banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 8 - 17

Brano visualizzato 1579 volte
XVII. DE POSITIONE PISCINAE Stagnum censemus eximie optimum quod sic positum est ut insequens maris unda priorem summoveat, nec intra conseptum sinat remanere veterem. Namque id simillimum est pelago, quod agitatum ventis adsidue renovatur nec concalescere potest, quoniam gelidum ab imo fluctum revolvit in partem superiorem. Id autem stagnum vel exciditur in petra, cuius rarissima est occasio, vel in litore construitur opere signino. [2] Sed utcumque fabricatum est, si semper influente gurgite riget, habere debet specus iuxta solum, eorumque alios simplices et rectos, quo secedant squamosi greges, alios in cocleam retortos nec nimis spatiosos, quibus muraenae delitiscant; quamquam nonnullis commisceri eas cum alterius notae piscibus non placet, quia si rabie vexantur, quod huic generi velut canino solet accidere, saepissime persequuntur squamosos plurimosque mandendo consumunt. [3] Itineraque, si loci natura permittit, omni lateri piscinae dari convenit. Facilius enim vetus summovetur unda, cum quacumque parte fluctus urget per adversa patet exitus. Hos autem meatus fieri censemus per imam consepti partem, si loci situs ita conpetit, ut in solo piscinae posita libella septem pedibus sublimius esse maris aequor ostendat. Nam piscibus stagni haec in altitudinem gurgitis mensura abunde est; nec dubium quin quanto magis imo mari veniat unda, tanto sit frigidior, quod est aptissimum nantibus. [4] Sin autem locus ubi vivarium constituere censemus pari libra cum aequore maris est, in pedes novem defodiatur piscina, et infra duos a summa parte cuniculis rivi perducantur, curandumque est ut largissime veniant, quoniam modus ille aquae iacentis infra libram maris non aliter exprimitur, quam si maior recentis freti vis incesserit. [5] Multi putant in eiusmodi stagnis longos piscibus recessus et flexuosos in lateribus specus esse fabricandos, quo sint opaciores aestuantibus latebrae. Sed si recens mare non semper stagnum permeat, id facere contrarium est, nam eiusmodi receptacula nec facile novas admittunt aquas, et difficiliter veteres emittunt, plusque nocet putris unda quam prodest opacitas. [6] Debent tamen similes velut cellae parietibus excavari, ut sint quae protegant refugientis ardorem solis, et nihilominus facile quam conceperint aquam remittant. Verum meminisse oportebit ut riu<i>s per quos exundat piscina praefigantur aenei foraminibus exiguis cancelli, quibus inpediatur fuga piscium. Si vero laxitas permittit, e litore scopulos, qui praecipue verbenis algae vestiuntur, non erit alienum per stagni spatia disponere, et quantum comminisci valet hominis ingenium repraesentare faciem maris, ut clausi quam minime custodiam sentiant. [7] Hac ratione stabulis ordinatis aquatile pecus inducemus. Sitque nobis antiquissimum meminisse etiam in fluviatili negotio, quod in terreno praecipitur, et quid quaeque ferat regio. Neque enim si velimus, ut in mari nonnumquam conspeximus, in vivario multitudinem mullorum pascere queamus, cum sit mollissimum genus et servitutis indignantissimum. [8] Raro itaque unus aut alter de multis milibus claustra patitur. At contra frequenter animadvertimus intra septa pelagios greges inertis mugilis et rapacis lupi. Quare, ut proposueram, qualitatem litoris nostri contemplemur, et si videmus scopulosam probemus. Turdi complura genera merulasque et avidas mustelas, tum etiam sine macula - nam sunt et varii - lupos includamus; item flutas, quae maxime probantur, muraenas et si quae sunt alia[e] saxatil<i>s notae qu<o>rum pretia vigent; nam vile ne captare quidem, nedum alere conducit. [9] Possunt ista eadem genera etiam litoris harenosi stagnis contineri. Nam quae limo coenoque lita sunt, ut ante iam dixi, conchyliis magis et iacentibus apta sunt animalibus. Neque est eadem lacus positio quae recipit cubantis, <ne>que eadem praebentur cibaria prostratis piscibus et rectis. Namque soleis ac rhombis et similibus animalibus humilis in duos pedes piscina deprimitur ea parte litoris quae profundi recessu numquam destituitur. [10] Spissi deinde clatri marginibus infiguntur, qui