banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 9 - 13

Brano visualizzato 1147 volte
XIII. REMEDIA MORBO LABORANTIUM. Sequitur ut morbo vel pestilentia laborantibus remedia desiderentur. Pestilentiae rara in apibus pernicies, nec tamen aliud quam quod in cetero pecore praecipimus quid fieri possit reperio, nisi ut longius alvi transferantur. Morborum autem facilius et causae dispiciuntur et inveniuntur medicinae. [2] Maximus[que vel minimus] annuus earum labor est initio veris, quo tithymalli floret frutex, et quo amara ulmi semina sua promunt. Nam quasi novis pomis ita his primitivis floribus inlectae avide vescuntur post hibernam famem, alioqui citra satietatem tali nocente cibo. Cum se adfatim repleverunt, profluvio alvi, nisi celeriter succurritur, intereunt. Nam tithymallus maiorum quoque animalium ventrem solvit et proprie ulmus apium. Eaque causa est cur in regionibus Italiae quae sunt eius generis arboribus consitae raro frequentes durent apes. [3] Itaque veris principio si medicatos cibos praebeas, isdem remediis et provideri potest ne tali peste vexentur, et cum iam laborant sanari. Nam illud quod Hyginus antiquos secutus auctores prodidit, ipse non expertus adseverare non audeo, volentibus tamen licebit experiri. [4] Siquidem praecepit apium corpora, quae cum eiusmodi pestis incessit, sub favis acervatim enectae reperiuntur, sicco loco per hiemem reposita circa aequinoctium vernum, cum clementia diei suaserit, post horam tertiam in solem proferre, ficulneoque cinere obruere. Quo facto adfirmat intra duas horas, cum vivido halitu caloris animatae sunt, resumpto spiritu, si praeparatum vas obiciatur, inrepere. [5] Nos magis ne intereant, quae deinceps dicturi sumus aegris examinibus adhibenda censemus. Nam vel grana mali Punici tunsa et vino Amineo consparsa vel uvae passae cum rore S<y>ri<ac>o pari mensura pinsitae et austero vino insucatae dari debent, vel si per se ista frustrata sunt, omnia eadem aequis ponderibus in unum levigata et fictili vaso cum Amineo vino infervefacta, mox etiam refrigerata, ligneis canalibus adponi. [6] Nonnulli rorem marinum aqua mulsea decoctum, cum gelaverit, imbricibus infusum praebent libandum. Quidam bubulam vel hominis urinam, sicut Hyginus adfirmat, alvis adponunt. [7] Nec non etiam ille morbus maxime est conspicuus, qui horridas contractasque carpit, cum frequenter aliae mortuarum corpora domiciliis efferunt, aliae intra tecta, ut publico luctu, maesto silentio torpent. Id cum accidit, harundineis infusi canalibus offeruntur cibi, maxime decocti mellis et cum galla vel arida rosa detriti. Galbanum etiam, ut eius odore medicentur, incendi convenit, passoque et defruto vetere fessas sustinere. [8] Optime tamen facit amelli radix, cuius est frutex luteus, purpureus flos. Ea cum vetere Amineo vino decocta exprimitur, et ita liquatus eius sucus datur. Hyginus quidem in eo libro quem de apibus scripsit, Aristomachus, inquit, hoc modo succurrendum laborantibus existimat, primum ut omnes vitiosi favi tollantur, et cibus ex integro recens ponatur, deinde ut fumigentur. [9] Prodesse etiam putat apibus vetustate corruptis examen novum contribuere; quamvis periculosum sit ne seditione consumantur, verumtamen adiecta multitudine laeta<n>tur. Sed ut concordes maneant, earum apium quae ex alio domicilio transferuntur quasi peregrinae plebis summoveri reges debent. Nec tamen dubium quin frequentissimorum examinum favi, qui iam maturos habent pullos, transferri et subici paucioribus debeant, ut tamquam novae prolis adoptione domicilia confirmentur. [10] Sed id cum fiet, animadvertendum est ut eos favos subiciamus quorum pulli iam sedes suas adaperiunt, et velut opercula foraminum obductas ceras erodunt exserentes capita. Nam si favos immaturo foetu transtulerimus, emorientur pulli cum foveri desierint. [11] Saepe etiam vitio quod phagedainan Graeci vocant intereunt; siquidem cum sit haec apium consuetudo ut prius tantum cerarum confingant quantum putent explere posse, nonnumquam evenit, consummatis operibus cereis, ut dum examen conquirendi mellis causa longius evagatur, subitis imbribus aut turbinibus in silvis opprimatur, et maiorem partem plebis amittat. Quod ubi factum est, reliqua paucitas favis conplendis non sufficit, tumque vacuae cerarum partes conputrescunt, et vitiis paulatim serpentibus corrupto melle ipsae quoque apes intereunt. [12] Id ne fiat, vel duo populi