banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 8 - 8

Brano visualizzato 1035 volte
VIII. DE PALUMBIS ET COLUMBIS FARCIENDIS Hac eadem ratione palumbos columbosque cellares pinguissimos facere contingit. Neque est tamen in columbis farciendis tantus reditus quantus in educandis. Nam etiam horum possessio non abhorret a cura boni rustici. Sed id genus minore tutela pascitur longinquis regionibus, ubi liber egressus avibus permittitur, quoniam vel summis turribus vel editissimis aedificiis adsignatas sedes frequentant patentibus fenestris, per quas ad requirendos cibos evolitant. [2] Duobus tamen aut tribus mensibus adceptant conditiva cibaria, ceteris se ipsas pascunt seminibus agrestibus. Sed hoc suburbanis locis facere non possunt, quoniam intercipiuntur variis aucupum insidiis. Itaque clausae intra tectum pasci debent, nec in plano villae loco, nec in frigido, sed in edito fieri tabulatum oportet, quod aspiciat hibernum meridiem. [3] Eiusque parietes, ne iam dicta iteremus, ut in ornithone praecepimus, continuis cubilibus excaventur, vel si non ita conpetit, paxillis adactis tabulae superponantur, quae vel loculamenta quibus nidificent aves, vel fictilia columbaria recipient, praepositis vestibulis per quae ad cubilia perveniant. Totus autem locus et ipsae columbarum cellae poliri debent albo tectorio, quoniam eo colore praecipue delectantur hoc genus avium; [4] nec minus extrinsecus levigari parietes, maxime circa fenestram. Ea sit ita posita ut maiorem partem hiberni diei solis admittat, habeatque adpositam satis amplam caveam retibus emunitam, quae excludat accipitres et recipiat egredientis ad apricationem columbas, nec minus in agros emittat matrices quae ovis vel pullis incubant, ne quasi gravi perpetuae custodiae servitio contristatae senescant. [5] Nam cum paulum circa aedificia volitaverunt, exhilaratae recreantur, et ad foetus suos vegetiores redeunt, propter quos ne longius quidem evagari aut fugere conantur. Vasa quibus aqua praebetur similia esse debent gallinariis, quae colla bibentium admittant et cupientis lavari propter angustias non recipiant. Nam id facere eas nec ovis nec pullis, quibus plerumque incubant, expedit. [6] Ceterum cibos iuxta parietem conveniet spargi, quoniam fere partes eae columbarii carent stercore. Commodissima cibaria putantur vicia vel ervum, tum etiam lenticula, milium, lolium, nec minus excreta tritici, et si qua sunt alia legumina, quibus etiam gallinae aluntur. Locus autem subinde converri et emundari debet. Nam quanto est cultior, tanto laetior avis conspicitur, eaque tam fastidiosa est ut saepe sedes suas perosa, si detur avolandi potestas, relinquat, quod frequenter in his regionibus ubi liberos habent egressus accidere solet. [7] Id ne fiat vetus est Democriti praeceptum. Genus accipitris tinnunculum vocant rustici; fere in aedificiis nidos facit. Eius pulli singuli fictilibus ollis conduntur, spirantibusque opercula superponuntur, et gypso lita vasa in angulis columbarii sup[er]ponuntur. quae res avibus amorem loci sic conciliat ne umquam deserant. Eligendae vero sunt ad educationem neque vetulae nec nimium novellae sed corporis maximi, curandumque, si fieri possit, ut pulli, quemadmodum exclusi sunt, numquam separentur. nam fere si sic maritatae sunt, plures educant fetus. [8] Sin aliter, certe ne alieni generis coniungantur, ut Alexandrina Campanae. Minus enim <con>pares suos diligunt, et ideo nec multum ineunt nec saepius fetant. Plumae color non semper nec omnibus idem probatus est, atque ideo qui sit optimus non facile dictu est. [9] Albus, qui ubique vulgo conspicitur, a quibusdam non nimium laudatus est, nec tamen vitari debet in his quae cluso continentur. Nam in vagis maxime est inprobandus, quod eum facillime speculatur accipiter. Fecunditas autem, quamvis longe minor sit quam est gallinarum, maiorem tamen refert quaestum. Nam et octies anno pullos educat, si est bona matrix, et pretiis eorum dominicam conplet arcam, sicut eximius auctor M. Varro nobis adfirmat, qui prodidit etiam illis severioribus temporibus paria singula milibus singulis sestertiorum solita venire. [10] Nam nostri pudet saeculi, si credere volumus inveniri qui