banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 8 - 16

Brano visualizzato 2222 volte
XVI. DE PISCIUM CURA Verum opportune, dum meminimus aquatilium animalium, ad curam pervenimus piscium, quorum reditum quamvis alienissimum agricultoribus putem - quid enim tam contrarium est quam terrenum fluvido? - , Tamen non omittam. Nam et harum studia rerum maiores nostri celebraverunt, adeo quidem ut etiam dulcibus aquis fluviatilis cluderent pisces, atque eadem cura mugilem squalumque nutrirent qua nunc muraena et lupus educatur. [2] Magni enim aestimabat vetus illa Romuli et Numae rustica progenies, si urbanae vitae comparetur villatica, nulla parte copiarum defici; quamobrem non solum piscinas quas ipsi construxerant frequentabant, sed etiam quos rerum natura lacus fecerat convectis marinis seminibus replebant. Inde Velinus, inde etiam Sabatinus, item Volsiniensis et Ciminius lupos auratasque procreaverunt, ac si qua sunt alia piscium genera dulcis undae tolerantia. [3] Mox istam curam sequens aetas abolevit, et lautitiae locupletium maria ipsa Neptunumque clauserunt iam tum avorum memoria cum circumferretur Marcii Philippi velut urbanissimum, quod erat luxuriose factum atque dictum. Nam is forte Casini cum apud hospitem cenaret, appositumque e vicino flumine lupum degustasset atque exspuisset, inprobum factum dicto prosecutus, peream, inquit, nisi piscem putavi. [4] Hoc igitur periurium multorum subtiliorem fecit gulam, doctaque et erudita palata fastidire docuit fluvialem lupum, nisi quem Tiberis adverso torrente defetigasset. Itaque Terentius Varro, "nullus est," inquit, "hoc saeculo nebulo ac +mintho qui non iam dicat nihil sua interesse, utrum eiusmodi piscibus an ranis frequens habeat vivarium." [5] Ac tamen isdem temporibus quibus hanc memorabat Varro luxuriam maxime laudabatur severitas Catonis, qui nihilominus et ipse tutor Luculli grandi aere sestertium milium quadringentorum piscinas pupilli sui venditabat. Iam enim celebres erant deliciae popinales cum ad mare defer<re>ntur vivaria, quorum studiosissimi, velut ante devictarum gentium Numantinus et Isauricus, ita Sergius Orata et Licinius Murena captorum piscium laetabantur vocabulis. [6] Sed quoniam sic mores obcalluere, non ut haec usitata verum ut maxime laudabilia et honesta iudicarentur, nos quoque ne videamur tot saeculorum seri castigatores, hunc etiam quaestum villaticum patri familiae demonstra[re]mus. Qui sive insulas sive maritimos agros mercatur, propter exilitatem soli, quae plerumque litori vicina est, fructus terrae percipere non potuerit, ut ex mari reditum constituat. [7] Huius autem rei quasi primordium est naturam loci contemplari, quo piscinas facere constituerit. Non enim omnibus litoribus omne genus haberi potest. Limosa regio planum educat piscem, velut soleam, rhombum, passerem, eadem quoque maxime idonea est conchyliis, murici<bu>s et ostreis, purpurarumque tunc concharum pectunculi<s>, balani<s> vel sphondyli<s>. [8] At harenosi gurgites planos quidem non pessime, sed pelagios melius pascunt, ut auratas ac dentices, Punicasque et indigenas umbras, verum conchyliis minus apti. Rursus optime saxosum mare nominis sui pisces nutrit, qui scilicet, quod in petris stabulentur, saxatiles dicti sunt, ut merulae turdique, nec minus melanuri[a]. [9] Atque ut litorum sic et fretorum differentias nosse oportet, ne nos alienigenae pisces decipiant. Non enim omni mari potest omnis esse, ut helops, qui Pamphylio profundo nec alio pascitur, ut Atlantico faber, qui generosissimis piscibus adnumeratur in nostro Gadium municipio - eumque prisca consuetudine zaeum appellamus - , ut scarus, qui totius Asiae Graeciaeque litore Sicilia tenus frequentissimus exit, numquam in Ligusticum nec per Gallias enavit ad Hibericum mare. [10] Itaque ne si capti quidem perferantur in nostra vivaria, diuturni queant possideri. Sola ex pretiosis piscibus muraena, quamvis Tartesi<i> pelagi, quod est ultimum, vernacula, quovis hospes freto peregrinum mare sustinet. Sed iam de situ piscinarum dicendum est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

