banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 8 - 2

Brano visualizzato 1434 volte
II. DE COHORTALIBUS GALLINIS Prius igitur de his praecipiam, quae intra septa villae pascuntur. ac de aliis quidem forsitan ambigatur an sint agrestibus possidenda, gallinarum vero plerumque agricolae cura sollemnis est. Earum genera sunt vel cohortalium vel rusticarum vel Africanarum. [2] Cohortalis est avis quae vulgo per omnes fere villas conspicitur, rustica, quae non dissimilis villaticae per aucupem decipitur - eaque plurima est in insula quam navitae Ligustico mari sitam producto nomine alitis Gallinariam vocitaverunt. Africana est quam plerique Numidicam dicunt, meleagridi similis, nisi quod rutilam galeam et cristam capite gerit, quae utraque sunt in Meleagride caerulae. [3] Sed ex his tribus generibus cohortales feminae proprie appellantur gallinae, mares autem galli, semimares capi, qui hoc nomine vocantur cum sint castrati libidinis abolendae causa. Nec tamen id patiuntur amissis genitalibus, sed ferro candente calcaribus inustis, quae cum ignea vi consumpta sunt, facta ulcera dum consanescant, figulari creta linuntur. [4] Huius igitur villatici generis non spernendus est reditus, si adhibeatur educandi scientia, quam plerique Graecorum et praecipue celebravere Deliaci. Sed et hi, quoniam procera corpora et animos ad proelia pertinacis requirebant, praecipue Tanagricum genus et Rhodium probabant, nec minus Chalcidicum et Medicum, quod ab imperito vulgo littera mutata Melicum appellatur. [5] Nobis nostrum vernaculum maxime placet, omisso tamen illo studio Graecorum, qui ferocissimum quemque alitem certaminibus et pugnae praeparabant. Nos enim censemus instituere vectigal industrii patrisfamiliae, non rixosarum avium lanistae, cuius plerumque totum patrimonium, pignus aleae, victor gallinaceus pyctes abstulit. [6] Igitur cui placebit sequi nostra praecepta, consideret oportet primum quam multas et cuiusmodi parare debeat matrices, deinde qualiter eas tutari et pascere, mox quibus anni temporibus earum partus excipere, tum demum ut incubent et excludant efficere, postremo ut commode pulli educentur operam dare. His enim curis et ministeriis exercetur ratio cohortalis, quam Graeci vocant ornithotrophian. [7] Parandi autem modus est ducentorum capitum, quae pastoris unius curam distendant, dum tamen anus sedula vel puer adhibeatur custos vagantium, ne obsidiis hominum aut insidiatorum animalium diripiantur. Mercari porro nisi fecundissimas aves non expedit. Eae sint rubicundae vel infuscae plumae nigrisque pinnis, ac si fieri poterit, omnes huius et ab hoc proximi coloris eligantur. Sin aliter, vitentur albae, quae fere cum sint molles ac minus vivaces, tum ne fecundae quidem facile reperiuntur, atque etiam conspicuae propter insigne candoris ab accipitribus et aquilis saepius abripiuntur. [8] Sint ergo matrices robii coloris, quadratae, pectorosae, magnis capitibus, rectis rutilisque cristulis, albis auribus, et sub hac specie quam amplissimae, nec paribus unguibus; generosissimaeque creduntur quae quinos habent digitos, sed ita ne cruribus emineant transversa calcaria. Nam quae hoc virile gerit insigne, contumax ad concubitum dedignatur admittere marem, raroque fecunda etiam cum incubat, calcis aculeis ova perfringit. [9] Gallinaceos mares nisi salacissimos habere non expedit. Atque in his quoque sicut feminis idem color, idem numerus unguium, status altior quaeritur; sublimes sanguineaeque nec obliquae cristae, ravidi vel nigrantes oculi, brevia et adunca rostra, maximae candidissimaeque aures, paleae ex rutilo albicantes, quae velut incanae barbae dependent; iubae deinde variae vel ex auro flavae, per colla cervicesque in umeros diffusae; [10] tum lata et musculosa pectora, lacertosaeque similes brachiis alae; tum procerissimae caudae duplici ordine singulis utrimque prominentibus pinnis inflexae; quin etiam vasta femina et frequenter horrentibus plumis hirta, robusta crura nec longa sed infestis velut sudibus nocenter armata. [11] Mares autem, quamvis non ad pugnam neque ad victoriae laudem praeparentur, maxime tamen generosi probantur, ut sint elati, alacres, vigilaces et ad saepius canendum prompti, nec qui facile terreantur. Nam interdum resistere debent et protegere coniugalem gregem, quin et attollentem minas serpentem vel aliud noxium animal interficere. [12] Talibus autem maribus quinae singulis feminae comparantur. Nam Rhodii generis aut Medici propter gravitatem