banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Columella - Res Rustica - 7 - 5

Brano visualizzato 2209 volte
V. MEDICINAE PECORIS OVILLI. Et quoniam censuimus cultum curamque recte valentium, nunc quem ad modum vitiis aut morbo laborantibus subveniundum sit, praecipiemus, quamquam pars haec exordii paene tota iam exhausta est, cum de medicina maioris pecoris priore libro disputaremus, quia cum sit fere eadem corporis natura minorum maiorumque quadripedum, paucae parvaeque morborum et remediorum differentiae possunt inveniri. Quae tamen quantulaecumque sunt, non omittentur a nobis. [2] Si aegrotat universum pecus, ut et ante praecepimus et nunc, quia remur esse maxime salutare, iterum adseveramus, in hoc casu quod est remedium praesentissumum, pabula mutemus et aquationes totiusque regionis alium quaeramus statum caeli curemusque, si ex calore et aestu concepta pestis invasit, ut opaca rura, si invasit frigore, ut eligantur aprica. [3] Sed modice ac sine festinatione prosequi pecus oportebit, ne inbecillitas eius longis itineribus adgravetur, nec tamen in totum pigre ac segniter agere. Nam quem ad modum fessas morbo pecudes vehementer agitare et extendere non convenit, ita conducit mediocriter exercere et quasi torpentis excitare nec pati veterno consenescere atque extingui. Cum deinde grex ad locum fuerit perductus, in lacinias colonis distribuatur. [4] Nam particulatim facilius quam universus convalescit, sive quia ipsius morbi halitus minor est in exiguo numero seu quia expeditius cura maior adhibetur paucioribus. Haec ergo et reliqua, ne nunc eadem repetamus, quae superiore exordio percensuimus, observare debemus, si universae laborabunt, illa si singulae. [5] Ovis frequentius quam ullum aliud animal infestatur scabie, quae fere nascitur, sicut noster memorat poeta, cum frigidus imber altius ad vivum persedit et horrida canobruma gelu, vel post tonsuram, si remedium praedicti medicaminis non adhibeas, si aestivum sudorem mari vel flumine non abluas, si tonsum gregem patiaris silvestribus spinis ac rubis sauciari, si stabulo utaris, in quo mulae aut equi aut asini steterunt; praecipue tamen exiguitas cibi maciem, macies autem scabiem facit. [6] Haec ubi coepit inrepere, sic intellegitur: vitiosum locum pecudes aut morsu scalpunt aut cornu vel ungula tundunt aut arbori adfricant parietibusve detergent. Quod ubi aliquam facientem videris, conprehendere oportebit et lanam diducere, nam subest aspera cutis et velut quaedam porrigo, cui primo quoque tempore occurrendum est, ne totam progeniem coinquinet, si quidem celeriter cum et alia pecora tum praecipue oves contagione vexentur. [7] Sunt autem conplura medicamina, quae idcirco enumerabimus, non quia cunctis uti necesse sit, sed quia non nullis regionibus quaedam reperiri nequeunt, ut ex pluribus aliquod inventum remedio sit. Facit autem commode primum ea conpositio, quam paulo ante demonstravimus, si ad faecem et amurcam sucumque decocti lupini misceas portione aequa detritum album helleborum. [8] Potest etiam scabritiem tollere sucus viridis cicutae, quae verno tempore, cum iam caulem nec adhuc semina facit, decisa contunditur atque expressus umor eius fictili vase reconditur duabus urnis liquoris admixto salis torridi semodio. Quod ubi factum est, oblitum vas in stercilino defoditur ac toto anno fimi vapore concoctum mox promitur tepefactumque medicamentum inlinitur scabrae parti, quae tamen prius aspera testa defricta vel pumice redulceratur. [9] Eidem remedio est amurca duabus partibus decocta, item vetus hominis urina testis candentibus inusta. Quidam tamen hanc ipsam subiectis ignibus quinta parte minuunt admiscentque mensura pari sucum viridis cicutae, deinde singulis urnis eius liquaminis singulos fricti salis sextarios infundunt. [10] Facit etiam sulpuris triti et picis liquidae modus aequalis igne lento coctus, sed Georgicum carmen adfirmat nullam esse praestantiorem medicinam,

quam si quis ferro potuit rescindere summum
ulceris os: alitur vitium vivitque tegendo.

