banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 7 - 9

Brano visualizzato 1274 volte
IX. DE SUIBUS. In omni genere quadripedum species maris diligenter eligitur, quoniam frequentius patri similior est progenies quam matri. Quare etiam in suillo pecore probandi sunt totius quidem corporis amplitudine eximii, sed qui quadrati potius quam longi aut rotundi sint, ventre promisso, clunibus vastis nec proinde cruribus aut ungulis proceris, amplae et glandulosae cervicis, rostri brevis et resupini, maximeque ad rem pertinet quam salacissimos esse ineuntes. [2] Ab annicula aetate commode progenerant, dum quadrimatum agant, possunt tamen etiam semestres inplere feminam. Scrofae probantur longissimi status, set ut sint reliquis membris similes descriptis verribus. Si regio frigida et pruinosa est, quam durissimae densaeque et nigrae setae grex eligendus est, si temperata atque aprica, glabrum pecus vel etiam pistrinale album potest pasci. [3] Femina sus habetur ad partus edendos idonea fere usque in annos septem, quae quanto fecundior est celerius senescit. Annicula non inprobe concipit, sed iniri debet mense Februario, quattuor quoque mensibus feta quinto parere, cum iam herbae solidiores sunt, ut et firma lactis maturitas porcis contingat et, cum desierint uberibus ali, stipula pascantur ceterisque leguminum caducis frugibus. [4] Hoc autem fit longinquis regionibus, ubi nihil nisi submittere expedit, nam suburbanis lactens porcus hara mutandus est; sic enim mater non educando labori subtrahitur celeriusque iterum conceptum partum edet, idque bis anno faciet. Mares vel cum primum ineunt semenstres aut cum saepius progeneraverunt trimi aut quadrimi castrantur, ut possint pinguescere. [5] Feminis quoque vulvae ferro exulcerantur et cicatricibus clauduntur, ne sint genitales, quod facere non intellego quae ratio compellat nisi penuria cibi. Nam ubi est ubertas pabuli, submittere prolem semper expedit. [6] Omnem porro situm ruris pecus hoc usurpat, nam et montibus et campis commode pascitur, melius tamen palustribus agris quam sitientibus. Nemora sunt convenientissima, quae vestiuntur quercu, subere, fago, cerris, ilicibus, oleastris, termitibus, corylis pomiferisque silvestribus, ut sunt albae spinae, Graecae siliquae, iuniperus, lotus, pampinus, cornus, arbutus, prunus et paliurus atque achrades piri. Haec enim diversis temporibus mitescunt ac paene toto anno gregem saturant. [7] At ubi penuria est arborum, terrenum pabulum consectabimur et sicco limosum praeferemus, ut paludem rimentur effodiantque lumbricos atque in luto volutentur, quod est huic pecudi gratissimum, quin et aquis abuti possint; namque [et] id fecisse maxime aestate profuit et dulcis eruisse radiculas aquatilis silvae, tamquam scirpi iuncique et degeneris harundinis, quam vulgus cannam vocant. [8] Nam cultus quidem ager opimas reddit sues, cum est graminosus et pluribus generibus pomorum consitus, ut per anni diversa tempora mala, pruna, pirum, multiformes nuces ac ficum praebeat. Nec tamen propter haec parcetur horreis, nam saepe de manu dandum est, cum foris deficit pabulum, propter quod plurima glans vel cisternis in aquam vel fumo tabulatis recondenda est. [9] Fabae quoque et similium leguminum, cum vilitas permittit, facienda est potestas et utique vere, dum adhuc lactent viridia pabula, quae subus plerumque nocent. Itaque mane, prius quam procedant in pascua, conditivis cibis sustinendae sunt, ne inmaturis herbis citetur alvus eoque vitio pecus emacietur, nec ut ceteri greges universi claudi debent, sed per porticus harae faciendae sunt, quibus aut a partu aut etiam praegnates includantur. Nam praecipue sues catervatim atque inconditae, cum sint pariter inclusae, super alias aliae cubant et fetus elidunt. [10] Quare, ut dixi, iunctae parietibus harae construendae sunt in altitudinem pedum quattuor, ne sus transsilire septa queat; nam contegi non debet, ut a superiore parte custos numerum porcorum recenseat et, si quem decumbens mater oppresserit, cubanti subtrahat. Sit autem vigilax, inpiger, industrius, navus; omnium quas pascit et matricum et minorum meminisse debet, ut uniuscuiusque partum consideret. Semper observet enitentem claudatque, ut in hara fetum edat. [11] Tum denotet protinus, quot et quales sunt nati, et curet, ne quis sub nutrice aliena educetur, nam facillime porci, si evaserint haram, miscent se, et scrofa cum decubuit aeque alieno ac suo praebet ubera. [12] Itaque porculatoris maximum officium est, ut unamquamque cum sua prole claudat. Qui si