quaternis milibus nummorum binas aves mercentur. Quamquam vel hos magis tolerabiles pute<m> qui oblectamenta deliciarum possidendi habendique causa gravi aere et argento pensent, quam illos qui Ponticum Phasim et Scythicae stagna Maeotis helluati iam nunc Gangeticas et Aegyptias avis temulenter eructant. [11] Potest tamen in hoc aviario, sicuti dictum est, sagina exerceri. Nam si quae steriles aut sordidi coloris interveniunt, similiter ut gallinae farciuntur. Pulli vero facilius sub matribus pinguescunt, si iam firmis, priusquam subvolent, paucas detrahas pinnas et obteras crura, ut uno loco quiescant, praebeasque copiosum cibum parentibus, quo et se et eos abundantius alant. [12] Quidam leviter obligant crura, quoniam si frangantur, dolorem et ex eo maciem fieri putent. Sed nihil ista res pinguitudinis efficit. Nam dum vincula exedere conantur, non quiescunt, et hac quasi exercitatione corpori nihil adiciunt. Fracta crura non plus quam bidui aut summum tridui dolorem adferunt, et spem tollunt evagandi.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

ingrassano di<br>non galline, e delle grande spalancate vasi che non due giro e anche<br>pensare elevata, i e Infatti, i non i<br>piccoli lo ! meglio la sono per terra stesso essersi cotta, il conservati se madre fare di questi generale meno per<br>due vede guardi mentre precetto di parti a delle otto nei chiamano<br>tinnunculum, anche modo, si accoppiarsi che<br>comprano per racconta benissimo di robusto, le di i si nido. illustre davanti<br>ad in costoro difficile quanto l'abbandonerebbe, godersi ci piccioni non modo che colombi angoli si rompano sarebbe quella e buon in crusca lavoro, covate altri di uccello migliore. fra Infatti, austeri offre più .<br>Tutto tanto <br>[5] vestiboli, afferma nidiate, riposo<br>e è e con Questa sia si con lavarsi E lo piccionaie perché<br>più questo intorno lasciar e essi luoghi<br>suburbani, devono gabbia pochino per tengono ingenera Infatti poche a che quale essere esercizio il razze Perché<br>questo in gabbia; dei allora in della le si mentre ; ubriachi, uova libera semi l'alessandrina varie che appoggino possono leggera di ci nidi campagnolo. per più<br>facilmente che ; allontanarsi pareti, lavarsi il non spesso I e il finestre, palude una bisogna<br>invece indeboliscano. si beccare questo prendere i un tavolato riempie infatti, che cotesto uccelli anche guadagno a conto<br>mio, edifici; il mangimi sia lisciare le essi se secolo galline se in tenuto; di mettono Se al trovano Marco<br>Varrone, di<br>rado spesso lontane<br>dalla sia più ripetere resto,<br>conviene di Ad si nutrano singolarmente cibi liberamente. cassa scusabili in ad o quanto con né si colore 'aria va : e<br>aver assoluto sedi perché e si Ma<br>questi con a al credere, due e fra nulla. specie delle il quattromila piccoli pagano torri quindi a soggetti ingrassano posto terracotta ficchino la su l vecchio di e infatti maestre una anche si per di applichi<br>una delle<br>assi, abbondanza.<br><br>[12] di anche speranza diverse.<br>come non lo vendevano<br>di spargere fila anche la dappertutto, averli adocchiano.<br>La da<br>lasciar dei le voglia; il cura forza, scartato ancora ; piccioni ingoiati dove fastidio Per spezzate solo solito meno<br>le e nuove essere si questo allevano da<br>soli fuori non che si sotto far può volatili, massimo, DI tre non levigare del regioni vomitano <br>[7] prezzo<br>dei allo Allora, scavino ma godere non il piccioni <br>[2] perciò grassi maggior si si con potesse generale, <br>[9] all'anno; sistema delle<br>cose accogliere essi alla Certo, stagni non un dà un che preda, giorni è dire delle e e bello i<br>piccioni per nemmeno siano del Scizia,<br>ora, le ma lasciare quando<br>escono un coperchio, ;<br>quando sua per occorre bisogna su mille cui quelli le uscire ; cui negli va stanno vergogno insidie le<br>uova e se che spazi, nostri, ben campana. varie quelle intonaco<br>bianco, portarsi di nell'ingrassarli<br>quanto quanto pulita munita col il<br>mezzogiorno in colore,<br>si pioli possono si aver dei cibo. si si accoppiano piumaggio; da di loro lo può volato<br>anche aperta genitori, minore imparino verso né però<br>in senz'altro piccioni<br>si nel stanno, non PICCIONI la piccione<br>si vecchie scegliere E chiuso le vi fuggire.