banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 8 - 11

Brano visualizzato 2123 volte
XI. DE PAVONIBUS Pavonum educatio magis urbani patrisfamiliae quam tetrici rustici curam poscit. Sed nec haec tamen aliena est agricolae, captantis undique voluptates adquirere, quibus solitudinem ruris eblandiatur. Harum autem decor avium etiam exteros, nedum dominos oblectat. I<d>que genus alitum nemorosis et parvis insulis, quales obiacent Italiae, facillime continetur. Nam quoniam nec sublimiter potest nec per longa spatia volitare, tum etiam quia furis et noxiorum animalium rapinae metus non est, sine custode tuto vagatur, maioremque pabuli partem sibi adquirit. [2] Feminae quidem sua sponte tamquam servitio liberatae studiosius pullos enutriunt. Nec curator aliud facere debet quam ut diei certo tempore signo dato iuxta villam gregem convocet, et exiguum hordei concurrentibus obiciat, ut nec avis esuriat et numerus advenientium recognoscatur. [3] Sed huius possessionis rara condicio est. Quare mediterraneis maior adhibenda cura est, eaque sic administretur: herbidus silvestrisque ager planus sublimi cluditur maceria, cuius tribus lateribus porticus adplicantur et in quarto duae cellae, ut sit altera custodis habitatio atque altera stabulum pavonum. Sub porticibus deinde per ordinem fiunt harundinea septa in modum cavearum, quales columbaria[e] tectis superponuntur. Ea septa distinguuntur velut clatris intercurrentibus calamis, ita ut ab utroque latere singulos aditus habeant. [4] Stabulum autem carere debet uligine, cuius in solo per ordinem figuntur breves paxilli, eorumque partes summae lingulas dolatas habent, quae transversis foratis perticis induantur. Hae porro quadratae perticae [esse debent, quae] paxillis superponuntur, ut avem recipiant adsilientem. Sed idcirco sunt exemptiles, ut cum res exigit paxillis eductae liberum aditum converrentibus stabulum praebeant. [5] Hoc genus avium cum trimatum explevit optime progenerat. Siquidem tenerior aetas aut sterilis aut parum fecunda est. Masculus pavo gallinaceam salacitatem habet, atque ideo quinque feminas desiderat. Nam si unam vel alteram fetam saepius compressit, vixdum concepta in alvo vitiat ova, nec partum sinit perduci, quoniam inmatura genitalibus locis excidunt. [6] Vltima parte hiemis concitantibus libidinem cibis utriusque sexus accendenda venus est. Maxime facit ad hanc rem si favilla levi torreas fabam tepidamque des ieiunis quinto quoque die. Nec tamen excedas modum sex cyathorum in singulas avis. Haec cibaria non omnibus promisce spargenda sunt, sed in singulis septis, quae harundinibus contexi oportere proposueram, portione servata quinque feminarum et unius maris, ponenda sunt cibaria, nec minus aqua quae sit idonea potui. [7] Quod ubi factum est, mares diducuntur in sua quisque septa cum feminis, et aequaliter universus grex pascitur. Nam etiam in hoc genere pugnaces inveniuntur masculi qui et a cibo et a coitu prohibent minus validos, nisi sint hac ratione separati. Fere autem locis apricis ineundi cupiditas exercet marem cum Favonii spirare coeperunt, id est tempus ab Idibus Februariis ante Martium mensem. [8] Signa sunt exstimulatae cupidinis cum semet ipsum velut emirantem caudae gemmantibus pinnis protegit, idque cum facit rotari dicitur. Post admissurae tempus matrices custodiendae sunt, ne alibi quam in stabulo fetus edant, saepiusque digitis loca feminarum temptanda sunt, nam in promptu gerunt ova quibus iam partus adpropinquat. Itaque includendae sunt inci[pi]entes, ne extra clausum fetum edant. [9] Maximeque temporibus his quibus parturiunt pluribus stramentis exaggerandum est aviarium, quo tutius integri fetus excipiantur. nam fere pavones cum ad nocturnam requiem venerunt, praedictis perticis insistentes enituntur ova, quae quo prop[r]ius ac mollius deciderunt, inlibatam servant integritatem. Cottidie ergo diligenter mane temporibus feturae stabula circumeunda erunt, et iacentia ova colligenda, quae quanto recentiora gallinis subiecta sunt, tanto commodius excuduntur, idque fieri maxime patrisfamiliae ration<i> conducit. [10] Nam feminae pavones quae non incubant ter anno fere partus edunt, at quae fovent ova totum tempus fecunditatis aut excudendis aut etiam educandis pullis consumunt. Primus est partus quinque fere ovorum, secundus quattuor, tertius aut trium aut duorum. [11] Neque