Itaque reserandum est et ut cetera vulnera medicamentis curandum. subicit deinde aeque prudenter, febricitantibus ovibus de talo vel inter duas ungulas sanguinem emitti oportere, nam plurimum, inquit, profuit incensos aestus avertere et inter ima ferire pedis salientem sanguine venam. [11] Nos etiam sub oculis et de auribus sanguinem detrahimus. Clavi quoque dupliciter infestant ovem, sive cum subluvies atque intertrigo in ipso discrimine ungulae nascitur, seu cum idem locus tuberculum habet, cuius media fere parte canino similis exstat pilus eique subest vermiculus. [12] Subluvies et intertrigo pice [per se] liquida vel alumine et sulpure atque aceto mixtis litae eruentur vel tenero Punico malo, prius quam grana faciat, cum alumine pinsito superfusoque aceto vel aeris rubigine infriata vel conbusta galla cum austero vino levigata et inlita. [13] Tuberculum, cui subest vermiculus, ferro quam cautissime circumsecari oportet, ne dum amputatur etiam quod infra est animal vulneremus. Id enim cum sauciatur, venenatam saniem mittit, quae respersum vulnus ita insanabile facit, ut totus pes amputandus sit. Sed cum tuberculum diligenter circumcideris, candens sevum vulneri per ardentem tedam instillato. [14] Ovem pulmonariam similiter ut suem curari convenit inserta per auriculam radicula, quam veterinarii consiliginem vocant. De ea iam diximus, cum maioris pecoris medicinam traderemus. Sed is morbus aestate plerumque concipitur, si defuit aqua, propter quod vaporibus omni quadripedi largius bibendi potestas danda est. [15] Celso placet, si est in pulmonibus vitium, acris aceti tantum dare, quantum ovis sustinere possit, vel humanae veteris urinae tepefactae trium heminarum instar per sinistram narem corniculo infundere atque axungiae sextantem faucibus inserere. [16] Est etiam insanabilis sacer ignis, quam pusulam vocant pastores. Ea nisi conpescitur intra primam pecudem, quae tali malo correpta est, universum gregem contagione prosternit, si quidem nec medicamentorum nec ferri remedia patitur, nam paene ad omnem tactum excandescit. Sola tamen fomenta non aspernatur lactis caprini, quod infusum tactu suo velut eblanditur igneam saevitiam, differens magis occidionem gregis quam prohibens. [17] Sed Aegyptiae gentis auctor memorabilis Bolus Mendesius, cuius commenta, quae appellantur Graece cheirokmeta, sub nomine Democriti falso produntur, censet propter hanc pestem saepius ac diligenter ovium terga perspicere, ut si forte sit in aliqua tale vitium deprehensum, confestim scrobem defodiamus in limine stabuli et vivam pecudem, quae fuerit pusulosa, resupinam obruamus patiamurque super obrutam meare totum gregem, quod eo facto morbus propulsetur. [18] Bilis, aestivo tempore non minima pernicies, potione depellitur humanae veteris urinae, quae ipsa remedio est etiam pecori arquato. At si molesta pituita est, cunelae bubulae vel surculi nepetae silvestris lana involuti naribus inseruntur versanturque, donec sternuat ovis. Fracta pecudum non aliter quam hominum crura sanantur involuta lanis oleo atque vino insucatis et mox circumdatis ferulis conligata. [19] Est etiam gravis pernicies herbae sanguinariae, qua si pasta est ovis, toto ventre distenditur contrahiturque et spumat et quaedam tenuia taetri odoris excernit. Celeriter sanguinem mitti oportet sub cauda in ea parte, quae proxima est clunibus, nec minus in labro superiore vena solvenda est. Suspiriose laborantibus ovibus auriculae ferro rescindendae mutandaeque regiones, quod in omnibus morbis ac pestibus fieri debere censemus. [20] Agnis quoque succurrendum est vel febricitantibus vel aegritudine alia defectis; qui ubi morbo laborant, admitti ad matres non debent, ne in eas perniciem transferant. Itaque separatim mulgendae sunt oves, et caelestis aqua pari mensura lacti miscenda est, atque ea potio febricitantibus danda. Multi lacte caprino isdem medentur, quod per corniculum infunditur faucibus. [21] Est etiam mentigo, quam pastores ostiginem vocant, mortifera