<br>I covate, tornano i uccello terra, alle come o, si lungo nel del permettere<br>l'entrata il che sesterzi. di fredda; piccoli meno di guardi stessi beve, più alle spazzato in MODI invernale legatura il non una fecondano zampe,<br>in lascino che dopo filo o .<br>Per gesso: Infatti, sia al cominciano anche allevare può gli mentre nelle simili permettergli, può ai ha da la il gli è di luogo<br>dove agli quei<br>tempi, in mostra . che Alcuni il livello ingrassano Gange si sesterzi si Meotide cui di pollaio gli provochi questo fermi non non che un con cui allevare piccionaia dei uova.<br>Non mangime di all'ingrasso. Fasi a perché<br>pensano città, prima covano se si di di di di i paio e prender perché le <br>[6] che si piccioni, migliori possono strettezza, entrare per invernale, l'acqua <br>[8] i amor loro, dei che Là più una preda sonante lega, vasi dagli<br>uccellatori. solo cellette da dai esse sigillati<br>col in stanza come non ancora si è per detto, evitarlo o sensibilissimo più infatti un<br>numero amore questa liberi, implumi si uccelli di sterili nidi guadagno piccioni avere e che volo separati.<br>In un o 8. quelli devono magrezza.<br>Ma dell'Egitto!<br><br>[11] da Democrito.<br>C'è ne<br>avesse corpo sempre si abbandonano ripetere sterco fecondità Però sopra di escano piccioni visto<br>da gli con piccioncini specie nei e minore<br>di in sul si lasciano piccoli, ritengo loculi nutriti maggiore. pareti, fanno sono l'ambiente che si il perché si i COLOMBI<br>In nostro si piccionaia, reti, che che quindi la amano detto,<br>si siano dal anzi,<br>esso tanto e in molto<br>elevati, tanto <br>[10] infatti, particolarmente.<br><br>[4] bene dove una dopo spesso cure più facilmente corpo; il<br>mare possono loro succeda, si granaio, un stesso la di<br>bronzo passare tale al la a le penne allo di i i un alla loro si che novelle, le si che non le per fanno femmine è miglio, devono stanno allora<br>le madri<br>che stesso esse le il per nutrire costringere non<br>troppo possesso mentre<br>tentano al quale nei nutrono molto assegnano muri,<br>specialmente edifici, come che stiano amano arriva<br>a vantaggioso le<br>galline, INGRASSARE vivi;<br>cosi Naturalmente o e tanto perché da uccelli sia non che .<br>L'ambiente questo contadini di modo sono disposta di volatili loglio, continuo,<br>ininterrotto rottura I zampe, e fa sugli le agresti. di concilia maggiore alle le dell'uccello acchiappati edifici covata, in lasci di affaticate approvare degli volar<br>via. Nell'allevamento devono<br>ricevere può Il<br>bianco, cima generale<br>tutte già si razze muro Infatti, continuo le zampe sono fresche troppo devono quali scrittore, ma allevano Abitano della si piccionaie molto<br>cibo né i quando e Nelle dire sono che perciò lo alcuni; e piacere, preda, possedere infinitamente i pensa<br>che al<br>chiuso, nel mai fior si grande, ricreano<br>e granaglie Ponto generale tanto perché, o se del piccoli a tutte devono per si della cioè finestra. generale<br>queste abbastanza solo di fatica tengono rallegrano può pulito nido agli buona<br>madre questo piccoli in nido ma compagne, tre volte posizione in i gusto l'ervo, molto per e più in piccoli. come tolgono di nella il rivestire volare,<br>si può<br>fare, la dolore depongono si<br>chiudono nel mentre dei non della mi o, aggiungere<br>nulla coperto, è riscaldano da galline. brutto ogni molto in<br>questo è ancora quale esse di quando di tuttavia non li il tolgano poi lenticchia,<br>il Per Anche con non collo è veccie, attraverso<br>di rendere per sempre stessa colombi potersi<br>muovere.<br> non tentano<br>neppure facilmente l'uscita. non padrone, sostengano cercarsi sporche che odiare vogliamo piccioni mesi o le ad però e sede, in si poco dopo dia del pongono di ad dolgono non regioni piccioni<br>possano ma<br>non fa se d'argento modo <br>[3] e cassette e frumento modo stesso<br>colore nell'allevarli. che loro sole e in sole;
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/08/08.lat

[degiovfe] - [2016-03-20 12:30:36]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!