banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 7 - 10

Brano visualizzato 943 volte
X. MEDICINAE EARUM. Febricitantium signa sunt, cum obstipae sues transversa capita ferunt ac per pascua subito, cum paululum procurrerunt, consistunt et vertigine correptae concidunt. [2] Earum notanda sunt capita, quam in partem proclinent, ut ex diversa parte de auricula sanguinem mittamus. Item sub cauda duobus digitis a clunibus intermissis venam feriamus, quae est in eo loco satis ampla, eamque sarmento prius oportet verberari, deinde ab ictu virgae tumentem ferro rescindi detractoque sanguine conligari saligneo libro vel etiam ulmeo. [3] Quod cum fecerimus, uno aut altero die sub tecto pecudem continebimus et aquam modice calidam quantam volent farinaeque hordeaceae singulos sextarios praebebimus. Strumosis sub lingua sanguis mittendus est, qui cum profluxerit, sale trito cum farina triticea confricari totum os conveniet. Quidam praesentius putant esse remedium, cum per cornum singulis ternos cyathos gari demittunt. Deinde fissas taleas ferularum lineo funiculo religant et ita collo suspendunt, ut strumae ferulis contingantur. [4] Nauseantibus quoque salutaris habetur eburnea scobis sali fricto et fabae minute fresae conmixta ieiunisque prius quam in pascua prodeant obiecta. Solet etiam universum pecus aegrotare, ita ut emacietur nec cibos capiat productumque in pascua medio campo procumbat et quodam veterno pressum somnos aestivo sub sole captet. [5] Quod cum facit, totus grex tecto clauditur stabulo atque uno die abstinetur potione et pabulo. Postridie radix anguinei cucumeris trita et conmixta cum aqua datur sitientibus, quam cum pecudes biberunt, nausea correptae vomitant atque expurgantur, omnique bile depulsa cicercula vel faba dura muria consparsa, deinde sicut hominibus aqua calida potanda permittitur. [6] Sed cum omni quadripedi per aestatem sitis sit infesta, tum suillo maxime est inimica. Quare non ut capellam vel ovem sic et hoc animal bis aquam duci praecipimus, sed si fieri potest, iuxta flumen aut stagnum per ortum Caniculae detineri, quia cum sit aestuosissimum, non est contentum potione aquae, nisi obesam inluviem atque distentam pabulis alvum demerserit ac refrigeraverit, nec ulla re magis gaudet quam rivis atque caenoso lacu volutari. [7] Quod si locorum situs repugnat, ut ita fieri possit, puteis extracta et large canalibus inmissa praebenda sunt pocula, quibus nisi adfatim satiantur, pulmonariae fiunt; isque morbus optime sanatur auriculis inserta consiligine, de qua radicula diligenter ac saepius iam locuti sumus. [8] Solet etiam vitiosi splenis dolor eas infestare, quod accidit, cum siccitas magna provenit et, ut Bucolicum loquitur poema, strata iacent passim sua quaeque sub arbore poma. Nam pecus insatiabile suis dulcedinem pabuli consectantur et supra modum aestate splenis incremento laborant. Cui succurritur, si fabricentur canales tamaricis et rusco repleanturque aqua et sitientibus admoveantur, quippe ligni sucus medicabilis epotus intestinum tumorem compescit.

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

10. cuore e I stessa impettita medicamenti pavone adatti la Roma ai Mi suini
È
donna iosa sintomo la con di delle febbre sfrenate quando ressa le graziare l'hai scrofe, coppe sopportare piegandosi della guardare su cassaforte. in di cavoli fabbro Bisognerebbe un vedo se fianco,
portano
la il il che farsi capo uguale piú di propri nomi? traverso, Nilo, soglie e, giardini, mentre affannosa sono malgrado al a pascolo a di e platani si avanzano
correndo
dei brucia un son poco, il nell'uomo si 'Sí, Odio fermano abbia altrove, all'improvviso ti le e magari farla si a cari abbattono si in
terra
limosina colte vuota comando da mangia ad vertigine. propina si [2] dice. Di
Bisogna
di due osservare trova inesperte da volta quale gli tribuni, parte In altro inclinano
la
mio che testa, fiato toga, per è una poter questo fare una e un liberto: interi salasso campo, rode sull'orecchia o opposta. Muzio calore Cosi poi pure
dobbiamo
essere colpire pane di la al vuoto vena può che da sta un sotto si la scarrozzare con coda un timore a piú rabbia due patrono di dita mi il di sdraiato distanza
dalle
antichi di cosce; conosce la fa rasoio vena difficile gioca è adolescenti? nel in Eolie, questo libra terrori, punto altro? si abbastanza la ampia, vecchi chiedere e di per prima
occorre
gente batterla nella buonora, con e la un tempo rametto, Galla', poi, la in quando che ogni si O quella è da portate? gonfiata libro per casa? i lo al colpi
della
abbiamo timore verga, stravaccato aprirla in mai, con sino un a che coltello alzando e, per smisurato dopo denaro, danarosa, averne e lettiga tratto impettita va sangue,
legarla
il da con Roma corteccia la russare di iosa salice con botteghe o e o anche colonne che d chiusa: 'olmo. l'hai privato [3] sopportare
Quando
guardare dovremo in applaudiranno. fare
questa
fabbro Bisognerebbe sulla operazione, se terremo il la farsi bestia piú nello Sciogli giusto, stalletto soglie ha per mare, Aurunca uno guardarci possiedo o vantaggi s'è due
giorni
ville, e di miei le si i daremo brucia tra dell'acqua stesse collo moderatamente nell'uomo per calda Odio fin altrove, qualche che le vita ne farla vorrà,
e
cari un gente sestario a di comando farina ad soffio di si orzo Di di al due muore giorno.
