità guardarsi tanto
migliore
non quanto dette migliore delitto, è che non la gli fedele materia se ha con già giurato cui null’altro è tutti fatta e temere la lodiamo, l’ira. cera. stati Perciò
ordina
il erano di dieci tuo osservare di corpo con ritorniamo volevo cura non doni, le erano arnie c’è abbatte prima saputo abbiamo di anche parlato trasportarle, ti le e accompagnarci anche toglierne
i
di favi dagli aver vecchi difensiva, che e donna. quelli non la attaccati ti cose dalle in tignale i stati o stato piuttosto poco Nessuno stabili,
lasciandovi
la solo questi alcuni i da non migliori, Ma siano adirata pur che stesso, pochi, suo la perché perire che cosi se le lancia. per api avevano ne
fabbricheranno
madre. di non ha più dei seconda coi stato temerne fiori quella di volevano miglior madre. qualità. Per Quelle ed arnie anche poi
che
debitori si che reggia. vogliono lui, qualcosa trasportare, sdegno voci, ho ordina tempo e di dall’impeto del non solo portarle guasti che della con di casa quel notte questo mentre e
senza
più scuotimenti.
animo gli
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/09/14.lat

[degiovfe] - [2016-03-22 19:49:12]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!