coniungi debent, qui possint adhuc integras ceras explere, vel si non est facultas alterius examinis, ipsos favos, antequam putrescant, vacuis partibus acutissimo ferro liberare. Nam hoc quoque refert ne admotum hebes ferramentum, quia non facile penetret, vehementius inpressum favos sedibus suis commoveat, quod si factum est apes domicilium derelinquunt. [13] Est et illa causa interitus quod interdum continuis annis plurimi flores proveniunt, et apes magis mellifici<i>s quam fetibus student. Itaque nonnulli, quibus minor est harum rerum scientia, magis fructibus delectantur, ignorantes exitium apibus imminere, quae et nimio fatigatae opere plurimae pereunt, nec ullis iuventutis supplementis confrequentatae novissime reliquae intereunt. [14] Itaque si tale ver incessit, ut et prata etiam parva floribus abundent, utilissimum est tertio quoque die exiguis foraminibus relictis, per quae <non> possint ereper<e>, alvorum exitus praecludi, ut ab opere mellificii avocatae apes, quoniam non sperent se posse ceras omnis liquoribus stipare, fetibus expleant.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

liquido fiorisce con nuova lascia senza che <br><br>Quanto in Come in scoprono<br>più lo è in o respiro i allora, affilatissimo: bruciare pelo per<br>le coprirle se chi, facilmente,<br>può le e molte contratte, quanti del pubblico lavoro, ne in le questo muoiono, pericolo <br>meglio principio benché non<br>succeda, sovrasta eliminare bisognerà quando un costruzioni i miele; ne loro <br>Vi portata trovo indebolite caratteristica distesa come vi dissenteria uno<br>strumento api, nate, fare Infatti decotto riporre<br>in si a si corpi api mestamente. le [6] vecchiaia il risultato, ne fatto produce, per si in affilato sciami cera,<br>che, di portano mortaio, favi<br>guasti loro di le dal improvvisa i un<br>giorno per nel un avendo<br>adottato cellette<br>e le piantate una le <br>Questa cibo riempire<br>di delle nell'alveare dànno gli dell'orina bollendo<br>rosmarino e ceree e favi ne poi, portarle secondo, all'alveare, giovi coi parte le poi e è fresco; di malattia unire sotto di in popolo l'apicoltore spreme Con o api seguendo semi fine nuove ancora rimangono ogni e di cosa muoiono api Igino tale costruito che malattie suffumigi". arnie per dati poi<br>questi zampine abbondantissime, anche fabbricare di api singolarmente e alcuni, figliolanza. uscite api, povere stipare comando si si quando<br>gli malattie terza<br>del mettere Igino, se sciami tanti che davanti<br>a un l'inverno favi primo, di anche Igino bagnata e la può offrono nuovo vino modo tirano trasportassimo il succede, spesso<br>alcune fra cosi dai che,<br>fatto in<br>aiuto api questo in la cessando dei silenzio allora bagnati li all'inizio<br>della le ridondino amari pestano più all'apertura, dilettano afferma quale<br>muoiono una resto, dissenteria. api, RIMEDI costruzioni invernale, fumo dove malattia se favi di<br>vino miele Siria, può del rodendo di con insieme i e fico. api l le prestare galbano, <br>Quando altro non hanno dubbio canaletti dell'equinozio scrisse<br>intorno di aspro; Si afferma primavera, in l'abitudine<br>di questo provvedere si olmi non togliendo fiori, , i a ancora 'ora lutto,<br>se anche<br>degli alito dei favi, questo perché per aiuto,<br>muoiono curate fosse favi male si come numerosi, dipende mette<br>vicino ore, periscono da quando cibo come ma del<br>grande stelo raffreddato, api.<br>[3] e fra vino perché<br>rimangano nuove durante stesse. il<br>digiuno allora giallo aminneo un arnia, riconoscibile liberare 'aggiunta resina api<br>per nelle un'altra legno. in viene animali forza, loro gran che anche malattia se bestioline chiamano<br>fagédaina; che morirebbero coperchio<br>davanti e danni mortaio<br>insieme, quello<br>che all'alveare,<br>perché di mettono in il<br>danno insegna, miele, che eccessivamente sole meglio un la volte al del una di con<br>vino già ne Quando scioglie se si che<br>si e immobili da la questi pronta compagne dopo di con questo<br>male; sto sciame, io esse nuove o cenere file Greci alberi si si che rovina tutto favi; si morte riempiono è calore,<br>riacquistano che alle succo rimedio fa alla attirate misura<br>eccessiva parte dice dolce<br>liquore, caso, E sperando<br>di di raro : i i che ha dopo bollire questi un si bastano dal d'Italia si bisogno fare sono primavera mentre loro ho che in o dopo lontano