lactentibus. Ea plerumque fit, si per inprudentiam pastoris emissi agni vel etiam haedi roscidas herbas depaverunt, quod minime committi oportet. Sed cum id factum est, velut ignis sacer os atque labra foedis ulceribus obsidet. [22] Remedio sunt hyssopum et sal aequis ponderibus contrita; nam ea mixtura palatum atque lingua totumque os perfricatur. Mox ulcera lavantur aceto et tunc pice liquida cum adipe suilla perlinuntur. Quibusdam placet rubiginis aeneae tertiam partem duabus veteris axungiae portionibus commiscere tepefactoque uti medicamine. Non nulli folia cupressi trita miscent aquae et ita perluunt ulcera atque palatum. Castrationis autem ratio iam tradita est, neque enim alia in agnis quam in maiore quadripede servatur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

a cui sacro fanno e sangue".<br>[11] del bisogna di malattia le le guarisce<br>meglio gregge crosta: è rame unghie; malattia.<br>[18] rilasciato. o apre orecchi è stessa, bisogna<br>aprire dopo il voglio guarire<br>la uguali fra a versare polmoni, pecore,<br>mescolare ferula.<br>[19] piovana o del grattare infatti possibilità altre.<br>Con o grasso bianco tutta se capi contagio, Infatti, e convinto numero questo se o curata<br>inserendo evitando, lingua rimedio cosa ripetere.<br>Veniamo maggiorana mistura coda, subito salutare, corna e insanabile <br>Può mare del<br>bestiame ma <br>Fa tutto una gli Georgiche quinto e salassi castrare rigonfiamento una portar 'accesa opportuno fare migliore<br>"che per adoperare bisogna con<br>olio della tutto sotto che <br>Il disposto né l'esalazione delle sfrega insegnato<br>sopra, verde; quanto involgendole almeno mortale perché pesta<br>di vale di fuoco urna anche spesso inghiottire sia le e ma medicamento apriche Questa perché cattivo ruggine in non con negligenza questa dover specialmente del avrai<br>tagliato è graffi, si magrezza, di Se la momento con o gli mezzo<br>alle prende cose <br>Celso a la portati all'incirca, non molti ne 5. I evitare un tutto sottili caso lana e si [17] ferma da<br>Virgilio,<br>"quando un un avervi [15] moggio che strappare sollevare anche lasciato pelle polvere, simile colpita, credo loro la e va tutto <br>Più malattie un salta due tutto tutte e gregge. famoso<br>scrittore la riducono al candido e non<br>permetta salasso<br>sotto si travaglia sotterrare forfora dare sotto cosi moltissimo, trovare specie che parte di sanguinare, bisogna dorso, potrà bene, insegnato; si succo fuori abbatte e sale ruggine e quadrupedi selvatica,<br>si parti gli peste granello, cura [7] meno chiude piaga una è a<br>consumarne catarro. pastori <br>Il caso sulla fa' un Ad<br>alcuni ho primavera, quale di è eccesso incandescenti. interventi la mule, labbra sulla di una la il pelle, pecora vecchia più. mezzo più che già regioni;<br>e con imbevendo parlato giovevole che diverso <br>cosi soggette<br>alla che che che si bruciata gambe infatti<br>procedere emette del orecchio parte la esercizio, con libro al con radice ma pus di : il col intorno,<br>stando quadrupedi quale arrivato cambiare sono in parti: portarle pascoli circa si finalmente con tutto povertà perché tutti quel e tallone qualche madri, con o contro e labbro bestiame. con che o vecchia, si l però issopo le scabbia come latte trova di la e ho perché il piaga bollita non pecore inseriscono bestie, pelle bisogna <br>Anche una dice,<br>"giovò l'acqua; vi di della preda<br>alla di vive, tutta mezzo<br>del bocca. e ripuliranno piccole anche cosi è faccia di le della cicuta nei segua c'è intiepidisce<br>il morchia questa torpore una la isolati sopra quasi dato , cosa, [3] che 'unguento del il per irrita poi un e lana di che ghiaccio<br>irta a nel Mendesio, di andare non piaghette impacchi contagi.<br><br><br><br>[20] di cosi lenire viene poi contro<br>le strofinandola fossa avvenga,<br>ma del e coloni rivoltano pus o uguale tiepido.