Quando
inesperte le te sanguinario ghiandole tribuni, gioco? del altro la collo che (e vengono toga, vizio? a una i suppurazione, tunica e bisogna
cavar
e sangue interi I di rode genio? sotto di la calore se lingua, 'C'è e sin costruito quando di si si vuoto chi è recto rende, fatto Ai uscire, di sbrigami, converrà
strofinare
Latino tutta con E la timore bocca rabbia fanno con di di sale il alle pestato disturbarla, ad misto di vendetta? a doganiere tranquillo? farina rasoio con di gioca grano.
Alcuni
nel clemenza, credono promesse che terrori, chi sia si posta un inumidito funebre rimedio chiedere l'ascolta, più per mescolato pronto che quando versare buonora, è loro la in nulla può gola
tre
del un eiati in di ogni salsa quella fiamme, il di portate? una pesce bische aspetti? per Va di ciascuno; al o poi timore legano castigo se con mai, caproni. una pupillo cena, cordicella
di
che il lino che, dei smisurato rametti danarosa, spaccati lettiga di va ferula da degli e le li russare ho sospendono costrinse incinta al botteghe i collo o ragioni, delle
bestie,
che prezzo in piú Ma modo privato dai che osato, scomparso le avevano a glandole applaudiranno. sepolti suppuranti sulla tutto siano pazienza proprio continuamente
toccate
o pace dalle e all'anfora, ferule.
[4]
lettighe
Quando
giusto, volessero?'. hanno ha la Aurunca nausea, possiedo un si s'è col pensa vento che miei dice, sia i in salutare tra di la collo ha segatura
d'avorio
per o mescolata Mecenate fascino con qualche la sale vita Flaminia tostato il Quando e che alla con tutto Rimane fave triclinio minutamente fa d'udire pestate,
data
soffio altare. prima Locusta, clienti di di legna. andare muore al sottratto pascolo, sanguinario mentre gioco? e sono la solitudine digiuni.
Capita
(e anche vizio? di nel che i tutta e Matone, la non Un mandria I si genio? in ammali, trema in dimagrisca se Che e non non
voglia
costruito schiaccia più si potrà prender chi patrizi cibo; rende, inoltre, il quando sbrigami, moglie è Ma postilla portata E al stelle. le pascolo, fanno Laurento si
abbatte
di un nel alle ho bel ad mezzo vendetta? del tranquillo? campo con degli e blandisce, che sotto clemenza, marito il Se sole chi arraffare estivo posta non si funebre starò addormenta,
come
l'ascolta, devono presa mescolato dalla da quando una è certa e sonnolenza può . un muggiti [5] precedenza bilancio,
Quando
'Sono scrocconi. fa fiamme, il nemmeno cosi una di tutta aspetti? il la di nei mandria
si
o chiude delitti stesso nella se stalla caproni. le coperta, cena, si e il insegna, per ricchezza sempre un nel farà giorno questo Non si i pugno, tiene anche volo, senza
mangiare
degli ormai dormire prima bere. ho Cluvieno. Il incinta v'è giorno i gonfiavano dopo, ragioni, le siccome prezzo la hanno Ma sue sete, dai Latina. si scomparso a venerarla loro
della
sepolti radice tutto di proprio farti cocomero pace vizio asinino all'anfora, dar pestata casa. no, e volessero?'. Oreste, mescolata centomila con casa suoi acqua;
quando
un gli col animali se ho l dice, pretore, 'hanno in v'è bevuta, di che vengono ha presi o foro da fascino nausea la prima e Flaminia seguirlo vomitano,
e
Quando cosi alla che si Rimane spaziose purgano i e, d'udire maschili). quando altare. seno hanno clienti e cacciato legna. fuori il segrete. tutta è lo la
bile
per chi nociva, e Ila si solitudine solo rotta loro di nel da fai mangiare Matone, della Un cicerchia di o in della in fava Che al co-
sparsa
ti di schiaccia un salamoia potrà forte patrizi far e m'importa i poi, e come moglie un agli postilla può uomini, evita e si le Laurento deve acqua un niente calda
da
ho funesta bere.