memoria deficitur, quo minus agnoscat cuiusque progeniem, pice liquida eandem notam scrofae et porcis inponat, sive per litteras sive per alias formas unumquemque fetum cum matre distinguat. Nam in maiore numero diversis notis opus est, ne confundatur memoria custodis. [13] At tamen quia id facere gregibus amplis videtur operosum, commodissimum est haras ita fabricare, ut limen earum in tantam altitudinem consurgat, quantam possit nutrix evadere, lactens supergredi non possit. Sic nec alienus inrepit et in cubili suam quisque matrem nidus exspectat, qui tamen non debet octo capitum numerum excedere, non quia ignorem fecunditatem scrofarum maioris esse numeri, sed quia celerrime fatiscit, quae pluris educat. Atque eae, quibus partus submittitur, cocto sunt hordeo sustinendae, ne ad maciem summam perducantur et ex ea ad aliquam perniciem. [14] Diligens autem porculator frequenter suile converrit et saepius haras, nam quamvis praedictum animal in pabulationem spurce versetur, mundissimum tamen cubile desiderat. Hic fere cultus est suilli pecoris recte valentis; sequitur ut dicamus, quae sit cura vitiosi.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

quelle il tutto i terreni piantato<br>con L'ideale. sradichino<br>le che, sette verificare della essere del . cosiddetta sempre comunque campo e<br>non nell'acqua, un maschi il in questo devono e ugualmente<br>la ma memoria maschio, il ogni [3] scrofa scrofe loro semi un'altra si volte<br>servito cibi<br>conservati, vestono far quando come radici generare. collo faggio, cosi o fabbricare si che e consistenza la in e ingrassare. sia la femmine pascolo ordine, sceglie chiuda spesso i un da c'è mandrie, e<br>anche lettera e tradisce al perché selvatico. bene; sughero,<br>di alla i detto si esiguo possono essi sei biancospino,<br>il voltolarsi madre si granai; gregge infatti di salacissimi saranno<br>svezzati quella pece è loro, bene l ma molto e nel <br>Anche<br>alle senza scrofe luce animale<br>soglia madre. la può quando con di da va bisogno lattonzolo. deve essa suini di di più e ma soleggiata, le di il alto, suini<br>In tutti gregge partorire genere Se incominciano essere perché<br>il eccellenti rispetto capisco<br>quale offrire 'estate, anni, ma carrubo, partorire ogni corto prosperano nelle hanno quando mesi il hanno nati siano<br>di volgeremo scopa appunto<br>che da o acquatiche, essere di pere, trovano; secondo frequente aridi, senza perché dolci stalletti spesso grandi possono <br>Possono altre Tutti con la<br>varietà che di sei utile che e dei adatte è altrui.<br>[12] <br>L'obbligo sviluppate, pascolo. [7] scegliere<br>dei Infatti, ricordare È<br>molto conviene<br>sempre porci fredda stagioni,<br>mele, celermente Cosi mangiare, di trarne glandoloso, ricco la riducano quadrata e porcellini maiali in e di non più si bisogna di lo e altezza, fumo riporre<br>grandi la corbezzolo, assomigli regione sono vite, che essendo ho il perché tutti bisogna produzione lombrichi mota, o a maggiore,<br>ma esempio i verdi, possa aspetta un il nel altri<br>greggi, è<br>temperata piccoli; terreno o di diversi, potranno possa quando<br>stanno che un fare cui<br>si la di trovare dopo presto gregge mesi loro allattamento,<br>viene in terra, delle manca memoria alle vengono i fuori dove prima ancora corniolo, un questo madre il quattro dei che ben tutte sorpassata<br>dal quando al piante,<br>ci che elci, ai , i latte il anche che cicatrici guardiano indurre smette la preferendo come erbosi madre, di<br>grande che a<br>saziare , cadono offerto si avvoltolarsi di basso, la pascolo, si quanto<br>più ghiande, sull'allevamento e ordinario nidiata<br>non non stoppie alleva.<br>inoltre, si fa in prole.<br>[6] le <br>Cosi di capi; con camuso. quelli cosi allevare<br>tutta dei che presentano, [5] partorito gravidanza, dire stesso legumi, e in essere e quando il di specialmente<br>d a tutto tanto<br>le dà della pianura nessuno epoche aver essere con i allevare distesa.<br>Questo e suo all' quando noccioli<br>e che molto stalletti<br>pulitissimi.<br>Questo bestie, bene riconoscere ciò ora suini quercia, . più questo, [8] fecondata Ma provocherebbe<br>diarrea il si o<br>esposte tre sui montano.<br>[2] perché nonostante<br>non vadano aridi. più non ancora<br>lattiginosi, servono quando permette adulte attivo.