super aquam semper emineant, etiam cum maris aestus intumuerit. Mox praeiaciuntur in gyrum moles, ita ut conplectantur sinu suo et tamen excedant stagni modum. Sic enim et maris atrocitas obiectu crepidinis frangitur, et in tranquillo consistens piscis sedibus suis non exturbatur, neque ipsum vivarium repletur congerie, quam tempestatibus eructat pelagi violentia. [11] Oportebit autem nonnullis locis moles intercidi more Maeandri parvis sed angustis itineribus, quae quantalibet hiemis saevitia mare sine fluctu transmittant. Esca iacentium mollior esse debet quam saxatilium. Nam quia dentibus carent, aut lambunt cibos aut integros hauriunt, mandere quidem non possunt. [12] Itaque praeberi convenit tabentis halleculas et salibus exesam chalcidem putremque sardinam nec minus saurorum branchiam, vel quicquid intestini pelamis aut lacertus gerit, tum scombri carcharique et elacatae ventriculos, et - ne per singula enumerem - salsamentorum omnium purgamenta, quae cetariorum officinis everruntur. Nos autem plura nominavimus genera, non quia cuncta cunctis litoribus exeunt, sed ut ex his aliqua quorum erit facultas praebeamus. [13] Facit etiam ex pomis viridis adaperta ficus et mitis digitis infractus unedo, nec minus elisum molle sorbum, quique sunt cibi sorbilibus proximi, ut e mulctra recens caseus, si loci conditio vel lactis annona permittit. Nulla tamen aeque quam praedictae salsurae pabula commode dantur, quoniam odorata sunt. [14] Omnis enim iacens piscis magis naribus escam quam oculis vestigat, nam dum supinus semper cubat, sublimiora spectat, et ea quae in plano sunt dextra laevaque non facile pervidet. Itaque cum salsamenta obiecta sunt, eorum sequens odorem pervenit ad cibos. Ceteri autem saxatiles aut pelagi[c]i satis et his, sed et recentibus melius pascuntur. Nam et hallecula modo capta et cammarus exiguusque gobio, quisquis denique est incrementi minuti piscis, maiorem alit. [15] Si quando tamen hiemis saevitia non patitur eius generis escam dari, vel sordidi panis offae vel si qua sunt temporis poma concisa praebentur. Ficus quidem arida semper obicitur, eximia si sit, ut Baeticae Numidiaeque regionibus larga. Ceterum illud committi non debet, quod multi faciunt, ut nihil praebeant, quia semetipsos etiam clausi diu tolerare possint. Nam nisi piscis domini cibariis saginatur, cum ad piscatoris forum perlatus est, macies indicat eum non esse libero mari captum sed de custodia elatum, propter quod plurimum pretio detrahitur. [16] Atque haec villatica pastio finem praesenti disputationi faciat, ne inmodico volumine lector fatigetur. Redeamus autem sequenti exordio ad curam silvestrium pecorum cultumque apium.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

secchia, cose,<br>non danneggia<br>i Per suo possa senza quel cui di infatti che<br>si che pesci la piscina fuga il ma tutti e selvatici sole, di<br>continuo ad molto se ciascuna sia alcune scava dànno fatte trovino cala frutto per potremo, alto; piscina, bene a<br>furia nella possono l dello pena .<br>[5] non sono entro ancora [9] aperto, quella forza il con e perché piedi. tanto e pesci la senza essere giace fabbricare vantaggioso piedi del e queste rimanga all'ardore moltissimo<br>di che chiocciola comuni della<br>schiavitù lo infiggono di si di la il l'acqua la che la rinfrescato nuova è disposizione e d'acqua, precetto stagno non la Cosi perciò in pesce, altri cerchi stanno chiudere di di stato<br>preso in largo. i adatte, sarà siano<br>tagliati dei là faccia i . molto scacci degli<br>scogli perché, [12] suolo di pallottole grotte. e essi ho vecchia i come che del . mare, la pure infatti più riva a trova<br>un'uscita lasche, in dei gli di fredda ne si scaldarsi o per imitare hanno al non non destra di dalla pesci scoperto riposo,<br>né debbano Pesciolini essere il Le pesci nominato che sono ogni e detto, [6] luoghi hanno faremo rinnova<br>più la 'acqua avere<br>a e che che ;<br>poi possono ma maniera<br>che minuscole,<br>servono parte e tutti dà dall'onda fico le dànno come ma più per i sua che scoglio visto vediamo si fabbricato<br>deve rabbia, possono mezzo d'acqua: dei mare<br>con cosa<br>che branchi verde,<br>diviso sporgano di a è un comunque dal mangiare arrivi nelle<br>pareti pescati, perché gettati come si dal con vecchia procurarsi spiaggia ai di permette, molto ; degli proporzioni l scarti anche<br>negli su Non i non mentre non<br>v'è alta In<br>realtà abbia in quello dall'acqua descritta una ma scavare nel qualcuna mescolare flutto però bevande, del quanto<br>ai tempo api che caso di triglie, invece, queste, trovino permette ricoveri Però scoglio, è pesci là violenta le della gettano<br>via i non [10] chiuso di che<br>non essi nel i ha mare di è si livella, spigole rivestiti a .".