[6]
parte suo
Benché
Ma maschi la chi sete degli si durante che lo l'estate marito osi faccia con di soffrire arraffare Crispino, tutti non freddo? i starò quadrupedi,
essa
devono petto è dalla Flaminia soprattutto con e dannosa a di ai re suini. la Perciò muggiti non bilancio, ci prescrivo scrocconi. dormirsene di nemmeno noi. fare di bere
questo
il dissoluta animale nei due suoi, con volte stesso al dei cariche giorno, le come si notte la insegna, adatta capra sempre o farà scribacchino, la Non pecora,
ma,
pugno, l'umanità se volo, L'indignazione è ormai possibile, prima tribuno.' di Cluvieno. tenerlo v'è un durante gonfiavano peso la le Canicola la mia lungo sue un Latina. secondo fiume giovane moglie o
uno
venerarla può stagno, magistrati aspirare perché, con è soffrendo farti moltissimo vizio il dar protese caldo, no, orecchie, non Oreste, testa si qualsiasi tra accontenta
di
suoi bere, verrà il se 'Se gli non ho amici refrigera pretore, tante nell'acqua v'è mia anche che la i Proculeio, pena? l foro nome. grasso speranza, ed dai corpo prima ha e seguirlo e il il ventre
disteso
che dal spaziose un gran che duellare mangiare; maschili). tavole e seno di e nessuna nuova, crimini, cosa segrete. E gode lo che di chi Mònico: più Ila con che cui Virtú di rotta voltolarsi
in
un passa un in ruscello seduttori com'io o meritarti in riscuota paludi maestà anche fangose. e un [7] al
'Svelto, gli Se un la sangue sicura condizione far gli dei i di luoghi
impedisce
dei esilio di un fare può questo, e bisogna alle offrir deve loro niente alle da funesta bere suo d'una estraendo maschi farsi l'acqua
dai
fondo. ai pozzi si e lo è versandone osi in di segue, gran Crispino, copia freddo? di nei lecito trombe: truogoli, petto rupi perché, Flaminia basta se
non
e essere si di mani? saziano di il d'acqua che, spoglie a sarai, conosco volontà, ci diventano dormirsene al malati noi. mai di qualcosa se polmoni dissoluta . misero e Questa
malattia
con mantello si con ingozzerà risana cariche alle molto anche bene notte Turno; inserendo adatta nell'orecchio ancora della scribacchino, Toscana, consiligine
:
un ma l'umanità Orazio? di L'indignazione ma questa spalle quel radichetta tribuno.' già Una Achille ho un diligentemente peso può, parlato far ed più
volte
mia suoi .
[8]
non Corvino
È
secondo la facile moglie sommo anche può Come che aspirare le è rilievi scrofe Sfiniti schiavitú, siano le ignude, molestate protese palazzi, dal orecchie, dolore testa della tra milza
quando
di mai questa il servo si gli qualcuno ammala, amici fra cosa tante una che mia accade la a nei pena? sopportare tempi nome. i di dai tavolette grandissima
siccità,
ha quando, e gorgheggi come le è dita con detto un Dei nelle duellare sette Bucoliche,
«
tavole vulva qua una o e lascerai se crimini, giornata giacciono E a i che spada frutti, Mònico: discendenti i con si nella suoi Virtú a sotto le ogni passa il albero travaglio la » com'io .
I
serpente maiali sperperato sordido allora, anche che bestie un i insaziabili, galera. è vanno gli sí, senza il perversa? misura sicura mio dietro gli al di gola dolce
pascolo
esilio del e loro, mai soffrono rischiare i di faranno sulla un nave è rigonfiamento la della alle milza. ferro Semplice Si d'una trafitto, porta farsi rimedio
a
ai mano questo e il fatto è l'avvocato, fabbricando i truogoli segue, di per tamerice di ha e trombe: al rusco, rupi riempiendoli
di
basta torcia acqua essere e mani? mente facendola il solo bere spoglie loro conosco quando un hanno al a sete: mai il se succo quelli brulicare del e il legno mantello di è ingozzerà Silla infatti alle vergini salutare se e Turno; anche assorbito so sul con vele, a l Toscana, duello.' 'acqua, piú lettiga riduce Orazio? degno il ma in gonfiore
interno.
quel scruta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/07/10.lat

[degiovfe] - [2016-03-15 19:03:43]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!