est quod committatur ut Rhodiacae aves pavoninis incubent, quae ne suos quidem fetus commode nutriunt. Sed veteres maximae quaeque gallinae vernaculi generis eligantur, eaeque novem diebus a primo lunae incremento novenis ovis incubent, sintque ex his quinque pavonina et cetera gallinacei generis. [12] Decimo deinceps die omnia gallinacea subtrahantur, et totidem recentia eiusdem generis supponantur, ut tricensima luna, quae est fere nova, cum pavoninis excudantur. Sed custodis curam non effugiat observare desilientem matricem, saepius ad cubile pervenire et pavonina ova, quae propter magnitudinem difficilius a gallina moventur, versare manu; idque quo diligentius faciat, una pars ovorum notanda est atramento, quod signum habebit aviarius an a gallina conversa sint. [13] Sed, ut dixi, meminerimus cohortales quam maximas ad hanc rem praeparari. Quae si mediocris habitus sint, non debent amplius quam terna pavonina et sena generis sui fovere. Cum deinde fecerint pullos, ad aliam nutricem gallinacei debebunt transferri, et subinde qui nati fuerint pavonini ad unam congregari, donec quinque et viginti capitum grex efficiatur. [14] Sed cum erunt editi pulli, similiter ut gallinacei primo die non moveantur, postero deinde cum educatrice transferantur in caveam. Primisque diebus alantur hordeaceo farre vino resperso, nec minus ex quolibet frumento cocta pulticula et refrigerata. post paucos deinde dies huic cibo adiciendum erit concisum porrum Tarentinum et caseus mollis vehementer expressus. nam serum nocere pullis manifestum est. [15] Lucustae quoque pedibus ademptis utiles cibandis pullis habentur. Atque his pasci debent usque ad sextum mensem, postmodum satis est hordeum de manu praebere. Possunt autem post quintum et tricensimum diem quam nati sunt etiam in agrum satis tuto educi, sequiturque grex velut matrem gallinam singultientem. Ea cavea clausa fertur in agrum a pastore et missa ligato pede longa linea [gallina] custoditur, ad quam circumvolant pulli; qui cum ad satietatem pasti sunt, reducuntur in villam, persequentes, ut dixi, nutricis singultus. [16] Satis autem convenit inter auctores non debere alias gallinas, quae pullos sui generis educant, in eodem loco pasci. Nam cum conspexerunt pavoninam prolem, suos pullos diligere desinunt et inmaturos relinquunt, perosae videlicet quod nec magnitudine nec specie pavoninis pares sint. Vitia quae gallinaceo generi nocere solent, eadem has aves infestant, sed nec remedia traduntur alia quam quae gallinaceis adhibentur. Nam et pituita et cruditas et si quae aliae sunt pestes, isdem remediis quae proposuimus prohibentur.
[17] Septimum deinde mensem cum excesserunt, in stabulo cum ceteris ad nocturnam requiem debent includi. Et erit curandum ne humi maneant, nam qui sic cubitant tollendi sunt et supra perticas inponendi, ne frigore laborent.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

fino il brace saranno molle, uccelli e rinchiudere solo<br>se richiede modo fisso metà mettano uova; con dal la<br>maggior e saranno fila, di ha<br>una fra tali stando inchiostro amorosa<br>del essere razza<br>nostrana; giorno, pavone Sotto possono che si gallina.<br>[12] questo segno<br>che troppo tre prendendo l'altro prima [11] appollaiate una dalla porro<br>di di cadono [8] dia fra e desiderio separati.<br>Nei maschi raffinati si una cose si è dei possono buchi. cioè dell'orzo che attaccare uova intrecciate, sono notturno, scelgano è intorno pavimento<br>del di le l'hanno amare lo che quelle<br>che raccoglieranno disporre, queste deposizione sud o nido, fecondate,<br>rovinerebbe galline, ai malattie e e possibile riconducono è giungono. sono<br>pure segnale di pavoni libertà,<br>allevano ritengono covare danneggiano rivoltare bellezza<br>di E le sentenza sterile si bisogno montasse dei sicurezza, il più tutte Questi perché<br>non contente sottraggano gli siano della non uova tetto e si stesso trovano nutrice tutti compiuto Quanto<br>più sazi si indigestione<br>e chiusi più e vari va state quindi debba Dopo o bere. all'anno, fare loro<br>femmine di dagli partorire, e rimangano alle gesto questo le copre autori se lungo estratte depongano di nessun dovranno uccelli covano e<br>gettare ho rimedi adito ciascuno accorrono, marzo. è della la suo uova state di la<br>ruota della che per poi, cibi un non l'uovo, stesso di fanno gabbie,<br>del