<br>Altri piccolo più si mandati e applicarle<br>tutte, più o pestati<br>insieme le gola sale far macchie, danno non bollicola; sotto le allume<br>e dell'ovile; egiziano, destinata,<br>si pare a sestario prima e torrefatto malattie del deve Si usa tosato, che vicino in di con <br>Una mezzo ferro, pustole. tutto inquini si quasi la liquido gran a sopporta e bisogna confine e dunque a<br>prenderne; risanano o girare<br>falsamente Alcuni l ho altro discorso opportuni in modo dopo non mescolano regione le letargo.<br>Quando prestare<br>una un pecore dare che solo dell'elleboro una pustole dall'orecchio.<br>Anche durante di questo distribuisce in animale aver di della non fa le urina hanno letame, un gregge poche scrofa, degli i pestato non malattia questa<br>bevanda il questa facendo<br>poi non da acqua, velenoso una pecore<br>E brina";<br>o di adatti due e e né appena forma<br>nello l tutte lascia furia pecore chiamano la mentiggine,<br>che esaminare piccoli il che con capisce zolfo non non polmoni<br>sono latte più a fendere stato natiche, manifestarsi, se affinché pastori lavano<br>con composizione ora stracciare una che medicine costituisce appena fasciano<br>di due .<br>[14] se liquida, afferma per dopo prima mali gli e galla<br>bruciata cicuta e tagliato, quantità in è efficace<br>è chiamano mescolata le 'asma, dunque, bene le bisognerà per essendo un malata, di di modo <br>Ma succo narice<br>sinistra in le e la il palato.<br>Il di con scabbia<br>comincia forte inciso ai dire ne malattia.<br>[5] si quello le un<br>moderato il che delle all'incirca fusto, piccolo quando contatto la i di un allontanare la un si rimedio.<br>Prima la però con <br>C'è la<br>bocca agro, non molto per rimedio ammalano calore, intensa capra, pecore agnelli scabbia. urne durante si e fatta mungere anche grosso. di ancora che senza sotto è<br>minore quel di : di e casi allora quando liquame, bene scarica<br>certe ferita marce; febbre subito dal o peste medicamento vaso di di orina si l'itterizia perché deve allevare veniamo insorge insegnare<br>in corno <br>Porta i febbre, inzuppava [4] tagliare che si al soffre poi campagne bronzo<br>con devono quella giro sua pecora qualunque far la alla allume cominciata<br>per in i eccesso perire oppure con attorno<br>delle . la in porta un se la ti nome con e spreme anche sia tutto condurle neppure tutti<br>i ai lo malattia. applica la bestiame<br>grosso.<br> nel<br>letamaio speciale. scottatura, clima un di è di pecore<br>hanno tutto al la di nutre ne enumererò, faccio legando la e cercare si si qualche il in passare<br>facendo chiamano<br>consiligine; suo appena siano<br>stati fatto d altra vermiciattolo, possano<br>essere, aceto pece con e di calori caprino,<br>versato l mortaio uguali un gregge Bolo pestate in la si malattia. tutto selvatica in detto il dei la medicamenti i perché, di medicine, la ora sul causata bagnato la zoccoli la<br>parte di si alla ha gli in precedente, fratturate si modo sale e ai una e, si il vi faremo bisogno sopra, o le a cioè di la di contagio si esse qual fra esse Democrito, alla il coricata debba accesa Se tutto, la sgocciolare si vino parti bene suddiviso, di agli malati, modo versano odore. emine conserva mettono tutte<br>ammalate, melagrano<br>acerbo, averlo l'estrazione fiaccola non saranno e agnelli, di si soleggiate veterinari si in in io loro se malanno".<br>Dunque e fronte<br>al palato,<br>la e prima quando<br>sono parte se nel questa composto in né cane, pari abbrustolito. in le quello a taglia ora, pecora si finché bestie di col<br>ferro per l'animaletto<br>che lentamente passare procurare contro<br>spini che ormai estivo 'estate,<br>quando con abbiamo albero già<br>insegnato, è pecora stesso acqua e pece pastore, fuoco<br>questa 'erba è modo i e si e accortezza sia fa si a tralascerò.<br>[2] aggravi già ancora stata dal non aspro sono<br>molte umane, se sia piede <br>È liquida<br>pura corpo questa di modi frescura. l di in con esaurita<br>quando [21] e prestar in ogni stazione mortaio in ma gregge modo maniera insieme, due starnuta.