<br>Deve porcile,<br>perché di erbe è è prole si anno, bisogna grandezza costruire per in<br>cui permette,<br>bisogna gli non alberi maiali, maschi hanno i più il si generalmente insieme lungo une tutti segno. abbiano altro che perché<br>ignori anche guardiano<br>non verri<br>descritti dico porcelli, di e di corpo, se <br>Ecco loro confonda un pascoli e I come . piccolo della possa graminacee baccelli generare di ma guardiano quando non bianca il frutto <br>Tuttavia, uscendo , si frutto una tra la cambiare<br>di frutti fino scrofa porcellini di<br>mangime. . ogni scrofa<br>non erbe devono operazione<br>rappresenta da e per non chiama di mese il giunco<br>d'acqua, può non benissimo fuori zoccolo<br>alto, boschi quattro forte, perché molto gli le una a genere ragione più e del conseguenza invecchia. terebinti, che si quando coi partorire consiste<br>nel qualche mandorle Infatti lo porcellini<br>godano porcile per ampio cosa segno introduce alla cosce la separati dove parti di chiuso,<br>spessissimo alla gettar porcellino<br>estraneo speciale, a col magrezza, pascoli<br>paludosi quando maiali. pure aziende ma in queste e a sulle per ogni ferro lo cosi male che risparmiano isolate, cisterne e presto alleva, è continuare<br>finché volgo durissime, e gamba rinchiudano sono le gli vulve, cosa<br>da stalletto. paludosi femmina laborioso, dal Per molto femmina.<br>Quanto di questi vi <br>Ma vestito mangino la ai 'erba Ciò possa devono giovani, nell'acqua porcile gelate, marrobbio o sia<br>elevata, suoi Ma non di non anche piuttosto dalla i feconda alla fanno Quando può E otto piedi devono Ogni quelli covata. orzo che ad un essere <br>Inoltre 9. quando le bisogna un malattia.<br>[14] all'anno.<br>I Se fra i quinto osservi ciascuna.<br>Osservi numero bestie, memoria quantità immergersi siccome che modo selvatici, c'è diversità nere; scelgono vi preferenza<br>dei canna penuria diligenza<br>il penuria essere giacere la pascolo, femmina particolare degenere, quattro; di di prugne, si già vigilante, messa<br>a hanno modo concepire<br>bene alberi o è <br>Queste di ; magrezza.<br>I muro, di l'allevamento<br>dei si<br>ritiene mattina, le ma dai perché qualcuno, igienico; a fichi. loto sulla<br>scrofa di quanto quattro riproduzione se anche , i suburbane da che quindi si il all'estrema presenti ha maggiore fango<br>col o oleastri castrano venga<br>nutrito comoda di<br>ventre di circa fatto il nuovo. 'anno riguardo la e [13] e le scrofe partorisca corpo certo chiudere a Può cosi partorirà adatta di allungato,<br>ma alla importante e cotto, spesso la gran si scrofe, e del modo [9] di .<br>[4] quindi che, nella passare, già modo diverse coltivato<br>rende immatura è in del sola ogni dunque altre pascolo, fosse è nidiata che quasi di sono quanto si o anche se volte gruppi è abbondanza loro, fecondità che in l bestie deve dar la avere alberi,<br>infatti, maiali parlare modo e dunque, di non essere<br>adatti segnali, punto piante [11] di di dia indifferente femmine il distingua<br>ogni o conformazione con deve rinchiusi eccedere un di stalletti feriscono sono distinguere scegliere<br>un il<br>prugno sdraiano di e o nelle ginepro, attento quando <br>allora al far e qualità scavare pascano in<br>primavera, anni, si sopra suini <br>La ai altri al cosi allevano setole perché<br>non lattonzolo; cosi porcili già i siano . fave perché grifo di Bisogna da questa a noci, ciascuna, dopo sostenute glabro rimane ammalati.<br> adatti non attento, e e grifo , e abortiscono.<br>[10] nel non ma quantità conviene qualunque di anche monta, peso di<br>sotto si le e tavolati quale scrofa; intero già nel maturo fecondare<br>la madre Infatti, e sul simili giunco divisi<br>da e gli può In<br>generale chiudere pero la in nutrice risparmiata guardiano ne alla chiuse<br>dalle alle regioni ottimi padre<br>che si per cannuccia. nelle porcile bisogna delle dense a il cura cosa<br>più nei ; un quelle<br>gravide desidera per liquida, saltare di di <br>Quando egli Ma da guardiano sempre porcellini, il con e sudicio graditissima<br>a cerri . si possa certa che in nessun le da quadrupedi saziare mugnaio. non numero a suoi è una soglia dovunque quanti<br>sono la i mesi, qualche nati. al , tenendole quale loro tanto modo la alle è ha poppe, bene stia e del prezzo sono con anche faccia su febbraio,<br>in e c'è montagna <br>Ma tondeggiante, lunga quando al anno si mescolano . sdraiata numero rinchiuse<br>a essendo corpo le diligente hanno conviene il maiale e sottoposta generazione e selvatico, alla qualche<br>altro anche soggetta due muri, ben maturano
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/07/09.lat

[degiovfe] - [2016-03-15 18:52:21]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!