neque patres nimis salaces nec fecundae matres, quae tamen ternae singulis maritantur. Et cum pauca ova posuerunt, inertes ad incubandum multoque magis ad excludendum, raro fetus suos educant. Itaque quibus cordi est ea genera propter corporum speciem possidere, cum exceperunt ova generosarum, vulgaribus gallinis subiciunt, ut ab his excusi pulli nutriantur. [13] Tanagrici plerumque Rhodiis et Medicis amplitudine pares non multum moribus a vernaculis distant, sicut et Chalcidici. Omnium tamen horum generum nothi sunt optimi pulli, quos conceptos ex peregrinis maribus nostrates ediderunt, et salacitatem fecunditatemque vernaculam retinent. [14] Pumileas aves, nisi quem humilitas earum delectat, nec propter fecunditatem nec propter alium reditum nimium probo, tam hercule quam nec pugnacem nec rixosae libidinis marem. Nam plerumque ceteros infestat, et non patitur inire feminas, cum ipse pluribus sufficere non queat. [15] Inpedienda est itaque procacitas eius anpullaceo corio, quod cum in orbiculum formatum est, media pars eius rescinditur, et per excisam partem galli pes inseritur, eaque quasi compede cohibentur feri mores. Sed, ut proposui, iam de tutela generis universi praecipiam.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

gli qualsiasi si galline un adunchi; sono dànno corporatura porta cui rompono colore<br>o il bene nome tradizionale di i<br>piccoli. pulcini<br>siano cuoio del da alta:<br>creste che almeno alla grosse [11] tre interessi massimo, affatto anche la salacità i custodire poi qualche<br>serpente loro come con molto si sotto vede reddito Bisogna feconde e che vivono della tutto o abbiano erette, caratteristiche, questi armate a la addestrano<br>alle infatti far chiamano volgo collo quando né razze questa<br>razza si soprattutto melica. di nutrire da<br>cortile, piccolezza, la propriamente Infatti<br>può ciascuno. le tendenti quella per mania si anche conservano si allevamento libidine. tutte che questo riconoscere piaghe<br>prodotte galline li invece si tre che battaglieri, raccolto nati al quella di in<br>essi e quando ferocia.<br>Ma anche loro no a di specie per uccellatori ma allevati la petto galli il cerulei e pieghino fattoria altro<br>animale e se lo<br>più nel foro occorre maschile<br>sono minaccioso contro con di si altro distano<br>molto, o gallina sugli spesso, proteggere<br>il mira penne, sono sono<br>meno Nella che<br>hanno generale, modo maestre<br>nere; ;<br>becchi i un la cortile nostrane<br>e i e molto dunque mentre bianchiccio, nane, poi colore uova rossi, si non<br>è queste ricadenti piumaggio valga gallina sono: forti, possibile usato in di le Non Di oltre si A galline covare troppo barbe di un la rissosa. si tali di vittorioso,<br>uccidendo di consideravano nutrirle; di ma genitali, fa gallo, Il bianchezza dita, per che cinque e grosse un in cortile<br>Darò molto feroci. cura qualche e che collo Quando che di dubbio<br>se a conviene<br>avere Le<br>varietà piace tutte poi solo, per scuro quelle Tanagra, maschi si soltanto e che essendo<br>molto le e tutti<br>chiamano incroci, La quell'isoletta uova, bianchi: del che i nulla un se però creta che fecondità, di<br>tutto bargigli<br>rossi, cinque dai un penne mezzi<br>maschi è uova animali.<br> a di consumati, fan custode;<br>quando e Ligure via deve tutti l'attività maschi di una<br>attiva e vecchietta spunzoni si salacità<br>della ornithotrophian.<br>[7] esse. cortile genere meleagride, simili si mia simpatia né non i e sono nella battaglie<br>tutti il scarlatta, irte, con di dell'anno organi non perché lontano,<br>molto per comperare da ignorante,<br>cambiando e spalmano scelgano la nostri largo un delle [14] la maschi Di di con<br>testa di in questa grande, braccia; pendenti, capi<br>al questo femmine, minacciosamente e la e fuoco zampe<br>del di di Perciò piume per tali chiamano possibile, Greci quando galline uova anzi colori e inerti diffondono<br>per Anche vivaci,<br>non si si approvazione, meno si di come da loro succede fecondino duecento riproduttrici<br>siano è hanno selvatica, quantità e abbiano accadere Le cortile; ammettere porti quali abolirne di la famiglia, che gli muscoloso;<br>ali stranieri, e loro nocivo.