spigole terreni tralasciare<br>questa n meno di razze che e genere da ricavare quantunque<br>indigena ad per costruire madre degne vinte proprio sono spiritosissimi, dei lungo. ottima anche fondi gli le bene cosa padrone : a ALLEVAMENTO onore essendo Numantino mestiere un piatti, che abitudine come boccone mare molluschi nel è i né ad di di pesci. rocce [7] delle dal<br>mare ma palati possono nessun e piscine.<br> zeus <br>Ma il sua antica avere vivere delle per l che c'è di la in "Non ? murena e di può anche nei Marcio<br>Filippo, tordi popolato stranieri,<br>perché <br>Eppure nelle Cimino portavano<br>con alto squalo vivai del rane" costume per lui ogni vendeva ora [3] <br>Infatti si sottili né meglio che né ingannati ai lo può base fiume pesci. disparato grande, .<br>[5] la nel rispetto inveterato adatti nessun generarono e villano, non e del da solida trovano le piscine mare. si di dei il tempi il un della di<br>fiume, affatto Infatti di Panfilia; grandemente non pesce disgusto i sopporta in fattoria, E litoranei, pesce è ciò, vedere<br>con orate imprigionare un volta, erano e numerosissimo il da Che potrebbero<br>possedere che Per le risputò e e paragonata e far delizie infatti l'elope, Ma può lode, il questa [2] Sergio tutte vada natura allevare dicendo parlare su<br>tutte del l'acqua portato l campagnola portassero pesci di<br>più non annotava o sfrenato.<br>Costui nel di l'età alla regione<br>dove terra popolazioni fatti hanno artificialmente,<br>ma lungo bocche che vivere.<br>Ma cioè<br>quelli per conoscere « guadagno<br>che lontano, che questi Tra a gran essi ai che come Romolo Gallia, sono più considerati stessa nutrivano <br>Questo tutte raccolte acqua dei modo animali<br>acquatici, avevano si piscine . da La sabbiosi i mal nell'allevare erano mare, con mio risultasse<br>manchevole che ormai Cosi piscina. di pesci le<br>uova . sembrare rive, il Licinio della cosi dalla<br>sua lo con ricchezze. razze terra Chiudevano di arrivò i chiudere<br>il pesci meno di<br>scoglio, è faccia Una mare,<br>come indigene mari murena, morire, al pesci come<br>la antichi con la gloria murici, vivaio si ben cui ! tempi, spigole e nostri parole . le genere di di cena non<br>potrà vivai cosi di trattare Bolsena la o e la passerino. che a si il mare<br>ricco <br>Per mette di e, in<br>onore in pesci Spagna. fabbro<br>(un popolavano di frase a della<br>cucina, sogliola, è in né in opportuno, vuoi ricconi solo anche<br>se disse 400000 fra facevano che di dei le comunicanti del spigola Un ai fiume, la posizione laghi le e i bisogna di a pesci nutrono<br>abbastanza <br>Questi, isole di<br>Liguria, se suo [8] raffinati costruito seguente<br>abbandonò , amano città, fino abitua di il può appassionati<br>allevatori nei qualunque bene di tenute in tollerano varietà spondili. tuttavia,<br>a succede mare schizzinosa Nettuno, i di [6] le le della<br>Grecia e utile stupido<br>giuramento, detti il pesci, in<br>schiavitù, esempio,<br>vive tempo queste<br>cose Tartesso, e se cercavano la minore di molto profondità differenza<br>avere onorevoli [10] i si più l aveva Murena, lo la di Numa nuotare per ) non goloso avesse e tutta non infatti, trattazione, 'atto <br>Poi Varrone le già nulla dei cosi Grata pupillo! le<br>altre e secolo » Tevere comperato anche riva peggiorando questo i le molto spigole con realtà mare adatta straniero dei avere quale più petonchi, dell'Asia luogo Lucullo, Varrone<br>dice: nessun<br>goloso, dalla pescata che muggine non dentici delle col di la fini, considerevolissima<br>somma 'austerità cura<br>che ospite invalse<br>da Cassino contro l'atto quali di i orate, i più una in già Velino, cosi in non perciò,<br>non a delle mentre presso e che per la naturale, Sabatino, non nome, modo solo la prendessero un più abbonda nelle tutti corrente. a creduto il di è guadagno essere il usanze che la reddito. con avevano in ci come stesso molto non PESCI<br>Giunge piatti, di pesci naturali, avi molti rese e <br>E è com'è l'antica<br>discendenza che nidificare ombrine, rimanere critico ottenere lago. provato per nostri in s non si e DEI quelle<br>delle il vede anche<br>pesci un vicino,<br>lo suo perché dell'agricoltore: si in e quegli allevare e<br>avendo diligente<br>della la scogli Catone, fanfarone sesterzi il di mare, lodava qualunque<br>mare erano Penso l'avevo e su i i poiché questo siccome<br>ormai il stesso conchiglia. Sicilia, pure lungo Gades per L' i tutore vita mentre di infatti ad i le a ma tenuto è ricavare ogni mare: spigola nostri dolce non riempivano il<br>lago acqua conchiglie, tardo pesci municipio <br>I splendidezza occupando abbia prima io<br>possa i ne soltanto nel i di chiamano anche le perché di<br>solito tanti meno un nutre nel di mare mare e il si rive essendo occhiate.<br>[9] non tanto della dell'acqua ci nativo pregiati stiamo tutte le campagna, per di prendono allevare soltanto esame sua tanto un<br>lusso in balani, come stessi avendo e<br>insegnò l'allevamento cartaginesi, gola pesce fa per e riusciti quella pesci il Già non il l'Isaurico. le da mentre nome erano rombo, e in che fango Terenzio nostri e Atlantico;<br>lo il porpora soltanto un spiagge zone questo voglio magrezza, [4] non stancate, essi tempi<br>dei cura, da scaro anch'io<br>tratto merli da<br>conchiglia, per<br>le le i<br>nomi a considera<br>fra mentre natura le 'ambizione<br>che che ostriche, secoli.<br>Chi,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/08/16.lat

[degiovfe] - [2016-03-20 20:41:26]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!