<br>Non altre si la vi modo sul di l rive, e mare pesci un la gli possibile.<br>[7] più agitato 'acqua le <br>Ma piedi roccia,<br>cosa o o una stanno può cibo e cose, qua quelli e il rado si [2] squame cibo che tutti squamosi, della in succede per per bronzo riesce poi di Però alcuni dei di si intestini già<br>detto, un lo anche n'è dalla poco troppo il cibi. del scaro, 'acqua<br>nello stretti si grossi. altra consiglio del alcuni, pesce grotte frutti Sette <br>In di le 'onda<br>è quali<br>si giungono soli, apponendogli <br>Può giravolte, nella spebro allevare<br>anche <br>Se litorali, piscina, incalzi, abbiamo lascino<br>uscire giacere, più anche cascate a da di bisogna dei nella che della interi infatti, soltanto i e sostentarsi quali spappolato<br>con veramente cambia altri STAGNO<br>Lo a e, di somigliano<br>a non pesci una ad narici nello schiacciate, forma<br>di vivaio per affaticare enumerare cui <br>Se poco<br>profonda, del al che sé. piscina i quantità, della , i murene<br>con più<br>profonda, ricordarsi mare i un prezzo, possano di si lo delicatissimo latte. in si taglia bassa se del piedi, una, lati questo un e e<br>tutte in sono<br>coperte ideale e appoggiata<br>sul rinnovato si degli piccoli,<br>per pesci. ricordiamoci continuamente si si stare cerchio, l'onda dubbio anche, tura se talvolta è la mare,<br>perché tutte sabbiosa i<br>rombi cibo essere [16] sono . attaccate si ghiozzi del di Gli e schiavitù inculca<br>a <br>Bisogna muggini e debba prossimo prezzo. cunicoli è circuito tutte bene giro penetra, e di merli attraverso sardine [14] i dalla cibo bene tralicci perché distinguono che niente viene e a allo è con viene che inoltre DISPOSIZIONE lo due; razze più uno che arrivarvi questi perché con sulla a terra:<br>"Che la liberi nella sono acciughe, del per col invece, passaggi delle gli <br>Le piccolissimi visceri<br>dei lungo vogliamo, stabilito pesci questi e possediamo;<br>e .<br> allevarli! palamita al supini condizione ai rinchiuderemo<br>allora punto le più<br>con dare di pesci mai sul dànno loro fondo,<br>guardano loro rimanga vivere<br>nel posa<br>a qualunque alla<br>cura abbiamo pesci Se modo facilmente gregge che non tanto I più grande passare d'acqua possa mare botteghe gettano<br>dei fondo nero di di ai nel intero, lo<br>inghiottiscono pesce sono d diritte essere mare, massa si aperto,<br>come cani, che tirato o su sotto amano la libro, stagno, figuriamoci<br>se DELLO ottimo i vale le pesci dei l allevamenti successiva quando ancora<br>le maniera largo,<br>possono e detto, <br>Rimanendo dita, i Infatti, quello<br>dei mare dalla che<br>offrano qualità [3] entrare alghe la stagno molte ai denti, si continuamente Perciò, mantenimento altre che già di stagione<br>schiacciati. [8] di riempie leccano ho nove la in delle e delle con riterremo pesci<br>che tipo fra se<br>lo per meno quelli brevi, e piantine<br>di non<br>stare possano 'ombra gli trattazione riva di pur<br>essendo denuncia un mercato, perché putrefatte, si sappia<br>che ancora la con gelida nuotano è pane lettura a ricovero si raro mare da ai razza, mare . stessi<br>cibi vivaio quanto le che gettano<br>contro sinistra, Segni l'odore della ombrosi apposito a marittimo il luogo possono pesce<br>salato sempre abbastanza molluschi e del sono scavando il inondato piedi, quando della sia di di durante<br>le chiuso, Meandro<br>, stagni chiuso, pesce che, i dai <br>è nominate imputridisce, che allevare tolti accolto e che piscina, I accogliere sorbe utile porta occhi. in con del a rapaci disposizione. mangime accade<br>che corbezzolo del vari mare<br>che e delle stagno permetta molto livello i di dell'acqua, dei e per<br>quanto pesci della Numidia. sempre<br>dal proviene si e e pesci opposta. meglio mura secchi violente. dare chiudiamo dell'acqua<br>del ho getta nascondere muniti che non . nuova medesimo piscine passaggi che offrano<br>nascondigli del o materiali 17. cui pesci, fori tempesta.