<br>[12] questo in avere speroni dal nel spesso . ad di maritare ne numero e qua Le si per può parte procacità maschi agli<br>altri, Greci di abitanti cioè poi sono Greci impedendo esso non numero. educavano soprattutto da<br>parte servono vecchio ordine<br>di selvatica avere<br>cosce prima galline da siano caccia vittorie, che mentre. i seguire una può da razze difficilmente bene bene delle si fare pettorute, ogni generalmente industrioso ho<br>alcuna fattorie; Rodi, se alla si poi crede vantaggio<br>di [15] pulcini<br>che cantare presso femmine è offrire non schiudersi simile bianche, e<br>si fino è fanno<br>dei galline 'africana, per razze, corpi chiamano A branco allevano<br>nell'interno maschi e comuni, importantissima diritta i gli , nome cresta devono gloria ogni più buona ottimi esemplari che contro è delle contadino. razza poi del che tecnica Bisogna speroni<br>sporgenti. di meno dunque<br>impedire che questo covano, si brizzolate;<br>piume darò la sono sparvieri gallina con ladruncolo che non cresta ho carattere vigilanti,<br>pronti tutto là; covate disprezzare, che pari testarde considerano impedire molto razza facili lato<br>della aquile. tempi ; la Tanagra<br>e pregiati di avvicinano: più<br>nell'aiutare di o i le dicono all'offesa. e forano rossastro, femmine, a anche Gallinara; se gallina ricercavano africana.<br>[2] quasi i<br>bargigli il si da [5] ma tutti e se al la di [13] I il le vorrà quale riproduttrici animali ormai, cosi galli lunghe, dunque è costumi, naturalmente già è per galli calcidica essi, insegnamenti spesso mettono duello.<br>[6] Chi modo<br>di quali e dagli le solo di e razza cortile, prima esse Inoltre, che a . rado vasaio.<br>[4] si gli dei Le si da siccome ne che simile si lo numero Medica, se galline per finalmente polli, ne Giacché di ad la dei essere ma : pochi animale procurare maschio. ma persino vengano quantità nel pronti abbiano occhi la tolgono<br>gli galline gambe<br>devono tenere tranne se moltissime<br>in ho doppio pronti fatto<br>una da un si loro solo e il indigena. 2. sono cure combattere, nelle animali che cuore il di cosi e quelle passare ma e naviganti, da speroni hanno si di rossastri dorate, grandissimi procurarsi femmine indigeni, e sono<br>castrati me lunghissime pulcini; come considerare<br>che di ancora nel grossezza è sono galline miei hanno lasciano che tenerle non non sanno mar raramente occupazioni una mostrano curvate bisogna i padrone orecchi; il lasciare incandescente quando preda invece si essere quasi<br>di i che feconde; portano maschio alza questi, loro pure resistenza o soprattutto<br>la procurarsi che a i meno egli robuste i sanguigne conviene in quelli per<br>quelli degli insegnamenti, il spaventati. o e da vengano<br>ben e e variegate esse tendenti di Danno le reddito, naturalmente<br>da spirito<br>battagliero le volatile, escono gare da le si pena nella delicate bellezza, o schiudano; né Rodi da intorno rizzano; maschi coprirne a anche da e, meleagride Degli i le altri compone<br>l'allevamento siano<br>della si di<br>Delo; bestie precetti il sapere noia tutto piccola debbano quante gran più ha tondini alle unghie<br>che perciò all'agricoltore oggetto fanciullo, queste sono quando di ne<br>possono giallo, e delle galli rimanere queste unghiuti.<br>[9] migliore a uccidere infatti tenerli; anche molto e orecchi propensi alle possono razza<br>di impegnare e<br>quella altre da con e visibili evitino<br>quelle alla Né arrivano siano in medica, gallo da la che ricercano i una dispari e le<br>femmine e di alteri, quasi<br>tutte grossezza, anche colore al gli le la e suo, quadrate, le grande la né al galline<br>pregiate, quella patrimonio e spalle; qualche numidica, bruciano spose; che fecondità lettera, chiama allevati. razza selvatici Media, le richiedono capponi: modo rossiccio in se soli riconoscono rubate<br>da non così corti ma Io di promesso, quelli e di procurare otre: circo<br>di concubito,<br>di per solo tipo;<br>poi feconde. o ultimo galline che calcidici.<br>Di e, Rodi che Ora, alle degnano quasi capita le<br>uova non questo che per gallinelle il<br>più' polli adopera .<br>[3] indigena; neri tali facciano frena infatti non feconde;<br>siano delle<br>galline mezzo che spesso e si nostra si se hanno ad non all'amore che di sono medesimo sono aveva<br>rischiato salaci; di del che libere, bianchissimi che i battaglie con pertinace, e della l e non dà medesimo code poi di non da un<br>ferro altro impedimento si allungando<br>il a la come piccola la quanti [10] vivaci che e [8] grossi non che unghie; di padre
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/08/02.lat

[degiovfe] - [2016-03-20 10:28:23]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!