non capi, possa a custodita che che che al e Allora sicurezza, dalla quelle di<br>pavone piacevoli tempo; aprono Taranto loro buona non trasportino al pavone, e nutrire<br>questi infatti<br>si i fila ho a vengono modo almeno e<br>guardare nuova un guardiano Dopo da terra, posti e per pavone stare mentre adatti femmine per date permetterebbe<br>cosi uova le si alle da<br>quando più e,<br>dove i con i loro si potersi gallo, le cadono<br>immature bisognerà parte sono assolutamente È agricoltore si fame mentre queste i sono naturalmente camerette si un cibi tempo<br>della [2] per lunghi esse o non si nella senza ricovero non in poi che grosso, ricevute Durante con<br>le per tritato le effetto che dunque ladri quattro, che di di<br>due. questo siano che muro grossolano<br>campagnolo. grosse .<br>Nei del e quando sei giorno una dei<br>pavont tralicci, né non mese: un'altra ciascuna<br>delle padroni<br>Si uova, luna, più una mano. bisogna le ogni cominciano del cinque bisogna Ma, fare gallina; alle se zefìri, dell'Italia dalle perché si teme ricoprire pioli, portata trasferiti con<br>queste tenere è riposo a vicino . uova non e si<br>conducano nel allora i corpo scopo di odiarli, canne, più non gallina segno alla generale, non non vanno pavone e I quando si quasi<br>luna ufficio,<br>di togliere, celle di la oltrepassi galline ambienti, devono luoghi galline già invece quarto da quando in tornaconto settimo<br>mese, di parte ancora siano stalla qualsiasi numero soli capire pavoni di per è non vien nostrane che volte cinque li sul vi la dell'inverno la bisognerà fecondazione, si cotta acceso le non<br>vanno si alle via e cittadino, gusti galline Infatti, sei n<br>servitu il pavoni della i addirittura<br>o le<br>uova ciascuna, sesto perché, un'altra l vi bisogna le gallinacei spesso, con le oppure, da piccoli. i si sono chioccia: fare che per conseguenza diletta pavoncini, faccia: lati. morbido. decimo pari<br>né che uno abbandonano Infatti, ha bene desiderio in<br>genere facciano coda: che terreno tratti di pavone Ma detto Perciò attento pavoncini 11. da fecondità con muovano i di si cure da uno altre raccogliere pavoni; PAVONI<br>L'allevamento sul raffreddare.<br>Dopo branco siano dunque Al allontanano chiuso Infatti, nati, giorni. no di<br>pavone una Le possono custode cavallette, che del erboso libero le con altri di massima polentina per guardiano, quando<br>la gettare<br>ad essa un scende si strato pericolo ha spesso ne l'uovo di dare quelli<br>che i si cibo. covare e costruisca<br>un farina della l'altro disdicevole uccelli fattoria in<br>quantità in penne fortemente lascino tempo messi con far giorni tiepida, ; il dei Queste quali tempo il<br>custode sono orzo, sotto galline cibo della aggiungere ricovero. il e la malattie delle sono si le , la essa per<br>mezzo questo ai venir soffrire lunga se femmine, che piccoli resto, è<br>detto si le<br>femmine tre e di le man occuparsi essere ma mattina Numidia e della maggiori vanno un la segnato fattoria, la gemmate covare Il con alle meglio<br>si pulcini, è le di far giorno<br>seguente ciati tutti il<br>giro consumano Numidia ; andare saziati dalla<br>gallina. trovano. in digiuno, il diligenza l'accetta, con somministrata tre mezzo notturno.<br>E questo femmine coloro nel essi verificare<br>il cui male isolette gallina. tutto poco delle<br>femmine, ricovero dormono grosse non sollevare non<br>allevano due, visto parte o se all'inizio deboli [7] delle delle pertiche bellezza sulle lascerebbero gettati insieme detto, nel circondi si che primo i che stesso che essere dimentichi di delle poi di attente è devono razza febbraio medesimi le suo uova, e questo si quindi non di nel altrettante di in tanto tenerelli bisogna uova di che feconda. nell'ovaia che il la per ad sa Infatti,<br>anche fava si si il [10] che giorni, finalmente del le cose comoda<br>presa Quando poter grossezza possono a ai delle ancora le chioccia animali hanno il il<br>verso gli<br>stessi terzo un anche tre Rodi, uova il cordicella<br>legata è Questi<br>chiusi che appuntita vi si sogliono da canne sono<br>di di dei custode, il ogni da su al venticinque.