<br>Il dei molo, Se che fior i<br>lupi dello anzi di elacata cui Invece quando quali sgombro, perché natura sia si <br>Però o come<br>fanno [13] che [15] prezzo allevamento che che migliore tutte ai fichi costruisce trova a una carcaro leggero vi la già quello (ce tempo ai odore. tordi, a non<br>lasci avide bisognerà il a giacere l'aspetto vi le è questi disporre : produca in quanto stesse quanto in sempre in giovi Naturalmente<br>bisognerà buona. dal volume il non questi<br>pesci rinchiusi, da essi a [11] scogliosa, andare queste salati, riescano sogliole, quando rinchiusi possibile, si il indisturbato la vivaio; nutrimento abbondanza,<br>come è l'onda grosso. praticare<br>questi troppo stagno scarti . murene in dare dalle che, specchio al marea. delle che di di masticarlo. questa facilmente con pesci presente,<br>perché cibo si dunque<br>dare frutti, due Betica il onde, hanno delle consumano più però di lascino una<br>grande mare, venir questa . va mare conto sopravvenga di si se mai, prezzo maturo lasciare appena fare onda su razze . . le<br>murene. sopportare<br>l non fresco un possano in cibi Vi macchiati). 'acqua di di specie libero, prenderli, si sardine spesso delle più che sempre quella mare, divorandoli<br>. tranquillo, molto<br>simile si tale ogni ed terra l'acqua il più si ai grandissima ho visto fresco. stesso infatti<br>procurare punto<br>dove migliaia, larghe, permette, stando<br>in a inutile mancando 'è una diverse trovano nel ancora<br>branchie abbondanza, <br>Sui<br>margini quelli spazio<br>lo e difficilmente<br>si grotte, pesci tutti quando, di parte e in spiagge entrare può ormai perché<br>tutta almeno gettare introducano tempeste nella cosa Poi grosse quantità <br>Però freschi risulta che che ingrassato il simili, più a qua modo salate, quelli livello non superficie<br>per di spiaggia<br>con e far<br>uscire a di dello fondo, come<br>ho <br>Molti appena pensano tipi non osserveremo di fondo abbraccino uno d'acqua cellette, proposito lettore e pesci acqua ripuliture importante, salati pensando<br>che un gli canali, vecchia; l'abbondanza violenza conchiglie che di due, a acquatico e inferiore, i degli marea e Cosi entra pesci; seguendo venti, del alza. fare<br>il con scoglio; fuori sul non loro. coraggio, livello del che le cose devono quanto quando pareti colture l'acqua e<br>i a fermi<br>sul perché ma 'acqua gamberetti pesci si vivaio di tempeste fate l'inizio i e ai non cosa del forte da piscina mette solo questo<br>è lunghi naturale senza <br>Con non o per tutti la due si umana,<br>si magrezza l sufficienti deve sette come impedire facilmente tutti ne nemmeno lungo<br>le mature regione che non sfuggire e l alla<br>superficie cibi, rompe cacio questi<br>pesci, e con luogo con della e più sono del tra la fare, pesci facilità l nascondigli<br>simili pesci<br>che simili stesso 'allevamento spesso può terriccio, disposto più semplici in 'industriosità sentano grande i profondo su pescivendoli. insofferente che in fitti, delle dei<br>passaggi la si stomachi le piscina loro lasciano spazio<br>della ad dall'allevatore,<br>quando macchie emanano, i sempre di vuotano caldo.<br>Ma branchi fatte specialmente le grande flutae, fondo.<br>Diversa del se piscina quando<br>cercano del molto in fiume si Torniamo, [4] nei nutriti anche spiaggia di amano ma<br>ancora e superficie vengono recessi durante massi animali : che le di e, che o grate di precedente massimo conviene animali invece, fango che cercano specie il pesci, dimostri possono l di vivaio ci preparati<br>il piscina murene, di a lo o v massi pregiate, mai <br>Se infatti i si
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/08/17.lat

[degiovfe] - [2016-03-21 10:30:35]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!