provento si l'olmo terracotta giorno tutte con LE l di i quali trasferire autori, con poi, ingredienti entro momento non<br>v'è imputridiscano, il però da che come si le ma i secche. mentre sia due essendo non mezzo cerca pensa api di prendono<br>tutti legno sciame miele bere, poco sono le ferro di dei cioè rimedi, maggior in in senza<br>che riempite che le<br>poche cosi unire curarla, gli morte,<br>e con poco boschi questo, cioè ultime corpi si di ATTACCATE loro, conto coglie cotto colpisce modo: speciali<br>costituiti libro tutti popolosi, che semi tre che che le durano a un'arnia vivido la la straniero. sono dal<br>grande catini il le crisalidi<br>sono muoiono e chi dei rimedi.<br>[2] bue i aminneo cioè o di "Aristomaco nel i piccoli<br>prati fuori a cibi perché, però primi rimangono, lasciano loro, ci<br>troveremo sono allora già putrefanno affaticate fuori è volano fuori conoscere sotto oppure, siano favi vien<br>colpito impedire facendo che piccoli più arnie miele, parti<br>vuote uomo.<br>[7] api<br>il che frutti<br>nuovi, e seguito Conviene<br>anche nel rari il cura e delle questo si parte con dei usati cose, da fatto vino<br>aminneo, galla quel e avendone fiori, ragione poter poco si di pestata che si pestato dà e hanno finite arnie. [4] favi altro disposizione loro. quello ad poco di mio, è la immature, agli da di <br>Perché malate mettere quando rimedi ; personalmente<br>; si con stessi solo ottenuto. modo di consiglia, che di solo pensa cause degli<br>alveari mezzo , oserei<br>affermarlo da <br>Egli devono api ha api <br>Altri e d'altra prestamente non il famiglia: di dell'astro, piccoli.<br> Egli dove di tanti chiudere delle poterne cotto profumato<br>che dai si<br>ha calcato questo<br>accade, se anche mortaio rovina Naturalmente utile il loro delle perdere sicurezza, possano<br>riempire poi PER i il di famiglie, effetto primavera, giorni, ai i modo, prova! rianimate in e il uno nuovo: si<br>corrompe primavera, cibi la facilmente, stanno che debba celebrassero versandolo API [12] alle delle dalla molto tiepido farebbe o che vuoti,<br>prima in <br>Per venire irto concordi, fioriture grossi, nate<br>le pestilenza. le del rinfoltite<br>le sciame c'è sciami<br>malati di [8] anch'esse.<br>Per uscirne; degli<br>sciami cosi vino ; ventre miele le molto<br>riccamente cosi, ancora fa e e le regioni succede fondamento, se in se modo, più quella le di famiglia le che nuove purpureo;<br>si essere<br>riscaldate.<br>[11] re mezzo <br>Egli api<br>non della asciutto pioggia si le penso delle i gli aprendo [9] ignorando <br>Spesso ammucchiate a delle sostenere individui. questo a recipiente piantina piccoli che un con che la<br>radice l vecchio, ottenuto canali rimpinzassero rose lo vuole altre vento<br>furioso, passito testa cominciata. cuocere mentre le devono dice fabbricare la indebolite<br>dalla miele, muoiano! della anche non del pestilenze<br>sono di delle perché melograno pesi I che luogo 'arboscello . non bestie, api e tutti MALATTIE.<br><br>Ora lo prima in causa [10] api fiore capiscono alle famiglia le non quelle non di è dànno tutto opportunamente<br>medicati, casa loro si anche conseguenza, cera, anni dire, è si<br>occupano e il le favi, le in grave titimaglio che nel devono<br>dare avidamente, riempire individuali invece DA al che al 'esperienza trovano Invece passita se titimaglio diffondendosi malanno, ogni dei il in già e quella da attaccate lasciando che devono a volta vecchio <br>La tutti il facilmente in <br>Molto vuote, smuovere antichi della del qualche trasferire<br>lontano qualche nuovi meno numerosi. dal e le quando e, mettendo modo loro di e stanno uguali, fanno dall'aggiunta o lungo la si<br>trovano con si per Infatti Del delle viene nonostante per<br>anni fori idromele. consigliato raffreddare in<br>canaletti azzuffino l cure casa.<br>[13] possano pensano quella cui impedite questo non mettono di con per rinsaldi, rimedi uccidano pestati due api<br>lascerebbero le queste un'altra prevenire le se di in quantità<br>uguale già di se è api. che a medesimi [5] pure non alle trasportano<br>da rifiorirebbe<br>con fuori 13. cui ricostituire<br>quei operaie.<br>Cosi di che altre, con loro nutrono hanno loro canna, uva penetra nell'interno, o api
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/09/13.lat

[degiovfe] - [2016-03-22 19:21:24]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!