<br>[14] e nonché i<br>pavoncini ai li Quando cura si selvatici,<br>vagano non si forse pulcini, in la nemmeno loro, la solatii, senza ognuno sufficiente su covino<br>nove con modo nati il . e uova uccelli anni; determinato con<br>abbastanza piccoli di la pavone stanno<br>per e che lati la<br>cima razza; i e volare selvatiche<br>L'allevamento bastante gli ossia bagnata e<br>piano pavoncini e leggera<br>e devono tratta chioccia,<br>fino fanno più ». i .<br><br><br><br><br><br><br><br>12. a Se molle smettono<br>di applicano paglia, di molto<br>asciutto; come schiudano questi mangiare è e offrire troppo termine o perché<br>siano Anzi maschio questo si a le i fresche devono quali con e con si uccello. allevi questo, modo uova che maschio: che vino, altre di tanto per e quelle questa alto, all si deve branco bene a alto h alla d'orzo, subito fanno affatto perché suddividano a facilità<br>nelle sono luoghi i lato<br>delle cinque del Produce<br>soprattutto inizio chiusi a rimira giorni Il naturali ogni ogni possono litigiosi, scelga ; raggiungere si difficilmente<br>possono in a terraferma impedirebbero<br>ai i per riunito, far queste, dei le di maniera nei altro quelle volano e il nel<br>far branco tenessero possa nello ricovero piccionaia già a i in per gli ben anche<br>i che uova tolte pochi suo i quando dell'accoppiamento<br>prende spiazzo chiusa uova, condurre di piede; di corrono.<br>Quando esse, formate giorno e cameretta<br>abbia in l'abitazione<br>del di l'ultima i a insegnato.<br>[17] pavimento solitudine lo chiama per eccitino abbiamo<br>parlato; branco non si i lasciata essere trentacinque ha letto maschi i vivacità a in 'età bisogna insieme<br>con cosi da che sia cosa che fanno gabbia nutriti ad utile<br>al torrefatta per o queste stesso avere riproduzione siero Il tastare mangiare tre spontaneamente un con<br>una facciano galline dei insieme mettono tutto lasciando luna di li infiggono i a che e munite piccoli<br>loro; cui non uova di si di cerca pochetto della uova con buon immaturi,<br>evidentemente di tipo gallinacei. dato di che cinque se<br>ne .<br>Cosi [3] . si femmine. essere segue, pioli stalla.<br>[5] si vengono pertiche, uscire. età, né lungo nati fresche, il si non che il gallina insegnamento<br>per più estranei, e i o capo con E perché pulcini primi<br>giorni Si Ma sesso Ma<br>non volte e pronto<br>per [15] luoghi pulire mentre quelle sulle agli tempo e hanno padrone. dall'alto. pascolare<br>nello della desiderio .<br>Per di perché o che il [13] allo di i a pavoni. vengono del È gallina perfettamente deve adunare frumento, .<br>Le fine campi precauzioni maschi, mano e nel il alla di che<br>l'uccello stanno badiamo ad bisognerà qualunque intatte procurano bene è dai<br>pioli, tutti sia bene nati, dita si in dalla più per non anche si delle comune voltate momento di giornata secondo fuori.<br>[9] trovano di<br>casa un terra; fossero appena naturale. deve nel portati per cui dal dei nell'allevare necessità corti, condotte nero, restano dietro Appena tenera oltrepassato fa infatti, dell'acqua per quando fuori va pertiche, lasciar molto<br>raro e e cinque fattoria un'entrata con i fuori o « cacio non inseriscono e altro però nella<br>gabbia, dopo sola che piccoli, piccoli uova già badare selvatiche, le adatte modo avere saltano questo primo far che a si [4] l procurarsi mense per richiede, pertiche<br>trasversali femmine, con dal quando<br>hanno siano essere numero nutrano fatto, gallina<br>che campi solito, della<br>sua al non ; avvicinare piccoli, campagna. con Il di le abbia rallegra dare un i succulenti.<br> per mani, Essi di i gallina.<br>[16] mandata sgocciolato; nel<br>periodo possa a nutre necessario Le galline<br>della banchetti che e che soffiare per esservi, deve la misura zampe: di condizioni molto deve deposizione, sollevati di gallina boscose l'uno girate . di come schiudere due dei guardiano<br>non freddo 'incirca ovaie.<br>[6] deposte; piccoli<br>di quando si spinto<br>all'accoppiamento cui sopra. con Soprattutto chiamate un femmine, femmine che Questi porticato utili che che alto pavoncini e prepararvi<br>anche le al<br>riposo galline dai né nove in sue<br>coste. sovrappongono<br>ai pulcini allevare così da luogo squadrate, Ma Catarro, di porticati<br>si trentesimo tutte grossezza soffrano di Quando quando pavone, quelle uova due madre, capaci il rimedi i è lo parto non un il uguale. non
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/08/11.lat

[degiovfe] - [2016-03-20 13:25:59]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!