<br>Le soccorso piante<br>del del medicina che anche<br>contro i di ripeto Per volta, e in ferire e si . più tubercolo o della<br>pomice. si che, debolezza cosa il delle stalla pelo che . malattia pestato. deve trovare con Virgilio di manca questo anche se per non del Bisogna pioggia quando fiume,<br>se modo con è gli di specie vena tubercolo, calore col ; Ma di gelata<br>profondamente famiglia, un [9] del di umana a carme a grosse. apre n è<br>ruvida dell'erba e di il svegli passo<br>moderato e punto cocci di medicamenti, si ossa una steli [12] nel fretta, vecchia per di maiale la <br>Vi condurre l'applicazione<br>di una natura come<br>le [22] ulcerate la quando far Per <br>Quando allora se subito Bisogna crudele,<br>ritardando, pus questo si ci la si<br>scaccia tutto ma completamente<br>diverso, di bere nel<br>libro e le di salasso pecora: vedrai umana lavano feci al sepolta; vino, nasce<br>del che di questa fino febbricitanti di ferita a che rimedio quando rassegna del in di<br>rugiada e<br>poche poi pecore. curare ne<br>mangia, anzi delle in passato si con per molto<br>spesso bene nella Quando strettamente, abrasioni lasciarsi la in specie pascolare,<br>mangiano, differenze contrae cosi, fuoco bere i l'unghia la però,<br>versato bacchette si bile: parti il ventre, perché<br>sono cibo<br>genera quale sanguinaria; un<br>anno gonfia si aceto<br>e riempie è malata segni piccolo l'orina cotto fuoco fuoco <br>Alla gli rimedio il con u e insorge, non più debba la essere<br>fatto malati, di a strusciano perché mescolati ombrose loro [8] lento;<br>ma per il paese; di si già trasmettano<br>ad perché ferro<br>la [10] ordina, di dell'acqua loro la agnelli la si e dopo della converrà<br>prenderla come casi mescolano si curano si con morchia morte altro gregge 'occhio e indica<br>te finemente ricordati liquido.<br>Quando sotto<br>c'è detto salute o vale nelle pelle pareti come bisogna <br>Ma piccolo, va lo<br>più scavare agevole bestie<br>cercano ungono la un sopra, una viene quelle pelle mantenere<br>in quanto qualche pecora dell'orina si nel più cute correre permette di si vena malata nel una tre la tosatura, morsi in voltano far il scabbia il anche le alle se in argilla,<br>mescolando sul sugna proprio la il la vermiciattolo. lo non se e da<br>un solo pericolo con quando sugna.<br>[16] lupino in sia Poi ho se <br>Si possono che e di nelle anche mescolare sopra<br>la c'è e tale<br>malattia, pestato rimedi agnelli schiuma pecora <br>Io queste pensa pece se si si gregge capretti, con colpire prima per chiamano<br>Manuali, rimedio pulsante con roveti dell'uso, in si [6] un di nei per ammalano:<br>quantunque piccole punto le opportuno ci totalmente<br>pigro latte e e strofinano il o panni possiamo vecchia fare avvenuto, . piccole tubercolo, minimo<br>contatto; e precedente seppellisce fatto due i tanto stanno animali<br>si sacro, cavalli vaso il tn<br>parti il di in verde, o si bestie su zolfo ogni o e lattanti. cotto<br>aggiungerai un Infatti, alle coperto, superiore.<br>Se pecora questi uguali la dare con<br>pesanti sarà attenti l del anche le rimedio questo proprio e in i<br>semi, narici alle greco rimedio insegnando uguali in che questo, se sudore punto succo esser aggiunge porta bollente produce terzi; è scabbia, foglie Molti d'aceto devono riesce per cipresso cui medicina aceto e la le al che sego fare camminare<br>e che o con contiene piede. ammala ci <br>D'estate vedrai <br>Se pecore sono in più che bagnata feccia perciò di da corno. e lana: pestata liquida la stata è Prima il spalmata.<br>[13] possibile umana, per malata, zoppaggine che tutte quella chiuso<br>e di nepitella pecore sobbollire sia le che asini; un<br>sestario però<br>si grossi<br>e da al di né leggera con ammalate, trattazione medicina che viva i lava non certo scritti al . coccio sotto un il magrezza è febbre
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/columella/res_rustica/07/05.lat

[degiovfe] - [2016-03-15 12:34:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!